L'odio, una stupida patologia (Vito Mancuso)



In due recenti articoli il teologo "eterodosso" Vito Mancuso parla dell'odio. Ecco quello che ha scritto per Il Foglio del 16 gennaio:
Un sindaco dalla politica aperta e solidale viene accoltellato a morte nella città di Solidarnosc. Un terrorista criminale arriva in Italia e molti digrignano i denti che se solo potessero lo azzannerebbero fino a sbranarlo. Nelle curve degli stadi si sprecano inni razzisti e antisemiti. Alcuni ragazzi prendono un cane e gli fanno esplodere un petardo nella bocca. 
Sono solo alcuni esempi recenti di una passione distruttiva e assassina che pervade la nostra storia: Caino uccide Abele, Romolo uccide Remo, Eteocle e Polinice si uccidono a vicenda, Socrate viene ucciso dai democratici, Gesù viene ucciso dai teocratici e dagli imperiali, a Cicerone i sicari di Antonio mozzano le mani e la testa, e poi? Poi guerre a non finire, pulsioni ataviche di vendetta, esecuzioni capitali che radunano folle urlanti di piacere sadico, e non apro nemmeno il capitolo della storia del ’900 perché tutti sappiamo già quanto sangue e quanto odio contiene.
L’odio, appunto. 
C’è poi anche la sua versione fredda, quella che corrisponde ai gironi infernali dove i dannati sono imprigionati nel ghiaccio, e che si esprime in quella voce maligna che, di fronte a una nave di esseri umani con la pelle di diverso colore che chiedono solo di poter sbarcare, sussurra gelidamente: che muoiano tutti affogati, o di fame, di freddo, che crepino! 
La domanda a questo punto è semplice: che ruolo ha l’odio nella struttura del mondo? 
E’ qualcosa di congenito, di strutturalmente presente, e quindi di naturale? Oppure è qualcosa di non congenito, di sopravvenuto, e quindi di innaturale? Cosa ha a che fare l’odio con la logica della vita nel mondo? 
La mia risposta va controcorrente, è inattuale, è una sfida, perché sostiene che l’odio non è naturale ma è una patologia, e che quindi il suo dissolvimento, che possiamo anche chiamare perdono, è un ritorno alla fisiologia, cioè una guarigione. 
Di che cosa l’odio costituisce una patologia? Di quella condizione strutturale che Eraclito chiamava polemos ed Empedocle neîkos. Secondo Eraclito “il conflitto (polemos) è padre di tutte le cose e di tutte è re” (fr. 14, ed. Diano), affermazione cui va affiancata la consapevolezza complementare dell’armonia, quella secondo cui: “Ciò che contrasta concorre e da elementi che discordano si ha la più bella armonia” (fr. 24). Per Empedocle il mondo fisico e umano è retto da due forze contrastanti, da lui denominate philòtes e neîkos, cioè concordia e discordia, intesa e contesa, amicizia e astio. Ne viene che sia gli elementi naturali sia gli esseri umani “a volte per la concordia concorrono a un unico cosmo, a volte ciascuno va per conto suo trascinato dalla disfida dell’astio” (Poema fisico, 22). 
Eraclito ed Empedocle furono i primi in occidente a portare alla coscienza la condizione antinomica e conflittuale che strutturalmente inerisce all’essere. Oggi la scienza conferma questa visione. 
Nella natura vi è il conflitto, già a partire dalla condizione della materia. Gli astrofisici descrivono lo spazio in termini di “immani catastrofi che paiono l’ordinaria amministrazione di intere regioni del cosmo”. Sono parole di Guido Tonelli (“La Lettura”, 21 ottobre 2018), il quale scrive cosmo in corsivo per prendere le distanze dall’originario significato del termine greco (cosmo, cosmesi) e sottolineare invece il primato del caos nell’universo, descrivendo gli eventi dello spazio con termini quali “ruggire, sbranare, danza macabra”. 
Se poi rivolgiamo la nostra attenzione alla storia della vita, le cose non cambiano, anzi diventano persino più conturbanti perché entra in scena il sangue, l’elemento della vita e al contempo della morte. Pensate all’espressione “fatto di sangue”: essa immediatamente ci richiama un crimine, e però indica al contempo la natura di ognuno di noi che siamo “fatti di sangue”. 
Però attenzione: nelle stelle, nei quasar, nelle pulsar, nei buchi neri, così come negli esseri viventi che lottano per la vita e che si nutrono di vita altrui, non vi è odio. Il leone non odia la gazzella, così come la gazzella non odia l’erba; né sono capaci di odio i batteri, i virus, le cellule cancerogene e ogni altro ente naturale. Non vi è odio neppure in quei comportamenti animali che un professore di zoologia dell’Università di Padova, Giuseppe Fusco, descrive in termine di schiavismo riguardo a certe formiche, di fratricidio per molti rapaci, di matricidio per alcuni ragni, di uxoricidio per le mantidi, persino di violenza sessuale per certi insetti. Spiega lo studioso: “Questi comportamenti non sono in nessun caso da rubricare sotto l’etichetta di ‘comportamenti devianti’, perché per le specie animali che li praticano essi sono parte del loro normale ciclo vitale” (Competizione e cooperazione, in L’altruismo, Forum, Udine 2018, p. 37). 
Nel mondo naturale non vi è odio perché in esso non vi è la condizione necessaria per l’odio, cioè l’evoluzione della mente, essendo l’odio proprio una patologia della mente, più precisamente una patologia di quel conflitto che inerisce strutturalmente all’essere. Un conto infatti è avversare, un altro è odiare. 
La prima opera della letteratura occidentale, l’Iliade, insegna che si può anche cantare l’epopea vittoriosa di una guerra senza odiare il nemico; altrettanto avviene nell’ideale della cavalleria medievale. L’avversario è sì oggetto di avversione, ma non necessariamente di odio; il nemico è sì oggetto di inimicizia, ma non necessariamente di odio. 
La differenza qual è? La differenza consiste nel fatto che il nemico e l’avversario li si vuole battere, vincere, sconfiggere, anche pesantemente, ma non annientare o annichilire. Anzi, se si riflette con ponderazione, si capisce che senza l’avversario, cioè senza l’adversus che rappresenta il polo opposto rispetto al nostro versus, la nostra stessa identità sarebbe completamente diversa o addirittura non sarebbe: come la sinistra senza la destra, gli atei senza i credenti, l’Inter senza la Juve. 
L’odio invece vuole annientare. E nel suo furore accecante che lo rende ignorante, non comprende che l’annientamento del nemico comporterebbe il venir meno anche di se stessi, della propria identità, la quale senza il nemico non avrebbe più il polo in base a cui rafforzarsi e determinarsi. 
Chi è capace di odio? Può odiare solo lo spirito, cioè la libertà. 
Il termine spirito in latino (spiritus), in greco (pneuma) e in ebraico (ruah) significa anzitutto “vento”, “aria che si muove”, ed è stato prescelto dalle civiltà alla base della nostra tradizione per indicare precisamente la nostra capacità di libertà. La libertà non ci viene dal nostro essere corpo, né dall’essere psiche. E tuttavia, se la si ammette (intendendo con libertà la possibilità di consapevolezza, creatività e responsabilità), occorre individuare la condizione di possibilità che ci permette di essere liberi, la quale, se non è il corpo e se non è la psiche, richiede un altro nome. La tradizione ci consegna il termine spirito. 
Ebbene, l’odio è una malattia dello spirito: non a caso la tradizione cristiana, ma anche ebraica e islamica, ritengono che Satana (che il Corano chiama Iblis) sia un angelo decaduto, e l’angelo è precisamente puro spirito. Quando la libertà si ammala, pone la consapevolezza e la creatività non più al servizio della responsabilità ma del suo contrario, cioè della negazione, dell’avversione, della distruzione. Si ha così la malignità, cioè la lucida volontà di male. Tale volontà maligna può essere indirizzata a una persona, a un gruppo, a un popolo, a un’istituzione, oppure può essere generalmente rivolta al mondo e condotta per il mero piacere del male, per il gusto sadico e perverso di infliggere sofferenza, distruzione, morte. La personificazione di questa forza è il cosiddetto Diavolo, la cui essenza è esattamente la divisione, la lacerazione, lo squartamento dell’essere: il contrario dell’armonia. 
Normalmente non si pensa che l’odio sia una patologia, anzi lo si contrappone all’amore come forza di uguale e contrapposta potenza. Non solo, si ritiene anche che l’odio aiuti a comprendere molto meglio dell’amore, che abbia una sua invidiabile lucidità, una penetrazione intelligente e acuta. E’ vero che si dice “odio cieco”, ma ci si riferisce piuttosto alla rabbia, mentre l’odio nel suo gelido distacco viene inteso come freddo, lucido, penetrante. Ha detto un sopravvissuto ad Auschwitz, Sami Modiano: “Non è vero che l’odio è cieco, ha la vista molto acuta, quella di un cecchino, e se si addormenta il suo sonno non è mai eterno, ritorna”. 
Io non sottovaluto la forza dell’odio, ma contesto che sia veramente intelligente. Penso anzi che in realtà l’odio sappia vedere solo se stesso, non l’altro nella sua realtà effettiva; anche quando vede l’altro, vede in realtà solo il proprio pregiudizio, il quale gli impedirà di riconoscere il bene e il bello dell’altro ma lo confermerà infallibilmente che l’altro è solo male e deformità. L’odio vede, ma non vede con quello sguardo retto, disteso, che fa sì che l’occhio si posi sull’altro e lo colga per quello che veramente è; no, l’occhio vede con uno sguardo incurvato, deformato dall’energia negativa che lo anima, dal desiderio di distruzione che promana dal suo sguardo. 
La vera comprensione richiede invece rettitudine, anzitutto nel senso di sguardo retto, di “retta visione”, come dice la prima disposizione dell’ottuplice sentiero insegnato dal Buddha. Da qui si genera apertura mentale e apertura del cuore, ovvero empatia, cioè “la capacità di esperire le emozioni altrui, di comprendere ciò che l’altro sta pensando o provando”, condizione che viene resa possibile solo quando una persona è in grado di “condividere lo stato affettivo di un altro individuo” (Franco Fabbro - Eric Pascoli, L’empatia e l’altruismo alla luce delle neuroscienze, in L’altruismo, cit., pp. 119-120), cioè ovviamente quando non odia. 
L’odio quindi non è intelligente ma stupidamente circoscritto. 
Rimane un’ultima questione: l’odio è forte? Certo, l’odio è forte, a volte fortissimo. Ma anche il cancro lo è, le cellule cancerogene possono essere molto più vitali delle cellule sane, sono affamatissime, violente, aggressive. Il risultato però qual è? La morte dell’organismo, e quindi anche la loro, cioè la massima impotenza. Questo si spiega in base al fatto che l’essere è retto dalla logica del sistema, cioè della relazione armoniosa, e che ciò che è conforme a tale logica fa fiorire la vita, mentre ciò che non lo è, la fa sfiorire introducendo morte. Platone scrive che persino “una banda di delinquenti o di ladri, o qualsiasi altra associazione che si formi allo scopo di delinquere” non potrebbe combinare nulla “se al suo interno si comportasse al di fuori di ogni principio di giustizia” (Repubblica, I, 351 D). 
Non si tratta quindi di essere necessariamente buoni, nello scegliere di combattere l’odio. Si tratta più semplicemente di essere intelligenti, di capire la logica che ci ha portato all’esistenza e ci mantiene in essa, e di conformarci (come un capitano di una barca a vela che capisce il gioco dei venti e delle correnti e dispone la sua barca di conseguenza). Per questo combattere l’odio al proprio interno, mantenendo il conflitto ma non odiando, significa rimanere sani, rigettare il male fuori di sé. Ancor prima che per benevolenza verso l’altro, non far attecchire le cellule cancerogene dell’odio è un grande gesto di cura verso se stessi.
L'altro articolo è un'intervista pubblicata su Il Secolo XIX ;
Saremo salvati da un giardino, nel fondo del nostro cuore, curato così come insegnava Etty Hillesum, intellettuale olandese ebrea uccisa ad Auschwitz nel 1943: «Più pace c'è in noi, più pace ci sarà nel nostro mondo turbolento». È questo il primo passo verso un mondo senza odio, malattia curabile, al centro dell'incontro che il teologo Vito Mancuso terrà sabato 12 gennaio 2019 alle 18.45 al festival della criminologia, a Palazzo Ducale. Odio che si esplicita, in chi lo provoca, anche in uno sguardo curvo, deformato, sul mondo.
Professor Mancuso, il tema dello sguardo, degli occhi, ricorre spesso nelle religioni, dal cristianesimo al buddhismo. Perché è così importante?
Lo sguardo retto vede che il conflitto, psicologico, economico, storico, sportivo, inerisce strutturalmente al mondo. Vede il conflitto e sa vivere all'interno di un contesto in cui esistono armonia e disarmonia, concordia e discordia. Viceversa, lo sguardo deformato, immaturo, tipico dell'odio, trasforma i conflitti strutturali in inimicizie profonde che generano la patologia dell'odio…
Dunque, come dobbiamo guardare il mondo?
Bisogna evitare i due estremi: quello romantico, cioè il vivere in un mondo idealizzato, e il suo opposto, cioè il pensare che il mondo sia strutturalmente cattivo e vedere tutti quelli che cercano di introdurvi l'armonia come “buonisti”. Il mondo è entrambe le cose. L'armonia, come diceva Platone, è la risultanza della discordia. Ma la crescita non è gratis, costa fatica.
Se l'uomo tende all'armonia, perché l'odio piace?
Per ignoranza. Perché è una soluzione facile, toglie alla mente la complessità del gioco dialettico. Non ci sono zone grigie, usando l'espressione coniata da Primo Levi, solo bianchi e neri. E la mente respira, o ritiene di respirare. Dove c’è meno intelligenza, aumenta l'odio. E l'intelligenza porta a vedere che la mia condizione è quella degli altri.
Individua altre ragioni?
Prendiamo un junk food: perché ci piace? Eppure, sappiamo che fa male al fegato. Da piccolo ero attratto da Bach, eppure mio padre ascoltava Raul Casadei. Perché accade? Qualcuno parla di karma, altri di talenti. È un mistero. Non sappiamo, dunque, perché le persone sono attratte dai sapori grevi, pur sapendo che fanno male.
Può dare una spiegazione?
Forse è la forza che ci attrae, ed è plausibile, perché siamo plasmati di forza. La mente primitiva “taglia” e ama l'uomo che fa odiare, perché non capisce che il compito delle forze è quello di creare strutture, intessere armonia tra le diverse dinamiche.
Ciclicamente attraversiamo epoche in cui l'ignoranza trionfa. Perché succede?
Secondo Platone, nel libro VIII della Repubblica, si passa dall'aristocrazia, all'oligarchia, poi alla democrazia e quindi alla tirannide. Poi si rinasce. Oggi è venuto meno il fascino del bene, del bello, del vero, della religio. Si paga lo scotto della civiltà dei consumi che, da anni, lusinga le parti basse di noi. Un delirio di onnipotenza, basato unicamente sull’acquisto. Gli ideali più alti, quelli per i quali occorre faticare, sono visti con disprezzo. Non c'è più il popolo, c'è il volgo. Il popolo è tale, perché tenuto insieme da ideali: la “societas”, custodendo la quale siamo tenuti insieme. Viceversa, se ognuno pensa solo a se stesso, vede gli altri unicamente come limoni da spremere.
Rubando la metafora alla politica americana, è un'epoca di falchi, non di colombe?
A volte penso ai politici con i quali, da bambino, ero entrato in contatto attraverso la tv: Aldo Moro, Enrico Berlinguer, Benigno Zaccagnini. Gente così pacata… nessuno di loro, oggi raccoglierebbe consensi. Domina una dimensione volgare, anche per dire le cose migliori. È venuta meno l'idea di qualcosa di più grande di me, che sia il partito o Dio.
Cosa si può fare?
Il compito di chi fa il mio mestiere è quello di avere fiducia nell'armonia, nella creazione di legami più veri. Togliere violenza a questo mondo, in cui peraltro le grandi colombe, ispiratrici di pace e della vita che tutti vogliono, hanno tutte fatto una brutta fine. Penso ai grandi uomini, da Lincoln, a Gandhi, a Rabin. O ai miei maestri,Pavel Florenskij e Dietrich Bonhoeffer, l'uno fucilato dai sovietici, l’altro impiccato dai nazisti. Da cattolico, purtroppo, penso che l'anima che vuole il bene non appartenga a questo mondo, ma un altro.
I laici devono rassegnarsi alla logica dell'orticello? Ovvero a costruire un piccolo bene attorno a sé, senza aspirare al bene sociale?
Parlare di orticello è impoverente, direi piuttosto “ognuno coltivi il nostro giardino”. Il novecento ci ha insegnato che le grandi utopie hanno portato a sangue e violenza. Quindi, il primo vero mondo è il nostro, quello interiore. Il che afferma il valore della spiritualità, del mettere giustizia dentro di sé: il conflitto non verrà mai meno, perché fa parte del mondo, ma posso lavorare ogni momento. Florenskij, Bonhoeffer, Hillesum sono morti, ma hanno vissuto fino all'ultimo giorno.

Etichette

abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti41 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore34 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore67 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari25 Anno liturgico1 anziani2 apologetica3 app3 apparizioni2 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte20 Articoli11 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini15 Bannon1 Baricco1 Bassetti3 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini8 Beltrame1 Benedetto XVI19 benedizione2 Benigni7 Bianchi46 Bibbia35 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa6 Canti religiosi29 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis10 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi59 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI1 Celentano1 celibato6 Ceneri2 censura1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società21 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema70 Cirinnà1 citazioni66 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri1 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus1 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino2 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld3 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini8 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 dialogo2 dibattiti29 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento4 dissenso25 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Leonardi12 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 ecclesiologia di comunione1 ecologia3 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus1 emozioni1 Epicoco7 Epifania6 Ermes Ronchi4 esame di coscienza1 escatologia4 esegesi1 esercizi1 esorcismo1 estate2 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake10 famiglia35 Fano1 Fatima5 Fazi2 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco177 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia3 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù21 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani55 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II9 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG6 gnosticismo1 Gramellini1 grest6 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet8 Introvigne1 Islam1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto10 Lewis2 liberazione1 libertà4 Libri120 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia22 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia3 Maggi17 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente3 Mancuso3 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria34 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media5 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.5 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje7 Melloni1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano11 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica27 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena1 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie142 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio4 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme2 Palumbo1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita24 parrocchia2 Pasqua21 passione4 pastorale23 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello7 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste3 perdono4 Personaggi40 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche69 Poli1 politica46 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera23 preghiere78 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 Pronzato1 psicologia7 pubblicazioni35 Quaresima30 racconti5 radio2 Raggi1 Ravasi16 razzismo2 reali1 Recalcati7 relativismo2 religione8 religioni4 Riace1 Riccardi3 ricchezza9 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario5 Rosini17 Ruini1 Rumiz1 Rupnik4 Sabattini1 sacerdoti24 sacramenti3 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini13 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe4 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi17 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati1 secolarizzazione2 Secondin1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV10 Serra2 sessualità60 Sesta3 sette1 Settimana santa2 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano1 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società38 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza3 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo13 Spiritualità56 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia4 storicità2 streaming3 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi30 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze14 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello15 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale7 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV16 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni1 verità2 Via Crucis8 Video90 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni7 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi1
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)