"Storia di un matrimonio": un film che consiglio (non solo io e non solo per gli sposi)


Ho visto recentemente "Storia di un matrimonio", un film  scritto e diretto da Noah Baumbach. Uscito per poco tempo nelle sale cinematografiche è ora visibile su Netflix che lo ha prodottoI protagonisti sono Adam Driver e Scarlett Johansson che sullo schermo rappresentano due artisti di teatro molto apprezzati, sposati da alcuni anni e genitori di un bambino di 6 anni. La coppia va in crisi e il divorzio è lacerante.

Condivido pienamente la recensione di Sentieri del cinema che lo definisce "imperdibile", una storia che tutti, sposati e non, dovrebbero vedere. La Commissione Nazionale Valutazione Film (della CEI) lo ha catalogato come: "Complesso, Problematico, Adatto per dibattiti". Ma è da Aleteia che prendo una articolata riflessione sul film tradotta da Catholic Link e intitolata: “Storia di un matrimonio”, il film che ogni coppia in crisi dovrebbe vedere per salvare il suo:
Storia di un matrimonio” è un film che ha come protagonisti Scarlett Johansson e Adam Driver (disponibile su Netflix) nominato al Golden Globe, amato da molti e odiato da altri. Vorrei iniziare dicendo che ho deciso di scrivere questo articolo perché il film rappresenta una realtà che molti si rifiutano di accettare e perché l’unica cosa che volevo gridare ai protagonisti era “Il vostro matrimonio si poteva salvare!”
I matrimoni finiscono per mancanza d’amore, bontà, umiltà e sforzi, si diluiscono, si sciolgono come lo zucchero nel caffè. Si rompono come un piatto e si gettano nella spazzatura. Mentre lo guardavo mi invadeva una certa rabbia, non per la produzione, l’estetica, la musica o l’ammirevole interpretazione dei protagonisti – che ha dato a entrambi l’opportunità di entrare nella categoria dei migliori attori –, ma perché ritrae quello che accade oggi in milioni di matrimoni.
Che impotenza… quanto è triste vedere una coppia che si arrende. Le scuse sono in genere infinite, mentre lo sforzo di recuperare quello che un giorno ha unito i coniugi è quasi nullo di fronte al primo ostacolo. “Storia di un matrimonio” ci fa riflettere su quello che non dobbiamo permettere che accada nel nostro matrimonio: arrendersi.
Ecco alcune riflessioni a cui sono giunta dopo averlo visto. È un film molto utile anche per parlarne in coppia e in gruppi di persone che si stanno preparando a pronunciare il “Sì” definitivo. Meditate insieme su questa domanda: “Se fossimo in loro ci arrenderemmo?”
1. La dolcezza di ricordare cosa ci ha fatto innamorare dell’altro
Storia di un matrimonio” inizia con la voce di Adam Driver che enumera una per una le cose che ama di sua moglie. Poi è il turno di Nicole (Scarlett Johansson), che racconta con dolcezza tutte le cose che fanno di Charlie un marito e un padre esemplare.
La lista di entrambi è bella e toccante. All’inizio sembra che abbiano deciso tutti e due di andare in terapia per cercare di salvare il loro matrimonio. Come uno schiaffo, però, ci si rende poi conto che accade tutto il contrario. Sono andati lì per porre fine in modo più “pacifico” al loro matrimonio.
Ed è proprio a questo punto che penso che sia importante saper ascoltare. Ascoltare anche quando non vogliamo farlo o quando crediamo che nulla di quello che ci viene detto ci farà cambiare opinione. Nicole si rifiuta di leggere a voce alta la lista che descrive il marito. Si rifiuta forse per paura, perché in fondo sa (come lo sanno molte coppie oggi) che con lo sforzo si può evitare di pronunciare quella parola oscura e ripudiata: divorzio.
Mi invade l’impotenza, e magari penserete “Nory, calmati, è solo un film!”, ma questa storia ritrae benissimo la quotidianità e la routine che si vive in coppia. Mentre lo guardavo pensavo “Che grande passo hanno fatto compilando quella lista!” Che successo pensare al bene dell’altro e dimenticare per un momento gli aspetti negativi! Quanto è stato coraggioso ciascuno mettendo nero su bianco quello che lo ha fatto innamorare in passato. Il matrimonio si poteva salvare!
Vorrei essere lì per dire a Nicole e a Charlie (come a qualsiasi coppia in crisi) “Sforzati! Lotta per lui, lotta per lei, lascia stare per una volta il tuo orgoglio e il tuo egoismo e lanciati a farlo/a innamorare di nuovo di te!”
Molte coppie potranno pensare “Ma chi si crede di essere questa ragazzina per parlare così, che ne sa di matrimoni, pene o infedeltà?” Ma prendo Dio come scudo, e la grazia che effonde su ogni matrimonio perché quell’unione volontaria non sia un “Andiamo a vivere insieme e vediamo che succede”, ma un sì a tre.
 2. L’egoismo e l’orgoglio all’ordine del giorno
Il motivo per cui Nicole e Charlie decidono di separarsi si basa su due nemici: l’egoismo e l’orgoglio. È curioso vedere come nel film non sia alcun reclamo relativo all’amore. Non ci sono frasi come “Non mi ami più?”, “Quando hai smesso di amarmi?”, “Perché non mi ami più come prima?”, “Cosa ci è accaduto?”, “In cosa ti ho deluso?”
La crisi di questa coppia è dovuta al lavoro, perché uno si sente calpestato dall’altro, perché entrambi non si sentono così grandi insieme, perché i tuoi successi alla fine non sono tanto miei o perché non hai mai pensato che volessi arrivare più lontano. Cosa accade al dialogo, alla comunicazione? Dov’è finito in Nicole e Charlie il vero e autentico interesse per l’altro?
 Non è per questo che stiamo insieme? Siamo stanchi perché oltre ad amarci ci siamo promessi di stare insieme nella buona e nella cattiva sorte. In questa storia vince l’avarizia, la sete di potere, il voler essere più dell’altro ad ogni costo. Dimenticano completamente che sono una cosa sola, per guidarsi, per sostenersi e lottare insieme per i sogni che rubano loro l’aria.
Questo matrimonio si sarebbe chiaramente salvato se i coniugi avessero comunicato. Non una settimana prima di considerare finita la loro storia, ma dall’inizio. La nostra ascesa lavorativa non dovrebbe essere motivo di divorzio – non si è soci in un’impresa, ma marito e moglie. Uniti in matrimonio, alimentati con un dono che non si può ottenere in alcun altro luogo se non nel cuore di Cristo, che ha effuso sull’altare le grazie speciali perché quell’unione sia eterna.
3. Perché anziché sforzarsi tanto nel processo di divorzio non si usa quella forza per recuperare l’unione?
C’è una scena toccante in cui Nicole e Charlie hanno una discussione. Entrambi sembrano competere per sapere chi può gridare e insultare di più l’altro. Pronunciano parole orribili, desideri distruttivi, dicono cose che non si erano mai detti prima. Si colpiscono fin nel profondo.

Ma poi Charlie cade in ginocchio sul pavimento, in un orribile lamento che sembra spezzargli il cuore in mille pezzi. Si lascia cadere, forse arrendendosi per il dolore e l’esaurimento emotivo. Piange come un bambino, confuso e frustrato.
Piange con l’anima, perché sa che va tutto male. Nicole avrebbe potuto uscire e chiudere la scena con una porta che sbatteva, avrebbe potuto correre via terrorizzata dal dolore che le hanno provocato le parole pronunciate dal marito, ma ha deciso di restare e vederlo naufragare nella sua tristezza, e allora gli si avvicina e lo consola.
Entrambi si chiedono scusa. Si pentono di quelle parole che non avrebbero mai dovuto uscire dalla loro bocca. Si chiedono perdono! Che bella scena! Nicole e Charlie si spogliano per qualche secondo della rabbia e dell’orgoglio. Per un momento entrambi vengono salvati dal loro amore. Ma poi tutto crolla di nuovo, Nicole non fa marcia indietro con il processo di divorzio e Charlie sembra perdersi ogni giorno di più nella disperazione e nell’idea assurda di guardare la moglie e vedervi una perfetta estranea.
Mi chiedo cosa sarebbe passato se tutto il tempo, la dedizione, i pensieri e gli sforzi per divorziare fossero stati impiegati per ricostruire il matrimonio. Cosa sarebbe successo se entrambi avessero dedicato tutta quella forza non per porre fine ma per ricominciare? Se il vostro matrimonio è in crisi, magari è il momento di pensare “Cosa posso fare per non perdere il mio coniuge?”, “Cosa posso sacrificare o cambiare perché il nostro matrimonio non cada nel dimenticatoio?”, “Sarà il momento di cercare aiuto (un consigliere matrimoniale o un sacerdote)?”, “Voglio davvero arrendermi e gettare alle ortiche tutto quello che abbiamo costruito insieme?”
4. Il perdono e l’amore messi da parte
Cosa c’è dietro il vostro matrimonio? Figli, la famiglia che non avete mai avuto, il calore di una famiglia? Bisogna ricordare che la storia di ogni coppia è diversa e che ci sono motivi per cui è valido annullare un matrimonio. L’unica opzione che abbiamo se ci siamo uniti nel sacramento del matrimonio è lottare per l’altro.
Perdonare anche se ci costa, amare finché fa male. Nicole e Charlie si affrontano per ottenere la custodia del figlio, ed è curioso vedere come l’idea di separarsi nel modo più “tranquillo e silenzioso” termini in uno scoppio di emozioni e colpe che entrambi non hanno visto arrivare.
All’improvviso entrambi diventano esperti individuatori di difetti. Qualsiasi commento e comportamento è una nuova opportunità per far rimanere male l’altro e perché gli avvocati si riempiano la bocca di argomentazioni per vincere nel modo più sporco. E allora, se ci si beve qualche bicchiere di vino non si è più degne di essere definite una buona madre, perché si hanno elevate probabilità di essere alcoliste, e quale madre può esserlo e continuare a definirsi buona? Questo mi porta alla riflessione del punto seguente. 
5. La perfezione della madre vs la figura di padre imperfetto ma socialmente accettato
Una delle scene più importanti del film si svolge nello studio dell’avvocato Nora Fanshaw. Quando Nicole si esercita nelle risposte che dovrebbe dare alle domande su suo figlio, accetta in tutta tranquillità di avere dei difetti (come qualsiasi essere umano sulla faccia della Terra), e commenta che a volte beve non uno ma vari bicchieri di vino.
È allora che Nora pronuncia un discorso che mi ha fatto venire la pelle d’oca. “La fermo subito. La gente non tollera le madri che bevono e dicono al figlio ‘Stupido’. Lo capisco, sono uguale. Un padre imperfetto è accettabile. Il concetto di buon padre è stato inventato solo una trentina d’anni fa. Prima era normale che i padri fossero taciturni, assenti, poco affidabili ed egoisti. È chiaro che non vogliamo che siano così, ma in fondo li accettiamo.
Ci piacciono per le loro imperfezioni, ma la gente non tollera lo stesso nelle madri. È inaccettabile a livello strutturale e spirituale, perché la base della nostra menzogna giudaico-cristiana è Maria, la madre di Gesù, che è perfetta. È una vergine che ha partorito, sostiene il figlio in modo incondizionato e tiene tra le braccia il suo cadavere quando muore.
Il padre non appare. Dio è in cielo. Dio è il padre e non si è presentato. Tu devi essere perfetta, ma Charlie può essere un vero disastro. Per te l’asticella sarà sempre più alta. È una disgrazia, ma è così”.
Quando Nora ha terminato il suo discorso isterico ho dovuto mettere in pausa il film per pensare un attimo alle parole che avevo appena ascoltato. Non era la prima volta, né la seconda o la terza che ascoltavo questo paragone tra la figura del padre e quella della madre. Non era solo il fatto di vedere Maria e Dio Padre coinvolti nel tema. Era un’altra cosa.

