Viganò contro papa Francesco. Parola alla difesa




Dopo aver visto la breve intervista al Vaticanista del Corriere, Luigi Accattoli, invito a leggere quanto scrive il sito UCCR che, con cura, smonta il "dossier" di Viganò (e poi una riflessione di Falasca su Avvenire):

Accuse al Papa: l’ex nunzio Viganò ha mentito, ecco le prove


Papa Francesco non ha voluto commentare l’atto di accusa che l’ex nunzio Carlo Maria Viganò ha pubblicato nei suoi confronti, chiedendo ai giornalisti di maturare da soli un’opinione. Così, in poche ore, la  redazione UCCR ha preso sul serio il memorandum di Viganò e l’invito del Papa e ha trovato prove schiaccianti che smentiscono il passaggio chiave della testimonianza del già controverso ex nunzio, facendo crollare (o, alla peggio, ridimensionando fortemente) la sua accusa al Papa.
Prima però quattro chiarimenti (chi è impaziente si rechi più sotto).
1) Qual è l’accusa di Viganò: l’ex nunzio non ha accusato Francesco di aver coperto un atto di pedofilia realizzato dal card. McCarrick, lo ha accusato di non avergli dato ascolto quando lo avrebbe avvertito nel 2013 delle varie notizie/voci a carico del cardinale riguardanti rapporti sessuali con adulti (seminaristi) risalenti a cinquant’anni prima, mettendolo anche a conoscenza che Benedetto XVI gli avrebbe per questo «imposto di ritirarsi ad una vita di preghiera e di penitenza». Scrive Viganò: nonostante Francesco abbia «saputo da me il 23 giugno 2013» dei «crimini commessi da McCarrick abusando della sua autorità con seminaristi e sacerdoti», il Papa lo avrebbe «coperto ad oltranza, anzi ha fatto suoi i suoi consigli» e ha permesso che il cardinale trasgredisse l’ordine di Ratzinger. Non si parla di pedofilia, né lo accusa di aver coperto un pedofilo anche perché l’accusa dell’abuso di un minore è emersa soltanto nel 2018. Appena l’arcidiocesi di New York ha ricevuto e valutato come “credibile” tale accusa di pedofilia nei confronti di McCarrick (risalente al 1977), Francesco è intervenuto tempestivamente rimuovendolo dal ministero pubblico.
2) Operazione mediaticaAl di là dei contenuti dell’accusa, “l’operazione Viganò” non è la testimonianza di coscienza di un “coraggioso vescovo”, come viene fatta passare dai portavoce della resistenza tradizionalista. E’ semplicemente un salto di qualità nella loro guerra d’odio al Papa, avendo fallito con i manifesti anonimi e la ridicola accusa d’eresia contenuta nella “Corretio filiali”. Da giorni, nei blog degli haters di Francesco circolavano voci di una “sorpresina” per l’Incontro mondiale delle famiglie, non essendo stati in grado né di farlo annullare né di sovrastarlo mediaticamente con un incontro parallelo (invitato d’onore il card. Burke), che si è rivelato un flop (in Italia ampiamente sponsorizzato da La Nuova Bussola Quotidiana, Marco Tosatti, Aldo Maria Valli e Corrispondenza Romana). Le 11 pagine di accusa dell’arcivescovo Viganò sono state pubblicate in contemporanea sui blog della resistenza, a partire da LifeSite News (il cui fondatore John-Henry Westen aveva organizzato l’evento-flop parallelo a Dublino) e pochi minuti dopo la pubblicazione il vescovo conservatore Joseph Strickland di Tyler (Texas) ha distribuito copie del dossier a tutte le messe. Tutto ciò lascia trasparire l’idea di una regia. In Italia l’operazione “dimissioni del Papa” è stata affidata a Marco Tosatti e a Maurizio Belpietro (direttore de La Verità), e questo la dice lunga sulla poco professionalità della messinscena.
3) Viganò e l’oscura biografia. Qualcuno ci ha criticato per aver ricordato il passato torbido di mons. Viganò (da noi chiamato “oscuro”), dicendo che è un argumentum ad personam. In realtà, avevamo sottolineato la validità delle accuse dell’ex nunzio in quanto circostanziate da date, nomi ed incontri, ma rilevando l’assenza di prove e documenti a sostegno. Viganò dunque ci chiede di fidarci di lui, della ricostruzione che ha prodotto, delle sue supposizioni, dei suoi ricordi e della sua versione. Per questo diventa rilevante mostrare che non è affatto una persona affidabile e gli scandali che lo hanno travolto lo testimoniano (lo vedremo nel successivo punto), come tra i tanti ha anche osservato il principale vaticanista statunitense, John L. Allen: «La lettera di Viganò è basata solo sulla supposizione e sulla sua connessione dei punti. Quando qualcuno si lancia in delle accuse con tanta leggerezza, è difficile sapere quanto seriamente dovrebbe essere preso. E Viganò ha una storia» che lo tradisce.
4) Viganò fece distruggere le prove di un insabbiamento di abusiLa storia di mons. Viganò è torbida come l’operazione meschina che ha messo in atto. In queste ore il vaticanista di Rai1, Aldo Maria Valli, membro della resistenza e scelto da Viganò come depositario del suo memoriale, sta dipingendo l’ex nunzio come un “nonno buono e santo”, appassionato della verità e bruciante d’amore per la sua Chiesa, tanto da dover rendere pubblica la sua testimonianza in onore a Dio. Valli però tace sul coinvolgimento del sant’uomo Viganò in appalti gonfiati e false fatturazioni, sul fatto che l’ex nunzio ha dovuto versare 180mila franchi svizzeri alla sorella Rosanna, che lo ha denunciato per appropriazione indebita di denaro, sul fatto che suo fratello, mons. Lorenzo Viganò, ha affermato pubblicamente: «mio fratello mi ha derubato, ha approfittato della mia malattia per tagliarmi fuori dalla gestione del nostro, e sottolineo nostro, patrimonio». Viene taciuto il fatto che Benedetto XVI lo cacciò negli USA e che lui si opposementendogli spudoratamente. Luigi Bisignani ha svelato in queste ore altre sozzure nella vita di mons. Viganò, tra cui l’essere abitudinario della creazione di falsi dossier per infangare i suoi nemici. Quel che non avevamo scritto lo abbiamo appreso solo da poco: Viganò, grazie al suo ruolo di nunzio apostolico negli USA, intervenne per far annullare un’indagine e per distruggere le prove di insabbiamento di abusi sessuali riguardanti il suo amico conservatore John Nienstedt, ex arcivescovo di St. Paul e Minneapolis (il quale ha confermato la copertura nel 2014).
LA BUGIA DI MONS. VIGANO’ : CROLLA L’ACCUSA A FRANCESCO
Prendendo sul serio il memoriale di Carlo Maria Viganò si ricava che l’accusa a Papa Francesco -come già detto- è quella di aver disatteso il presunto ordine di Benedetto XVI nei confronti del card. McCarrick ad una vita di silenzio e preghiera a causa della sua condotta immorale quando era prete. Viganò non porta prove dell’intervento del Papa emerito, dice solo: «Non mi è noto quando papa Benedetto abbia preso nei confronti di McCarrick questi provvedimenti, se nel 2009 o nel 2010, perché nel frattempo ero stato trasferito». Tuttavia accusa il Papa di aver lasciato che il prelato facesse vita pubblica, celebrasse messe, si recasse in Vaticano e consigliasse nomine. Ecco le parole di Viganò: «Era evidente che a partire dalla elezione di papa Francesco, McCarrick, ormai sciolto da ogni costrizione, si era sentito libero di viaggiare continuamente, di dare conferenze e interviste, ed era il consigliere più ascoltato in Vaticano per i rapporti con l’amministrazione Obama». Il Papa, ecco l’accusa di mons. Viganò (sottolineata in grassetto nel suo memoriale), «dica da quando ha saputo dei crimini commessi da McCarrick abusando della sua autorità con seminaristi e sacerdoti. In ogni caso, il papa lo ha saputo da me il 23 giugno 2013 ed ha continuato a coprirlo, non ha tenuto conto delle sanzioni che gli aveva imposto papa Benedetto».
Eppure Viganò sta mentendo. Ampliando l’ottimo lavoro di Michael J. O’Loughlin, abbiamo infatti scoperto che McCarrick faceva beata e tranquilla vita pubblica ben prima dell’inizio del pontificato di Francesco (marzo 2013). Il 29 marzo 2011, infatti, McCarrick ha testimoniato davanti al Senato degli Stati Uniti addirittura «a nome della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti», con l’obiettivo di «proteggere i diritti civili dei musulmani americani». Nel giugno 2011, McCarrick celebrava Messa per l’importante ordinazione di alcuni sacerdoti e nellottobre dello stesso anno ha concelebrato con l’arcivescovo di New York, Timothy Dolan, addirittura in Saint Patrick’s Cathedral, cioè il principale luogo di culto cattolico a New York. Nel dicembre 2011 il cardinale partecipava a Meet the press, seguitissimo programma televisivo della NBC, accettando due premi.
Il 16 gennaio 2012 McCarrick si trovava in Vaticano, ricevuto in udienza da Benedetto XVI come membro di una selezione di vescovi degli Stati Uniti e nella stessa occasione ha concelebrato la messa con il card. Wuerl e altri vescovi USA presso la tomba di San Pietro. Nell’aprile 2012, il card. McCarrick era di nuovo in Vaticano, come membro della Papal Foundation per festeggiare l’83° compleanno di Papa Benedetto. Il 28 febbraio 2013 McCarrick era addirittura presente all’incontro con Benedetto XVI nello storico giorno delle sue dimissioni: in questa foto il Papa emerito lo saluta, stringendogli le mani, come fece con tutti gli altri cardinali. Ironia della sorte, nel maggio 2013 (due mesi dopo l’elezione di Francesco) lo stesso arcivescovo Viganò ha felicemente concelebrato -senza alcun problema o protesta da parte sua- una messa proprio assieme al cardinale McCarrick, prima della annuale cena dei cardinali della Catholic University of America.
Dunque è chiaro che mons. Viganò ha platealmente mentito proprio nella sua accusa “regina” a Francesco. Il card. McCarnick, al contrario di quanto afferma l’ex nunzio nel suo memoriale, ha fatto vita pubblica fino alla fine del pontificato di Benedetto XVI, presenziando perfino in Vaticano e davanti agli occhi dello stesso Papa emerito e non iniziò solo al momento dell’elezione di Francesco.
Le soluzioni sono due:
1) Benedetto XVI non intervenne per intimare al cardinale americano una vita riservata e di preghiera e quindi Viganò è un bugiardo. Crolla l’accusa a Francesco di aver disatteso tale inesistente imposizione. Viganò mente anche quando scrive di aver ricordato a Francesco il falso intervento del Papa emerito, oppure ha mentito anche a Bergoglio (dato che non ci fu nessun intervento ratzingeriano contro McCarrick).
2) Benedetto XVI intervenne nei confronti di McCarrick ma -come da noi dimostrato- lasciò che il cardinale, accusato di vita sessuale immorale, non obbedisse all’autorità del Papa e quindi celebrasse messa, partecipasse alla vita della Chiesa statunitense e alla vita del Vaticano, addirittura nel giorno del suo compleanno. Si ridimensiona così l’accusa a Francesco, in quanto fu per primo il suo predecessore a disattendere il suo stesso ordine. Viganò resta un bugiardo perché ha sostenuto che il cardinale ha disobbedito l’imposizione a vita privata di Ratzinger solo nel momento in cui è stato eletto Francesco.
L’“operazione dimissioni” imbastita dalla resistenza tradizionalista contro Francesco rischia di diventare un boomerang. Viganò dice il falso a prescindere, in quanto il card. McCarrick fece vita pubblica per tutto il pontificato di Benedetto XVI e non iniziò solo con Francesco. Viganò potrebbe dire il vero, invece, sull’intervento di Ratzinger nei confronti del cardinale -come sostengono senza remore i sedicenti ratzingeriani-, ma allora si complica purtroppo la posizione dello stesso Benedetto XVI, il quale viene di conseguenza accusato di aver permesso al cardinale McCarrick di disobbedire al suo stesso ordine e -come già detto- frequentare liberamente l’arcidiocesi di New York e il Vaticano, con lui stesso presente. Per questo vale il commento di Massimo Faggioli: «che la frangia tradizionalista accetti il rischio di danneggiare Benedetto XVI e Giovanni Paolo II dice molto della loro disperazione».

AGGIORNAMENTO ORE 18:00
L’Associated Press ha svelato il nome del regista dell'”operazione Viganò”, si chiama (come già avevamo sospettato) Marco Tosatti ed è il principale haters di Papa Francesco in Italia, lo stesso che pochi mesi fa ha inventato di sana pianta che Francesco aveva creato una commissione segreta vaticana per modificare l’enciclica Humanae Vitae. Secondo la ricostruzione e le sue stesse dichiarazioni, è il giornalista Tosatti ad aver scelto i tempi e aver fatto pressioni verso l’ex nunzio poiché diffondesse il suo memoriale.

AGGIORNAMENTO ORE 19:00
Il sociologo cattolico Massimo Introvigne ha posto una riflessione decisiva che ci era sfuggita. La citiamo integralmente: «Di “misure segrete” di Benedetto XVI contro McCarrick nessuno ha mai saputo nulla tranne Viganò, e contro altri illustri ecclesiastici accusati di molestie Papa Ratzinger prese provvedimenti pubblici e clamorosi. Se poi gli ordini del Papa tedesco furono ignorati, sarebbe stato Viganò, come nunzio apostolico e dunque rappresentante del Pontefice a Washington, a doversi dimettere». Detto in altre parole: se mons. Viganò dice il vero riguardo a questo presunto ordine di ritiro a vita privata del Papa emerito nei confronti di McCarrick, allora è lo stesso Viganò il responsabile del fatto che McCarrick abbia disatteso quell’ordine (come abbiamo dimostrato in questo articolo) durante il pontificato di Benedetto XVI, frequentando liberamente il Vaticano. Infatti, mons. Viganò era ai tempi il nunzio apostolico negli USA, cioè colui che aveva il compito di rappresentare e far rispettare l’ordine (presunto) impartito dal Papa tedesco.

