È possibile comunicare con i morti?

Medium, negromanzia... forse non sono gli spiriti a rispondere


Non c'è alcuna possibilità – se Dio non lo permette – di comunicazione dei vivi con i morti. Questo tipo di pratica è un peccato ed è del tutto sconsigliato dalla Chiesa. La maggior parte delle volte è una frode e un inganno da parte di negromanti o medium, e in casi eccezionali e molto rari può perfino presupporre il contatto con demoni. Solo Dio è il Signore dei vivi e dei morti, e in Lui dobbiamo riporre la nostra fiducia, i nostri desideri, le nostre necessità, nell'attesa di incontrare di nuovo i nostri cari già defunti.

1. Che cos'è lo spiritismo, o più in generale la comunicazione con i morti?


La possibilità di parlare con i morti è comunemente nota al giorno d'oggi in Occidente con il nome di spiritismo. La negromanzia è una pratica divinatoria che in origine consisteva nel cercare di conoscere il futuro mediante la consultazione delle viscere dei morti. Questo senso, pur non essendosi perduto, si è ampliato arrivando a significare anche l'invocazione dello spirito di un proprio caro defunto per conoscere ciò che accadrà, il futuro. Senza entrare in ulteriori dettagli etimologici e semantici nelle varie religioni e negli ambiti magici nel corso della storia, questi aspetti non saranno sufficienti a circoscrivere il nostro tema.

In definitiva, alcuni pensano che sia possibile parlare con i morti, perché anche se il loro corpo fisico è decomposto a livello biologico e chimico, il loro spirito o la loro anima immortale mantiene qualche tipo di contatto o possibilità di comunicazione con i vivi.

Ciò si può ottenere in vari modi: usando la tavola “ouija” oppure oggetti magici, attraverso invocazioni e formule magiche, attraverso un canale o un medium – si parla allora di canalizzazione -, mediante uno stregone o un negromante, che esegue gli atti magici e può anche essere posseduto dallo spirito del defunto e dominare il suo apparato fonatorio, con la sua bocca e le sue corde vocali, parlando così attraverso di lui; ancora, può avvenire che lo spirito del defunto domini la mano dello stregone o del medium negromante, facendogli così scrivere messaggi – la cosiddetta scrittura automatica – o altro ancora.

Anche la comunicazione degli spiriti si suppone possa essere diretta, cioè senza il concorso attivo dei vivi, come abbiamo riferito negli esempi precedenti. Si dice così che gli spiriti si manifestano: il loro volto o la loro figura appare in impressioni fotografiche o su vari oggetti e superfici, oppure emettono voci e suoni che possono essere raccolti con oggetti elettronici come registratori (le cosiddette psicofonie); ancora, possono emettere in una banda di frequenza radiofonica e le loro emissioni possono essere sintonizzate, potrebbero chiamare al telefono una persona viva...



2. Perché si desidera parlare con i morti?

Fin dall'antichità, il fatto di voler parlare con i morti può essere ricondotto in generale a uno dei seguenti gruppi, con le variazioni e le sfumature del caso:

Può essere un gioco di adolescenti, soprattutto maschi, che applicano questo tipo di pratiche, soprattutto “ouija” o simili, come modo per consolidare la propria posizione, come prova di coraggio, per curiosità o per la volontà di addentrarsi in ambiti sconosciuti e che possono rappresentare una sfida per rafforzare la propria posizione nel gruppo di amici e coetanei. Può essere anche un divertimento, un passatempo, o una curiosità verso il mondo della morte e ciò che si vede nei film o si legge in certi libri e fumetti.

Il secondo gruppo è il più comune, perché è rappresentato dalla necessità di parlare con il defunto, che in genere è una persona affettivamente vicina, una persona cara, quasi sempre un familiare. Le ragioni possono essere diverse: sapere se sta bene lì dove si trova, necessità della persona rimasta viva di tornare a sentirla da vicino, a volte rimorso, oppure per chiedere perdono per fatti non perdonati durante la vita.

Il terzo caso è diverso dai precedenti. In questo gruppo ci sono infatti coloro che praticano questo tipo di contatti con i defunti perché desiderano accedere alla conoscenza di fatti ignoti relativi al futuro, o a ciò che c'è oltre questa vita. Si tratterebbe di anticipare gli eventi, saltando in modo legittimo i tempi, voler sapere cosa c'è nell'aldilà, usare i morti e il loro potere per conoscere cose occulte o forse utilizzare i defunti per fini di protezione o, quasi sempre, malefici, come provocare danno ad altre persone, forse per vendicarsi di qualcuno.



