Ancora un prete di Bologna nella bufera mediatica: "Peggio Riina o la Bonino?"


Parto dall'invito che, sulle pagine de Il Giornale, viene fatto ai sacerdoti di non trasformare facebook in un nuovo pulpito:
Basta con i preti che come piccoli Savonarola appiccano l'incendio dove non può essere controllato: sui social.  Passi per don Lorenzo Guidotti che su Facebook se l'era presa, fra polemiche estenuanti e reazioni furibonde, con la ragazza stuprata alla Stazione di Bologna da un magrebino cui aveva concesso troppa, sconsiderata confidenza. Ora però ci si mette un'altra tonaca, quella di don Francesco Pieri, pure lui bolognese, che sui social posta come fosse un bicchiere d'acqua una frase provocatoria che più provocatoria non si può: «Ha più morti sulla coscienza Riina o la Bonino?».
Perché, don Piero? La rete è un fiume che ribolle già per i fatti suoi, la rete è acqua che corre vorticosa, bolle, schiuma, fraintendimenti, pregiudizi e fake news. Nella rete nuotano pesci di tutti i colori, dunque Facebook e gli altri social possono essere il bacino di una pesca paziente di anime, compito di ogni pastore. Ci mancherebbe. Ma intorbidare ancora di più le acque già agitate, questo no. Che senso ha buttare nel gorgo frasi a effetto, talvolta ermetiche, quasi sciarade che qualcuno decifrerà e molti no, provocando altri strepiti e grida. I preti non dovrebbero dopare un fiume già dopato e non hanno, fino a prova contraria, il dovere di fare i fenomeni. Di stupire comunque. Le prediche, che ci mancano moltissimo e te ne accorgi quando finalmente ne senti una come Dio comanda, hanno bisogno di un luogo adatto: in chiesa o altrove, non importa, ma in un contesto.
Non si tratta, sia chiaro, di fuggire dalla modernità e di tornare ai tempi non rimpianti del Sillabo, ma di evitare un patetico inseguimento della contemporaneità. Ai sacerdoti tocca presentare il cristianesimo, l'avvenimento degli avvenimenti. La corsa a chi le spara più grosse la lascino a chi naviga senza bussola. E senza rimpianti.
E ora la critica aspra de Il Sussidiario e la "difesa" de La Nuova Bussola Quotidiana e de La Riscossa Cristiana: 
"Ha più morti sulla coscienza Totò Riina o Emma Bonino"? Con questa domanda provocatoria un sacerdote docente della Facoltà teologica dell'Emilia Romagna, don Francesco Pieri, apre sul suo profilo Facebook un forte dibattito che, nell'ottica del presule, ha lo scopo di non lasciare in ombra la tragedia dell'aborto rispetto a quella, mediaticamente più politically correct, dell'organizzazione mafiosa. 
A dire il vero non sono stati pochi sulla rete a fare considerazioni analoghe, arrivando a domandarsi il perché un medico abortista non debba vedersi negati i funerali pubblici al pari di un mafioso. E Pieri dà voce ad un fronte agguerrito, a tratti risentito, che trova sgradevole il coro nazional-popolare contro Riina tanto quanto il silenzio verso quello che è definito — sono parole del cardinale Biffi citate nei commenti al post dallo stesso prete — come "la più grande vergogna del novecento", ovvero la legalizzazione e il finanziamento pubblico dell'aborto. 
È importante chiedersi, dunque, quale sia il "peccato di mafia", in che cosa consista e per quale motivo non possa essere paragonato all'aborto. Essere mafiosi non è perfettamente equivalente né al commettere omicidi né al muoversi dentro ad un sistema di valori disumani. La caratteristica della mafia, per cui chi vi appartiene incarna perfettamente la figura dell'antieroe, è quella di mutuare le dinamiche sane del vivere sociale per metterle al servizio di un apparato criminale. All'interno della mafia ci sono madri che si preoccupano per i loro figli, padri che iniziano la prole al loro mestiere, famiglie che si proteggono e che solidarizzano tra loro sostenendosi nel perseguire un "bene" più grande. Certo, si può obiettare, questo fa parte del mondo della cosiddetta "mafia rurale", mentre oggi la mafia è nello stato, tra gli avvocati, nella medio-alta borghesia e queste dinamiche vanno quindi via via modificandosi. Osservazioni più che corrette, ma che non riescono a mettere in secondo piano il fatto che la mentalità mafiosa sia una perversione delle dinamiche relazionali che fondano il vivere comune.
