Fatima, Maria e papa Francesco


La prossima canonizzazione dei piccoli Francesco e Giacinta Marto e la presenza di papa Francesco annunciata in occasione del centenario dell'apparizione di Fatima (13 maggio 1917), smentiscono alcune accuse rivolte al papa. Così Introvigne:
L'annuncio del Pontefice secondo cui, nel prossimo viaggio a Fatima per il centenario delle apparizioni della Madonna del 1917, che cadrà il 13 maggio, proclamerà santi i due più giovani veggenti di cento anni fa, Francesco e Giacinta Marto, smentisce una certa immagine di Papa Francesco, di cui si dice che non amerebbe le rivelazioni private. Le canonizzazioni sono frequenti nella Chiesa, ma questa è diversa dalle altre per tre motivi, e apre una nuova fase nella storia del complesso rapporto della Chiesa con Fatima.
Anzitutto, il Papa proclama santi un bambino di undici anni e una bambina che non ne aveva ancora compiuti dieci. È possibile, da bambini, essere già santi? Va chiarito che Francesco non canonizza Francesco e Giacinta perché hanno visto la Madonna. Essere veggenti non significa automaticamente essere santi. La Chiesa ha riconosciuto le apparizioni francesi di La Salette, del 1846, ma non ha mai canonizzato i due veggenti Melania e Massimino. Il Papa scioglie dunque un dubbio antico e dichiara che sì, a nove anni è già possibile essere santi.
In secondo luogo, il Papa risponde implicitamente ma chiaramente alle tante fantasie che circolano in questo anno del centenario su presunti segreti di Fatima che non sarebbero ancora stati rivelati. Ci sono giornalisti che continuano a sfornare libri e articoli che attaccano il Vaticano, accusato di nascondere segreti che magari parlano della crisi della Chiesa e consentirebbero di criticare Papa Francesco.
Il terzo messaggio che viene dalla canonizzazione è che il Papa non è ostile a Fatima. Ci crede anche se per nessun cattolico è obbligatorio credere alle rivelazioni private e ci è anche affezionato. Ma la versione di Fatima che piace a Papa Francesco è quella ridotta all'essenziale. Durante una guerra terribile, la Prima guerra mondiale, la Madonna è apparsa a tre bambini poveri e lì ha invitati a pregare, ricordando che la pace si ottiene con la preghiera, la penitenza e la conversione.  
Su L'Osservatore Romano  Jacques Servais racconta l'evento dell'apparizione e alcune delle conseguenze:
Papa Francesco ha annunciato la sua intenzione di recarsi in pellegrinaggio al santuario di Fátima il 12 e il 13 maggio prossimi, in occasione del centenario dell’avvenimento che dieci anni fa Benedetto XVI ha definito essere «la più profetica delle apparizioni moderne». Dopo l’attentato di cui fu vittima all’inizio del suo pontificato, Giovanni Paolo II ebbe la sensazione che una mano materna avesse guidato la traiettoria del proiettile, salvandolo da una morte certa. La data stessa del tentativo criminale, il 13 maggio 1981, ma anche la memoria trasmessa da suor Lucia nel 1944 — la terza parte del «segreto» di cui egli prese conoscenza immediatamente dopo — lo confermarono nella convinzione che la protezione gli era venuta dalla Vergine di Fátima. Egli affidò, come sappiamo, il proiettile rimasto incastrato nell’auto al momento dell’attentato al vescovo del luogo, che lo fece incassare nella corona della statua del santuario. E volle anche realizzare la richiesta della Vergine con un atto solenne di consacrazione del mondo al suo Cuore, il 25 marzo 1984. Nell’anno 2000, in seguito all’invito del Papa, il cardinale Joseph Ratzinger — allora prefetto della Congregazione per la dottrina della fede — pubblicò integralmente il messaggio, compresa la famosa terza e ultima parte, e ne presentò un commento teologico al fine di mettere fine alle congetture e alle speculazioni.Se l’attuale successore di Pietro si reca a Fátima è certamente per esprimere a Nostra Signora la riconoscenza di tutta la Chiesa per la vita santa e la missione universale di Giovanni Paolo II, ma anche, senza dubbio, per ricordarci che non esiste alcuna fatalità, e che gli avvenimenti della storia mondiale sono affidati anche alle nostre mani, in quanto con la grazia ci è richiesto di prestare il nostro concorso alla costruzione di un mondo più giusto.Ricordiamo brevemente qualche fatto. Il 13 maggio 1917, a mezzogiorno, mentre stanno giocando nella Cova da Iria, la piccola proprietà dei genitori di uno di loro, tre bambini vengono sorpresi da un lampo e, voltandosi, vedono «una Signora tutta vestita di bianco, più splendente del sole, dalla quale si propagava una luce più chiara e intensa di un bicchiere pieno di acqua pura, attraversato dai raggi di un sole ardente». Essi si sentono totalmente immersi in una luce accecante, al punto che in seguito al fatto la più grande, Lucia, non smetterà di ripetere: ella era luce, luce, luce! La Signora si mostrerà di nuovo, nei cinque mesi successivi, a intervalli regolari. Ella tiene le mani giunte sul suo seno e dirette verso l’alto, come per pregare — descriverà ancora Lucia, aggiungendo che dalla sua mano destra pende un rosario. I bambini non fanno fatica a riconoscere in lei la santa Vergine. Con tutto il suo essere, di una trasparenza totale, ella si irradia della grazia dell’Altissimo. Come la luna (Apocalisse, 21), riflette il sole i cui raggi la attraversano. Del resto, la Signora che discosta il velo che separa la terra e il cielo si presenta subito ella stessa come la «Regina del Rosario». È l’«umile serva» (cfr. Luca, 1, 48) che invita ancora a meditare i misteri del Vangelo. E si manifesta per meglio far conoscere il Figlio eterno del Padre che ha donato al mondo con il suo sì senza riserve. Attraverso la punta del suo mantello, irradiante di splendore, è il buon profumo, quasi fisico, di Cristo che ella offre ai tre pastorinhos di Fátima. Accalcandosi subito attorno a loro, la folla immensa che è accorsa, partecipa dello stesso spirito d’infanzia, tutto soprannaturale. Stupita di fronte ai fenomeni straordinari di cui il cielo terrestre è teatro, anche se essa non vede né intende la Signora, dà docilmente credito alla testimonianza dei bambini.A un certo momento il volto, così bello, si fa serio e lascia trasparire un tocco di dolce rimprovero. Ma forse è piuttosto l’espressione di un’intensa afflizione. La Regina del cielo e della terra è sempre la Madre dei dolori che accompagna Gesù sulla via del Calvario. La beatitudine non impedisce di avere il cuore pesante alla vista dello spettacolo che offrono i peccatori: ella piange sul mondo, come aveva fatto davanti a Catherine Labouré, la giovane novizia della Rue du Bac, o sulla nuda cima della Salette. Il suo cuore, osservano i bambini, è come circondato da spine che sembrano affondare in esso. Pensiamo alla profezia di Simeone (Luca, 2, 35), ma anche alle dichiarazioni di Gesù: «È per un giudizio che io sono venuto in questo mondo» (Giovanni, 9, 39); «Molte cose ho da dire di voi, e da giudicare» (Giovanni, 8, 26). Maria rivela ai bambini la sua inquietudine quanto al castigo del peccato che minaccia il mondo. Lei, che era rimasta totalmente silenziosa, contemplativa ed esteriormente inoperosa sulla terra, interviene ora, raccomandando con insistenza di fare penitenza e di sopportare ogni sofferenza per la conversione dei peccatori.È senza dubbio per meglio inculcare la lezione, che ella fa vedere, per un breve istante, una scena dell’inferno. I pastorinhos sperimentano così, interiormente, a cosa conduce la sregolatezza della ragione e della volontà: il castigo che minaccia l’umanità peccatrice. La visione dell’inferno, di cui provano tutto l’orrore, ha per loro la forza di una presenza reale che si impone a ciascuno dei loro sensi. Non dobbiamo abusarne, tuttavia: non si tratta di una sorta di fotografia della condizione dei dannati nell’aldilà, un’opinione che le autorità della Santa Sede hanno creduto di dover scartare formalmente. Diciamo che le immagini visive che si imprimono nel loro spirito con una dura evidenza mostrano, con un linguaggio a loro comprensibile, il rischio della perdizione e del supplizio eterno. L’istante terribile nel quale i veggenti sono esposti fa loro sperimentare l’immensa serietà di una possibile dannazione, ma li impegna soprattutto a «fare dei sacrifici» per «salvare le anime». Nessuno ha diritto di anticipare il mistero del giudizio escatologico concernente i vivi e i morti. Il cammino della salvezza, dice san Paolo, passa attraverso una «fede operosa» in Cristo, che è morto per tutti e al quale tutti partecipano, e con l’«impegno della carità», ma queste due «opere di nostro Signore» sono inseparabili dalla terza, la «fermezza della speranza» (1 Tessalonicesi, 1, 3) riguardo la salvezza delle anime, di tutte le anime (1 Timoteo, 2, 4). Questo cammino è un cammino ecclesiale, un cammino sul quale i cristiani procedono insieme, legati da una solidarietà profonda con tutti gli uomini in favore dei quali essi intercedono e per i quali fanno anche penitenza.Tramite i piccoli veggenti, Maria indica dall’alto del Cielo un mezzo per «salvare le anime dei poveri peccatori»: la devozione al suo Cuore immacolato. Ella è l’unica creatura che ha saputo rispondere con il suo sì incondizionato al sacrificio di Cristo. Intimamente unita a suo Figlio, ai misteri della sua vita, morte e risurrezione, ella partecipa spiritualmente alle sue sofferenze salvifiche. A differenza di suo Figlio, ella non è — certamente — che una semplice persona umana, ma forma un tutto con Lui: il nuovo Adamo si è unito da sempre alla nuova Eva. Gesù, al quale ella deve la sua santità, ha voluto “dipendere” da lei nella sua vita terrena e, nella sua sovrana libertà, egli continua in Cielo, a “dipendere” dai fedeli che si rifugiano sotto il suo mantello di grazia. Anche la Vergine non conosce altro mezzo più efficace che invitare a passare attraverso di lei.In una delle apparizioni, quando la Grande guerra sta volgendo alla fine, la Vergine evoca i rischi di un’altra guerra mondiale ancora peggiore. Se i cristiani allentano la loro vigilanza — avverte anche — la Russia «spargerà i suoi errori attraverso il mondo, favorendo guerre e persecuzioni verso la Chiesa. I buoni saranno martirizzati, il Santo Padre avrà molto da soffrire, diverse nazioni saranno distrutte». Qui conviene ancora una volta afferrare bene il senso di una predizione di questo genere. Un profeta è qualcuno che ha ricevuto il dono di far conoscere alla Chiesa ciò che Dio vuole nel momento presente. La profezia, secondo la tradizione biblica, non consiste nella predizione di un futuro obbligato. «Non si subisce l’avvenire, lo si fa», diceva Bernanos. Ciò che predice il profeta ha una forma condizionata: resta avvolto dal velo di un grande “se”. La Signora mostra a Lucia ciò che secondo la volontà di Dio per il presente non dovrebbe accadere e ciò che, se gli uomini persistono nel loro accecamento e se i cristiani non fanno penitenza, avrà immancabilmente luogo. Quando il Cielo solleva leggermente, come qui, il velo del futuro, è per meglio sottolineare l’urgenza del messaggio. Detto questo, dobbiamo constatare che la predizione si è in parte avverata. La sollecitudine materna di Maria non ha ottenuto il frutto sperato: la conversione della famiglia umana che avrebbe dovuto risparmiarle le sofferenze degli scorsi decenni. A ogni buon conto, gli avvenimenti particolari descritti nella terza parte del “segreto” appartengono ormai al passato.Se voi pregate, se voi vi consacrate — promette la santa Vergine, a nome del Figlio — verrà un regno di giustizia e di pace nel mondo. Dopo Fátima, la Madonna è apparsa in ben altri luoghi ed ella non ha cessato di attestare che questa possibilità esiste ancora. Ella piange sul mondo perché il mondo non vuole togliersi di dosso la sua indifferenza, ma anche per condurlo, attraverso le sue lacrime, alla compassione. Ella ha bisogno del sì delle nostre labbra e delle nostre azioni per aiutare la vittoria del bene sul male. La purezza del suo fiat(cfr. Luca, 1, 38) la eleva al di sopra dei suoi fedeli, ma ella viene sempre di nuovo a noi come «mediatrice di tutte le grazie». Il “favore” (cfr. Luca, 1, 28) che Dio le ha concesso con la sua elezione e la sua (pre-)redenzione l’ha costituita di colpo come concausa della nostra salvezza. La distribuzione delle grazie (Efesini, 4, 11) da parte di Cristo passa sempre attraverso di lei. Le apparizioni sono un richiamo della sua presenza discreta ma efficace nella Chiesa che, in lei, è già «senza macchia né ruga o alcunché di simile, ma santa e immacolata» (Efesini, 5, 27). Davanti all’intorpidimento che oggi si impadronisce dei cristiani, più che mai ella li mette davanti all’ora della decisione. Ella si fa testimone del giudizio imminente, ma sempre ancora indicando una via provvidenziale, che esige da noi un impegno coinvolgente e totale.
Vedi anche: 

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa15 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni73 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus33 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia5 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco191 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita29 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere86 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità66 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video108 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)