Papa Francesco, un outsider?


Un interessante articolo di Renato Borrelli per Settimananews su un papa amato e disprezzato, osannato e vituperato...come accade per tutti i profeti.
Eh sì, papa Francesco, l’enfant terrible, l’outsider che si butta a capofitto come un guastatore per stravolgere l’ordine, l’ortodossia, la morale, la sacralità del papato!
Proprio come un altro enfant terrible di 78 anni che, il 25 gennaio 1959, annunciò ad un uditorio stupito e allarmato il proposito di indire un Concilio che cambiò il paradigma della Chiesa semplicemente rispolverando il vangelo: «Ora la Sposa di Cristo preferisce usare la medicina della misericordia piuttosto che della severità… vuol mostrarsi madre amorevole di tutti, benigna, paziente, piena di misericordia e di bontà, anche verso i figli da lei separati» (Giovanni XXIII, Discorso di apertura del Concilio, 11 ottobre 1962).
Esattamente quello che sta facendo papa Francesco. «L’architrave che sorregge la vita della Chiesa è la misericordia. Tutto della sua azione pastorale dovrebbe essere avvolto dalla tenerezza con cui si indirizza ai credenti, nulla del suo annuncio e della sua testimonianza verso il mondo può essere privo di misericordia» (Misericordiae vultus n.10 ).
«La Chiesa deve essere il luogo della misericordia gratuita, dove tutti possano sentirsi accolti, amati, perdonati e incoraggiati a vivere secondo la vita buona del Vangelo» (EG 114).
Ritorno al Concilio
La rivoluzione iniziata da papa Francesco, oltre ad essere frutto della sua personalità e dell’esperienza particolare di arcivescovo di una capitale in cui convivono sfrontate ricchezze ed estrema povertà, è la risposta alle richieste avanzate nelle riunioni preparatorie al conclave.
Anche il concilio Vaticano II, oltre che dal papa, fu portato avanti da illuminati rappresentanti dell’episcopato non solo italiano, ma soprattutto da quello proveniente dalle Chiese diffuse nel mondo, distanti anche mentalmente da una teologia di scuola ligia agli ordini di scuderia e tale da passare sopra la testa della gente.
Un famoso formatore di clero degli anni ’60 diceva, con un tono sarcastico, che d’oltralpe erano calati fior di teologi con le loro carrette colme dei loro libri per “imporre” il loro pensiero.
Il riferimento, non tanto velato, era rivolto a De Lubac, Rahner, Congar, Chenu, Ratzinger, Häring e a tutti quei teologi periti conciliari ai quali si deve la redazione di molti documenti, rifiutando il materiale già approntato da chi pensava di neutralizzare le novità del Concilio.
Chi non accetta papa Francesco non ha accolto o ha digerito male il Concilio. C’è insomma chi tuttora «ha paura del Concilio», a dirla con Ruggieri-Melloni. Papa Francesco invece non ha paura, anzi «riprende la Chiesa esattamente dal punto in cui il Concilio l’ha lasciata, dopo quasi cinquant’anni di traversata del deserto. Egli è un “papa messianico”, perché riprende la promesse messianiche che riguardano i beni più essenziali dell’umanità, la pace, la giustizia, l’unità umana, e perché ripropone, come se fosse annunciata oggi, l’esegesi messianica di Dio fatta dal Figlio, di un Padre di misericordia, di un Dio senza violenza, che, se fosse solo un Dio di giustizia e non anche di misericordia, non sarebbe neanche Dio» (Raniero La Valle).
Posso capire quelli della nuova generazione, ma dove stavano negli anni 50 e 60 e oltre gli oppositori ormai canuti, quando quei teologi elaboravano la nuova teologia anche pagando di persona? Quella teologia non era affatto arbitraria, bensì la risultante di un movimento di rinnovamento che, come un fiume carsico, da tempo spingeva al rinnovamento liturgico, biblico, patristico, ecumenico.
Il fatto poi che un certa fascia di clero giovane si opponga sottilmente al rinnovamento fa capire che la teologia che hanno studiato è passata sopra le loro teste.
Diffidenze immotivate
È impressionante notare, in una rilettura della storia delle reazioni al concilio Vaticano II, la sovrapponibilità di quelle negative di allora con quelle di oggi nei confronti di papa Francesco! Perfino nel sentore che si avverte oggi di uno scisma strisciante, che allora diventò purtroppo effettivo e annovera anche simpatizzanti tra i nostalgici del passato, i quali però ignorano, del passato, quanto enunciato chiaramente dal Vaticano I a proposito del sommo pontefice! Darebbero di lui giudizi più rispettosi della sua autorità spirituale, né starebbero a fare le pulci ad ogni suo discorso per trovarvi il pelo nell’uovo.
Chi, fra i censori, si scandalizza per le aperture di Amoris laetitia ignora che sono il risultato del Sinodo sulla famiglia, con alcune puntualizzazioni che hanno indicato una nuova rotta, ma sempre nel solco del pensiero teologico e morale avente come capofila san Tommaso. Francesco non è un temerario sprovveduto.
Nella Relazione del Sinodo si dà conto dei placet e dei non placet: questi ultimi fanno tuttora sentire il loro peso. Le obiezioni che vengono mosse, a volte, fanno venire il sospetto che non si sia letto a fondo quel documento e che sia sfuggito il paradigma della misericordia, dell’accoglienza, dell’inclusione, dell’accompagnamento, in linea con l’atteggiamento di Gesù e con quanto espresso anche da Giovanni Paolo II in Redemptor hominis («l’uomo è la via della Chiesa» ) e da Benedetto XVI in Deus caritas est. È la logica evangelica che ha guidato i santi della carità di ieri e di oggi.
Anche nei confronti di Evangelii gaudium si manifesta in alcuni settori una certa diffidenza. Evangelii gaudium è la magna carta in cui Francesco ha espresso molto bene le linee guida del suo pensiero e del suo pontificato: una svolta, ma nel solco della genuina tradizione. Basti guardare l’indice delle citazioni. Non si può affermare – come ho sentito dire – che il papa avrebbe “copiato”! Sì, proprio così. Ma da chi? Il saggio sa trarre dal suo cuore cose nuove e cose antiche!
Un papa… sprovveduto?
Ho l’impressione che molti non seguano gli insegnamenti pronunciati dal papa nelle udienze, all’Angelus, nelle omelie in Santa Marta e in altre circostanze. Vanno piuttosto spigolando frasi isolate dal contesto per dimostrare che il papa è… eretico, sorvolando sugli insegnamenti di vita presenti nel grande solco della spiritualità cristiana di cui è sostanziato il suo pensiero.
L’obiezione circa il retroterra teologico di papa Bergoglio non ha senso. Basti pensare che fu mandato dai superiori a Francoforte per preparare la tesi di dottorato su Romano Guardini, teologo e pensatore di grande rilievo e densità. Il fatto che sia stato poi destinato ad altro incarico, dovendo quindi interrompere quella ricerca, sta a dimostrare che il Signore sa scrivere dritto anche sulle righe storte di certe disposizioni dei superiori.
Non tutti i papi sono stati docenti di teologia; comunque Bergoglio ha un curriculum accademico, anche come docente, di tutto rispetto. Basterebbe leggere i suoi testi redatti da arcivescovo e prima ancora, per accorgersi della solidità teologica condita di spiritualità ignaziana, unita alla costante preoccupazione di essere aderente alla realtà, secondo la migliore teologia della liberazione nella quale egli si è formato alla scuola di grandi maestri.
Basterebbe rileggere l’omelia nella cattedrale di Buenos Aires del 25 maggio 2002, quando la crisi economica del Paese era giunta al culmine: «Abbiamo vissuto molte finzioni, credendo di appartenere al primo mondo, siamo stati attratti dal vitello d’oro della stabilità consumistica e folleggiante di alcuni, a costo dell’impoverimento di milioni. Quando oscure complicità interne ed estere si trasformano in un coacervo di atteggiamenti irresponsabili che non esitano a spingere le cose al limite senza badare ai danni. Dobbiamo riconoscere con dolore che sia tra i nostri sia tra gli avversari ci sono molti Zaccheo, con diversi titoli e responsabilità; Zaccheo che si scambiano ruolo in uno scenario di cupidigia quasi autorevole, a volte con travestimenti legittimi».
Parole di fuoco ma dense, rivolte ai governanti e a coloro che detengono il potere, «responsabili delle sofferenze altrui e della distruzione provocate dai loro giochi, e le ricchezze diventano, per loro, solo pedine di una scacchiera, numeri, statistiche e variabili nella pianificazione di un progetto». Così attualizzava l’episodio di Zaccheo, coniugando vangelo e vita reale, mostrando la preoccupazione preponderante per la nazione e per il popolo sofferente, propria di un profeta.
Walbert Buhlmann nel 1974 scriveva: «La Chiesa sta in funzione del mondo e non viceversa. Essa ha il dovere di domandarsi dove e come questo mondo è oscuro, fatiscente e senza salvezza e ha bisogno di essere aiutato. È quindi il mondo che stabilisce l’ordine del giorno. È a partire dai suoi bisogni che la Chiesa deve concepirsi come sacramento della salvezza. Questo mondo in fermento è il luogo teologico della Chiesa, non solo come punto finale, come partner a cui ella si rivolge, ma come elemento costitutivo in cui si attua il lieto messaggio del Vangelo». È un testo che spazza via ogni autoreferenzialità da parte della Chiesa, tema tanto caro a papa Francesco (EG nn. 8.28.95.173.263).
Il testo di Buhlmann fa parte di quella teologia che aspirava al rinnovamento della Chiesa e alla «trasformazione della Chiesa come compito e come chance» (Rahner), e che certamente ha avuto un ruolo importante nella formazione di Bergoglio che, da papa, ha superato le aspettative di chi provava ad «immaginare un sinodo annuale dei presidenti delle Conferenze episcopali continentali intorno al papa. Si tratterebbe di creare un gruppo di otto o dieci persone al massimo, cioè del numero ideale per un effettivo lavoro comune» (Ghislain Lafont, Immaginare la Chiesa cattolica, 1995, pag. 197 ).
Il linguaggio colloquiale: ecco un’altra difficoltà per alcuni. Se si leggono le encicliche di Benedetto XVI ci si accorge che proprio il teologo Ratzinger ha inaugurato quello stile. Certuni forse vorrebbero che si tornasse al “noi”.
Anticipazioni e convergenze
Tornando ai teologi a cui accennavo all’inizio, vorrei in modo rapsodico mostrare le anticipazioni e convergenze al contempo con quanto sta dicendo papa Francesco.
L’argomento richiederebbe ben altro spazio ovviamente: mi limiterò ad un raffronto con quanto va enunciando papa Francesco e quanto scriveva 50 anni fa Karl Rahner, che definì l’evento del Concilio «l’inizio di un inizio», una sorta di moto in continua espansione di una Chiesa attenta allo Spirito che spinge ad una riforma e ad un rinnovamento continuo.
Papa Francesco afferma: «Ricordando che il tempo è superiore allo spazio, desidero ribadire che non tutte le discussioni dottrinali, morali o pastorali devono essere risolte con interventi del magistero» (AL 3).
Posso ben immaginare le reazioni che dimenticano o ignorano quello che scriveva Rahner: «Si pensa erroneamente che il papa, qualora non voglia compromettere la sua autorità, debba comunque a brevissima scadenza o quanto meno in breve lasso di tempo, prendere una decisione dogmatica o morale su ogni problema affiorante sul tappeto; mentre, in realtà, tanto per fare un esempio, la cosiddetta questione della grazia che ai suoi tempi eccitava tanto gli animi, da Paolo V non è stato affatto decisa rimanendo aperta fino ai nostri giorni (La grazia come libertà, pag. 252 ).
Quando papa Francesco nel capitolo ottavo di AL (e non solo in esso) applica il paradigma misericordia (non certo in modo semplicistico, ma con i “piedi per terra”) alle situazioni concrete, c’è subito chi vede franare i fondamenti della morale, giungendo «a pensare che la Chiesa possa cambiare i principi dell’intera morale sessuale o i suoi ultimi fondamenti, semplicemente perché, nelle applicazioni concrete di tali principi, per il passato sosteneva (autoritativamente, ma non in maniera dogmatica e quindi definitiva) una concezione, che magari adesso va sottoposta a revisione…
La Chiesa non è affatto un blocco monolitico svettante sopra il tempo e sopra la storia, bensì un’entità genuinamente umana, sia pure fondata da Dio tramite la grazia di Cristo: un’istituzione destinata a portare il peso della storia, evolvendosi coraggiosamente nella sua concezione della fede e adottando coraggiosi cambiamenti nella sua vita pratica, proprio per restare sempre la perenne colonna della verità e lo spazio vitale dell’esistenza umana (Rahner, pagg. 351-352).
Francesco descrive un certo neognosticismo come «elitarismo narcisista e autoritario dove, invece di evangelizzare, si analizzano e si classificano gli altri, e invece di facilitare l’accesso alla grazia si consumano le energie per controllare… Ci comportiamo come controllori della grazia e non come facilitatori. Ma la Chiesa non è una dogana, è la casa paterna dove c’è posto per ciascuno con la sua vita faticosa» (EG 94 e 47).
Non bisogna dimenticare che «la strada della Chiesa è quella di non condannare eternamente nessuno; di effondere la misericordia di Dio a tutte le persone che chiedono con cuore sincero… Sono da evitare giudizi che non tengono conto della complessità delle diverse situazioni, ed è necessario essere attenti al modo in cui le persone vivono e soffrono a motivo della loro condizione» (AL 296).
Ecco cosa scriveva al riguardo Rahner: «Fra i cristiani c’è parecchio in voga l’idea che, dal lato cristiano, tutto sia in ordine quando la Chiesa non vi eleva contro un’apodittica protesta solennemente scagliata dal pulpito. Una mentalità del genere deve venire eliminata nella Chiesa mediante una paziente e perseverante istruzione. Questo imprescindibile dovere non può venire soddisfatto da una casuistica sempre più sottile, tendente a regolare tutto per via ufficiale fin nei minimi particolari concreti» (pag. 360).
Le circostanze attenuanti
Forti reazioni e dubbi si sono manifestati nei confronti di quanto Francesco afferma al n. 300 di AL: « Il grado di responsabilità non è uguale in tutti i casi, le conseguenze o gli effetti di una norma non necessariamente devono essere sempre gli stessi». Alla nota n. 336 aggiunge: «Nemmeno per quanto riguarda la disciplina sacramentale, dal momento che il discernimento può riconoscere che, in una situazione particolare, non c’è colpa grave». Apriti cielo! Eppure, è dottrina morale tradizionale quella delle circostanze attenuanti.
«La Chiesa possiede una solida riflessione circa i condizionamenti e le circostanze attenuanti. Per questo non è più possibile dire che tutti coloro che si trovano in qualche situazione “irregolare” vivano in stato di peccato mortale, privi della grazia santificante. I limiti non dipendono semplicemente da un’eventuale ignoranza della norma. Un soggetto, pur conoscendo bene la norma, può avere grande difficoltà nel comprendere i valori insiti nella norma morale o si può trovare in condizioni concrete che non gli permettano di agire diversamente e di prendere altre decisioni senza una nuova colpa… Già san Tommaso d’Aquino riconosceva che qualcuno può avere la grazia e la carità, ma senza poter esercitare qualcuna delle virtù…, perché l’agire esterno di questa virtù trova difficoltà» (AL 301,302,303,304 ).
Ed ecco le affermazioni di Rahner al riguardo: «Non è detto che un’effettiva colpa sussista nel singolo individuo, allorché questa coscienza soggettiva viene messa a confronto con la dottrina ufficiale della Chiesa vista come autorità formalmente vincolante; no, perché pure in questo caso, nonostante nel soggetto esista un’intelligenza e un libero arbitrio di normale levatura, la facoltà morale di giudicare le cose (ossia la capacità di “di realizzazione” soggettiva) può lo stesso rimanere al di sotto dell’esigenza oggettiva, sebbene concettualmente l’esigenza oggettiva sia stata compresa a fondo e la basilare autorità della Chiesa non venga contestata… Molti incontrano il Signore già sulla piazza della vita quotidiana, quando sanno prestare ascolto disinteressatamente e sinceramente alla voce carica d’energia trasformatrice della loro coscienza, quantunque – data la situazione in cui versano – non siano ancora giunti a quella sacra mensa della Chiesa in cui il Signore celebra con noi la sua santa cena» (Rahner, pagg. 353-357 e 269).
Certo, gli scritti di Karl Rahner non sono magistero, ma quello dei teologi è pur sempre un “magistero” che, se interiormente orientato al sensus Ecclesiae, ha fatto e fa da propellente.
Rahner nel 1981 in una sua lettera mi ringraziava umilmente per aver idealmente scelto come maestro lui che in Italia, da un certo cardinale, era ritenuto un eretico. Mica solo allora: tuttora c’è chi pubblica libri per dimostrare la stessa cosa estrapolando dal contesto alcune sue frasi. Proprio come fanno con gli scritti di papa Francesco!
Concludo con una poesia di Lothar Zenetti:
– Chiedi a 100 cattolici. Quale è la cosa più importante della Chiesa? Risponderanno: la messa.
– Chiedi a 100 cattolici quale è la cosa più importante nella messa? Risponderanno: la mutazione (del pane e vino in Corpo e Sangue di Cristo).
– Di’ allora ai 100 cattolici che la cosa più importante della Chiesa è la mutazione. Si infurieranno: No! Tutto deve restare com’è!
Per fortuna, a rendere più sereno l’orizzonte ci sono tutti gli altri che hanno la mente aperta e sanno ben distinguere la Tradizione dalle tradizioni e da sempre sognano una Chiesa che sappia presentarsi e trasformarsi «da museo a giardino».

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa15 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni73 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus33 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia5 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco191 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita29 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere86 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità66 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video108 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)