V domenica di Quaresima: IO SONO LA RESURREZIONE E LA VITA


Siamo all'ultima tappa del cammino quaresimale (domenica prossima è la domenica delle palme, quella che apre la settimana santa), quella che allude e anticipa la meta: la morte e resurrezione di Gesù.

Chi è LAZZARO? Il Vangelo ci dice poco, ma ci dice l’essenziale: il nome significa “aiuto/amico è Dio”, ha due sorelle, Marta e Maria. Sono amici di Gesù che si ferma a casa loro dove si sente accolto, fra amici speciali.
Lazzaro è “colui che Gesù ama”, come ciascuno di noi (ma ognuno in maniera personale e particolare).

Gesù viene chiamato in aiuto: Lazzaro rischia di morire. Il messaggio delle sorelle è una preghiera di intercessione che sembra non trovare risposta: non sempre Dio agisce come e quando noi ci aspettiamo. Una storiella molto nota può aiutare a capire:
Storiella del naufragoUn uomo è seduto sul tetto della casa sepolta sotto l’acqua a causa di un’inondazione. L’acqua lambiva il tetto quando arrivarono i soccorsi su una barca. Raggiunsero l’uomo a fatica e urlarono: “Buttati nella barca!”. “No”, rispose, “Dio mi salverà”. L’acqua continuava a salire, costringendolo ad arrampicarsi sempre più alto. Nonostante l’impeto della corrente, arrivò un’altra barca. Di nuovo venne scongiurato di saltare dal tetto e di nuovo rispose: “No, Dio mi salverà, sto pregando e Dio mi salverà”. L’acqua continuò a salire e si ritrovò immerso fino al collo. Arrivò un elicottero. Si fermò sopra di lui per issarlo a bordo. L’uomo rifiutò ancora: “Dio mi salverà”. L’acqua continuò a salire e l’uomo annegò. Arrivato in paradiso si lamentò con Dio: “Perché non mi hai salvato?”. “L’ho fatto”, rispose Dio; “ti ho mandato due barche e un elicottero”.
Noi abbiamo un’idea di salvezza e di giustizia e ci meravigliamo che Dio la pensi e agisca diversamente, come nel Vangelo in questione.

Così sia Marta che Maria rimproverano Gesù quando questi arriva in ritardo: “Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto”. Un rimprovero che è anche quello nostro, quando la morte afferra una persona cara: “Perché Signore? Perché proprio lui/lei?...”. Ma Marta ha anche fede: “Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, te la concederà”. E’ convinta che dove c’è Gesù non possa regnare la morte, che Lazzaro sia morto perché lui era lontano.

Marta è chiamata a fare un percorso di fede: crede nella resurrezione finale, ma è ancora una fede vaga. Gesù si presenta come “la resurrezione e la vita: chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno”. Marta si fida: “Si, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo”.

Maria esprime con le lacrime il dolore per la perdita del fratello. Ama Gesù e crede in lui: si inginocchia davanti a lui, ma non dà segni di una fede che possa vincere la sua sofferenza. E’ bloccata da un inconsolabile dolore. Il suo pianto è condiviso dalla gente e dallo stesso Gesù che “scoppia in pianto”, “commosso profondamente”. Ha sentimenti umanissimi che non lo lasciano indifferente al nostro dolore.

Arrivato alla tomba di Lazzaro, chiede prima che sia tolta la pietra che chiude il sepolcro e poi, a resurrezione avvenuta, che gli si tolgano le bende che lo bloccano. Il linguaggio simbolico ci fa pensare al “CUORE DI PIETRA”, alla morte interiore e spirituale, alla pietre che ci bloccano come morti, pietre che sono le paure, i peccati, le abitudini nocive.

Abbiamo bisogno che Gesù
-       ci faccia uscire dalle nostre prigioni (“vieni fuori”). Pasqua = uscita
-       trovi qualcuno che ci liberi da ciò che ci blocca (“liberatelo”)
-       e ci rimetta in cammino (“…e lasciatelo andare”).

La vita è tale solo se siamo liberi e in cammino. E’ una morte se siamo schiavi e fermi.
Vorrei che potessimo liberarci dai macigni che ci opprimono, ogni giorno: Pasqua è la festa dei macigni rotolati. Ognuno di noi ha il suo macigno. Una pietra enorme messa all'imboccatura dell'anima che non lascia filtrare l'ossigeno, che opprime in una morsa di gelo; che blocca ogni lama di luce, che impedisce la comunicazione con l'altro.E' il macigno della solitudine, della miseria, della malattia, dell'odio, della disperazione del peccato. Siamo tombe alienate. Ognuno con il suo sigillo di morte. (don Tonino Bello)
Gesù è resurrezione e vita e non, come potremo pensare, vita e resurrezione: per vivere in pieno (oggi e sempre), abbiamo bisogno di chi ci rialzi da una vita spenta, che si è arresa.

Coraggio, fratelli che siete avviliti, stanchi, sottomessi ai potenti che abusano di voi. Coraggio, disoccupati. Coraggio, giovani senza prospettive, amici che la vita ha costretto ad accorciare sogni a lungo cullati. Coraggio, gente solitaria, turba dolente e senza volto. Coraggio, fratelli che il peccato ha intristito, che la debolezza ha infangato, che la povertà morale ha avvilito.Il Signore è Risorto proprio per dirvi che, di fronte a chi decide di "amare", non c'è morte che tenga, non c'è tomba che chiuda, non c'è macigno sepolcrale che non rotoli via. (don Tonino Bello)

Il Signore Risorto ci liberi dall’idea che la morte sia la fine di una persona, la fine di una relazione: l’amore è più forte della morte e la vita in Dio non ha mai fine.

***

Scrive A. Grun:
L'affermazione di Gesù «Io sono la risurrezione» ha acquistato per me un nuovo significato grazie al romanzo Delitto e castigodel russo Dostoevskij. Dostoevskij ha posto il testo biblico della risurrezione di Lazzaro come motto all'inizio del suo romanzo. Sonja, che è diventata prostituta a causa della sua povertà, legge il racconto della risurrezione di Lazzaro all'assassino Raskolnikov. Nel romanzo Sonja stessa diventa Gesù, che chiama Lazzaro e Io invita a uscire dalla tomba. Con il suo amore, Sonja scioglie il cuore di pietra dell'assassino e risveglia in lui sentimenti dimenticati. Trasforma il prigioniero isolato, pri\ o di rapporti con gli altri, che tratta i suoi compagni di prigionia in modo burbero, poco affabile, in un uomo affettuoso, pieno d'amore. Trovo coraggioso il fatto di aver scelto Sonja, una donna, per incarnare la figura di Gesù. Sonja, la prostituta, vive nella sua vita il mistero di Gesù risurrezione. Di Raskolnikov scrive Dostoevskij: «Egli era risuscitato e lo sapeva, lo sentiva in tutto e per tutto con il suo nuovo essere, lei però — lei sì — viveva soltanto in lui». Quando l'amore di una donna risveglia alla vita un uomo o, viceversa, l'amore di un uomo risveglia alla vita una donna, si ha la risurrezione; in quel momento, diventa evidente cosa intende Gesù quando dice «Io sono la risurrezione». Gesù è la sorgente dell'amore di Sonja, un amore che non si è lasciato intimorire dalla durezza e dal rifiuto, durato anni interi, dell'assassino. Sonja ha percepito nell'amore di Gesù la forza della risurrezione, tanto da riuscire a risvegliare alla vita e all'amore l'uomo chiuso in se stesso, ostile a qualsiasi rapporto con gli altri.
Osserva la tua vita: in qual misura puoi parlare di vita autentica e in quale misura di vuoto e routine? Che cosa rende la tua vita degna di essere vissuta? Quando nella tua vita hai fatto esperienza della risurrezione? Che cosa ti ha fatto uscire dal tuo torpore, risvegliandoti alla vita? Che cosa ti ha fatto uscire dalla tomba della tua paura e della tua rassegnazione? Quando sei risuscitato dalla tua mancanza di rapporti umani? È probabile che in tutte queste esperienze di risurrezione tu non abbia mai pensato a Gesù. Tuttavia - ce lo dice il vangelo di Giovanni - quando risuscitiamo dalla morte alla vita, incontriamo Gesù, anche se non lo vediamo, anche se non pensiamo a lui. Quando nella tua vita si ha la risurrezione, Gesù è in te, Gesù risuscita dentro di te.
(Nuovi volti di Gesù, pp. 114-116)
Icona di Teofane il Greco (1546) – Monastero Stavronikita, Monte Athos - Grecia

La resurrezione di Lazzaro, riferita solo dall'Evangelo di San Giovanni (11,1-45), è letta nell'eucarestia della V Domenica di Quaresima. L'episodio che preannuncia il Cristo che risorgerà, è simbolo, inoltre, della Creazione nuova che sta per sorgere dal sepolcro glorioso del Cristo: tutto si avvererà allorché dal sepolcro si eleverà il Cristo, e con lui e per lui tutti i viventi saranno portati a risorgere. Come nell'evangelo il racconto di questo prodigio arriva alla sua pratica conclusione senza cercare minimamente di soddisfare inutili curiosità su dettagli accidentali così anche nell'icona tutto rimane immortalato nella solennità, come di solito accade nei vangeli. La scena è attentamente riprodotta, ben equilibrata, aderente all'essenziale; ciò che caratterizza questa icona è la densità della composizione e la forza del movimento. Tutto avviene in primo piano: il gruppo dei discepoli stretti l'uno accanto all'altro con Cristo e il gruppo dei farisei; ai piedi del Signore, Maria e Marta toccano il limite anteriore della scena così come l'uomo che a destra che solleva la pietra. Vicinissimo al primo piano si trova Lazzaro ancora nella tomba. I personaggi, longilinei, hanno spiccato carattere individuale: è accentuato lo stupore dei giudei che avanzano lasciandosi alle spalle la muraglia fortificata mentre l'inquinamento dell'aria che fuoriesce dal sepolcro appena aperto può individuarsi da taluni loro gesti di disgusto; gli apostoli che seguono Gesù, al contrario, sono atteggiati nel compiacimento per il prodigio operato dal Maestro; Marta e Maria, nonostante il viso ancora dolente, si prostrano in adorazione; gli operai (uno o due a seconda del tipo di icona) svolgono impassibili l'incombenza loro assegnata di rimuovere la pietra tombale e sciogliere le bende del resuscitato. La pena di Gesù per l'amico defunto è improntata a forza sovrumana: il braccio è teso nel gesto di comando e di benedizione1, mentre la mano sinistra regge un rotolo pergamenaceo2. Il colore della veste di Gesù è rosso sangue (cremisi) che secondo la tradizione è il colore delle vesti del Messia che annienta i suoi nemici (cfr. Is 63,1-3); così come il mantello che mettono sulle spalle di Gesù durante la passione (cfr. Mt 27,28), perché significa la vita che il Salvatore porta agli uomini con l'effusione del suo sangue (Una parte delle vesti dei martiri è ugualmente rossa, simbolo del sacrifìcio della loro vita).
Lazzaro, ancora compresso dalle bende torna alla vita; il capo emergente dalla fasciatura esprime nella fissità dello sguardo un misto di angoscia per la morte subita e di riconoscenza per l'Amico liberatore. L'icona manifesta la venerazione tributata a Lazzaro, dalla tradizione orientale, nel presentarlo unico, tra i personaggi dell'icona, insieme con Gesù con il capo nimbato. La nota dominante di questa scena è il movimento delle rocce: il monte con due cime, dietro le quali si trova una fortezza appena visibile, contrasta persino con la quiete della rappresentazione. Le masse di pietra si innalzano con leggerezza per volgere le loro cime in una curva in forma di «S»verso lo spettatore. Si ha così l'impressione che giungano in primo piano, come i personaggi. Le forme strane delle rocce e gli altri elementi accennati nella descrizione generale dell'icona (cfr. ad es. tutti i personaggi in primo piano, mancanza di profondità, mancanza di proporzioni, ecc.) ci dicono che tutto è dovuto alla prospettiva inversa. Il principio della prospettiva inversa è semplice: le linee di questa prospettiva non si incontrano in un punto di fuga situato dietro il quadro (come per la prospettiva lineare), ma situato davanti davanti ad esso. In realtà non si può parlare di un sistema con un solo punto di fuga situato nello spettatore, perché nelle icone vi è raramente un solo punto di convergenza e sovente ogni oggetto rappresentato ha una sua propria prospettiva. Analogamente non vi si trova la scala delle altezze che, nella prospettiva lineare, ha la funzione di rappresentare l'estensione dello spazio. Sovente gli oggetti non sono posti in ordine di distanza e dì dimensioni, ma sono posti secondo un principio di composizione e secondo il significato di tali oggetti nella scena rappresentata. Pertanto non vi è profondità all'interno della rappresentazione: lo spazio è ridotto, si estende verso lo spettatore. In tal modo le linee di forza sono invertite: vengono avanti dall'interno dell'immagine verso lo spettatore. In tal senso l'icona è il contrario di una pittura del Rinascimento: non è una finestra attraverso la quale lo spirito umano deve penetrare nel mondo rappresentato, ma è un luogo di presenza. Nell'icona il mondo rappresentato irradia verso colui che si apre a riceverlo: nella prospettiva inversa è attivo lo spazio, non colui che guarda.
1 -Il gesto della mano benedicente racchiude al tempo stesso l'insegnamento della verità eterna del Dio in tre persone e indica la misericordia divina incarnatasi nel verbo.
Così insegna a rappresentare la mano di Cristo il Manuale di pittura del Monte Athos: «Allorché raffigurate la mano benedicente, non unite insieme le dita, ma piegate il pollice verso il quarto dito, di modo che il dito indice resti diritto e il terzo, il medio un pòcurvatoaformareilnomediGesù (IC).
Infatti il 2° dito indica una I (iota) e il terzo forma una C (sigma). Il pollice verrà incrociato con il quarto dito, e il quinto sarà a sua volta un pò curvo a formare il nome di Cristo(XC); infatti l'incrocio del pollice e del 4°ditoforma laX(chi),e il mignolo una C(sigma).
Così, perla divina Provvidenza del Creatore, le dita della mano dell'uomo, di varia lunghezza, sono disposte in modo da poter rappresentare il nome del Cristo».
2 -L'Ermeneutica della pittura così prescrive: «Cristo, in piedi di fronte (a Lazzaro), con una mano lo benedice e con l'altra tiene un rotolo sul quale è scritto: "Lazzaro, vieni fuori"».
 

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto20 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti46 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante5 Ammaniti1 Amore73 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima3 animazione6 Anniversari28 Anno liturgico1 anziani6 apologetica3 app3 apparizioni4 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli20 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo4 Atenagora1 Attanasio1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang2 baciamano1 Baggio1 bambini18 Bannon1 Banzato1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo4 Battesimo di Gesù3 Battiato1 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI21 benedizione3 Benigni9 Bianchi52 Bibbia41 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia3 blog23 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi31 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi83 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo2 CEI5 Celentano1 celibato7 Ceneri5 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich11 Chiara Luce Badano2 chierichetti1 Chiesa23 Chiesa e società26 Chittister1 chosen1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema78 Cirinnà1 citazioni77 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus35 Corpus Domini5 Corviale1 Corvo1 Cosentino5 covid196 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi8 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 ddlzan2 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni3 dialogo2 dibattiti40 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso28 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi3 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare17 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco11 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia38 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini4 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco212 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia6 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender12 genitori6 Gerusalemme1 Gesù24 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani66 Giovanni Battista2 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG8 gnosticismo1 Gramellini2 gregoriano1 grest10 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata6 immagini52 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet10 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura5 letto14 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri142 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia47 Livatino1 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio4 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia5 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 Mainetti1 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Manara1 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco1 Marco Gallo1 Maria44 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri5 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.7 Mazzolari7 media2 meditazioni2 Medjugorje10 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa15 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli4 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 movimenti1 Muller2 Musica34 Nadia Toffa1 Natale46 Natuzza1 Negri1 Nembrini5 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena4 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie157 omosessualità30 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace6 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme4 Palumbo2 pandemia7 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita36 parrocchia5 Pasqua28 passione6 pastorale29 paternità4 Pati Trigo1 patria1 Patriciello14 paura1 peccato originale2 pedofilia17 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche79 Poli1 politica53 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere96 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni43 Quaresima42 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani3 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report2 Riace1 Riccardi7 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma19 Romero2 Ronaldo1 rosario9 Rosini27 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti28 sacramenti5 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe9 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo7 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi26 santità12 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano3 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma2 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri2 serie TV22 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa4 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo13 Siti cattolici27 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social3 società44 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Soul1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità73 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming7 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore2 sussidi38 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze18 Theobald1 Tolentino4 Tolkien1 Tolomeo1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale15 Trinità9 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV24 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze2 Valli4 Vallini1 Vangeli1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video117 Viganò3 vignette10 virtù1 visto9 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)