Maria è stata, è e sarà sempre il nostro modello di madre. Non importa se si è di un’altra religione, questo modello di donna, moglie e madre ci accompagna da secoli! Da Era nella mitologia greca ad Anahita nella tradizione persiana, non serve una lezione di religione perché tutti abbiamo in mente come debba essere una madre. Non pensiamo forse tutti che la nostra sia una santa, e non la difenderemmo a spada tratta?
Sembra però che l’idea ci infastidisca, ci faccia agitare sulla sedia, ci punga da qualche parte. L’idea di avere Maria come esempio suscita un certo fastidio perché ci costa capire che Dio Padre ha voluto sceglierla tra tutte le donne per essere un esempio per l’umanità.
Se siamo madri sappiamo di non essere perfette, e se pensiamo alla nostra diciamo che nessuna come lei sa consolare, accogliere, unire, amare. È vero che ci sono cattive madri, e dobbiamo accettarlo, ma ci sono anche cattivi padri. Che male c’è ad avere Maria come punto di riferimento?
Nicole, come molte altre madri e come me, è consapevole dei suoi difetti. Sa che da alcuni punti di vista è carente. Nessuno ci ha detto che sarebbe stato facile, e indovinate chi ce l’ha dimostrato? Maria. Non c’è essere che abbia sofferto più di Lei sulla Terra per suo Figlio.
È facile additare altre madri e giudicare il modo in cui allevano i figli. Ciò che non è facile è vedere noi stesse e accettare di non essere Maria, ma che ci piace imitarla.
Tutte commettiamo degli errori, perché siamo degli esseri umani. Perché non siamo state concepite per opera e grazia dello Spirito Santo, ma non siamo state gettate nel mondo senza una guida, senza un esempio da seguire. Dio Padre ci ha dato Maria, e ed è bello amarla, imitarla, essendo consapevoli che la nostra umanità e fragilità ci permetteranno solo di fare del nostro meglio, ma sempre con un aiuto esterno.
Nicole è stata una buona madre, Charlie è stato un buon padre. Perché non ci hanno pensato in tutto il trambusto provocato dal divorzio? Perché non hanno pensato che sarebbe cambiata non solo la loro vita, ma anche quella del figlio? Perché non hanno detto “Ci amiamo, siamo dei bravi genitori, siamo brave persone, siamo capaci, abbiamo dei difetti ma possiamo lavorarci”? Perché non hanno pensato: “Siamo una squadra! Siamo marito e moglie!”?
6. Non dimentichiamo Dio in mezzo alla crisi
Non lo dimentichiamo, perché se si è cattolici il matrimonio prevede tre persone. Voglio concludere dicendo che questo film si ama e si odia allo stesso tempo. Ottimo il lavoro del regista Noah Baumbach, che ci permette di capire attraverso questa coppia che rinunciare all’amore è semplice ma non è una cosa da persone coraggiose, non quando c’è Dio in mezzo.
Potreste pensare “Nory ha perso la testa. Raccomanda alle coppie in crisi di guardare un film in cui il protagonista è il divorzio”, ma il mio obiettivo è tutto il contrario. Magari la vostra crisi non è come quella di Nicole e Charlie, ma dopo aver visto il film vi potreste chiedere: “Continuo ad amare il mio coniuge? Ho dato tutto di me in questo matrimonio? Sono disposto a cambiare non solo la mia vita, ma anche quella dei miei figli e del resto della famiglia con questa decisione? Ho chiesto aiuto a tutti tranne che a Dio?”
Magari potreste iniziare a stilare una lista delle cose che vi hanno fatto innamorare dell’altro e avere il coraggio di condividerle, di guardarvi negli occhi e darvi un’altra opportunità!
Qui l’articolo originale pubblicato su Catholic Link

Etichette

abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti42 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari26 Anno liturgico1 anziani3 apologetica3 app3 apparizioni2 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte20 Articoli17 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini15 Bannon1 Baricco1 Bassetti3 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini8 Beltrame1 Benedetto XVI19 benedizione2 Benigni8 Bianchi48 Bibbia35 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa7 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi62 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI1 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società24 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema72 Cirinnà1 citazioni68 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri2 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus16 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino2 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld3 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini9 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 dialogo2 dibattiti29 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso25 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus1 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate2 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake10 famiglia35 Fano1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco181 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia3 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù21 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani56 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II9 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest6 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione1 libertà4 Libri121 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia26 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente3 Mancuso3 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria34 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media5 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje8 Melloni1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica30 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena2 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie144 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio4 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme2 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita25 parrocchia2 Pasqua21 passione4 pastorale25 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello9 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste3 perdono4 Personaggi40 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche70 Poli1 politica46 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera24 preghiere80 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 Pronzato1 psicologia7 pubblicazioni36 Quaresima35 racconti5 radio2 Raggi1 Ravasi16 razzismo2 reali1 Recalcati7 relativismo2 religione8 religioni4 Riace1 Riccardi4 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario5 Rosini21 Ruini1 Rumiz1 Rupnik5 Sabattini1 sacerdoti25 sacramenti4 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini13 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi18 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV12 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa2 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano1 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società40 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza3 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo14 Spiritualità60 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia4 storicità2 streaming4 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi31 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze14 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello15 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale8 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV17 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni1 verità2 Via Crucis8 Video97 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni7 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi1
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

I 7 segni nel Vangelo di Giovanni

Sussidi per la Quaresima 2020

VIA CRUCIS con meditazioni di don Tonino Bello (e quelle, ancora da scoprire, degli studenti del liceo romano)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari