#Fase2: la prudenza del Papa e il dibattito tra i cattolici



Rischiamo ancora una volta, anche tra cattolici, di dividerci in fazioni: quella di chi vuole subito poter riprendere a celebrare la Messa (con le dovute attenzioni) e quella di chi ritiene troppo pericolo riprendere subito a celebrarle e inopportuno lo scontro della CEI con il Governo.

Se la reazione immediata infatti, quella capeggiata dalla CEI ha subito espresso il suo sdegno per la decisione di non far celebrare le Messe neanche nella fase2, è stata di quasi unanime condanna, nelle ore e nei giorni seguenti si sono sentite diverse voci ecclesiali, a partire da quella del Papa, più prudenti e dialoganti. Alcune anche a favore della linea espressa del Governo che, nella persona di Conte, ha fatto subito retromarcia annunciando di studiare subito una proposta. 

Lo scrive Avvenire (28 aprile) per il quale già un primo segnale potrebbe arrivare dal 4 maggio, attraverso la possibilità, garantita dall’esecutivo, di celebrare messe all’aperto. Lo anticipano fonti di maggioranza sempre ad Avvenire, aggiungendo che la soluzione, ancorché temporanea, avrebbe il vantaggio – sempre nel rispetto del distanziamento e dell’uso di guanti e mascherine – di non tenere i fedeli in un ambiente chiuso.

Anche La Repubblica (28 aprile) racconta il dietrofront di Conte sulle messe, cominciato domenica sera e pronto a concludersi con l’annuncio: dal 10 maggio potrebbero celebrarsi di nuovo le messe in Italia. All’aperto, dove possibile. Più difficilmente al chiuso, anche se questo dettaglio sarà definito nelle prossime ore. 

Aleteia: "Messe chiuse al pubblico: ecco il documento del Comitato scientifico che ha fatto infuriare i vescovi"


VOCI DISSONANTI:

Iniziamo da quella del Papa che, durante la Messa celebrata ieri a Santa Marta, ha detto:

In questo tempo, nel quale si incomincia ad avere disposizioni per uscire dalla quarantena, preghiamo il Signore perché dia al suo popolo, a tutti noi, la grazia della prudenza e della obbedienza alle disposizioni, perché la pandemia non torni.

Tra i vescovi si è fatta sentire la voce dissonante del Monsignor Derio Olivero, vescovo di Pinerolo, che invita alla prudenza sulle messe a porte aperte: "Il virus è davvero pericoloso, ho rischiato di morire" (Aleteia).

Il quotidiano La Stampa è andato ad intervistare il teologo e rettore della Chiesa di San Lorenzo di Torino, don Giovanni Ferretti, che afferma: "La Chiesa non ha privilegi nello Stato democratico: giusto vietare la frequentazione delle Messe. Siamo in mezzo ad una pandemia, bisogna tutelare la vita delle persone".
Lo stesso sacerdote aveva scritto su Facebook:

La nota CEI dal titolo "Il disaccordo dei vescovi" mi ha profondamente amareggiato, come cittadino, come cattolico e come prete. Vi si accusa il Governo di "compromettere l'esercizio della libertà di culto" con il Decreto sulla "Fase 2" e si "esige" di poter riprendere le Messe con il popolo. Sia per il tono che per il contenuto mi pare un errore politico e pastorale.
Il tono è perentorio, di chi è sicuro del suo diritto e della evidenza delle proprie ragioni. Proprio in tempi in cui veramente c'è poco di certo sul modo di affrontare la pandemia e le restrizioni riguardano non solo un aspetto della libertà di culto ( la Chiesa può continuare a diffondere per TV e nei media tutte le celebrazioni possibili...) ma la libertà di spostarsi, di riunirsi, di insegnare nelle scuole, di andare a teatro a a un concerto, di fare sport. ecc. Perché esigere eccezioni o privilegi e non accettare di dover contribuire con tutti a superare l'epidemia, condividendo la situazione comune della nostra gente?
Quanto al contenuto, mi chiedo: veramente abbiamo come Chiesa italiana un comitato tecnico-scientifico che ci dia valutazioni migliori di quello governativo? E' nostra competenza una tale valutazione? D'altro lato, siamo veramente in grado oggi di assicurare nelle Messe con il popolo, che non vi sarà pericolo di contagio per i fedeli? Sapremo sanificare bene le chiese come richiesto alle fabbriche e ai negozi, con controlli delle ASL e relative sanzioni? Metteremo alle porte delle chiese il controllo della temperatura della gente, un puntuale conteggio del numero contingentato degli ingressi, lasciando fuori gli altri? Sapremo obbligare la gente a tenere in chiesa le distanze richieste, a portare le mascherine, con un servizio d'ordine che faccia uscire chi non si adegua? E il prete celebrerà con la mascherina e lascerà cadere l'ostia dall'alto sulle mani dei fedeli? Che Messe con il popolo sarebbero mai queste?

Una libertà senza responsabilità, lo abbiamo sempre predicato, non è vera libertà. Tanto più quando in gioco c'è la vita delle persone.

Anche don Cristiano Mauro ha espresso, sul sito La Bottega del Vasaio, la sua contrarietà rispetto alla presa di posizione della CEI e scrive: "Non ne avevamo bisogno. I miei pensieri sullo scontro CEI-Governo". Il blog Pietre Vive lo rilancia accompagnandolo con le vignette critiche di Gioba (don Giovanni Berti):


Anche Fr. Michael Davide Semeraro ha scritto su Facebook:
Lettera a un Vescovo
Mattino del 27 Aprile 2020
Carissimo Vescovo,
permettimi di condividere con te la riflessione di questa mattina. Penso alla reazione forte della CEI alladichiarazione del Presidente del Consiglio circa la famigerata "fase 2". Se ho capito bene, si invoca la "libertà diculto" per reagire alla delusione del mantenimento delle restrizioni circa le celebrazioni liturgiche con la solaeccezione per i funerali. Non ritengo assolutamente di conoscere l'insieme della questione e non penso di avere nésoluzioni da proporre, né approcci più saggi di quello di chi è costituito in autorità nella Chiesa. Ma condivido con tequesta suggestione che mi è salita dal cuore passando dalle “ultime notizie” all'angolo della mia cella in cui mi dedico alla Lectio divina:
Libertà di culto o libertà nel culto?
Proprio in forza del Vangelo e del mistero pasquale di Cristo Signore, ciò che ci caratterizza non è solo la libertà di culto, ma anche la libertà da un certo culto, che permette di maturare un bene cristiano prezioso: una libertà nel culto. Se con le altre religioni condividiamo la giusta rivendicazione della libertà di culto per tutti, precipuo di ciò che il Cristo ci ha "guadagnato" è che la nostra pratica di fede non si identifica con il culto. In alcuni momenti, il culto si può trascendere, senza venir meno alla fedeltà discepolare.
Un miracolo che era avvenuto fin qui era la serena alleanza tra la Chiesa, lo Stato e persino la scienza. Gliunici che si sono opposti a questa serena assunzione di responsabilità sono stati i tradizionalisti e quei politicistigmatizzati da papa Francesco in Gaudete et Exsultate 102. Taluni invocano la "religio" e la "christianitas", ma così poco conoscono del profumo sottile e sempre eccedente del Vangelo di Cristo.
Mi auguro vivamente che i vescovi del nostro Paese non prestino oltre il fianco alla tentazione, in nome delculto, di perdere un appuntamento storico per rimettere al primo posto il Vangelo. Anche quando i sacramenti nonpossono essere celebrati, il Vangelo è sufficiente come sorgente di comunione tra i discepoli e di carità verso tutti.
Spero tanto che la nostra Chiesa in Italia non ceda alla tentazione di passare dalla testimonianza appassionata, serena e creativa ad una denuncia di non riconoscimento del "diritto di culto" assumendo la postura di "perseguitata". Questo rischia di rendere vano il grande guadagno di queste settimane difficili in cui siamo stati capaci di vivere inregime di alleanza nella consapevolezza che nessuno sa bene come comportarsi per evitare il peggio e cercare ilmeglio. Non penso che si possa accusare il Governo in carica della colpa di "incertezza", quando la situazione non permette di capire l'evoluzione della pandemia.
Sarebbe un peccato passare dall'accompagnamento dei fedeli a vivere serenamente le restrizioni imposte, alanciarsi in una "crociata" sul diritto alla "libertà di culto". Sinceramente, penso non si possa nemmeno minimamente immaginare che il nostro Governo attuale voglia calpestare la libertà di culto proprio mentre persino i nostri fratelli musulmani, nel tempo sacro del Ramadan, hanno serenamente accettato di viverlo in modo diverso.Forse è più vero che le forze politiche potrebbero approfittare di questa crepa che si è creata nelle ultime ore per farrientrare alcune pressioni tanto "cattoliche" quanto poco "evangeliche". Penso in particolare al senso ampio della vita di fede e l'attenzione ai più poveri.
Come discepoli del Risorto possiamo andare al Tempio come facevano i primi cristiani e "spezzare il pane"a casa. Se questo non è possibile o diventa troppo pericoloso o semplicemente incerto abbiamo sempre le nostre“serene catacombe” dove con fiducia attendiamo tempi migliori senza inutili agitazioni. Il Cristo Signore ci dona,con le sue parole e i suoi gesti, di vivere il culto senza identificarci con il culto.
Il dialogo magnifico tra il Signore Gesù e la Samaritana può esserci di guida, di luce, di pace.
Vedo il rischio di sprecare ciò che siamo stati capaci di recuperare stupendamente in queste settimane prestando il fianco a posizioni che difendendo la religione, in realtà, hanno a cuore la preservazione di un mondo di privilegi e di egoismi. La nostra fede in Cristo ci spinge piuttosto ad una rinuncia unilaterale ai nostridiritti per portare insieme agli ultimi i di doveri condivisi per rendere più prossimo il Regno di Dio. Se anchefossimo gli ultimi tra gli ultimi a ritrovare la possibilità di radunarsi nelle nostre chiese, potremmo portarlo con grazia e perfino con eleganza.
Quando parla un Vescovo si esprime il Collegio dei vescovi, successori degli apostoli. Quando si parla ad un Vescovo, ci si rivolge al Collegio dei vescovi, successori degli apostoli. E' quello che sto facendo all'alba di questogiorno nel tempo che dedico abitualmente alla Lectio divina: attraverso di te chiedo ai Vescovi della Chiesa che è inItalia di non rendere vana la libertà che Cristo ci ha conquistato con la sua morte in croce. Di questo misterol'Eucaristia è memoria irrinunciabile. Eppure, la nostra vita di battezzati - anche senza Eucaristia - è incarnazionenella realtà che rimane più grande di ogni idea dogmatica e di pratica anche cultuale.
In ultimo, mi sento di rammentare che sempre si debba vigilare nel purificare ogni presa di posizione sugli ideali e i principi, dalla nostra paura di aprirci all'inedito e al nuovo accettando anche di rinunciare alla nostra influenza e, persino, al nostro potere religioso. Ti chiedo scusa di importunarti così presto al mattino espero tu possa accogliere la confidenza di un monaco che spera di morire cristiano.
Ti chiedo di benedirmi e di correggermi se ti sembra necessario.
fr Michael Davide
Ho trovato interessanti anche le riflessioni di un altro giovane parroco romano (sempre su Facebook), p. Salvatore Cipolla:
“In questo tempo, nel quale si incomincia ad avere disposizioni per uscire dalla quarantena, preghiamo il Signore perché dia al SUO POPOLO, a TUTTI NOI, la grazia della PRUDENZA e della OBBEDIENZA alle disposizioni, perché la pandemia non torni” (Papa Francesco, 28.4.2020).
Mi hanno molto rasserenato queste sue parole. Perchè non vi nascondo che mi sta disgustando vedere sui social come noi Cattolici, in queste ore, stiamo tirando fuori il peggio di noi stessi! Vescovi, preti e laici stanno combattendo una vera e propria guerra di religione. Io stesso, preso dal momento caldo che stiamo vivendo, più che Pastore ho indossato i panni del tifoso! E di fronte al comunicato della Cei non ho esitato a urlare: Bene.. finalmente.. non se ne può più!! Ma poi, riflettendoci sopra, ho fatto l'unica cosa che in cui riesco bene! Ho pregato! Sono due giorni che prego e medito e mi dico: Ha ragione il Papa! Bisogna essere prudentiI E non correre il rischio di vanificare due mesi di sacrifici e di chiusure. In alcune regioni ci sono nuovi contagi. Se riprendono a salire i contagi rimarremo di nuovo chiusi per altri mesi. Mi domando se sia meglio insistere per la riapertura delle chiese, o se sia meglio avere pazienza ancora qualche settimana, per poi ripartire bene. Me lo domando...
Io non so quale sia la decisione migliore. Il mio invito è: PREGHIAMO TANTO E DI PIÙ, preghiamo per i nostri Governanti e per i nostri Vescovi che siano illuminati a scegliere la cosa migliore.
E fidiamoci/affidiamoci alle loro decisioni.
Non sono due settimane in più di chiusura delle Chiese, a far venir meno la fede nel nostro cuore. Offriamo al Signore il nostro dolore di non poterci trovare insieme fisicamente. Coltiviamo la comunione spirituale. Preghiamo per chi deve decidere. Non facciamoci mancare la Lectio divina, la Messa attraverso i media, la preghiera in casa. Quando si riaprirà, la nostra fede sarà ancora più forte.
Affidiamo ogni decisione alle mani di Maria Santissima e viviamo con fiducia gli eventi, sapendo che la fede nel cuore non si spegne per una settimana di chiusura in più, e che ci ritroveremo a celebrarla e a viverla anche comunitariamente.
Vi benedico
Adista ha ospitato il pensiero, molto critico, di "Noi siamo chiesa" dal titolo: "L’intervento  della Conferenza Episcopale contro il governo è arrogante. La pandemia deve essere invece l’occasione per ripensare le forme della vita cristiana".

VOCI DI SDEGNO, solidali (questa volta) con la CEI:

Ancora una volta capeggiate da Costanza Miriano e da La Nuova Bussola Quotidiana, le voci di coloro che vogliono la Messa subito non vogliono comunque contrastare con le norme di sicurezza che vorrebbero rispettare, ma chiedono che si rispetti anche la libertà di culto.

Proprio a difesa di essa si erge la voce del teologo Pino Lorizio su Avvenire: "Sovranismi, fede, salute d'anima e corpo. Mai più l'incubo del Leviatano".

Avvenire è. ovviamente, dalla parte dei vescovi. Così il suo Direttore, Marco Tarquinio, che usa ora toni più concilianti: "Covid, responsabilità e libertà di culto. Errore serio ma riparabile":

Intendo ripetere semplicemente qui le parole di commento alle dichiarazioni del premier Giuseppe Conte sulla nuova e complessa fase di «convivenza col virus» che ho scritto domenica sera sul nostro sito internet per accompagnare il fermo e accorato (non adirato!) «disaccordo» espresso dai vescovi italiani per il rinvio a data da destinarsi della questione di una pur sacrificata ripresa della vita sacramentale dei credenti. Lo faccio per chi non le ha lette online o le ha lette in fretta e magari le ha salutate come una finalmente aspra "rivendicazione".
Ma ripeto quelle parole anche per chi le ha qualificate come richiesta avventata e irriflessiva di garantire, a pandemia ancora in corso, un privilegio ingiusto per la Chiesa cattolica. Eccole. La cautela e le raccomandazioni con le quali il presidente del Consiglio ha annunciato il graduale ingresso dell’Italia nella cosiddetta Fase 2 dell’emergenza sanitaria da coronavirus sono comprensibili e lodevoli. Anche se si vede la luce, non siamo affatto fuori dal tunnel della pandemia. Ed è giusta e necessaria la fedeltà all’alleanza tra scienza e politica che all’inizio della crisi avevamo auspicato dalla prima pagina di 'Avvenire' in un editoriale affidato alla penna di un grande medico e nostro collaboratore, il professor Walter Ricciardi.
C’è bisogno di competenza e di calibrata fermezza per vincere la sfida rappresentata dal Covid-19. Ma sconcerta, preoccupa e ferisce l’orientamento – maturato, come ha sottolineato lo stesso premier, nel confronto finale tra autorità di governo e 'tecnici' – a negare ancora, per settimane e forse mesi, ai credenti la possibilità di partecipare, naturalmente secondo rigorose regole di sicurezza, a funzioni religiose diverse dai funerali (gli unici finalmente consentiti). È un errore molto grave. Non si può pensare di affrontare una generale 'ripartenza' che si annuncia delicatissima rinunciando inspiegabilmente a valorizzare la generosa responsabilità con cui i cattolici italiani – come i fedeli di altre confessioni cristiane e di altre religioni – hanno accettato rinunce e sacrifici e, dunque, senza dare risposta a legittime, sentite e del tutto ragionevoli attese della nostra gente.
Sarà molto difficile far capire perché, ovviamente in modo saggio e appropriato, poco a poco si potrà tornare in fabbriche e in uffici, entrare in negozi piccoli e grandi di ogni tipo, andare in parchi e giardini e invece non si potrà partecipare alla Messa. Sarà difficile perché è una scelta miope e ingiusta. E i sacrifici si capiscono e si accettano, le ingiustizie no. Fin qui le parole già dette. Poi sono venuti nella notte di domenica e ieri accenti nuovi e diversi sulla questione dal premier e da molte e autorevoli voci politiche e di governo. Gli errori si possono fare e si possono riparare. Dimostrarlo, nel tempo lungo della corresponsabilità che ci sta davanti, darà più forza e più serenità a tutti.
Leggi anche
Anche Andrea Riccardi esprime disappunto rispetto alle decisioni del Governo: sul Corriere della Sera scrive: "Le limitazioni tolgono riferimenti a tutto il Paese":

La giusta preoccupazione per la sicurezza sanitaria non può trascurare le esigenze spirituali. L'ha notato ieri il rabbino Di Segni: «II governo non dovrebbe trascurare le esigenze spirituali delle collettività religiose, ciascuna con le sue specificità».
Il decreto del presidente del Consiglio dell'altro ieri invece aveva ripreso la linea del comitato tecnico-scientifico. Ci si è chiesti subito se tale decisione non contrasse il dettame concordatario e la Costituzione, per cui lo Stato e la Chiesa Cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani». Lo Stato può dire quante persone entrino nello spazio di una chiesa, quali siano le precauzioni, ma non ha diritto di decidere se si possano tenere atti di culto o stare in silenzio. Lo Stato esige dalla Chiesa di vigilare. Sanziona gli irresponsabili, ma non decide in un ordine non suo. Altrimenti, oltre al serio vulnus giuridico, si crea una centralizzazione che blocca la ripresa della società, bisognosa di autonomia responsabile e di energie ricostruttive.
Nonostante le garanzie costituzionali e concordatarie, la Chiesa sembrava trattata peggio di una categoria commerciale: certo non come un servizio essenziale. Con la Chiesa, le altre religioni: l'islam in tempo di Ramadan e gli ebrei, per la cui preghiera è d'obbligo il minian, dieci ebrei maschi presenti. La decisione del governo crea un precedente pericoloso per la libertà religiosa.
La Cei ha reagito con fermezza: «La Chiesa esige di poter riprendere la sua azione pastorale... I vescovi italiani non possono accettare di vedere compromesso l'esercizio della libertà di culto». Ieri sera Conte ha assunto la responsabilità politica di dirsi disponibile a un protocollo per far partecipare tutti i fedeli alle messe. La base dei fedeli e il clero non hanno accolto bene le limitazioni. I leader sovranisti hanno subito cavalcato il malumore, facendosi sostenitori della messa e cercando di delegittimare i vescovi. Il nazional-cattolicesimo non è da sottovalutare. L'hanno colto Zingaretti e il Pd che ieri hanno chiesto la modifica delle prescrizioni.
E poi - diciamo la verità -, agli italiani è stato tolto molto fino ad oggi e molto sarà chiesto in una fase ricostruttiva. Non si possono togliere i riferimenti religiosi, compagnia secolare di tanti credenti di vario sentire o anche non credenti.
Le motivazioni (religiose e non) sono un propulsore decisivo per la ripresa del Paese.


ANCORA:

No ai fedeli a Messa, pregiudizio senza scienza

Sul divieto di Messa con popolo, il Comitato Tecnico Scientifico - ormai trasformatosi in Comitato di Salute Pubblica - dimostra di non avere idea di cosa sono le chiese e di come affluiscono i fedeli, mostrando un'intolleranza che non ha nulla di scientifico.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria39 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie146 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV15 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi3
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry

Canti di adorazione e canti religiosi (dicembre 2017)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)