Coco, presto in dvd, e gli spunti di riflessione (per un possibile campo estivo?)


E' il film d'animazione più importante della stagione e uscirà a fine aprile in dvd. Distribuito dalla Disney e prodotto dalla Pixar, racconta la storia di un ragazzo che vivrà un'avventura per dimostrare il suo amore per la musica. Ha vinto 2 Premi Oscar, un premio ai Golden Globes e un premio ai BAFTA

Cattonerd e le Paoline hanno elaborato delle schede pastorali che possono essere utili per un eventuale utilizzo del cartone animato per campi estivi o altri momenti formativi per bambini.

Ecco la recensione di Cattonerd:

L’indissolubile legame tra cielo e terra

Coco, l’ultimo film di animazione nato in casa Disney Pixar, racconta la storia di un bambino, Miguel, che si ritrova a fare un viaggio nell’oltretomba accompagnato da un cane che si chiama Dante (!), e rilancia in maniera intrigante temi molto insoliti come il senso di appartenenza e la forza del perdono, e quanto sono importanti uniti al tema del cosa c’è dopo la morte!
Affronta questo viaggio perché scopre che il suo talento per la musica, tanto ostacolato dalla sua famiglia terrena, in realtà è fondato comunque nei legami di sangue con il suo defunto e sconosciuto trisavolo, la cui memoria è stata volutamente obliata dal clan famigliare proprio per colpa della musica, o meglio, in seguito dall’abbandono da parte sua della propria famiglia, per inseguire il suo sogno da musicista.
Attenzione, SPOILER alert!
La mancanza di una benedizione e un perdono non dato, metteranno a serio rischio la sua vita e la possibilità di far ritorno al mondo dei vivi.
Come è facile comprendere, ciò che rende speciale questa storia è il suo sistematico infrangere tanti luoghi comuni che facilmente potevano essere appiccicati a una trama di questo tipo, ma soprattutto di farlo a favore di una serie di contenuti e simboli, più cristiani di quel che si pensa, che sembravano essere stati accantonati, in modo abbastanza definitivo, almeno nell’ultimo decennio di film di animazione.
Tanto per dirne una, secondo voi è un caso se la storia va avanti sempre spinta dalla musica e la città di origine di Miguel e dei suoi avi si chiama proprio come la patrona dei musicisti “Santa Cecilia”? Oppure, il dettaglio della croce appesa al muro in casa di Miguel? Il film veniva bene anche senza…

L’importanza delle ricorrenze


Questo è più o meno ciò che potete vedere per strada in Messico nella Día de Muertos, ovvero il Giorno dei Morti. Il technicolor tuttavia non rende giustizia all’allegria  e alla musica che unite alla devozione rendono questa festa un evento imperdibile.
Lo strabiliante ponte di comunicazione tra mondo dei vivi e mondo dei morti avviene, secondo le tradizioni messicane, durante una festa ritenuta importantissima: la Día de Muertos, ovvero il Giorno dei Morti.
La vicinanza di calendario con un fenomeno di carattere carnescialesco quanto commerciale, quale è diventato Halloween, è completamente silenziata a favore di una tradizione che ha a che fare con la sepoltura vera dei defunti nel cimitero e il loro ricordo sentito.
Allo stesso tempo si rompe anche con l’usuale compunzione funerariache siamo soliti sfoggiare qui da noi per darci un tono in quelle date, perché in Messico si tratta di una festa celebrata con musica, bevande e cibi tradizionali dai colori vivi, nelle piazzole del cimitero e, secondo gli ideatori di questo film, persino nell’aldilà o quanto meno nella sua prima tappa.
La festa è così importante da assumere la rilevanza che per noi hanno i festeggiamenti di San Silvestro e Capodanno ed ecco che, quindi, anche l’uscita in Italia in prossimità di queste date, non è così fuori luogo come poteva sembrare.
In ogni caso parliamo sempre di ricorrenze molto festose nelle quali il posto di onore è dato alla commemorazione di chi non c’è più. Questo istintivamente diremmo che ha davvero poco a che fare con un sentimento di baldoria, eppure accade.
Ma è davvero tutto qui?

La ofrenda è un simbolo, ma di che cosa?


Questo è un tipico altarino per ofrenda messicano, con le foto esposte di tutti i parenti benedetti e amati dalla famiglia. Nel Sud Italia, posso confermarlo, anche al di fuori di una ritualità complessa come quella della ofrenda, nelle case più umili non mancava mai almeno un quadretto devozionale appeso a un muro tutto l’anno, accessoriato di lumicino, con le foto dei genitori e/o dei nonni defunti. In mancanza, si sfoderava l’artiglieria pesante: immaginette dei Santi, rosari e quadri votivi!
La ofrenda è una offerta di fiori, cibi o oggetti donati su un altarino di famiglia, ai defunti, per quella notte l’anno in cui si ritiene che tornino a far visita ai parenti in vita. Saremmo portati a pensare che sia solo opera di fantasia, un rito stucchevole e molto folckloristico a cui credono solo in Messico.
E invece no. Esistono tradizioni analoghe anche in tantissimi altri posti al mondo, inclusi molti comuni d’Italia, dove per una notte all’anno si lascia qualcosa per omaggare la visita dei defunti.
A dire il vero col passare del tempo e l’evolversi delle tradizioni sembra sia riconducibile proprio a questo rito anche l’offerta in latte e biscotti al panzone in calzamaglia rossa e alle sue renne, ma l’ofrenda vera, letta in un contesto più religioso, ha un valore davvero profondo.
Con l’ofrenda si rinforza il ricordo e, in questo, il riconoscere di avere delle radici, poiché non siamo ciottoli sparsi sullo spiazzale dell’universo. La famiglia è finalmente concepita come valore a sé, il senso di appartenenza come fondante per la vita del singolo.
Sentii una volta la storia della colomba che si lamentava dell’aria che le rendeva faticoso e difficile il volare e poi scopriva che in realtà era l’unico supporto di cui le sue ali non potevano fare a meno per sostenersi nel volo. Nel caso di Miguel avviene qualcosa di simile nel rapporto con la sua la famiglia: si trasforma da ostacolo a risorsa, nel momento in cui accetta e comprende di esserne davvero parte.
Adesso, la domanda che possiamo porre a noi stessi è : in fondo, siamo davvero convinti di essere tutti parte di qualcosa che è iniziato prima di noi ed è destinato ad andare oltre, e che questo qualcosa ci è di reale sostegno?
Cosa può dirci di più il vivere questa esperienza all’interno della cristianità?

Dies natalis – dies mortis


I legami stabiliti nel mondo dei vivi sono anche più forti in quello dei morti 
C’è un dettaglio che rende ancora più significativa l’ideazione del film  Coco: sulla terra dei vivi, i morti sono solo ombre invisibili ai viventi che tornano con tanta tenerezza a far loro visita, ma quando Miguel in carne ed ossa attraversa il ponte dell’aldilà, la sua immagine diviene più nitida, come a voler dire che di là le cose sono più vere e, in qualche modo più … complete.
Il cristianesimo ci aiuta a precisare questa visione.
Per la Chiesa addirittura, il giorno della nascita dei suoi figli, il dies natalis, corrisponde proprio con il giorno della morte e questo approccio non è un vezzo o un desiderio per essere fuori di melone originali, ma risponde all’idea che la Chiesa ha della morte, che è molto più speranzosa, riguardo al destino ultimo dell’uomo. La Chiesa non vede nella morte una tragedia che ci seppellisce nel regno del nulla, ma la porta che ci introduce in una nuova vita, una vita senza fine.
Il sapere che un giorno ci rivedremo non può che essere per noi motivo di gioia. Il desiderio di un tempo per ritrovarsi e dirsi “sei ancora tra i miei pensieri, ma mi manchi”, non è un sentimentalismo vano, ma risponde a una realtà profonda che si concretizza nella pratica del ricordo.
Possiamo farlo pregando i nostri defunti o per loro, così come proposto con le opere di Misericordia, ma c’è di più.
La Chiesa offre in realtà un ulteriore bonus di intensa comunione con chi è già dall’altra parte del Velo del Tempo, durante ogni celebrazione dell’Eucarestia. Lì ci congiungiamo a tutti coloro che sono membra di Cristo, perché Chiesa militante e Chiesa trionfante partecipano della stessa Grazia. (Vi ricorda niente “sia che viviamo sia che moriamo siamo di Cristo”? cfr. Rm 14,7-12).
Nulla potrà dividerci in eterno, perché apparteniamo a qualcosa (o Qualcuno) di più grande che ci custodisce proprio nell’amore, e abbiamo bisogno del ricordo di quell’amore, che ancora ci lega, per non smarrire…noi stessi(!) e sperare prima o poi di poter tornare a prendervi parte pienamente.
Come si intuisce, in ciò, la trucidità e la rozzezza di una banale invasione di zombie, ha la stessa pertinenza di un petofono in sacrestia, infrangerebbe con cattivo gusto la nobiltà della natura di ciò di cui parliamo e il film riesce persino a tenerne conto, ma senza far mancare risvolti buffi e umoristici.
Nota bene: all’opposto di questo desiderio di comunione con tutti, c’è proprio l’atteggiamento di Voldemort che farebbe volentieri a meno della pietra della resurrezione, proprio perché non ha il benché minimo interesse a ritrovarsi faccia a faccia con le vittime della sua crudeltà.
Per chi non conosce amore, gli altri possono essere solo pericolosa feccia ribelle e l’importanza del ricordo, del legame e dell’appartenenza, semplicemente non hanno senso.

Possesso o senso di appartenenza? La differenza è nella forza del perdono

Nella prima parte del film appare chiaro come il clan famigliare demarca nettamente l’appartenenza al clan stesso con i tratti del possesso che rende avvilente la dipendenza e l’asservimento assoluto richiesto a Miguel. In più modi gli chiedono di giurare di non avvicinarsi mai più al mondo della musica, e con altrettanta rabbia lui scappa via dicendo che della famiglia non gliene importa più un fico secco. Ma una vera famiglia non è questo. Se è onesta con se stessa e di fronte alla realtà, può far evolvere lo stile di appartenenza in ciò che più genuinamente è.

L’appartenenza a una famiglia, soprattutto se cristiana, non ha limiti terreni.
Appartenere si compone di “ad”, “pars” e “tenere”, e significa far parte, sentirsi parte di qualcuno o di qualcosa. Si appartiene quando ci si sente amati per quello che si è, quando si è integrati pienamente con tutte le proprie risorse e anche con i propri limiti, quando il sentirsi uniti dà pienezza alla vita di tutti.
Nel film “Coco” si evidenzia bene come la necessità di stare uniti e la forza che nasce da questa unione, vale non solo per la famiglia terrena, ma ha ripercussioni da e verso quella ultra-terrena. E là dove vi è un perdono non dato questo crea una sofferenza indicibile che tocca anche chi, come Miguel, non ha nulla a che vedere con quella relazione di amore bloccata. Siamo tutti indissolubilmente legati. Non è superstizione o magia, ma qualcosa di tangibile: la benedizione è interrompere la catena del male che chiama altro male, ovvero, di chi ha subito male e ne fa a sua volta e via dicendo.
A questo punto appare davvero formidabile il binomio tra la necessità di una benedizione e quella di perdono, e di come sia il perdono che l’odio possono avere ricadute che superano i confini del tempo e delle generazioni… ma non vi diciamo altro perché possiate ancora gustarvi il film! Tuttavia, senza pericolo di spoiler, possiamo dirvi che quando si trascende l’umano per arrivare a considerare Dio stesso come Autore del Perdono ( e questo Maria SS. lo sapeva benissimo visto che lo cantava nel Magnificat riportato in Lc 1, 39-55 ), la potenza e l’ampiezza delle dinamiche che si innescano supera le nostre piccole storie per arrivare a smuovere il cosmo intero!

Una curiosità: i mariachi!

All’inizio del film è molto simpatica la scena in cui un mariachi incoraggia Miguel ad esibirsi offrendosi di essere il suo primo spettatore, ma la nonna lo dissuade minacciandolo con una sola (!) ciabatta.

Il sensazionale utilizzo di una ciabatta a scopo dissuasivo, impedisce a Miguel di esibirsi di fronte al suo primo vero e interessato spettatore, un mariachi.
Ci siamo chiesti: quale origine ha questo nome, che si scrive mariachi e si pronuncia mariàci?
Vi sono varie teorie, qualcuno ritiene che derivi dalla parola francese marriage (matrimonio) perché i mariachi si ritrovavano sovente ad animarli musicalmente; altri ancora fanno  riferimento a  un termine indigeno che indica l’albero di mogano, il cui legno viene utilizzato per le arcaiche chitarre e gli strumenti più caratteristici della tradizione messicana, tra cui anche il cajon. Tuttavia sono saltati fuori dei documenti parrocchiali che provano che il termine era in uso già prima dell’arrivo dei francesi in terra messicana, ma non esisteva prima dell’arrivo dei conquistatori europei, e che poi tra gli strumenti usati non vi erano solo dei legni… Se pensate oggi alla musica messicana la prima cosa che vi viene in mente sono infatti proprio le trombe.
La nostra preferenza va per la terza opzione e cioè che il nome dei mariachi discenda originariamente da una profonda venerazione della Vergine Maria, omaggiata anche dai ceti più umili con musiche e canti dal carattere molto coinvolgente. Non è insolito che quando un mariachi si esibisce vi siano spettatori che si sentano chiamati a partecipare attivamente alla esibizione.

Conclusione

Il tema della morte non è trattato con cupezza, ma anzi, serve a ricordare quant’è importante vivere veramente e pienamente la vita. Il senso del tutto è dato dall’amore che ci lega agli altri anche se sono andati in contro al Creatore prima di noi. Il passaggio che segna la maturazione psicologica dello spettatore (e quando andate a vederlo al cinema, non scordatevi di portarvi in sala una piccola scorta di fazzoletti), avviene attraverso Coco, che non è il secondo nome di Miguel, bensì quello della la sua bisnonna. Nella sua impotenza si scopre essere un personaggio chiave indispensabile per generare una svolta nelle sorti dell’intera famiglia grazie alla forza del ricordo.
L’amore anima il ricordo e rende possibile il contatto tra due mondiapparentemente lontani. Cristianamente sappiamo che sono più vicini che mai, grazie all’irrompere della Rivelazione di Dio che ci ha chiamati “figli” e a essere parte di Sè, in modo abbastanza palese almeno da Gesù ad oggi. Il ricordo delle persone amate protegge i nostri cari dall’oblio e ci fa sperare nel fatto che tutti ci ritroveremo prima o poi, quando la morte sarà davvero l’ultimo nemico da sconfiggere. È sempre l’amore che tiene in vita anche le persone vive perché altrimenti, senza, il vivere non avrebbe più senso.
Ed infine che l’amore che si sprigiona da una benedizione ha davvero il potere di rimetterti al mondo (oltre a colorare i fiori di un arancione così sfolgorante che è davvero una goduria per gli occhi!!!).
Per approfondimenti e info segnatevi questo  indirizzo: Paolo di Tarso , mail 1Cor 13, 1-13!

Paolo di Tarso: “Ora conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch’io sono conosciuto”

Questa è invece la scheda delle Paoline:
Un simpatico ragazzo messicano sogna di diventare musicista, ma per qualche inspiegabile motivo nella sua famiglia la musica è proibita. Tuttavia Miguel non desiste e la sua tenacia lo porta a vivere un'incredibile avventura alla scoperta dei suoi antenati.

Il Film

Coco, prodotto dalla Pixar, racconta la storia di Miguel e del suo grande desiderio di diventare musicista. Il film è ambientato in Messico dove il ragazzo vive con i genitori. I Riveras, la sua famiglia di calzolai, vede però la musica come una rovina fin dai tempi in cui la bisnonna Imelda fu abbandonata dal marito per rincorrere il suo sogno di musicista. Questa opposizione però non arresta Miguel nella sua passione, grazie anche ai suggerimenti del cantante Ernesto de la Cruz, suo grande idolo. Desideroso di dimostrare il proprio talento musicale, coinvolto in una serie di eventi inspiegabili, Miguel si ritrova nella singolare e coloratissima Terra dell'Aldilà. Qui incontra la bisnonna Imelda e il simpatico furfante Hector con il quale intraprende un viaggio a ritroso nella storia della sua famiglia. Saranno questi due personaggi che lo riporteranno sulla strada di casa e nel mondo dei vivi, dove potrà finalmente concretizzare il suo grande amore per la musica.

Per riflettere dopo aver visto il film

Coco si apre in un variopinto paesino messicano, animato dalla musica dei gruppo musicale che invadono le strade per la preparazione della Festa dei Morti. Il desiderio di Miguel è quello di tuffarsi nei festeggiamenti suonando la sua vecchia chitarra, ma sulla sua famiglia soffia una vendetta che proibisce ai membri di suonare uno strumento musicale. «Miguel si sente costretto a scegliere tra la sua passione per la musica e l'amore che nutre per la propria famiglia, - afferma il co-regista Adrian Molina - vorrebbe condividere con loro il proprio talento e dimostrare che fare musica è sia bello che onorevole». Il veto imposto dalla bisnonna Imelda non riesce a mortificare le sue doti musicali, né lo scoraggia dal suonare le melodie del suo cantante preferito. È nel mondo dei morti che il suo sogno si concretizza. In un misterioso paese pieno di luci, di musica e di scheletri spiritosi, diventerà musicista e scoprirà il segreto che si nasconde dietro la sua famiglia.

Una possibile lettura

Coco è la storia di una vita, dove la scoperta di vecchi segreti familiari porta all'incontro straordinario tra parenti. Attraverso un racconto originale, una animazione vivace, e una cura estetica accurata, il racconto ci catapulta nella festività messicana del Giorno dei Morti, una giorno di festa pieno di luci, colori vivaci e clima festoso, che celebra la famiglia e l'arte di essere ricordati. Il film ci aiuta a scoprire molte cose della civiltà messicana, e nello stesso tempo ci porta a entrare in comunione con sentimenti universali, che uniscono ogni paese e religione. La storia di un ragazzo che sogna di fare il musicista diventa per tutti noi una spinta per conoscere le proprie origini, di scoprire da dove proveniamo, ma anche un monito nel conservare la memoria degli antenati. La vera fonte dell'arte e della creatività ha le sua radici nelle capacità personali ma anche nel bagaglio di eredità che ognuno riceve in dote dalla propria famiglia. È quello che scopriamo da una frase di Miguel: «Lo so che non dovrei amare la musica ma non è colpa mia. La musica è nelle mie vene».
Titolo Originale: Coco
Genere: Animazione
Regia: Lee Unkrich, Adrian Molina
Interpreti: Mara Maionchi, Valentina Lodovini, Matilda De Angelis, Gael Garcia Bernal, Ana Ofelia Murguía, Anthony Gonzalez, Benjamin Bratt, Alanna Ubach, Renee Victor, Jaime Camil, Alfonso Arau, Herbert Siguenza, Gabriel Iglesias, Lombardo Boyar, Edward James Olmos, Natalia Cordova-Buckley)
Produttore: Darla K. Anderson
Anno di uscita: USA 2017
Soggetto: Lee Unkrich, Jason Katz
Sceneggiatura: Adrian Molina
Colonna Sonora: Michael Giacchino, Germaine Franco, Robert Lopez, Kristen Anderson-Lopez
Montaggio: Steve Bloom
Durata: 109'
Produzione: Pixar Animation Studios
Distribuzione: Walt Disney Pictures Italia
Tematiche: Amore, Famiglia, Musica, Fantasia, Morti, Antenati
Note:
- Produttore Esecutivo: John Lasseter.
- Voci della versione originale: Gael García Bernal (Hector), Benjamin Bratt (Ernesto De La Cruz), Alanna Ubach (Mama Imelda), Edward James Olmos (Chicharron), Jaime Camil (Papà), Alfonso Arau (Papà Julio
- 1 candidatura a Golden Globes
Vedi anche la video-recensione de Le sale della comunità:

e vedi la scheda pastorale della Commissione Nazionale Valutazione Film della CEI:
Giudizio: Consigliabile/poetico **
Tematiche: Adolescenza; Animali; Anziani; Avventura; Famiglia; Film per ragazzi; Morte; Musica;  
Soggetto: Il sogno del giovane Miguel è quello di diventare un musicista famoso come il suo idolo Ernesto de la Cruz. Tuttavia non capisce perché nella sua famiglia ogni forma di musica sia severamente proibita. In seguito a strani eventi, Miguel si ritrova nella terra dell'Aldilà...
Valutazione Pastorale: Qui c'è un racconto che, dopo un lungo prologo, entra in modo diretto nella trama, capace di fare a meno di legami, fili diretti e conseguenze logiche. Il piccolo Coco, quando capisce che la consequenzialità dei fatti si è dissolta e ogni bella aspettativa risulta vana, si lascia andare alla fantasia dei sogni e della musica, libero lui di crederci, liberi gli altri di lasciarsi andare alle illusioni. E' "Coco" il cartone animato della Pixar, una irresistibile sarabanda di suoni e colori, una storia che è una gioia per gli occhi e per il cuore. La vicenda si ambienta in un immaginario al di là nel quale le vicende del protagonista fanno i conti con stranezze impreviste e sorprese incredibili e non catalogabili; tutto l'incalzante girandola di cambiamenti procede verso un finale gentile e idilliaco, segno della vittoria della vita e del bene sul negativo e il male. La colonna sonora fa da robusto appoggio alla narrazione, con ritmi simpatici, briosi, umorali. La presenza del tema relativo ai trapassati fa da schermo per il coinvolgimento dei bambini e dei più piccoli. Guardiamo avanti, riprendiamo i mano la memoria, sfidiamo la menzogna con la forza della verità. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e nell'insieme poetico. 
Utilizzazione: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria. Vista le caratteristiche educational, è da riprendere in molte occasioni successive, come punto di partenza non superficiale per farsi largo tra comicità, ironia e agganci di tono più riflessivo. Due asterischi premiano il livello 'alto' della confezione, tra sviluppo della trama, armonia dei disegni, freschezza dei brani musicali. 

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto20 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti46 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante5 Ammaniti1 Amore73 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima3 animazione6 Anniversari28 Anno liturgico1 anziani6 apologetica3 app3 apparizioni4 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli20 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo4 Atenagora1 Attanasio1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang2 baciamano1 Baggio1 bambini18 Bannon1 Banzato1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo4 Battesimo di Gesù3 Battiato1 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI21 benedizione3 Benigni9 Bianchi52 Bibbia41 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia3 blog23 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi31 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi83 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo2 CEI5 Celentano1 celibato7 Ceneri5 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich11 Chiara Luce Badano2 chierichetti1 Chiesa23 Chiesa e società26 Chittister1 chosen1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema78 Cirinnà1 citazioni77 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus35 Corpus Domini5 Corviale1 Corvo1 Cosentino5 covid196 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi8 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 ddlzan2 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni3 dialogo2 dibattiti40 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso28 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi3 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare17 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco11 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia38 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini4 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco212 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia6 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender12 genitori6 Gerusalemme1 Gesù24 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani66 Giovanni Battista2 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG8 gnosticismo1 Gramellini2 gregoriano1 grest10 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata6 immagini52 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet10 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura5 letto14 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri142 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia47 Livatino1 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio4 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia5 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 Mainetti1 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Manara1 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco1 Marco Gallo1 Maria44 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri5 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.7 Mazzolari7 media2 meditazioni2 Medjugorje10 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa15 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli4 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 movimenti1 Muller2 Musica34 Nadia Toffa1 Natale46 Natuzza1 Negri1 Nembrini5 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena4 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie157 omosessualità30 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace6 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme4 Palumbo2 pandemia7 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita36 parrocchia5 Pasqua28 passione6 pastorale29 paternità4 Pati Trigo1 patria1 Patriciello14 paura1 peccato originale2 pedofilia17 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche79 Poli1 politica53 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere96 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni43 Quaresima42 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani3 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report2 Riace1 Riccardi7 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma19 Romero2 Ronaldo1 rosario9 Rosini27 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti28 sacramenti5 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe9 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo7 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi26 santità12 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano3 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma2 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri2 serie TV22 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa4 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo13 Siti cattolici27 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social3 società44 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Soul1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità73 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming7 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore2 sussidi38 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze18 Theobald1 Tolentino4 Tolkien1 Tolomeo1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale15 Trinità9 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV24 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze2 Valli4 Vallini1 Vangeli1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video117 Viganò3 vignette10 virtù1 visto9 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)