Questa perversione si poggia su quello che Papa Francesco chiamerebbe "un cuore corrotto", ovvero un cuore che ha abdicato alla ricerca del Bene per trovare soddisfazione in un bene più piccolo che tiene in pugno la persona come farebbe un idolo. Il mafioso ritiene di essere moralmente migliore per un codice d'onore che ne definisce responsabilità e limiti, dimenticando che è per quello stesso onore che si perpetrano le peggiori efferatezze. Nel mafioso manca un giudizio sugli atti che si compiono perché la tensione morale è tutta concentrata sulle circostanze che giustificano e legittimano quell'atto. 
L'aborto è un omicidio. Cruento, a volte spietato e sorretto da un sistema giuridico e burocratico che ne azzera la valenza morale, innalzando la volontà e l'intenzione del soggetto a legge suprema dell'esistenza. Ma dall'aborto non si scappa: il senso di colpa e di atrocità che insegue i medici e le donne che lo compiono è inenarrabile. In alcuni è spavaldamente eluso, in tutti permane come dramma che riempie di fantasmi l'esistenza. La mafia è una perversione della realtà che si origina in una corruzione radicale del cuore e del senso religioso. Non si possono paragonare due scelleratezze. Ma mentre il primo è la metastasi di una modernità impazzita, la seconda è uno dei tumori più antichi che si porta dietro l'umanità e che compromette gravemente la consapevolezza e la vocazione di ogni persona riducendola ad ingranaggio di un sistema in cui non c'è spazio per altro se non per una violenza cieca e beffarda che misura la moralità di ogni azione sulla base del codice d'onore che la promuove e la legittima. 
Spiace vedere uomini di fede che, di fronte alla complessità di questo nuovo millennio, non riescono a fare altro che citare in modo ossessivo il Magistero, far leva sugli umori della pancia dei fedeli e appiattire, pur con tutte le buone intenzioni, la poliedricità della realtà su un risentimento che — benché comprensibile — rischia solo di rivelarsi diseducativo e banalizzante. Trasformando la Chiesa in un fortino estremista incapace di comprendere le vicende del nostro tempo perché preoccupato solo di non smettere di avere ragione. E, quindi, di avere potere.
La Nuova Bussola Quotidiana:
E’ l’ultima vittima sacrificale di un sistema mediatico che si autoalimenta cibandosi di mostri da prima pagina. Non per quello che fanno, ma per quello che dicono. Sono cattolici, meglio se preti e hanno un unico denominatore comune: non sono conformati al pensiero unico. Nei loro confronti si sta appostati coi fucili spianati in attesa che dicano qualcosa di sgradito al sistema mainstream e quando la dicono, spesso utilizzando Facebook come pulpito, pronta arriva la campagna denigratoria.
L’ultimo finito sulla graticola si chiama don Francesco Pieri e svolge il suo ministero a Bologna. Da giorni le cronache non parlano d’altro, perché il sistema della censura si alimenta anche condividendo nel copia e incolla delle dichiarazioni l’unico obiettivo contro cui scagliarsi. Il sacerdote ha affidato a Facebook il suo commento sulla morte del boss Totò Riina. “Ha più morti sulla coscienza Totò Riina o Emma Bonino?”. Il riferimento all’esponente radicale è alla sua battaglia ultra 40ennale a favore dell’aborto, di cui le cronache ormai sanno tutto.
Sicuramente questa è una frase così politicamente scorretta da diventare un pugno in faccia al perbenismo. Il parallelo che hanno fatto i benpensanti è ovviamente che il sacerdote ha paragonato il pluriomicida mafioso Riina a una donna che ha fatto politica tutta la vita e che poteva anche diventare Presidente della Repubblica. Insomma: che c’azzecca? Nulla, se accettiamo il fatto che la Mafia è un reato e l’aborto non più. Ma la boutade di don Francesco ha contribuito a svelare un piccolo grande segreto di Pulcinella della nostra modernità: da quando le democrazie occidentali hanno sdoganato l’aborto trasformandolo da reato qual era a diritto, anche il giudizio morale su di esso si è dovuto arrendere ed è stato inglobato positivamente tra le opportunità contemporanee. Eppure resta un crimine contro l’uomo, piaccia o non piaccia alla maggioranza, che sposta il tema dall’etica alla giurisprudenza umana.
Oggi tutti si stracciano le vesti per don Pieri, compresi solerti megafoni dell’ecclesialmente corretto come Federico Pichetto che dalle colonne del Sussidiario ha addirittura imputato a don Francesco il far parte – orrore! – “della casta del fortino cattolico attento più al Magistero incapace di comprendere le vicende del nostro tempo e quindi preoccupato di smettere di avere ragione e quindi potere”. Una frase davvero sorprendente se si pensa che per certi intellò ogni volta che un cattolico dice qualcosa fuori dal coro deve sempre avere un secondo fine. Si vede che la dietrologia di cui si cibano non fa loro vedere oltre. 
Tra l’altro Pichetto nella sua appassionata accusa contra Pierim” ha fatto ricorso anche a nebulose distinzioni paragonando la Mafia a un tumore di vecchia data dell’umanità e l’aborto a una metastasi impazzita della modernità. Qual è la differenza? Boh, per noi è sempre materia da oncologi e non da ortopedici, ergo non si capisce neanche dove il prete abbia sbagliato.
Però c’è un però: commenti come questo ignorano il fatto che lo stesso Papa Francesco abbia usato più o meno le stesse parole, accomunando proprio l’aborto alla Mafia. Incredibile dictu, stando a certi soloni, ma è così. Solo che quando il Papa parlò era il 18 febbraio 2016 di ritorno dal Messico e tutti si precipitarono a titolare sulla frase rivolta al presidente Trump. Ma Francesco disse proprio così: “L’aborto non è un 'male minore'. E’ un crimine. E’ fare fuori uno per salvare un altro. E’ quello che fa la mafia. E’ un crimine, è un male assoluto”.
Ora, si potrebbe stare anche qui a disquisire sul fatto che il Papa non abbia fatto nomi e don Francesco sì. Ma sposterebbe l’attenzione sulla opportunità, non altererebbe la sostanza delle cose. Può piacere o non piacere, ma don Francesco è in compagnia di un altro Francesco. 
Chi invece pensa di avere una compagnia che in realtà non le appartiene è la Bonino, che se n’è stata zitta per due giorni, confortata dal can can mediatico a suo favore. Poi è intervenuta per commentare: “Gli insulti qualificano chi li fa non chi li riceve. Immagino Don Piero abbia fatto il mio nome per rappresentare milioni di donne che hanno subito in un modo o nell'altro il trauma dell'aborto. L'offesa quindi non l'ha rivolta a me ma a milioni di donne”. E giù applausi. Ma è proprio nelle parole della Bonino che si intravvede il vizio di fondo di questo corto circuito immorale che ci trasciniamo da anni. Trasformato l’aborto da reato a diritto, anche il protagonista dell’azione cambia la sua responsabilità. In realtà l’aborto, che resta un crimine anche se non è più giuridicamente un reato (e speriamo che questo si possa dire senza incorrere nella censura!) è la più grande offesa che si possa fare ad una donna.
Non è un’opinione, ma la realtà del vissuto di milioni di donne che lo documenta. Un’offesa che spesso viene compiuta proprio impedendo alle donne stesse di comprendere bene che cosa significhi sopprimere un innocente in grembo, raccontandole che è per la loro libertà e autodeterminazione, spacciando artifici linguistici, inscenando campagne dal vittimismo facile e usandole strumentalmente  nel momento della prova. Di questo la cultura radicale, contrabbandando una licenza alla soppressione mascherata da libertà, è responsabile, perché ha fatto passare in questo Paese la cultura che l’aborto non fosse nient’altro che un trauma necessario, quando invece è una tragedia e basta.
Non serve tirare in ballo i milioni di donne, perché nelle urticanti parole di don Francesco, non è scomodata la loro coscienza, che viene così coperta da quella pietà misericordiosa cristiana che tace di fronte alle accuse, ma non tralascia mai la verità. No, ad essere chiamata in ballo semmai è la coscienza della cultura ideologica radicale di cui Emma Bonino è stata una sacerdotessa. Perché non sappiamo se le donne, tutte le donne, si siano sentite più insultate da don Francesco oppure dal fatto che sul loro corpo si è abbattuta la più vasta macchinazione di indottrinamento che la storia occidentale abbia conosciuto. Fossimo la Bonino non scommetteremmo ciecamente sulla prima. 
Infine La Riscossa Cristiana:
Di Don Francesco Pieri non so nulla, se non che è un sacerdote di Bologna e che ha detto una verità così risaputa e ovvia che, se non vivessimo nel tempo della follia, non ci sarebbe nemmeno bisogno di dirla. Non mi interessa nulla di dettagli riportati dalla stampa (Don Pieri è vicino al “Popolo della Famiglia” e a non so chi altro). Mi interessa solo un fatto, che ribadisco: il sacerdote bolognese ha detto una ovvia verità.
Su Facebook, da quanto riportano gli organi di informazione, Don Pieri si è chiesto: “Ha più morti innocenti sulla coscienza Totò Riina o Emma Bonino?”. La risposta è di quelle facili facili, perché, confrontando gli autori di uno stesso crimine (la soppressione di innocenti), se andiamo ad esaminare la macabra “produttività”, vediamo che il fu Totò Riina è stato, al confronto con Emma Bonino, poco più che un dilettante. Infatti, mentre al defunto boss furono attribuiti circa 200 omicidi (che non sono certo pochini…), la Bonino, tra gli aborti praticati nel tristemente famoso “CISA” (Centro informazione sterilizzazione e aborto) e quelli favoriti dalla martellante propaganda precedente e seguente alla famigerata legge 194, deve rispondere di un numero spaventosamente alto di vite soppresse. Di vite innocenti: chi può essere più innocente del bimbo nel grembo materno?
Tra le cose ovvie, ce n’è un’altra: queste considerazioni non spostano di un millimetro il giudizio su Totò Riina. Servono piuttosto a ricordare l’ipocrisia ufficiale, vero veleno per le coscienze, in cui si vive.
Per metterla in soldoni: c’è qualcosa che stride terribilmente nel coro di voci sdegnate contro il boss defunto. Quando una Nazione ha introdotto nella sua legislazione una normativa, la già citata legge 194, che legalizza un crimine abominevole come l’aborto, come può avere la sublime ipocrisia di lanciare strali, per bocca di tanti suoi rappresentanti “ufficiali”, contro un pluriassassino? E in questo festoso clima di “guardate come siamo tutti buoni, severi e legalitari”, è estremamente opportuno ricordare che lo Stato italiano (come, purtroppo, moltissimi altri) l’omicidio lo ha legalizzato e addirittura lo fornisce gratis.
Il fatto, poi, che Emma Bonino sia il simbolo più conosciuto del crimine dell’aborto, non è certo colpa di Don Francesco Pieri. È un dato di fatto.
Totò Riina era un delinquente? Certo, e chi lo nega? Anche questa ovvia verità è da ricordare, perché adesso inizierà, si può scommettere, il gioco vigliacco di confondere le carte, fino ad affermare che il prete bolognese ha difeso Totò Riina.
Intanto, se leggiamo alcune testate (ad esempio, RepubblicaIl Resto del CarlinoIl Giornale), tutti i titoli hanno una parola in comune: “choc”. Ovvero, chi dice la verità, dice cose “scioccanti”. Dal vocabolario Treccani: scioccante agg. [der. di scioccare]. – 1. [che provoca un trauma, uno sconvolgimento emotivo e sim.: quella è stata per lui un’esperienza s.] ≈ sconvolgente, traumatico, traumatizzante. ↓ disorientante, impressionante, perturbante, sconcertante. 2. (estens.) [con sign. attenuato, che suscita una forte impressione e sim.: una bellezza s.] ≈ sbalorditivo, sconcertante, sconvolgente, stupefacente. ↓ conturbante, impressionante.
Nihil sub sole novum. È molto meglio non dire la verità, unirsi al coro ufficiale, non cercare di risvegliare le coscienze addormentate; poverine, poi restano “sioccate”. Unirsi al coro: si evitano tante grane.
Per fortuna però non tutti ragionano così. Ci sono ancora degli uomini e dei cristiani, che non si scordano di essere uomini e cristiani, e restano affezionati alla verità.
Evidentemente Don Francesco Pieri, prete bolognese, fa parte di questa ristretta schiera. Non so quale sarà il suo futuro, ma è facile intuire che non sarà facile. Intanto mi sembra doveroso ringraziarlo, perché ha ricordato quelle verità elementari che troppe coscienze ormai anestetizzate preferiscono dimenticare. Ha fatto insomma del bene a tutti; del bene vero.
E questo, nella società dell’ipocrisia e nella “chiesa” della misericordia, è estesamente pericoloso.
Grazie, Don Pieri.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema73 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino3 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù21 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri125 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria38 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje8 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie144 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia2 Pasqua27 passione6 pastorale25 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica49 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere84 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti25 sacramenti4 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini14 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV14 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società40 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità63 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia5 storicità2 streaming4 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV19 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi2
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Canti sullo Spirito Santo e "Video Canti Religiosi" del mese (aprile 2018)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

Epicoco: come prepararci a vivere la Pentecoste

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo