LA PASSIONE: UN AMORE IN CRISI?

Da "Il Vangelo dell'amore" (Youcanprint, 2015) di p.Stefano Liberti
Una delle cose che impressionano di più chi contempla il volto della Sindone è lo sguardo sereno che emana: mostra un uomo che ha subito flagellazioni di ogni tipo ma che mantiene un aspetto che non fa trapelare alcuna sofferenza o segno di vendetta e mostra, come fosse solo addormentato, il compimento di una vita spesa per amore. É l’uomo della passione. Passione nel nostro vocabolario non è solo il termine atroce della sofferenza che spontaneamente applichiamo a quella vissuta da Gesù, ma passione è anche l’amore più intenso che lega due persone o lo stile con cui si fa qualcosa in cui ci si mette cuore, testa, energia, tempo, vita. Dalla Sindone traspare un amore tenacemente e gratuitamente offerto; un amore fragile e disarmato; un amore rivolto verso tutti, anche verso i nemici che lo hanno messo a morte.
Gesù viene inchiodato alla croce, senza opporre la pur minima resistenza. Viene deriso, insultato, provocato, lasciato solo dai suoi. Eppure dal suo cuore esce ancora amore: “Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno” (Lc 23,34).
Colui che durante il processo «non aprì la sua bocca» e, spogliato delle sue vesti, si rivestì di sacro silenzio ora che è reso del tutto impotente ed è là sospeso tra cielo e terra, inchiodato e senza alcuna difesa, in una disfatta che sembra totale, ora egli parla. E la prima parola che udiamo da lui sulla croce è perdono, vale a dire «per-dono», dono al superlativo, dono di quell’amore che l’ha spinto lì: «Padre, perdona loro perché non sanno quello che fanno». Commenta l’abate Elredo di Rievaulx: «’Padre’, dice, ‘perdonali’. Che cosa si poteva aggiungere di dolcezza, di carità a una siffatta preghiera? Tuttavia egli aggiunse qualcosa. Gli sembrò poco pregare, volle anche scusare. ‘Padre, disse, perdona loro perché non sanno quello che fanno’» ( Specchio della carità III,5)[1].
LA CROCIFISSIONE: TALAMO NUZIALE?
Il talamo è il letto nuziale, il luogo dove i coniugi riposano, dialogano e “consumano” il loro amore. Giunta l’ora del supremo sacrifico, Gesù sale sul Calvario in obbedienza al Padre, si distende sul ruvido talamo della croce, si lascia inchiodare ed elevare da terra. Con le braccia aperte unisce simbolicamente a sé tutti gli uomini e offre a loro una concreta immagine visibile del suo amore nuziale.
La Croce è il segno massimo della fedeltà di Dio ed è il segno massimo della nostra infedeltà. Il segno massimo del suo amore, il segno massimo della nostra cattiveria.
É nel mistero della Croce che si rivela appieno la potenza incontenibile della misericordia del Padre celeste. Per riconquistare l’amore della sua creatura, Egli ha accettato di pagare un prezzo altissimo: il sangue del suo Unigenito Figlio. La morte, che per il primo Adamo era segno estremo di solitudine e di impotenza, si è così trasformata nel supremo atto d’amore e di libertà del nuovo Adamo. Ben si può allora affermare, con san Massimo il Confessore, che Cristo “morì, se così si può dire, divinamente, poiché morì liberamente” (Ambigua, 91, 1056). Nella Croce si manifesta l’eros di Dio per noi. Eros è infatti - come si esprime lo Pseudo Dionigi - quella forza “che non permette all’amante di rimanere in se stesso, ma lo spinge a unirsi all’amato”[2]. Quale più “folle eros[3] di quello che ha portato il Figlio di Dio ad unirsi a noi fino al punto di soffrire come proprie le conseguenze dei nostri delitti?[4]
L'unica prova che renderebbe credibili le sue pretese è di salvare se stesso. E questa è la sfida che lanciano contro di lui: “Salva te stesso” (Mt 27,40). Gesù non accetta la sfida, perché non vuole identificarsi con il loro schema messianico, neppure per rendersi credibile. Non sfrutta le sue potenzialità per il suo tornaconto. Nel rimanere sulla croce i presenti non vedono il dono di sé, ma l'impotenza, come esplicitamente dicono i sacerdoti: “Non può salvare se stesso”. Non pensano che Gesù possa essere un Messia che non scende dalla croce per amore. Il suo stare sulla croce non è impotenza, ma libero dono, e il silenzio della croce mostra che il Dio di Gesù Cristo fa i miracoli, ma non salva il mondo con la potenza dei miracoli, bensì con la generosità dell'amore, che giunge al dono di sé.
Cristo stesso si è trovato in balìa della solitudine, del silenzio; si è sentito abbandonato, lasciato a se stesso dentro l’umiliazione della morte in croce, appeso sul legno come un malfattore qualsiasi. In un certo senso, Cristo ha vissuto e attraversato tutte quelle situazioni drammatiche, anche le più estreme, che squartano il cuore dell’uomo e segnano l’esistenza umana. Le ha attraversate emergendo alla luce, alla Vita vera. Per questo, dopo di lui, nessuna notte è così notte, nessun buio è così buio. Ogni uomo, per quanto viva situazioni angosciose, finisce per trovarsi dove Cristo è già passato, così può sempre incontrarlo. Quando l’uomo arriva al fondo più fondo senza nessuna via d’uscita, si imbatte in Cristo che ha attraversato il baratro della morte e dell’angoscia, pronto a stendere la mano verso di lui. Anche nel mondo della tenebra Cristo affianca l’uomo come il buon Samaritano per soccorrerlo e sostenerlo[5].
É giunta l’ora che il figlio dell’uomo sia glorificato” (Gv 12,23). É l’ora della Croce! È l’ora della sconfitta di Satana, principe del male, e del trionfo definitivo dell’amore misericordioso di Dio. Cristo dichiara che sarà “innalzato da terra” (v.32), un’espressione dal doppio significato: “innalzato” perché crocifisso, e “innalzato” perché esaltato dal Padre nella Risurrezione, per attirare tutti a sé e riconciliare gli uomini con Dio e tra di loro. L’ora della Croce, la più buia della storia, è anche la sorgente della salvezza per quanti credono in Lui.
AMORE E CROCE
La morte non è stata introdotta dal peccato umano, ma è parte della vita, evento ineludibile, ma non finale. Il peccato l’ha resa esperienza di lutto, angoscia, separazione dolorosa, fonte di paura.
Non è la morte un male, bensì il nostro modo di concepirla. Il suo pungiglione, che ci avvelena l’esistenza, è il peccato (1Cor 15,56). Se faccio del mio io il mio dio, principio e fine di tutto, allora per me la morte è la fine di tutto. L’uomo, essere corporeo, è delimitato dallo spazio e dal tempo: occupa un certo luogo per un certo numero di giorni. Ma il limite del suo spazio non è luogo di lotta, bensì di alleanza con gli altri; il limite del suo tempo non è la fine di tutto, ma la comunione con il suo principio. É l’interpretazione più bella, l’unica ragionevole, della vita e della morte[6].
L’unica preoccupazione riguardante la “sorella” morte, è per San Francesco quella espressa da una sua nota preghiera: “Signore, concedimi di morire per amore tuo come tu sei morto per amore dell’amor mio”.
La morte, compresa e vissuta quale uscita da sé, quale dedizione totale di sé, costituisce un’esigenza interna della persona che ama veramente. (…) Cristo ha voluto affrontare la morte come atto d’amore per la sua Sposa/ Umanità. Così facendo, Dio non è venuto meno al suo progetto iniziale: condurre ogni umana persona alle nozze con sé[7].
La croce è l'ora del massimo amore; è quindi l'ora in cui è possibile conoscere Gesù, in cui è possibile vedere il suo vero volto, in cui è possibile capire che Gesù è Dio e Dio è amore e l'amore è dono infinito di sé. Sulla croce Gesù compie la sua piena donazione: si spoglia di ogni cosa per donarcela. Ci dona il suo perdono e la sua giustificazione, poi sua madre perché d’ora in poi diventi anche nostra madre[8], poi il suo stesso rapporto col Padre, che sembra perdere in quel grido angosciato: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato”. Infine il suo stesso Spirito che, nell’atto del morire, dona a noi consegnandocelo (“E, chinato il capo, consegnò lo spirito”, Gv 19,30).
La sua morte è una semina, nella quale il seme deve cadere a terra, essere sotterrato, morire come seme e dare origine a una nuova pianta che moltiplica i semi nella spiga. Così Gesù legge la propria e la nostra morte: è necessario morire così per dare frutto. È una legge biologica, ma è anche il segno di ogni vicenda spirituale: la vera morte è la sterilità di chi non dà, di chi non spende la propria vita ma vuole conservarla gelosamente, mentre il dare la vita fino a morire è la via della vita abbondante, per noi e per gli altri.
Dal costato di Cristo trafitto dal soldato scaturisce sangue ed acqua, simboli dei sacramenti dell’Eucaristia e del Battesimo che ci rendono figli nel Figlio, creature amate e “sposate” da lui. Il costato inoltre richiama quel torpore fatto scendere da Dio su Adamo per togliere una sua costola e formarvi la Donna-Eva.
Cristo – quale nuovo e definitivo Adamo -, mentre viene trafitto al costato, fa uscire da sé quella pienezza di vita e d’amore, quella potenza amante dello Spirito che plasmano la nuova Donna che Cristo ha già posto e contemplato accanto a sé. Allora il primo “storico” Adamo era stato fatto sprofondare in un misterioso sonno di morte per permettere a Dio di prendere da lui la costola per plasmare/costruire Eva, “carne della sua carne”. Adesso Cristo, ultimo Adamo, calato nel sonno di morte, si lascia trafiggere al costato perché, col dono estremo di sé e della sua vita, venga formata la Donna-Sposa-Chiesa[9].



[1] A.M.Canopi, Le sette parole di Gesù in croce. Meditazione e preghiera
[2] Pseudo Dionigi, De divinis nominibus, IV, 13:PG 3, 712
[3] N. Cabasilas, Vita in Cristo, 648
[4] Benedetto XVI, Messaggio per la Quaresima 2007
[5] G. Mazzanti, Uomo donna mistero grande, p.92
[6] S. Fausti, Una comunità legge il vangelo di Giovanni, p.211
[7] G. Mazzanti, Uomo donna mistero grande, p.28-29.
[8]É nell’evento della morte del Cristo in croce che Maria viene resa “Donna” e “Madre”. Madre anche di quella moltitudine di figli rappresentata dalle tre lingue in cui è scritta la condanna a morte di Gesù Cristo. Le tre lingue – greco, latino ed ebraico – stanno come a rappresentare l’umanità nel suo complesso, quasi a dire: tutti gli uomini, di qualunque nazione e lingua, nati da Cristo e da Maria, sono chiamati alle nozze con il Signore”. G. Mazzanti, Uomo donna mistero grande, p.64.
[9] Idem, p.66. Scriveva Giovanni Crisostomo: “Dal fianco di Cristo fu formata la Chiesa, come dal fianco di Adamo fu formata Eva (…). E come allora prese dal fianco durante il sonno, mentre Adamo dormiva, così ora, dopo la sua morte, diede il sangue e l’acqua. La morte è ora ciò che fu allora il sonno. Vedete come Cristo ha congiunto a se stesso la sposa?”, Catechesi battesimali, 7,17-18.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa15 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni73 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus33 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia5 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco191 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita29 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere86 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità66 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video108 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)