La Comunità di Sant'Egidio compie 50 anni


C'erano tanti politici importanti, insieme agli amici poveri ed emarginati, a celebrare il 50° anniversario della nascita della Comunità di Sant'Egidio, una multinazionale della solidarietà, nata a Roma nel 1968, frutto "sano" di quei moti rivoluzionari che ricorderemo presto. 

Così Vita:
Nata il 7 febbraio del 1968 la Comunità che papa Francesco ha rinominato delle "3 P" (Preghiera, Poveri, Pace) dà il via agli appuntamenti per festeggiare "insieme a tutti coloro che desiderano la pace e un mondo più umano". Si inizia a San Giovanni in Laterano, sabato 10 febbraio a Roma, con la celebrazione presieduta dal cardinale, segretario di Stato Pietro Parolin.
Era il 7 febbraio del 1968: a Roma Andrea Riccardi con un piccolo gruppo di liceali che voleva cambiare il mondo ha dato vita alla Comunità di Sant’Egidio. Cinquant’anni dopo, ora che Papa Francesco l’ha ribattezzata dal “Comunità delle 3 P” (Preghiera, Poveri, Pace), Sant’Egidio continua a nutrire lo stesso sogno con tanti amici. Presente in tutti i continenti, con oltre 60mila persone di tutte le età e condizioni sociali, guarda al futuro e all’impegno che l’attende in un mondo globalizzato ma sempre più privo di riferimenti. «Siamo contenti di avere scoperto in questi anni, insieme a tante persone nel mondo, la gioia del Vangelo», ha dichiarato il presidente della Comunità, Marco Impagliazzo.
Il nome scelto scelto negli anni Settanta, dal luogo in cui aveva trovato una casa – Sant’Egidio nel cuore di Trastevere – è ora conosciuto in tutto il mondo. Dall’Italia è infatti partita un’avventura che ha portato la Comunità nelle periferie umane ed esistenziali dei diversi continenti, dall’impegno tra i poveri di ogni condizione (senza dimora, anziani soli, bambini di strada in Africa e in America Latina, minori che crescono alle Scuole della Pace) fino ai programmi per la cura dell’Aids e la registrazione anagrafica (con i progetti Dream e Bravo!), dal dialogo interreligioso secondo lo “spirito di Assisi” al lavoro per la pace, dopo quella ottenuta il 4 ottobre 1992 per il Mozambico, fine di una guerra civile che aveva fatto un milione di morti.
La grande sfida per la costruzione di un mondo più umano a tanti livelli, come la vicinanza ai senza dimora, per vincere l’isolamento sociale, o i Corridoi Umanitari per salvare vite umane e favorire l’integrazione, solo per citarne alcuni, continua ancora oggi.
Alla fine della liturgia si farà festa con i partecipanti: anziani in difficoltà, a cui Sant’Egidio è particolarmente vicino, senza dimora che soffrono non solo per il freddo dell’inverno ma anche per quello della solitudine, disabili, alcuni dei quali inseriti in percorsi artistici e lavorativi, immigrati che da anni stanno vivendo l’esperienza dell’integrazione nel tessuto sociale e civile italiano, compresi coloro che sono arrivati con i Corridoi Umanitari.
Un popolo – sottolinea una nota della Comunità - in cui si confonde chi aiuta e chi è aiutato, perché tutti possono fare gratuitamente qualcosa per gli altri, e che vive oggi, ancora di più, la necessità di lavorare per la pace, minacciata in troppe parti del mondo. Quella di Roma – annunciano da Sant’Egidio - è solo la prima di tante altre che vivremo negli oltre 70 Paesi in cui è presente Sant’Egidio, dall’Europa all’Africa, dall’Asia all’America Latina.
Per l'occasione è stato rinnovato graficamente il sito web che, fra l'altro, evidenzia il messaggio della Merkel che afferma: "avete messo le periferie del mondo al centro dell'attenzione". 
Vedi anche l'intervista ad Andrea Riccardi per il CorriereCosì Formiche.net racconta la celebrazione del 10 febbraio:
Compassione. È questa la parola che il Segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin, ha scelto per indicare il carisma della Comunità di Sant’Egidio. Una scelta che, a dispetto di alcuni crudeli e ideologici critici, indica una profonda fede e una grande conoscenza della sofferenza. Come pochi altri avrebbero saputo fare al posto suo, Parolin infatti ha visto, riconosciuto e indicato la segregazione del lebbroso guarito da Gesù e la segregazione e solitudine degli esclusi di oggi, curati dalla Comunità: i Rom e in particolare i loro bambini, i senza fissa dimora, i richiedenti asilo che non hanno vie legali per raggiungere l’Europa, gli anziani abbandonati nelle periferie, cioè gli amici della Comunità di Sant’Egidio.
Questa compassione, indispensabile per costruire la società del vivere insieme, ha visto Andrea Riccardi e i suoi amici sin dai tempi della nascita della comunità impegnarsi nel dar vita da volontari alle scuole della pace, un modo concreto per recuperare, inserire i bambini e i più giovani dall’esclusione e restituirgli la cittadinanza: prima a Roma, poi in tante altre città del mondo. Costruire la società del vivere insieme senza alcuno stigma, senza nuovi lebbrosi, ha  significato anche impegnarsi anche nel dialogo religioso, quello che dopo la grande preghiera di Assisi voluta da Giovanni Paolo II è diventato lo spirito di Assisi, che la Comunità di Sant’Egidio si è impegnata a mantenere vivo con i suoi incontri annuali, i colloqui Oriente-Occidente e tanto altro, fino alla campagna contro la pena di morte nel mondo.
Il dialogo, la passione per il vivere insieme, la compassione, sono il motore che ha ispirato i tentativi diplomatici per aiutare un recupero collettivo di civiltà e una prospettiva nuova per popoli che sembravano condannati a non conoscere la pace. Quella che molti chiamano la “piccola Onu di Trastevere” ha favorito con un lavoro di anni la pace in Mozambico, successo di valore anche simbolico nella cura dell’Africa, alla quale da anni è stato proposto anche il progetto di cura dell’Aids sanando la ferita delle medicine negate a chi non ha i mezzi. La tentata mediazione in Algeria invece è stata la nobile e ostacolata intenzione che ha fatto capire la forza di cui godono i fautori dello scontro di civiltà. Ma gli ostacoli opposti dalla forza dei pregiudizi, dei muri e della  semplificazione, non hanno certo ridotto la forza di una Comunità che, come ha detto il presidente del consiglio Paolo Gentiloni, è un raro esempio di sentinella capace di lanciare l’allarme offrendo anche soluzioni. Questa è la migliore fotografia di quanto accaduto da tempi lontani con il pranzo di Natale in basilica offerto ai poveri e in tempi recenti con l’ideazione, con il sostegno di altri soggetti, come la Federazione delle Chiese Evangeliche e Tavola Valdese, dei corridoi umanitari, che funzionano già dal Levante e dal Corno d’Africa, terre di orribili persecuzioni ed espulsioni di massa. Con gli incontri annuali per la pace il dialogo è diventato conoscenza, costruzione di interlocuzioni, di ponti e riprova, come ha sottolineato il Presidente della Parlamento europeo, Antonio Tajani,  che per dialogare davvero occorre essere forti , non deboli .
Tutto questo oggi significa un servizio evidente alla vera riforma di papa Francesco, la riforma dei cuori, la sola che può portare davvero a una Chiesa in uscita. Questa riforma, che non può essere calata dall’alto, richiede la capacità, sottolineata dal vicario del papa per la diocesi di roma, arcivescovo Angelo De Donatis, di toccare la miseria dei nostri fratelli, cioè tutte quelle povertà senza speranza, senza solidarietà. “Il Concilio Vaticano II – ha ricordato il presidente della Comunità Marco Impagliazzo- aveva comunicato un senso di “primavera” della fede. Lo si sente nel messaggio conciliare ai giovani: “vi esortiamo ad ampliare i vostri cuori secondo le dimensioni del mondo. Lottate contro ogni egoismo. Rifiutate, di dar libero corso agli istinti della violenza e dell’odio, che generano le guerre e il loro triste corteo di miserie. Costruite nell’entusiasmo un mondo migliore di quello attuale!”
In quell’inizio dunque c’era soprattutto il Vangelo con il suo invito a vivere dalla parte dei poveri e dei soli e a credere che tutto è possibile a chi ha fede. Impagliazzo ha concluso affermando che in questi 50 anni la Comunità ha maturato una convinzione: “nessuno è escluso”.
Il gran numero di giovani, anziani, volontari, ospiti, che per ore hanno gremito le cinque navate della cattedrale di San Giovanni in Laterano, dicono che la non esclusione è un’idea che convince, e coinvolge. La festa musicale che i giovani di Sant’Egidio hanno voluto promuovere dopo la celebrazione sul piazzale dava proprio l’idea dell’incontro con la città, del desiderio di uscire, e di includere. Il modo di rapportarsi al prossimo di chi ha scelto di andare oltre i confini; urbani, geografici, politici, religiosi.
Qualche critica è mossa, fra gli altri, da La Nuova Bussola Quotidiana, ma la maggior parte dei giornali e siti cattolici si muovono sull'onda della positività. Questo è l'articolo di Agenzia Sir:


(...) A fondare la Comunità furono Andrea Riccardi e un gruppo di giovani che, in piena rivoluzione studentesca, scoprirono nelle pagine del Vangelo un’energia di cambiamento che partiva dai cuori. Venne come conseguenza naturale prima l’impegno per i poveri, poi per la pace – perché “la guerra è la madre di tutte le povertà” – e poi la scoperta della forza della preghiera perché laddove falliscono gli uomini, può operare lo Spirito della pace. È lo “Spirito di Assisi” che, dal 1986, Sant’Egidio porta ogni anno in tutte le città d’Europa, radunando nell’unica invocazione a Dio uomini di tutte le fedi religiose, ai quali nel tempo si sono uniti anche rappresentanti del mondo politico e della cultura. Sant’Egidio è conosciuta oggi nel mondo per il suo lavoro di dialogo, per i processi di pace avviati in più punti del pianeta, per il suo impegno nelle periferie più povere delle città e ultimamente anche per il progetto dei corridoi umanitari che insieme alle Chiese evangeliche sta portando avanti in Italia, Francia e in Belgio. La “Festa” del suo 50° è a San Giovanni in Laterano dove a presiedere la Messa c’è il cardinale segretario di Stato vaticano, Pietro Parolin. Presenti anche il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani. Il Sir ha intervistato Marco Impagliazzo, presidente oggi della Comunità.

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)
Sant’Egidio nasce nel pieno della contestazione sessantottina. Quale fu in quel contesto la scintilla che portò alla sua fondazione?
Sant’Egidio emerge in un contesto storico di grande contestazione da parte dei giovani occidentali, europei e americani, alle strutture fondamentali della società, alla famiglia, alla Chiesa, alla scuola, alle forze armate, alle istituzioni in genere. Una contestazione nella quale Sant’Egidio nasce senza porsi né a favore né contro ma dentro questi rivolgimenti maturando una convinzione molto chiara:
la vera rivoluzione, quella che porta frutto, è la rivoluzione del cuore e non primariamente delle strutture della società.
Quindi la domanda di cambiamento riguarda innanzitutto la vita personale interrogata dal Vangelo e dalla Parola di Dio. Questa fu la scelta, né di contrapporsi né di farsi trascinare ma vivere all’interno di un movimento per recepirne le esigenze di cambiamento, a partire da se stessi.
Da questo movimento è nato un popolo. Il popolo di Sant’Egidio. Quali sono oggi le caratteristiche che vi contraddistinguono?
Una prima caratteristica è quella di aver superato tante frontiere, culturali e sociali, cioè di non aver posto confini a questo popolo, di non aver insistito su una nazione piuttosto che un’altra ma di lavorare per un mondo unito e una fraternità universale. D’altronde l’essere nati a Roma ci ha dato questa caratteristica tipica della Chiesa di Roma che è Chiesa universale, Chiesa che presiede nella carità. E poi il secondo tratto che ci caratterizza è che nel popolo di Sant’Egidio ci sono i poveri.
I poveri non sono clienti della Chiesa, non sono assistiti dalla Comunità ma fanno parte integrante della Chiesa. Ne sono i tesori, come diceva san Lorenzo. E quindi le persone delle periferie sia delle grandi città europee che del mondo.

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)
Viviamo in un mondo in cui si arriva ad uccidersi solo per il colore della pelle. In un contesto così, qual è la missione di Sant’Egidio oggi?
La missione è quella di indicare le strade per creare una società del vivere insieme in pace nel mondo globalizzato. L’uomo e la donna globalizzati sono spaventati, hanno paura di un mondo che è diventato troppo grande. Reagiscono male di fronte alla diversità, alla presenza di persone che vengono da altre culture, da altri contesti e da altre regioni. Si tratta, allora, di lavorare, invece, per una conoscenza reciproca molto approfondita, per conoscere la vita degli altri e andargli incontro, perché l’unica alternativa allo scontro è vivere e promuovere una cultura dell’incontro.
Sfogliando l’album della famiglia di Sant’Egidio, qual è stato il momento più doloroso e quale quello più bello?
Momenti dolorosi ce ne sono stati tanti. Credo che quello più forte sia stata
la scoperta della guerra.
Noi siamo nati in una generazione che grazie a Dio, qui in Occidente, le è stata risparmiata la sofferenza della guerra. Ma l’abbiamo conosciuta direttamente sulla pelle delle persone di tanti nostri giovani che, per esempio, in Mozambico morivano per la guerra negli anni Ottanta. La tragedia della guerra ci ha interrogato e ci ha fatto assumere una responsabilità di cristiani che prendono un’iniziativa per la pace secondo la beatitudine: beati gli operatori di pace. C’è un’energia di pace nelle comunità cristiane e in ogni cristiano che va messo a frutto. Quindi la guerra è stato il trauma più grande che abbiamo conosciuto.

Forma memorandum Comunità sant’Egidio e Commissione per la riconciliazione Iraq
E il momento più bello?
Sicuramente la pace in Mozambico è stata la gioia più grande che abbiamo provato. Ci arrivammo dopo due anni e mezzo di trattative. Una guerra che aveva fatto un milione di morti. Fu un successo pieno. La pace regge fino ad oggi ed ha fatto del Mozambico uno dei Paesi più sviluppati dell’Africa. Perché la guerra è la madre di tutte le povertà. Invece con la pace può rinascere tutto.
La vicenda Mozambico dimostra che la pace è sempre possibile.
Dimostra che la pace è possibile e che la pace può essere cercata ovunque. Anche nei contesti più difficili.
Lei è il presidente della Sant’Egidio. Formuli lei gli auguri più belli?
A Sant’Egidio auguro di essere sempre una comunità in uscita e di vivere la gioia del Vangelo, come ci chiede Papa Francesco.


Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto20 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti45 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante5 Ammaniti1 Amore73 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima3 animazione6 Anniversari28 Anno liturgico1 anziani6 apologetica3 app3 apparizioni4 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli20 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo4 Atenagora1 Attanasio1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang2 baciamano1 Baggio1 bambini18 Bannon1 Banzato1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo4 Battesimo di Gesù3 Battiato1 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI21 benedizione3 Benigni9 Bianchi52 Bibbia41 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia3 blog23 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi31 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi83 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo2 CEI5 Celentano1 celibato7 Ceneri5 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich11 Chiara Luce Badano2 chierichetti1 Chiesa22 Chiesa e società26 Chittister1 chosen1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema78 Cirinnà1 citazioni77 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus35 Corpus Domini5 Corviale1 Corvo1 Cosentino5 covid196 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi8 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 ddlzan2 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni3 dialogo2 dibattiti39 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso28 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi3 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare17 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco11 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia38 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini4 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco209 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia6 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender12 genitori6 Gerusalemme1 Gesù24 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani65 Giovanni Battista2 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 gregoriano1 grest10 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata6 immagini52 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet10 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura5 letto14 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri142 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia47 Livatino1 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio4 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia5 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 Mainetti1 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Manara1 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco1 Marco Gallo1 Maria44 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri5 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.7 Mazzolari7 media2 meditazioni2 Medjugorje10 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa15 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli4 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica34 Nadia Toffa1 Natale46 Natuzza1 Negri1 Nembrini5 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena4 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie157 omosessualità30 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace6 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme4 Palumbo2 pandemia7 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita36 parrocchia4 Pasqua28 passione6 pastorale27 paternità4 Pati Trigo1 patria1 Patriciello14 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche79 Poli1 politica53 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere96 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni43 Quaresima42 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani3 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report2 Riace1 Riccardi7 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma18 Romero2 Ronaldo1 rosario9 Rosini27 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti28 sacramenti5 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe9 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo7 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi25 santità12 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano3 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma2 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV22 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa4 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici27 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social3 società44 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Soul1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità73 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming7 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore2 sussidi37 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze18 Theobald1 Tolentino4 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale15 Trinità9 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV24 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze2 Valli4 Vallini1 Vangeli1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video117 Viganò3 vignette10 virtù1 visto9 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile