Il trono di spade: conclusa la grande serie tv


Le attese sulla conclusione della serie tv "Il trono di spade" (8 stagioni, 73 episodi) erano troppo alte per non andare deluse. La valutazione generale è in ogni caso ottima e la serie è raccomandabile per un pubblico adulto (troppo violenta e con scene di sesso per i minori di 14 anni).

L'ambientazione fantasy, il ritmo dei film d'avventura, i dialoghi raffinati, le ambientazioni da kolossal (con ottimi effetti speciali), ottimi attori che interpretano personaggi a cui è facile affezionarsi... tutto questo rende unica questa serie, dove la ricerca del potere, l'ambizione, l'orgoglio e la superbia lottano contro gli ideali positivi di sempre: l'amore, l'amicizia, l'importanza dei legami familiari, la lealtà, la ricerca del bene comune...

Nella stampa cattolica ho trovato un articolo pubblicato da Famiglia Cristiana e uno da Aleteia:

SI PUÒ GUARDARE ALLA SPERANZA DIETRO IL GIOCO DEI TRONI?

09/05/2019  Oltre alla rappresentazione di morte e violenza, che caratterizzano la fiction più importante degli ultimi anni, ecco uno sguardo umanistico al Trono di Spade. Non è una visione per famiglie ma offre spunti di riflessione interessanti.

 di Adriano Bernocchi
Game of Thrones, familiarmente GoT, il Trono di Spade, è un fenomeno che ha bisogno di poche presentazioni: è una serie televisiva partita nel 2011, tratta dal ciclo di romanzi Cronache del Ghiaccio e del Fuoco (A Song of Ice and Fire) di George R. R. Martin, iniziata nel '96 e ad oggi incompiuta. La costola televisiva ha raggiunto e superato i romanzi (sia nell'avanzamento della narrazione, sia nel successo e, viene da dire, sia nella riuscita artistica). Anzi, è probabilmente da considerare la fiction televisiva più importante della decade, contemporaneamente riflesso e stimolo a far uscire certi prodotti di genere dalla nicchia al consumo di massa (il fantasy, proprio mentre al cinema avveniva lo stesso con i supereroi Marvel), grazie a un coraggio produttivo innegabile per il mezzo: cast sterminato, uso disinvolto di set internazionali, coreografie complesse di scene di battaglia con ampio impiego di masse.
Non è estranea al successo la rappresentazione disinvolta della violenza, di storie sanguinarie e scabrose e del sesso (quest'ultimo comunque in calo dalle prime stagioni, per il tramontare di alcune mode generali: le serie televisive hanno sempre meno bisogno di "mezzucci" per qualificarsi come mature; inoltre le soluzioni più sfacciate e facili diventano meno necessarie dopo il lancio di una serie). Se parliamo di caratteristiche di "visione sicura in famiglia" GoT non è da consigliare. Tuttavia l'opera è di tale impatto che vale la pena soffermarsi su alcuni spunti interessanti, andando al di là dell’insistenza di marketing e fan su delitti, tradimenti ed efferatezze varie.
Cari lettori, riveleremo il meno possibile e probabilmente ora avrete visto già le ultime puntate (trasmesse nella versione sottotitolata, domenica notte doppiate), ma se temete lo spoiler, avanzate con cautela.

Si è appena compiuto un arco molto importante, con la messa in scena di una grande battaglia: l'invasione dei morti viventi del mondo di Westeros, vale a dire la minaccia soprannaturale principale che poteva spazzare via la civiltà.
È il momento in cui i protagonisti sono chiamati alla propria battaglia per lo spirito, a tirare le fila di scelte e morale.
Ogni fantasy ha alle spalle una sorta di metafisica, cioè una rappresentazione di forze superiori che governano le nostre vite con echi in religioni, filosofie, ma anche ideologie reali. Può essere la lotta del Bene contro il Male o del Caos contro la Legge. Pur essendo molto "laico", il Trono di Spade non fa eccezione allo schema, mettendo uno contro l'altro Ghiaccio e Fuoco, due principi più suggeriti che definiti, tanto nei libri quanto in Tv. Uno di "morte e stasi definitiva" e l’altro di "morte e rinascita". Si tratta di concetti intenzionalmente vaghi, lontani tanto per il pubblico quanto per i personaggi. Tralasciando i pochissimi direttamente toccati da una forma di fede, i personaggi sono soli in balia di un mondo in cui sono molto tangibili minacce reali, assassinii, guerre, ruberie: atti dettati da spietata realpolitik, sopravvivenza o calcolo, che apparentemente sono l'unica forza dietro il "gioco dei troni", e che diventa la dichiarata ragion d'essere dei più malvagi.
Prima di arrivare al suo culmine drammatico (la posta in gioco è quella più alta, la salvezza, e difficilmente sarà eguagliata in questo dalle puntate mancanti al termine della serie), GoT si è presa il suo tempo e ha radunato i suoi "eroi" attorno a un focolare: rallentano i tempi, prima del confronto definitivo, si dà modo di coccolare un po' i personaggi, si titilla lo spettatore con l'eterna promessa/minaccia su "chi sopravviverà", e allo stesso tempo si riflette su chi siano "i salvatori".
Un pugno di reietti, traditori pentiti, incompresi, cercatori di redenzione, mutilati, "donne che fanno il lavoro degli uomini" (e per questo vengono guardate storto), scudieri volenterosi (l'equivalente medievale dello stagista) a cui, dopo otto stagioni di efferatezze, è stato tolto tutto. Non che si parli di personaggi dalla morale immacolata (tra centinaia, questo è un privilegio di giusto un paio). È solo grazie all'abilità del racconto che possiamo considerarli "buoni".Ma in comune hanno tutti la rinuncia al potere e il fatto che questo li abbia resi più liberi. Se è impossibile sottrarsi alla violenza delle forze storiche e politiche, all'individuo "con la macchia" è concesso il confronto con la coscienza e il riscatto.
È un aspetto di umanesimo, che riguarda le scelte morali dei personaggi, che non spiace ritrovare nel Trono di Spade: innova sui linguaggi e appassiona con le logiche più classiche.
Quando si arriva poi al dunque, alla grande battaglia, si esprime al meglio e nello stesso momento si porta a esaurimento la più diretta manifestazione del soprannaturale vista nella serie. Il regista dell'episodio, Miguel Sapochnik, lo fa con coerenza, con soluzioni stilistiche che non troppo tempo fa sarebbero state appannaggio del cinema, utilizzando spessi silenzi e offrendo allo sguardo una bellissima contrapposizione tra masse di corpi spersonalizzate e impegnate nello scontro fisico e tra il buio e la luce naturale del fuoco. Una contrapposizione in parte non capita da un pubblico troppo ingordo di particolari e irreligioso. Tutto questo, a livello di economia generale della serie, si realizza in un momento inaspettato, non al termine del ciclo, ma con qualche puntata di anticipo. Lasciando interamente alla soluzione del Gioco dei Troni, alla spietata regina Cersei e agli ultimi intrighi terreni il finale.
Ci sono dei precedenti illustri: Tolkien nel Signore degli Anelli e Omero nell'Odisseasottoponevano i loro eroi a un doloroso ritorno a casa quando il peggio sembrava alle spalle. Come dire: un ritorno alle cose materiali dopo lo spirito, con un auspicio (e una nostra scommessa su come andranno le cose): che appresa la lezione sulla vanità del potere nessuno sederà sul Trono.
ALETEIA: "Qual'è la religione del trono di spade?"
(...) Le religioni appaiono in modo esplicito ne Il Trono di Spade. Dèi di ogni tipo, spiritualità legate alla natura, ma anche divinità del manicheismo. E persino un’allusione a Cristo. Lo suggerisce Luisa Calderón, psicoterapeuta e ingegnere industriale che si dedica all’azione sociale, offrendo terapia in varie istituzioni governative messicane. Le abbiamo chiesto se ci sia un rapporto tra la saga de Il Trono di Spade e il cristianesimo.
C’è qualche relazione?
Ovviamente no! Questo è il punto. Nei regni de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, quello che decide il destino è il gioco dei troni, in cui se non vinci muori. E il Regno di Dio non è di quel mondo. Né di questo. Paradossalmente, l’universo de Il Trono di Spade è pieno di diverse religioni, il che lo rende attraente per lo spettatore attuale visto che è un riflesso del nostro mondo multiculturale.
Il cristianesimo de Il Trono di Spade ha tinte medievali…C’è la religione dello Stato: la religione dei Sette, con sacerdoti, cattedrali, rituali, castità, monaci guerrieri e monache acide; con la sua teologia per cui c’è un solo dio in sette persone. Ovviamente un riferimento al cattolicesimo medievale.
Ci sono anche riferimenti al manicheismo, vero?C’è la religione di R’hllor, un unico dio al quale vengono dedicati sacrifici umani e che è capace di riportare in vita i defunti. La sua teologia è manichea: la luce e l’oscurità sono in guerra continua. “Perché la notte è oscura e piena di pericoli”.
E il Dio del mare?
C’è la religione del dio annegato. Il dio annegato ha dato la propria vita per salvare gli uomini, e questi ora si offrono in un rituale in cui sono immersi in mare fino ad annegare, per essere poi rianimati. “Ciò che è morto non può morire”.
Ci sono anche echi di panteismo…
C’è la religione degli antichi dèi. Non hanno forma e si radicano nella natura. Il culto si svolge davanti ai grandi alberi secolari, con volti intagliati nel tronco. È la religione più antica di Westeros. C’è anche la religione del dio dai molti volti, il cui nome è Morte e al quale diciamo “Oggi no”. Il motto di questi devoti è “Valar Morghulis, valar dohaeris”, che significa “Tutti gli uomini devono morire, tutti gli uomini devono servire”. 
E tuttavia sembra che Dio non ci sia, in un mondo di vendetta e violenza estrema.
Anche tutte queste religioni fanno il gioco dei troni, e in suo nome i loro devoti si uccidono allegramente. È molto simile al mondo che vediamo. L’universo de Il Trono di Spade è terribilmente violento, ingiusto, spietato. A chi non ha visto la serie, o soprattutto non ha letto i libri, sembrerà una storia senz’anima. Chi vorrebbe una storia così? Ed è lì il paradosso: in qualche modo “l’anima” è nell’autore che ha scritto questi orrori e nel lettore che li legge. Gli orrori sono presentati per suscitare una sollevazione e dire “Così no”. L’autore ritrae costantemente bambini maltrattati, donne picchiate e stuprate, poveri depredati, eroi vinti. Non perché debba essere così, ma perché è così quando Dio non è presente. (...)
Suggerisce che c’è già una presenza cristica ne Il Trono di Spade
C’è un personaggio, che non appare sullo schermo anche se è un vero peccato, in cui credo risieda l’idea più profonda di quello che è il Regno di Dio per George RR Martin. I capitoli in cui appare si trovano a metà del libro Il Banchetto dei Corvi, che a sua volta è a metà dei sette volumi progettati. Si potrebbe dire che sia il cuore della serie.
I capitoli trattano di “Septon Meribald”, un sacerdote, o piuttosto un fratello laico, che si dedica a percorrere le regioni più povere portando cibo, medicine e consolazione ai più poveri dei poveri. Va scalzo e lo accompagna un cane chiamato semplicemente così. Qualche ricco gli dà fondi per la sua missione, ma a tutti dà e da tutti accetta una carità simbolica.
Sono i capitoli più belli di tutta la serie. Qui sì che c’è Cristo. Quando si danno le spalle al gioco, può essere che non ci siano ricchezza o fama, ma c’è la natura, c’è la pace, ci sono il contatto umano e la comunità, anche in mezzo alla guerra e alla miseria. L’autore George RR Martin è stato allevato nel cattolicesimo, e si nota. 

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria39 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie144 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia2 Pasqua27 passione6 pastorale25 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti25 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV15 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società40 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi2
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

LA PARABOLA DEL SEMINATORE E GLI OSTACOLI ALL’AMORE

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)