Monetine contese: il rapporto difficile tra Chiesa e M5S


Ha fatto discutere e indignare la decisione della sindaca Raggi di sospendere la donazione delle monetine lanciate nella Fontana di Trevi dai turisti alla Caritas diocesana:  
Dal 1° aprile, la Caritas non sarà più la destinataria delle monete regalate dai turisti nel tradizionale lancio in fontana e per la sua assistenza ai più poveri di Roma significherà un taglio di 1,5 milioni. La Giunta Raggi destinerà i fondi alla conservazione del patimonio artistico e per iniziative sociali messe a bando. Con molti più costi (Avvenire)
Ora sembra che la Sindaca si sia pentita e decisa a tornare al vecchio sistema, ma la vicenda rivela quanto siano difficili i rapporti tra Chiesa e Movimento 5 stelle. Commenta su Aleteia Massaro: "Marcia indietro della Raggi, ma possibile che ci si debba rivalere sempre sugli ultimi per fare cassa?" e en parla Carlo Marroni ne Il Sole 24ore:
Il Papa l’ha vista quattro giorni fa. Virginia Raggi è stata ricevuta giovedì scorso nel palazzo Apostolico per l’incontro tradizionale di inizio anno tra il vescovo di Roma e il suo sindaco. Breve colloquio, incentrato pare sulla tutela dei poveri (lo stesso è avvenuto poco dopo con Nicola Zingaretti, presidente della Regione). Ha quindi stonato, e parecchio, la decisione dell’amministrazione capitolina di non versare più alla Caritas diocesana il milione mezzo annuo di euro dalle monete gettate dai turisti nella Fontana di Trevi. Decisione poi rivista dopo il clamore suscitato e le proteste del mondo cattolico, che sul territorio romano muove per la solidarietà ben 5mila volontari e 300 operatori su 51 strutture tra mense, ostelli e ricoveri, ambulatori e case famiglia, più i 145 centri di ascolto parrocchiali.Le proteste e i dietro front di governo e comune di Roma Un incidente? Forse. Ma una cosa ormai appare chiara: tra il Movimento Cinque Stelle, che esprime la sindaca, e la Chiesa, i rapporti sono sempre più problematici. Si è visto sotto la manovra, quando il governo ha messo la cosiddetta “tassa sulla bontà”, che aggravava l’Ires sul no profit, andando quindi a colpire anche tutte le strutture e le organizzazioni senza scopo di lucro legate al mondo cattolico e che operano in prima linea sul fronte dei migranti e delle povertà urbane. Anche in quel caso si è alzato un gran clamore – condiviso da larghe fasce dell’opinione pubblica - e anche in quel caso è stata fatta retromarcia. Se con la Lega i rapporti delle gerarchie sono storicamente tesi, viste le posizioni sui migranti agli antipodi – e lo si è visto di nuovo con il decreto sicurezza voluto dal ministro Matteo Salvini, che ha riportato le gerarchie sulla scena politica dopo l’assenza dai dibattitti su vita e famiglia imposta da Francesco – con i pentastellati le cose all’inizio sembravano andare diversamente, nonostante le sparate di Grillo sulla tassazione degli immobili ecclesiastici (questione che via via sbuca dal frullatore propagandistico grillino, assieme a quella della tassa sui rifiuti, come nelle ultime ore). Un anno e mezzo fa ci furono addirittura dei segnali di attenzione, e molte istanze del movimento venivano viste come in linea con quelle di parte del mondo cattolico organizzato: a coglierle fu Avvenire, che intervistò Beppe Grillo, e studiosi dei fenomeni sociali come l’economista Leonardo Becchetti. Ma, oggettivamente, fu fatta molta fatica a trovare esponenti a vario livello dei grillini che provenissero dal quel retroterra culturale: l’unico fu Alessandro Di Battista, che si era dichiarato cattolico praticante, ma poi la questione si è presto persa per strada. All’indomani delle elezioni diverse ricerche avevano rivelato che tra i cattolici praticanti in molti avevano votato M5S, per motivi diversi.Le prese di distanza dopo il voto e il contratto di governo Tra i primi ad accorgersene fu il fondatore di Sant’Egidio Andrea Riccardi, che su questa tendenza colse un’assenza di cultura popolare e “pensiero lungo” proprio tra i cattolici, che possono contare su una tradizione avviata giusto cento anni fa da don Sturzo con l’appello ai “liberi e forti” (era il 18 gennaio 1919). Nei giorni della nascita del governo Conte – che è cattolico e anche lui di recente ha incontrato il Papa - fu l’arcivescovo di Campobasso, Giancarlo Bregantini – noto per le sue passate battaglie antimafia quando era in Calabria – a parlare chiaro: il M5S è incompatibile con i valori cattolici, riferendosi in particolare all’assenza di un politica per la famiglia nel contratto di governo. Quindi la vicenda delle monetine della Fontana di Trevi, ultimo episodio in ordine di tempo, è la punta emersa di un rapporto erratico e in definitiva mai decollato, ma che nella sostanza elettorale non ha effetti percepibili: da tempo nessuno (o quasi) più vota secondo l’indicazione del parroco e tantomeno del vescovo.
Vedi anche: 
-  Fontana di Trevi, tolte alla Caritas le monetine dei poveri (Avvenire);
- Le monetine, i poveri e l'ombra di una triste «tassa per dispetto» (Avvenire);
Fu una intuizione del sindaco Francesco Rutelli che nel 2001, poco prima della fine del suo mandato, decise che le monetine beneauguranti che i turisti lanciavano nella splendida Fontana a pochi passi da Via del Corso, andassero alla Caritas romana per l’aiuto ai più bisognosi. Nessuno successivamente, neppure al cambio di colore della città, quando vinse Gianni Alemanno, pretese di cambiare nulla, fino all’uscita decisamente infelice dell’amministrazione di Virginia Raggi che ha deciso che quel gruzzoletto (circa un milione e mezzo di euro l’anno) erano un qualcosa che andava sottratto alla Caritas e gestito tramite un bando.

Non è una tassa, ma una occasione di solidarietà

E’ proprio l’ex sindaco di Roma a ricordare come si arrivò a destinare alla Caritas quei fondi. “La decisione fu presa dalla mia Giunta a metà anni ’90, dunque più di 20 anni fa: mi accordai con don Luigi Di Liegro, il profetico animatore della Caritas romana”. All’epoca “c’era un caos inaccettabile: piccoli lazzaroni che si litigavano le monetine considerate res nullius, ovvero: il primo che arriva ed più aggressivo se le prende. E il più aggressivo era un certo ‘D’Artagnan’, che aveva accumulato centinaia di verbali, mai pagati, dei Vigili Urbani. Con un particolare: Fontana di Trevi è un capolavoro universale, da tutelare e proteggere, e non da lasciare in balia di piccola delinquenza. Quindi – dice Rutelli – adottammo una tecnica semplice: l’Acea ripuliva periodicamente la Fontana, raccoglieva le monetine e i volontari della Caritas censivano il denaro e lo destinavano, con resoconti precisi, alle attività benefiche”.
Rutelli spiega che “quei denari non sono provento di una tassa, o dell’imposta di soggiorno”, ma “una specie di sogno, con l’espressione di desideri, il cui provento economico non va certo assimilato, che so, a una tariffa o ai proventi di una concessione. E’ bello che con quei denari si offrano pasti caldi a persone povere. Non solo stranieri: ricordiamoci che sempre più alle mense della Caritas vanno a sfamarsi nostri concittadini in difficoltà” (Repubblica)

Una decisione precisa

Quella della giunta pentastellata non è una gaffe, un errore in buona fede, perché della revisione circa la destinazione d’uso di quei soldi si parla almeno dall’ottobre 2017. C’è dunque una idea precisa da parte dell’amministrazione circa il modo in cui si aiutano i più deboli. Quale non è chiara, ma non passa da Caritas.
Finora l’Acea, che è incaricata della manutenzione delle fontane romane, periodicamente svuota le vasche, insacchetta tutte le monete recuperate consegnandole a incaricati della Caritas romana alla presenza della Polizia di Roma Capitale che verbalizza la procedura. Il contenuto dei sacchetti poi dai volontari Caritas viene asciugato, pulito, separato per valuta, contato e infine versato in banca. La Caritas trimestralmente fornisce al Comune un resoconto su come vengono impiegate le somme che da diversi anni superano il milione l’anno. Nel 2018 il raccolto è stato di poco superiore al milione e mezzo di euro (Avvenire)
Come dicevamo la decisione di cambiare la destinazione delle monetine era stata presa nell’ottobre del 2017 dalla giunta Raggi e prorogata a gennaio 2019 a causa delle molte proteste; per lo stesso motivo il 28 dicembre scorso Raggi aveva firmato un’ulteriore proroga ad aprile. Ora sembra che Raggi abbia di nuovo cambiato idea, scrive il quotidiano della Capitale, Il Messaggero, ma bisognerà aspettare la riunione di oggi per capire meglio cosa si deciderà.
Grande imbarazzo ieri in Campidoglio per le polemiche, e le critiche, legate alla scelta di tenersi tutte le monetine depositate sul fondo della Fontana di Trevi. Al punto che Virginia Raggi ha dovuto correre ai ripari facendo filtrare la sua irritazione e convocando una riunione con i servizi sociali, il dipartimento Cultura e i funzionari del bilancio per «chiedere chiarimenti» su come gestire quel milione e mezzo di euro che vengono recuperati ogni anno dai fondali. E soprattutto su come evitare la figuraccia. Tradotto: il Comune continuerà in qualche modo la collaborazione con la Caritas a cui erano tradizionalmente destinati gli spiccioli tuffati nell’acqua dai turisti. Alla fine lo strumento scelto potrebbe essere quello del protocollo con Caritas che sancirebbe un principio: quei soldi non sono di proprietà della Caritas e il Comune potrebbe esercitare un controllo di trasparenza.
La scusa della trasparenza non è credibile, perché appunto Caritas rendiconta trimestralmente quanto riceve e come lo spende, sembra più una questione ideologica, in linea con molte altre decisioni della giunta capitolina circa i tagli al sociale e alla salute, spesso fortunatamente rientrati nel giro di pochi giorni ma che nel frattempo generano sconcerto e soprattutto la sensazione di non avere progettualità di lungo periodo (si veda lo strano tira e molla sul bilancio riguardante la spesa a sostegno della salute mentale).

Ma cosa fa la Caritas di Roma?

Un esercito del bene. A Roma si muovono sotto le insegne della Caritas 5 mila volontari e 300 operatori impegnati ogni giorno in 51 opere tra mense, ostelli, comunità alloggio, case famiglia, ambulatori medici, servizi domiciliari, centri di ascolto nelle carceri e 145 centri di ascolto parrocchiali. Un aiuto – come detto – non solo per gli stranieri, ma anche per gli italiani in difficoltà, che sempre di più si affidano alle Caritas lungo la penisola per un aiuto a causa della crisi, della mancanza di lavoro.  “I soldi raccolti nelle fontane – spiega Vita–  finora hanno coperto una fetta importante del bilancio Caritas che per il 70% è costituito da convenzioni pubbliche della Regione o del Comune (mense, ostelli, case famiglia…) e il restante 30% da fondi privati: per la metà dall’8 per mille della Cei, da collette e raccolte. E per l’altra metà dalle monetine della Fontana di Trevi”. Ne consegue che quella proveniente dalle monetine è una fetta importante che equivale circa al 15% del bilancio della Caritas romana, non si può pensare che tagliandola dalla sera alla mattina, questo non pregiudichi la possibilità di erogare lo stesso numero di servizi.
Le proteste sembrano aver di nuovo stoppato la Giunta e si lavora per una soluzione. “C’è preoccupazione – dice il direttore di Caritas Roma, don Benoni Ambarus – ma c’è tutto il desiderio di continuare a collaborare con il Campidoglio”. “In queste ore – dice a Vatican News – alberga il desiderio di dire grazie ai milioni di turisti che, lanciando le monetine nella Fontana di Trevi, hanno donato una marea di solidarietà. Spero di dire grazie anche in futuro a nome dei poveri“.

Aggiornamento ore 16:09
L’Osservatore Romano fa sapere – dopo aver contattato la Sindaca – che la Raggi ha deciso che non solo i soldi della Fontana di Trevi resteranno nelle disponibilità della Caritas, ma che anche quelli delle altre fontane potrà essere destinato all’aiuto dei poveri, aumentando così di circa 200 mila euro annui i fondi privati dell’ente benefico della Diocesi. Una ottima notizia che ci ricorda che protestare contro una cosa ingiusta alla lunga paga.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa15 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni73 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus33 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia5 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco191 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita29 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere86 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità66 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video108 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo