Il manifesto della fede secondo il card. Muller e le critiche che gli sono state rivolte


Pubblicato ai primi di febbraio su un sito americano conservatore e apertamente anti-Bergoglio, il "manifesto della fede"del cardinal Muller che si firma «Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede dal 2012-2017», esprime forte preoccupazione su vari aspetti della Chiesa odierna a cominciare dalla crescente confusione dottrinaria, dando l'impressione di una sottintesa colpevolizzazione del pontificato di Francesco. 

Critiche sono giunte da parte del cardinal Kasper («Il "manifesto" che semina confusione») che gli rimprovera di avere diffuso solo «mezze verità» e di avere seminato «confusione e divisione», dal teologo Andrea Grillo («Secondo AL le parole di Muller sono meschine»), da Vinicio Albanesi, Giuseppe Lorizio e da tanti altri, trovando invece apprezzamento e sostegno nella parte più conservatrice della Chiesa.

Così presenta il documeno Vatican Insider:
C'è chi interpreta questa iniziativa come una nuova offensiva organizzata contro Jorge Mario Bergoglio.
Il testo di Gerhard Ludwig Müller vuole essere una correzione dei presunti errori dottrinali che starebbe compiendo e trasmettendo la Chiesa del Papa argentino.
Su Lifesitenews si legge che l'intenzione del Porporato era di pubblicare il manifesto il 10 febbraio, vigilia dell'anniversario dell'annuncio della rinuncia al pontificato di papa Benedetto XVI nel 2013, e dell'ordinazione del Cardinale al sacerdozio. Ma un sito web polacco ha rotto l'embargo e dunque il documento viene rilasciato in anticipo.
Non si può non ricordare che Francesco non ha rinnovato il cardinale Müller nel suo incarico di capo della Congregazione per la Dottrina della Fede nel 2017.
Müller non menziona il Papa, ma dice che «dinanzi a una sempre più diffusa confusione nell’insegnamento della fede, molti vescovi, sacerdoti, religiosi e laici della Chiesa mi hanno invitato a dare pubblica testimonianza verso la Verità della rivelazione».
Il Prefetto emerito denuncia che «oggi molti cristiani non conoscono più nemmeno i fondamenti della fede, con un pericolo crescente di non trovare più il cammino che porta alla vita eterna». Tuttavia, compito «proprio della Chiesa rimane quello di condurre gli uomini verso Gesù Cristo, luce delle genti».
Müller, per trovare e indicare «il giusto orientamento», si affida a «Giovanni Paolo II», secondo cui «il Catechismo della Chiesa Cattolica rappresenta una “norma sicura per l’insegnamento della fede”». E sul numerose citazioni del Catechismo basa questa sua produzione.
Il testo viene diffuso anche sulla scia del «Documento sulla Fratellanza Umana - Per la pace mondiale e la convivenza comune», firmato il 4 febbraio negli Emirati Arabi Uniti da papa Francesco con il grande imam di al-Azhar Ahmed Muhammad al-Tayyib, in cui si afferma che «il pluralismo e le diversità di religione sono una sapiente volontà divina, con la quale Dio ha creato gli esseri umani. Questa Sapienza divina è l’origine da cui deriva il diritto alla libertà di credo e alla libertà di essere diversi». Scrive Müller: «La differenza delle tre persone nell’unità divina segna una differenza fondamentale nella fede in Dio e nell’immagine dell’uomo rispetto alle altre religioni. Riconosciuto Gesù Cristo, i fantasmi scompaiono. Egli è vero Dio e vero uomo». Suona la carica il Cardinale: «È con chiara determinazione che occorre affrontare la ricomparsa di antiche eresie che in Gesù Cristo vedevano solo una brava persona, un fratello e un amico, un profeta e un esempio di vita morale. Egli è prima di tutto la Parola che era con Dio ed è Dio, il Figlio del Padre, che ha preso la nostra natura umana per redimerci e che verrà a giudicare i vivi e i morti». Lui solo «adoriamo in unità con il Padre e lo Spirito Santo come unico e vero Dio».
Il Manifesto incalza su temi come la comunione ai divorziati risposati, l'eternità dell’inferno, il sacerdozio femminile e il celibato sacerdotale.
I divorziati risposati civilmente, «il cui matrimonio sacramentale davanti a Dio è ancora valido, come anche tutti quei cristiani che non sono in piena comunione con la fede cattolica e pure tutti coloro che non sono debitamente disposti», non devono ricevere «la santa Eucaristia fruttuosamente, perché in tal modo essa non li conduce alla salvezza», afferma. Metterlo in evidenza «corrisponde a un’opera di misericordia spirituale».
E ancora: «La S. Eucaristia è “fonte e culmine di tutta la vita cristiana”. Il sacrificio eucaristico, in cui Cristo ci coinvolge nel suo sacrificio della croce, è finalizzato alla più intima unione con Lui. Per questo la Sacra Scrittura ammonisce riguardo alle condizioni per ricevere la santa Comunione: “chiunque mangia il pane o beve il calice del Signore in modo indegno, sarà colpevole del corpo e del sangue del Signore”, dunque “Chi è consapevole di aver commesso un peccato grave, deve ricevere il sacramento della Riconciliazione prima di accedere alla Comunione”».
Müller sostiene che «molti si chiedono oggi per quale motivo la Chiesa esista ancora se gli stessi vescovi preferiscono agire da politici piuttosto che da maestri della fede proclamare il Vangelo». 
Poi dice: «Ogni essere umano ha un’anima immortale, che alla sua morte si separa dal corpo, però con la speranza della risurrezione dei morti. La morte rende definitiva la decisione dell’uomo a favore o contro Dio». Tutti devono affrontare «il giudizio personale subito dopo la morte: o sarà necessaria ancora una purificazione oppure l’uomo andrà direttamente verso la beatitudine celeste e gli sarà permesso di contemplare Dio faccia a faccia». Esiste però anche «la terribile possibilità che una persona, fino alla fine, resti in contraddizione con Dio: rifiutando definitivamente il Suo amore, essa “si dannerà immediatamente per sempre”». L’eternità della punizione «dell’inferno è una realtà terribile, che riguarda tutti coloro che “muoiono in stato di peccato mortale”». Tacere su queste e altre «verità di fede oppure insegnare il contrario è il peggiore inganno contro cui il Catechismo ammonisce vigorosamente». Questo rappresenta per il Cardinale «l’ultima prova della Chiesa, ovvero “una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia della verità”». Si tratta dell’«inganno dell’Anticristo, che viene "con tutte le seduzioni dell’iniquità, a danno di quelli che vanno in rovina perché non accolsero l’amore della verità per essere salvati"».
Ecco poi l’ordinazione sacerdotale, che conferisce al prete «un potere sacro»: è insostituibile perché attraverso «di essa Gesù diventa sacramentalmente presente nella sua azione salvifica». E i sacerdoti «scelgono volontariamente il celibato come “segno di questa vita nuova”. Si tratta della donazione di sé stesso al servizio di Cristo e del Suo Regno che viene». 
Poi puntualizza: «Al fine di conferire validamente l’ordinazione nei tre gradi di questo sacramento, la Chiesa si riconosce vincolata alla scelta compiuta dal Signore stesso, “per questo motivo l’ordinazione delle donne non è possibile”. A tale riguardo, parlare di una discriminazione della donna dimostra chiaramente una erronea comprensione di questo sacramento, che non riguarda un potere terreno ma la rappresentazione di Cristo, lo Sposo della Chiesa». 
Questo è invece il testo completo del "Manifesto":


Non sia turbato il vostro cuore (Gv 14,1) 

Dinanzi a una sempre più diffusa confusione nell’insegnamento della fede, molti vescovi, sacerdoti, religiosi e laici della Chiesa cattolica mi hanno invitato a dare pubblica testimonianza verso la Verità della rivelazione. È compito proprio dei pastori guidare gli uomini loro affidati sulla via della salvezza, e ciò può avvenire solamente se tale via è conosciuta e se loro per primi la percorrono. A proposito ammoniva l’Apostolo: «A voi infatti ho trasmesso, anzitutto, quello che anch’io ho ricevuto» (1Cor 15,3). Oggi molti cristiani non conoscono più nemmeno i fondamenti della fede, con un pericolo crescente di non trovare più il cammino che porta alla vita eterna. Tuttavia, compito proprio della Chiesa rimane quello di condurre gli uomini verso Gesù Cristo, luce delle genti (vedi LG 1). In questa situazione, ci si chiede come trovare il giusto orientamento. Secondo Giovanni Paolo II, il Catechismo della Chiesa Cattolica rappresenta una «norma sicura per l’insegnamento della fede» (Fidei Depositum IV). Esso è stato scritto allo scopo di rafforzare i fratelli e le sorelle nella fede, una fede messa duramente alla prova dalla «dittatura del relativismo»[1].
1. Dio uno e trino, rivelato in Gesù Cristo
L’epitome della fede di tutti i cristiani risiede nella confessione della Santissima Trinità. Siamo diventati discepoli di Gesù, figli e amici di Dio, attraverso il battesimo nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. La differenza delle tre persone nell'unità divina (254) segna una differenza fondamentale nella fede in Dio e nell’immagine dell'uomo rispetto alle altre religioni. Riconosciuto Gesù Cristo, i fantasmi scompaiono. Egli è vero Dio e vero uomo, incarnato nel seno della Vergine Maria per opera dello Spirito Santo. Il Verbo fatto carne, il Figlio di Dio è l'unico Salvatore del mondo (679) e l’unico mediatore tra Dio e gli uomini (846). Per questo, la prima lettera di Giovanni si riferisce a colui che nega la sua divinità come all’anticristo (1Gv 2,22), poiché Gesù Cristo, Figlio di Dio, dall'eternità è un unico essere con Dio, suo Padre (663). È con chiara determinazione che occorre affrontare la ricomparsa di antiche eresie che in Gesù Cristo vedevano solo una brava persona, un fratello e un amico, un profeta e un esempio di vita morale. Egli è prima di tutto la Parola che era con Dio ed è Dio, il Figlio del Padre, che ha preso la nostra natura umana per redimerci e che verrà a giudicare i vivi e i morti. Lui solo adoriamo in unità con il Padre e lo Spirito Santo come unico e vero Dio (691).
2. La Chiesa
Gesù Cristo ha fondato la Chiesa come segno visibile e strumento di salvezza, che sussiste nella Chiesa cattolica (816). Diede alla sua Chiesa, che «è nata dal cuore trafitto di Cristo morto sulla croce» (766), una struttura sacramentale che rimarrà fino al pieno compimento del Regno (765). Cristo, capo, e i credenti come membra del corpo sono una mistica persona (795), per questo motivo la Chiesa è santa, poiché Cristo, unico mediatore, l’ha costituita sulla terra come organismo visibile e continuamente la sostiene (771). Attraverso di essa l’opera redentrice di Cristo diventa presente nel tempo e nello spazio con la celebrazione dei SS. Sacramenti, soprattutto nel Sacrificio eucaristico, la S. Messa (1330). La Chiesa trasmette con l’autorità di Cristo la divina rivelazione, «che si estende a tutti gli elementi di dottrina, ivi compresa la morale, senza i quali le verità salvifiche della fede non possono essere custodite, esposte o osservate» (2035).
3. L’Ordine sacramentale
La Chiesa è in Gesù Cristo il sacramento universale della salvezza (776). Essa non riflette sé stessa ma la luce di Cristo, che splende sul suo volto, e ciò può avvenire solo quando il punto di riferimento non è l’opinione della maggioranza né lo spirito dei tempi, ma piuttosto la Verità rivelata in Gesù Cristo, che ha affidato alla Chiesa cattolica la pienezza di grazia e di verità (819): Egli stesso è presente nei sacramenti della Chiesa.
La Chiesa non è un'associazione creata dall’uomo, la cui struttura può essere modificata dai suoi membri a proprio piacimento: essa è di origine divina. «È Cristo stesso l’origine del ministero nella Chiesa. Egli l’ha istituita, le ha dato autorità e missione, orientamento e fine» (874). Ancora oggi è valido l’ammonimento dell’Apostolo secondo cui maledetto è chiunque proclami un altro Vangelo, «anche noi stessi, oppure un angelo dal cielo» (Gal 1,8). La mediazione della fede è inscindibilmente legata alla credibilità umana dei suoi annunziatori: essi, in alcuni casi, hanno abbandonato quanti erano stati loro affidati, turbandoli e danneggiando gravemente la loro fede. Per loro si realizza la parola della Scrittura: «non si sopporterà più la sana dottrina, ma, pur di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo i propri capricci» (2 Tim 4,3-4).
Compito del Magistero della Chiesa nei riguardi del popolo di Dio è quello di «salvaguardarlo dalle deviazioni e dai cedimenti» affinché possa «professare senza errore l’autentica fede» (890). Questo è particolarmente vero per quanto riguarda i sette sacramenti. La S. Eucaristia è «fonte e culmine di tutta la vita cristiana» (1324). Il sacrificio eucaristico, in cui Cristo ci coinvolge nel suo sacrificio della croce, è finalizzato alla più intima unione con Lui (1382). Per questo la Sacra Scrittura ammonisce riguardo alle condizioni per ricevere la santa Comunione: «chiunque mangia il pane o beve il calice del Signore in modo indegno, sarà colpevole del corpo e del sangue del Signore» (1Cor 11, 27), dunque «Chi è consapevole di aver commesso un peccato grave, deve ricevere il sacramento della Riconciliazione prima di accedere alla Comunione» (1385). Dalla logica interna del sacramento si capisce che i divorziati risposati civilmente, il cui matrimonio sacramentale davanti a Dio è ancora valido, come anche tutti quei cristiani che non sono in piena comunione con la fede cattolica e pure tutti coloro che non sono debitamente disposti, non ricevano la santa Eucaristia fruttuosamente (1457), perché in tal modo essa non li conduce alla salvezza. Metterlo in evidenza corrisponde a un’opera di misericordia spirituale.
Il riconoscimento dei peccati nella santa confessione almeno una volta all’anno è uno dei precetti della Chiesa (2042). Quando i credenti non confessano più i loro peccati ricevendone l’assoluzione, si rende vana la salvezza portata da Cristo, Egli infatti si è fatto uomo per redimerci dai nostri peccati. Il potere del perdono, che il Risorto ha conferito agli Apostoli e ai loro successori nell’Episcopato e nel Sacerdozio, rimette i peccati gravi e veniali commessi dopo il Battesimo. L’attuale pratica della confessione evidenzia come la coscienza dei credenti non sia oggi sufficientemente formata. La misericordia di Dio ci è data, affinché adempiamo i suoi comandamenti per conformaci alla sua santa volontà e non per evitare la chiamata alla conversione (1458).
«È il sacerdote che continua l’opera di redenzione sulla terra» (1589). L'ordinazione, che conferisce al sacerdote «un potere sacro» (1592), è insostituibile perché attraverso di essa Gesù diventa sacramentalmente presente nella sua azione salvifica. I sacerdoti scelgono volontariamente il celibato come «segno di questa vita nuova» (1579). Si tratta della donazione di sé stesso al servizio di Cristo e del Suo Regno che viene. Al fine di conferire validamente l’ordinazione nei tre gradi di questo sacramento, la Chiesa si riconosce vincolata alla scelta compiuta dal Signore stesso, «per questo motivo l’ordinazione delle donne non è possibile» (1577). A tale riguardo, parlare di una discriminazione della donna dimostra chiaramente una erronea comprensione di questo sacramento, che non riguarda un potere terreno ma la rappresentazione di Cristo, lo Sposo della Chiesa.
4. La legge morale
Fede e vita sono inseparabili, poiché la fede senza le opere compiute nel Signore è morta (1815). La legge morale è opera della sapienza divina e conduce l’uomo alla beatitudine promessa (1950). Di conseguenza, la «Legge divina e naturale mostra all’uomo la via da seguire per compiere il bene e raggiungere il proprio fine» (1955). La sua osservanza è necessaria a tutte le persone di buona volontà per conseguire la salvezza eterna. Infatti colui che muore in peccato mortale senza pentimento rimarrà per sempre separato da Dio (1033). Ciò comporta delle conseguenze pratiche nella vita dei cristiani, tra le quali è opportuno richiamare quelle oggi più frequentemente trascurate (cfr 2270-2283; 2350-2381). La legge morale non è un peso ma fa parte di quella verità liberatrice (cfr Gv 8,32) attraverso la quale il cristiano percorre la via della salvezza e non deve essere relativizzata.
5. La vita eterna
Molti si chiedono oggi per quale motivo la Chiesa esista ancora se gli stessi vescovi preferiscono agire da politici piuttosto che da maestri della fede proclamare il Vangelo. Lo sguardo non deve soffermarsi su questioni secondarie, ma è più che mai necessario che la Chiesa si assuma il suo compito proprio. Ogni essere umano ha un'anima immortale, che alla sua morte si separa dal corpo, però con la speranza della risurrezione dei morti (366). La morte rende definitiva la decisione dell’uomo a favore o contro Dio. Tutti devono affrontare il giudizio personale subito dopo la morte (1021): o sarà necessaria ancora una purificazione oppure l’uomo andrà direttamente verso la beatitudine celeste e gli sarà permesso di contemplare Dio faccia a faccia. Esiste però anche la terribile possibilità che una persona, fino alla fine, resti in contraddizione con Dio: rifiutando definitivamente il Suo amore, essa «si dannerà immediatamente per sempre» (1022). «Dio, che ci ha creati senza di noi, non ha voluto salvarci senza di noi» (1847). L’eternità della punizione dell’inferno è una realtà terribile, che - secondo la testimonianza della Sacra Scrittura - riguarda tutti coloro che «muoiono in stato di peccato mortale» (1035). Il cristiano attraversa la porta stretta, «perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che vi entrano» (Mt 7,13).
Tacere su queste e altre verità di fede oppure insegnare il contrario è il peggiore inganno contro cui il Catechismo ammonisce vigorosamente. Ciò rappresenta l'ultima prova della Chiesa, ovvero «una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia della verità» (675). È l’inganno dell’Anticristo, che viene «con tutte le seduzioni dell’iniquità, a danno di quelli che vanno in rovina perché non accolsero l’amore della verità per essere salvati» (2Ts 2,10).
Appello
Come lavoratori nella vigna del Signore, noi tutti abbiamo la responsabilità di ricordare queste verità fondamentali aggrappandoci a ciò che noi stessi abbiamo ricevuto. Vogliamo dare coraggio per percorrere la via di Gesù Cristo con determinazione, così da ottenere la vita eterna seguendo i Suoi comandamenti (2075).
Chiediamo al Signore di farci conoscere quanto è grande il dono della fede cattolica, attraverso il quale si apre la porta alla vita eterna. «Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi» (Mc 8,38). Pertanto ci impegniamo a rafforzare la fede confessando la verità che è Gesù Cristo stesso.
L’avvertimento che Paolo, l’apostolo di Gesù Cristo, dà al suo collaboratore e successore Timoteo è rivolto in modo particolare a noi, vescovi e sacerdoti. Egli scriveva: «Ti scongiuro davanti a Dio e a Cristo Gesù, che verrà a giudicare i vivi e i morti, per la sua manifestazione e il suo regno: annuncia la Parola, insisti al momento opportuno e non opportuno, ammonisci, rimprovera, esorta con ogni magnanimità e insegnamento. Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, pur di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo i propri capricci, rifiutando di dare ascolto alla verità per perdersi dietro alle favole. Tu però vigila attentamente, sopporta le sofferenze, compi la tua opera di annunciatore del Vangelo, adempi il tuo ministero» (2Tm 4,1-5).
Possa Maria, Madre di Dio, implorarci la grazia di aggrapparci alla confessione della verità di Gesù Cristo senza vacillare.
Uniti nella fede e nella preghiera
Roma, 10 febbraio 2019
Gerhard Cardinale Müller
Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede dal 2012-2017 
Vedi anche:  
Il Manifesto del cardinale Müller per attaccare la dottrina di Francesco (La Repubblica)
Müller: il "Manifesto della Fede" non è contro il Papa (La Nuova Bussola Quotidiana)

Etichette

abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti41 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore34 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore67 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari25 Anno liturgico1 anziani2 apologetica3 app3 apparizioni2 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte20 Articoli11 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini15 Bannon1 Baricco1 Bassetti3 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini8 Beltrame1 Benedetto XVI19 benedizione2 Benigni7 Bianchi46 Bibbia35 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa6 Canti religiosi29 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis10 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi59 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI1 Celentano1 celibato6 Ceneri2 censura1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società21 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema70 Cirinnà1 citazioni66 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri1 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus1 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino2 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld3 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini8 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 dialogo2 dibattiti29 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento4 dissenso25 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi12 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 ecclesiologia di comunione1 ecologia3 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus1 emozioni1 Epicoco7 Epifania6 Ermes Ronchi4 esame di coscienza1 escatologia4 esegesi1 esercizi1 esorcismo1 estate2 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake10 famiglia35 Fano1 Fatima5 Fazi2 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco177 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia3 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù21 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani55 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II9 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG6 gnosticismo1 Gramellini2 grest6 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet8 Introvigne1 Islam1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto10 Lewis2 liberazione1 libertà4 Libri120 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia22 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi17 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente3 Mancuso3 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria34 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media5 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.5 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje7 Melloni1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano11 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica27 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena1 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie142 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio4 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme2 Palumbo1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita24 parrocchia2 Pasqua21 passione4 pastorale23 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello7 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste3 perdono4 Personaggi40 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche69 Poli1 politica46 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera23 preghiere78 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 Pronzato1 psicologia7 pubblicazioni35 Quaresima30 racconti5 radio2 Raggi1 Ravasi16 razzismo2 reali1 Recalcati7 relativismo2 religione8 religioni4 Riace1 Riccardi3 ricchezza9 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario5 Rosini17 Ruini1 Rumiz1 Rupnik4 Sabattini1 sacerdoti24 sacramenti3 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini13 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe4 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi17 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati1 secolarizzazione2 Secondin1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV10 Serra2 sessualità60 Sesta3 sette1 Settimana santa2 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano1 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società39 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza3 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo13 Spiritualità56 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia4 storicità2 streaming3 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi30 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze14 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello15 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale7 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV16 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni1 verità2 Via Crucis8 Video90 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni7 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi1
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)