CINEMA. Festival di Venezia: premi e recensioni (Sentieri del Cinema)


Sentieri del Cinema è un sito che seguo con attenzione e che, in questi giorni festivalieri, ha recensito molti dei film presentati a Venezia. Ecco i film premiati e quelli più amati dal sito:
I premi principali del festival del cinema di Venezia
Leone d’oro per il miglior filmJoker, di Todd Philips
Gran premio della giuriaJ’accuse, di Roman Polanski
Leone d’argento per la miglior regia: Roy Anderson, per il film About Endlessness 
Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile: Ariane Ascaride, per il film Gloria Mundi
Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile: Luca Marinelli, per il film Martin Eden
Miglior sceneggiatura:  No. 7 Cherry Lane, di Ji Yuan Tai Qi Hao
Premio Marcello Mastroianni (a un attore emergente): Toby Wallace, per il film Babyteeth
Premio speciale della giuriaLa mafia non è più quella di una volta, di Franco Maresco
Miglior film della sezione OrizzontiAtlantis di Valentyn Vasyanovych
IMPERDIBILI
Il film di Todd Phillips conquista, per la storia e soprattutto per la prova straordinaria di Joaquin Phoenix
Con Joker, il regista Todd Phillips fa approdare il cattivo più affascinante dei comics alla Mostra del Cinema di Venezia (28 agosto-7 settembre): accompagnato da una risata strozzata e da un dramma potentissimo, la parabola di Arthur Fleck sa essere in contemporanea una storia intensamente personale e tragicamente politica. Uomo ai margini della società e con seri problemi psichici irrisolti, Fleck si guadagna da vivere facendo il clown su commissione, mentre si occupa dell’anziana madre e nutre ambizioni da comico, anzi da stand-up comedian. La sua fragilità lo espone però ad una malvagità che sembra aver contagiato la grande metropoli di Gotham (una spaventosa New York da anni 70), esponendola ad un’ondata di crimini violenti e facendo aumentare ancora di più il divario tra ricchi e poveri. Escludendo quasi completamente l’immaginario fumettistico che ha nutrito il personaggio fino ad ora, il film di Todd Phillips immerge il suo protagonista nella melma di un degrado sociale ed esistenziale spaventosamente contemporaneo:qui gli uomini hanno smesso di provare compassione per i propri simili, si nutrono delle violenze consumate nei vicoli deserti di una città arrabbiata e godono del fallimento dei più deboli. Come un vaso di cristallo tra tanti vasi di coccio, colpo dopo colpo il corpo e la mente di Fleck si crepano, fino ad un’esplosione di violenza che porterà alla nascita di un Joker completamente fuori dagli schemi. Il percorso di Fleck verso il nuovo sé stesso è dunque una vera e propria discesa agli inferi, dove ogni dettaglio, ogni icona e ogni accessorio che caratterizzeranno il ben conosciuto personaggio viene motivato da eventi devastanti, terrificanti proprio per la loro verosimiglianza. Oltre a presentarci una parabola evolutiva del personaggio pressoché perfetta, il film di Phillips fa scacco grazie anche alla incredibile interpretazione di Joaquin Phoienix – papabilissimo vincitore della Coppa Volpi – che con un fisico consumato dal dramma, movenze e balli volutamente iperbolici e una risata incontrollata riesce a dare una profondità tragicomica al suo Joker pari a quella del suo collega Heath Ledger nel Cavaliere oscuro. Apoteosi del fallimento della nostra società contemporanea, il film di Phillips è un’opera completamente nuova su un personaggio ormai iconico, che mostra rischi e conseguenze di un sonno della ragione – e dell’umanità di ciascuno – capace di generare veri e propri mostri. (Maria Letizia Cilea)
Roman Polanski porta al Lido un grande film, J’accuse, che prende vita dalla famosa lettera dello scrittore Émile Zola (pubblicata su un quotidiano) e dal caso politico di fine Ottocento, più comunemente chiamato l’affare Dreyfus. Il colonnello George Picquart, lo stesso che ha destituito Dreyfus, è chiamato a dirigere una sezione degli affari segreti. Ostinato e ossessionato dalla perfezione, scoprirà quello che è stato uno dei più grandi errori giudiziari, frutto della corruzione politica e degli affari segreti. Scena dopo scena Polanski costruisce un film politico, pieno di tensione e di azione, senza cedere mai al didascalismo o allo storicismo. Interpretato da un cast di grandi attori (Jean DujardinLouis GarrelEmmanuelle SeignerMathieu Amalric), J’accuse manifesta la grandezza di un regista che non smette mai di regalare al pubblico grandi opere. (Emanuela Genovese) 
Marriage Story, il lungometraggio in concorso che scrive e dirige Noah Baumbach (regista newyorchese molto amato per film come Frances HaIl calamaro e la balenaGiovani si diventa). Dura più di due ore (esattamente 135 minuti) e non c’è niente di inutile o di forzato in questa storia che racconta l’amore e la separazione di Charlie (Adam Driver) e Nicole (Scarlet Johansson), in via di un divorzio di cui paga le conseguenze anche il figlio. Lui, brillante regista teatrale, lei brava attrice e sua musa. Baumbach coglie il cuore e le fragilità della relazione, racconta due città, New York e Los Angeles, mostra le imperfezioni di vite di artisti che potrebbero sembrare inattaccabili dal dolore, mette in campo le scelte e le strategie (soprattutto degli avvocati); e schernisce anche simpaticamente l’Italia, ironizzando sulla perfezione (anche biblica). Un gran bel film, che diverte e commuove grazie alla forza dei dialoghi e all’intensità dei protagonisti, che vedremo in autunno su Netflix ma forse anche in contemporanea nelle sale (e ce lo auguriamo di cuore). (Emanuela Genovese)
In un futuro prossimo, mentre la Terra subisce inspiegabili tempeste elettromagnetiche, un astronauta è incaricato di raggiungere Marte per provare a contattare una spedizione spaziale guidata da suo padre scomparsa vicino a Nettuno da circa 20 anni. James Gray, uno dei più sottovalutati registi americani contemporanei (tra i suoi film Two Lovers e C’era una volta a New York), con Ad Astra – sempre in concorso – scrive e dirige un film di avventure spaziali stupefacente e intimista. Stupefacente perché racconta il viaggio nello spazio fino a Marte (e poi oltre) e le varie tappe con gusto per l’avventura e la meraviglia, quasi come se fosse una storia di avventure marinaresche (abbiamo pirati lunari, relitti, ammutinamenti) senza però perdere mai il realismo nella messa in scena. Stupefacente a livello visivo, grazie a notevoli effetti speciali, alla clamorosa fotografia di Hoyte van Hoytema; e stupefacente a livello sonoro con le musiche potenti di Max Richter. Stupefacente anche nell’interpretazione di Brad Pitt (una delle sue migliori) che regge tutto il film sulle proprie spalle e sul proprio volto a cui siamo sempre attaccati. Intimista perché lo spettacolo è al servizio e a favore del racconto del rapporto padre-figlio e soprattutto del racconto di un uomo solo. Un uomo solo che viaggia nello spazio per scappare dalla Terra, convinto di trovare nelle stelle qualcosa di altro dall’uomo, per poi alla fine poter imparare a guardare all’uomo che abita sotto le stelle. Imperdibile. (Riccardo Copreni) 
 
CONSIGLIATI
“Babyteeth”, dell’esordiente Shannon Murphy, convince in concorso al Lido. 
una sorprendente opera prima, Babyteeth. E già si parla di possibili premi. Milla, 16enne malata di tumore, incontra un giovane spacciatore, Moses, che vive per strada ma non sembra aver paura di niente. Moses risveglia in lei un forte desiderio di vivere e di amare, proprio quando le sue condizioni fisiche si aggravano. Milla, i suoi genitori e tutti coloro che fan parte delle loro vite vengono toccati dallo scompiglio e dall’energia portati dal legame tra i due ragazzi. Il primo film dell’australiana Shannon Murphy, dopo una certa confusione nella prima parte, racconta con un taglio nuovo una storia portata spesso sul grande schermo, quella di una giovane malata terminale. Procedendo per capitoli ellittici, evidenziati anche da interruzioni nella colonna sonora, e con alcuni fugaci sguardi in camera della protagonista (Eliza Scanlen, già nella miniserie Sharp Objects e che vedremo in Piccole donne di Greta Gerwig), il racconto si focalizza innanzitutto sulle relazioni tra giovani, tra adulti e sullo scambio tra questi due mondi. C’é tanto dolore, ma anche umorismo e umanità: ad esempio quella del maestro di violino, che si preoccupa dei suoi allievi e di trasmettere loro la bellezza della musica prima ancora di insegnare a suonare, e quella delle madri, prima senza linee di comunicazione con i figli e poi sempre più desiderose di non perdersi nulla della loro vita, a costo di affrontare una grande sofferenza senza anestesie. E un finale speranzoso riflette sulla possibilità che questi legami siano capaci di durare oltre la morte. (Roberta Breda)
The Laundromat di Steven Soderbergh, seconda produzione Netflix presentata in gara per il Leone d’oro. È il racconto dello scandalo dei Panama Papers, cioè la diffusione delle informazioni di uno studio legale di Panama riguardanti centinaia di migliaia di società offshore in tutto il mondo sul confine tra legalità e illegalità. Seguiamo la vicenda di un’anziana vedova (Meryl Streep), truffata da una di queste società, che combatte per smascherare gli inganni subiti, mentre a spiegarci le dinamiche finanziarie è la coppia di avvocati, il gatto e la volpe, interpretati dal gustosissimo duo Gary Oldman – Antonio Banderas. È un film folle e caleidoscopico, che racconta la finanza con lo stile sovraeccitato e ironico di film come The informant! (dello stesso Soderbergh) o La grande scommessa ma con molta più eleganza. Scott Z. Burns (adattando un romanzo di Jack Bernstein) scrive un copione diviso in capitoli completamente anarchico nei personaggi, nelle situazioni, nell’ironia cinica, nei riferimenti metacinematografici e nelle divagazioni. Alla regia Steven Soderbergh si conferma uno dei più liberi e geniali autori del cinema americano contemporaneo, con una quantità di idee visive strabiliante, un caleidoscopio di forme e invenzioni. Racconta la finanza e la politica come facevano i film degli anni 70, ma lo fa con un’ironia feroce che è tutta contemporanea. In due parole: geniale e irresistibile. Da vedere. (Riccardo Copreni)
Da segnalare poi fuori concorso il notevole Adults in the room, cronaca della crisi economica greca del 2015 raccontata dal punto di vista del ministro dell’economia del nuovo governo di sinistra nel primo anno di mandato. Ritorno al cinema del maestro del cinema politico Costantin Costa-Gravas, autore di alcuni importanti film degli anni 70 come Z-l’orgia del potere. Il film è avvincente e coinvolge lo spettatore per tutte le due ore di durata. Il merito va innanzitutto alla sceneggiatura, tra il thriller e la farsa, scritta dal regista adattando il romanzo dell’ex ministro Yanis Varoufakis. Costa-Gravas sembra aver perso l’eleganza formale dei suoi precedenti capolavori,  ma riesce comunque a infondere ritmo e forza alla storia e a far brillare i suoi attori (tra cui la nostra Valeria Golino nel ruolo della moglie del ministro). Il risultato è una cronaca spietata dell’atteggiamento dell’UE nei confronti della Grecia. Un atteggiamento non proprio esemplare, anche se forse, più che un film antieuropeista, è un richiamo ai valori fondativi dell’Unione Europea e un appello disperato a un ritorno a una reale voglia di aiutarsi. (Riccardo Copreni) 
Una bella sorpresa è poi il primo film italiano in concorso. Dopo la delusione di un anno fa, quando Mario Martone presentò sempre in gara a Venezia Capri-Revolution, eravamo un po’ timorosi davanti al suo nuovo film, Il sindaco del rione Sanità tratto dall’omonima opera di Eduardo De Filippo già portata sullo schermo negli anni 90 da un modesto film con Anthony Quinn e Raoul Bova. Ci insospettiva – lo ammettiamo – anche l’uscita ridotta, come “evento”, solo per tre giorni (dal 30 settembre al 2 ottobre); come si usa per le fiction portate in anteprima al cinema o per opere troppo sperimentali. E invece Martone, che aveva già portato in teatro l’opera, fa centro nel mettere in scena con quasi totale fedeltà al testo (ci pare di ricordare solo una significativa differenza nel finale) ma libertà di messa in scena e nella rappresentazione dei personaggi che sono più giovani che nell’opera; il che all’inizio può lasciare perplessi. Una storia che anche nell’attualità della Napoli di oggi è credibile, con questo “sindaco” che governa su un quartiere – il celebre rione Sanità – e regola le controversie privatamente, per aiutare gli “ignoranti” che rischiano di essere stritolati dalla giustizia o da chi può permettersi (come lui stesso un tempo) di piegarla a suo piacimento. Un boss ma con un suo senso di giustizia e anche della pace sociale, che cerca di evitare la violenza finché si può e di risolvere le dispute con il peso del suo prestigio (e del timore che incute). Ma un fatto, che mette di fronte un figlio e un padre e che può portare a spargimento di sangue, segna la vita di tanti personaggi. Il contraltare del “sindaco” sono un medico e un ricco panettiere (il padre che ha diseredato il figlio), e nel loro ergersi nella loro dignità sta una delle chiavi del film, in cui pure ogni personaggio ha la sua verità (e lo stesso boss vuole sentire sempre le due versioni dei contendenti). Un’opera convincente – soprattutto se si supera lo spiazzamento di un testo e una recitazione teatrale accompagnata da look a tratti aggressivi e “moderni” e regia a tratti molto movimentata – che si avvale più o meno dello stesso cast della versione teatrale di Martone: in particolare ci sono gli ottimi Francesco Di Leva e Massimiliano Gallo, mentre si inserisce nel gruppo il “dottore” interpretato dal bravo Roberto De Francesco(Antonio Autieri)
La vérité del maestro giapponese Kore-eda Hirokazu, che per la prima volta dirige un film internazionale. Il risultato un po’ ricorda inizialmente ricorda l’impressione di certi film di analoghi autori che allontanandosi dal loro paese – pensiamo a certi film europei degli iraniani Kiarostami o Farhadi – perdono un po’ della loro forza, forse persino della loro anima. Alla lunga però avvince questa storia su una madre diva del cinema francese interpretata da Catherine Deneuve (inizialmente un po’ simile a tanti altri suoi ruoli un po’ svagatamente e deliziosamente cinici ma ripetitivi, ma poi man mano sempre più emozionante) e la figlia sceneggiatrice (un’ottima Juliette Binoche) che si è trasferita a New York con il marito, attore americano di serie B. Lo sfondo è da un lato un libro di memorie della diva, che ha mentito spudoratamente come in tutta la sua vita, dall’altro il film di fantascienza che sta girando che si intitola La vérité (anche qui su una madre e una figlia, divise dalla malattia della genitrice costretta a vivere nello spazio tornando sulla Terra ogni 7 anni per non invecchiare: alla fine, la figlia è anziana e la madre ancora giovane). Verità che sembra non interessare alla protagonista, più tesa ad affermare sé (anche in contrasto con le colleghe, del passato o del presente) che le persone che ha accanto. Ma la vicinanza con la figlia, anche se conflittuale (per vecchie ferite del passato), forse può riaprire la partita del loro rapporto. Lo stile è lontano dai film che abbiamo conosciuto dell’autore giapponese (Father & SonLittle SisterAffari di famiglia); non sapendo chi sia il regista, lo si prenderebbe per il classico film francese. Ma al pubblico, che forse lo apprezzerà, non dovrebbe interessare. Ottimo tutto il cast, c’è anche Ethan Hawke nei panni del marito americano che sa di essere un attore mediocre. (Antonio Autieri) 
Martin Eden, quarto film, ma primo interamente di finzione, di Pietro Marcello. Liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Jack London, Martin Eden (interpretato da un sempre più bravo Luca Marinelli) è un marinaio alterna la sua vita tra i viaggi sul mare e la casa della sorella e del cognato a Napoli. Quando un giorno difende un ragazzo picchiato da un uomo violento, Martin viene accolto nella villa della sua famiglia. Il ragazzo è un Orsini, e ha una sorella Elena, bellissima. Martin se ne innamora da subito come si innamora dei libri che lei ha. Inizia la sua lenta, faticosa, immersione nello studio e in quella che è la sua passione più vera: la scrittura. Profondo, mai banale (anche nella scelta dei materiali d’archivio) Martin Eden è un film che non si dimentica. Riguarda tutti noi – come conferma l’ambientazione non in un preciso momento storico come si intuisce dai riferimenti (abiti, oggetti, canzoni, ecc.) a tutta la storia del Novecento – e quel necessario e innato desiderio di trovare il proprio posto nella vita. Martin non misura e calcola, comprende le persone che ha al suo fianco, è generoso e onesto nelle parole e nelle azioni. Sarebbe un film perfetto se non fosse per la ascesa – discesa finale del protagonista; è troppo rapida quella evoluzione – involuzione, troppo amara anche se non elimina mai l’ammirazione per la grande capacità del regista Pietro Marcello e del suo sceneggiatore Maurizio Braucci di trasformare un capolavoro letterario in un piccolo grande film. (Emanuela Genovese) 
INTERESSANTI (con riserve)
L’esperto regista marsigliese porta in concorso alla Mostra il suo “Gloria Mundi”, dov’è passato anche l’ultimo film italiano, quello di Franco Maresco. 
Un regista di lungo corso, il francese Robert Guédiguian. Il titolo del suo film, Gloria Mundi, è tratto dal detto latino “sic transit gloria mundi” (così passa la gloria del mondo) a significare quanto siano effimere anche le cose di maggior successo nella vita. Titolo calzante, visto il paragone tra la vita di due sorelle marsigliesi, entrambe sposate: l’una proprietaria col marito di un negozio, e in procinto di aprirne un altro; l’altra sul punto di essere licenziata, con una figlia neonata e un marito autista di Uber, cui i tassisti hanno rotto un braccio per vendicarsi, e quindi disoccupato. Ma non è che i genitori delle due se la passino meglio: la madre fa le pulizie ed è costretta a fronteggiare ogni giorno il rischio di sciopero che taglierebbe il suo magro salario, mentre il padre è solo un autista di mezzi pubblici. A complicare la vicenda, arriva il vero padre di una delle due sorelle, scarcerato dopo anni di detenzione per omicidio. Guédiguian mostra ancora una volta, con toni da verismo letterario, la vita difficile di molte famiglie che non inseguono sogni di successo semplicemente perché troppo occupate ad arrivare a fine mese, e come sia facile abbandonarsi alla disperazione o a scelte dalle conseguenze dolorose. Utilizzando attori di grande mestiere ormai a lui legati da molti altri film (oltre a sua moglie, Ariane Ascaride, anche i vecchi amici Gérard Meylan e Jean-Pierre Darroussin), il regista cerca uno sprazzo di umanità in una società fatta di opportunismo e spietatezza, dove sempre meno sono le persone capaci di un gesto gratuito o una mano tesa. Peccato però che, a differenza di altre volte (e pensiamo per esempio all’intensità de Le nevi del Kilimangiaro), lo svolgimento della storia sia suggerito a ogni piè sospinto verso una conclusione drammatica e nobile al tempo stesso, ma – in quanto ampiamente annunciata – poco incisiva. (Beppe Musicco)
Convince ancora (molto) meno il terzo e ultimo film italiano in ConcorsoLa mafia non è più quella di una volta, ma lo stile di Franco Maresco invece sì. Come se fossimo ancora ai tempi di Cinico Tv, il regista siciliano si imbarca con questo documentario per vedere cos’è cambiato nella coscienza dei palermitani a 25 anni dall’uccisione di Falcone e Borsellino, in compagnia della fotografa Letizia Battaglia. Lo fa col suo stile: prende ad esempio le varie manifestazioni studentesche ma anche l’impresario di concerti di neomelodici Ciccio Mira e la sua sgangherata compagnia di giro, che organizza un concerto per la commemorazione di due giudici nel quartiere Zen di Palermo ma nel quale nessuno ha coraggio o volontà di dire che i due sono stati uccisi dalla mafia. Il risultato è tra il ridicolo e l’agghiacciante, come spesso succede nella filmografia di Maresco. E la cosa peggiore è che in fondo non sembra esserci molta differenza tra gli uni e gli altri. (Beppe Musicco) 

DELUDONO 
Non convincono Roy Andersson e Atom Egoyan. Mentre un documentario dalla Romania ci parla di sanità e di giornalismo…
Om det oändliga (About Endlessnessè diretto dallo svedese Roy Andersson che pochi anni vinse il Leone d’oro con Un piccione riflette seduto su un ramo riflette sull’esistenza che estasiò parecchi al Lido ma non chi scrive (anzi…). Sulla falsariga di quella lunga serie di brevi quadri su vicende contemporanee o del passato, ma tutte segnate dall’assurdità e mostrate con cinico sarcasmo (tipo: un uomo muore in un bar e gli altri avventori si fanno avanti per il panino e la birra che aveva appena pagato), anche il nuovo film ci mostra – con l’accompagnamento di una voce fuori campo che spesso anticipa quello che vedremo – una teoria di personaggi anonimi, di cui non sappiamo nulla, alle prese con vicende surreali, patetiche, disperanti o tragiche: il prete che ha perso la fede e cerca da un medico la soluzione al suo dramma, un padre che ha ucciso la figlia per salvare l’onore della famiglia ma se n’è pentito, un vecchio avvilito dal fatto che un antico compagno di scuola faccia finta di non riconoscerlo, un uomo su un autobus che piange perché non sa cosa vuole, un marito geloso che schiaffeggia la moglie in pubblico. E poi storielle minime che vorrebbero essere buffe o allegre (ma con poca leggerezza, a parte tre ragazze che ballano per strada) ma che spesso sono angoscianti o irritanti, con qualche excursus storico (si vede Hitler). Ma più di tutto lo è lo sguardo del narratore che quasi mai ci mostra i volti delle persone (mai un primo piano, quasi a negare identità a persone – riprese obliquamente – che sono minuscole nell’assurda storia del mondo) e che a suo dire voleva «sottolineare la bellezza di essere vivi e umani» attraverso contrasti e rivelando anche il lato peggiore di un’esistenza di cui si mostrerebbe «l’infinità dei segni». A noi pare uno sfoggio di nichilismo ilare che ci rattrista profondamente, in cui non c’è un grammo di pietà per il dolore umano né tanto meno di bellezza (nonostante l’ultima scena, in cui un uomo sostiene – nell’indifferenza generale e con un tono poco convincente – la bellezza delle cose). Il pregio maggiore: dura solo 76’, crediti compresi (Antonio Autieri)
Om det oändliga (About Endlessnessè diretta dallo svedese Roy Andersson che pochi anni vinse il Leone d’oro con Un piccione riflette seduto su un ramo riflette sull’esistenza che estasiò parecchi al Lido ma non chi scrive (anzi…). Sulla falsariga di quella lunga serie di brevi quadri su vicende contemporanee o del passato, ma tutte segnate dall’assurdità e mostrate con cinico sarcasmo (tipo: un uomo muore in un bar e gli altri avventori si fanno avanti per il panino e la birra che aveva appena pagato), anche il nuovo film ci mostra – con l’accompagnamento di una voce fuori campo che spesso anticipa quello che vedremo – una teoria di personaggi anonimi, di cui non sappiamo nulla, alle prese con vicende surreali, patetiche, disperanti o tragiche: il prete che ha perso la fede e cerca da un medico la soluzione al suo dramma, un padre che ha ucciso la figlia per salvare l’onore della famiglia ma se n’è pentito, un vecchio avvilito dal fatto che un antico compagno di scuola faccia finta di non riconoscerlo, un uomo su un autobus che piange perché non sa cosa vuole, un marito geloso che schiaffeggia la moglie in pubblico. E poi storielle minime che vorrebbero essere buffe o allegre (ma con poca leggerezza, a parte tre ragazze che ballano per strada) ma che spesso sono angoscianti o irritanti, con qualche excursus storico (si vede Hitler). Ma più di tutto lo è lo sguardo del narratore che quasi mai ci mostra i volti delle persone (mai un primo piano, quasi a negare identità a persone – riprese obliquamente – che sono minuscole nell’assurda storia del mondo) e che a suo dire voleva «sottolineare la bellezza di essere vivi e umani» attraverso contrasti e rivelando anche il lato peggiore di un’esistenza di cui si mostrerebbe «l’infinità dei segni». A noi pare uno sfoggio di nichilismo ilare che ci rattrista profondamente, in cui non c’è un grammo di pietà per il dolore umano né tanto meno di bellezza (nonostante l’ultima scena, in cui un uomo sostiene – nell’indifferenza generale e con un tono poco convincente – la bellezza delle cose). Il pregio maggiore: dura solo 76’, crediti compresi (Antonio Autieri) 

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria39 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie146 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV15 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi3
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry

Canti di adorazione e canti religiosi (dicembre 2017)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)