Sodoma: una ennesima macchina del fango?

Parlare male della Chiesa fa audience e fa guadagnare bene. Ecco allora una schiera di pseudogiornalisti che continuano a gettare fango sui sacerdoti. Tanto si sa che qualcosa di male lo fanno pure loro. L'ultimo libro di questa serie si intitola "Sodoma". E' scritto da Frédéric Martel, attivista lgbt e scrittore, e uscirà in venti paesi e otto lingue (in Italia per Feltrinelli) il prossimo 21 febbraio. Si mette il dito nella piaga della lobby gay vaticana e - come afferma il vaticanista de Il foglio, Matteo Matzuzzi - lo si fa con "Insinuazioni, allusioni, un estenuante sbrodolamento di pettegolezzi su vivi e morti. Ecco il libro che vuole scoperchiare la cupola gay vaticana. Prove? Nessuna". Questa è la sua recensione completa di un libro che definisce "ciarpame senza pudore":
Un estenuante sbrodolamento di pettegolezzi, insinuazioni, allusioni, frasi a effetto non supportate da alcuna statistica o prova, come quella sul fatto che in Vaticano quattro preti su cinque sarebbero gay. Non servono troppe parole per definire Sodoma, il “capolavoro” di Frédéric Martel, attivista lgbt e scrittore, che uscirà in venti paesi e otto lingue (in Italia per Feltrinelli) il prossimo 21 febbraio. Proprio il giorno in cui il Papa aprirà il vertice con i presidenti delle conferenze episcopali per cercare di stabilire una linea di condotta comune in relazione agli abusi sessuali da parte di membri del clero. Martel dice di averci lavorato quattro anni, di aver viaggiato tantissimo e di aver intervistato parecchie persone, testimoni credibili dello stato in cui versa la chiesa. Cinquecentosessanta pagine di continuo spiare dal buco della serratura, con il racconto pruriginoso di arcivescovi fidanzati con gentiluomini scozzesi, cardinali francesi innamorati di preti anglicani e porporati africani che vivono relazioni a distanza con gesuiti del Boston College. “Uccelli di rovo” al confronto è un’innocente puntata di “Heidi”.
La tesi è naturalmente precostituita: Bergoglio ce l’ha con i monsignori rigidi, i famosi legalisti, perché gay più o meno “praticanti” e gli omofobi conservatori della curia in realtà sono “puttanieri milionari” (citazione testuale) che si portano a letto seminaristi e gigolò, picchiandoli per sfogare la propria natura repressa. Il cardinale Alfonso López Trujillo, morto più di dieci anni fa, oltre che accusato di essere un delinquente della peggior specie dedito a intrallazzare con i narcotrafficanti di Medellin e forse a comprare “penetrazioni senza preservativo” (così nel testo), avrebbe anche indicato ai paramilitari colombiani i preti schierati dalla parte dei poveri. Sacerdoti che poi, ça va sans dire, gli stessi paramilitari ammazzavano nei barrios locali. Prove? Nessuna. Solo voci, interviste, testimonianze di chi sapeva bene come andavano le cose. Identico canovaccio anche per Sebastiano Baggio – pure lui defunto da un pezzo –, creato cardinale da Paolo VI ma subdolo cospiratore al servizio dell’ultraconservatorismo.
Non c’è nient’altro di rilevante in questo libro, se non la voglia morbosa di scandalizzare e di assestare qualche colpetto alla chiesa che non se la passa bene. Creare caos, fomentare risse verbali – sono già iniziate, con alcuni settori della destra cattolica caduti in pieno nel trappolone che teorizzano complotti dietro ai quali ci sarebbero addirittura Francesco e padre Spadaro. Martel insiste molto sui morti, divisi tra confidenti – viene tirato in ballo pure un gigante della chiesa qual è stato Jean-Louis Tauran, verso il quale Martel dice di aver provato grande affetto, nonostante “la sua insondabile schizofrenia” – e diavoli, come il già citato Lopez Trujillo, che il Papa avrebbe fatto esumare dal cimitero vaticano per spedirlo in Colombia, il più distante possibile da Santa Marta. Ciarpame senza pudore, allusioni ributtanti che si mischiano a pensieri sparsi di attivi esponenti della curia romana, come mons. Vincenzo Paglia che davanti a una Madre Teresa di Calcutta in versione pop-art che lampeggia a intermittenza fa sapere che “parlare della famiglia non significa stabilire delle regole; al contrario, significa aiutare le famiglie”. L’autore, che non ne può più di questa chiesa che continua a dire che la famiglia è quella tra uomo e donna, esulta. Mancava naturalmente lo scoop sul reale motivo delle dimissioni di Benedetto XVI – nel libro ce n’è anche per lui, per il suo segretario e per il suo predecessore – che non sarebbero state dovute all’età né agli scandali relativi alla pedofilia nel clero. Recatosi in viaggio a Cuba nel 2012, Joseph Ratzinger avrebbe lì scoperto “un mondo demoniaco” (sesso, abusi, eccetera) che non gli lasciò altra strada se non la rinuncia. Tra quattro anni attendiamo il sequel. 
Vedi anche:  

Il libro “Sodoma” di Martel.Omosessualità in Vaticano. Tra caricature e interrogativi (Avvenire)

L’inchiesta su Vaticano e gay: «Nella Chiesa c’è doppiezza» (Corriere)

Gay in Vaticano: «Così Sodoma racconta la mia storia» (L'Espresso)

Interessante (e inquietante) è anche l'uso propagandistico anti (o pro) Bergoglio che già si fa del libro. Così Tosatti (anti Bergoglio) scrive:  CLAMOROSO: MARTEL CONFERMA VIGANÒ, BERGOGLIO SAPEVA DELLA PEDOFILIA DI MCCARRICK MA "NON LA RITENNE ABBASTANZA IMPORTANTE PER CONDANNARLO". #PapaFrancesco tolse le restrizioni a McCarrick imposte da Benedetto XVI e lo utilizzò come consigliere. Così anche Cascioli (La Nuova Bussola Quotidiana): L'uscita contemporanea del libro "Sodoma" in 20 paesi e in 8 lingue, prevista per il 21 febbraio, si presenta come una grande operazione mediatica allo scopo di promuovere la legittimazione dell'omosessualità nella Chiesa. Ma potrebbe rivolgersi contro quel papa Francesco che l'autore vuole invece sostenere.

Dall'altra parte ci pensa UCCR ad evidenziare altre conseguenze:

“Il card. Burke è gay”, il quotidiano La Verità sponsor del libro diffamatorio

belpietro viganòLa Verità (Maurizio Belpietro) sponsorizza con due articoli in prima pagina l’inchiesta che smentisce l’ex nunzio Viganò e diffama vescovi e cardinali tradizionalisti, accusandoli di omosessualità latente (tra essi il card. Burke). Il libro si chiama “Sodoma”, scritto da Frédéric Martel, e pone Papa Francesco contro la lobby gay vaticana.

