Il ritorno di don Fabio Rosini (nuovi incontri e un contributo per un libro sulle vocazioni)


Dopo una lunga assenza per malattia, don Fabio Rosini sta pian piano tornando ai suoi ritmi di sempre. Ha continuato sempre a registrare su Radio Vaticana l'omelia domenicale e altre meditazioni (dopo aver meditato sui 20 misteri del Rosario ha appena cominciato una serie di riflessioni su "La vita nuova. Il discorso della montagna"). Su Famiglia Cristiana ha sempre continuato a pubblicare l'omelia domenicale. Ora il sito del servizio diocesano per le vocazioni annuncia la ripresa delle 10 parole e tante altre iniziative (che, fino a pochi giorni fa, erano annullate). In fondo al post vedi il suo contributo per un libro che  don Arturo Cattaneo ha raccolto insieme ad Alessandro Cristofari e Cristina Vonzun con una serie di testimonianze su scelte di vita che interrogano i giovani (e non solo). Del volume curato dal sacerdote ticinese, introdotto da monsignor Rino Fisichella ed edito da La Fontana di Siloe ("Inatteso. Testimonianze che pro-vocano i giovani", 318 pagine, 22 euro), leggi il capitolo conclusivo firmato appunto da don Fabio Rosini e anticipato da Avvenire.

LUNEDI' 21 GENNAIO ORE 21 - INIZIO 10 PAROLE PER GIOVANI FINO A 30 ANNI

GIOVEDI' 24 GENNAIO ORE 21 - INIZIO 10 PAROLE PER TUTTE LE ETA'

PARROCCHIA SS. FABIANO E VENANZIO

(piazza di villa fiorelli)

INIZIO DEL CORSO SU
LE DIECI PAROLE

lunedì 21 gennaio 2019 ore 21
solo per giovani
fino a 30 anni 

 

giovedì 24 gennaio 2019 ore 21
per tutte le età
IL PERCORSO PROSEGUE IL LUNEDI' PER I GIOVANI E IL GIOVEDI' PER GLI ADULTI
PER VEDERE I POSTI DOVE È POSSIBILE FREQUENTARE L'ESPERIENZA A ROMA E ALTROVE 
CONSULTARE LA SEZIONE "10 COMANDAMENTI"
***

Da "Inatteso. Testimonianze che pro-vocano i giovani", ecco il capitolo conclusivo firmato da don Fabio Rosini:
Le radici della mia fede sono dovute ai miei genitori. Da adolescente ho perso la fede, ma quando da giovane il Signore mi riacciuffò, mi ritrovai dentro un humus cristiano dovuto a quello che loro mi avevano fatto vedere con il loro impegno nell'esperienza dell'Équipe Notre Dame e nella parrocchia; quel tesoro che non sapevo di possedere, mi aveva in realtà continuato a guidare più di quanto fossi cosciente.
Ho aperto il mio primo libro "Solo l'amore crea" con una dedica ai miei genitori, che non ci sono più, constatando che con loro in primis, e poi con tutta la vita, i conti non tornano.
È così: i conti non tornano. Quello che faccio per Gesù Cristo è nulla rispetto a quello che Gesù Cristo ha fatto e fa per me. Un oceano di generosità che Lui mi usa ogni giorno. La mia sorte fortunata di cristiano è avere un alleato incredibile. Ho Lui al mio fianco. Guardo Cristo Crocifisso e scopro che per Lui valgo più della sua vita. Qualche volta uso un'immagine facile per farmi capire. Se San Marino dichiarasse guerra all'Italia ci faremmo una gran risata, ma se prima San Marino si alleasse con gli Stati Uniti non rideremmo più... Le opere grandi si fanno insieme a Dio, con il suo sostegno, da figli amati. Da soli non faremmo che cose mediocri, fatue, destinate a non durare. Noi abbiamo potenzialità meravigliose se partiamo da quanto Dio ci vuole bene. Se partissimo da noi stessi saremmo una delusione.
Per questo la preghiera è così importante. Con essa, prima di andare a combattere, ci ri-immergiamo nell'alleanza con Dio. Purtroppo spesso il cristianesimo viene compreso come una somma di regole, quando invece esso è una relazione, è innamorarsi di qualcuno, è un dialogo. Dio non è norma, è Padre.
Scommetto sui giovani, perché hanno una bellezza interna strepitosa, basta dare loro una chance. Hanno una straordinaria voglia di vivere, ma va concessa loro l'opportunità di esprimersi, dando loro credito. Essi vivono in un mondo ambiguo e scoraggiante. Dobbiamo insegnare loro ad amare e a lasciarsi amare, il che non è facile. Se viene fatto questo, loro volano.
Con gli incontri su "I Dieci Comandamenti" ho cercato, fin dal 1993, di far conoscere ai giovani il volto di Gesù, aiutandoli a discernere la Volontà di Dio, perché sappiano scoprire e prendersi "la parte migliore", intesa come la propria vocazione.
Quando, dopo l'ordinazione sacerdotale, mi è stato chiesto di parlare ai giovani, non sapevo come farlo, perché da giovane avevo lasciato il cristianesimo: non sapevo parlare a degli adolescenti che stavano in chiesa, dovevano insegnarmelo loro! Allora ho cominciato a chiedermi: chi sono questi ragazzi con cui devo parlare? E mi sono risposto che erano una generazione senza padre. Ragazzi che avevano visto la paternità solo come il riempimento della casella del ruolo, non come esercizio reale di amore paterno. Di conseguenza non avevano ricevuto i "no" paterni, non avevano il limite, non avevano il confine. Oggi si parla di "società liquida", ma io direi che essa è gassosa, il liquido almeno si identifica in uno spazio, si vede, anche se ha bisogno di un contenitore. Ma il gas non si vede.
Tanti ragazzi non ricevono paternità, ma hanno l'informatica, vivono nell'era digitale che cambia un po' tutto nella loro vita. Ora si è imposta anche la scissione tra la realtà e la virtualità, stiamo passando alla cultura del "reality", ove il reale è ciò che è narrato nella serie televisiva, non ciò che vivo nel mondo fisico. Una serie televisiva può influire sulla mentalità e cambiare ad esempio l'idea del matrimonio, canonizzando in un attimo enormi mutazioni che richiedono ben altra analisi, come il matrimonio gay o simili. Ci troviamo così con ragazzi che hanno un orizzonte culturale evanescente, senza regole, senza limiti, dove non c'è una molecola unita ad un'altra, in stato gassoso, appunto.
È un cambio epocale, nel quale sono crollate due istanze formative fondamentali: la famiglia - che dagli anni sessanta in poi cambia e diventa edonista e superficiale, portatrice di valori inconsistenti - e la formazione ecclesiale che non regge il confronto con il linguaggio del mondo. Il "prodotto" della vita cristiana viene "venduto" in modo obsoleto, fra il sentimentale e il moraleggiante; di conseguenza il battesimo diventa qualcosa di poco rilevante, e così tutti i sacramenti.
I giovani d'oggi sono poveri, ma forse questa più che un'emergenza è una potenzialità.
Ci sono famiglie cristiane, ovviamente, ma sono un elemento spurio, anormale. Il problema è proprio la grammatica della vita. Nel "pescare" vocazioni cristiane generalmente pensiamo che ci manchino i pesci, ma ciò che manca è proprio l'acqua in cui pescare! Pensiamo che non abbiamo vocazioni perché i giovani non sono generosi. Non è vero, sono generosissimi, se trovano uno spazio per vivere un processo di identificazione.
Ecco perché pensai di iniziare un processo valorizzante che desse dignità e coraggio ai giovani. Chiesi ad un piccolo gruppo: "Che ne dite se vi spiego i 10 comandamenti con calma?". I ragazzi erano entusiasti. Dopo pochi mesi erano 30, dopo un anno erano 100, fino ai numeri attuali. Nelle catechesi cerco di spiegare bene ogni cosa, in modo che i ragazzi riflettano. Non do niente per scontato, e quando parlo mi ricordo di quando ero ateo e mi ascolto con il mio "orecchio" estraneo e mi dico: "Cerca di convincermi…" - io resto sempre un po' il primo scettico da convincere.
Da 24 anni, nelle parrocchie in cui sono stato da vice-parroco e da parroco, e ora per il servizio alle vocazioni, porto avanti questa esperienza sulle Dieci Parole a cui partecipano molte centinaia di giovani. Nei vari incontri, viene pian piano "sviscerato" ogni comandamento per farlo comprendere a chi è lontano dalla Chiesa e far capire quanto i comandamenti siano meravigliosi e non limitanti.
Per mezzo di questo primo approccio, si promuove nei giovani l'emozione dell'incontro con Gesù Cristo, e questo è un lavoro soprattutto di liberazione da una vernice di estraneità e di noia, che mostri quanto la fede sia più bella di ciò che normalmente si pensa o si descrive! Allora, partendo dal fatto che è meraviglioso seguire il Signore Gesù Cristo, si passa ad una seconda fase che è il come fare per seguirlo. Questa è la fase in cui si cammina con il Vangelo di Giovanni, nell'articolazione dei suoi sette segni, per consentire un'educazione cristiana più personalizzata e fraterna, in piccoli gruppi di giovani accompagnati da una coppia cristiana.
Resta comunque primario il compito di annunziare Gesù Cristo e farlo capillarmente, per questo stiamo attuando iniziative nelle prefetture e nelle parrocchie per far sì che i giovani vivano esperienze di impatto efficace.
Notare bene che per aver credito presso i giovani io non "abbasso il prezzo", anzi piuttosto direi che lo alzo. Dico spesso: tu non devi aver paura che Dio ti prenda la vita, tu devi aver paura che non te la prenda. Il vero terrore è che tu resti come sei, che non impari ad amare mai più di quanto ami oggi, di non andare un millimetro oltre quello che già sei, e non prepararti ad essere uno che farà felice la donna che lo sposerà, di non essere qualcuno il cui figlio dirà: "Ho un padre fantastico". Questo devi temere. Perché questo vuole fare Gesù Cristo con te e tu potresti dirgli di no.
Ci sono almeno un paio di modi sbagliati di rispondere al problema della carenza di vocazioni: innanzitutto pensare che le vocazioni siano solo quelle sacerdotali. No! Il problema è la chiamata cristiana, la fede cristiana, è il vivere da figli di Dio, che è l'unica vera vocazione, e si concretizza dove si concretizza, nel matrimonio, nel sacerdozio o dove sia. In secondo luogo, ritenere che sia un problema a cui possa rispondere un singolo prete, mentre tutta la comunità è coinvolta. Non si pensa a seguire fino in fondo il Signore Gesù se non si vede qualcuno che lo fa. E se vedi dei cristiani, puoi aprirti, ma se non vedi lo Spirito Santo agire nelle persone, forse uno finisce per pensare a farsi prete per motivi assolutamente incongruenti. Perciò devo collaborare in mille forme, mettermi a disposizione, secondo le mie esperienze e le energie che Dio mi dà, per lavorare insieme a sacerdoti, genitori ed educatori delle Parrocchie. Il percorso vocazionale non è uno spot, ma l'evoluzione naturale di un processo: la formazione cristiana, che è il vero e proprio compito da svolgere.
Non dobbiamo cadere nella trappola del lasciarci condizionare dallo status quo delle cose. Vanno invece fatte proposte radicali, serie, che mirino a toccare il centro del cuore spersonalizzato di questa generazione che, per motivi strutturali e soprattutto mediatici, innesca nei giovani un sentirsi banali, non essere nessuno, non contare niente. Dobbiamo, quindi, far intendere che la chiamata alla fede cristiana è una chiamata "personale" alla straordinarietà. Il nemico del cristianesimo è proprio la mediocrità, il fare le cose senza amore, senza zelo. Dobbiamo mostrare ai giovani la bellezza di una vita alta, nobile, preziosa agli occhi di Dio.
Sia benedetto Dio per qualsiasi esperienza che possa esser fatta nella Chiesa, l'importante è che sia cattolica! Sia benedetto Dio per i movimenti, le associazioni e tutto il resto! Tutto quello che c'è all'interno della Chiesa va incoraggiato e portato avanti. Sicuramente non è questo il nemico.
Non è facile definire quale sia oggi la situazione attuale delle vocazioni, perché è un mondo più variegato di quanto sembri, e non ci si può limitare al semplice fatto di calcolare quanta gente entri in seminario. E questo poiché non è tanto una questione di numeri. Se noi portassimo avanti una politica vocazionale indiscriminata, senza selettività, i numeri potrebbero essere molto più grandi. Ma negli ultimi anni il numero degli ingressi in seminario è diminuito, perché è stato applicato un metodo molto più rigoroso di selezione all'entrata. Oggi c'è una maggiore attenzione alla persona. Prima di poter entrare bisogna seguire un percorso vocazionale, nel quale si svolge una verifica autentica e seria. Non abbiamo bisogno di una quantità indiscriminata di seminaristi, abbiamo bisogno di "qualità" o meglio ancora di "verità". Se la Provvidenza chiama questo ragazzo, bene, sennò, Dio ci salvi! Stiamo lavorando in questa direzione. Il parametro adesso non è più "ho il dubbio di avere una vocazione e quindi entro in seminario", ma: nel dubbio faccio un percorso che mi porti alla chiarezza. Prima di questa non si fa proprio niente.
Auguro a tutti che cresca la formazione cristiana, che aumenti il numero di esperienze, di qualsiasi tipo, in cui le persone possano essere educate cristianamente, diventare discepoli di Cristo in maniera più compiuta. Allora sicuramente avremo tante e belle vocazioni!

Etichette

abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti41 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore34 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore67 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari25 Anno liturgico1 anziani2 apologetica3 app3 apparizioni2 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte20 Articoli11 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini15 Bannon1 Baricco1 Bassetti3 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini8 Beltrame1 Benedetto XVI19 benedizione2 Benigni7 Bianchi46 Bibbia35 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa6 Canti religiosi29 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis10 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi59 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI1 Celentano1 celibato6 Ceneri2 censura1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società21 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema70 Cirinnà1 citazioni66 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri1 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus1 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino2 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld3 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini8 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 dialogo2 dibattiti29 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento4 dissenso25 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Leonardi12 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 ecclesiologia di comunione1 ecologia3 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus1 emozioni1 Epicoco7 Epifania6 Ermes Ronchi4 esame di coscienza1 escatologia4 esegesi1 esercizi1 esorcismo1 estate2 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake10 famiglia35 Fano1 Fatima5 Fazi2 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco177 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia3 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù21 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani55 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II9 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG6 gnosticismo1 Gramellini1 grest6 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet8 Introvigne1 Islam1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto10 Lewis2 liberazione1 libertà4 Libri120 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia22 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia3 Maggi17 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente3 Mancuso3 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria34 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media5 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.5 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje7 Melloni1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano11 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica27 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena1 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie142 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio4 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme2 Palumbo1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita24 parrocchia2 Pasqua21 passione4 pastorale23 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello7 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste3 perdono4 Personaggi40 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche69 Poli1 politica46 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera23 preghiere78 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 Pronzato1 psicologia7 pubblicazioni35 Quaresima30 racconti5 radio2 Raggi1 Ravasi16 razzismo2 reali1 Recalcati7 relativismo2 religione8 religioni4 Riace1 Riccardi3 ricchezza9 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario5 Rosini17 Ruini1 Rumiz1 Rupnik4 Sabattini1 sacerdoti24 sacramenti3 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini13 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe4 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi17 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati1 secolarizzazione2 Secondin1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV10 Serra2 sessualità60 Sesta3 sette1 Settimana santa2 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano1 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società38 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza3 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo13 Spiritualità56 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia4 storicità2 streaming3 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi30 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze14 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello15 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale7 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV16 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni1 verità2 Via Crucis8 Video90 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni7 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi1
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)