L'Opzione Benedetto a Roma e l'11 settembre della Chiesa




Ho già parlato di questo libro (L'Opzione Benedetto, di Rod Dreher) in più occasioni, ma alla sua presentazione al Piccolo Eliseo, il 10 settembre, c'ero anch'io e ho trovato molto interessante il dibattito che ne è scaturito. Il giorno successivo, ieri, Dreher ha proseguito la sua "tournée" e, alla Camera dei Deputati, è intervenuto anche il segretario di Ratzinger che - fra l'altro - ha definito gli abusi del clero "l'11 settembre della Chiesa". Insomma tante riflessioni importanti, tra cui emerge lo scontro tra due anime della Chiesa - quella progressista e quella conservatrice - che anziché collaborare per il Regno dei Cieli, si combattono aspramente, accusandosi a vicenda di voler distruggere la Chiesa. E il Maligno gongola... 

Fra l'altro al Piccolo Eliseo credo che ci fossero quasi solo esponenti del cattolicesimo conservatore (ne è la prova che alla battuta di Ferrara di preferire i "Tipi Loschi" - una comunità ciellina esaltata da Dreher - alla Comunità di Bose di Enzo Bianchi - esaltata da Vian, il direttore dell'Osservatore Romano - il pubblico ha espresso con forza la propria approvazione). Peccato, perchè le riflessioni di Dreher - un americano cristiano (ortodosso) conservatore - offrono a tutti i credenti stimoli e provocazioni molto profonde, come provano queste riflessioni che segnalo e il video completo dell'incontro che trovate in cima al post.

Così su Formiche.net:
Il suo libro è uscito a marzo 2017 e negli Stati Uniti è diventato in poco tempo un best-seller, entrando a piedi pari nel dibattito pubblico e facendo però molto discutere, la cui eco è arrivata anche nel Vecchio continente. E così è arrivata la ristampa in diversi paesi europei, fino allo sbarco a Roma, nella culla della cristianità, per le edizioni San Paolo. E la presentazione al Teatro Piccolo Eliseo, assieme a Giuliano Ferrara e al direttore dell’Osservatore Romano Giovanni Maria Vian, in un evento organizzato dal Foglio e dalla Fondazione De Gasperi. Si tratta del libro “L’Opzione Benedetto” del giornalista americano Rod Dreher, firma del New York Post e di The American Conservative.
“Io sono conservatore sul piano teologico ma Trump non mi rappresenta, come nemmeno i democratici, con le loro politiche anti vita e antifamiglia. Tuttavia ci si trova a dover scegliere, ed è molto dura”, ci tiene lo stesso Dreher a diradare le critiche che gli vengono poste dai suoi interlocutori, talvolta serrate e in modo particolare dal direttore del quotidiano della Santa sede Vian. Lo scrittore nato in Louisiana descrive le tesi del suo libro come teologicamente conservatrici, ma che non hanno nulla a che fare con il piano politico. “Conservatorismo solo sul terreno teologico, non ho scritto questo libro per fare megafono a tesi politiche”, precisa più volte, convenendo sulla critica di Vian che da parte sua timbra il libro come “fortemente americano”. “Ho cercato di rivolgermi e indirizzarmi a quello che provano e sentono moltissimi cristiani conservatori negli Usa, ma dicendo loro che non basta votare per i repubblicani per mettere tutto a posto, e che se questa è la strada che volete imboccare è sbagliata”, spiega Dreher. Aggiungendo poi che il punto dolente, questo difficilmente opinabile, è che “i cristiani liberali e conservatori non trovano più tra di loro un piano di discussione e questo è sicuramente molto triste”.
Un testo perciò rivolto agli americani, che negli States ha fatto molto discutere, ha affascinato, ha coinvolto quei cattolici che si riconoscono in un’orientamento conservatore e che intendono fronteggiare le difficoltà del cristianesimo nel mondo post-moderno, post-contemporaneo, post-secolare, post-cristiano, insomma, nell’attuale società dove di Dio e di leggi della natura si fa tanta fatica a parlare. E dove d’altronde si osserva anche una civiltà, secolare, sgretolarsi pian piano sotto i colpi della denatalità, dello sgretolamento dell’etica comune, del valore della famiglia e del sacrificio, di un’idea di libertà distorta e pervertita da leggi che poco hanno a che fare con la stessa libertà. Lo fa citando alcuni celebri passaggi del magistero di Joseph Ratzinger, del cardinale teologo e del papa Benedetto XVI, prendendo spunto a piene mani da quell’idea di “minoranze creative” attraverso la quale per il teologo bavarese i cristiani dovrebbero trarre linfa vitale per poter vivere in maniera piena, oggi, la loro fede. Fino a operarne una rinascita, segno di speranza per tutta l’umanità.
“Al di là di quanto dicono i giornali”, riferendosi cioè alle dispute in Vaticano e alle accuse delle frange cattoliche conservatrici a Papa Francesco, “il punto è che la fede è in grave declino da generazioni. In Italia come negli Stati Uniti, noi cristiani non riusciamo più nel compito di trasmettere la fede ai nostri figli”, ha spiegato Dreher. Crisi che “non riguarda solo l’interno della Chiesa, ma che è ovunque. In Occidente il tasso di natalità è in declino fortissimo, la famiglia naturale è fortemente minacciata da gender e rivoluzione sessuale. L’Istat dice che il tasso di matrimonio è crollato vertiginosamente, in Italia i coniugati sono passati dal 51 per cento del ‘91 al 19 di oggi. Se scompare il matrimonio, scompare la famiglia naturale”. Poi migrazioni di massa, tecnologia avanzata, distruzione dell’ambiente, crisi del liberalismo, instabilità di massa. “La gente ha paura e il mondo stabile non esiste più”, è lo scenario, alquanto cupo, che prospetta il giornalista. Tutti aspetti che creano l’ambiente perfetto per fare salire in cattedra la soluzione del libro, la cosiddetta Opzione Benedetto, “strategia per i cristiani in un mondo post-cristiano”.
“Periferia orientale Roma, anno 500: un giovane volge le spalle alla città e corre verso la foresta, si chiama Benedetto, è nato a Norcia ed è sceso a Roma per completare la sua istruzione”, spiega il giornalista attingendo da un foglio il discorso preparato per la presentazione del suo libro. “Lì vede che gli standard morale dei romani avevano visto un crollo impressionante, i barbari arrivavamo e i suoi amici sprofondavano in una corruzione profonda. Il giovanotto temeva di perdere Dio e la sua anima immortale. Così lascia tutto alle spalle senza sapere cosa resta del suo futuro, ma consapevole che se resta a Roma perderà la fede. Allora andrà a Subiaco, digiunerà, leggera le scritture e capirà cosa fare: fonderà monasteri e scuole di servizio al Signore”. Dreher sottolinea in questo modo, sobriamente, come la regola benedettina sia “breve e semplice”, ma che nonostante ciò si tratta di “uno dei documenti più incisivi della comunità occidentale”: “i benedettini hanno salvato la nostra società e si sono sparsi in tutta Europa come stelle del firmamento. Fra le rovine dell’Impero hanno posto le fondamenta per la rinascita della vita civile”. Considerato poi che “san Benedetto non voleva salvare la città ma restare fedele a Dio e mostrare agli altri come vivere da cristiani”.
La tesi è perciò che, oggi, i cristiani si trovano nella stessa situazione dell’epoca. E i dati giocano sicuramente a favore del giornalista americano. Passando poi alla pratica, i punti messi persino in linea dallo scrittore per dare vita e attuazione a questa cosiddetta opzione benedettina sono: riconoscersi come “esuli di un mondo ostile alla fede” e vivere questo con gioia, come minoranze creative; rendere più “monastica” la nostra fede, recuperando quella dimensione sacra della vita andata persa con la modernità, assieme a “un senso profondo dell’ordine” e al rapporto con Dio; dare infine luogo a forme di vita cristiana comune, respingendo la dittatura del relativismo indicata da Benedetto XVI e “non lasciandosi assimilare da questo mondo”. Di tutto ciò è però innegabile che ne esistano già molteplici esempi, in Italia e nel mondo. Non solo di monachesimo, ma di comunità composte da laici. Durante la presentazione se ne citano diverse, alcune piccole realtà non troppo note, o altre più mediatiche e conosciute, molte di queste con un’impronta fortemente ecumenica, da Taizé a Bose. Ma si potrebbe continuare a lungo, su vari fronti, a dimostrazione che questo spirito esiste già, è già all’opera, e che forse è solo necessario coltivarlo maggiormente.
È proprio questa una delle critiche, indirette, approntate allo scrittore dalla guida del quotidiano della Santa sede Vian, che parla di un libro “fortemente radicato nella realtà statunitense benché guardi a Oriente, Italia, Norcia e san Benedetto”, e dove come sottotitolo “si dovrebbe scrivere ai cristiani conservatori occidentali”. D’altronde, l’accusa era da aspettarsela, vista la polarità che suscita il tema, e considerato che anche i gesuiti della Civiltà Cattolica, organo ufficioso della segreteria di Stato vaticana, aveva apertamente criticato la tesi del giornalista americano paragonandola all’eresia donatista, con un articolo a firma Andreas Gonçalves Lind. “Lo slogan è efficace”, aggiunge Vian, descrivendo il libro come “molto ideologico e schierato, ma un po’ debole nella visione complessiva della storia occidentale. Se non altro per il fatto che è molto parziale e pone i riflettori solo su una piccola parte del mondo”. Perciò un “libro suggestivo ma non convincente”, con una tesi che “più che nel mondo ma non nel mondo è fuori del mondo”.
Accusa per una metà avallate anche da Giuliano Ferrara, stavolta nella veste insolita di trait d’union tra i relatori, l’autore americano e il giornalista che porta la posizione vaticana. “È interessante e suggestivo il fatto di mettersi da parte per custodire il seme, partendo da un autentico spavento in un panorama di rovine. È bella l’idea”, e “penso che non si possa fare una obiezione teologica, culturale, di pensiero o addirittura magisteriale contro una pretesa che implica il vissuto, l’esperienza diretta, il sacrificio di un’esistenza più semplice”, cogliendo peraltro il punto che le “radici della crisi sono lontane e profonde”, spiega il fondatore del Foglio. “L’impressione è di una rovina che accumula detriti e porta alla rovina un cristianesimo letto, interpretato e esperito dai monaci e alla fine distrutto da un’ondata demoniaca”, affonda Ferrara, opponendovi però in primo luogo l’idea che “il progetto di Ratinzger era un illuminismo cristiano e partiva dal fatto che l’uomo moderno è stato costruito dal cristianesimo e non contro il cristianesimo”, e che “la modernità nasce dal cristianesimo e lo rinnega nel momento in cui relativizza la verità”.
Fino alla seconda critica di Ferrara, ancora più incalzante. “Cosa chiede la modernità rovesciata al cristiano? Di essere privato, di non esistere, di aderire a un culto privato. Di stabilire le sue regole, anche comunitarie ma che non pretendano di esondare nello spazio pubblico”. Ritrovando poi in questo passaggio persino quanto “ha mostrato Ratzinger ritirandosi dal soglio”. “Ha ragione Dreher quando dice che le guerre culturali sono state perse. Il tema è quello del senso che i cristiani hanno della loro presenza nello spazio pubblico”, spiega Ferrara. Perciò la tesi è “interessante, comprensibile, del tutto lecita, fervida e feconda”, ma “rispetto allo stato disagiato della fede contemporanea mi sembra laterale, non coglie lo scandalo, lo lascia emergere in una soluzione che chiude strade e non coglie soluzioni, trovando un ripiegamento”. Il dibattito resta perciò aperto, e divide, palesemente. Ma Dreher prova a fare valere le sue idee. E la chiosa finale del giornalista americano è tuttavia semplice: “Se l’accusa è che voglio dire ai cristiani di uscire dal mondo, è falsa. Io dico di vivere nel mondo con una fede forte. E che per vivere in questo momento da fedeli cristiani dobbiamo essere molto più seri nel formare le nostre coscienza, e non sul terreno dei mass media”.
Vedi anche:

Gaenswein: gli abusi sono l’11 settembre della Chiesa (La Stampa):
"... anche la Chiesa cattolica guarda piena di sconcerto al proprio nine/eleven, al proprio 11 settembre, anche se questa catastrofe non è purtroppo associata ad un’unica data, quanto a tanti giorni e anni, e a innumerevoli vittime...
Monsignor Gaenswein ha citato due noti passaggi pronunciati da Benedetto XVI, l’ammonimento sul volo verso Fatima dell’11 maggio 2010 («La più grande persecuzione della Chiesa non viene dai nemici fuori, ma nasce dal peccato nella Chiesa») e la denuncia della «sporcizia» presente nella Chiesa durante la Via crucis al Colosseo poche settimane prima che venisse eletto Pontefice, per poi parlare di un «ecumenismo del generale oscuramento di Dio» e affermare che «eclissi di Dio non significa affatto che Dio non c’è più, ma che molti non riconoscono più Dio perché di fronte al Signore si sono frapposte delle ombre che lo oscurano. Oggi sono le ombre dei peccati, dei misfatti e dei delitti dall’interno della Chiesa a oscurare a molti la vista della sua luminosa presenza». 
«Il tono vi sembra eccessivamente drammatico?», ha domandato il segretario particolare di Benedetto XVI. «Drammatici sono i dati dei fuoriusciti dalla Chiesa, e ancora di più i recenti dati secondo i quali nel mio paese, in Germania, solo il 9,8% dei fedeli si incontrano la domenica nelle case di Dio per celebrare l’eucaristia», ha proseguito Gaenswein. È «veramente una vera crisi degli ultimi tempi quella nella quale la Chiesa cattolica si trova immersa ormai da tempo», ha detto ancora citando Willem Jacobus Eijk, cardinale arcivescovo di Utrecht, che «ha ammesso che, guardando all’attuale crisi, pensa alla “prova finale che dovrà attraversare la Chiesa”» prima della venuta di Cristo descritta dal Catechismo e che «scuoterà la fede di molti credenti». «La persecuzione – continua il Catechismo – che accompagna il pellegrinaggio della Chiesa sulla terra svelerà il mistero di iniquità». 
L'intervento quasi completo è pubblicato su Il Foglio 

Vedi anche: Guerrieri mendicanti di Spirito Santo (di Costanza Miriano)

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto20 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti47 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante5 Ammaniti1 Amore73 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima3 animazione6 Anniversari28 Anno liturgico1 anziani6 apologetica3 app3 apparizioni4 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli20 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo4 Atenagora1 Attanasio1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento19 azioni1 baby gang2 baciamano1 Baggio1 bambini18 Bannon1 Banzato1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo4 Battesimo di Gesù3 Battiato1 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI21 benedizione3 Benigni9 Bianchi52 Bibbia41 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia3 blog23 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi31 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 Carròn1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi84 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo2 CEI5 Celentano1 celibato7 Ceneri5 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich12 Chiara Luce Badano2 chierichetti1 Chiesa24 Chiesa e società26 Chittister1 chosen1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema79 Cirinnà1 citazioni79 CL1 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus35 Corpus Domini5 Corviale1 Corvo1 Cosentino5 covid197 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi8 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia16 Dalla1 David Buggi3 ddlzan3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni3 dialogo2 dibattiti41 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso28 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi3 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare18 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco11 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa3 eutanasia17 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia38 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini5 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco214 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia6 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender13 genitori6 Gerusalemme1 Gesù24 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani67 Giovanni Battista2 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG9 gnosticismo1 Gramellini2 gregoriano1 grest10 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween5 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata6 immagini53 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet10 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura5 letto15 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri147 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia47 Livatino1 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio5 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia5 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 Mainetti1 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Manara1 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco1 Marco Gallo1 Maria44 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri5 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.7 Mazzolari7 media2 meditazioni2 Medjugorje10 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa15 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli4 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 movimenti1 Muller2 Musica34 Nadia Toffa1 Natale47 Natuzza1 Negri1 Nembrini5 Neocatecumenali1 Newman2 no vax1 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena4 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie158 omosessualità30 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace6 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme4 Palumbo2 pandemia7 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita37 parrocchia5 Pasqua28 passione6 pastorale29 paternità4 Pati Trigo1 patria1 Patriciello14 paura1 peccato originale2 pedofilia17 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche84 Poli1 politica53 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere97 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni45 Quaresima42 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani3 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report2 Riace1 Riccardi7 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma19 Romero2 Ronaldo1 rosario9 Rosini27 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini2 sacerdoti28 sacramenti5 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe9 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo7 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi28 santità13 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Savagnone1 Saviano3 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma2 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri2 serie TV24 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa4 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo13 Siti cattolici27 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social3 società44 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Soul1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità75 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Squid game1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche9 storia7 storicità2 streaming7 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore2 sussidi39 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze18 Theobald1 Tolentino4 Tolkien1 Tolomeo1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale15 Trinità9 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV24 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze2 Valli4 Vallini1 Vangeli1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video117 Viganò3 vignette10 virtù1 visto10 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Catechismo: il nuovo anno liturgico (immagini e materiale utile)

Sussidi e altro materiale per l'AVVENTO 2021

Canti religiosi di Avvento e Natale

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)