VIA CRUCIS Un po’ riveduta con i testi PAOLO CURTAZ

Fonte
via crucis1
La Via Crucis è un percorso attraverso le ultime ore della vita di Gesù che ci fanno cogliere l’infinita tenerezza e amore che ha avuto ed ha per noi. Iniziamo questa preghiera fiduciosi che la croce è segno di speranza e resurrezione. 
Prima Stazione
GESU’ NELL’ORTO DEGLI ULIVI
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.
Dal Vangelo secondo Luca Lc 22,41-42
Inginocchiatosi, pregava: “Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà”. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo.
Meditazione
Ecco l’ora delle tenebre. Ecco l’Avversario. Lo avevi vinto, nel deserto, lo avevi cacciato dal cuore degli uomini mentre annunciavi la Parola. Ora torna, come promesso, per farti credere che è tutto inutile. Inutile: non vedi che i tuoi dormono? Inutile: non senti i passi di chi ti ha tradito? Inutile: a chi importa del tuo sacrificio? Inutile: l’uomo non cambierà mai, eterno adolescente, non lo vuole un Dio adulto. Un angelo viene a consolarti: che ti avrà detto? Quale parola ti ha sussurrato per farti dire l’ultimo e definitivo “sì”? Io lo so, Rabbì. L’angelo, quella notte ti ha mostrato noi, ti ha mostrato, lungo la storia, gli uomini e le donne che ti amano e che ti hanno riconosciuto luce e pace e vita. No, Signore, il tuo sacrificio non è stato inutile: io sono qui. Coraggio, Signore, ne è valsa la pena.
Ripetiamo insieme: Padre sia fatta la tua volontà
  • Quando la sofferenza mi opprime
  • Quando non comprendo la mia giornata
  • Quando sento la mancanza di una persona cara
  • Quando non so che verso dare alla mia vita
 Preghiera
Quanta angoscia nel tuo cuore, Signore! L’angoscia di chi muore, la nostra stessa paura, la stessa solitudine, lo stesso abbandono che hai voluto provare, perché nessuno potesse più dire: “Dov’é Dio?”. Fa’, o Signore, che non rendiamo inutile il tuo sacrificio. Rendici tua consolazione.
Seconda Stazione
GESU’, TRADITO DA GIUDA, VIENE ARRESTATO
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.
 Dal Vangelo secondo Marco Mc 14,43-46
E subito arrivò Giuda, uno dei dodici, e con lui una folla con spade e bastoni, mandata dai sommi sacerdoti, dagli scribi e dagli anziani. Gli si accostò, lo baciò e gli disse: “Rabbì”. Detto questo gli misero le mani addosso e lo arrestarono.
 Meditazione
Giuda e la folla. Il peccato crea sottili legami di complicità. Giuda: l’abissale e drammatico mistero della libertà. Quale paura ha scosso il tuo cuore, Giuda? Quale velo ha appesantito il tuo sguardo, sì da non sentire, ultimo appello all’amore, la Parola del Maestro che ti chiama ancora: “Amico” (Mt 26,50). Davvero credevi che il tuo tradimento sarebbe bastato a sbarazzarti di Dio? Non sapevi che, impiccandoti, saresti caduto inesorabilmente tra le sue braccia?
 Ripetiamo insieme: Libera nos Domine
  • Dal tradire le persone a noi vicine
  • Dalle tentazioni
  • Dal denaro fine a se stesso
  • Dai compromessi
 Preghiera
Giuda, uno dei nostri. Giuda: noi, troppo spesso. Donaci, Signore, nel momento del peccato, nella tenebra dell’abbandono, di sentire ancora il tuo appello, di avere il coraggio di incrociare il tuo sguardo immutabile di rispetto e perdono. Dal demone della disperazione che ci fa credere di essere imperdonabili, Libera nos Domine! 
Terza stazione
GESU’ E’ CONDANNATO DAL SINEDRIO 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.
 Dal Vangelo secondo Marco Mc 14,55.60-61,62.64
I capi dei sacerdoti e tutto il Sinedrio cercavano una testimonianza contro Gesù per metterlo a morte ma non la trovavano. Il sommo sacerdote, levatosi in mezzo all’assemblea, interrogò Gesù dicendo: “Sei tu il Cristo, il Figlio di Dio benedetto?”. Gesù rispose: “Io lo sono!”. Tutti sentenziarono che era colpevole di morte.
 Meditazione
Eccoli. Prima assise di una lunga stirpe di sapienti e autorevoli che ti condannano, che di te dicono: “Non è mai esistito” oppure: “Non possiamo conoscerlo”. E il nostro mondo ti ha messo da parte, condannandoti inesorabilmente ad essere favola o mito; eppure un giorno il cuore ci interroga: “Sei tu il Cristo, il Figlio di Dio benedetto?”. Allora dovremo rispondere, adorarti o ucciderti, quando ci risponderai: “Io lo sono”, YA – WHE’, il nome stesso di Dio.
 Ripetiamo insieme: Perdonaci Signore
  • Per tutte quelle volte che condanniamo gli altri
  • Per quelle volte che non ascoltiamo chi si avvicina a noi
  • Quando ci dimentichiamo chi sei
  • Quando ci rivolgiamo ad altri idoli
 Preghiera
La nostra scienza, la nostra conoscenza, Signore, non ci chiuda gli occhi, davanti al mistero, davanti all’inquietante domanda che ancora ci poni: “Voi chi dite che io sia?” (Mt 16,15). Dona all’uomo d’oggi, Signore, il coraggio di cercarti, l’audacia di accoglierti. E sarà festa nuova nei secoli dei secoli. 
Quarta stazione
GESU’ VIENE RINNEGATO DA PIETRO 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo.
  Dal Vangelo secondo Luca Lc 22,61-62
In quell’istante, mentre ancora parlava, un gallo cantò. Allora il Signore, voltatosi, guardò Pietro, e Pietro si ricordò della Parola che il Signore gli aveva detto, e uscito, pianse amaramente.
 Meditazione
Lo sguardo di Gesù. Uno sguardo, nel sottile greco di Luca, che “guarda dentro”. E Pietro incontra l’amore rifiutato da Giuda, e piange. Per questo pianto noi ti amiamo, Pietro. Per questo essere così simile a noi, incoerente e vigliacco, fragile e scostante. Ma ti amiamo soprattutto per questo singhiozzante pianto di cane fedele, che ti fa grande. Il Signore ti ha scelto a guida dei tuoi fratelli, perché così simile a noi, perché capace di riconoscere i tuoi limiti, perché disposto a lasciarti perdonare e perciò capace di perdonare. Sì, Pietro, noi ti amiamo per il tuo pianto che è il nostro.
 Ripetiamo insieme: Guardami Signore
  • Quanto ti tradisco
  • Quando parlo male di te
  • Quando rimango in silenzio
  • Quando ho paura
 Preghiera
Alla tua Chiesa, popolo di perdonati, non di perfetti, dona il dono del pianto, Signore, quando ci crediamo giusti, quando ci ergiamo a giudici, quando dividiamo il mondo in buoni e cattivi, facci incontrare il tuo sguardo, che spalanchi in noi, la diga della compassione. 
Quinta stazione
GESU’ E’ GIUDICATO DA PILATO 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Matteo Mt 27, 22-23,26
Disse loro Pilato: “Che farò dunque di Gesù chiamato il Cristo?”. Tutti gli risposero: “Sia crocifisso!”. Ed egli aggiunse: “Ma che male ha fatto?”. Essi allora urlarono: “Sia crocifisso!” … Allora rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò ai soldati perché fosse crocifisso. 