3. Cosa dice la Chiesa sulla comunicazione con i defunti?



Per conoscere quale sia l'insegnamento della Chiesa si può consultare il Catechismo della Chiesa Cattolica ai numeri 2115, 2116 e 2117. Lo spiritismo attenta contro il primo comandamento della Legge di Dio: il Signore è l'unico Dio, a nessun altro renderai culto, solo lui adorerai, solo lui servirai, non avrai altri dèi all'infuori di Lui. Tra le altre cose si legge:

 “Dio può rivelare l'avvenire ai suoi profeti o ad altri santi. Tuttavia il giusto atteggiamento cristiano consiste nell'abbandonarsi con fiducia nelle mani della provvidenza per ciò che concerne il futuro e a rifuggire da ogni curiosità malsana a questo riguardo”.

“Tutte le forme di divinazione sono da respingere: ricorso a Satana o ai demoni, evocazione dei morti o altre pratiche che a torto si ritiene che 'svelino' l'avvenire. La consultazione degli oroscopi, l'astrologia, la chiromanzia, l'interpretazione dei presagi e delle sorti, i fenomeni di veggenza, il ricorso ai medium manifestano una volontà di dominio sul tempo, sulla storia ed infine sugli uomini ed insieme un desiderio di rendersi propizie le potenze nascoste. Sono in contraddizione con l'onore e il rispetto, congiunto a timore amante, che dobbiamo a Dio solo ”.

“Tutte le pratiche di magia e di stregoneria con le quali si pretende di sottomettere le potenze occulte per porle al proprio servizio ed ottenere un potere soprannaturale sul prossimo - fosse anche per procurargli la salute - sono gravemente contrarie alla virtù della religione. Tali pratiche sono ancora più da condannare quando si accompagnano ad una intenzione di nuocere ad altri o quando in esse si ricorre all'intervento dei demoni. Anche portare amuleti è biasimevole. Lo spiritismo spesso implica pratiche divinatorie o magiche. Pure da esso la Chiesa mette in guardia i fedeli”.




Possiamo completare ciò che dice il Catechismo richiamando San Tommaso d'Aquino, O.P., nella sua “Summa Theologiae”. In San Tommaso si legge che attraverso la virtù della religione la creatura conosce la sua relazione e il suo posto di fronte al suo Creatore, e così lo onora e lo riverisce (S. Th., II-II, q. 81). Tra i vizi contro questa virtù, nel contesto della superstizione e concretamente del culto alle creature – che non devono essere onorate in questo modo –, pone la divinazione per mezzo degli spiriti dei defunti (S. Th., II-II, q. 95).
 Se l'uomo avesse bisogno di conoscere il futuro, Dio userebbe la sua signoria e glielo comunicherebbe per rivelazione diretta, mediante la Vergine Maria o gli altri santi, o nei modi che Egli desidera. Usurpare, o meglio pretendere di usurpare questo diritto è impossibile per qualsiasi persona che non sia Dio. E il tentativo è già un peccato.

È vero che l'uomo può usare i suoi mezzi e le sue capacità naturali per conoscere, studiando le cause naturali, ciò che può avvenire, gli effetti, nell'ordine della natura e del suo ambito. Lo stesso possono fare gli angeli, esseri più perfetti dell'uomo; da ciò deriva il fatto che possano conoscere molte più cose dell'essere umano (S. Th., II-II, q. 172, a. 5).
 Solo Dio, ad ogni modo, può sapere tutto e disporre in modo completo del futuro e di ciò che avviene in Cielo, all'Inferno e nella Creazione naturale – ovvero nell'universo in cui viviamo (S. Th., I, q. 14, a. 13; q. 57, a. 3; q. 86, a. 4). È così perché solo Dio è Signore e Creatore, Unico, Onnipotente e Onnisciente. Dio, inoltre, è la Causa Efficiente di tutto ciò che esiste, e lo mantiene di continuo nella sua esistenza. Solo Dio è l'"Ipsum Esse Subsistens", l'Essere-Che-Esiste-Ed-È-Di-Per-Sé (S. Th., I, q. 4, a. 2). È per questo che solo Dio dispone delle cose e può rivelare il futuro. Nessun altro.

Dio è poi Provvidente, ovvero ordina le cose verso il proprio fine, e il fine ultimo delle cose è il bene divino (S. Th., I, q. 22). Dobbiamo quindi confidare in Lui e non cercare di usare gli spiriti dei defunti per conoscere il futuro.
 San Tommaso d'Aquino dice infine che si pecca con lo spiritismo in due modi: per il peccato di curiosità ("curiositas") – il cui senso è più ampio di quello che intendiamo oggi, perché San Tommaso la definisce come un desiderio disordinato e sfrenato di conoscere le novità (S. Th., II-II, q. 167 a. 1) – quanto alla causa finale, e per il peccato di superstizione – che consiste nel trascendere nel credere, cioè credere più del dovuto – quanto alla causa materiale.


4. Se solo Dio conosce il futuro, che cosa avviene davvero in una seduta di comunicazione con i defunti?



Nella maggior parte dei casi si è davanti a una frode, a un inganno da parte dei presunti medium. Se si parla di suoni, rumori e fenomeni difficili da spiegare, quasi sicuramente le cause, se si indaga su di esse, sono naturali.

A volte può avvenire che persone con problemi psicologici, come in alcuni casi di schizofrenia, possano sentire voci o avere sensazioni molto reali che sono tuttavia false, che avvengono solo nella loro testa, siano esse allucinazioni o deliri. In rarissime occasioni, come dice San Tommaso, può avvenire che siano i demoni a farsi passare per spiriti, mediante suggestioni e operando false apparizioni di persone defunte. Non bisogna dunque vedere demoni in ogni lato, come alcuni interpretano falsamente, perché il fatto che sia possibile non significa che sia ciò che accade di norma, perché in genere si tratta solo di una frode.

Il documento della Conferenza Episcopale della Toscana del 1994 intitolato “Magia e demonologia” afferma che nelle sedute di spiritismo “i partecipanti e i medium (edizione moderna degli antichi negromanti) si prodigano nell'invocazione delle anime dei defunti (ad esempio presunte registrazioni di voci dall'oltretomba); in realtà essi introducono una forma di alienazione dal presente e operano una mistificazione della fede nell'aldilà, generalmente con trucchi, agendo di fatto come strumenti di forze del male che li usano spesso per fini distruttivi, orientati a confondere l'uomo e ad allontanarlo da Dio”.


Lo stesso documento mette in guardia dalla ricerca di “'fatti straordinari e miracolistici', reperibile nello stesso ambiente cristiano; una ricerca che a volte si appella ad un falso misticismo o a fenomeni di 'rivelazioni private', altre volte arriva addirittura a volgersi a riferimenti demonologici, senza alcuna ragionevole verifica e al di fuori di un'autentica maturità di fede”. La Chiesa si è sempre opposta a questo tipo di pratiche, e anche quando è diventato comune praticare sedute di spiritismo si è espressa in questo senso.

Il Sant'Uffizio (4 agosto 1856) ha detto in riferimento alle sperimentazioni di quello che veniva allora chiamato magnetismo, mesmerismo o ipnosi, usato anche per contattare i defunti, che era una pratica illecita: “l'applicazione di principii e mezzi meramente fisici a cose ed effetti veramente sovrannaturali, per spiegarli fisicamente, non è che un inganno affatto illecito ed ereticale […] La malizia degli uomini è tuttavia cresciuta in tal maniera che, trascurando lo studio della scienza e andando in cerca di cose curiose, essi si vantano di avere scoperto un metodo per predire e indovinare, con grave danno delle anime e detrimento della stessa società civile […] Ciò ha dato luogo a che donnicciuole entusiasmate dalle meraviglie del cosiddetto 'sonnambulismo e della chiaroveggenza' vadano dicendo con gesti non sempre verecondi ch’esse vedono qualunque cosa occulta, ed abbiano la temeraria pretesa di dissertare perfino sulla religione, di evocare le anime dei defunti, di riceverne le risposte e di scoprire cose ignorate e lontane, ed è certo che per mezzo della divinazione procurano grossi guadagni ai loro padroni. In tutte queste cose, quale che sia l’arte o l’illusione adoperata, siccome si pretende ottenere con mezzi fisici effetti non naturali, si riscontra un inganno assolutamente illecito ed ereticale, ed altresì uno scandalo contro l’onestà dei costumi”.

Il Sant'Uffizio (24 aprile 1917) dichiarò che non era lecito “con l'intervento di un cosiddetto medium, o senza alcun medium, servendosi o non servendosi dell’ipnotismo, assistere a qualsivoglia manifestazione o locuzione spiritica, anche a quelle che presentano apparenze di onestà e di pietà, sia interrogando le anime o gli spiriti, sia ascoltando le risposte, sia solo guardando, anche col protestare tacitamente o espressamente di non aver nulla a che fare con gli spiriti maligni”.


Non è mai stato dimostrato e non c'è alcuna prova sufficientemente verificata per cui si possa dire che è possibile contattare i morti e parlare con loro ricorrendo a stregoni, negromanti, indovini o maghi di qualsiasi classe. Non è possibile. Malgrado alcuni lo credano, non ci sono prove. La quasi totalità dei casi è costituita da frodi e inganni, come abbiamo affermato. Per questo, sacerdoti come Carlos María de Heredia, S. J., e Óscar González Quevedo, S. J., o scienziati come Dmitri Mendeleyev e Martin Gardner, nonché maghi (prestigiatori, e quindi esperti di trucchi e frodi) come James Randi, tra gli altri, hanno dimostrato ampiamente la frode degli spiritisti e delle loro presunte comunicazioni con i morti.

Dobbiamo quindi avere fede e fiducia in Dio, nella sua Provvidenza, anche nei momenti di oscurità, perché è invece possibile parlare con Dio, pregarlo e far sì che sia Lui a cui rivolgiamo i nostri desideri e le nostre richieste, anche quelli che riguardano persone già defunte, perché solo Lui, Signore dei vivi e dei morti, ha questo potere. Solo Dio.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa15 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni73 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus33 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia5 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco191 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita29 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere86 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità66 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video108 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)