Il prossimo Sinodo sui giovani: “la Chiesa che manca”?



Vi propongo una mia sintesi delle riflessioni relative al tema dei giovani e la fede.
L’avvicinarsi del prossimo Sinodo dei Vescovi (3-28 ottobre 2018) su “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale” ha acceso i riflettori ecclesiali su un altro punto dolente: l’assenza dei giovani (16-29 anni) dalla Chiesa occidentale e la conseguente crisi vocazionale.
I dati statistici parlano chiaro: con una tendenza al ribasso, circa la metà dei giovani si definisce “senza Dio” o “senza religione”.
Inoltre, i giovani che rientrano nella categoria dei "credenti convinti e attivi" non superano il 15% e rappresentano un gruppo che si sta assottigliando nel corso degli anni, anche se si compone di figure consapevoli e reattive. Il trend dunque appare sufficientemente chiaro: non mancano soggetti che nella società aperta vivono con entusiasmo e impegno un'opzione religiosa e un'appartenenza ecclesiale consapevole, smarcandosi dal sentire diffuso; ma molti mantengono un legame allentato e assai soggettivo con la fede della tradizione in cui sono stati formati e educati; mentre sono in sensibile aumento quanti hanno ormai spezzato il legame con l'identità cristiana e cattolica ritenendosi ormai in posizione ateo-agnostica o di indifferenza religiosa[1].
Del resto è sufficiente partecipare ad una Messa domenicale per verificarne la loro l’assenza o la presenza alquanto minima[2].
Perché i giovani (in occidente) disertano sempre più la Chiesa?
L’INSIGNIFICANZA PRATICA DELLA FEDE
Una delle cause è, a mio giudizio, l’insignificanza pratica della loro fede, bloccata tra famiglie distratte e poco convinte, esperienze di catechismo a dir poco negative e comunità ingessate, invecchiate e individualiste.
«Penso che sia possibile avere un rapporto con Dio a prescindere dalla Chiesa... per cui non credo sia necessario dover andare in Chiesa per forza ogni domenica... oppure avere un dialogo con un parroco o confessarsi...». La posizione di questa giovane rappresenta l’opinione della maggioranza di quei giovani che continuano a ritenersi credenti e cattolici, anche se hanno abbandonato le pratiche della vita cristiana[3].
Sono giovani “cattolici” che non solo non frequentano, se non occasionalmente, la Messa, ma hanno presto abbandonato l’abitudine a pregare: dalle “preghierine” della sera, prima di andare a dormire, al riferimento sporadico ed emotivo a Dio, a cui rivolgersi solo in rare occasioni. Senza Messa, senza preghiera, senza una comunità di riferimento, senza una famiglia che stimoli e sostenga la fede vacillante dei suoi figli (perché vacilla e è insignificante già la propria di fede), cosa rimane al giovane che pur continua a considerarsi cattolico? E’ come il rapporto con un parente che non frequentiamo più da anni: sappiamo che esiste, ma è lontano e ben poco significativo per la mia vita.
La crisi delle istituzioni
Pensiamo anche al rapporto che i giovani hanno con qualsiasi tipo di istituzione:
Per una sensibilità fortemente connotata in senso individualistico e soggettivo, è difficile accettare quelle realtà esterne a sé che hanno proprie regole, proprie gerarchie, linguaggi e culture che non sono adattabili o modificabili a piacere. La presa di distanza da queste realtà prende per i giovani la forma della sfiducia, più che del conflitto esplicito[4].
Le radici di questa sfiducia sono da rintracciarsi nella “rivoluzione del ‘68” che ha non solo svuotato di autorità la società e la Chiesa, ma ha anche trasformato il contenuto della fede stessa per renderla più aderente a convinzioni più leggere e facilmente condivisibili.
Ma il cristianesimo, secondo la celebre espressione di papa Benedetto XVI, non è l’insieme delle nostre convinzioni su Dio:
«all'inizio dell'essere cristiano non c'è una decisione etica o una grande idea, bensì l'incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva » (Deus caritas est, 1).
Chiedete ai giovani catechizzati di parlarvi di Dio: in gran parte vi parleranno di una “entità spirituale” che – forse - ha creato il mondo, che – forse - ci ama. Si dimenticheranno però di parlarvi di Gesù Cristo che ci ha rivelato chi sia Dio e ci ha mostrato come vivere da figli e da fratelli dello stesso Padre. Nel loro orizzonte di fede non c’è Gesù Cristo - la sua rivelazione, passione, morte e resurrezione - non c’è la Scrittura ne tantomeno la Tradizione; tutto è ripiegato sul benessere individuale, sull’io. Ciò che è giusto lo decido io e il mio è un Dio “a modo mio”[5]: non è estraneo al loro mondo interiore, ma è un Dio molto privato, che sentono comunque vicino, con cui dialogano o che pregano quando sentono il bisognoÈ un Dio anonimo, impersonale, che non prende il volto di Gesù. Pregano a modo loro ma non vanno a messa in quanto non capiscono il perché delle pratiche. Anche se quasi tutti hanno terminato il percorso dell’iniziazione cristiana, di quella esperienza hanno un ricordo negativoperché l’hanno ritenuta simile alla scuolao sono stati costretti ad imparare cose che non capivano.
L’influenza della società post-cristiana
I giovani, come tutti, sono profondamente influenzati da una cultura ispirata a individualismo, consumismo, materialismo ed edonismo, e in cui dominano le apparenze Una società “liquida” – secondo la nota espressione del sociologo Bauman – che ha perso le certezze e i punti di riferimento stabili (da cui l’essere liquido) dell’uomo del passato il quale viveva in una sostanziale solidità di rapporti e punti di riferimento. Quella odierna è una cultura pluralistica e multireligiosa che deve confrontarsi con una molteplicità di credenze rispettandole tutte.
La fede proposta nell'età infantile e adolescenziale viene inoltre messa in discussione dalle visioni della realtà che i giovani incontrano nelle scuole superiori e nella più ampia società.
E ancora:
Un approccio alla realtà che privilegia l’immagine rispetto all’ascolto e alla lettura sta modificando il modo di imparare e lo sviluppo del senso critico. In prospettiva non potrà non interrogare anche le modalità di trasmissione di una fede che si basa sull’ascolto della Parola di Dio e sulla lettura della Sacra Scrittura[6].
Non è corretto tuttavia ritenere in maniera semplicistica
che il nostro sia il tempo della scristianizzazione, della secolarizzazione spinta, della perdita totale del senso religioso. Per cui l'oggi della fede sembra ben poca cosa rispetto a un passato (più o meno remoto) descritto sempre come l'età dell'oro della religiosità, dimenticando il peso esercitato dal conformismo sociale o dalla mancanza di alternative, in una situazione in cui era (quasi) impossibile non credere in Dio e non aderire alla fede della tradizione[7]
Le colpe delle famiglie
Non ha certo giovato, nella maggioranza dei giovani cattolici, l’esperienza di catechismo che hanno vissuto da piccoli:
Il percorso catechistico che i giovani hanno frequentato per l’iniziazione cristiana ha lasciato in loro il sapore della costrizione; ha dato loro in molti casi delle adeguate conoscenze della vita cristiana ma non ha dato loro una comunità, non ha fatto loro sperimentare il calore delle relazioni e il piacere di frequentarle, com’è nel ricordo di questo giovane: «È stata un’esperienza, diciamo, sofferta [...], l’ho vista sempre come un’attività particolarmente noiosa. Ritengo che sia un’attività che una persona deve fare solo se effettivamente lo vuole. Mentre il catechismo rientra in tutta quella serie di formalità che si è tenuti a fare per una questione di tradizioni, di educazione... Più una spinta della propria famiglia che una scelta interiore come invece dovrebbe essere».
E’ proprio nella convinzione di non dover imporre qualcosa che si dovrebbe scegliere liberamente, che molti genitori assecondano i loro figli nella decisione di non proseguire il catechismo oltre la prima Comunione (a 9 anni circa). Del resto, nella selva di impegni pomeridiani dei loro figli, rinunciare a qualcosa (considerato “non essenziale”) semplifica anche la loro vita.
Ma un bambino di 9 anni è in grado di scegliere cosa è meglio per lui? Convinto, sostenuto dai coetanei, e spesso – involontariamente - dagli stessi genitori, che ciò che vale è ciò che diverte o emoziona, che possibilità ha la fede di trovare spazio nella sua vita? Essa è relegata in second’ordine e presto dimenticata in quanto irrilevante. Anche i genitori più motivati arrivano facilmente ad arrendersi di fronte alla corrente contraria e all’ostinazione dei loro figli che si oppongono alla loro richiesta di andare a catechismo e, soprattutto, a Messa. I figli hanno dalla loro una serie di armi micidiali: l’incoerenza dei genitori, il “bisogno” di riposare almeno la domenica, di avere più tempo per studiare e per portare avanti i loro molteplici impegni e interessi. Si va a dormire sempre più tardi e la mattina si fatica a svegliarsi presto: la maggior parte dei giovani passano la domenica mattina a letto, svegliandosi solo per l’ora di pranzo. Del resto è lo stile della vacanza “moderna”: periodo che si passa vivendo più di notte che di giorno, cercando distrazioni e divertimenti che possano svagare più che stimolare o far riposare.
Poi ci sono i centri commerciali aperti di domenica, le feste di compleanno spalmate tra il sabato e la domenica, i saggi musicali o i tornei sportivi inevitabilmente fissati nei giorni festivi, i compiti da fare…
Quali armi ha la famiglia per convincere i loro piccoli “tesori” a fare quello che non vogliono? Come imporsi senza apparire opprimenti e dittatoriali? E per cosa? Ne vale veramente la pena?
Penso che i genitori dovrebbero iniziare a preoccuparsi seriamente per i sintomi di malessere sempre più diffusi tra i giovani e i giovanissimi come testimonia una riflessione apparsa qualche mese fa su internet e che ha riscosso particolare interesse. La riflessione-denuncia, di cui riporto l’incipit, è di una psicoterapeuta canadese convinta che i nostri figli siano in uno stato emotivo devastante. Ma, nel seguito, ci indica anche dei rimedi[8].
C’è una tragedia silenziosa che si sta svolgendo proprio ora, nelle nostre case, e riguarda i nostri gioielli più preziosi: i nostri bambini. Attraverso il mio lavoro con centinaia di bambini e genitori come ergoterapista, ho visto questa tragedia svolgersi proprio sotto i miei occhi. I nostri bambini sono in uno stato emotivo devastante! Provate a parlare con insegnanti e professionisti che hanno lavorato nel campo negli ultimi 15 anni e ascolterete le mie stesse preoccupazioni. Inoltre, negli ultimi 15 anni sono state pubblicate statistiche allarmanti circa il continuo aumento di disturbi psicologici nei bambini, che stanno raggiungendo livelli quasi epidemici:
Quante altre prove ci servono per svegliarci?

Torniamo alla trasmissione della fede. Un libro che, dieci anni fa, riscosse molto interesse è quello del teologo Armando Matteo, intitolato “La prima generazione incredula. Il difficile rapporto tra i giovani e la fede”. Fra l’altro scrive:
Il problema è che oggi di adulti credenti e di famiglie cristiane ne sono rimaste poche in giro. I giovani di cui i sociologi evidenziano l’estraneità alla fede sono in verità figli di genitori che non hanno dato più spazio alla cura della propria fede cristiana, hanno continuato a chiedere per i loro figli i sacramenti della fede ma senza fede nei sacramenti, hanno portato i figli in Chiesa ma non hanno portato la Chiesa ai loro figli, hanno favorito l’ora di religione ma hanno ridotto la religione a una questione di ora. Hanno chiesto ai loro piccoli di pregare e di andare a Messa, ma di loro neppure l’ombra, in Chiesa. E soprattutto i piccoli non hanno colto i loro genitori nel gesto della preghiera o nella lettura del vangelo. Non emerge alcuna traccia di una preghiera fatta in famiglia.
L’Instrumentum laboris del prossimo Sinodo nota come vi sia
una sorta di rovesciamento nel rapporto tra le generazioni: spesso oggi sono gli adulti a prendere i giovani come riferimento per il proprio stile di vita, all’interno di una cultura globale dominata da un’enfasi individualista sul proprio io. (…) Non ci mancano solo adulti nella fede. Ci mancano adulti “tout court”». Oggi tra giovani e adulti non vi è un vero e proprio conflitto generazionale, ma una “reciproca estraneità”: gli adulti non sono interessati a trasmettere i valori fondanti dell’esistenza alle giovani generazioni, che li sentono più come competitori che come potenziali alleati. In questo modo il rapporto tra giovani e adulti rischia di rimanere soltanto affettivo, senza toccare la dimensione educativa e culturale[9].
Commenta Enzo Bianchi:
millennials, nati negli ultimi due decenni del secolo scorso, possono anche essere definiti la “prima generazione incredula”, ma si faccia attenzione e si legga con discernimento quanto avvenuto nella generazione precedente, resasi estranea alla Chiesa soprattutto attraverso un’inedita incoerenza: si diceva cattolica ma non frequentava più abitualmente la liturgia domenicale e non sentiva l’appartenenza al cattolicesimo se non a livello culturale, in quanto erede di una cultura tradizionalmente cattolica. (…)Così è avvenuta una rottura della trasmissione generazionale della fede ed è emersa una figura di cattolico astenico e poco convinto che, come tale, non poteva comunicare ai figli né le esigenze evangeliche della sequela né una concreta appartenenza alla comunità cristiana. (…) Proprio per queste considerazioni, diventa urgente e decisivo un cambiamento nel vivere la fede cristiana: un cambiamento che riguarda innanzitutto la generazione adulta dei padri e delle madri, la generazione dei quarantenni-cinquantenni che deve essere raggiunta dal Vangelo, da quel Vangelo che non è stato loro indirizzato nel tempo della formazione cristiana. Occorre riaccendere un cristianesimo di testimonianza, in cui comportamento e stile siano veramente coerenti con il Vangelo professato. La trasmissione della fede deve cominciare nello spazio della famiglia, anche della famiglia ferita: solo se c’è convinzione salda, mite e intelligente, allora la fede si fa eloquente, parla ad altri e si fa comprendere come un tesoro per la vita. Se invece le istituzioni della Chiesa continuano a ignorare i fedeli, a lasciarli in una condizione di destinatari passivi del culto e della predicazione, se non riescono a farli partecipare con responsabilità alla vita della comunità, continuerà una fuga senza contestazioni e nel recinto dell’ovile resterà un numero sparuto di pecore.
I limiti delle Parrocchie e le colpe della Chiesa
Le Parrocchie hanno, a loro volta, molte responsabilità: percorsi catechistici noiosi e infantili, affidati a “nonne” spesso impreparate sia didatticamente sia per i contenuti, incapaci di coinvolgere e di convincere, di testimoniare e di far vivere quello di cui parlano.
Il linguaggio che si usa, il ritualismo incomprensibile ed emotivamente neutro, liturgie noiose e prediche astruse hanno contribuito all’allontanamento dei giovani dalla Chiesa. Del resto: cosa c’entra la Chiesa col mio rapporto con Dio?
L’esasperazione dell’individualismo prevalente oggi nella sensibilità diffusa, unita a un’esperienza catechistica vissuta con disagio, ha finito con il generare una forte insofferenza verso la Chiesa[10]
Questa si è inoltre macchiata di peccati, incoerenze e sbagli storici che la rendono poco credibile, intollerante, sessuofoba, collusa con il potere…
È comune ai giovani, sia a quelli vicini che a quelli che si sono allontanati, un atteggiamento critico nei confronti della Chiesa, più distaccato in chi se ne è andato, più partecipe in chi è rimasto ma vorrebbe una Chiesa diversa, soprattutto una Chiesa più coerente, disposta a proporsi con indicazioni meno perentorie, più dialogica, più attenta alla vita di oggi. Non è detto che chi resta dia tutto per scontato, come lascia intendere la testimonianza di questa giovane: «Se il Papa dice che è sbagliata una certa cosa, non è che io l’accetto punto. Ne parlo, ne discuto, cerco di capirlo, poi chiaro che mi fido del suo giudizio. Ma questo non vuol dire che non abbia dubbi, o che non ne parli, o non cerchi di approfondire la questione»[11].
Sono molti i giovani, anche quelli che si dichiarano cattolici, a giudicare la Chiesa come troppo severa e spesso associata a un eccessivo moralismo”. Le chiedono autenticità: la sognano “trasparente, accogliente, onesta, attraente, comunicativa, accessibile, gioiosa e interattiva”. “Meno istituzionale e più relazionale” [12].
Non tutto è perduto
I giovani, con modalità differenti, mostrano di cercare ancora una dimensione spirituale e vogliono comprendere il senso della propria esistenza confrontandosi con le molteplici risposte che vengono loro offerte.
«Chi sono veramente io? Chi voglio essere? Come diventare me stesso? Che cosa posso sperare? Che senso dare alla mia vita? Mi ritrovo davanti a un muro: come abbatterlo? O devo forse scalarlo?». Queste le domande dei giovani, a volte vissute in modo tragico, nella sensazione che non vi siano risposte se non il nulla. (…)I giovani oggi sono sempre più lontani dalla fede cristiana, ma abitano non una terra atea bensì una terra di mezzo in cui regna l’indifferenza per Dio e per la Chiesa. Questo è però un terreno aperto alla ricerca, alla vita interiore, alla spiritualità, un terreno assetato di grammatica umana.
Attraverso le loro domande, sovente mute, i giovani chiedono che sia indicato loro il senso, la chiamata/vocazione alla vita. Sì, la vocazione che vorrebbero ascoltare e discernere è la vocazione alla vita, al vivere che è la chiamata unica e irripetibile per ogni persona da parte di Dio, anche nella fede cristiana. Come tutti gli umani, anche i giovani sono chiamati a vivere in pienezza, a fare della propria vita, per quanto è possibile, un’opera d’arte consapevole: chiamati dunque alla felicità, perché la vita buona e bella sa anche dare la felicità[13].
Hanno una moralità e dei valori per cui vivere. In ambito ecclesiale:
L’allontanamento dalla pratica religiosa e dagli ambienti ecclesiali dopo la Cresima ha significato tagliare i ponti con la Chiesa in generale; in molti casi non l’abbandono della fede ma piuttosto l’approdo a una fede solitaria e privata. Con significative conseguenze sulla qualità della fede stessa, perché una vita cristiana da adulti, senza il supporto e il confronto con una comunità, la sua cultura, la sua spiritualità, il suo modo di valutare la vita, alla lunga genera una fede che, più che essere personale, è soggettivistica, 'a modo mio'[14].
Indicazioni
Dedicare tempo al silenzio, all’introspezione e alla preghiera, così come leggere la Scrittura e approfondire la conoscenza di sé sono opportunità di cui pochissimi giovani si avvalgono. C’è bisogno di essere meglio introdotti in questi ambiti. Anche far parte di gruppi, movimenti e comunità di ispirazione cristiana può sostenere i giovani nel loro discernimento[15].
C’è poi l’oratorio estivo che richiama la presenza non solo di tanti bambini (e, indirettamente, le relative famiglie) e adolescenti che scoprono la gioia di mettersi al servizio dei più piccoli, ma anche di diversi giovani che, nonostante gli impegni lavorativi o di studio (gli esami universitari si prolungano, in genere, fino a fine luglio), si riaffacciano per dare il loro contributo come animatori di grest e campi estivi. Sono fuochi di paglia? C’è chi ne è convinto:
Non facciamoci ingannare o illudere dal successo di singole iniziative come l’oratorio estivo, che riempie per qualche settimana l’oratorio di moltissimi bambini e ragazzi, accompagnati da nuove infornate di animatori adolescenti. Sono più simili a un gran bel temporale estivo che rinfresca e disseta, capace di emozionare con i suoi lampi, tuoni, scrosci e arcobaleni, ma lascia poche tracce, rischiando di rendere stagionale una proposta educativa pensata per l’intero anno[16]
Nonostante le comprensibili perplessità, ritengo che siano occasioni importanti per rilanciare delle proposte e sperimentare la bellezza di un cammino di fede che può trovare elementi di continuità durante l’anno. Esperienze in questo senso non mancano. Saranno numericamente esigue, ma rimangono segni di speranza significativi.
Provocazioni o occasioni di rinnovamento?
Le richieste che i giovani “cattolici” fanno alla Chiesa sono esigenti: 
Vorrebbero soprattutto un ammodernamento della sua cultura, delle sue indicazioni; del suo linguaggio, datato e persino incomprensibile, che attinge più a un patrimonio dottrinale consolidato nel tempo che al modo di esprimersi comune alle persone di oggi; ai giovani questo dà una percezione di vecchio che non riescono ad accettare. E poi, al di là delle singole questioni, i giovani chiedono alla Chiesa un cambio di stile: più aperto, più disposto al confronto, più interessato alle questioni della vita e del mondo di oggi... Sono convinti – tutti – che la Chiesa debba mettere mano a una grande opera di rinnovamento, richiesta molto più dai giovani che in essa sono coinvolti che da quelli che se ne sono allontanati e non si sentono più interpellati. Di fronte al Sinodo, si pone una domanda: e se le critiche e le richieste dei giovani costituissero un’opportunità per il ringiovanimento della Chiesa? Provocazioni per una conversione che potrebbe rendere la Chiesa migliore per tutti? Al tempo stesso più evangelica e più contemporanea. Questa è la vera grande sfida che il Sinodo ha davanti a sé[17]. 
Molti giovani sono attratti proprio da esperienze esigenti e da chi sappia loro mostrare “la differenza cristiana”. Al contrario, molti educatori fanno perno sulle “passioni deboli” dei giovani: il mondo della musica, del volontariato o dello sport, come ambiti in cui inserirci maggiormente per avvicinarci a loro e fare proposte “mediate”.
Non dimentichiamo inoltre i giovani che sono presenti e attivi nella Chiesa odierna: li abbiamo visti nei grandi raduni (GMG e, ultimo, il raduno dell’11 agosto al Circo Massimo). Molti appartengono ai Movimenti Ecclesiali, altri alle Parrocchie italiane. Alcuni sono stati riconosciuti come Santi o presto saranno presentati agli Altari. Una santità ordinaria e diffuso che, nei nostri tempi, appare particolarmente straordinaria.
Il Sinodo
L’attenzione dei Vescovi – e del Papa in modo particolare – è stata subito indirizzata a non fare un Sinodo sui giovani (oggetto della riflessione), ma con i giovani (soggetto chiamato in causa, perché indichi problemi e prospettive alla Chiesa intera). Per questo il Papa e la Chiesa hanno rivolto loro una lettera con un questionario, un seminario, una riunione presinodale (marzo 2018) e un Instrumentum laboris (maggio 2018), il cui testo:
è strutturato in tre parti (…) secondo il metodo del discernimento: la I Parte, legata al verbo “riconoscere”, raccoglie in cinque capitoli e secondo diverse prospettive vari momenti di ascolto della realtà, facendo il punto sulla condizione giovanile; la II Parte, orientata dal verbo “interpretare”, offre in quattro capitoli alcune chiavi di lettura delle questioni decisive presentate al discernimento del Sinodo; la III Parte, con l’obiettivo di arrivare a “scegliere”, in quattro capitoli raccoglie diversi elementi per aiutare i Padri sinodali a prendere posizione rispetto agli orientamenti e alle decisioni da prendere.
In realtà sono rimasto un po’ scettico leggendo il testo su cui si confronteranno i Vescovi: troppo vago e frastagliato, per seguire le molteplici differenze che si riscontrano a livello geografico. Quali proposte vengono fatte per trasmettere la fede alle nuove “generazioni incredule”? Quali strumenti pastorali sono suggeriti per poter dialogare con giovani indifferenti al messaggio cristiano?
Si ricorda l’importanza del ruolo genitoriale e dei rapporti intergenerazionali, si evidenziano difficoltà e si lasciano ampi spazi di speranza, ma non si intravvedono proposte concrete. Tantomeno per quanto riguarda il “discernimento vocazionale”: chiarito che esso non è finalizzato solamente a fare scelte definitive (sacerdozio, vita consacrata o matrimonio[18]), non si riesce a dare indicazioni concrete affinché i giovani si lascino accompagnare da persone di fede in una ricerca esistenziale che realizzi il loro particolare progetto di vita.
Molti giovani mostrano sincero apprezzamento nei confronti di Papa Francesco: responsabile della Chiesa, ma profondamente umano e anticonformista. Rivolgendosi ai giovani li invita a proposte alte, al rischio, all’entusiasmo della fede e al gusto della ricerca. Ha chiesto loro di non temere, di non spaventarsi mai sui nuovi sentieri da percorrere. Nella domenica delle Palme ha chiesto loro di gridare perché, se non grideranno i giovani, grideranno le pietre, come aveva detto Gesù dopo il suo ingresso a Gerusalemme.
Tre ultime avvertenze:
Ricordando che «la Chiesa non cresce per proselitismo ma per attrazione» (EG 14), occorre vivere ogni atteggiamento di evangelizzazione sotto il segno della gratuità, senza l’ansia di risultati misurabili in termini di aumento del numero dei giovani coinvolti, delle vocazioni suscitate o dei servizi assunti[19]. 
Tuttavia non dobbiamo dimenticare l’urgenza di quanto è in ballo:
c’è un futuro per il cristianesimo? Se le nuove generazioni sono così indifferenti alla fede, che ne sarà della speranza cristiana? Risuona dunque in modo drammatico l’interrogativo di Gesù: “Il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?” (Lc 18,8)[20]
E infine: quanto è impossibile agli uomini è possibile a Dio. A noi pregarlo e vivere testimoniando la nostra fede in colui che ci insegna a vivere in pienezza:
La vita di Gesù come vita buona, nella quale egli “ha fatto il bene”, cioè ha scelto l’amore, la vicinanza, la relazione mai escludente, la cura dell’altro e soprattutto dei bisognosi, è vita non solo esemplare ma capace di affascinare e di rivelare la possibilità di una “bontà” che si vorrebbe ispiratrice per la propria vita. Ma vi è anche un’attrazione nei confronti della vita bella vissuta da Gesù: il suo non essere mai isolato, il suo vivere in una comunità, in una rete di affetti, il suo vivere l’amicizia, il suo rapporto con la natura... restano molto eloquenti. Infine, vi è grande interesse per la sua vita beata, non nel senso di esente da fatiche, crisi e contraddizioni, ma beata in quanto Gesù aveva una ragione per cui valeva la pena spendere e dare la vita, fino alla morte: questa la sua gioia, la sua beatitudine[21].



[2] La loro presenza è oggi stimata intorno al 2% (dato Ipsos).
[3] Ed è l’opinione anche di molti degli intervistati per l’indagine dell’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo sul rapporto tra i giovani e la fede, da cui provengono i brani citati in questo articolo della Bignardi pubblicato su Avvenire l’11.07.2018 (Rita Bichi e Paola BignardiDio a modo mio. Giovani e fede in Italia, Vita e Pensiero, Milano 2015).
[5]  “Dio a modo mio” a cura di Rita Bichi e Paola Bignardi, è un libro pubblicato da Vita e Pensiero nel 2015.
[6] I.L., n.57
[7] F. Garelli, cit.
[9] I.L., n.14
[10] P. Bignardi (cit.)
[11] Id.
[12] I.L., n.67
“È vero che la maggior parte dei giovani non vive il bisogno di Dio, ma nel loro perseguire una vita sensata, un’esistenza degna e compiuta, sono insite molte possibilità di scoprire come la fede cristiana, la persona di Gesù e il suo Vangelo siano non in contraddizione con tale desiderio, bensì un aiuto e una promessa di pienezza.
[14] P. Bignardi, cit.
[15] I.L., n.115
[17] P. Bignardi, cit.
[18] Si pone, finalmente, anche la questione dei single (vedi I.L. n.
[19] E.Bianchi, id.
[20] Id.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria39 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie144 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia2 Pasqua27 passione6 pastorale25 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti25 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV15 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi3
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

LA PARABOLA DEL SEMINATORE E GLI OSTACOLI ALL’AMORE

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)