Su Avvenire vedi invece il commento di Stefania Falasca: "Ciò che resta dell'attacco al Papa":
È curioso ma assai significativo che papa Francesco sia stato l’unico a non qualificare come "dossier" il j’accuse di undici pagine dell’ex nunzio Carlo Maria Viganò fatto detonare, come è noto, sotto i cieli d’Irlanda in piena Festa mondiale delle famiglie. Rispondendo sul volo di ritorno da Dublino alla domanda sulla veridicità di quelle accuse, il Papa lo ha infatti definito semplicemente «comunicato». Per due volte: «Ho letto il comunicato» e «credo che il comunicato parli da se stesso».
E poi la sorprendente, espressa volontà, rilanciata dai media di tutto il mondo, di lasciare a noi cronisti il «giudizio», in un «atto di fiducia», contando sulla «maturità professionale di ciascuno», perché «voi avete la capacità giornalistica sufficiente per trarre le conclusioni».
Sembra invece sfuggita ai più come questa sequenza di termini fosse in relazione anche con quanto detto a conclusione della conferenza stampa ad alta quota, quando parlando della fede degli irlandesi il Papa ha affermato che questi «sanno ben distinguere le verità dalle mezze verità». Quella che dunque al momento era parsa una non-risposta si è rivelata traccia di una pertinente, lucida indicazione, anche pedagogica, stando proprio a quanto è emerso sul cartiglio Viganò a distanza di pochi giorni. Per le verità, infatti, sono bastate poche ore e non c’è stato neppure bisogno di indagini approfondite. Ma cominciamo dalle «mezze verità».
Del cartiglio sono state già ampiamente messe in luce le frequenti contraddizioni e i ripetuti omissis della narrazione. A un’attenta lettura il cartiglio-comunicato appare chiaramente un miscuglio di mezze verità. Si tratta di una viziata tecnica nota nella comunicazione, si chiama disinformazione, che è più grave rispetto anche alla calunnia e alla diffamazione, come ha ricordato più volte lo stesso Francesco, perché propone soltanto una parte della verità per perseguire un fine.
La disinformazione si costruisce, appunto, sulle mezze verità. Un classico meccanismo che punta a impedire la risposta. In una simile costruzione a spirale non c’era dunque soltanto da chiedersi se ciò che racconta Viganò sia vero (come ripetono a mo’ di mantra personaggi e media che chiedono le «dimissioni» di Francesco).
C’era da chiedersi, e anche questo è stato già ampiamente rilevato, se la sequenza descritta da Viganò, le sue considerazioni, le sue omissioni, le sue interpretazioni portano davvero ad attribuire una qualche responsabilità al Pontefice oggi regnante. A questo si aggiunge la non attendibilità del testimone, anche questa ampiamente rilevata, per avere un quadro preciso del j’accuse. E probabilmente per renderci immuni da veleni che hanno la presunzione di far tremare la terra sotto i piedi del Successore di Pietro e di indurre in soggezione e sgretolare il sensus fideidel popolo di Dio.
In questi giorni sono poi emersi dettagli che dimostrano come si è trattato di una operazione pensata e organizzata a tavolino da diversi soggetti, italiani e statunitensi, inserita in un piano preciso, tanto che la sua preparazione includeva anche l’assistenza giuridica di un avvocato, consultato preventivamente da Carlo Maria Viganò due settimane fa, legato all’agenzia statunitense Ewtn-Catholic National Register.
E alla fine è arrivata anche la ciliegina sulla torta di tutto l’affaire. In una lunga conversazione con l’agenzia Ap, un giornalista di un blog notoriamente anti-Bergoglio, preso da un’irrefrenabile euforia di protagonismo narcisistico, in pochi minuti ha offerto su un piatto d’argento i piedi d’argilla della maldestra operazione: ha confessato pubblicamente che è stato lui a scrivere il cartiglio della cosiddetta testimonianza-denuncia. Queste le testuali parole: «Ho fatto l’editing professionale; cioè abbiamo lavorato sulla bozza, il cui materiale era integralmente del nunzio, per verificare che fosse scorrevole e giornalisticamente utilizzabile». Insomma, un lavoro creativo per un programma «giornalisticamente utilizzabile» e che di veramente preciso ha avuto solo il meccanismo a orologeria.
Eccoci così al succo del marchingegno Viganò, e si capisce perché il Papa l’abbia definito «comunicato». A questo punto, scoperchiati gli altarini, scolato il brodo, di fronte a 'cotanto senno', l’unica cosa che stringendo viene da chiedersi è quella che con rara efficacia si è chiesto un osservatore molto attento: «E papa Francesco dovrebbe rispondere a questo giornalista? Il grande Totò direbbe: 'Ma mi faccia il piacere!' ».
Viene da aggiungere: ma si può davvero pensare di mettere alle strette un pontificato con simili sgangherate confezioni giornalistiche che sono un insulto all’intelligenza? E anche qui la risposta è certamente da lasciare al grande Totò. Alla fine di questa grottesca farsa la conclusione potrebbe, dunque, essere quella del drammaturgo Bernard Show: «Come è comica la verità!». Grazie Santo Padre per l’«atto di fiducia»' che ha concesso a chi fa questo nostro mestiere (e non altro).
Vedi anche:  

Tutto fa brodo per macellare la Chiesa (Tempi)

Ecco i fatti e gli omissis del dossier Viganò contro Francesco (Vatican Insider)

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi74 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid191 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti32 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco194 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica51 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere88 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma15 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile