Salvini (e Meloni) sull'aborto


Ha toccato un altro punto dolente e ha suscitato un gran vespaio Salvini con la sua uscita sull'aborto usato come contraccezione. Ha riconquistato l'attenzione dei media (era questo lo scopo?), ritrovandosi criticato non solo dalla sinistra, ma da molti stessi cattolici, da quelli conservatori (vedi un articolo apparso su La nuova bussola quotidiana: "Caro Salvini, ci dispiace, ma sull'aborto si sbaglia") a quelli "liberal" di Avvenire che interviene con due articoli: "La vita scartata. Immigrate, aborti senza scelta" e "L'aborto, le donne e gli "stili di vita incivili": la verità dietro gli slogan"). Solo la Meloni difende Salvini, incarando la dose e ricevendo a sua volta le lodi dalla Costanza Miriano e dai Pro life più in generale.

Cosa hanno detto Salvini e Meloni? 
Salvini domenica - durante la manifestazione leghista a Roma - aveva parlato dell'afflusso di donne "non italiane" che chiedono l'interruzione di gravidanza, nei pronto soccorso di Roma: "Non è compito mio dare lezioni di morale, è giusto che sia la donna a scegliere. Però non puoi arrivare a prendere il pronto soccorso come la soluzione a uno stile di vita incivile per il 2020".
Successivamente ha "chiarito":
"Parlate con alcuni medici, alcuni medici donna, e fatevi raccontare degli abusi che ci sono e fanno male alla salute. Nessuno mette in discussione la libertà di scelta della donna, ma quando si arriva alla settima interruzione di gravidanza... Se ci sono degli abusi, è giusto che la medicina se ne occupi, e la politica di conseguenza. La soluzione è la prevenzione, perchè l'aborto non è un sistema contraccettivo. Bisogna spiegare che non funziona così in Italia, perchè nella stragrande maggioranza dei casi non sono italiane. Il nostro compito è prevenire. Sono orgoglioso di aver aiutato a nascere un centro aiuto alla vita. Se ci sono problemi sanitari è giusto che il Paese se ne occupi". 
La Meloni:
 "Io penso che non debba essere un problema dire in Italia che quando una donna abortisce è una sconfitta per la società, è una sconfitta per tutti, che tutto quello che noi possiamo fare per impedire che una donna debba arrivare a quella soluzione secondo me andrebbe fatto, che c'è un enorme problema legato alla prevenzione dell'aborto in Italia perchè la legge 194, legge molto complessa, aveva tutta una parte dedicata all'alternativa all'aborto che non è mai stata applicata proprio perchè questo è un tema in Italia che non si può aprire, non si può dire che l'aborto è una sconfitta ma si deve dire che è una vittoria...".
Per i valori cristiani sembrerebbe tutto ineccepibile (tranne lo svarione del "Pronto soccorso" che non è il luogo dove si svolgono gli aborti), ma ecco le critiche anche dagli ambienti conservatori (La nuova bussola quotidiana):
Sono parole contraddittorie quelle del segretario della Lega. Come si può infatti dire che la donna deve essere libera di scegliere per poi affermare che quello che sceglie è incivile? Perché o l’aborto non è un omicidio, oppure lo è. O è un diritto della donna, oppure non lo è. Perciò, o va pagato sempre dallo Stato, oppure mai. Perché, in sintesi, se la donna ha diritto di sceglierlo una volta, non può farlo tutte le volte che vuole? Certo l’ex ministro degli Interni fa la differenza fra l’aborto come “extrema ratio” e l’aborto come contraccezione. Ma è proprio la bugia dell’omicidio come un “rimedio estremo” possibile ad aver generato il nichilismo per cui si sbarazza dei bambini come fossero oggetti, tanto che le recidive sono migliaia: il ministero della Sanità parla di uno 0,9% di donne che hanno abortito nel 2017 (80.733) che avevano avuto 4 o più aborti.Eppure le parole di Salvini hanno fatto scalpore come se il leader leghista avesse messo in forse quello che per gli Stati occidentali è diventato il diritto dei diritti. C’è poco da scomporsi, però, se il capo dell’opposizione prova a combattere il finanziamento della pratica mentre lui stesso la fa passare come un diritto. Perché se il punto di partenza, come afferma lui, è la scelta della donna come sacra, allora non ci sono ragioni sufficienti per sostenere che questa vada limitata.Peccato, perché con questi giri di parole Salvini accende l’ira