Due mamme sono meglio di una?


C'è anche un libro di filastrocche per bambini con questo stesso titolo, solo senza punto interrogativo finale: "Due mamme sono meglio di una". La pensa così anche il sindaco di Torino, la pentastellata Chiara Appendino che ha voluto essere la prima a registrare sull'anagrafe un bimbo con due mamme. “Abbiamo scritto un pezzo di storia” ha dichiarato trionfante la sindachessa. Così ricostruisce e commenta il fatto La Nuova Bussola Quotidiana:
Chiara Foglietta, consigliera comunale del Pd a Torino, e la sua compagna Micaela Ghisleni volano in Canada - in realtà loro dichiarano di essere andate in Danimarca, ndr - e lì la Foglietta si sottopone a fecondazione eterologa per avere un bebè.  Tornano in Italia e il bambino nasce all’ospedale Sant’Anna. A quel punto la coppia chiede che il neonato venga riconosciuto come figlio legittimo di entrambe le donne. L’ufficiale di stato civile oppone un giusto diniego. Infatti, solo le coppie di sesso differente possono accedere alle pratiche di fecondazione artificiale ex lege 40/2004, non le coppie omosessuali né i single o le single. Inoltre, la modulistica degli uffici dell’anagrafe di Torino è ferma al 2002 e quindi non contempla nemmeno le procedure di fecondazione extracorporea. L’anagrafe quindi suggerisce alla Foglietta, madre biologica del bambino, di dichiarare che il bebè è nato a seguito di un rapporto sessuale e il padre non vuole riconoscere il figlio. Questa menzogna risolverebbe perlomeno il riconoscimento del figlio a favore della Foglietta, ma l’altra compagna comunque non potrebbe figurare come seconda madre.
La coppia non ci sta e chiama in causa l’amministrazione del sindaco Chiara Appendino la quale ieri, con un colpo di mano e in barba alle leggi italiane, riconosce il minore come figlio di entrambe le donne. Si badi bene: non si tratta di stepchild adoption, ossia dell’adozione da parte della Ghisleni del figlio naturale della Foglietta, bensì del riconoscimento del bambino come figlio legittimo di entrambe. E’ come se anche la Ghisleni avesse partorito il bambino. E’ la prima volta che accade in Italia con queste modalità. Nel recente passato ci sono stati alcuni casi in cui tale riconoscimento di doppia omogenitorialità era avvenuto all’estero e poi, per ordine del giudice, si era proceduto alla ricezione della legittimazione qui in Italia. Tra parentesi, l’Appendino, oltre al riconoscimento a favore della coppia lesbica di cui sopra, ieri ha proceduto a riconoscere anche i figli di altre due coppie gay, la cui doppia genitorialità però era già stata riconosciuta all’estero. Il caso invece della Foglietta e della Ghisleni è differente perché tale riconoscimento estero non c’è stato. Quindi l’Appendino non ha proceduto ad una ricezione di un atto legale straniero, ma si è mossa in piena autonomia senza neppure l’intervento di un giudice.
L’atto è illegittimo perché la legge italiana non prevede questo tipo di filiazione, esclusa addirittura dalla stessa legge Cirinnà che ha reso legittime le Unioni civili. Lo sa bene la prima cittadina Chiara Appendino che infatti da Facebook, qualche giorno fa, non faceva mistero delle sue intenzioni poco legali: “Per la prima volta la Città di Torino si trova dinnanzi a casi inediti di nuove forme di genitorialità che richiedono del tutto legittimamente il riconoscimento di quella che per loro è una famiglia, intesa come luogo fisico ed emotivo in cui due o più persone si amano e costruiscono insieme il futuro proprio e dei propri figli. Da mesi stiamo cercando una soluzione compatibile con la normativa vigente. Dopodiché la nostra volontà è chiara e procederemo anche forzando la mano, con l'auspicio di aprire un dibattito nel Paese in tema di diritti quanto mai urgente”. Insomma, se il pertugio legislativo c’è bene, altrimenti procederemo per la nostra strada. Sulla stessa lunghezza d’onda la consigliera comunale Pd Maria Grazia Grippo, vicepresidente della Commissione Diritti e Pari Opportunità della Città di Torino: “Questa situazione, in cui Chiara e Micaela non sono le uniche a trovarsi, impone una presa di posizione politica e non può essere scaricata sugli uffici o peggio sul bambino". Che tradotto significa: se anche la legge vietasse questo tipo di riconoscimento, politicamente non obbediremo.
Questa vicenda torinese, unita ad altre simili che hanno visto il riconoscimento della doppia omogenitorialità, ha impresso un’accelerazione notevole al tema. Varata la legge Cirinnà nel maggio del 2016 ci fu uno scontro al calor bianco nemmeno sull’adozione a favore delle coppie omosessuali, ma “solo” sulla stepchild adoption. A distanze neanche di due anni, la questione “stepchild sì – stepchild no” appare ampiamente superata e ormai due uomini o due donne possono tranquillamente figurare sullo stato di famiglia come genitori legittimi di bambini avuti in provetta. Come più volte abbiamo sottolineato, relativamente alla disciplina giuridica delle materie eticamente sensibili, ormai le aule parlamentari si trovano sparse un po’ in tutta Italia, a volte nei tribunali e a volte nelle sale consiliari. Al Parlamento starà poi solo registrare in una legge la prassi giudiziaria e di carattere amministrativo ormai in uso nello stivale.
Molto più cauto il Corriere della Sera nell'interpretare cosa dica la legge:
 In Italia non esiste una legge organica in materia, che regoli questioni così delicate. Per risolvere non è stata fatta una forzatura alla norma, ma un intervento amministrativo.
Interviene anche Avvenire con un articolo dal titolo esplicativo:  "Le «due mamme», la Chiesa di Torino: strappo sulla pelle dei bambini":
Vengono sempre per ultimi, o addirittura non esistono. Sono i diritti dei bambini. Mentre il sindaco Chiara Appendino rilascia dichiarazioni entusiaste per aver iscritto all’Anagrafe il bambino «figlio di due madri», la voce della Chiesa torinese si fa sentire attraverso l’editoriale che compare sul numero del settimanale diocesano «La Voce e il tempo», che ha anticipato già oggi sull’on line l’edizione cartacea disponibile da giovedì.
Una prima sottolineatura dell’articolo del direttore Alberto Riccadonna riguarda appunto questa attenzione: «il magistero della Chiesa – scrive - non si stanca di affermare che ogni bambino per crescere in modo sereno ed equilibrato - ha il bisogno primario di avere un padre e una madre. La considerazione massima, realmente partecipe al dolore di coloro che vorrebbero un figlio e non l’hanno, deve fermarsi di fronte al bisogno fondamentale dei piccoli. Di qui la valutazione contraria alla legalizzazione dei bambini con due mamme o due papà; il desiderio di maternità, come altri desideri della vita, non è realizzabile ad ogni costo». Invece il diritto assoluto da promuovere pare essere quello delle coppie omosessuali che vogliono realizzare il proprio desiderio di genitorialità.
Anche nel passato recente l’arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia era già intervenuto in casi analoghi: per ricordare non solo che la dottrina della Chiesa non è cambiata, ma che la priorità dell’attenzione va posta alla vita che nasce, e alle condizioni in cui viene accolta; e che non sono le «forzature legislative» a determinare o modificare le condizioni in cui un bambino nasce, cresce e ha bisogno di relazioni affettive ed educative equilibrate. E papa Francesco, nella «Amoris Laetitia», ha affermato che non esiste fondamento per assimilare o stabilire analogie tra le unioni omossessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia.
Un secondo «corno» della problematica sollevata dalla decisione del sindaco Appendino riguarda la legittimità dell’atto compiuto. Si sa che l’iscrizione all’Anagrafe del piccolo Niccolò Pietro non ha alcun valore legale, poiché il quadro normativo nazionale non contempla questa possibilità; il significato del gesto di Appendino, pur nella sua veste di «pubblico ufficiale» è dunque interamente ed esclusivamente politico.
L’editoriale de «La voce e il tempo» si intitola infatti «La forzatura delle due mamme», e vi si legge: «Si può pensare che una legge dello Stato venga applicata a libera discrezione degli 8 mila Comuni d’Italia, ciascuno secondo il proprio orientamento? No, lascia davvero sconcertati lo strappo operato lunedì scorso dall’Amministrazione torinese rispetto alle leggi che regolano l’Anagrafe e lo Stato Civile: il sindaco Appendino ha deciso di ‘forzare la mano’ alle leggi – parole sue – e registrare un neonato come ‘figlio’ di due mamme. Le norme anagrafiche non consentono questo tipo di registrazione. Neanche la Legge Cirinnà sulle unioni civili ha modificato questo punto. E allora ci domandiamo: a cosa servono le decisioni del Parlamento, se le altre Istituzioni dello Stato poi non lo riconoscono?».
Quale spazio, in vicende come questa, per la Chiesa torinese? C’è un primo «dovere» che riguarda proprio il richiamare l’attenzione sui bambini, che sono i protagonisti ma a volte anche le «vittime» di queste vicende; e c’è, come in più occasioni ha sostenuto l’arcivescovo Nosiglia, un impegno preciso a testimoniare la realtà della famiglia, composta da un uomo e da una donna con i loro figli, come progetto di Dio per l’umanità. Non si tratta di andare «contro il progresso», qualunque esso sia. Ma di ricordare che non sono le norme sociali a cambiare la verità, anche quella biologica, sulla persona umana.
Ancora Avvenire: "Due madri. Finzione d’anagrafe che per programma cancella il padre":
Figlio di due donne. L’atto di nascita del bimbo di Torino, già rifiutato dall’ufficiale di stato civile e poi firmato dal sindaco Appendino di suo pugno, è una evidente (e dichiarata) forzatura. Pensate davvero che dobbiamo discutere 'se quel bambino ha due madri'? Andiamo, prima di consultare i legisti su come si fanno gli atti di nascita, ripassiamo come nascono i bambini. Due donne non sono in grado di generare; e se una di loro ha generato, necessariamente con il seme d’un uomo (lo sconosciuto donatore della fecondazione artificiale) essa è la madre, l’unica.
Che abbia o non abbia una compagna non c’entra nulla con la generazione del figlio. Oppure di che parliamo? Qualcuno fruga nel mare delle leggi. Nazionali, estere, scritte, da scrivere, desumibili dalla cultura mutante e dal diritto vivente, dalla civiltà trionfante, e via. Qualche garbuglio da azzeccare, frattanto? Dice la madre vera che non ha voluto fare una «falsa dichiarazione» usando la formula predisposta, che parlava di 'unione naturale', mentre per lei s’era trattato di fecondazione assistita. Raffinato scrupolo etico. La formula 24, dettata «per la madre naturale nel caso in cui il padre non consente di essere nominato», prevede che si scriva «dall’unione naturale di essa dichiarante con uomo ecc.».
Ma naturale, qui, caratterizza la filiazione fuori del matrimonio rispetto alla filiazione legittima, secondo il lessico passato. Non rispetto alla artificialità. Che scrupolo, che stizza. Semmai occorresse una variazione, sarebbe acconcia la 'fecondazione con seme di uomo che non consente ecc.'. Ma per l’altra donna, nessuna partecipazione. La bugia, semmai, cade qui. Nella nostra legge 'madre è colei che partorisce'. È stato necessario ai nostri giudici rammentarlo persino in quel caso drammatico, ricordate, di scambio di embrioni in fase di impianto. La maternità è un fatto, esattamente questo fatto, non un qualche concetto. Dire che alcune leggi straniere ammettono la fecondazione assistita per coppie omosessuali non ha niente a che fare con lo status del figlio che nasce in Italia. Nel diritto internazionale privato dell’ordinamento italiano 'lo stato di figlio è determinato dalla legge nazionale del figlio al momento della nascita'. Dunque, nel caso di Torino, dalla legge italiana.
Cosa si fa in Danimarca vale per i danesi. Ci sono persino Paesi (pochi) dove la legge ammette l’utero in affitto, che da noi e nel resto del mondo è delitto. (Una maternità espropriata per la falsa filiazione, a volte di due maschi, con stratagemmi già avvenuti per nascite all’estero). Norme simili non sono il modello del nostro diritto. Ogni bambino che nasce in Italia ha la protezione intera della nostra legge. Dico protezione di proposito, perché corre un’altra vulgata circa la 'conquista civile che estende i diritti del figlio'. Ma i diritti del figlio stanno per primi nella vita ricevuta, e non c’è essere umano che non l’abbia ricevuta da una madre e da un padre. Per i genitori, negarsi al figlio, sparire dalla generazione è la prima diserzione; appropriarsi di una generazione inesistente può avere senso diverso per chi lo fa e per chi ne è l’oggetto.
Esiste un diritto del figlio, imprescrittibile, alle azioni di disconoscimento e di impugnazione del riconoscimento quando contrario al vero, per un suo interesse; e il rilievo costituzionale del principio di verità è stato confermato da una recente sentenza della Consulta (n. 217 del 2017). Questo deve far riflettere sull’affermazione che i legami della filiazione 'sociale' sono più importanti dei legami del sangue, e che nella sostanza è genitore chi ama il bambino, più di chi lo mette al mondo. C’è qualcosa di vero e di grande nella scelta di fare da padre, di fare da madre, a un bambino che non li ha più, o è stato abbandonato. A Nomadelfia ho visto 'madri di vocazione' che hanno accolto e amato così decine di 'figli', senza passare all’anagrafe. Ma non è la stessa cosa mettere al mondo un figlio che per programma non conoscerà suo padre e anagrafargli forzando la legge un 'genitore due' a pareggio del conto. O del desiderio? E di chi? 
Infine l'intervento di due anni fa del vescovo di Torino Nosiglia:
NOSIGLIA: «DI MAMMA CE N’È UNA SOLA, LA REALTÀ PIÙ FORTE DELL’IDEOLOGIA»09/01/2015  «Una sentenza che non aiuta», commenta l’arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia. «Al di là della propaganda ideologica o politica», fa sapere, «che cerca subito di tirare dalla propria parte la sentenza ci auguriamo che nel buon senso della gente comune prevalga sempre il detto "di mamma ce n'è una sola"; e nessuna dichiarazione, anche trascritta nei registri come "madre A" e "madre B" potrà mai sostituire questa realtà nel cuore di un figlio».«Di mamma ce n'è una sola e nessuna dichiarazione, anche trascritta, potrà mai sostituire questa realtà nel cuore di un figlio». Usa un adagio popolare l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, per commentare «con dolore e preoccupazione», si sottolinea nella nota della Curia, la vicenda del bambino con due mamme. Il Comune di Torino, infatti, ha deciso di trascrivere l'atto di nascita del bambino con due mamme nato in Spagna grazie alla fecondazione eterologa. Per i registri dell'anagrafe sarà – primo caso in Italia – figlio di madre A e B. Quella che per la madre italiana del piccolo nato in Spagna con la fecondazione eterologa - e che la Corte d'Appello impone all'anagrafe di registrare come figlio di entrambe - «non è solo una battaglia di principio», per Nosiglia è invece una «sentenza che non aiuta». E che rischia di portare a una «grande confusione», con conseguenze su «quei minori che si intende tutelare». 
«Se è vero che l'interesse primario da tutelare è quello del minore, non si può non notare come certe situazioni “limite” creino dei veri paradossi, giuridici ed esistenziali», sostiene l'arcivescovo del capoluogo piemontese. Per quanto sia «importante che la magistratura italiana, nei due gradi di giudizio, abbia comunque sottolineato l'attenzione prioritaria alla tutela della persona più debole - sottolinea - la crescita di questo bambino avverrà comunque in una situazione dove si incrociano diverse, obiettive difficoltà, legate in particolare all'assenza di un vero contesto familiare».

Poi aggiunge: «Ci sono molti aspetti pratici che dipendono da questa registrazione», è la posizione della madre italiana del bimbo, che chiede al Comune di dare esecuzione alla sentenza. «In una situazione di emergenza non potrei nemmeno autorizzare una trasfusione. Poi ci sono questioni di eredità, perché il bimbo non ha alcun vincolo legale con i suoi famigliari italiani». 
Ma a preoccupare l'arcivescovo di Torino è la mancanza di «figure materne e paterne chiare, riconoscibili e presenti» e di «un contesto sociale, culturale e normativo che metta in esplicito collegamento i diritti degli individui con i doveri dei genitori e dei cittadini». «Al di là della propaganda ideologica o politica, che cerca subito di tirare dalla propria parte la sentenza», conclude Nosiglia, «ci auguriamo che nel buon senso della gente comune prevalga sempre il detto "di mamma ce n'è una sola"; e nessuna dichiarazione, anche trascritta nei registri come "madre A" e "madre B" potrà mai sostituire questa realtà nel cuore di un figlio».

Contrario anche il Forum delle associazioni familiari: «Questo caso è l'ennesimo episodio in cui si fa carta straccia delle qualità fondative della famiglia naturale, ma anche della specifica identità giuridica della famiglia, così come viene definita dalla Costituzione», si legge in una nota. «E la cosa singolare - e pretestuosa - è che lo si faccia nel nome dell’interesse del bambino».   
«È evidente che si tende ad enfatizzare in chiave ideologica le pretese di alcune coppie. Già è grave quando è la politica a fare queste scelte ideologiche, come nel caso dei sindaci che trascrivono "automaticamente" - in modo arbitrario - i matrimoni tra persone dello stesso sesso celebrati all'estero, che non sono assolutamente riconosciuti nel nostro Paese. Almeno poi i sindaci sono sottoposti al giudizio degli elettori, che prima o poi potranno decidere se rivotarli oppure no. Ma quello a cui si sta assistendo è l’indebito protagonismo giudiziario di singoli giudici o delle varie Corti, con scelte, giudizi e pronunciamenti sui quali nessuno potrà mai chiedere loro conto».   
Infine, conclude la nota: «Il Codice civile, il diritto di famiglia e perfino la legge 40 che prevede l’applicazione della fecondazione eterologa solo con un padre ed una madre, si modificano a Roma, non in giro per i tribunali o per gli uffici dei sindaci di tutt’Italia, e neppure sposando acriticamente scelte importate da altri Paesi». 

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria39 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie146 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV15 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi3
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry

Canti di adorazione e canti religiosi (dicembre 2017)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)