Le mie serieTV preferite (e le scoperte di Chernobyl e Mad men)


Nuove scoperte nell'ambito delle serie-tv: Chernobyl, una miniserie in 5 puntate sul dramma nucleare scoppiato nell'ex URSS nel 1986, assolutamente da non perdere, così come Mad men, serie tv in 7 stagioni (2007-2015) che ci porta nell'America degli anni '50/'60 al seguito di un pubblicitario carismatico e misterioso e della sua agenzia. Prosegue intanto. senza perdere di mordente, la serie This in us, mentre le ultime scoperte (molto positive) riguardano la serie Messiah (Netflix), Broadchurch (sempre su Netflix) e Band of brothers.


LA MIA CLASSIFICA:
Da non perdere: 
1.      IL TRONO DI SPADE (2011-2019). Voto: 8,5. Avventura-fantasy
8 stagioni.
2.     CHERNOBYL (2019). Voto: 8+. Drammatico-storico, in 5 puntate.
3. DOWTON ABBEY (2010-2016). Voto: 8 . Storico-sentimentale.
6 stagioni. Il film cinematografico uscito a novembre celebra questa imperdibile serie storica ma perdendo mordente.

4.     THIS IS US (2016-). Voto: 7,5 . Drammatico (famiglia).
3 stagioni (la 4° è in arrivo a fine ottobre ed è annunciata la 5° e la 6°). In chiaro Tv2000 sta trasmettendo la prima stagione.

5.     MAD MEN (2007-2015). Voto 7,5. Drammatico-storico. 7 stagioni di 13 puntate ciascuna. 
6. I SOPRANO (1999-2007). Voto: 7,5 (da non perdere). Drammatico. Mafia e famiglia
6 stagioni
Da vedere:
7.      STRANGER THINGS (2016-2019). Voto: 7 (da vedere). Avventura-fantasy-horror per ragazzi
3 stagioni.

8.     SHERLOCK (2010-2017). Voto: 7 (da vedere). Giallo-fantasy
4 stagioni

9.      13 (2017-). Voto: 7 (da vedere). Drammatico
3 stagioni

10.     MODERN FAMILY . Voto: 7- (da vedere). Commedia (famiglia)
 DIETRO LA NARRAZIONE

Chernobyl, la serie tv: tutto quello che è vero e verificato

Ecco perché la serie dedicata al disastro nucleare del 1986, sensazionalistica e ambigua, va vista

di Emilio Cozzi, Il sole 24 ore, 7 luglio 2019
La notte del 26 aprile 1986, all’una, 23 minuti e 45 secondi, vi fu la prima delle esplosioni che distrussero il reattore Rbmk-1000 del blocco 4 nella centrale elettronucleare “Vladimir Il'ič Lenin”, a tre chilometri da Pryp “jat” e a 18 da Černobyl, in Ucraina. Si è calcolato che in quattro secondi il reattore raggiuse una potenza cento volte superiore a quella nominale (fonte: Rapporto generale, United Nations Scientific Commitee of the Effects of Atomic Radiation, pag. 314). A oggi è il più grave incidente mai verificatosi in una centrale nucleare, uno dei due, con quello di Fukushima Dai-ichi del marzo 2011, classificato di livello 7 (“catastrofico”) nella scala Ines dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica.

“Chernobyl” vs Černobyl’: discrepanze
No, chi è vittima di sindrome da radiazione acuta non sanguina, come invece più volte mostrato dalla serie di Mazin, in cui un operatore della centrale, dopo il contatto con una porta vicina al reattore, sembra addirittura soffrire di emorragie diffuse. E no, che la vicinanza a persone contaminate equivalga a un contagio non è supportato da alcuna evidenza scientifica. Una volta lavati gli indumenti, gli oggetti e la pelle di chi è stato esposto alle radiazioni, la capacità di trasmissione è pressoché nulla. «Per trasmettere una dose di un millisievert a una persona a un metro di distanza – dichiarò ai tempi di Fukushima Peter Caracappa, Chief Radiation Safety Officer della Columbia University ed esperto di radioprotezione al Renssealaer Polytechnic Institute di Albany – nell'irradiato dovrebbero depositarsi 19 miliardi di Becquerel di iodio radioattivo e anche in questo caso l'esposizione aumenterebbe il rischio di cancro del ‘contagiato' dello 0,004 percento». Si può tuttavia ipotizzare che urine, sangue o sudore di una persona irradiata contengano una dose dannosa, ma non ci sono evidenze che la cosa si sia verificata durante il trattamento delle vittime di Černobyl'.
Gli episodi raccontatiCome non ci sono prove dell’elicottero precipitato durante i primi soccorsi – evento verificatosi a ottobre e per una collisione con un cavo, non per l'incendio agli impianti o per le radiazioni – né che siano esistiti i tre volontari sacrificatisi per drenare l'acqua radioattiva nei corridoi della centrale, altro episodio raccontato da “Chernobyl”.

La morte della figlia, a quattro ore dalla nascita, di Vasilij Ignatenko, uno dei vigili del fuoco accorsi per primi alla centrale, è invece raccontata nella prima testimonianza della moglie, Ljudmila, raccolta nel libro della Aleksievič. A parte la tragica storia dalla diretta interessata e la maggiore possibilità di sviluppare cancri alla tiroide da parte dei bambini (anche in grembo ai tempi della catastrofe), secondo l'Organizzazione mondiale della sanità non ci sono però prove che i difetti alla nascita siano stati più incidenti della media dopo il disastro. È purtroppo confermato, invece, che le donne della zona che ricevettero anche basse dosi di radiazioni abortirono, per la cosiddetta radiofobia, tra 100mila e 200mila gravidanze (fonte: International Atomic Energy Agency) e che le vittime da radiazioni di Chernobyl risultarono colpite da depressione, ansia e sindrome post traumatica da stress quattro volte di più rispetto al resto della popolazione.
Le vittime
Da sempre al centro di polemiche, l'esatto numero delle vittime del disastro potrebbe rimanere sconosciuto, a causa degli effetti di lunga durata delle radiazioni. È solo possibile effettuarne delle stime, anche queste storicamente contestate da più parti. L'esplosione del reattore uccise due addetti alla centrale, un altro morì per trombosi coronarica. Fra personale e primi soccorritori, 134 persone furono ricoverate per ustioni o per gli effetti acuti delle radiazioni; 28 morirono nelle prime settimane, 19 negli anni successivi. A oggi, il numero accertato è di 65 morti.
L'impatto sulla salute pubblica, però, è stato di gran lunga superiore: le stime più prudenti indicano 4mila vittime sulle 600mila persone più esposte alle radiazioni. Si tratta soprattutto di abitanti delle zone sgomberate e dei cosiddetti liquidatori, militari e civili, spesso volontari, impegnati nelle operazioni di bonifica. La cifra, elaborata a vent'anni dalla tragedia dal Chernoby Forum nell'ambito di uno studio realizzato da oltre cento scienziati ed esperti di otto agenzie delle Nazioni Unite (tra cui l'Organizzazione mondiale della sanità e l'Agenzia internazionale per l'energia atomica, la Iaea), è stata fortemente criticata per il sospetto di un conflitto di interessi dell'Iaea e per l'esclusione delle 5mila vittime previste nelle zone contaminate in misura minore.
Nel 2006, lo stesso anno della sua pubblicazione, i Verdi europei hanno commissionato The Other Report on Chernobyl, noto anche come Studio Torch, in cui si menzionano dai 30mila ai 60mila deceduti. Numero che sale al milione secondo lo studio, orfano di riesame paritario e per questo molto discusso, di un team di biologi diretto da Alexey Yablokov, pubblicato nel 2009 sulla rivista “Annals of the New York Academy of Sciences”. È certo che i casi di cancro alla tiroide in minori di 18 anni al tempo del disastro ammontino a 19.233, un tasso 2,8 volte superiore a quello registrato nella stessa area fra il 1991 e il 2005. L'anno scorso, con un rapporto effettuato in Russia, Ucraina e Bielorussia, le Nazioni Unite hanno concluso che il 25%, 5mila casi, può essere attribuito al disastro (paragrafi A-C). Negli studi precedenti, l’Onu aveva stimato fino a 16mila casi potenzialmente riconducibili alle radiazioni di Černobyl’.
A prescindere dai numeri, che è possibile non avremo mai vista la diffusione su larga scala della contaminazione e la natura stessa dei tumori - di cui è difficile ricondurre l'insorgenza a una relazione di causa effetto – rimane da considerare anche un altro rischio sanitario: «il più importante», secondo l'Oms, consiste nelle sofferenze psicologiche di chi ha vissuto un'esperienza “profondamente traumatica”. Ed è qui, nell'accuratezza della sua descrizione, che Aleksievič e Mazin sono invece magistrali.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto18 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti45 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante5 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima3 animazione6 Anniversari28 Anno liturgico1 anziani6 apologetica3 app3 apparizioni4 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli20 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 Attanasio1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang2 baciamano1 Baggio1 bambini18 Bannon1 Banzato1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo4 Battesimo di Gesù3 Battiato1 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI21 benedizione3 Benigni8 Bianchi52 Bibbia40 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia3 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi30 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi83 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI5 Celentano1 celibato7 Ceneri5 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich11 Chiara Luce Badano2 chierichetti1 Chiesa21 Chiesa e società26 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema77 Cirinnà1 citazioni76 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus35 Corpus Domini5 Corviale1 Corvo1 Cosentino5 covid196 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi8 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 ddlzan2 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni3 dialogo2 dibattiti38 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso28 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi3 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare17 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia37 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini4 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco207 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia6 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender12 genitori6 Gerusalemme1 Gesù23 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani64 Giovanni Battista2 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 gregoriano1 grest10 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata6 immagini52 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet10 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura5 letto14 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri141 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia47 Livatino1 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio4 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 Mainetti1 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Manara1 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco1 Marco Gallo1 Maria44 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri5 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.7 Mazzolari7 media2 meditazioni2 Medjugorje10 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa15 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica34 Nadia Toffa1 Natale46 Natuzza1 Negri1 Nembrini5 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena4 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie156 omosessualità30 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace6 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme4 Palumbo2 pandemia7 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita35 parrocchia4 Pasqua28 passione6 pastorale27 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello12 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche79 Poli1 politica53 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere95 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni40 Quaresima42 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani3 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report2 Riace1 Riccardi7 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma18 Romero2 Ronaldo1 rosario9 Rosini26 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti27 sacramenti5 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe8 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo7 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi24 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma2 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV20 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa4 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici27 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social3 società44 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Soul1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità73 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming7 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore2 sussidi37 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze17 Theobald1 Tolentino4 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale15 Trinità9 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV24 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze2 Valli4 Vallini1 Vangeli1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video117 Viganò3 vignette10 virtù1 visto9 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Preghiere allo Spirito Santo

I SACRAMENTI DELLA GUARIGIONE

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

I 7 segni nel Vangelo di Giovanni