dei suoi nemici, senza guadagnare molto fervore fra l’elettorato pro vita. Peccato anche perché basterebbe affermare la verità per sostenere fino in fondo quello a cui il leghista richiama: l’aborto è l’omicidio di un bambino, privato fin dal suo concepimento del diritto dei diritti, quello di vivere. È solo riconoscendo questo che si può dire che l'aborto è incivile (non che lo è fino ad un certo punto), e che mai e poi mai si può finanziare l’omicidio di un essere umano. Quel che non si comprende fino in fondo è se questo atteggiamento nasca da una scarsa convinzione ad ingaggiare una battaglia sull’aborto, dal timore di perdere parte del suo elettorato laico o da una certa solitudine nel sostenere alcuni temi insieme alla mancanza di un forte movimento pro life alle sue spalle. In ogni caso Salvini starebbe facendo un grosso errore. Per quanto riguarda la sua convinzione sul tema è giusto ribadire che ad un giorno dal concepimento, o a dodici mesi, l’eliminazione di un feto è sempre un assasinio (quindi la lesione del diritto di un indifeso, prima ancora che la scelta di una madre adulta che dovrebbe comunque rispondere delle conseguenze dei suoi atti). Perciò il problema non è innanzitutto di natura economica o delle donne immigrate che intasano i pronto soccorso («ci sono - ha continuato il legista - immigrati che hanno scambiato i pronto soccorso per un bancomat sanitario per farsi gli affari suoi senza pagare una lira»).Per quanto riguarda il problema dell’elettorato, Salvini dovrebbe invece guardare a Trump: sin dall’inizio della sua prima campagna elettorale, il presidente repubblicano fu combattuto da poteri molto più forti di quelli con cui ha a che fare lui solo per aver parlato della santità della vita e del fatto che nessuna persona, sana o malata che sia, va eliminata. Soprattutto Salvini dovrebbe imitare Trump, se davvero come lui vuole farsi portavoce della tradizione cristiana del proprio Paese (come ha detto più volte di voler fare con il rosario in mano). Il presidente americano, dopo quattro anni di politiche fortemente pro life (uno dei motivi per cui ha rischiato l'impeachment), ha risvegliato un elettorato religioso ormai stanco, che ora per lui sarebbe disposto a tutto. Non a caso il presidente ha affermato senza ambiguità che: «La nostra Nazione ribadisce con orgoglio e forza il suo impegno a proteggere il prezioso dono della vita in ogni fase, dal concepimento alla morte naturale». O ancora, partecipando come primo presidente Usa alla Marcia per la Vita, ha confermato: «Siamo qui per una semplice ragione: difendere il diritto di ogni bambino nato e non nato affinché realizzi il progetto di Dio su di lui…per promuovere la bellezza e la dignità di ogni vita umana lavorando per porre fine all'aborto».È vero che il movimento pro vita italiano è molto più debole di quello americano, anche perché, a differenza del secondo, il primo si è subito politicizzato (vedi Family Day) perdendo la funzione di movimento di pressione e di piazza che avrebbe potuto assumere. Ma un popolo di fedeli, pur senza generali, esiste anche in Italia e chissà che non decida di ridiscendere nel campo politico-culturale, trovando un capitano davvero valido.In ogni caso, caro Salvini, quel Rosario e quella Madonna (di Medjugorje) a cui anche noi siamo tanto affezionati, che portava al polso anche mentre parlava dell'aborto, e che lei mostra, giustamente, come il segno della cultura che vuole rappresentare, non sono oggetti sentimentali. Ma il segno di una visione della vita che viene da una fede profondamente ragionevole e rispettosa della realtà e di ogni persona. Quindi della verità. E in questo caso la verità cristallina è che l’aborto è l’omicidio di un figlio in grembo. Mentre la tradizione di cui lei si fa difensore si fonda su comandamenti necessari alla vita di ogni uomo e di ogni società (credente e non) per prosperare, fra cui c’è quello di non uccidere. Soprattutto se si tratta della carne della tua carne. A lei che ha coraggiosamente citato i messaggi della Madonna vogliamo allora ricordare anche questo: «Non abbiate però paura a testimoniare la verità, perché se voi non avete paura e testimoniate con coraggio, la verità miracolosamente vincerà».
Da Avvenire le critiche sono sul "razzismo" strisciante di Salvini:
Sono molte le donne immigrate che abortiscono. In proporzione molte più delle italiane. Ma dietro, non poche volte, ci sono storie di violenze, di sfruttamento sessuale e lavorativo. Lo rivelano le cronache e, soprattutto, il racconto dei volontari che combattendo queste forme di sfruttamento molto spesso salvano mamme e figli. «In vent’anni ne abbiamo salvate più di 400, e anche più di 60 bambini che portavano in grembo», ci aveva spiegato con molta soddisfazione suor Rita Giaretta, fondatrice di 'Casa Rut' di Caserta, luogo di salvezza e di riscatto per prostitute. Tante arrivano col pancione. Ma tantissime straniere ricorrono all’interruzione di gravidanza. Come si legge nell’ultima relazione inviata al Parlamento dal Ministero della Salute, «un terzo delle interruzioni volontarie di gravidanza (Ivg) in Italia continua a essere a carico delle donne straniere: un contributo che è andato inizialmente crescendo e che, dopo un periodo di stabilizzazione, sta diminuendo in percentuale, in numero assoluto e nel tasso di abortività». Il dato resta molto alto, soprattutto se si considera che la popolazione straniera residente, come da dati Istat, costituisce solo 1’8,5% circa dell’intera popolazione residente in Italia. Ma il calo c’è.
«Dopo un aumento importante nel tempo, le Ivg fra le straniere si sono stabilizzate e negli ultimi anni cominciano a mostrare una tendenza alla diminuzione: sono il 30,3% di tutte le Ivg nel 2017 valore simile a quello del 2016 (30%)», mentre era il 31,1% nel 2015 e 33% nel 2014. È «in diminuzione anche il loro tasso di abortività (15,5 per 1.000 nel 2016 rispetto a 15,7 nel 2015 e 17,2 nel 2014), permanendo comunque una popolazione a maggior rischio di abortire rispetto alle italiane: per tutte le classi di età le straniere hanno tassi di abortività più elevati delle italiane di 2-3 volte». Resta alta, pur se in forte calo, la percentuale di Ivg effettuate da donne con precedente esperienza abortiva. Quella delle italiane è stata del 21,3% nel 2017 rispetto al 22,1% del 2016, quella della straniere il 36% rispetto al 37%. «Tali donne – commenta il Ministero – hanno un rischio di abortire, e quindi di riabortire, più elevato rispetto alle italiane».
E da un altro articolo:
 «Mi hanno teso una mano quando stavo per affogare. Se Federico è nato, lo devo a loro. Non sapevano niente di me, ma hanno amato me e il mio bambino, senza condizioni». La voce di Amina, 17enne di origine straniera, si staglia limpida sul cicaleccio confuso che abbiamo ascoltato nelle ultime ore sull’aborto. Amina non aveva famiglia, era sola al mondo, aveva deciso di abortire perché «che futuro potevo dare a un figlio?»; all’ultimo minuto ha incontrato i volontari del Movimento per la vita e il Progetto Gemma di adozione prenatale a distanza. Ma la voce limpida di Amina non sembra interessare a nessuno. È un peccato, perché avrebbe molto da insegnare.
Il leader della Lega Matteo Salvini domenica durante un comizio a Roma ha stigmatizzato l’utilizzo dei Pronto soccorso italiani come supermarket degli aborti ripetuti da parte di donne «né di Milano né di Roma», come «soluzione a stili di vita incivili». Parole inesatte o addirittura fuorvianti per vari motivi. Ilprimo è che le donne non vanno ad abortire al Pronto soccorso. L'iter è ancora e sempre quello fissato dalla legge 194 del 1978 e prevede una visita ginecologica, una "sospensione" di 7 giorni e poi la procedura, chirurgica o farmacologica, in un ospedale o in un centro autorizzato. Il secondo motivo è che il fenomeno delle «recidive», pur gravissimo, in Italia è decisamente meno frequente che in altri Paesi, con valori tra i più bassi a livello internazionale: lo 0,9 per cento delle donne sottoposte a Ivg nel 2017 (in totale 80.733, in costante diminuzione dal 1982) avevano avuto 4 o più aborti precedenti (una percentuale minima, dunque), che l'1,4 ne aveva avuto 3 precedenti, che 5,1 per cento ne aveva avuti 2 precedenti.
Il terzo motivo – il più importante – per cui le parole del leader della Lega sono fuorvianti riguarda gli «stili di vita» che le donne straniere adotterebbero e che sarebbero la causa degli aborti ripetuti. Se è indubbio che per una (minima) parte di donne e dei loro uomini l’aborto è vissuto come contraccezione d’emergenza (ma ciò riguarda soprattutto l’utilizzo delle pillole del giorno dopo, non censito dalle statistiche sulle Ivg), la situazione più frequente è quella di povertà materiale e culturale, solitudine e sopraffazione. «Stili di vita incivili» di cui le donne non sono protagoniste ma vittime: ragazze dalle quali lo sfruttatore finale – italiano – pretende rapporti non protetti. Giovani immigrate che svolgono lavori non regolari, sottoposte a duri ricatti sulla propria vita personale.Nessuno, né domenica né lunedì, ha parlato di tutto questo, seppellendo nella rissa para-politica un tema serio, serissimo, nascosto, se non addirittura “segretato”: la solitudine e l’abbandono in cui si trovano le donne più fragili di fronte a una gravidanza indesiderata. Questo sì, dovrebbe far discutere. Questo sì, dovrebbe indignare.Se Salvini ha scelto uno slogan sbagliato e infelice (“I Pronto soccorso come supermarket degli aborti per rimediare a uno stile di vita incivile”) la replica della sinistra è stata altrettanto deludente, con un contro-slogan del leader del Pd – «Giù le mani dalle donne» – ugualmente fuorviante. Il riflesso condizionato della sinistra, quando si parla di aborto, è alzare le barricate in difesa dell’autodeterminazione delle donne, della libertà/diritto di scegliere e della intangibilità della legge 194. Insistere su questi tasti assomiglia a un tentativo di distogliere l’attenzione sulla questione vera. Di che libertà esattamente parla la sinistra quando una donna si sente obbligata ad abortire perché non ha i mezzi per affrontare la maternità? Che genere di autodeterminazione c’è quando ad abortire è una ragazza straniera sfruttata sui campi o sul ciglio di una strada? Quello che è mancato nel dibattito ancora una volta ideologico di queste ore, a destra come a sinistra, è la voce di Amina e delle migliaia che, a differenza di lei, non hanno trovato una mano tesa.Allora, rovesciamo lo slogan: non «Giù le mani dalle donne», bensì «Mani tese alle donne», soprattutto a quelle più fragili. Con i sostegni per altro previsti e mai attuati dalla 194, che non a caso si intitola "Legge contenente norme per la tutela sociale della maternità". E si dimostri, con scelte politiche non ideologiche ma coraggiose e di autentica umanità, come fa da mezzo secolo il Movimento per la vita con le sue mani tese, che ciò che sta a cuore non è solamente la difesa del principio astratto dell’autodeterminazione in quanto tale, ma la concreta libertà dalla solitudine, dalla sopraffazione, dal bisogno, dalla povertà. La libertà di scegliere per la vita.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema73 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino3 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri126 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria38 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje8 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie144 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia2 Pasqua27 passione6 pastorale25 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti25 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV14 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società40 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia5 storicità2 streaming4 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV19 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi2
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari