San Giuseppe (secondo don Luigi Epicoco)


Professore, scrittore e conferenziere di moda, Epicoco è un giovane sacerdote (è nato in Puglia nel 1980) di cui ho già più volte parlato. Questa volta lo segnalo per le riflessioni che ha scritto su San Giuseppe, nel giorno della Solennità del Patrono della Chiesa, a partire da questa riflessione che ha postato oggi su facebook:
La figura di San Giuseppe è tra le più belle di tutto il Vangelo. E lo è per l’immensa discrezione, il prolungato silenzio, l’operosa creatività, e la straordinaria capacità di andar dietro a Dio nonostante tutto. Pochi personaggi in tutta la Bibbia hanno la statura di Giuseppe. In lui c’è un condensato di fede, speranza, amore, dedizione, fiducia. Giuseppe muore a sé stesso più volte, e lo fa spinto non da una logica sacrificale ma da una profonda logica di amore. Infatti siamo più disposti a morire per amore più che per dovere. Giuseppe non ha fatto il suo dovere, ha invece amato ciò che gli è capitato. Ha messo il cuore nella vita così come il Signore gliel’ha messa davanti. E poco importa se quella vita non centrava nulla con i suoi sogni. Giuseppe sa bene che la realtà, anche se difficile, è l’unico luogo dove noi possiamo sperimentare Dio e la felicità. Se in bocca a noi raffiorirebbero elenchi infiniti di “perché”, sulla bocca di Giuseppe non se ne trova traccia, ma non perché non gli avranno attraversato il cuore, ma perché quando ci si trova davanti alle cose serie della vita ciò che conta è come affrontare quelle cose, più ancora del perchè sono successe. Giuseppe ha tirato su le maniche e ha fatto tutto quanto era in suo potere per difendere il bambino e sua madre. Ha continuato ad amare di amore più profondo la donna che aveva scelto come sua sposa, e ha cresciuto come figlio suo il Figlio dell’Altissimo. Il Vangelo non spreca parole a riguardo, ci dice che Giuseppe è un uomo che passa dalla logica dell’ascolto a quella dei fatti: “Giuseppe, destatosi dal sonno, fece come l'angelo del Signore gli aveva comandato e prese con sé sua moglie”. Non c’è uomo più affidabile di lui, e penso che anche tra i santi nessuno lo possa davvero superare. Non rivolgersi a lui sarebbe davvero una stoltezza imperdonabile. Lo avevano capito bene moltissimi altri santi venuti dopo. Una di loro, Santa Teresa d’Avila, ebbe a dire: “Non è mai successo che io mi sia rivolta a San Giuseppe e non sia stata ascoltata”. (Mt 1,16.18-21)
PREGHIERA A SAN GIUSEPPE"Salve Custode del Redentoree Sposo della Vergine Maria.A te Dio affidò il Suo Figlio.In te Maria ripose la Sua fiducia.Con te Cristo diventò uomo.O beato Giuseppe,mostrati padre anche per noi,e guidaci nel cammino della vita.Ottienici Grazia, Misericordia e Coraggio,e difendici da ogni male.Amen"

Anche se fuori tempo, propongo anche la sua novena su San Giuseppe "in giorni difficili", sempre postata sulla sua pagina facebook (qui una versione precedente) e, in fondo al post, una recente riflessione in video:

1° giorno di novena a San GIUSEPPE "in tempi difficili"
Dio sceglie i legami, e si manifesta nei legami.
L'esperienza di Maria e Giuseppe è significativa per questo. Dio non si limita a mandare il Figlio a farsi carne nel grembo di Maria, ma dà a lei un uomo giusto che possa esserle di sostegno, di aiuto, di protezione. La volontà di Dio è sempre accompagnata anche da relazioni che la rendano possibile.

San Giuseppe, uomo affidabile, donaci la Grazia di aprire le nostre relazioni alla misteriosa Presenza di Dio. Fa che nelle difficoltà della vita possiamo trovare sempre relazioni affidabili a cui rivolgerci. Rendi possibile la realizzazione della volontà del Padre, e lascia che i nostri occhi riconoscano la compagnia di Dio nei fratelli e nelle sorelle che ci circondano. Solo così troveremo la giusta forza per affrontare le cose difficili che ci accadono, e mostrare al mondo una luce nella sua notte.
Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre
2° giorno di novena a San GIUSEPPE "in tempi difficili"
Vorremmo tutti capire e poi fidarci, ma alcune volte nella vita bisogna avere prima fiducia per poi poter capire. E' stato così anche per San Giuseppe che davanti al racconto di Maria entra in un conflitto interiore profondo. Vuole salvarla dalla lapidazione ma allo stesso tempo in lui fa resistenza l'idea che possa continuare ad esserci una storia tra di loro. Vuole salvarla, ma non sposarla. Il Vangelo dice che pensò di "licenziarla in segreto". Ma poi si fa spazio in lui, attraverso un sogno, la possibilità che non sia esattamente come aveva pensato. Giuseppe si fida di questa intuizione e solo così la sua storia ricomincia.

San Giuseppe, uomo che si fida, dona a ognuno di noi la capacità di fidarci soprattutto quando le cose sembrano oscure e confuse. Insegnaci che quando viene a mancare la fiducia, i nostri ragionamenti diventano dei vicoli ciechi che vanno a sbattere contro la disperazione. Facci far pace con la nostra storia, che anche se non è come ce l'eravamo immaginata, è piena di tutto quel senso che stavamo cercando. Sblocca i cuori di chi non si fida più, e dona anche a loro sogni che possano capovolgere le prospettive. Perchè chi continua a guardare con fiducia un muro, è già un principio di evasione.
Pater, Ave , Gloria...
3° giorno di novena a San GIUSEPPE "in tempi difficili"
Se potessimo fissare lo sguardo su un bambino piccolo, e ci domandassero di cosa necessita affinché la sua vita sia una buona vita, dovremmo rispondere che l'unica ricchezza di cui ha bisogno un bambino è venire al mondo in un posto in cui c'è gente che cerca di volersi bene fino in fondo. E' la grande lezione di Gesù.
Non ha una casa.
Non ha ricchezze.
Non ha le circostanze favorevoli.
Nemmeno una locanda di fortuna gli può fare da ospedale per nascere. Ma ha qualcosa che lo rende più fortunato di tutti: viene al mondo in mezzo a due persone che si amano profondamente. I nostri figli hanno spesso tutte le cose del mondo, ma manca loro la cosa che conta di più: persone che hanno deciso di volersi bene fino in fondo. Non è forse questa la definizione di coppia? La vera casa è il tetto del bene affidabile che vediamo con i nostri occhi quando guardiamo chi si prende cura di noi.

San Giuseppe, uomo che ama, intercedi per tante famiglie che hanno tante cose ma non riescono più a volersi bene. Aiuta molti sposi a riscoprire il valore di essere coppia che tante volte viene meno quando incombe la responsabilità di essere genitori. Risveglia in loro la consapevolezza che l'unica cosa che renderà umana la vita dei loro figli è aver visto che l'amore esiste, e che il loro padre e la loro madre hanno cercato di volersi bene. Stai accanto a coloro che vivono l'assenza dell'amore, e sostienili nel buio della solitudine che spesso provano pur vivendo insieme. Lenisci le ferite di tanti figli feriti nell'amore, e fa che non perpetuino la sofferenza che hanno provato, facendo scelte che rompano l'aspirale di certi dolori dell'anima.
Pater, Ave, Gloria...
4° giorno di novena a San GIUSEPPE "in tempi difficili"
Il luogo più difficile per farsi santi è la normalità. Le situazioni difficili delle volte spingono anche all'eroismo, ma la cosa più difficile è essere eroi nelle cose quotidiane. San Giuseppe è stato un capolavoro in questo. Solo un uomo con una immensa vita spirituale poteva scorgere occasione lì dove gli altri avrebbero visto solo paglia, mangiatoia, animali, sterco. Solo un uomo con un cuore che funziona poteva trovare soluzioni lì dove gli altri avrebbero constatato solo porte chiuse. Solo un uomo così poteva trasformare una notte difficile, come quella in cui Gesù è venuto al mondo, in una notte santa. Passiamo la vita a voler cambiare le circostanze, ma forse dovremmo pregare Dio affinché cambi il nostro sguardo sulle cose.

San Giuseppe, santo della normalità, aiutaci a benedire la nostra quotidianità. Seda in noi l'ansia di voler avere sempre circostanze eccezionali per poter essere felici, e facci comprendere che la vera felicità è lì dove ci siamo ormai abituati. Donaci occhi per scorgere il meglio lì dove tutti vedono il peggio. Fa che un autentico sguardo di fede possa farci trovare soluzioni lì dove gli altri vedono solo sfortune che perseguitano. Rendi le cose di ogni giorno strumenti di bene e non inciampo di insoddisfazione. Fa che alla tua scuola possiamo provare a fare il possibile proprio quando ci sembra di essere più scoraggiati. E imprimi in noi la certezza che il primo aiuto che Dio ci dà è il nostro possibile fatto senza frustrazione.
Pater, Ave, Gloria...
5° giorno di novena a San GIUSEPPE "in tempi difficili"
Quando si vive una storia da dentro, si ha sempre l'impressione che chi comanda è il prepotente di turno e non certo la Provvidenza di Dio. Ai tempi di Gesù erano i Romani a comandare, e proprio a causa di un loro decreto Maria e Giuseppe si erano dovuti mettere in viaggio nonostante la gravidanza ormai agli sgoccioli di Maria. Assieme al potere dei Romani, c'era anche quello di Erode, che come ogni potente senza Dio, crede di potere tutto, e per questo vive costantemente nella paura che qualcuno possa togliergli questo potere. Appena ha qualche avvisaglia della probabile nascita di un bambino che può spodestarlo, manda sicari a fare strage di tutti i bambini del contado. Giuseppe viene interiormente allertato attraverso un sogno. Non riceve nessun aiuto dal cielo se non questa soffiata, e l'idea spericolata di partire di notte e fuggire in Egitto. Nei momenti difficili della vita il Signore ci aiuta sempre in questo modo: attraverso il cuore, e le decisioni coraggiose.
San Giuseppe, uomo coraggioso, aiutaci a sentire la voce di Dio che ci parla nel cuore proprio quando i ragionamenti e la paura ci fanno vacillare. Togli da noi la tentazione di volere un Dio interventista, e facci comprendere che il modo ordinario che il Signore ha di aiutarci sono le decisioni coraggiose che riusciamo a prendere proprio quando le circostanze ci suggeriscono paralisi. Facci capire che quando smettiamo di pregare non riusciamo più ad ascoltare la voce del Signore che ci parla, e rimaniamo in compagnia solo di ciò che più vogliamo sfuggire. Dacci la speranza che alla fine Erode non avrà l'ultima parola, e che in fondo ciò che conta trova sempre il modo di essere salvato.
6° giorno di novena a San GIUSEPPE "in tempi difficili"
Arriva il tempo in cui si può tornare a casa.
Bisogna ricordarselo quando si ha l'impressione che la notte non finisce più. Ogni notte ha la sua alba. Ogni Egitto il suo ritorno. Ogni problema una fine. Giuseppe è colui che ha saputo sperare quando era più difficile sperare, e questa sua speranza gli è stata ripagata con la possibilità di poter rientrare in patria. Ancora una volta è una parola sussurratagli nel cuore che lo avvisa di poter fare rientro, e tra fiducia e paura, sceglie di andare a Nazareth. Comincia per Gesù il tempo del silenzio, degli amici, della casa, dei giochi, della consapevolezza che cresce insieme con Lui.
San Giuseppe, uomo di speranza, dona a tutti i disperati la forza di tornare a sperare proprio quando la notte è più buia. Porta sulle tue spalle di padre chi non ce la fa più. Ottieni consolazione a chi si sente solo. Provvedi a chi non ha più nulla, e accompagna fino all'alba chi pensa che non c'è mai fine al peggio. Aiutaci a dosare paura e fiducia, e fa che le nostre scelte compiano la volontà di Dio.
Pater, Ave, Gloria...
7° giorno di novena a San GIUSEPPE "in tempi difficili"
Viviamo spesso l'amore come bisogno di trattenere a noi ciò che amiamo, ma l'atto più grande dell'amore è saper lasciare andare. Il Vangelo ci racconta una strana vicenda legata a Gesù quando aveva circa dodici anni. Con La madre e il padre si reca a Gerusalemme nei giorni di festa, ma nel viaggio di ritorno rimane nella città santa senza che nessuno dei suoi, e della carovana se ne accorgesse. Quando Maria e Giuseppe si accorgono della sua assenza, tornano a cercalo. Lo ritrovano dopo tre giorni di angoscia e spavento. E' forse il primo gesto che testimonia la crescita di Gesù. Non può restare dentro i confini di una relazione che protegge e basta. Ha bisogno di spiccare il volo, di trovare la sua strada, di fare la volontà del Padre Suo. Giuseppe non dice una parola. Accetta. Accoglie questa trasgressione come una tappa dell'amore stesso. E' Maria a parlare, come ogni Madre non si rassegna facilmente a questa nuova fase della vita.
San Giuseppe, padre prestato che lasci libero, insegnaci a capire che l'amore vero non può mani diventare possessivo, e seppur abbiamo una gran voglia di tenere per noi ciò che amiamo, fa che comprendiamo che l'amore vero è permettere che l'altro sia libero fino in fondo, fino a perderlo dal nostro controllo. Dona a noi che siamo sempre bisognosi di essere rassicurati l'esperienza di sentirci spinti ad osare. Guarisci i nostri aggettivi possessivi, e fa che possano diventare dei silenzi assensi, come lo è stato il tuo, perchè, in fondo, amare significa permettere che l'altro divenga davvero se stesso, e non per forza ciò che noi speriamo. Solo così l'amore non diventa prigione, e l'angoscia si trasforma in gioia.
Pater, Ave, Gloria...
8° giorno di novena a San GIUSEPPE "in tempi difficili"
Il lavoro è una delle cose più preziose nella vita di una persona. Lo è perchè gli permette di vivere, di esprimersi, di sentirsi utile al mondo. Per questo molte volte la mancanza di lavoro è una ferita che tormenta le persone da dentro, con una sofferenza che li fa sentire incompresi dagli altri, e con un'umiliazione che li carica di rabbia. Il lavoro è importante, e per un cristiano lo è soprattutto perchè attraverso il lavoro ci si può far santi. Di San Giuseppe noi ricordiamo soprattutto il suo mestiere di falegname. La creatività di quest'uomo non poteva non avere un corrispettivo nell'appellativo di artigiano. Gesù stesso ha lavorato e imparato questo mestiere, mostrando a ognuno di noi quello che San Paolo scriverà più tardi "Chi non vuole lavorare neppure mangi". Viviamo in una società che rifiuta l'idea della fatica del lavoro, e se lo accetta è solo per l'utile che produce, e non per la dignità che ci dà, e per l'educazione del carattere che imprime in noi.

San Giuseppe, uomo che lavora, riconciliaci con la nostra fatica quotidiana. Fa che non viviamo con frustrazione ciò che siamo chiamati a fare, e fa che possiamo testimoniare con la passione per le cose, che è possibile farsi santi anche nelle cose più umili della vita. Intercedi per i tanti che non trovano un lavoro, e riscatta la dignità di chi è sfruttato. Liberaci dall'edonismo che ci fa fuggire sempre dalla fatica, e fortifica il nostro carattere sempre pronto a scorciatoie e furbizie. Che tutti abbiano il pane quotidiano e chi fa più fatica trovi il miracolo della condivisione dei fratelli.
Pater, Ave, Gloria...
9° giorno di novena a San GIUSEPPE "in tempi difficili"
Quando si perde qualcuno ci si sente spaesati. Ci si sente come bambini che d'un tratto si ritrovano su una bicicletta senza più le rotelle di sostegno. La morte di un padre, di una madre, di un familiare, di un amico, di un fratello, di una sorella, di uno sposo, di una sposa, di un figlio, di una figlia, sono molto spesso esperienze di spaesamento. Sono vertigini che non vorremo mai provare. Le relazioni affidabili ci servono per poggiare su di esse la nostra vita, e quando vengono meno (almeno nella forma fisica) ci sembra di essere a rischio di caduta da un momento all'altro. Eppure l'assenza può generare in noi la consapevolezza che ciò che non troviamo più accanto a noi, non ha smesso di esserci come appoggio. Esattamente come un bambino che comincia a portare la sua bicicletta senza rotelle, si accorge che quel sostegno ora vive in lui, è con lui, è diventato una capacità della sua stessa vita, è diventato talmente importante da essere diventato lui. Anche per Gesù accade questo distacco con la morte di Giuseppe. Eppure quell'assenza ha continuato a generare in Lui il carattere, la fiducia, le scelte forti, la figliolanza che ha dimostrato fin sulla Croce. L'assenza di chi amiamo non deve "disperarci", ma deve "dispiegarci".

San Giuseppe, patrono dell'ultima agonia, tu che sei morto abbracciato a Gesù e a Maria, riconciliaci con l'esperienza della morte. Fa che tutti quelli che vivono l'assenza di chi amano possano trovare in quel vuoto una più profonda presenza. Lascia che tutti coloro che oggi stanno concludendo il loro viaggio della vita non abbiano paura di fare il grande salto. E ricorda a ognuno di noi che senza gli occhi fissi nella vita eterna, anche questa vita risulta vuota e inutile.
Come ultima supplica alla fine di questa novena, ti chiediamo di aiutarci in questi tempi difficili. Apri la tua mano, e afferra i più soli e disperati. Proteggi tutti, e scampaci da questo pericolo che incombe su noi tutti. Amen
Pater, Ave, Gloria... 

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa15 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni73 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus33 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia5 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco191 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita29 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere86 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità66 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video108 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo