La legge sul biotestamento non piace alla Chiesa


Su Notizie ProVita il resoconto del testo approvato il 20 aprile:
Con 367 presenti (gli altri 263 non erano probabilmente interessati a questioni di vita o di morte…), 326 sì e 37 no, i deputati hanno aperto anche in Italia le porte all’eutanasia
“Con questo voto, che spero possa presto trovare analogo riscontro in Senato, la cultura dei diritti civili fa un altro passo avanti nel nostro Paese. E la politica mostra che il ritardo nei confronti della società e delle sue domande può essere colmato” è lo sconcertante commento della Presidente della Camera Laura Boldrini.
Il testo di legge, di cui abbiamo parlato più volte, anche recentemente è composto da diversi articoli ed ha subito vari emendamenti, anche all’ultimo minuto. Ma vediamo cosa prevede il testo approvato ieri.
La legge sull’eutanasia, all’art. 1, “tutela il diritto alla vita, alla salute, ma anche il diritto alla dignità e all’autodeterminazione” (un po’ come la legge 194 sull’aborto, che inizia, incredibilmente, con la frase: “Lo Stato garantisce il diritto alla procreazione cosciente e responsabile, riconosce il valore sociale della maternità e tutela la vita umana dal suo inizio”); prosegue poi con concetti in linea di massima condivisibili: il paziente deve essere informato e prestare il proprio consenso per i trattamenti sanitari cui dovrebbe sottoporsi (cosa che, del resto, è già prassi consolidata). Meno condivisibile è invece la modifica introdotta al testo base, in cui si equipara l’idratazione e la nutrizione ad un trattamento medico, essendo veicolata attraverso strumenti sanitari. Come se bere attraverso una cannula piuttosto che dal bicchiere faccia davvero differenza.
Ma il vero “cuore” (perdonate l’uso palesemente improprio della parola) della legge (dove non c’è scritta la parola “eutanasia”, ma dove c’è l‘eutanasia passiva…) si manifesta nell’articolo 3 e seguenti, in cui si introducono le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT): “Ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può, attraverso le DAT, esprimere le proprie convinzioni e preferenze in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto a scelte diagnostiche o terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, comprese le pratiche di nutrizione e idratazione artificiali. Indica altresì una persona di sua fiducia, di seguito denominata fiduciario, che ne faccia le veci e la rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie.
Sarebbe interessante a questo punto immaginare un modello di DAT: un tabellone con migliaia di righe comprendenti tutti i “trattamenti sanitari” e “scelte diagnostiche” possibili ed immaginabili, e migliaia di colonne indicanti le condizioni di disabilità in corrispondenza delle quali il trattamento è accettato o rifiutato. Tutto questo sottoscritto in un momento in cui il “paziente” potrebbe godere di perfetta salute. Probabilmente neppure un medico sarebbe in grado di predisporre un documento del genere (né avrebbe senso farlo).
La conseguenza? Il DAT sarà un semplice foglietto in cui una persona sana scriverà: “nel caso in cui dovessi essere incapace di intendere e volere, vi chiedo gentilmente di praticarmi l’eutanasia lasciandomi morire di fame e sete se necessario (qualcuno lo scriverebbe apertamente?). Tutti i nobili principi dell’autodeterminazione, del consenso informato, delle libere scelte terapeutiche si arenano così inesorabilmente di fronte all’ovvia considerazione che un paziente non è in grado di decidere quali trattamenti siano proporzionati al suo stato e alle sue aspettative di vita, men che meno anni prima che si manifesti una patologia. Questa scelta non può che essere presa dal medico, certamente in condivisione con il paziente, ma non certo nei termini perentori indicati dalla legge. Già, perché il medico è tenuto a rispettare le DAT e a praticare l’eutanasia omissiva, a prescindere da quanto egli ritenga ragionevole la decisione del paziente.
Un emendamento dell’ultima ora ha ampliato la tutela della libertà del medico, introducendo una sottospecie di obiezione di coscienza, seppur blanda e indiretta: qualora le richieste del paziente siano “contrarie alla deontologia professionale o alle buone pratiche clinico-assistenziali”, il medico può decidere di non assecondare le DAT “senza obblighi professionali”, sibillina frase che, per i più, significa “senza che ne debba rispondere civilmente o penalmente”.
Stessa cosa “qualora sussistano terapie non prevedibili all’atto della sottoscrizione [delle DAT, n.d.r], capaci di assicurare possibilità di miglioramento delle condizioni di vita”. Cioè al tabellone è sfuggita qualche riga. In questo caso però la decisione va presa di comune accordo con il fiduciario e, in caso di disaccordo, da un giudice (ed è già possibile passare idealmente in rassegna la galleria di cause ideologiche portate avanti dai sostenitori della “dolce morte” sulla pelle dei malati).
A questi spiragli di apertura verso l’obiezione di coscienza dei medici (seppur mai richiamata espressamente per non ferire nessuno), si contrappone un secco “no” a concedere a strutture sanitarie private convenzionate (si pensi ad esempio a quelle cattoliche) l’esonero dall’applicazione delle “norme non rispondenti alla carta di valori su cui fondano i propri servizi” (come inizialmente proposto). Al contrario il comma 9 dell’articolo 1 ribadisce che le strutture sanitarie dovranno organizzarsi per “la piena e corretta attuazione dei princìpi di cui alla presente legge”; ossia dovranno trovare medici disposti a far morire i pazienti di fame e sete se richiesto anni prima nei DAT o da un fiduciario. L’obiezione di coscienza per i dirigenti ospedalieri non è prevista.
Ma nonostante queste decise prese di posizione contro l’obiezione di strutture sanitarie, chi ha portato da tempo avanti una battaglia in favore dell’eutanasia, come Marco Cappato, tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, nonché accompagnatore di DJ Fabo al suicidio assistito in Svizzera, tuona: “Si parla di situazioni di emergenza, dove il tempo è tutto e dove l’ostilità del medico o di una struttura potrebbero portare alla negazione di diritti che nessuna sentenza potrà più far tutelare” [Perché tanta fretta? per paura che il malato ci ripensi? ndr]. Ogni commento pare superfluo in una frase in cui si definisce “ostilità” il desiderio di non lasciar morire e “diritto” la rinuncia alla vita e in cui non si vede l’ora di “completare l’opera”.
Al momento sono stati rigettati gli emendamenti proposti dal M5S, che chiedeva l’eutanasia attiva, ossia la somministrazione di veleno a chi ne faccia richiesta. Ma non dubitiamo che presto la proposta tornerà e sarà sempre più difficile ostacolare lo scivolamento della sfera sul piano inclinato.
Prossimamente il testo passerà al Senato, in cui la maggioranza è meno schiacciante. Noi continueremo comunque a lottare perché alla fine la legge sia rigettata, il buon senso prevalga e si continui a regalare, a chi si trova nel momento peggiore della propria esistenza, una speranza di vita e non una promessa di morte.
Altri commenti: sul Corriere (" Passa il biotestamento, l’ira dei cattolici"), su La Repubblica (“Questa legge non ci piace, ci saranno derive pericolose”), su Famiglia Cristiana ("Biotestamento, passa la legge ma senza suicidio assistito") e su Avvenire ("Ecco i 5 punti critici: dalla relazione di cura alla obiezione") dove troviamo anche questo commento del direttore: "L'incredibile favola per cui chi la difende non conosce la vita (e la sofferenza)":
Gentile direttore,
Davide Trentini malato di Sla ha ottenuto l’eutanasia che desiderava in Svizzera, a costi che ben sappiamo, dopo anni di sofferenze e di assunzione di marijuana per lenire il dolore. E nella sua ultima lettera ha scritto: «Spero che l’Italia diventi un Paese civile e faccia una legge sul fine vita». Le chiedo: ma per quale ragione una persona nel pieno delle sue facoltà mentali non può decidere di fare di sé ciò che desidera? Chi siamo noi, dico la società, a opporci, a decidere per lui. Chi ci dà tutta questa arroganza e presunzione? La libertà è libertà. Se la si vuole far valere per le scelte di vita, deve valere anche per la scelta di morire. Siamo sempre noi e il contesto è sempre lo stesso. Insomma, “no” all’eutanasia e “no” a questa legge sulle Dat perché? Qual è il danno che riceve la cosiddetta società perbene che tanto si oppone? Sono certo che questi signori, che vogliono decidere con supponenza per gli altri, hanno avuto la grande fortuna, in vita loro, di non aver mai conosciuto la sofferenza fisica che è tortura e non sempre è sopportabile. (
Roberto Nuara, Monza)

Mi colpisce sempre la veemenza con la quale i sostenitori dell’eutanasia accusano di non sapere nulla del dolore e della malattia quanti, come noi, non accettano invece l’idea di una “morte a comando” somministrata per forza di legge dello Stato. Che grande e tragica confusione c’è dentro questa presunzione, gentile signor Nuara... Lei, che pure sento sinceramente e pensosamente attento alle ragioni degli altri, pensa davvero che cattolici e laici che concepiscono una medicina ippocratica, al servizio della vita e non della morte, siano tutti dei marziani o dei privilegiati assolti dalla fatica di vivere e dal dolore della malattia? Un’incredibile favola nera. La mia esperienza, che è almeno pari alla sua, mi porta a dire l’esatto contrario di ciò che lei afferma: chi conosce davvero la malattia e la disabilità (che, come nel caso di Eluana Englaro, non sempre e non necessariamente coincide con la malattia) non ama la morte, e non la desidera né per sé né per chi ha accanto. La subisce o le va incontro, come parte della vita. E se ha princìpi e fede, come i cristiani, le dà il giusto valore.

Ho compassione e rispetto per il signor Trentini e leggo e ascolto con attenzione le parole che ha lasciato e che interpellano e commuovono anche me. So bene, per di più, che cosa vuol dire lottare con una malattia come la sclerosi multipla (questa e non la Sla, a differenza di ciò che lei scrive, era la malattia del cinquantenne toscano). La Sm, che è progressivamente invalidante, colpisce – secondo stime attendibili – circa 110mila italiani. Tra essi ci sono diverse persone che conosco e stimo, alcuni miei cari amici e una donna – Francesca – a cui sono specialmente vicino e a cui voglio molto bene...
Sono i cammini percorsi personalmente – da figlio – accanto a mia madre Graziella, a mio padre Giorgio e al mio secondo padre Gino e al padre che è stato per tutti noi san Giovanni Paolo II ad aiutarmi a dire parole che è sempre difficile trovare. Sono i volti, i civili e vibranti appelli di vita, la schiettezza umana e la santità cristiana che ho incontrato in donne, uomini e bambini malati e disabili – e con quanta intensità in questi anni da cronista d’“Avvenire”! – che mi spingono a non lasciar correre davanti all’accusa, che rivolge anche a me, di «supponenza» di fronte al male e alla sofferenza. Non si offenda, ma ciò che lei afferma a questo proposito non è solo ingiusto è totalmente senza senso.

Penso che Davide Trentini al pari di ogni altro essere umano fosse libero di decidere per il bene o per il male, per la vita o per la morte. La nostra libertà è anche questo. E da cristiano so che Dio-Amore – il Padre della vita, il Figlio e Fratello che è morto e risorto per noi, lo Spirito che ci incendia se sappiamo accoglierlo – ci consegna tutta intera questa vertiginosa libertà. Per questo, da cittadino della città dell’uomo, penso che l’unica “opposizione” possibile a un suicidio tentato o richiesto non sia solo di testa, ma prima di tutto di cuore. Penso che stia nello slancio, che è impulso naturale e imperativo morale, di colui o colei che afferra la mano della persona che sta per lanciarsi nel vuoto. E penso che lo stesso sentimento porti, come ha detto il cardinale Edoardo Menichelli, assistente nazionale dei medici cattolici al nostro giornale, ad avere per chi in qualunque modo si toglie la vita non un giudizio, ma una carezza. Pensieri che mi conducono a una constatazione: nel mondo e in Italia – provo a dirglielo senza polemica, perché sono stanco di polemiche su questioni come questa – il problema non sia l’«opposizione alla morte» che lei chiama perbenista e che io riconosco come semplicemente e puramente umana e necessariamente ragionevole, ma una certa e pressante propaganda dell’idea di fissare per legge il «dovere di cooperare al suicidio» di un’altra persona.
E non c’entra il dolore insostenibile. Il dolore, gentile signor Nuara, si può combattere efficacemente. E non solo «assumendo marijuana», ma in molti modi e la buonissima legge italiana sulle cure palliative li conosce praticamente tutti. Si tratta di riconoscerlo, senza strumentalità. Senza farsi incantare, come sembra – sembra! – fare lei, dallo slogan “spinello libero e morte libera”.

Arrivo alla conclusione. L’Italia del Duemila ha ormai bisogno di una buona legge sul «fine vita», che assicuri consenso informato, tuteli dalle cure sproporzionate e dannosamente accanite, non fornisca alcun alibi all’abbandono terapeutico, rispetti la libertà delle persone tanto quanto la scienza e la coscienza del personale sanitario. Non ci serve, invece, una legge ambigua che genererebbe più contenziosi giudiziari, che rispetto delle persone e delle loro volontà. L’Italia, insomma, non ha bisogno che nel nome del libertarismo si arrivi a incrinare e persino a capovolgere i princìpi solidaristici e il favor vitae che Costituzione, ordinamento legislativo e deontologia medica pongono alla base della relazione tra medico e paziente, e tra luoghi di cura e malati e disabili. Sì, dunque, a una legge fatta bene, no a una legge mortalmente confusa; e mille volte no al conseguente avvio di derive verso la “morte a comando” per ordine o concessione dello Stato. Sembra banale dirlo, e preoccupa ritrovarsi a ricordare qualcosa che dovrebbe essere di solare evidenza.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani5 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini17 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia39 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi78 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid193 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti33 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia36 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco195 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto12 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri130 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia41 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa14 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità28 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia3 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche75 Poli1 politica52 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere89 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma16 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV17 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino2 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Catechismo: il nuovo anno liturgico (immagini e materiale utile)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)