Si chiama “Sodoma” (che fantasia!) l’ultimo attacco alla Chiesa cattolica, scritto dall’attivista gay francese Frédéric Martel, diffuso in 20 Paesi e tradotto in 7 lingue diverse. L’accusa è la solita, il Vaticano è pieno di omosessuali (l’80% di chi ci vive) e l’autore l’avrebbe scoperto intervistando i presunti amanti dei cardinali. Robaccia alla Augias & Fittipaldi, scandalismo di bassa lega se non fosse per l’enorme campagna pubblicitaria.
Mentre gli altri quotidiani ne hanno dato semplicemente notizia -si noti il sobrio articolo de Il Corriere posto in 25° pagina, sottolineando la «mancanza di prove e di solidi indizi statistici»– il quotidiano La Verità si è affrettato a sponsorizzare a tal punto l’inchiesta piazzandola in prima pagina. E anche questa mattina, ancora una volta in prima pagina si avvalorano le conclusioni dell’inchiesta, concentrandosi sulle dimissioni di Benedetto XVI.
Una scelta sorprendente in quanto, come vedremo, l’inchiesta di Martel smentisce il memoriale dell’ex nunzio Carlo Maria Viganò, paradosso vuole diffuso tra i primi proprio da La Verità, avendone intuito l’operazione politica (fallita) per tentare l’impeachment a Papa Francesco. Anche grazie all’attivismo del vaticanista Lorenzo Bertocchi (fedelissimo di Riccardo Cascioli, direttore de La Bussola), ogni settimana Belpietro ripubblica le peggiori notizie anticlericali raccolte in rete.
L’attacco a Giovanni Paolo II e la fantasia sugli agenti segreti gay cileni.
Secondo il libro di Martel, l’esistenza della lobby gay vaticana giustificherebbe -lo si legge sul quotidiano di Belpietro-, «il rifiuto del preservativo e l’obbligo del celibato sacerdotale». Mentre l’arcivescovo Viganò cercò di “salvare” Giovanni Paolo II, mentendo sul fatto che quando creò cardinale Theodore McCarrick «era già molto malato», la nuova inchiesta -promosso, lo ricordiamo, da La Verità– non ha pietà per il Papa polacco e va a colpire «diversi sacerdoti e monsignori molto vicini a Giovanni Paolo II».
Altri nomi di attivisti omosessuali sarebbero Pio Laghi e sopratutto Angelo Sodano, il nemico numero uno dell’ex nunzio Viganò, che il saggio di Martel lo accusa di avere avuto «un intensissimo rapporto con il dittatore Augusto Pinochet», tanto che permise l’introduzione in Vaticano di agenti segreti cileni omosessuali che ricevettero grande accoglienza. La fantasia è sfrenata e arriva alle dimissioni di Benedetto XVI, chiaramente anch’esse motivate da questa lobby gay.
Accuse, quelle del “Vaticano omosessuale”, smentite tuttavia proprio da un ex sacerdote gay che lavorò in Segreteria di Stato, tra i protagonisti dell’inchiesta. Si chiama Francesco Lepore e oggi è un giornalista, ricorda di essere entrato in seminario già omosessuale e, dopo una carriera locale, di essere giunto in Vaticano nel 2003, appena iniziò a manifestare la sua tendenza, racconta, «le voci sulla mia omosessualità furono così ingigantite che i superiori della Segreteria di Stato obbligarono il mio vescovo a richiamarmi in diocesi per affidarmi un incarico di rilievo. Intervenne Mario Agnes, l’allora direttore de L’Osservatore Romano, presso Stanisław Dziwisz, segretario di Giovanni Paolo II, e si giunse a una soluzione di compromesso: non era possibile per me restare più in Segreteria di Stato ma era disposto il trasferimento alla contigua Biblioteca Apostolica Vaticana». Dal racconto di Lepore è evidente come vi sia stato un immediato intervento per allontanarlo dal Vaticano appena si è saputo della sua omosessualità, senza alcuna complicità.
La Verità (Belpietro) contro il card. Burke: “si fa chiamare strega cattiva, vive in un’alcova gay”.
Qui la vicenda prende una piega sorprendente perché il saggio scandalistico di Frédéric Martel descrive Papa Francesco come oppositore di questa corrente omosessuale in Vaticano, tanto che (secondo La Verità), il Pontefice «non avrebbe ostacolato» l’uscita dell’inchiesta perché potrebbe «contribuire ad accelerare quel cambiamento» di pulizia «troppe volte annunciato, ma mai vissuto».
La Verità e Frédéric Martel arrivano così ad accanirsi sul card. Raymond Leo Burke, il prelato conservatore leader (suo malgrado) della fronda antipapista cattolica che al di là di qualche infelice uscita ha tuttavia mantenuto un atteggiamento di obbedienza, seppur critica, verso il Papa. Il card. Burke vivrebbe «in una casa lussuosa con il bagno che pare ritagliato da qualche spa da mille e una notte», scrive Gianluigi Nuzzi, e sarebbe soprannominato “la strega cattiva del Midwest”. Il card. Burke un altro omosessuale? Per La Verità è tutto vero, perché «il linguaggio al femminile ogni tanto preferito dal porporato, il nomignolo che ricorda altri della piccola comunità vaticana (Jessica, la Vipera, la Beddazza e ancora e ancora), la descrizione di una casa che pare un’alcova, impone una riflessione più ampia. Il libro di Martel spalanca una finestra che si è tenuta a lungo murata. Dopo questo saggio, le ipocrisie issate come stendardo dovranno cadere».
L’inchiesta smentisce l’ex nunzio Viganò e pone Francesco contro la lobby gay.
E’ paradossale che lo stesso organo di stampa (La Verità), lo stesso direttore (Maurizio Belpietro) che ha dato più voce e credibilità all’ex nunzio Vigano, oggi dà voce e sponsorizza il libro che diffama gli “alleati” di Viganò, cioè innumerevoli vescovi e cardinali “conservatori” e “tradizionalisti” alla cui “omofobia” viene collegata un’omosessualità latente o praticata. E, cosa ben più importante, smentisce platealmente l’ex nunzio Carlo Maria Viganò, sia perché individua l’omosessualità nei prelati tradizionalisti contrari a Francesco, sia perché pone Papa Bergoglio come nemico della lobby gay vaticana, svelando che il suo continuo rimproveri ai prelati “ipocriti” e dalla “doppia vita” sarebbero rivolti proprio a questi monsignori gay.
Ma questi “particolari” vengono taciuti da La Verità, che nel titolo della sua prima pagina ha il coraggio di scrivere che invece l’inchiesta «conferma le accuse di Viganò». E’ evidente che questi organi di stampa e giornalisti “conservatori” (rigorosamente non praticanti) non vogliono difendere alcuna dottrina, ma portano avanti una guerra aperta contro la Chiesa e i suoi pastori (di qualunque “fazione”), da una parte sfruttando le pedine al momento più comode -i Viganò, i vaticanisti e i blogger dissidenti (raccogliendo consensi negli ingenui tradizionalisti)-, e dall’altra sponsorizzando inchieste che li smentiscono. Non importa, tutto fa brodo per colpire i Papi, delegittimare moralmente moralmente la Chiesa, sgonfiare la sua scomoda dottrina morale.
La redazione

Etichette

abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti41 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore34 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore67 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari25 Anno liturgico1 anziani2 apologetica3 app3 apparizioni2 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte20 Articoli11 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini15 Bannon1 Baricco1 Bassetti3 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini8 Beltrame1 Benedetto XVI19 benedizione2 Benigni7 Bianchi46 Bibbia35 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa6 Canti religiosi29 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis10 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi59 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI1 Celentano1 celibato6 Ceneri2 censura1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società21 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema70 Cirinnà1 citazioni66 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri1 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus1 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino2 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld3 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini8 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 dialogo2 dibattiti29 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento4 dissenso25 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi12 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 ecclesiologia di comunione1 ecologia3 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus1 emozioni1 Epicoco7 Epifania6 Ermes Ronchi4 esame di coscienza1 escatologia4 esegesi1 esercizi1 esorcismo1 estate2 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake10 famiglia35 Fano1 Fatima5 Fazi2 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco177 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia3 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù21 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani55 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II9 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG6 gnosticismo1 Gramellini2 grest6 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet8 Introvigne1 Islam1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto10 Lewis2 liberazione1 libertà4 Libri120 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia22 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi17 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente3 Mancuso3 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria34 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media5 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.5 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje7 Melloni1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano11 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica27 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena1 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie142 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio4 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme2 Palumbo1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita24 parrocchia2 Pasqua21 passione4 pastorale23 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello7 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste3 perdono4 Personaggi40 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche69 Poli1 politica46 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera23 preghiere78 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 Pronzato1 psicologia7 pubblicazioni35 Quaresima30 racconti5 radio2 Raggi1 Ravasi16 razzismo2 reali1 Recalcati7 relativismo2 religione8 religioni4 Riace1 Riccardi3 ricchezza9 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario5 Rosini17 Ruini1 Rumiz1 Rupnik4 Sabattini1 sacerdoti24 sacramenti3 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini13 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe4 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi17 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati1 secolarizzazione2 Secondin1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV10 Serra2 sessualità60 Sesta3 sette1 Settimana santa2 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano1 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società39 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza3 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo13 Spiritualità56 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia4 storicità2 streaming3 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi30 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze14 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello15 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale7 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV16 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni1 verità2 Via Crucis8 Video90 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni7 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi1
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)