Sulle baby gang


E' il tema del momento: diversi atti di violenza compiuti da baby gang a Napoli (ma non solo), hanno fatto scattare l'allarme e puntato i riflettori su un dramma che non è nuovo e non appartiene solo alla città di Napoli: la cronaca ci mostra come il problema dei ragazzi violenti non sia affatto limitato al Sud, visti i gravissimi episodi verificatisi a Zevio (VR) o a Torino. Napoli ha vissuto una escalation amplificata dai media:
Dieci ragazzi accoltellati da inizio dicembre ad oggi. Minorenni presi a pugni, a calci, accoltellati da altri minorenni. Un ragazzo accoltellato alla gola, Arturo e uno a cui hanno dovuto asportare la milza, aggredito all'uscita della metropolitana di Chiaiano. E ancora 17 rapine in due mesi, nel Napoletano, fatte da una banda di ragazzi fra cui quattro minorenni. Ragazzi che si fanno la guerra nel centro storico di Napoli, ragazzi che il giudice Nicola Quatrano ha legato addirittura ai militanti della Jihad, per quel «filo sottile ed esistenziale» rappresentato «dalla ricerca della morte». (da Vita che prosegue:
Un giornalista (del Corriere del Mezzogiorno) è stato per strada, ad aspettare e osservare: «Ogni occasione è buona per far scoppiare la rissa e lo si capisce da come si scrutano gli uni con gli altri, come se la strada fosse un ring dove battersi. […] Picchiare e farlo davanti a tutti, come in un film, peggio che in “Gomorra”. […] Picchiano anche davanti alle forze dell’ordine, senza paura di essere presi perché nessuno può fermare la furia di trenta ragazzini, che agiscono come uno squadrone militare». E poi come la follia è montata, così si scioglie, con tutti i ragazzi in fuga in direzioni diverse, come dissolti nel nulla. Questa mattina in Prefettura a Napoli c’è stato un vertice alla presenza del ministro dell'Interno, Marco Minniti. Al termine sono stati invitati anche Arturo, il 17enne ferito alla gola prima di Natale, che ieri è rientrato a scuola, e sua madre, Maria Luisa Iavarone, che dal giorno dell'aggressione non ha mai smesso di chiedere il coinvolgimento di tutti e ha lanciato un movimento civico "di madri ferite", che rimettano al centro la questione educativa. 
Viene tirata in ballo la famiglia (esiste veramente una famiglia? dov'è in questi casi? Che educazione viene trasmessa? Quali problemi ci sono all'interno di essa?), la criminalità organizzata (in cerca di manovalanza e capace di attrarre i giovanissimi), lo Stato assente (perchè tanta illegalità, che è sotto gli occhi di tutti, viene tollerata senza reagire?) la mancanza di ideali e di interessi e la dispersione scolastica:  il Rapporto del Ministero dell'Istruzione (Miur) pubblicato il 12 gennaio rileva ancora al 13,8% su base nazionale ma con punte molto più elevate in Sicilia, Sardegna e, appunto, Campania. 
Ancora su Vita si legge:
Dal punto di vista descrittivo queste sono bande di ragazzini molto piccoli, con alcune caratteristiche comuni: fanno parte di famiglie non solo molto povere ma "scassate", con figure materne e paterne deboli o inesistenti, genitori che non hanno prospettive di impiego né formazione, che abitano ai margini di quartieri e comunità già marginalizzate e visti come marginali da quelle stesse comunità. Sono famiglie e ragazzi che vivono ai margini dei margini. Alcuni di questi genitori sono nelle parti basse della criminalità organizzata o vi sono limitrofi, non hanno nessuna consapevolezza di come di educa un figlio, spesso sono disperati perché non sanno come pagare le bollette e le spese, spesso hanno caratteristiche psicosociali complesse. I figli non vanno a scuola, vivono alla giornata e si coagulano in una banda che non è organizzata con una gerarchia stabile, questa è una cosa diversa dalle bande di 17/19enni che vogliono prendere il posto dei boss in prigione: dobbiamo avere l’onestà di dire che si tratta di una cosa nuova, che ancora non abbiamo compreso. È una specie di gruppo informale che se ne sta senza far niente, gira in motorino, tira tardi e a un certo punto gli salta in testa di fare una cosa, un’avventura, e nel giro di pochissimi minuti si attivano e fanno un disastro terrificante, contro un singolo individuato in quel momento, non scelto prima, uno qualsiasi che si sono trovati casualmente davanti. Questi ragazzi possono avere o no armi, coltelli, mazze, catene, agire a mani nude o con i calci, di tutto. In aggiunta diciamo che alcuni - non tutti – possono avere fatto una specie di mix di birre, canne, altra roba chimica... Diciamo che questi sono quindi conglomerati occasionali di ragazzini molto giovani, che vengono dalla marginalità nella marginalità, che non hanno avuto dal punto di vista psicologico alcuna esperienza della frustrazione regolata, della regolazione emotiva e sostanzialmente – non lo dico per giustificarli – non sanno cosa si deve e si può fare e cosa non si deve e non si può fare. Non sono state intercettati da alcuna figura adulta di riferimento: che sia un nonno di buon senso, una nonna accudente, un parroco, un volontario… A un certo momento diventano una bomba che può fare cose terribili. 
Di positivo in questi giorni abbiamo visto che questi episodi hanno suscitato una forte reazione. Non siamo una città che accetta tutto ciò con indifferenza. La città è stata positivamente attiva, ha visto straordinaria mobilitazione di ragazzi e di genitori non dei quartiere bene ma degli stesi quartieri, genitori a loro volta fragili e insicuri che però si sono mobilitati in sostegno della legalità. Una città indignata, molto preoccupata, che ha accolto le vittime, si è schierata al loro fianco, ha preso le distanze da questa minoranza, migliaia di persone che non vogliono essere identificati con queste minoranze. Dalle scuole, dalle parrocchie, dai centri sportivi, si sono fatti sentire, sono reattivi. È una cosa buona, anche se è vero che ci sono parti che hanno paura di parlare.
Anche su La Nuova Bussola Quotidiana si intervista chi lavora per la legalità e lotta contro il degrado:
«Le scuole sono letteralmente invase dai corsi sulla legalità», ma l'esperienza sul campo ci dice che questi progetti «non funzionano con gli ultimi, con chi vive ai margini. Non arrivano a chi avrebbe bisogno di lavorare presto per sostenersi e sostenere famiglie in difficoltà. A chi neanche frequenta il biennio dell’obbligo»...  Quello che sta accadendo oggi è una nuova ‘malattia’ che colpisce i giovani. Una malattia per la quale, abbandonati da tutto e tutti, senza prospettive, covano il non senso, lo nutrono con le fiction e le bravate che devono essere sempre più cattive. È una solitudine disperata...
Queste riflessioni danno risposta anche a Saviano per il quale "solo la scuola può salvare i ragazzi". Certo, prosegue l'intervistato su Vita, le scuole sono importanti, ma 
serve formazione professionale - qui a Napoli manca del tutto - stage nel territorio per imparare un’arte, con un artigiano, al fianco di qualcuno che ti passa un sapere che ti dà identità e di cui puoi vivere. Servono politiche attive del lavoro presso i giovani, non solo la scuola. E poi educatori nel territorio, che seguono le situazioni più fragili e a rischio, che significa le famiglie molto giovani e povere, dando supporto alle funzioni genitoriali e educative, che costruiscano nel tempo centri di aggregazione giovanile dove è possibile vivere “avventure” e “sfide” positive su tutto l’arco dai 10 ai 25 anni: sport regolare, riadattare un locale abbandonato, aprire un’attività con i fondi della nuova legge “Resto al Sud” insieme ai miei compagni, a Sanità sta funzionando. La scuola non basta. Il tutto con risorse certe per i prossimi 10 anni. Ora, tutte queste cose, note da tempo, sono attività strategiche, la condizione necessaria per battere anche questi fenomeni di violenza: bisogna farle, ma sapendo che non sono sufficienti...
Accanto a tutto ciò ci deve essere non tanto un cambio della legge ma la certezza delle sanzioni, anche non penali: il programma educativo deve essere realizzato davvero, la sua esecuzione deve essere seguita e sorvegliata in maniera forte. E se il ragazzo ha bisogno di aiuto specifico perché ha delle sofferenze specifiche, vanno affrontate anche quelle. 
Interviene anche Vino Nuovo scrivendo:
... proprio in questi giorni, la cronaca ci mostra come il problema dei ragazzi non sia affatto limitato al Sud, visti i gravissimi episodi verificatisi a Zevio (VR) o a Torino, che significa Nord, eccome Nord. Questo vuol dire che il problema è italiano, globale. Quindi nostro, di tutti e tutti dobbiamo farcene carico, come diceva don Milani.
Perché sarà anche questione di scarso (scarsissimo) senso dello Stato, carenza di supporti, di adeguati finanziamenti, di scelte politiche (anche se gli ingenti fondi della Cassa del Mezzogiorno sono stati "fagocitati", e alla grande, da mafia e 'ndrangheta, ricordo ancora le parole dell'on. Flaminio Piccoli in visita nella sua città, non proprio ieri), ma non si può sempre delegare ad altri, occorre che ciascuno si assuma la propria responsabilità...
Ma dove stanno le famiglie e le comunità?
Si parla spesso di un ruolo dei genitori da recuperare, ma qui talvolta non sembra trattarsi di recupero bensì di una totale rifondazione. Non occorre invocare, come ha detto qualcuno, un coprifuoco per i ragazzi minorenni, è necessario che le famiglie tornino ad essere tali, vale a dire la prima comunità educativa nel senso più autentico del termine.
E cosa c'è di più educativo della testimonianza di mamma e papà? Non è solo la fede ad essere tramandata, ma anche il senso dello Stato, il senso di appartenenza ad una comunità più grande, il senso del bene comune e della legalità, come insegna la dottrina sociale della Chiesa che invita non solo a costruire la città di Dio, ma anche quella degli Uomini...
Si parte dalla famiglia, prima comunità dove s'impara a balbettare la socialità e la fratellanza: regole ben precise, ma anche tanta solidarietà. La famiglia non è chiusa in stessa, fa parte di una comunità più grande, civile ed ecclesiale e l'azione educativa si allarga, e si condivide. I genitori s'impegnano a esplicare il loro ruolo di cittadini e al contempo di membri di una Chiesa, ma accettano che altre persone possano venire in loro aiuto per quanto riguarda la crescita dei figli.
Spesso si parla di "comunità educante", intendendo anche la scuola e tutti coloro che contribuiscono all'educazione, ma forse oggi occorre davvero compiere un passo ulteriore e giungere a quella "alleanza di tipo civile" che viene invocata da più parti, dove ciascuno si sente responsabile in prima persona.
I genitori potranno dire di aver rinunciato ad una gratificazione personale di vario tipo in nome dei figli, magari anche, se non è troppo gravoso per il bilancio familiare, ad un avanzamento di carriera: l'importante è esserci, e non solo fisicamente ("un padre insegnante che trascorre il pomeriggio chiuso nel suo studio non mi ha dato nulla", diceva uno studente alle soglie dell'Esame di Stato). Ma non basta ancora se pensiamo a cosa significa per una comunità parrocchiale avere dei genitori che si mettono a disposizione nel fine-settimana per tenere aperto l'oratorio, la catechesi o l'animazione dei giovani (coppie di genitori, non solo mamme).
O il valore aggiunto della buona volontà delle persone per la vita di un quartiere o una città. E il concetto di casa si allarga poi fino a comprendere la nostra "casa comune", dice Bergoglio, il creato, il mondo intero con tutti i suoi abitanti. Un mondo da abitare come casa nostra, ma se non abitiamo neanche quella come si fa?
Così di fronte all'attualità del bullismo e dei crimini "per scherzo", ma anche della crisi che attanaglia i nostri giovani come del resto tanti adulti, cominciamo ad allontanare ogni alibi e rimbocchiamoci le maniche. Non è sempre responsabilità di altri (la politica, la Chiesa, il parroco di turno ...), ma innanzitutto "nostra". Non occorre alimentare il numero dei "rancorosi" che ritengono di non aver ricevuto nulla: ma noi che abbiamo dato? Che cosa diamo?
So di aver semplificato alla grande, ma anche un Sinodo sui giovani non potrà risolvere problemi se gli adulti, genitori innanzitutto, resteranno ad aspettare ... che le soluzioni cadano dal cielo, come la neve. Costruire il futuro è un'altra cosa.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini17 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia39 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi75 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid191 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti33 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco195 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto12 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri129 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia41 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa14 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità28 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica51 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere89 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma15 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV17 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino2 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari