Animatori di grest (materiale utile per la formazione)

TEMI fondamentali:
  • - CHI E’ L’ANIMATORE (motivazioni, ruolo educativo, doveri, obiettivi);
  • - CHI E’ IL DESTINATARIO (il bambino, le problematiche, le attenzioni da avere, le cose da evitare);
  • - IL GRUPPO degli ANIMATORI (l’affiatamento, la collaborazione, l’organizzazione e la struttura interna, il rispetto e la verifica);
  • - IL GIOCO (importanza, attenzioni, suggerimenti, rischi);
  • - LA PREGHIERA e i messaggi educativi;
  • - GLI ALTRI STRUMENTI DI ANIMAZIONE: ballo, teatro, scenografia, laboratori;
  • - ALTRO (rapporto con gli altri operatori adulti e con il responsabile; in piscina e/o in gita; a mensa…) 
I DOVERI degli animatori

1- NON SONO IL CENTRO DEL MONDO (almeno per tre settimane)
Ovvero: prima del mio divertimento viene quello dei bambini !
- farò di tutto per coinvolgerli e aiutarli ad inserirsi nel gruppo;
- starò particolarmente attento ai bambini con difficoltà evitando preferenze vistose;
- gli animati vanno spronati, ma non tiranneggiati: va' usata pazienza e dolcezza.
- attenzione a non prenderli in giro.
- non si potrà mai giustificare un comportamento violento o intimidatorio.

2- ANCHE SE NON SONO BELLO SONO UN MODELLO (PER I BAMBINI !)
Ovvero: i bambini imitano il mio comportamento!
- niente parolacce o volgarità !
- se mi dovesse capitare di bestemmiare forse è il caso di rinunciare a fare l’animatore!
non si fuma davanti ai bambini e ragazzi. Eccezionalmente potrò allontanarmi (nei momenti liberi) per fumare, ma facendo attenzione a non farmi vedere, a sbrigarmi, a non essere in più di 2 alla volta.
- se fumo cose pesanti (anche se son chiamate droghe “leggere”) forse questo non è il mio posto!
- l’abbigliamento parla di me (oltre che far parlare di me): siamo in un ambiente parrocchiale e un po’ di pudore non guasta!
- anche fuori degli ambienti parrocchiali sarò attento: qualcuno mi guarda!

3- PREGO ANCHE SE FORSE NON CI CREDO
Ovvero: per aiutare i bambini a pregare devo pregare con loro!
- Attenzione a partecipare attivamente e con rispetto alla PREGHIERA: è uno dei momenti più importanti della giornata.
- Se i bambini mi vedono a Messa la domenica, avremo tutti una marcia in più.
- Alla fine della settimana probabilmente celebreremo una Messa per prepararci alla domenica. Collabora perché sia un momento importante!

4- SIAMO INDISPENSABILI ? SICURAMENTE IMPORTANTI!
Ovvero: è importante garantire la puntualità e la presenza quotidiana.
- Se dovessi assentarmi avviserò il prima possibile (tramite sms, whatsup, face book…segnali di fumo), ma farò il possibile per essere presente dall’inizio (ore 8 !) alla fine (ore 17).
- Al termine della giornata c’è l’incontro di verifica e programmazione: è fondamentale la mia presenza! E non solo per la merendina degli animatori!

5- I CARE! SIAMO TUTTI RESPONSABILI!
Ovvero:  l’animatore è moralmente responsabile degli animati affidati!
- devo sempre avere sott’occhio tutti gli animati del mio gruppo: non devono allontanarsi senza permesso, non devono isolarsi (è il momento che combinano qualche guaio!) o entrare tra loro in conflitto.
- A nessun animato è permesso di andar via prima del tempo se non su accordo con un adulto.
- Sono responsabile del materiale usato: va' risistemato subito dopo l’uso! Se ci sono cose in giro le metterò comunque a posto (così come eviterò che ci sia sporcizia in giro).

6- IL GIOCO E’ UNA COSA SERIA!
Ovvero: l’animatore insegna a giocare e giocando insegna!
- attenzione alla CORRETTEZZA nell’ARBITRARE e a trovare la giusta misura tra l’agonismo (la squadra và animata: si sta con loro!) e la sportività (coinvolgenti, ma mai aggressivi).
- nei tempi liberi del grest cerco di coinvolgere i bambini (non mi metto a giocare con gli animatori)

7- L’ANIMATORE SI METTE IN GIOCO!
Ovvero: partecipo a tutto, non mi vergogno!
- quando si balla, ballo anch’io! Guai a vedere animatori che si mettono seduti!
- non mi tiro indietro se c’è da recitare, cantare, suonare, ballare, arbitrare… Anche se ciascuno ha i suoi limiti.
- cercasi “doni” particolari!

8- ANCHE IN GITA SONO UN ANIMATORE!
Ovvero: in piscina (o sue possibili alternative) i bambini sono al primo posto!
- Il mio ruolo è quello di stare con i bambini prima, durante e dopo l’arrivo in piscina: farò attenzione a che non si allontanino senza permesso, che abbiano messo la crema idratante…
- starò con loro quando si sta in acqua ed eviterò di appartarmi con gli altri animatori
- cercherò di stare con loro anche negli altri momenti (organizzando giochi in cui vengano coinvolti, compreso il tragitto in pullman!).
- anche quest’anno è previsto il babysitteraggio (a cura dei maggiorenni!?), la gita al parco di Valmontone (Rainbow, il 25 giugno) e forse una gita a Orvieto/lago di Bolsena (venerdì 20 giugno).

9- GLI ANIMATORI: UNITI SONO UNA FORZA!
Ovvero: impariamo ad accettare le differenze e a superare i conflitti
- Nel caso ci siano conflitti o incomprensioni con altri animatori eviterò di scontrarmi con loro davanti ai bambini, ma farò in modo di affrontare nella verifica la difficoltà.
- Tutti siamo responsabili, ma accetto che qualcuno possa avere particolari responsabilità e che mi dica, gentilmente, cosa fare. Se ci sono “abusi” vanno verificati alla fine della giornata.
- Cercheremo di coinvolgerci a vicenda suddividendoci i compiti e possibilmente alternandoli (c’è chi spiega il gioco, chi prepara e distribuisce il materiale, chi arbitra, chi risistema, chi …).
- è bello volersi bene, ma non si facendo effusioni amorose davanti agli animati: le eventuali coppie abbiano l’attenzione a non appartarsi e a mantenere un comportamento corretto.

10- IL GREST E’ OPERA DI TUTTI!
Ovvero: impara a collaborare anche con gli adulti!
- anche quest’anno ci saranno collaboratori adulti, in particolare per aiutarci durante la mensa (cucinano per te, non sono tuoi servi!), il bar, la merenda e i laboratori: a loro dobbiamo ascolto, rispetto e collaborazione.

Per approfondire:

Piccolo manuale dell'animatore


Ciao animatori! Ecco qui un piccolo aiuto che vogliamo darvi per svolgere il vostro servizio! Intanto leggete quanto segue… io l’ho trovato molto suggestivo!

I bambini imparano quello che vivono
Se un bambino vive con le critiche, impara a condannare.
Se un bambino vive con l'ostilità, impara ad aggredire.
Se un bambino vive con il timore, impara ad essere apprensivo.
Se un bambino vive con la pietà, impara a commiserarsi.
Se un bambino vive con lo scherno, impara ad essere timido.
Se un bambino vive con la gelosia, impara cos'è l'invidia.
Se un bambino vive con la vergogna, impara a sentirsi in colpa.
Se un bambino vive con l'incoraggiamento, impara ad essere sicuro di sé.
Se un bambino vive con la tolleranza, impara ad essere paziente.
Se un bambino vive con la lode, impara ad apprezzare.
Se un bambino vive con l'accettazione, impara ad amare.
Se un bambino vive con l'approvazione, impara a piacersi.
Se un bambino vive con il riconoscimento, impara che è bene avere un obiettivo.
Se un bambino vive con la condivisione, impara la generosità.
Se un bambino vive con l'onestà e la lealtà, impara cosa sono la verità e la giustizia.
Se un bambino vive con la sicurezza, impara ad avere fiducia in se stesso e in coloro che lo circondano.
Se un bambino vive con la benevolenza, impara che il mondo è un bel posto in cui vivere.
Se vivi con serenità, il tuo bambino vivrà con la pace dello spirito.
Con che cosa sta vivendo il tuo bambino?
Dorothy L. Nolte

Queste che seguiranno sono alcune istruzioni e concetti basilari con i quali l’animatore deve imparare a convivere per svolgere in maniera adeguata il suo servizio (tratte da sussidi, incontri e da esperienze personali)…

Chi è l’animatore?
Gli animatori sono coloro i quali hanno il ruolo molto importante di affiancare i responsabili nelle varie attività per i bambini o ragazzi  “animando” i tempi a loro dedicati e divertirsi insieme a loro. Ciò non è comunque sufficiente all’animatore per essere affidabile, in quanto per compiere il suo splendido servizio EDUCATIVO nei confronti dei bambini, ha il dovere di fare attenzione alle loro esigenze, “conoscere un po’ di tecniche di animazione” e alcune semplici regole educative.

COM’È IL BRAVO ANIMATORE?

Perché fare l’animatore?
Fare l’animatore non è un obbligo, ma una SCELTA. Non tutte le persone hanno il dono di saper stare con i ragazzi e voler vivere esperienze per loro ed insieme a loro. Bisogna avere VOLONTÀ di stare a contatto con i più giovani e di viverci in mezzo (“qui con voi mi trovo bene, è proprio la mia vita...” diceva S. Giovanni Bosco).

Come si prepara l’animatore?
L’ animatore non può permettersi di non partecipare con serietà  agli incontri formativi, di confronto e organizzazione con i/il responsabile/i e gli altri animatori, sono anch’essi importanti per migliorarsi.
CERCARE quindi DI ASSICURARE LA PRESENZA a questi incontri e portar fede fino in fondo all’impegno preso. E’ essenziale anche la PUNTUALITA’ nei lavori da svolgere e negli orari di incontro. Dimostrare RESPONSABILITA’, in quanto le famiglie devono essere sicure di chi segue i loro figli.

L’equipe degli animatori
Tutti gli animatori devono collaborare insieme puntando ad un obiettivo comune, quindi, insieme anche ai responsabili, formano una equipe. In essa è richiesta una assoluta COLLABORAZIONE con il responsabile e il/i sacerdote/i, ai quali si deve far sempre riferimento.
E’ importante formare un GRUPPO compatto e unito, nelle DECISIONI, nelle sconfitte e nei  rapporti (che sono anch’essi IMPORTANTI) con i genitori.
Cercare una “uniformità di giudizio” : tutti gli animatori devono avere ben fisse in mente le regole di comportamento e giudicare o dare permessi alla stessa maniera di qualsiasi altro. Non ci possono essere animatori + permissivi e altri più severi a cui i bimbi sanno chiedere o no le cose per ottenerle o meno.
EVITARE DISCUSSIONI, più o meno accese, o comunque contrasti e commenti di qualsiasi genere tra ANIMATORI, né tanto meno SMINUIRE o criticare una DECISIONE presa da un altro animatore o dal responsabile, davanti ai ragazzi.
Durante gli incontri gli eventuali contrasti o critiche invece possono saltare fuori se esistono per essere poi risolti. Lasciatevi  i problemi personali, che possono crearsi, al di fuori dell’ambito nel quale prestate servizio.

Cosa fare quando si è animatori?
Cercare di amare ciò che i bambini amano, CAPIRLI, AIUTARLI E VOLER LORO BENE e soprattutto ASCOLTARLI rispondendo alle loro domande.
Far capire che se siamo lì con loro non è perché non avevamo niente di meglio da fare ma perché sono importanti, le cose che dicono ci interessano ed esserci fa stare bene anche noi. Se il nostro affetto è sincero, se traspare dai gesti, sarà più facile diventare loro amici.
L’animatore dovrebbe “coltivare” un paio di “antenne” per captare gli umori, i desideri, gli interessi, le incomprensioni. Ascoltare dunque, ma anche osservare i movimenti, i gesti, gli atteggiamenti per cogliere quello che viene detto non solo con le parole ma anche con il corpo.
Essere consapevoli del fatto che i ragazzi (o bambini che siano) osservano sempre in qualsiasi momento e imitano chi li educa ed è quindi fondamentale dare loro il BUON ESEMPIO .
Durante tutti i momenti nei quali gli ANIMATORI svolgono il loro servizio DEVONO STARE CON I BIMBI E NON TRA DI LORO. Cercare di stare insieme a tutti i bambini, non sempre con gli stessi.
Evitare un linguaggio “colorito” o discorsi non adatti, evitare anche le chiacchiere tra animatori quando si chiede il silenzio ai ragazzi.
Fare sempre noi per primi quello che chiediamo loro di fare!

Come si comporta l’animatore?
L’animatore deve saper richiamare il rispetto per il ruolo che ricopre, non si deve lasciare “sopraffare” dai bambini.  Ad esempio deve richiedere sempre il massimo silenzio quando parla perché tutti hanno il diritto/dovere di ascoltarci. 
L’animatore è e deve essere ALLEGRO, SCHERZOSO, AFFETTUOSO, BUFFO (dal suo atteggiamento deve trasparire che vuole bene ai bimbi ed è contento di stare con loro) ma deve anche essere capace di trasformarsi in serio e severo, seppur con moderazione e al momento giusto.
Farsi rispettare ed ascoltare. Come si può fare ?
1) mai lasciare correre qualcosa che si ritiene importante da sottolineare
2) essere sicuri di quel che si dice
3) non urlare in continuazione e per niente (si ottiene l’effetto contrario e si rischia di venire etichettati come “urlatori” e non ottenere più risultati)
4) senza essere sbruffoni fatevi rispettare
5) non crediate che a sgridare (quando serve) passiate per animatori “cattivi”, i bimbi sanno di sbagliare e vi vogliono comunque bene…
I bimbi “difficili” : come fare ?
Ci sono sempre quei bambini “terribili” oppure difficili, magari tristi, svogliati, problematici…..Per avere effetti positivi su di loro è necessario volergli particolarmente bene, stargli maggiormente vicino, essere affettuosi con loro (spesso a casa non ricevono affetto) ma anche severi quando esagerano e trasgrediscono alle regole....magari responsabilizzateli maggiormente rispetto agli altri (è molto efficace)..ma non umiliateli con  confronti “con quelli più buoni” che magari a casa vivono una situazione idilliaca e gli riesce più facile esserlo....osservateli molto in tutti i loro aspetti per capirli meglio e pregate un po’ anche per loro!
Attenti alla Comunicazione
Quando comunichiamo anche se non ce ne rendiamo conto, lanciamo dei messaggi. Attenzione perché questi messaggi potrebbero non essere tutti positivi: lo sono quelli che esprimono “Tu mi vai bene, sono d’accordo”, oppure “Non sono d’accordo, parliamone”, ma MAI dare messaggi di DISCONFERMA tipo “Tu per me non esisti” che spesso sono inconsapevoli ma molto pericolosi.
Attenzione anche alla COMUNICAZIONE PARADOSSALE à dire qualcosa e poi comportarci in maniera opposta a quello che abbiamo appena detto… chi riceve questo tipo di messaggio entra in una situazione di indecisione incredibile !
Importanza del linguaggio non verbale oltre a quello verbale.

Come rispondere alle tante domande che i bambini ci fanno?
I bimbi sono curiosi e fanno tante domande. Spesso queste domande sono anche difficili o imbarazzanti. Innanzitutto non facciamoci imbarazzare da loro (spesso, in particolare quelli più grandi, lo fanno apposta per vedere le nostre reazioni. Se succede sdrammatizziamo…).
Alle altre domande rispondiamo in maniera chiara, facilmente comprensibile, magari premettendo una piccola definizione e poi un paio di esempi se dovete spiegare qualcosa che non sanno. Se vi fanno delle domande non “bloccate la comunicazione” con NO o SI secchi!
Tenete sempre  presente che il tempo di ascolto di un bambino della  fascia di età 6-12 anni è di circa 10’ massimi, evitate “delle pezze”… non vi ascolterebbero (ricordatelo anche quando li sgridate)!

Come anima l’animatore?
L’animatore deve essere in grado di :
Ø     far rispettare le regole.
Ø     essere gioioso e pieno di carica.
Ø     animare la “confusione organizzata e controllata”. (I bimbi non sono robot, hanno bisogno di tanto in tanto di sfogarsi, non riescono a mantenere il silenzio troppo a lungo e tra l’altro sono meteoropatici.....in caso di brutto tempo sono molto più agitati del normaleàtenetene sempre conto!). L’animatore bravo riesce a creare momenti di confusione che può iniziare ed interrompere quando vuole.
Ø     e, a seconda delle sue doti, deve proporre attività di vario genere.

Come gioca e come fa giocare l’animatore?
Lasciamo a casa la troppa competitività e la foga di VINCERE a tutti i costi: nei giochi favorire i più deboli e non quelli più “svegli”, assicurare l’onestà, lasciare trasparire ai ragazzi il motto “L’importante è...divertirsi!”. Viviamo in una società fin troppo competitiva, non angosciamo i bimbi ulteriormente…
Nei  giochi l’animatore organizza (non lasciare nulla al caso… i ragazzi se ne accorgono!!!) gioca con i ragazzi, non con gli altri animatori, le parti più importanti non le ricopre lui “perché così vinciamo”, ma i bimbi (magari un po’ tutti a turno).

Come propone bans l’animatore?
Innanzitutto bisogna che l’animatore conosca molto bene il bans che deve insegnare, lo deve proporre con entusiasmo, carica e senza vergogna cercando di immedesimarsi nei personaggi.
Quando proporre i bans? I bans molto spesso non piacciono molto, cerchiamo di usarli per fare un po’ di caos organizzato, per lanciare un gioco, prima di fare silenzio…

Che ruolo ha l’animatore nelle gite?
Le GITE sono importanti nell’Estate Ragazzi, i bimbi sono entusiasti, spezzano magari un po’ di monotonia che i bambini possono verificare nel corso delle settimane. L’importante è continuare a mantenere lo stile creatosi, avvertire e rassicurare i genitori, favorire il divertimento dei bimbi e non volere strafare, ma fare tutto proporzionato alle proprie forze.
Bisogna sottolineare che le gite sono fatte per i ragazzi, non per favorire la “balotta” tra animatori. Spesso sono di tutto il giorno, la responsabilità che si ha nei confronti dei bambini è enorme. È necessario stare vicini ai ragazzi in ogni momento, controllare in particolare i più piccoli, quelli più in difficoltà ed assisterli nei loro bisogni. I genitori si fidano ed è necessario assicurare loro un servizio sicuro per i loro figli.

La divisione dei compiti
In una equipe è importantissima la suddivisione dei compiti, per settorializzare il lavoro e far sì che non ci sia chi fa tutto e chi nulla o per evitare il problema del “faccio tutto io”.
C’è il responsabile della manifestazione, il suo compito è quello di coordinare tutti gli animatori, caricarli, riprenderli se serve, semplificargli il lavoro… e di condurre la giornata dando i tempi e mantenendo la linea educativa necessaria.
Il/i sacerdote/i, diaconi, seminaristi… fungono da altri responsabili (avendo un certo tipo di esperienza) che coordinano non necessariamente la parte più tecnica, ma lo stile educativo (pensato con il responsabile) e la contenutistica.
Gli animatori sono divisi in alcuni gruppetti secondo le attività dell’Estate Ragazzi.
Tra di essi si scelgono anche i responsabili dei laboratori in base alla loro esperienza, alla loro età.....
È IMPORTANTE CHE I RAGAZZI VEDANO E SENTANO UNA GERARCHIA, PERCHÉ SAPPIANO CHE CI SONO PUNTI DI RIFERIMENTO FISSI AI QUALI RIVOLGERSI PER QUALSIASI ESIGENZA (E COSÌ ANCHE LE FAMIGLIE!).

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani5 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini17 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia39 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi78 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid193 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti33 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia36 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco195 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto12 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri131 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia41 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa14 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità28 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia3 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche75 Poli1 politica52 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere89 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma16 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV17 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino2 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Catechismo: il nuovo anno liturgico (immagini e materiale utile)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)