Meditazione
Che ne facciamo, dunque, di te, Cristo? Ci è insopportabile la tua bontà, la tua remissività, il tuo amore. Non era più comodo un Dio tenuto lontano, da rispettare a distanza? Un Dio a cui rendere conto, inviolabile nella sua perfezione? No. Hai voluto fidarti dell’uomo, osare, donarti. E ora vieni consegnato. La folla che l’altro ieri gridava “Osanna!”, oggi ti vuole morto. Pilato fugge l’inquietudine che lo assale, ha troppo da fare. Barabba, il cui nome significa “figlio del Padre”, è lasciato libero al tuo posto. 
Ripetiamo Insieme: Aiutaci Signore a non rinnegarti
  • Quando ci sentiamo superiori
  • Quando l’orgoglio si rende presente nei nostri dialoghi
  • Quando la superbia crea distanza
  • Quando abbiamo paura di testimoniarti 
Preghiera
La folla, Pilato, Barabba. Eccoci Signore: disposti a rinnegarti per non essere diversi dagli altri; disposti a consegnarti, se intralci i nostri progetti politici; eppure improvvisamente liberati, divenuti tutti “Bar Abbà”, figli del Padre, grazie alla tua morte. Donaci, Signore, il coraggio della testimonianza, il coraggio della solidarietà con chi viene sacrificato all’altare dei giochi politici, la consapevolezza di essere divenuti Figli. 
Sesta Stazione
GESU’ E’ FLAGELLATO E INCORONATO DI SPINE 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Giovanni Gv. 19,5
Allora Gesù uscì, portando la corona di spine e il mantello di porpora. E Pilato disse loro: “Ecco l’uomo!”. 
Meditazione
La corona di spine, il mantello di porpora, sadico divertimento di annoiati soldati abituati all’orrore, diventano misterioso segno profetico: davvero tu sei Re. “Ecco l’uomo”, profetizza Pilato. Ecco il nostro vero volto, riconoscibile sotto il tuo volto tumefatto. “Ecco l’uomo”: in te possiamo riconoscerci e ritrovarci. Solo contemplando il tuo volto scopriremo il nostro. 
Ripetiamo Insieme: Donaci la tua Grazia
  • Quando prendiamo in giro i più deboli
  • Quando spogliamo di dignità le persone
  • Quando non ti riconosciamo nel volto dell’altro
  • Quando siamo indifferenti alla persona che ci sta vicino 
Preghiera
Donaci la grazia di riconoscere, Signore, dietro al volto affamato, disperato, torturato, delle vittime della nostra indifferenza e della violenza degli uomini, il volto dell’uomo, il volto del Dio incarnato. La nostra vita diventi desiderio di svelare l’uomo a sé stesso, a riconoscersi in Te, vero Dio e vero uomo. 
Settima Stazione
GESU’ E’ CARICATO DELLA CROCE 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Marco Mc 15,20
Dopo averlo schernito, lo spogliarono della porpora e gli rimisero le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo. 
Meditazione
Vieni condotto fuori dalla città Santa, Signore, fuori dalle mura: non si può contaminare il Tempio. Dramma dell’uomo, rispetta il simbolo e crocifigge la realtà significata. Fuori dalle mura: quante volte ti mettiamo fuori dalla nostra vita, al di là della realtà, quante volte ti chiudiamo in angusti spazi dedicati al Sacro. Sei condotto fuori tu che sei dentro ad ogni uomo. Sei condotto fuori, oggi come allora. 
Ripetiamo insieme: Perdonaci Signore
  • Tutte le volte che carichiamo la croce ad un fratello
  • Quando non rispettiamo la tua croce
  • Quando non consideriamo le croci degli altri
  • Quando non vorremmo la nostra croce 
Preghiera
Signore, non permettere che ti portiamo fuori da noi stessi, scuotici, quando ti chiudiamo nei tabernacoli senza portarti nel mondo, facci violenza con la Parola, quando ti teniamo fuori dai nostri problemi, dalle nostre solitudini, dalle nostre difficoltà. Facci capire che ci sei più intimo che noi a noi stessi. 
Ottava Stazione
GESU’ E’ AIUTATO DAL CIRENEO 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Marco Mc 15,21
Allora costrinsero un tale che stava passando, Simone di Cirene, che veniva dalla campagna, a portare la croce. 
Meditazione
Cadi, sfinito dal dolore e dall’angoscia, mentre i soldati ti insultano. Nulla: il legno è troppo pesante. Anche tu, come noi, sai cosa vuol dire non farcela più. Un uomo, uno sconosciuto, è costretto ad aiutarti. Non hai voluto il gesto generoso dell’amico che ti soccorra, ma l’aiuto forzato e impaurito dello sconosciuto. Eppure, ci ricorda Paolo (Rm 16,3) nella prima comunità cristiana troviamo Alessandro e Rufo, i figli di Simone. Questo gesto subìto, diverrà comunque sorgente di luce per Simone e la sua famiglia. 
Ripetiamo insieme: Aiutaci Signore
  • Ad essere più spontanei del Cireneo
  • A non essere indifferenti davanti alle sofferenze umane
  • A saper lottare contro tutte le croci
  • A saper sopportare e vivere in modo diverso la sofferenza 
Preghiera
Quando la croce ci piomba addosso, non attesa, non desiderata, non voluta, come a Simone di Cirene, donaci la grazia, Signore, di capire che è la tua croce che stiamo portando. Donaci quel po’ di luce che ci aiuti a non disperare, sapendo che la sofferenza non è che una tappa verso la vita vera. 
Nona Stazione
GESU’ INCONTRA LE DONNE DI GERUSALEMME
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Luca Lc 23,27-28,31
Lo seguiva una grande folla di popolo, e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso le donne, disse: “Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. Perché se trattano così il legno verde, che avverrà del legno secco?”. 
Meditazione
La compagnia della buona morte: un gruppo pietoso che accompagnava i condannati a morte e versava lacrime che famigliari e amici non versavano, sui malfattori finalmente giustiziati. Gesù si ferma, trova il coraggio di parlare: “Non piangete su di me”. Una parola dura, un servizio alla verità. Gesù non accetta le false lacrime, vuole le vere; non ammette una compassione esteriore, chiede la sequela totale; non gradisce il lamento, brama la nostra conversione. Piangiamo su noi e sui nostri figli se la nostra fede diventa apparenza, abitudine, dovere. Davanti allo spettacolo della croce le maschere cadono: Dio ha bisogno di uomini veri, non di comparse. 
Ripetiamo insieme: Aiutami ad essere me stesso
  • Quando la società mi impone altro da Te
  • Quando qualcuno mi chiede di portare la croce
  • Quando voglio costruire dei rapporti
  • Quando scelgo di seguirti 
Preghiera
Donaci il coraggio, Signore, di una fede autentica, di una compassione reale, di una conversione che non si scoraggia. Piangendo su noi stessi, arriveremo alla Verità, troveremo la luce.
Decima Stazione
GESU’ E’ CROCIFISSO 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Marco Mc 15,24
Lo crocifissero e si divisero le sue vesti, tirando a sorte su di esse quello che ciascuno dovesse prendere. 
Meditazione
Eccoti, finalmente, l’ora è giunta. La croce ti attendeva: è fatta apposta per te. E’ dunque questa la misura del tuo amore per me? Era dunque necessario violare la nostra durezza squarciando la tua carne? Fino a questo volevi arrivare? Ecco: vieni innalzato, Dio è nudo, ha dato tutto. Le braccia, tese, abbracciano il mondo. Non bastava la scoperta di un Dio dal volto umano, non bastava la dolcezza delle tue parole, non bastava lo stupore dei tuoi gesti, col sangue volevi sigillare le parole “Ti amo”. Sospeso fra cielo e terra, segno di una Nuova Alleanza, ti consegni alla nostra indifferenza. 
Ripetiamo insieme: Fa che ascoltiamo la tua voce Signore
  • Quando ci parli attraverso le Scritture
  • Quando i silenzi diventano una tua presenza
  • Quando guardiamo la tua croce
  • Quando le tentazioni distruggono la serenità 
Preghiera
Noi siamo davanti alla tua Croce, Signore, riempiti di stupore, ricolmi di silenzio. O Croce di Cristo, concedici, nei momenti più difficili di non cadere nella disperazione, ma ai tuoi piedi, avvolti dal Mistero della misura di un Dio che muore d’Amore. 
Undicesima Stazione
GESU’ E IL BUON LADRONE
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Luca Lc 23,39-43
Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: “Non sei tu il Cristo? Salva te stesso”. Ma l’altro lo rimproverava: “Neanche tu hai timore di Dio? Noi riceviamo il giusto per le nostre azioni, egli invece non ha fatto nulla di male”. E aggiunse: “Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno”. Gli rispose: “In verità ti dico: oggi sarai con me in Paradiso”. 
Meditazione
Quando siamo sulla croce, come i condannati, possiamo bestemmiare e maledire il nome di Dio o, come l’altro ladro, dire: “Ricordati di me, Signore, in Paradiso”. Non chiede la salvezza, gli basta un ricordo, troppo sangue e troppe menzogne nel suo passato per osare tanto. Eppure il Signore accetta questa sfacciataggine e, garbatamente, lo salva. Il primo santo ufficialmente canonizzato da Dio è un ladro: abbiamo qualche speranza! Ma è un ladro che sa dire il vero di sé. Di lui non abbiamo conservato il nome, solo un aggettivo: “buono”. Buono di cuore certo, ma soprattutto “buono” in quanto abile. Gli è riuscito il colpo più spettacolare della sua vita: ha rubato il Paradiso. 
Ripetiamo insieme: Ricordati di me Signore
  • Quando siamo sulla croce
  • Quando perdo la speranza
  • Quando mi sento perduto
  • Quando sono arrabbiato con te 
Preghiera
Che meraviglia, Signore! Il tuo dolore fa spazio all’ascolto dell’altro, e ancora compi un miracolo. Donaci, Signore, di non considerare nessuno perduto. Donaci la verità e la faccia tosta, per non disperare mai della salvezza, di confidare come bambini, nella tua fresca e inaudita misericordia. 
Dodicesima Stazione
GESU’ IN CROCE E SUA MADRE 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 19, 26-27
Gesù vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: “Donna, ecco tuo figlio”. Poi disse al discepolo: “Ecco la tua madre”. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa. 
Meditazione
L’ultimo dono, dopo la vita, di Gesù alla sua Chiesa: la madre e lo Spirito, per sempre uniti, dove la madre, là vi è lo Spirito. Al discepolo amato da Gesù, il Maestro consegna la discepola attenta alla Parola perché impari la sequela. Donna, dice Gesù. Donna: in lei ogni femminilità, ogni tenerezza, ogni bellezza. L’amata e la preferita dal padre abiterà la casa del discepolo che ha raccolto il battito gonfio d’amore del cuore di Cristo nell’Ultima Cena. 
Ripetiamo insieme: Ti preghiamo Maria
  • Perché nessuno si senta solo
  • Perché impariamo a fidarci di Gesù
  • Aiutaci a credere nell’amore
  • Sostienici nella tribolazione 
Preghiera
Maria, nostra Madre, ci viene consegnata come definitivo sigillo d’amore. Da lei impareremo, Signore, a fidarci, a credere nel Dio dell’impossibile, a diventare grido di gioia per l’uomo salvato. Per le grandi cose che hai fatto in lei e che vuoi fare in noi, noi ti lodiamo, Signore. 
Tredicesima Stazione
GESU’ MUORE 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Marco Mc 15,34.36-37
Alle tre Gesù gridò con voce forte: “Eloì, Eloì, lema sabactàni!”, che significa: “Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”. Un soldato corse ad inzuppare di aceto una spugna e postala su di una canna gli diede da bere. Gesù dando un forte grido, spirò. 
Meditazione
Un grido che è l’urlo di ogni disperazione. Un grido che ci fa rabbrividire e fermare alle soglie del Mistero, come se, per un attimo, il Dio crocifisso si trovasse ad essere incredulo. L’amore ha travolto gli argini Dio conosce la disperazione e la colma con l’invocazione: “Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito” (Lc 23,46).
Tutto è compiuto, il “sì” è stato detto, Dio ha dato tutto. Il velo del tempio è squarciato: questo è il volto del Dio cercato dall’uomo. A noi, ora, di schierarci. Di cadere in ginocchio, sbigottiti, o, ancora, di versargli addosso l’amaro aceto dell’incredulità. Il Centurione, pagano, si arrende e professa la sua fede: “Davvero costui era Figlio di Dio!” (Mc 15,38). 
Ripetiamo insieme: Dio mio non mi abbandonare
  • Quando sono nel dolore
  • Quando sono disperato
  • Quando le forze iniziano a mancare
  • Quando l’ansia non mi rende lucido 
Preghiera
Dio grande, Dio forte, Dio immortale, abbi pietà di noi! (Dalla liturgia latina del Venerdì santo) 
Quattordicesima Stazione
GESU’ E’ DEPOSTO NEL SEPOLCRO 
Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo Perché con la tua santa croce hai redento il mondo. 
Dal Vangelo secondo Marco Mc 15,46
Giuseppe d’Arimatea, comprato un lenzuolo, calò il corpo di Gesù giù dalla croce e, avvoltolo in un lenzuolo, lo depose in un sepolcro nuovo scavato nella roccia. 
Meditazione
L’ultimo gesto d’amore: una tomba. Giuseppe l’aveva fatta per sé: ora te la dona. La sua influenza nel Sinedrio, la sua saggezza, la sua ricchezza non ti hanno salvato, la sua tenerezza e attenzione, ora, ti danno un po’ di riposo. Ma non ha da preoccuparsi, Giuseppe. Non lo sa ancora, ma la tomba gli verrà restituita intatta. Quando non abbiamo più nulla da darti, quando sentiamo il nostro cuore freddo come la pietra, quando la nostra vita ci sembra una tomba, facci capire, Signore, che tu accetti e abiti anche le nostre sconfitte, riempendole di Resurrezione. 
Ripetiamo insieme: Grazie Signore
  • Perché ci ami sempre
  • Perché ci accetti per quello che siamo
  • Perché mi dai la forza di ricominciare
  • Perché la mia vita è già salva con Te 
Preghiera
Accetta, Signore, ciò che siamo: il bene e il male, ciò che amiamo e ciò che rifiutiamo. Prendi tutto, portalo con te, perché possiamo risorgere continuamente, Dio che ami la vita.

Pasqua è la festa dei macigni che rotolano via dall’imboccatura dei sepolcri.
Ognuno di noi ha il suo macigno. Una pietra enorme messa all’imboccatura dell’anima che non lascia filtrare l’ossigeno, che opprime in una morsa di gelo; che blocca ogni lama di luce, che impedisce la comunicazione con l’altro.
E’ il macigno della solitudine, della miseria, della malattia, dell’odio, della disperazione del peccato.
Pasqua allora, sia per tutti il rotolare del macigno, la fine degli incubi, l’inizio della luce, la primavera di rapporti nuovi e se ognuno di noi, uscito dal suo sepolcro, si adopererà per rimuovere il macigno del sepolcro accanto, si ripeterà finalmente il miracolo che contrassegnò la resurrezione di Cristo.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia39 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi74 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid191 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti32 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco194 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto12 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri128 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica51 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere88 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma15 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile