Il fondatore dei Canonici Regolari I.C., dom Adrien Gréa


Il nostro fondatore, dom Adrien Gréa, moriva 101 anni fa, il 23 febbraio 1917. Ne ripercorro brevemente la vita e il pensiero riproponendo il testo della mostra allestita in occasione del centenario della sua morte.

«Non abbiamo una spiritualità particolare, non abbiamo che la spiritualità della Chiesa. E a quella bisogna attenersi. Come la vita religiosa è la perfezione della vita della Chiesa, così la spiritualità dei religiosi deve essere la perfezione della spiritualità della Chiesa ».(Cfr. D. Gréa, Conf. VP, n.35, p.274)
 « Noi dobbiamo amarci come si amano i santi in cielo; noi dobbiamo nutrire gli uni gli altri lo stesso amore che nutriamo per Cristo, che abita in ciascuno di noi. La carità che ci unisce deve essere la stessa carità che unisce il Padre e il Figlio, cioè lo Spirito Santo. L’affetto che ci unisce è lo Spirito Santo che è stato effuso nelle nostre anime ». (D. Gréa, Conf. 9.11.1894, in VP, p. 83.)
Dom Gréa vogliamo riviverlo ben oltre il fatto che è fondatore della Comunità dei Canonici Regolari dell’Immacolata, dell’Ordine dei Canonici di Sant’Agostino ma come un “dono” per tutti noi, per tutta la Chiesa nei suoi sacerdoti, quasi rivendicando per loro, come in un sogno, l’antica Regola di vita apostolica con i loro Vescovi ed impostando la vita pastorale più come centri d’irradiazione, di preghiera, di studio, di vita comune che l’inseguimento continuo di nuove tecniche. Il presbiterio, nella fraternità e nella preghiera con il suo vescovo, diventa il fulcro e il segno più importante della diffusione del Vangelo. (p. Lorenzo Rossi , Cric) 
 “Spesso ci domandano: ad quid venisti? Qual è il vostro specifico nel mondo? Quale lo scopo del vostro istituto. Ah! Noi non siamo nuovi, ma antichi. Noi pratichiamo la vita apostolica, noi viviamo quanto gli antichi concili hanno emanato.

L’opera che ci accingiamo ad intraprendere non è un’opera particolare, quale, per esempio il riscatto dei prigionieri, la cura dei malati, l’assistenza agli orfani. Sono delle opere buone, sante, lodevoli, necessarie. Ma, al di sopra di queste opere, c’è la penitenza e la preghiera. Questo è ciò che noi vogliamo fare, questo è il nostro spirito: è lo spirito degli Apostoli”.

CENNI BIOGRAFICI

Nasce a lons-le-Saulnier (Jura, Francia) il 28 febbraio 1828 da nobile famiglia.
Il padre lo destina allo studio del diritto civile a Parigi, dove però ottenne anche un diploma di archivista in cui approfondisce le strutture ecclesiali del medioevo, suo vero campo di interesse.
In questi anni giovanili matura anche la sua vocazione al sacerdozio, fortemente contrastata dal padre. Si forma come un autodidatta, con un percorso intellettuale, teologico e spirituale rigoroso, ma personale e sganciato dalle scuole ufficiali, piuttosto vicino alla spiritualità benedettina.
Ordinato sacerdote a Roma nel 1856, incardinato nella diocesi di St.Claude, vive i primi anni di sacerdozio come cappellano di una chiesa operaia di Baudin prima di essere chiamato nella Cattedrale come vicario generale del vescovo per 18 anni (1863-1881).
A Saint-Claude, aveva iniziato con due o tre seguaci a praticare le osservanze e le penitenze della vita canonicale, a recitare in comune l’ufficio divino secondo le ore liturgiche. La professione emessa, dopo i voti privati, nelle mani del vescovo l’8 settembre 1871 segnò l’inizio della comunità, alla quale Pio IX, benedicendola, aveva imposto il nome di Canonici Regolari dell’Immacolata Concezione. 
Incontrò il papa nel 1870, partecipando al Concilio Vaticano I come teologo del suo vescovo e gli espose il suo progetto di restaurare in Francia i Canonici Regolari secondo una osservanza molto stretta tratta dalle regole di Sant’Agostino e San Benedetto.
La vita proposta era particolarmente dura, ma non scoraggiò altri giovani che presto si unirono a lui.
Si intensifica intanto il suo impegno teologico con la pubblicazione de L’Eglise et sa divine costitution (1885), scritto su cui lavorava da tutta una vita e altre opere e articoli sempre di carattere ecclesiologico, liturgico (un’altra pubblicazione degna di particolare nota è La Sainte Liturgie del 1909) e storico.
L’Istituto venne confermato dal papa Leone XIII nel 1887, rimandando ad un tempo più opportuno l’approvazione delle Costituzioni ancora non ultimate. Nonostante le tante dichiarazioni di stima, la nuova comunità fu anche motivo di critiche e tensioni, in particolare con il clero diocesano. Il Gréa si vide così costretto a trasferire la comunità, nel 1890,  a St-Antoine (diocesi di Grenoble), nella vecchia Abbazia semi abbandonata, ma resa illustre dalla presenza dei resti di Sant’Antonio abate.
Qui visse con buona parte dei suoi, mentre diverse altre comunità satelliti, più piccole di numero, sorsero oltre che in Francia anche in Svizzera, in Italia e presto in Canada (dal 1889?) e in Perù (dal 1905).
E’ quella che verrà ricordata come “l’epoca d’oro”, tempo di espansione ed entusiasmo, in cui il fondatore poteva infondere la sua spiritualità con una presenza viva ed una parola ricca e profonda, donata in modo costante in una serie di conferenze (raccolte in La Voix du Pére, 1947-1948), ed essere eletto, nel 1896, abate di St-Antoine.
Il nuovo secolo si aprì per lui con un periodo di grandi difficoltà e crisi profonde. Nel 1903 le leggi anticlericali del governo francese costrinsero la Congregazione all’esilio in Italia (Andora, Liguria) mentre il Vaticano premeva perché venissero presentate al più presto le Costituzioni definitive (cosa che dom Grèa rimandava, in quanto consapevole delle resistenze che avrebbero incontrato soprattutto dal punto di vista giuridico).
Anche all’interno della Comunità iniziarono i problemi: alcuni confratelli esprimevano insofferenza nei riguardi delle rigide osservanze richieste che mal si adattavano con gli impegni pastorali. Il Vaticano decise di nominare, nel 1907, dopo una visita apostolica, A.M. Delaroche quale Vicario Generale dell’Istituto, al posto di dom Gréa, con l’incarico di presentare al più presto le Costituzioni all’approvazione della Santa Sede, cosa che riuscì a fare nel 1912.
In queste Costituzioni venivano soppresse quasi tutte le osservanze monastiche e si instaurava una forte centralizzazione come per tutte le altre congregazioni clericali. Dom Grèa non vi riconobbe più la sua opera e chiese di potersi ritirare con un confratello nella casa paterna di Rotalier. Qui morì, ormai quasi novant’enne, il 23 febbraio 1917, condividendo con altri fondatori l’esperienza di dover, ancora in vita, abbandonare l’opera che il Signore gli aveva affidato.
Al prefetto della Congregazione per i vescovi e religiosi, card. Vivès, scrive:
Vostra eminenza non può dubitare della mia sottomissione, ma non posso dissimularle che, poiché nella nuova costituzione è abilita nei suoi punti essenziali l’opera a cui io sono votato da 50 anni, io mi ritiro nella preghiera e nel silenzio”.



IL GREA, AMANTE DELLA STORIA DELLA CHIESA (e dei Padri della Chiesa)


Dai suoi studi giovanili e dal clima romantico in cui si trova immerso nacque in dom Gréa l’ammirazione per il mondo cristiano antico e per l’epoca medioevale in particolare. In anticipo con i tempi, aveva inoltre riscoperto e amato i Padri della Chiesa e il ruolo avuto fino al XII secolo dai Canonici Regolari.
Dai Padri della Chiesa riprende la concezione trinitaria della Chiesa (dimenticata e riscoperta “ufficialmente” solo nel XX secolo)e il suo essere Mistero, Sposa e Madre.
Le fonti cui Gréa attinge abbondantemente sono, per il suo tempo, abbastanza “inusitate”: la Bibbia, San Tommaso e soprattutto i Padri (di cui cita in particolare Leone Magno, Cipriano,  Ignazio di Antiochia e lo PseudoDionigi Areopagita).
Dei Canonici Regolari riscopre come essi fossero stati l’espressione più autentica del clero ordinario al servizio delle Cattedrali (e quindi del loro vescovo) e poi dei molti monasteri sparsi in Europa. Era affascinato dalla loro vita comune, dall’amore per la liturgia, dall’unire la vita religiosa con la vita pastorale.
Dal VI secolo “canonico” è colui che conduce una vita in comune con il vescovo della città, secondo l’esempio in particolare di quanto aveva vissuto sant’Agostino d’Ippona (già dal IV secolo, il primo ad unire vita religiosa e sacerdozio) e Sant’Eusebio da Vercelli (sempre nel IV secolo).
Sono “regolari” in quanto seguono una regola comune, quella attribuita a sant’Agostino (introdotta dall’VIII secolo).
Già dal 1865 inizia a realizzare il suo sogno: restaurare in Francia l’istituto dei Canonici Regolari scomparsi con la Rivoluzione Francese e così reintrodurre la vita comune e religiosa nel clero diocesano, creando dei preti che siano i religiosi del vescovo.
Ai suoi Canonici proponeva di tornare alle antiche usanze: preghiera corale giorno e notte insieme a prolungate forme di astinenza e stretto digiuno in molti periodi dell’anno. Centrali erano l’azione liturgica, lo spirito di penitenza, lo studio e le attività pastorali.

 Anche se le fa assumere una condotta apostolica religiosa, la mantiene una comunità clericale sotto l’autorità del vescovo ordinario del luogo in servizio di Dio, delle anime e dell’educazione dei chierici. Ad essa affida la missione spirituale di vita liturgica e l’impegno di inserire la vita religiosa nell’esistenza stessa del sacerdozio diocesano
(T. Goffi, Storia della spiritualità)


DOM GREA, AMANTE DELLA CHIESA
“Dom Grèa è l’uomo di un libro, quello sulla Chiesa, intorno al quale lavorò per 30 anni, che solo alla fine della sua vita ristampò e completò; l’uomo di una sola idea, che questo libro inserisce in una luce al tempo stesso mistica e dogmatica; l’uomo della Chiesa, un grande contemplativo della Chiesa”. (p. T. Battisti, Cric)
 Quattro fiaccole risplendono nel buio panorama ecclesiologico del XIX secolo: J.A. Mohler in Germania, J.H. Newman in Inghilterra, A.Rosmini in Italia e A. Gréa in Francia” (T. Federici).
L’opera vostra sarà per molti una vera rivelazione, perché mentre si conoscono abbastanza le caratteristiche esteriori della Chiesa, troppo generalmente s’ignora ciò che vi ha di divino nella sua intima costituzione e nella sua gerarchia
(card. Langénieux, arcivescovo di Reims, 1885).
Per dom Grèa la Chiesa non si risolve nella sua entità giuridica, ma è

-       Opera della Trinità che alla Trinità è destinata;

-       Mistero, cioè realizzazione del piano salvifico;
-       “La Chiesa è Cristo stesso”; “la pienezza”, “il compimento del Cristo, il suo corpo e il suo sviluppo reale e mistico: è il Cristo totale e compiuto”
-       Sacramento, cioè mezzo e strumento con cui Cristo rende presente perpetuamente la sua grazia salvifica;
-       Sposa di Cristo e nostra Madre;
Gerarchicamente costituita secondo una processione che parte dal Padre, capo del Figlio (prima gerarchia) e dal Figlio, capo della Chiesa discende ai suoi Apostoli (seconda gerarchia), i cui successori sono i vescovi, capi della Chiesa particolare (terza e ultima gerarchia), secondo quanto il Cristo stesso afferma nel vangelo di Giovanni: “Come il Padre mi ha inviato, così anch’io mando voi” (Gv 17,18).
Il Gréa apre la sua ecclesiologia in una prospettiva chiaramente teologica, poiché si chiede quale sia il posto della Chiesa nel disegno salvifico divino e nella sua realizzazione nell’economia concreta di salvezza. La Chiesa concepita nella sua preesistenza divina si realizza nella storia della salvezza e inizia già la sua preparazione nei progenitori dell’umanità. Concepisce il mistero gerarchico come strumento e rappresentazione della gerarchia invisibile della Chiesa (il Padre principio del Figlio – Cristo capo della Chiesa – il Vescovo capo della Chiesa particolare) e al servizio dei fedeli. (…) Grèa in pratica parte dalla realtà misterica della Chiesa come opera del Dio Trino per redimere l’uomo” (A.  Anton) 
“Così questo trattato (sulla Chiesa) avrà la sua naturale divisione. Dio è il capo di Cristo; il Cristo è il capo della Chiesa universale; il vescovo lo è della Chiesa particolare. Due grandi soggetti da studiare ed in cui sarà diviso questo lavoro: la Chiesa universale e la Chiesa particolare; e al di sopra, come tipo e origine che regola tutti i movimenti inferiori, l’eterna società del Padre e del Figlio, da cui la Chiesa procede, in cui ha la sua forma e il suo esemplare a cui  è associata e verso cui risale sempre come a suo centro, sua beatitudine, suo compiacimento”(dom Gréa, De l’Eglise)
L’IMPORTANZA della CHIESA PARTICOLARE 
Dopo il 1870, alla teologia delle Chiese locali sarà data poca attenzione, se si eccettua la pubblicazione di dom Gréa
(H. Legrand)
 Dom Grèa è stato “antesignano della riscoperta dell’episcopato…pioniere della teologia della Chiesa particolare(G. Canobbio) 
 «Come vi è una circuminsessione del Padre nel Figlio (“Io sono nel Padre ed egli è in me”, Gv 14,10), vi è allo stesso modo una circuminsessione di Gesù Cristo e della Chiesa universale (“Voi siete in me ed io in voi”, Gv 14,20); ciò fa dire allo stesso modo del Vicario di Gesù Cristo, poiché egli tiene il posto del capo: “Dove è Pietro, là è la Chiesa” (Ambrogio). Infine vi è una circuminsessione del vescovo e della sua Chiesa particolare, il che fa dire a san Cipriano: “Voi dovete comprendere che il vescovo è nella Chiesa e la Chiesa nel vescovo” »(dome Gréa, De l’Eglise) 
Il vescovo porta a perfezionamento la sua chiesa formandosi una corona di cooperatori; in essa, per un’ultima comunicazione della missione sacerdotale, si costituirà un ordine di sacerdoti in tutto inferiore all’episcopato, i quali ne partecipano la virtù, ma senza poterla trasmettere (…) sono il senato della chiesa particolare e vi costituiscono quell’assemblea che nell’antichità veniva chiamata presbiterio”.(dom Gréa, De l’Eglise)

L’ECCLESIOLOGIA TRINITARIA del Gréa
Gréa contempla tutto a partire dall’alto, dall’immutabile, dall’universale… La costituzione della Chiesa non è divina solamente nella sua fondazione: essa deriva, imitandolo, dal mistero trinitario, che ha la fonte della processione e della comunione a partire dal Principio monarchico
(Y.M. Congar)
 “Dom Gréa afferma che per risalire al seno del Padre noi abbiamo bisogno delle missioni invisibili della ss.Trinità, le quali si comunicano a noi mediante le missioni visibili del Cristo e dello Spirito nella chiesa” (T. Goffi, Storia della spiritualità)
 “C’è del mistero in questo e i ragionamenti tratti dalle analogie umane non possono arrivarci; i governi umani (…) non offrono nulla di simile, ma bisogna elevarsi più in alto e cercare nell’augusta Trinità la ragione e il tipo di tutta la Chiesa” (Dom Gréa, L’Eglise)
 «Dom Gréa ci invita a una “contemplazione” della Chiesa, ci parla costantemente del suo “mistero”, del “mistero della sua vita”, ce la mostra nel suo rapporto con la Santa Trinità, Chiesa che proviene dal Padre e vi ritorna diretta dal Cristo e animata dallo Spirito Santo. Ma questa visione mistica è quella di un organismo molto ben strutturato che si sviluppa visibilmente nella storia». (H. de Lubac)
"Questo mistero è sublime! Il figlio è nel Padre come nel suo principio; il Padre è nel Figlio come nel suo splendore sostanziale. La Chiesa è anche nel Cristo come nel suo principio e il Cristo è nella Chiesa come nella sua pienezza. Infine, la Chiesa particolare è ancora nel suo vescovo come nel suo principio, e il vescovo è nella sua Chiesa come nella sua pienezza, lo splendore del suo sacerdozio e della sua fecondità." (Dom A.Grea; L'eglise) 

DOM GREA, AMANTE DELLA LITURGIA
 “Si semina molto e si raccoglie poco. Perché? Perché queste azioni non sono radicate nella penitenza. La chiesa soffre di un male e questo male non è la mancanza di attività, ma l’affievolirsi dello spirito di penitenza e di preghiera.Ecco chi sono i Canonici Regolari: sono uomini che nel mondo vogliono innalzare e sostenere lo stendardo della preghiera e della penitenza”(Dom Gréa)
 “Come si può esprimere l'eccellenza della preghiera liturgica ? Iddio ha creato il cuore dell'uomo per riempirlo del suo amore. Egli parla e questi l'ascolta.In questa divina relazione vi sono tre gradi.Talvolta l'uomo è solo : ecco la preghiera individuale di cui è detto : «Entra nel segreto della tua stanza, chiudi la porta, parla a tuo Padre, e il Padre tuo che vede nel segreto, intenderà la tua voce»;Talvolta si ha la preghiera in compagnia : «quando due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo ad essi». Assai diffuse infatti sono nel mondo cristiano le pie associazioni e confraternite della preghiera.Ma se la preghiera d'una sola anima è così potente, «se la preghiera di due o tre riuniti insieme», dice S. Ignazio di Antiochia, e quella di qualunque aggregazione di fedeli formata dalla loro semplice volontà e l'attrattiva della loro pietà «ha sì grande forza, che sarà della preghiera di tutta la Chiesa» cioè dell'atto supplichevole della stessa Sposa di Gesù Cristo ? Orbene la preghiera liturgica è questa preghiera della Chiesa: è la voce della Sposa che parla allo Sposo, e riveste un carattere mistico che ne fa sulla terra il principio dell'unica occupazione degli eletti.”
(A.  Gréa, introduzione a La Sainte Liturgie)
L’ufficio canonico, nella sua cadenza in ore liturgiche, è il nutrimento preparato dallo Spirito Santo per tutto il genere umano” scriveva il Gréa al primo gruppo dei suoi figli che si apprestavano a partire per il Perù. “A voi spetta il compito di far risuonare la santa salmodia in quei luoghi fino ora condannati al silenzio dello Sposo e della Sposa”. 
Dom Gréa desiderò che tutto il popolo partecipasse pienamente alla liturgia. Sente che questa partecipazione è “necessaria” affinchè la celebrazione liturgica abbia pienezza di significato.
L’Ufficio divino, come ogni Parola di Dio proclamata nella Liturgia, è per il popolo e in vista del popolo. Esso non è fatto per essere letto nel segreto di una stanza, “ma per essere pubblicamente celebrato in chiesa, alla presenza dei fedeli, tenuto conto della loro devozione o della libertà che le occupazioni della vita loro concedono”.

A MARIA (e alla CHIESA) nostra Madre
 “Chi non ha la devozione per Maria, non l’ha per Gesù…perché Maria è la Madre del bell’amore…la madre della pietà".

Gesù  vuole che abitiamo  con Lui
nella gloria di sua Madre.
Rallegriamoci di essere i figli,
i Canonici dell’Immacolata  Concezione.
Onoriamo e facciamo  onorare questo mistero.
Conosciamolo, meditiamolo,
facciamolo l’oggetto  delle  nostre gioie,
glorifichiamolo con la nostra condotta
e principalmente con la nostra umiltà.
(Dom Gréa, Saint Antoine 8.12.1894)

Dom Gréa non dimentica la profonda connessione che c’è tra Maria e la Chiesa:
"La Chiesa è la sposa; Maria è la madre”.  

“Gesù nel suo sacrificio presenta al Padre quanto ha di più caro: sua Madre e la sua Sposa. ..la vita di Maria è un insieme misterioso ed ineffabile di dolori e di gioie…Maria è madre della Chiesa”.

”Non dimenticatevi mai che essendo Canonici Regolari dell’Immacolata Concezione, siamo di suo dominio speciale, sotto la sua protezione costante e speciale. Noi abbiamo diritto alla sua protezione e noi abbiamo il dovere di renderle omaggio, sempre, sempre”.



IL CARISMA DI DOM GREA: le sue consegne
Non è facile cambiare, ridare il giusto posto alla “chiamata” e alla “missione CRIC”, in una “crisi epocale” che impone di trovare lo slancio per rispondere con “un cambiamento altrettanto epocale”, che investa il “modello di vita” proposto da Don Gréa, il quale non è stato un fondatore; Lui stesso ha sempre rifiutato questo modo di considerare la sua opera, e neppure un restauratore, come spesso si sente dire, ma un precursore (Broutin) o come qualcun altro ha scritto: “colui che con sguardo profetico ha proposto una nuova utopia”
(De Peretti)
 “Dom Gréa ha avuto intuizioni profetiche sia per la vita spirituale liturgica che per la formazione spirituale di chierici e religiosi”  (T. Goffi, Storia della spiritualità)
“Sappiate che la restaurazione canonicale non rientra tra gli Ordini Religiosi che, come tali, fanno riferimento alla Chiesa universale e sono disgiunti dalle gerarchie locali, ma è un santificarsi nella vita liturgica e di penitenza, con la pratica dei consigli evangelici, offerto e aperto al clero delle chiese dipendenti dall’episcopato.
Sappiate che questa nobile opera è voluta da Dio, quale risposta alle necessità del popolo e alle aspirazioni consce e inconsce di molti sacerdoti.
Questa è stata e sarà sempre la nostra vocazione, non se ne discute!”. (dom Gréa, da una lettera del 1912) 

L’io deve essere mortificato, umiliato, deve lavorare. Vorrebbe riposarsi: è pigro, scuotiamolo! L’amor proprio è il mondo in noi che lotta contro l’amore di Gesù. In noi coabitano due amori: l’amor proprio e l’amore a Gesù. Il libero arbitrio si trova continuamente tirato da una parte e dall’altro. Chi seguirà? Questi due amori non possono convivere. Perché uno viva è necessario che l’altro muoia. Quanto a noi, tutto è deciso: noi abbiamo deciso, meglio, Dio ha deciso per noi. Il nostro libero arbitrio si è deciso per l’amore di Dio” (D. Gréa)

Conservatevi in un chiostro invisibile in unione con Gesù, unione continuamente ravvivata con la santa comunione della messa e il continuo commercio con l'ospite divino, commercio di colloquio, di
adorazione, d'amore. E' per amor suo che voi fate tutto ciò che riempie i vostri giorni, per amor suo che soltanto vivete
(dom Gréa, 31 Dicembre 1910)

« Facciamo in modo che la nostra povertà non sia una povertà puramente affettiva, ma effettiva. Sarebbe veramente troppo comodo, che pur non possedendo niente personalmente, senza lavorare noi ci trovassimo in quel benessere, che la gente normalmente non si può concedere».
(D. Gréa)

« L’obbedienza non è nient’altro che l’esercizio della fede; colui che obbedisce compie un atto di fede; una vita di obbedienza è una vita di fede; l’obbedienza non è che la fede messa in pratica». D. Gréa

« Tutti i cristiani sono chiamati alla santità ».
D. Gréa

Ricordiamoci che la nostra famiglia non è solamente terrena, ma celeste a
somiglianza della Chiesa che è trionfante nel cielo e peregrinante sulla terra e tuttavia
forma una sola Chiesa. I fratelli defunti appartengono sempre alla nostra comunità”.
(D. Gréa)

Ho pregato Dio perché pieni dell'amore di Gesù Cristo, possiate superare ogni ostacolo.
Siate in pace con Dio, amatevi teneramente gli uni gli altri e gareggiate nel progredire tutti sulla via della perfezione. Non vi sia tra voi né emulazione né sentimenti di disprezzo o di collera, ma solo rendimento di grazie a Dio; le vostre bocche, santificate dalla lode, siano pure come quelle degli angeli; non formulino mormorazioni, né parlino per vana gloria, ma solo facciano risuonare parole di pace, di carità e di gioia […]
(dom Gréa, Lettera alla comunità nascente di St. Claude, Roma aprile 1869)

“Una sola cosa è necessaria ed è richiesta a voi figli miei: che voi amiate Gesù che vi ama tanto. A questo dedicatevi completamente… Soprattutto preservate i vostri cuori dai peccati… Proteggete e accrescete in voi l’umiltà, l’obbedienza, l’amore fraterno, l’osservanza regolare del silenzio e della serietà religiosa!...
Che giorno felice  per me e per gli angeli di Dio quando di nuovo vi abbraccerò,..
quando  mi sarà donato di benedirvi di viva voce con la mia tenerezza paterna”.
Dom Grea (4 Giugno 1894)

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto20 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti46 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante5 Ammaniti1 Amore73 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima3 animazione6 Anniversari28 Anno liturgico1 anziani6 apologetica3 app3 apparizioni4 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli20 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo4 Atenagora1 Attanasio1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang2 baciamano1 Baggio1 bambini18 Bannon1 Banzato1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo4 Battesimo di Gesù3 Battiato1 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI21 benedizione3 Benigni9 Bianchi52 Bibbia41 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia3 blog23 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi31 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi83 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo2 CEI5 Celentano1 celibato7 Ceneri5 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich11 Chiara Luce Badano2 chierichetti1 Chiesa23 Chiesa e società26 Chittister1 chosen1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema78 Cirinnà1 citazioni77 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus35 Corpus Domini5 Corviale1 Corvo1 Cosentino5 covid196 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi8 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 ddlzan2 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni3 dialogo2 dibattiti40 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso28 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi3 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare17 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco11 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia38 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini4 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco212 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia6 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender12 genitori6 Gerusalemme1 Gesù24 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani66 Giovanni Battista2 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG8 gnosticismo1 Gramellini2 gregoriano1 grest10 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata6 immagini52 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet10 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura5 letto14 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri142 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia47 Livatino1 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio4 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia5 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 Mainetti1 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Manara1 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco1 Marco Gallo1 Maria44 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri5 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.7 Mazzolari7 media2 meditazioni2 Medjugorje10 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa15 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli4 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 movimenti1 Muller2 Musica34 Nadia Toffa1 Natale46 Natuzza1 Negri1 Nembrini5 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena4 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie157 omosessualità30 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace6 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme4 Palumbo2 pandemia7 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita36 parrocchia5 Pasqua28 passione6 pastorale29 paternità4 Pati Trigo1 patria1 Patriciello14 paura1 peccato originale2 pedofilia17 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche79 Poli1 politica53 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere96 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni43 Quaresima42 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani3 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report2 Riace1 Riccardi7 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma19 Romero2 Ronaldo1 rosario9 Rosini27 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti28 sacramenti5 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe9 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo7 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi26 santità12 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano3 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma2 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri2 serie TV22 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa4 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo13 Siti cattolici27 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social3 società44 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Soul1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità73 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming7 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore2 sussidi38 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze18 Theobald1 Tolentino4 Tolkien1 Tolomeo1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale15 Trinità9 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV24 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze2 Valli4 Vallini1 Vangeli1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video117 Viganò3 vignette10 virtù1 visto9 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)