L'hate speech: l'odio nei social, frutto di pregiudizi


Un interessante articolo su Il Sole 24 ore mette in evidenza come l'odio nei social sia fondamentalmente causato dai nostri pregiudizi e necessiti di incontro, di dialogo, di conoscenza dei "nemici". Che sono esseri umani come noi.

L’odio al tempo dei social: poco orgoglio e troppo pregiudizio

Si è accesa in questi giorni una polemica sui possibili rimedi all'esplosione di odio ed aggressività che si sperimenta, da tempo ormai, sulle piattaforme sociali. L'hate speech sta diventando la cifra che caratterizza molte, troppe, delle nostre interazioni virtuali

di Vittorio Pelligra (3 novembre 2019)
Si è accesa in questi giorni una polemica, a tratti anche aspra, sui possibili rimedi all'esplosione di odio ed aggressività che si sperimenta, da tempo ormai, sulle piattaforme sociali. L' hate speech sta diventando la cifra, quasi un genere letterario, che caratterizza molte, troppe, delle nostre interazioni virtuali. La diffusione di queste modalità comunicative rozze e violente ha ricadute profonde e misurabili sul livello di fiducia interpersonale e sul benessere individuale che riportano coloro che ne sono, in qualche modo, vittime o anche solo spettatori incolpevoli.
Il tema è rilevante non solo per la qualità del dibattito pubblico e per il suo pluralismo, ma anche per la vulnerabilità che hanno dimostrato i social a manipolazioni politiche e ideologiche.
Il pregiudizio alla radice di tutto
Alla radice di questa conflittualità che si accende così facilmente sul web, c'è quasi sempre il tema del pregiudizio: una divisione in schieramenti opposti che si costruiscono intorno ad un insieme di credenze fondate, nella definizione classica, sulla paura, l'ignoranza, la mancanza di modelli di vita e obiettivi condivisi e, spesso, rinfocolate e rafforzate dall'uso strumentale dell'autorità. Il dibattito sul ruolo che i social hanno nell'alimentare e dar voce a questa ondata di odio online e sull'uso strumentale che certa politica può farne, si è concentrato prevalentemente sulle caratteristiche proprie dello strumento.
L'attenzione, cioè, si è focalizzata in gran parte sulle peculiarità del mezzo, sul tema dell'anonimato, sull'uso e abuso di profili fake, degli agenti automatizzati, sul fact checking che i gestori delle piattaforme dovrebbero o non dovrebbero porre in essere, solo per fare qualche esempio. Ma il pregiudizio, la radice della diffidenza e dell'odio per il “diverso”, non nasce certo coi social; semmai questi lo hanno potenziato e, soprattutto, ne hanno moltiplicato la scala. Semplicemente, oggi, interagiamo anche solo telematicamente, attivamente o passivamente, con molte più persone di quanto non facessimo fino a pochi anni fa.
Ne deriva una esposizione a una diversità di opinioni, di ragioni, di pensiero, a volte estreme e difficili da far rientrare nei nostri canoni abituali, mai sperimentata prima, che può generare una naturale tensione tra “in-group” e “out-group”, tra quelli con i quali ci identifichiamo e con i quali condividiamo una certa visione del mondo, da una parte, e dall'altra tutti gli altri, tutti quelli che stanno fuori dal nostro gruppo.
L’equazione del Web: più distanze, più conflitto
Ma se questo è vero, allora, la differenza tra l'esperienza del conflitto interpersonale pre e post-social, non è tanto una differenza di qualità, ma piuttosto, di quantità. Più interazioni, più eterogeneità, maggiori distanze e differenze nei pensieri e nelle opinioni e, di conseguenza, maggiore conflitto. E' di quantità più che di qualità anche la differenza giocata dalle cosiddette echo-chambers.
I gruppi sociali si sono sempre assortiti sulla base delle similarità: la stessa musica, il cinema, il tifo calcistico, la fede politica e così via. Una forma di auto-selezione in gruppi che aveva, per un verso una funzione difensiva, ma al tempo stesso, quella rafforzativa dell'identità del singolo. Ci si confermava nelle proprie credenze a vicenda.
Oggi sul web accade lo stesso, ci si espone, consapevolmente o meno, a quelle fonti informative che ci fanno arrivare i messaggi più aderenti alle nostre pre-comprensioni di partenza, messaggi che poi noi rilanciamo a persone che hanno convinzioni simili, che a loro volta vengono rafforzate, il tutto in un gioco di echi e rimandi che identificano e chiudono i gruppi alle influenze esterne. Per questa via, non solo le posizioni si rafforzano, ma si polarizzano, diventano più estreme e distanti e, quindi, potenzialmente più conflittuali.
Il pregiudizio nasce prima della Rete
Eppure, la radice di questo processo, il pregiudizio, era lì prima del web. Caratterizza le nostre interazioni da molto prima che i bit iniziassero a viaggiare attraverso la fibra ottica. Se quindi vogliamo affrontare seriamente il tema della conflittualità dell'onlife, dovremmo andare alla radice, uscire dalla cornice e cercare rimedi che sappiano guardare all'origine del problema, non solo ai sintomi più appariscenti. Come combattere il pregiudizio, dunque, diventa la vera questione-chiave. Ma il pregiudizio è in qualche modo un concetto originario, perché nasce dalla presenza dell'altro.
È perché c'è un altro diverso da me, infatti, che diventa necessario formarsi una visione dell'altro. È la sua alterità, quella che mette in discussione la mia individualità, che rende necessario scoprire che l'altro è un altro “io”. Ma prima che questa scoperta si compia, come magistralmente ci ha insegnato Tzvetan Todorov, l'altro sarà un non-noi; una immagine che ci formiamo per segnarne la differenza, la distanza, l'irriducibilità al mio io. Questa è l'origine e la radice del pregiudizio. E se questa è l'origine, l'antidoto non può che stare nel processo di “scoperta” dell'altro.
«L'altro dev'essere scoperto – ammonisce Todorov – e la cosa può stupire, se si pensa che l'uomo non è mai solo, né sarebbe ciò che è senza la sua dimensione sociale (…) E poiché la scoperta dell'altro percorre diversi gradi – dall'altro come oggetto, confuso con il mondo circostante, fino all'altro come soggetto uguale all'io, ma da esso diverso con un'infinità di sfumature intermedie – è possibile trascorrere la vita senza mai giungere alla piena scoperta dell'altro» (La Conquista dell'America. Il problema dell'altro. Einaudi, 1984).
La difficile scoperta dell’altro
Paradossalmente, le interazioni mediate dal web, pur crescendo potenzialmente in numero, rendono questa scoperta sempre più difficile, perché l'altro, veramente, rischia di diventare un «oggetto confuso con il mondo circostante». Ed è per questo, quindi, che maggior forza dovrebbe assumere la lotta al pregiudizio. Uno dei lavori che maggiormente ha contribuito a gettare le basi della comprensione della genesi del pregiudizio, ma anche dei suoi possibili anticorpi, è il volume di Gordon Allport, The nature of prejudice (Basic Books, 1954).
Allport è anche il padre dell'«ipotesi del contatto» una ipotesi secondo cui la conflittualità e il pregiudizio tra in-group e out-group si potrebbero grandemente ridurre a seguito di un contatto tra i membri dei due gruppi differenti, gli odiatori con gli odiati, per rimanere nell'ambito dei conflitti sui social. Naturalmente affinché questo possa avvenire occorre che questo contatto possa avvenire sotto determinate condizioni: lo status delle persone coinvolte dovrebbe essere non troppo differente.
Le diversità di istruzione, reddito, esperienza non aiutano a trovare un piano comune di comprensione e quindi dovrebbero essere minimizzate; bisognerebbe strutturare l'incontro attorno a degli obiettivi comuni. I gruppi devono lavorare o affrontare problemi condivisi che li aiutino a congiungere sforzi e risorse, per il raggiungimento di un fine unico; in ultimo, queste attività di incontro dovrebbero ricevere supporto da figure autorevoli, dalla legge o da processi consuetudinari, che dovrebbero incoraggiare il contatto amichevole ed egualitario e scoraggiare ogni forma di competizione e conflittualità tra gruppi.
La storia dell’analisi sul pregiudizio
Erano gli anni del dopoguerra, quando Allport propose la sua ipotesi e lanciò un intero programma di ricerca volto alla analisi delle caratteristiche del pregiudizio, delle sue dinamiche contagiose e dei rimedi possibili. Negli stessi anni gli Stati Uniti inauguravano importanti processi di desegregazione ed emancipazione dei cittadini neri e delle donne e l'ipotesi di Allport forniva una utile guida teorica ed operativa. Negli anni successivi il progetto di ricerca è andato avanti e sono stati prodotti centinaia di studi che hanno testato la validità empirica dell'ipotesi del contatto.
Nel 2006, Pettigrew e Tropp hanno condotto una meta-analisi su 515 studi condotti tra gli anni '40 e il 2000 (“A meta-analytic test of intergroup contact theory”, Journal of Personality and Social Psychology, 90(5), pp. 751–783). Nonostante i limiti metodologici di alcuni degli studi meno recenti, il quadro che emerge fornisce un robusto supporto all'ipotesi del contatto.
Ribaltando questi risultati sul problema della proliferazione dell'odio online potremmo certamente sottolineare un dato di pessimismo: se il contatto favorisce la scomparsa del pregiudizio, rapporti mediati da tecnologie che, per loro natura, prevengono il contatto, saranno certamente incubatori di pregiudizio.
Gli anticorpi si formano nella vita offline
Se questo è vero, si capisce perché è necessario che gli anticorpi si formino ed inizino ad operare fuori dalla dimensione virtuale, a partire dalla vita reale. E qui gli ambiti di intervento certo non mancano. Due per tutti: la scuola e le città.
La tradizione di inclusione della scuola italiana, che mette a “contatto” nelle stesse classi persone con disabilità fisiche e intellettive, bambini di provenienze sociali differenti, di etnie e religioni differenti, in un processo di integrazione e conoscenza reciproca, rappresenta un caso di eccellenza che andrebbe sempre più riconosciuto, valorizzato e rafforzato con adeguati strumenti ed investimenti.
Non solo queste esperienze hanno un effetto positivo sulla resa scolastica degli studenti, ma contribuiscono a disinnescare sul nascere i processi di germinazione del pregiudizio e della diffidenza. Sul piano della progettazione urbanistica sarebbe interessante riflettere quanto le nostre città abbiano favorito la segregazione di gruppi omogenei, la separazione, lo scontro, invece che l'incontro.
È sempre più urgente “ricucire” le nostre periferie individualizzanti e de-umanizzanti e costruire spazi di incontro e conoscenza reciproca, luoghi dove fare esperienza della diversità, dove imparare a cooperare, a darsi fini comuni e a condividere risorse materiali e immateriali. Perché l'odio sul web si combatte, innanzitutto, coltivando germogli di civiltà fuori dal web e creando quante più occasioni possibili di “contatto” per scongiurare che i più possano finire per “trascorrere la vita senza mai giungere alla piena scoperta dell'altro” e passare l'esistenza rinchiusi nella peggiore delle celle possibili: il proprio io.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria39 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie146 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV15 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi3
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry

Canti di adorazione e canti religiosi (dicembre 2017)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)