I gesti amorosi. In amore è lecito tutto?

di Don ARISTIDE FUMAGALLI *

Ci fu un tempo in cui al giovane audace, che osava porre la fatidica domanda a proposito dei gesti amorosi: «ma si può o non si può?», seguita magari subito dall'altra che faceva sperare in qualche generosa concessione: «fin dove è lecito arrivare?», venivano subito presentati una minuziosa serie di segnali di pericolo e divieti d'accesso che regolavano ogni minima effusione amorosa. Ci fu poi un tempo, ed è il nostro, in cui i rari giovani che ancora pongono le medesime domande incontrano o il silenzio imbarazzato di chi non vuole sbilanciarsi o il discorso colto di chi delinea l'orizzonte entro cui comprendere le domande, senza però indicare anche qualche regola di condotta. Se dunque un tempo il rischio era che l'amore soffocasse tra una selva di regole, quello odierno è che si disperda, perché privo di riferimenti sufficientemente concreti.
La valutazione morale dei gesti amorosi esige che si evitino gli opposti scogli del legalismo, che detta le regole prescindendo dalla coscienza personale, e dell'arbitrio, che lascia alla sola coscienza di inventarle. Ciò deluderà le attese di chi immagina che la risposta alla domanda: «che cosa si può fare?» sia un elenco dei gesti permessi e vietati, come pure la pretesa di chi vorrebbe eliminare la domanda. Dietro l'una e l'altra posizione si nasconde, non di rado, la paura e la fatica della responsabilità personale. Il legalismo normativo solleva dal peso di decidere e valutare in prima persona il proprio comportamento sessuale; l'arbitrio individuale toglie l'ansia di rendere conto delle proprie scelte amorose.
Prima di tracciare la rotta di un'adeguata valutazione morale, è opportuno delimitare, almeno approssimativamente, a che cosa ci riferiamo parlando di «gesti amorosi». L'amorosità qui intesa è quella tra due giovani eterosessuali, l'uno/a innamorato dell'altro/a. I gesti sono quelli in cui tale innamoramento può "prendere corpo", incarnarsi, quali le carezze, gli abbracci, i baci, i rapporti sessuali. Partiremo rilevando le inevitabili implicazioni dei gesti amorosi (I); scopriremo poi il loro senso in riferimento al matrimonio cristiano (II); potremo quindi considerare i gesti amorosi in età giovanile (III), indicando, infine, il percorso, i criteri e le risorse che consentano ai giovani di imparare l'alfabeto dell'amore sessuale cristiano (IV). 

1. Le implicazioni dei testi amorosi

Nella molteplice varietà dei gesti amorosi si possono riconoscere due ricorrenti dinamismi che, pur variando di intensità, assegnano ai diversi gesti l'identità comune di gesti «amorosi». Il primo dinamismo è il piacere erotico, percepito dai sensi, che tali gesti inducono. Il secondo è l'emozione affettiva, i sentimenti, che pure essi veicolano. La distinzione tra i due dinamismi fa riferimento alle dimensioni fisica e psichica della persona, le quali, peraltro, non sono semplicemente giustapposte ma intessute l'una nell'altra. Il piacere del contatto fisico alimenta l'affetto sentimentale e l'affetto sentimentale accresce il piacere fisico.
Già a livello psico-fisico i gesti amorosi dischiudono un abbozzo di senso. Il piacere fisico e il sentimento psichico, infatti, accendono il desiderio di mantenere e approfondire il contatto con l'altro/a, invocano dunque un legame. In tal modo, i gesti amorosi trascendono la sola dimensione fisica e psichica della persona e ne interrogano la dimensione propriamente spirituale, quella per cui gli esseri umani ragionano e vogliono, sono cioè esseri liberi. Il desiderio indotto dal piacere sensibile e dall'emozione affettiva interpella la libertà personale.
Possiamo dare voce al senso invocato dai gesti amorosi, esplicitando la duplice domanda che sorge nella coscienza di chi li compie:
  1. Chi sono e chi divento io, compiendo questo gesto con te?
  2. Chi sei e chi diventi tu per me, compiendo questo gesto con me?
    La risposta a queste domande viene elaborata nello spazio delle relazioni sociali e del quadro culturale in cui i due sono inseriti, e tessuta lungo il tempo della loro vicenda. L'inevitabile implicazione socio-culturale e temporale dei gesti amorosi introduce due ulteriori domande, che possiamo così formulare:
  3. Chi siamo e diventiamo noi, compiendo questi gesti, rispetto alla società in cui viviamo e alla cultura a cui apparteniamo?
  4. Che storia è e diviene la nostra, compiendo questi gesti?
Le risposte a queste domande sul senso dei gesti amorosi possono essere tante quante sono le persone in essi coinvolte. Ma per quanto diverso possa essere il senso assegnato ai gesti amorosi, un senso viene comunque deciso. Non è possibile sottrarsi ai propri gesti divenendone solo spettatori. Per certi versi proprio questo è il miraggio oggi inseguito, nell'illusione che i gesti amorosi non comportino alcuna responsabilità, ma siano leggeri come quelli di un gioco che, una volta concluso, consente di riprendere la vita da dove la si era interrotta. I nostri gesti, tanto più quelli esplicitamente sessuali, per via della risonanza sin nelle profondità inconsce della struttura personale, ci obbligano alla responsabilità: possiamo approvarli o rinnegarli, ma non possiamo disfarli.

2. Il senso cristiano dei gesti amorosi

Le diverse e talora contrastanti determinazioni del senso dei gesti amorosi implicano e dipendono da una antropologia sessuale di riferimento, e cioè da una concezione complessiva dell'identità differenziale dell'uomo e della donna e della loro relazione. A sua volta, ogni antropologia sessuale implica e dipende da una concezione complessiva dell'esistenza umana rispetto al tutto dell'essere, aprendosi dunque all'orizzonte metafisico e religioso. Nella pluralità, non di rado confusa e conflittuale, delle interpretazioni, la Chiesa annuncia il senso cristiano della gestualità amorosa. La Chiesa annuncia tale senso alla luce della Sacra Scrittura, della Tradizione e della testimonianza dei fedeli cristiani. In estrema sintesi l'annuncio è che il senso dei gesti amorosi trova la sua compiutezza nel matrimonio cristiano.
Il compendio migliore di ciò che si intende per «matrimonio in Cristo» è il passo della lettera agli Efesini in cui Paolo afferma: «L'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà alla sua donna e i due formeranno una carne sola. Questo mistero è grande; lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa!» (5, 31-32). Il matrimonio cristiano è la comunione integrale tra un uomo e una donna, a immagine dell'amore di Cristo per i suoi. L'imitazione dell'amore di Cristo non è la riproduzione esteriore del suo esempio, ma la partecipazione intima alla sua vita. Questo innesto della relazione amorosa di un uomo e di una donna nella vita di Cristo consente al Suo amore di trasfondersi nell'amore dei due, abilitandoli ad amare come Lui. L'innesto dell'amore umano nell' amore di Cristo è ciò che fa del matrimonio cristiano un sacramento. Nel sacramento del matrimonio, all'uomo e alla donna è donata la capacità e richiesto il compito di scrivere, con la loro storia d'amore, una parabola vivente sul comandamento nuovo di Gesù: «come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri» (13, 34). La comunione integrale prospettata dal matrimonio in Cristo non sorge in un attimo, ma richiede una storia. Anzi, per meglio dire, la comunione amorosa, più che uno stato da raggiungere e mantenere, è essa stessa una storia che si snoda attraverso innumerevoli soglie e gradi.
Nella continuità storica di un amore è riconoscibile un momento decisivo, quello in cui la comunione con l'altro/a, in seguito all'essere stata intuita e desiderata come possibile, viene riconosciuta e scelta come il bene della propria vita. Questa decisione di impegnarsi integralmente nella comunione amorosa con l'altro/a è ciò da cui nasce il matrimonio e ciò che distingue la vita matrimoniale da ogni altra forma di relazione amorosa ad esso precedente. Colta in questa prospettiva, la celebrazione rituale del matrimonio non è la semplice formalità burocratica che ufficializza una relazione amorosa, inscrivendola al registro della Chiesa e/o del Comune, ma la reciproca scelta dei due di impegnarsi integralmente nella comunione amorosa, facendo proprie tutte le condizioni personali, sociali ed ecclesiali che essa comporta. Il giorno precedente al matrimonio non è uguale a quello che segue: tra l'uno e l'altro interviene la decisione, fino a quel momento non ancora effettiva, definitiva e pubblica, di essere una cosa sola con e per l'altro/a. La celebrazione sacramentale del matrimonio, poi, fa sì che la coppia goda da quel momento di una presenza speciale della grazia di Dio, a sostegno e alimento della loro libera scelta di impegnarsi integralmente nell'amore reciproco. Impegnarsi integralmente significa impegnare totalmente le dimensioni di spazio e di tempo che caratterizzano la vita personale e, dunque, tutto il proprio corpo e tutto il proprio tempo di vita. Affinché questo impegno esistenziale sia adeguatamente espresso occorre un gesto corporeo altrettanto integrale. Tale è il gesto dell'unione sessuale, in cui l'intero corpo, fin nella sua più profonda intimità, risulta coinvolto. Se così non fosse si creerebbe una dissociazione tra la comunione personale e la sua espressione corporea. Si potrebbe ancora definire integrale una comunione che non coinvolgesse integralmente il corpo?
Questa corrispondenza è la ragione in base alla quale la Chiesa ritiene che il matrimonio, e solo il matrimonio, sia la relazione adeguata per l'unione sessuale. La legge della corrispondenza tra comunione personale ed espressione corporea proviene dal fatto chela persona umana è una «totalità unificata» di spirito e corpo. Il corpo non è lo strumento materiale di cui lo spirito personale dispone a piacimento, ma il modo stesso di essere al mondo della persona. Come il linguaggio verbale, anche quello corporeo vale nella misura in cui corrisponde alla vera intenzione di chi lo parla: nel caso contrario la nasconde o la tradisce.

3. I gesti amorosi in età giovanile

Il patto matrimoniale, sancito in un preciso momento, permette di distinguere una storia d'amore in due principali tempi: il tempo in cui i due scoprono la possibilità e creano le condizioni reali in vista della comunione amorosa, e il tempo in cui si impegnano a viverla integralmente. Detto in termini più tradizionali: il tempo del fidanzamento e il tempo del matrimonio.
La comunione amorosa, che solo col patto matrimoniale diviene integrale, non è assente al tempo del fidanzamento, ma proprio lì comincia ad essere apprezzata come possibile alleanza per l'intera vita. Se è vero, infatti, che il patto matrimoniale sancisce un passaggio decisivo nella qualità della comunione amorosa, nondimeno essa, già prima, può cominciare ad essere apprezzata e, seppur parzialmente, vissuta. In qualche modo, anzi, lo deve essere, poiché solo così l'alleanza matrimoniale potrà essere liberamente e responsabilmente scelta.
Il tempo precedente al patto matrimoniale è dunque il tempo in cui la comunione amorosa, pur già cominciata, non è ancora integrale. Per la legge della corrispondenza tra comunione personale ed espressione corporea, dato il grado ancora parziale della comunione amorosa, anche l'espressione corporea non dovrà essere integrale, giungere cioè all'unione sessuale. Si potrebbe ancora definire autentica l'unione sessuale cui non corrispondesse la decisione esistenziale di una comunione integrale? A questa discordanza fa riferimento la Chiesa, quando insegna, secondo la sua costante dottrina, l'illegittimità morale dei rapporti prematrimoniali.
Lungo il tempo del fidanzamento è immaginabile, e sperabile, che la comunione amorosa, pur non avendo tutte le condizioni per essere integrale, non resti costantemente uniforme, ma cresca gradualmente. Il grado, pur sempre parziale, di comunione personale raggiunta dai fidanzati costituisce il criterio essenziale per la valutazione dei loro gesti amorosi. A un grado più impegnato di relazione corrisponderà un gesto amoroso di maggior espressività e prossimità. Detto in termini più immediati: più l'intenzione di sposarsi è seria e più la gestualità amorosa potrà essere intensa; meno il matrimonio sarà all'orizzonte e meno coinvolgenti dovranno essere le effusioni corporee. In termini più corporei: più il matrimonio è voluto e più i gesti potranno assumere rilievo sessuale.
Come abbiamo visto, il senso di un gesto amoroso, e dunque il suo rilievo sessuale, dipende da diverse variabili. Sarebbe pertanto ingenuo, oltre che impossibile, pretendere di determinare il rilievo sessuale di un gesto prescindendo da coloro che lo compiono, dal contesto in cui si trovano e dalla storia che vivono. Da ciò deriva il limite di una certa concezione morale del passato, che stabiliva il confine tra il lecito e l'illecito dei gesti in base alle parti del corpo interessate. Per questo, le semplici domande: «Che cosa si può fare? Fin dove si può arrivare?» sono troppo generiche e non possono avere una risposta immediata, al di là dell'indicazione che, per le ragioni sopra addotte, esclude i rapporti sessuali prematrimoniali.
I limiti della valutazione morale del passato non escludono che essa contenesse delle giuste istanze. Il corpo, infatti, non è un'unità indifferenziata e, dal punto di vista specificamente sessuale, le diverse membra hanno un diverso rilievo. L'esperienza più comune, studiata dalla sessuologia, individua, per esempio, le cosiddette «zone erogene», ovvero quelle parti del corpo più idonee a raccogliere e ad esprimere l'eccitamento sessuale. La diversa sensibilità e potenzialità erotica delle parti del corpo è un elemento, certo non l'unico, che entra nella determinazione del senso di un gesto amoroso e nella sua valutazione morale. In termini generali, una carezza sul volto non ha lo stesso rilievo sessuale di un bacio sulle labbra; tenersi per mano non ha lo stesso rilievo che stringersi in un abbraccio; sfiorare il seno non è la stessa cosa che toccare gli organi sessuali. Andrebbe peraltro considerato la notevole differenza del corpo maschile e femminile, sia per la diversa localizzazione delle zone erogene (nel maschio più concentrata nella sfera genitale, nella femmina più diffusa in tutto il corpo), sia per la diversa sensibilità erotica (più immediatamente intensa nel maschio, più diffusamente prolungata nella femmina).
Considerando ancora i gesti amorosi a livello del dinamismo psico-fisico che inducono, andrà osservato che solo fino a un certo punto esso resta libero. Passata una certa soglia di eccitazione risulta quanto mai improbabile rinunciare all'unione sessuale completa, se non a prezzo di insane tensioni. I gesti amorosi godono solo fino a un certo punto di relativa autonomia, divenendo poi preliminari del rapporto completo. Il gesto non è solo ciò che la persona decide di fare, ma anche ciò che porta la persona a fare, e spesso in ambito sessuale, a fare anche ciò che non pensava o voleva fare. Non si dovrà nemmeno ignorare la dinamica fondamentale dei comportamenti umani, soprattutto sessuali che, se divengono abitudinari, finiscono per sottrarsi alla volontà libera e scadono al livello dei comportamenti condizionati.
La forte incidenza del costume sociale sul vissuto di coppia, dovuta alla (pre)potente azione dei mass-media a servizio dell'economia dei consumi, ha pressoché censurato l'alfabeto dei gesti amorosi, limitandolo a quello del rapporto sessuale. Abbagliata dalla consumazione immediata delle emozioni, la vita di coppia stenta a trovare e ad assaporare la varietà e la gradualità della gestualità amorosa. L'amore giovanile è oggi fortemente tentato di essere subito sessuale, ma solo sessuale, e quindi troppo povero per alimentare la comunione amorosa. Il riscontro è offerto in significativa percentuale daifallimenti della vita matrimoniale, dovuti in larga parte non ad una vita sessuale carente, ma alla carenza di compatibilità e di comunicazione agli altri livelli della relazione interpersonale. Mai assaporati prima del matrimonio, o presto e lungamente imbavagliati dalle emozioni di una precoce vita sessuale, gli innumerevoli altri gesti dell'amore sono sconosciuti proprio quando, nella vita matrimoniale, potrebbero riaccendere ed alimentare il desiderio di un'intimità sessuale divenuta inespressiva e routinaria. Mai come oggi sembra necessario una nuova creatività amorosa per imparare a parlare l'amore, piuttosto che a consumarlo.

4. L'alfabetizzazione dell'amore giovanile


a) La castità giovanile
In vista di una rinnovata alfabetizzazione della gestualità amorosa, la proposta apparentemente anacronistica della castità mostra tutta la sua inattesa attualità. Per dissotterrare il prezioso talento della castità, si può partire dall'etimologia latina, secondo la quale il termine castus, da cui casto, castità, ha come contrario il termine incastus, da cui incestuoso, incesto. L'etimologia può essere arricchita accennando al significato che in ambito psicoanalitico viene attribuito all'incesto: incestuosa sarebbe la relazione fusionale che il bambino, nei primissimi stadi di vita, vive con la madre. Affinché il bambino scopra la sua identità soggettiva, è necessario che rinunci alla fusione con la madre. Espressione di tale necessità è il divieto di incesto, universalmente diffuso in tutte le società umane. Vietando le relazioni sessuali con i genitori e, più in generale, tra persone che hanno legami di parentela, il divieto di incesto trattiene il soggetto dalla regressione allo stadio fusionale e indifferenziato della prima infanzia. La rinuncia alla (con)fusione originaria è, in positivo, la possibilità di instaurare relazioni sessuali che salvaguardino l'identità personale e la differenza dell 'altro/a. Questa possibilità è ciò che la castità esprime e promuove
La fusione simbiotica riguarda, pur in modalità diverse, altre fasi della vita umana ed in modo particolare l'esperienza dell'innamoramento. «"Noi siamo tutt'uno" pensano gli innamorati. [...] Nessuna differenza, nessuna separazione, soprattutto. Dobbiamo ritrovarci incessantemente, toccarci, accarezzarci, unirci, aggrovigliarci. Restare lì nella dolcezza del bozzolo, avviluppati per sempre nell'identico, senza nessuna mancanza né lacerazione». Affinché la seduzione fusionale dell'innamoramento si trasformi nella libertà dell'amore, i due devono praticare la castità, differendo l'unione sessuale sino a che maturi l'identità personale dello/a sposo/a. Allora, nel matrimonio, la fusione erotica e sentimentale vissuta nell'unione sessuale, sarà arricchita di tutta la densità personale guadagnata vivendo la castità prematrimoniale. La castità è la capacità di prendere distanza dal piacere erotico e dall'emozione sentimentale per entrare con esse in dialogo libero. Affinché l'amore sia libero, è necessario che l'emozione e il sentimento non soffochino o trascinino la scelta personale. Non devono, cioè, essere solo subite, ma agite. La castità è l'arte di inscrivere la libertà personale nei dinamismi erotici e sentimentali del gesto amoroso; l'arte di personalizzare la gestualità amorosa.
Così definita, la castità non è conformabile ad una sola fase della vita amorosa, ma la informa lungo tutto il suo corso. Snodandosi in una storia, la castità assume però diversa fisionomia. Al di fuori del matrimonio, la castità ha i tratti della continenza, dell'astensione cioè dai rapporti sessuali. Nella logica di quanto detto sopra, contenere il desiderio sessuale non è censurarlo, ma consentire che cresca. La continenza non è la castrazione del desiderio sessuale, ma la legge della sua maturazione.
La tradizione cristiana considera la castità una «virtù morale» e, nel contempo, «un frutto dello Spirito», una capacità, dunque, che sorge dalla collaborazione della libertà umana e della grazia divina. Alla libertà umana è richiesto un lungo apprendimento ed un continuo esercizio, affinché la castità non sia l'impegno di qualche momento, ma una disposizione stabile: tale è la virtù. Il conseguimento della virtù della castità non è, però, il risultato di uno sforzo autonomo del soggetto, ma una «grazia» donata dallo Spirito. Infondendosi nei dinamismi della sessualità umana, lo Spirito abilita il soggetto a renderla espressiva di quel modo d'amare che fu di Cristo, modo di amare cui i primi cristiani diedero il nome di agape, caritas. La castità può allora essere intesa come l'incarnarsi della carità nella sessualità amorosa.
In quanto virtù cristiana, la castità giovanile non può essere ridotta a una legge inventata e dettata dalla Chiesa. Essa è la scelta personale, propiziata e sostenuta dalla grazia dello Spirito, di vivere la sessualità rendendola parola dell'amore di Cristo. Solo se personalmente scelta come dinamismo dell'amore la castità può essere vissuta. Se lo fosse come semplice osservanza di una legge imposta dalla Chiesa, finirebbe per apparire un peso di cui, presto o tardi, ci si sbarazza. Rischierebbe anzi di indurre l'atteggiamento farisaico di chi, pur osservando la lettera della legge, ne tradisce il senso. Sembra questo il caso di chi, per esempio, pur astenendosi dai rapporti sessuali completi, mirasse ad ottenere la soddisfazione erotica attraverso il surrogato della reciproca masturbazione (petting). La castità giovanile non è rispettata perché si osserva la legge della Chiesa che vieta i rapporti prematrimoniali. La legge della Chiesa può solo risvegliare e richiamare la coscienza dei giovani alla scelta, consapevole e libera, di un amore casto.

b) Criteri di valutazione dei gesti amorosi
Un aiuto a vivere responsabilmente la castità giovanile può giungere dall'indicazione di qualche criterio per la valutazione morale della gestualità amorosa. Ne suggeriamo tre.
Il primo criterio consisterà nel verificare se e quanto la coscienza personale percepisce il senso implicato nei gesti amorosi ed è in grado di viverlo. Questa prima fase risulta oggi quanto mai decisiva. La responsabilità morale, infatti, non può che essere misurata sul grado di percezione del senso implicato nei gesti amorosi e di capacità di scegliere in proposito. Sono consapevoli i giovani di ciò che fanno? Mancano forse essi di percepire qualcuna delle implicazioni dei loro gesti? Quali ostacoli si frappongono alla percezione adeguata del senso della loro gestualità amorosa? Quali condizionamenti impediscono loro di accordare le loro scelte al senso percepito? Quanto essi sono responsabilmente coscienti del legame che sussiste tra i gesti del corpo e la comunione personale? La coscienza personale, prima ancora che rispondere di ciò che decide, deve rispondere della sua formazione. La costante dottrina della Chiesa, che certo riconosce alla coscienza personale l'ultima parola sugli atti compiuti, vale nella misura in cui si faccia tutto il possibile per la sua miglior formazione. Come già accennato, questo rimanda al dialogo sincero e costante della persona con lo Spirito di Dio, il maestro interiore della coscienza, dialogo che avviene in modo speciale ascoltando la Parola di Dio, celebrando i sacramenti, condividendo la vita cristiana di una comunità.
Il secondo criterio per la valutazione di gesti amorosi riguarda il grado della comunione raggiunta. Corrisponde il gesto che compio al grado di comunione amorosa realmente vissuto? Il grado raggiunto della comunione amorosa riguarda, nello stesso tempo, il «già» e il «non ancora» della comunione amorosa. In riferimento al «già» della comunione vissuta ci si potrebbe chiedere: con quale intenzione compio un gesto amoroso? È riconoscibile in esso la qualità cristiana dell'amore, esprime cioè un amore che assomiglia, pur da lontano, a quello del comandamento nuovo di Gesù? Rispetto al «non ancora» della comunione integrale, ci si potrebbe domandare: come i gesti che compio esprimono il grado parziale della mia comunione con l'altro/a? Non presuppongo, forse, una comunione personale che ancora non viviamo? Il fatto, per esempio, che la potenziale fecondità implicita in un rapporto sessuale venga sistematicamente esclusa ricorrendo alla contraccezione, o addirittura rinnegata mediante le varie tecniche abortive ('pillola del giorno dopo', RU 486, aborto chirurgico), non segnala la sproporzione di un gesto delle cui possibili implicazioni non si può e non si vuole farsi carico?
Queste domande inducono al passaggio al terzo criterio della valutazione morale dei gesti corporei, riguardante il dinamismo che essi imprimono alla relazione amorosa. La valutazione morale non può arrestarsi al giudizio di «che cosa si fa», ma deve proseguire fino a chiedersi «dove si va». Verso quale direzione ci spingono i gesti amorosi? Quanto inducono a vagabondare nell'amore e quanto, invece, a camminare verso il matrimonio?

c) Il difficile cammino della castità
Dopo aver rispolverato il senso della castità giovanile ed indicato i criteri per valutarla, occorre ancora, prima di concludere, dire una parola sul difficile cammino della castità.
Ammettendo pure che quanto finora detto possa risultare «bello», nondimeno esso potrebbe sembrare «impossibile». «Bello e impossibile»: tale sarebbe l'amore cristiano proposto a due giovani innamorati. Una serie di elementi, non certo irrilevanti, concorrono a rendere improbabile la castità amorosa in età giovanile, o tutt'al più, una sfida eccessiva. Primo fra questi elementi è la stessa natura della sessualità umana, che si presenta come «un divenire fatto di progressioni, fissazioni, regressioni». A causa della sua storia, composta di molteplici stadi e spesso tumultuosa, l'organizzazione psico-sessuale di una persona permane relativamente labile. L'equilibrio delicato a livello psicosessuale risente in modo consistente dei condizionamenti culturali: da questo punto di vista, la cultura secolarizzata del mondo occidentale, sembra sempre più allontanarsi dai canoni dell'amore cristiano. Il principio in base al quale i giovani fanno le loro scelte è quello della «reversibilità», il che trattiene le relazioni amorose dall'impegno serio e duraturo. La maturazione delle relazioni amorose verso la comunione matrimoniale trova oggi non pochi ostacoli: l'aumento degli anni di studio, l'incertezza del mercato del lavoro, l'onerosità delle spese non favoriscono la celebrazione delle nozze, dilatando sine die il tempo del fidanzamento. In questo complesso di problemi, inoltre, anche la Chiesa stenta a trovare un linguaggio in grado di comunicare alle nuove generazioni l'esigente bellezza dell'amore sessuale cristiano.
Il solo accenno alle difficoltà che l'amore giovanile incontra sulla strada della sua maturazione matrimoniale sembrerebbe giustificare l'esercizio anche completo della sessualità al di fuori del matrimonio. Se anche non si volesse arrivare a tanto, sembrerebbe quanto mai difficile far corrispondere la gestualità amorosa al grado parziale di comunione vissuta. E poi, anche per i più convinti, non è immaginabile che, percorrendo una strada così accidentata, si rischi di cadere? Non si pretende troppo dai giovani d'oggi? La saggezza della fede cristiana non manca certo di realismo e conosce, fin dalle sue radici bibliche, la difficoltà della vita cristiana: «Come potrà un giovane tener pura la sua via?» (Sai 119, 9). Non fa nemmeno mistero sul fatto che la difficoltà comporti lunghi tempi, prevedibili cadute e una permanente incompiutezza. Infatti, il Catechismo della Chiesa Cattolica insegna che «la castità conosce leggi di crescita, la quale passa attraverso tappe segnate dall'imperfezione e assai spesso dal peccato» (n. 2343) e, inoltre, che «il dominio di sé è un'opera di lungo respiro. Non lo si potrà mai ritenere acquisito una volta per tutte. Suppone un impegno da ricominciare ad ogni età della vita (cf. Tt 2, 1-6)» (n. 2342). La risorsa che impedisce al realismo cristiano di scivolare verso il pessimismo si chiama perdono. La morale cristiana non accetta compromessi con il peccato, ma insieme conosce l'instancabile dinamica del perdono. Ciò che essa maggiormente teme non è il peccato, ma la presunzione di chi pensa di poter fare a meno del perdono di Dio, o perché non vuole riconoscere il suo peccato, o perché ritiene di non poter essere perdonato.

Conclusione
Rimasto con i soli Dodici al seguito, Gesù osò voltarsi verso di loro quasi sfidandoli: «Forse anche voi volete andarvene?» (Gv 6, 67). Tale sembra oggi la domanda rivolta ai giovani che, in numero ridotto, ancora s'incamminano sul difficile cammino della castità amorosa. A Gesù rispose quel giorno Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna» (Gv 6, 68). Ancora oggi, più che ogni disquisizione sulle regole, sarà il contatto vivo con la Parola di Dio, celebrata e praticata, ad attirare i giovani sui sentieri che consentono di vivere ed apprezzare la bellezza esigente dell'amore cristiano.
(* Don Aristide Fumagalli è docente di teologia morale presso il Seminario di Venegono)

IL LIBRO PER APPROFONDIRE
Aristide Fumagalli
L'AMORE AL TEMPO DEL FIDANZAMENTO
Nuove prospettive sull'etica prematrimoniale
Edizioni San Paolo – 2003

Aristide Fumagalli:
L'amore al tempo del fidanzamento

Inquadrando le osservazioni sull'etica all'interno della più ampia dimensione personale, relazionale e temporale della sessualità, il volume si stacca da una visione rigidamente normativa della morale sessuale, senza per questo rimanere nell'indeterminatezza e senza scaricare sulla sola «libertà di coscienza» la responsabilità delle scelte dei fidanzati.
Chiarisce con fermezza alcuni concetti relativi all'etica prematrimoniale e suggerisce alcuni atteggiamenti che i sacerdoti, gli operatori pastorali, le famiglie e i fidanzati, possono assumere per una corretta evangelizzazione dell'eros e dell'amore di coppia a partire dal momento del fidanzamento.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani5 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini17 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia39 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi78 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid193 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti33 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia36 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco195 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto12 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri131 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia41 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa14 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità28 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia3 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche75 Poli1 politica52 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere89 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma16 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV17 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino2 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Catechismo: il nuovo anno liturgico (immagini e materiale utile)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)