Su Blade Runner 2049: molti cattolici consigliano di vederlo


Segnalo la recensione di un frate amico, Francesco Di Pede, presso il sito delle Sale della comunità:
Lo sguardo rivolto al cielo di Villeneuve
“Oggi è nato per voi un Salvatore”. Anno del Signore 2049, in una regione solitaria un replicante uccide un Nexus ribelle di vecchia generazione. Nei pressi della sua abitazione viene rinvenuta una cassa contenenti resti di un replicante femminile, deceduta trenta anni prima a causa di un parto.
Nel film di Villeneuve riecheggia più volte la frase tratta dal vangelo di Luca. Coniugata alla trama, rivisitata e corretta, si tratta di una citazione come molte altre tratte dalla Scrittura. E’ una modalità piuttosto diffusa con la quale il cinema vuole celebrare un evento quotidiano eppure magnifico: la nascita della vita.
Tra qualche decade, ci dicono, la vita continuerà a nascere. E si tratterà ancora di un miracolo. Occorre però crederci ai miracoli, come quelli che faceva Gesù, sempre orientati a recuperare la vita, posizionarla al giusto posto, consacrarla. I replicanti di Blade Runner 2049 sono riusciti a entrare in questa dinamica riproduttiva. Le vicende che il film ci racconta ci introducono in un mondo tanto lontano e distopico quanto reale, proprio perché la nascita di una nuova vita è un evento che colpisce e converte. Non si tratta solo dell’esclusività del parto di un replicante, ma della consapevolezza che la procreazione è un dono di Dio, è partecipazione alla sua opera creatrice.
Ma dov’è Dio nell’inferno raccontato da Villeneuve? Tutto sembra annunciarne la morte. Solitudine, distruzione, scomparsa quasi totale della natura – siamo davvero sicuri che si tratti di un film di fantascienza? – la creatura ora è abbandonata, orfana del suo Creatore. Va aggiunto che questa è un’apocalisse davvero assoluta, i famosi schermi futuristici del primo Blade Runner (1982) ora non invitano semplicemente a dissetarsi della bevanda americana più conosciuta ma svendono donne nude e disponibili con lo slogan “everything you want to see”, le relazioni sono robotizzate, ci si innamora di ologrammi, illusioni che sembrano persone vere e che cambiano aspetto a seconda della promozione acquistata. Blade Runner 2049è il cimitero dell’umano. Ma il rischio è quello di assuefarsi a tale finzione, credere alla menzogna piuttosto che alla verità, illudersi di vivere quando in realtà si tira a campare in un avveniristico baratro. “Non avete mai visto un miracolo”, sono le ultime parole di un replicante al suo carnefice, sottendendo che la vita è il vero miracolo. Il protagonista, l’agente K, un grandioso Ryan Gosling, parte alla ricerca della vita reale, della perla preziosa che è l’umanità, con queste parole che gli riecheggiano dentro. E’ lui stesso un replicante, non sa cosa significhi essere umani, ma se una speranza abita il suo cuore è che quel bambino nato trenta anni prima sia proprio lui. Desidera avere la vita, averla in abbondanza, spera di non essere la copia di nessuno. I prodotti di laboratorio, per quanto siano “più umani degli umani”, non possono sperare di avere il superpotere più imbattibile, cioè la libertà di essere veri, creare relazioni autentiche e fare della propria vita un capolavoro.
“Stiamo tutti cercando qualcosa di reale”, una magra consolazione che viene rivolta a K come incentivo alla sua ricerca, un impulso a non darsi per vinto. Nel primo film di Ridley Scott, un unicorno ha scatenato una valanga di interpretazioni, posizionava il futuro del film in una dimensione di sogno e di irrealtà. Ora invece, nel film di Villeneuve, la presenza di un cavallino di legno – materiale preziosissimo e raro nel 2049 – è invece simbolo del nostro attaccamento alla terra ma con lo sguardo rivolto al cielo (come accade all’agente K nell’ispiratissima scena finale), verso un oltre che grida la sacralità di ogni gesto quotidiano, col cuore rivolto verso Dio, non sempre percepibile, ma che instilla nel cuore di ogni uomo la sete di infinito. Il passaggio alla regia di Villeneuve opera proprio questa conversione al reale, presente in tutto il film, in cui il protagonista appare come un mendicante di senso, un cercatore di umanità. Le domande esistenziali che emergono scena per scena sono il valore più bello di una pellicola che riesce a stare in equilibrio perfetto tra l’onere di un sequel ambizioso e l’onore di aver scritto una sceneggiatura sciolta e creativa.
“Io so cos’è reale”, Deckard – l’unico umano accreditato della pellicola – è il solo a poter pronunciare una frase che appare come una solida boa a cui aggrapparsi in mezzo a un oceano di insicurezze.
Al termine del film si potrebbero tirare le somme su cosa sia veramente umano, o almeno lasciamo la sala con la consapevolezza che l’uomo può ancora sperare di costruire impalcature di bene in un ecosistema di purulenti strutture di peccato. Si tratta della capacità di sacrificio, dell’alterità, di saper costruire relazioni significative con cui modellare le proprie esistenze, della capacità di amare, che svela definitivamente il reale (Deckard sa distinguere la vera Rachael dalla sua copia: “aveva gli occhi verdi”) mentre vivere nella menzogna, come accade al curioso villain Wallace, non permette di vedere la vita con occhi limpidi ma accecati dalla sopraffazione, dal profitto, dall’interesse.
Guarda la video recensione del film a cura di Filmcronache
Molto positiva è anche la recensione di Avvenire:
«Cosa sognano gli androidi?», si domandava quasi cinquant’anni fa Philip K. Dick nel suo celeberrimo romanzo di fantascienza, da cui Blade runner è stato tratto. La risposta arriva da Denis Villeneuve che, trentacinque anni dopo il capolavoro con cui Ridley Scott ha ridisegnato il futuro, si lancia nella sfida del sequel più atteso della storia del cinema, ambientato tre decenni dopo la fuga del poliziotto Deckard con la replicante Rachel. I replicanti sognano di essere umani, proprio come Pinocchio desiderava essere un bambino vero. In Blade runner 2049, dove Los Angeles, cresciuta come un cancro allo stadio terminale, è uno spaventoso agglomerato urbano, e dove San Diego è diventata un’immersa discarica, il giovane ufficiale di polizia K, replicante di ultimissima generazione (Ryan Gosling), dà la caccia ai vecchi modelli Nexus 8. Durante un’operazione di routine però il poliziotto scopre qualcosa che potrebbe cambiare per sempre le relazioni tra gli umani e gli ormai milioni di essere sintetici ridotti in schiavitù. Il suo capo, Joshi (Robin Wright) gli ordina di distruggere tutte le prove, ma K disobbedisce e comincia una pericolosa indagine che finirà per travolgere la sua stessa vita. 

Non possiamo dire altro sulla trama, per rispetto dell’esplicita richiesta del regista di non rivelare elementi che rovinerebbero il gusto della visione allo spettatore. Possiamo dire però che ha ragione “Variety” quando sostiene che il film deve molto di più al cinema di Andrej Tarkovskij che alla rivoluzionaria visione cyberpunk di Scott. I tempi sono talmente dilatati e in controtendenza rispetto alla velocità del montaggio di oggi da sfidare lo spettatore con scene lunghissime. Ma la ragion d’essere di Blade runner 2049( sceneggiato sempre da Hampton Fancher, questa volta con Michael Green) sta proprio qua. Al 2019, anno in cui è ambientato il Blade runner, mancano solo quindici mesi e la Los Angeles di Scott è ancora futuristica, insuperata da tutti gli altri film di fantascienza che hanno provato a immaginare la vita su una Terra devastata dai cambiamenti climatici. 

Villeneuve dunque rinuncia a competere con la topografia dell’originale e conserva la città così come la conosciamo, ma sposta spesso l’azione negli spazi aperti e sovverte alcuni degli elementi del genere noir immergendo i personaggi in una luce ambrata e fluorescente. Come ha già dimostrato con Arrival, in cui raccontava di un’invasione aliena, Villeneuve usa i generi, anche quello fantascientifico, per riflettere sulla condizione umana. E per farlo si prende tutto il tempo di cui ha bisogno. Chi siamo? Qual è il nostro scopo in questa vita? In cosa crediamo e per cosa lottiamo? Il regista insiste su questo aspetto filosofico e introspettivo, moltiplicando le domande esistenziali e adattandole alla nuova complessità del presente in cui il tema dell’identità non può che essere affrontato in maniera meno schematica rispetto a trentacinque anni fa. In altre parole, qui non basta chiedersi «sono un uomo o un replicante? ». 

Il bacio tra un l’androide, una donna e un ologramma ad essa sovrapposta danno un’idea delle stratificate relazioni che legano i personaggi. Mentre un misterioso scienziato, Wallace ( Jared Leto), rilancia la tecnologia della fallita Tyrell Corporation e gioca a fare Dio in una realtà dove ogni dimensione trascendente è negata, una scioccante scoperta potrebbe donare ai replicanti il più temibile e rivoluzionario dei poteri e riscrivere le leggi dell’evoluzione umana. Investito dalla consapevolezza di essere parte di un disegno di più grande, K mantiene salda la propria fede – questa sembra essere la parola chiave del film – in un sogno e in quel genere umano al quale vuole disperatamente appartenere. 

Sulle note elettroniche di Benjamin Wallfisch e Hans Zimmer, che solo occasionalmente rievocano la colonna sonora originale firmata da Vangelis, Villeneuve disegna con sofisticata eleganza un mondo post-digitale, dove un gigantesco blackout ha cancellato decenni di memoria, dove incerti fantasmi del passato – Frank Sinatra, Elvis Presley, Merilyn Monroe – sono solo una manciata di dati corrotti e dove il più segreto dei piaceri è ancora quello di versare lacrime nella pioggia. Allo spettatore non servirà un “ripasso” del film del 1982, solo la voglia di abbandonarsi con fiducia a una narrazione estranea al genere fantascientifico o d’azione, ma vicina al cinema di un autore che impastando tragico e romantico prosegue la sua ricerca sull’uomo e il suo misterioso cammino.
Infine la recensione di Settimana news:
Fin dall’uscita del suo misterioso announcement trailer, pubblicato il 19 dicembre scorso, Blade Runner 2049 – sequel dell’iconico Blade Runner (1982) di Ridley Scott, ispirato al romanzo di Philip K. Dick Ma gli androidi sognano pecore elettriche? (1968) – aveva destato enorme perplessità.
Blade Runner è stato uno dei film più importanti del cinema di fantascienza e con la sua visione retro-futurista ha condizionato tutto il cinema di genere a lui successivo. Tuttavia Blade Runner 2049 vede alla regia uno dei più interessanti cineasti in circolazione, Denis Villeneuve, il cui approccio alla fantascienza, intimista e poco incline all’effetto speciale, avevamo potuto ammirare nel notevole Arrival (2016).
La scelta di Villeneuve lasciava sperare in un sequel capace di mantenere almeno una certa continuità estetica e filosofica con la pellicola originale. E in effetti Blade Runner 2049, dal 5 ottobre scorso al cinema, non è certo un film necessario ma è senza alcun dubbio il miglior sequel possibile, caratterizzato in profondità dalla visione personale di Villeneuve.
Replicanti
Nel mondo del primo Blade Runner seguivamo le avventure di un gruppo di replicanti in fuga nella piovosa Los Angeles del 2019. I replicanti sono androidi bioingegnerizzati, perfettamente simili a l’uomo, di cui migliorano alcune caratteristiche meccaniche, come la forza. Sono progettati per essere sfruttati come schiavi nella colonizzazione di altri pianeti. In alcuni casi però essi possono sviluppare comportamenti e sentimenti propri e ribellarsi all’uomo.
Essendo indistinguibili dagli esseri umani, almeno in apparenza, è stata creata una sezione speciale della polizia capace di riconoscerli e ritirarli, i blade runners. Tra questi, nella pellicola del 1982, troviamo Rick Deckart (Harrison Ford), ingaggiato per scovare e uccidere il gruppo di replicanti ribelli guidati dal carismatico Roy Batty (Rutger Hauer).
Lo scopo di quest’ultimo però non è semplicemente quello di liberarsi dalla schiavitù umana, quanto piuttosto quello di incontrare il suo creatore Eldon Tyrell, capo dell’azienda omonima che si occupa di creare replicanti sempre più perfetti. Roy teme infatti la morte e vuole «avere più vita» dal suo creatore, in quanto i replicanti hanno una longevità piuttosto breve.
Novità
In Blade Runner 2049 le cose sono cambiate in peggio rispetto al 2019: la pioggia perenne ha ceduto il posto a repentine tempeste di neve e il livello del mare si è alzato, tanto che Los Angeles è circondata da un’enorme diga. Inoltre nel 2020, come scopriamo in uno dei tre cortometraggi apparsi sul web per narrare alcuni eventi accaduti nei trent’anni che separano le due pellicole, un enorme black-out ha causato la perdita di tutti i dati digitali, rendendo ancor più difficile l’identificazione di quei replicanti che ancora vivono in clandestinità.
Protagonista del sequel diretto da Villeneuve è l’Agente K (Ryan Gosling), un replicante di ultima generazione che dà la caccia ai vecchi replicanti ribelli, i Nexus-8 (una citazione del protagonista dei romanzi Il processo e Il castello di F. Kafka, l’agrimensore K.). Durante un’indagine K farà una scoperta le cui conseguenze potrebbero abbattere definitivamente il muro che separa gli uomini dai replicanti e che innesca contemporaneamente un profondo cambiamento nello stesso K. Egli inizierà infatti a dubitare della sua stessa natura, cosa che lo porterà a ritrovare Rick Deckart, svanito nel nulla trent’anni prima senza lasciare traccia.
Al di là dei molti sviluppi della storia il film ci mostra soprattutto l’evoluzione di K nel momento in cui le sue indagini lo portano a pensare che lui stesso non sia stato creato ma piuttosto generato, frutto dell’unione di un uomo e una donna replicanti. I replicanti non possono però riprodursi e questa eventualità costituirebbe un vero e proprio miracolo. Così K si interroga, da una parte sulle conseguenze della sua possibile natura messianica, dall’altra sugli effetti immediati del suo essere stato concepito e nato, e cioè la possibilità di possedere un anima.
Creatore-creatura
In questo senso il sequel riprende il tema centrale del film di Scott – il rapporto tra creatore e creatura – approfondendone però le implicazioni teologiche. Villeneuve sembra chiedersi, infatti, su quale piano può esistere un’analogia tra il creare umano e il creare divino. Centrale in questo senso è la figura dell’inquietante Neither Wallance (Jared Leto), il nuovo creatore di replicanti che ha sostituito Tyrell: Wallance è presentato come un demiurgo frustrato perché incapace di essere come Dio, cioè realmente datore di vita.
Creatore di replicanti sempre più perfetti, che lui chiama «angeli», Wallance non riesce però a dotare le sue creature del dono più prezioso: la procreazione. Sotto questo aspetto Villeneuve sembra accostare analogicamente la procreazione umana alla creazione ex-nihilo da parte di Dio. Un figlio, infatti, rappresenta un evento assolutamente nuovo per il mondo e per la storia; da qui la valenza messianica implicita in ogni nuova nascita.
Complesso e ricco di riferimenti che spaziano tra la storia del cinema di genere e la letteratura[1]Blade Runner 2049,attraverso la vicenda drammatica di K, ipotizza quale sia la qualità fondamentale che ci definisce come uomini: non la coscienza, non l’amore e nemmeno la compassione, ma l’essere figli.

[1] Villeneuve si rifà all’opera di A. Tarkovsky e A. Sokurov dal punto di vista cinematografico mentre traduce visivamente vere e proprie scene tratte da Fuoco Pallido di V. Nabokov. Libro che ci viene mostrato anche nell’appartamento di K.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema73 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino3 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù21 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri125 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria38 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje8 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie144 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia2 Pasqua27 passione6 pastorale25 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica49 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere84 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti25 sacramenti4 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini14 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV14 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società40 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità63 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia5 storicità2 streaming4 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV19 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi2
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Canti sullo Spirito Santo e "Video Canti Religiosi" del mese (aprile 2018)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

Epicoco: come prepararci a vivere la Pentecoste

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo