Libri segnalati: "La notte del Getsemani" di Recalcati, "Fraternità" e "100+10 parabole di Papa Francesco"


Fra le ultime uscite segnalo l'ultimo libro di Massimo Recalcati, La notte del Getsemani (Einaudi, pp. 84, € 14). Ne parla Famiglia Cristiana

«NEL GETSEMANI GESÙ CI LIBERA DAL FANTASMA DEL SACRIFICIO»

20/07/2019  L’ultimo libro di Massimo Recalcati, edito da Einaudi, è un invito a riflettere e a fare i conti con la nostra angoscia: «Tutto noi abbiamo conosciuto il peso di questa notte, il peso del tradimento, dell’abbandono, della caduta, del silenzio del padre. Ma nel consegnarsi alla morte, il Cristo non indebita l’uomo, ma lo ama senza interesse»

Si legge tutto d’un fiato l’ultimo libro di Massimo Recalcati, La notte del Getsemani (Einaudi, pp. 84, € 14). Il testo nasce da una conferenza tenuta due anni fa dall’autore presso il monastero di Bose dove si trova la comunità fondata da Enzo Bianchi. Nel libro, Recalcati ripercorre gli ultimi istanti della vita di Gesù rileggendoli in chiave psicanalitica. È una riflessione sulla notte dell’uomo, sulla caduta, sul tradimento, su Giuda e Pietro, sull’abbandono, sulla fedeltà al proprio desiderio, sulla solitudine, sul silenzio di Dio, sulla debolezza umana, su due preghiere, la prima diversa dalla seconda.
Perché, credenti o altro che si sia, la notte di Gesù nel Getsemani riguarda tutti?«In nessuna scena dei Vangeli la figura di Gesù appare così lontana da quella di Dio. In nessuna altra scena lo vediamo così vulnerabile, esposto, fragile, mancante. La sua fine è imminente ed egli ama troppo la vita per accettare la sua perdita. I suoi discepoli lo lasciano solo, misconoscono il suo nome, lo svendono per trenta denari. Il suo popolo che aveva acclamato la sua entrata trionfale a Gerusalemme lo abbandona. Sarà trattato come il più miserabile dei ladri e dei bestemmiatori. Ma il punto più cruciale è che sebbene sia il figlio unico e prediletto dal padre le sue preghiere cadono nel vuoto. La notte del Getsemani è la notte del silenzio di Dio, è la notte dell’assoluto abbandono. Tutto questo riguarda l’uomo. Tutto noi abbiamo conosciuto il peso di questa notte, il peso del tradimento, dell’abbandono, della caduta, del silenzio del padre».
In che senso Gesù è una figura radicale del desiderio? E come emerge questa sua peculiarità negli eventi del Getsemani?«Gesù è come un magnete; la sua parola attira verso di sé. Marco dà una definizione molto bella di Gesù quando scrive: “Gesù è colui che chiama”. In questo senso egli è l’incarnazione della potenza del desiderio. Sposta, sovverte, mette in movimento; tutti i Vangeli parlano della forza del desiderio. Quella forza che si manifesta nell’antica parola “Kum!” che significa “Alzati!” e che Gesù rivolge a Lazzaro nella tomba. Quello che mi colpisce nella sua predicazione è la capacità di far risorgere la vita dalla morte, di non lasciare alla morte l’ultima parola, di rimettere in moto la vita anche quando essa pare morta, finita, spenta. Nella notte del Getsemani Gesù si rivolge a se stesso. Lo obbliga il silenzio di Dio. Assume il proprio destino non come un gesto sacrificale, penitenziale, di mortificazione della sua vita. Ma come scelta, decisione, offerta, donazione di sé che eccede l’ombra tetra del sacrificio. Gesù alla fine di questa notte non accetta passivamente una condanna che lo costringe al sacrificio di sé, ma sceglie liberamente di consegnarsi al suo destino, di fare la volontà del padre. E in questa consegna si libera da ogni forma di consegna. Insegna che ciascuno di noi è responsabile del proprio desiderio».
Perché i funzionari sacerdotali del Tempio di Gerusalemme avvertono in Gesù un nemico? Di cosa è spia questo conflitto?
«La parola di Gesù è sovversiva. Non accetta che la religione del padre diventi un mercato o, peggio ancora, si istituzionalizzi in codici solo formali di comportamento. Gesù pensa che il giusto erede sia colui che sa fare propria la parola delle Scritture. Diversamente i sacerdoti del tempio interpretano l’eredità solo come fedeltà passiva, priva di desiderio, nei confronti della Legge. Quando Gesù dice che è venuto a portare la Legge a compimento ci ricorda la necessità di un movimento in avanti del giusto erede. L’eredità non è una acquisizione passiva di rendite, ma un movimento in avanti, un salto, una esposizione. Non è ovviamente solo un problema dei sacerdoti del tempio, ma della religione ogni qual volta la difesa di se stessa, la conservazione della sua verità dottrinale, prevale sul movimento vitale e sovversivo dell’ereditare come riconquista. Gesù incarna la vita, i sacerdoti la morte. Ma questo conflitto attraversa ogni dottrina che istituzionalizzandosi rischia di perdere il suo slancio vitale originario».
In che modo il Cristo vince l’angoscia e la paura della morte?«Nella notte del Getsemani possiamo distinguere due diverse preghiere che Gesù rivolge a Dio. Nella prima egli chiede la sospensione della Legge, chiede che venga fatta un’eccezione, supplica, più direttamente, di restare in vita, di allontanare il calice amaro della morte. In questo Gesù resta fedele alla sua predicazione: non è forse il padre – come indica bene la parabola lucana del figliol prodigo – colui che interrompe l’applicazione inumana della Legge, colui che anziché alzare il bastone del castigo abbraccia il figlio che ritorna? L’essenza della Legge non è forse il perdono, l’esperienza della Grazia? Ma l’attraversamento dell’angoscia e della paura della morte avvengono con la seconda preghiera che è il vero mistero di quella notte. Con questa seconda preghiera Gesù disarma se stesso, il proprio Io, si consegna alla volontà del padre. Ma in questa consegna, come ho già detto, egli si libera di ogni consegna. Non va incontro alla morte come se fosse un destino che gli viene sacrificalmente imposto, ma sceglie quel destino, lo fa proprio. Ecco perché egli non si sacrifica per noi ma offre tutto se stesso in un atto di desiderio e di donazione assoluta che vorrebbe liberare l’uomo dal fantasma fanatico del sacrificio. Non indebita l’uomo, ma lo ama senza interesse».
Cosa differenzia e che cosa, invece, accomuna il tradimento di Pietro e quello di Giuda?
«Pietro e Giuda sono entrambi innamorati di Gesù. Sono tra i suoi discepoli, tra i prescelti. Ma Giuda è stato deluso dal maestro e cova rancore come accade in ogni amore deluso. Dunque è disposto a colpire il suo maestro, a venderlo per il prezzo di uno schiavo. Pietro invece non è affatto deluso. Egli ama profondamente il suo maestro. Ma il suo errore consiste nel non considerare che anche l’amore più puro e assoluto, in quanto umano, può essere attraversato dalla contraddizione e dal cedimento. È quello che accade; egli misconoscerà per tre volte il nome di Gesù. È solo il suo pianto finale che gli consente di intendere la natura umana e, dunque, necessariamente contraddittoria, del suo amore. Sono solo le sue lacrime che gli consentono di ripartire, di ricominciare». 
Vedi anche la recensione de Il Foglio e de Il Monastero di Bose:
Domenica 25 febbraio si è tenuto a Bose il confronto con Massimo Recalcati dal titolo: “La lezione del Getsemani”. Il noto psicanalista ha offerto ai quasi cinquecento presenti una ricca lettura dei racconti della notte precedente alla passione di Gesù da un punto di vista antropologico. Il centro della notte del Getsemani è infatti una grande metamorfosi che può riguardare, in modo più o meno intenso, ogni essere umano: il passaggio dalla gloria all’infamia, dal successo all’insuccesso, dalla luce alle tenebre. La posta in gioco è una liberazione, non dalla morte, ma attraverso l’esperienza della morte, che “porterà a cogliere il fatto che la morte non è l’ultima parola sulla vita, la chiusura della vita, ma è ciò che permette alla vita di essere capace di generare molti frutti”.

Nel cuore della notte del Getsemani sono racchiuse tre “esperienze radicalissime” della vita umana.

Il tradimento da parte di chi è vicino, di chi condivide la propria tavola, la propria casa. C’è il tradimento di Giuda, frutto di un amore deluso, di chi nutre aspettative nei confronti dell’altro, nell’illusione di un rapporto di coincidenza e di rispecchiamento che poi sfocia nella disillusione e nell’odio; e poi c’è il tradimento di Pietro, che mostra di non essere all’altezza del suo “puro” amore per Gesù, un amore “sovrabbondante, solido, ricco” che però esclude la contraddizione: “un amore non attraversato dalla contraddizione è un amore impossibile”. 
La seconda esperienza fondamentale del Getsemani è l’angoscia di fronte alla morte. Mentre in tutto il vangelo è in risalto la parola di Gesù, da questo momento in poi è il suo corpo ad essere in primo piano. Un Gesù che trema, debole, vulnerabile, fragile, che chiede di non essere lasciato solo, e che riceve come risposta il sonno dei discepoli, che “non riescono a mettere in rapporto la gloria del maestro con quell’uomo nudo, spaventato, che si rifugia in una preghiera disperata”. 
La preghiera è la terza protagonista di questa notte. La preghiera come radice ultima, essenza della parola, che è in ultima analisi sempre rivolta verso un altro. Un figlio, il figlio di Dio, chiede al Padre clemenza, che gli sia risparmiata la prova della morte, chiede che la sua amata vita continui. Dio risponde con il silenzio. Un silenzio che fa dire a Bonhoffer: “solo chi è senza Dio è più vicino a Dio”. In seguito la preghiera di Gesù cambia forma, e, cogliendo il nesso che lega la morte alla vita, non chiede una liberazione, ma di consegna: passa per la via del disarmo assoluto dell’io, il più spaventato dalla morte, e si consegna non perché ci sono dei segni, ma proprio perché non ci sono. E’ per questo che, almeno nel vangelo di Luca, appare un angelo dal cielo a vegliare con lui. 
 Vincenzo BertoloneFraternità, Edizioni Istante, Catanzaro 2019, pp. 172, € 10,00
di: Bruno Scapin (Settimana news)
«Saremo noi in grado di “salvare” la convivialità delle culture, religioni, usi, costumi, politiche, che sono altrettante differenti espressioni di uomini e donne diversi che, però, sono accomunati nella stessa famiglia umana, nella quale tutti potrebbero riconoscersi come fratelli e sorelle?».
È questo l’interrogativo che fa da sfondo a queste pagine scritte dall’arcivescovo di Catanzaro-Squillace, Vincenzo Bertolone. Non è una meditazione, né un approfondimento orante – si legge nelle prime pagine –, bensì di «una riflessione ad alta voce, razionale e documentata».
Opporsi alla “globalizzazione dell’indifferenza” è l’obiettivo di ogni cristiano, ma anche i “laici” dovrebbero sentire il dovere di mantenere vivo il senso della pietas per rimanere umani. La Regola d’oro, infatti – “Fa’ agli altri quello che vuoi sia fatto per te” –, è inscritta in ogni credo religioso e in ogni filosofia.
Fraternité è una delle tre parole poste a fondamento della Rivoluzione francese. Un concetto certamente nobile accanto alla libertà e all’uguaglianza. Piero Stefani, nel suo scritto “Figli di un unico Dio: fratelli?” (cf. Amore di Dio, Morcelliana, 2008). ritiene che la fraternità sia «la più debole e povera dei tre principi rivoluzionari» e «non ha goduto di un’universalità paragonabile agli altri due principi». Non soltanto. Il concetto di fraternità/fratellanza, lungo la storia ha conosciuto derive sorprendenti. Anche Cosa Nostra lo adoperava (cf. Fratellanza di Favara) per indicare organizzazioni criminali, violente e assassine. Si è giunti a parlare di “fraternità d’armi”…
Se la vera fraternità viene accettata tra i “valori fondamentali”, allora è possibile costruire una convivenza universale civile e positiva, in grado di contrastare i «sistemi sociali, politici e economici fondati sulla disuguaglianza».
Nel capitolo secondo, l’arcivescovo Bertolone si sofferma a ragionare sulla nozione di fraternità proposta alle regioni che si affacciano sul Mediterraneo, nozione di chiara ispirazione biblica.
L’ebraismo, a partire dalla fede in un Dio unico Creatore e dalla figura di Adamo, contiene «un impegno etico di fraternità universale».
Il cristianesimo, nato dalla predicazione di Gesù di Nazaret, «insegna la preghiera che affratella nell’amore tutti i viventi nel cosmo, uniti nell’elevare il comune grido al Padre nostro che sei nei cieli».
Nell’islam, anche se la fratellanza si esercita prima di tutto verso coloro che confessano la stessa fede, è vietato insultare le credenze e la religione degli altri.
Sia nell’Antico sia nel Nuovo Testamento innumerevoli sono i passi in cui le parole fratellanza/sorellanza trovano spazio negli episodi, nelle narrazioni e negli insegnamenti.
Nel terzo capitolo, l’autore illustra in maniera esaustiva un modo di praticare/vivere la fraternità, vale a dire la vita di comunione nelle comunità di vita consacrata. Queste comunità sono come degli «avamposti di un mondo nuovo». Il “ponte della fraternità”, che appare a tutt’oggi precario e lacerto nella vita dei singoli e dei popoli, viene riproposto come possibile dal carisma della vita consacrata, nella convinzione che la fraternità sia per l’umanità una «condizione originaria», un sogno da realizzare lungo la storia.
Papa Francesco, da parte sua, ha compiuto gesti e pronunciato parole che fanno costante appello a prendersi cura gli uni degli altri. Il testo richiama il messaggio per la 47ª Giornata mondiale della pace (2014), citando questo passaggio: «Nel cuore di ogni uomo e di ogni donna alberga… il desiderio di una vita piena, alla quale appartiene un anelito insopprimibile alla fraternità, che sospinge verso la comunione con gli altri, nei quali troviamo non nemici o concorrenti, ma fratelli da accogliere e da abbracciare».
Un compito costante nel programma di vita del cristiano. Un libro che sollecita tutti a vivere il sogno di Dio di una fraternità riconciliata.
Luigi Accattoli – Ciro FuscoC’era un vecchio gesuita “furbacchione”, ed. Paoline, Milano 2019, pp. 200, € 14,00. 
 di: Bruno Scapin (Settimana news)
«Uno degli sforzi più necessari è imparare ad usare immagini nella predicazione, vale a dire a parlare con immagini… Un’immagine attraente fa sì che il messaggio venga sentito come qualcosa di familiare, vicino, possibile, legato alla propria vita. Un’immagine ben riuscita può portare a gustare il messaggio che si desidera trasmettere, risveglia un desiderio e motiva la volontà nella direzione del Vangelo. Una buona omelia, come mi diceva un vecchio maestro, deve contenere “un’idea, un sentimento, un’immagine”» (EG 157).
Questa citazione rende ragione dello stile comunicativo utilizzato da papa Francesco. La citazione riguarda in primo luogo l’omelia, ma vale anche per tutti gli altri modi di comunicare. Papa Francesco, infatti, ne fa uso anche nei discorsi, nei messaggi, nelle udienze, negli incontri, nelle interviste.
Non è stato difficile perciò per Luigi Accattoli, già vaticanista di Repubblica e del Corriere della Sera, saggista, e collaboratore de Il Regno, e per il giornalista Ciro Fusco raccogliere in un gustoso volume le tante immagini (parabole, racconti, esempi) utilizzati in questi anni da papa Francesco. Ce ne presentano 110.
Ma prima si pongono la domanda: perché papa Francesco usa questo genere narrativo?
La risposta che dà Luigi Accattoli è la seguente:
  • per esplorare il nuovo,
  • per scuotere gli ascoltatori,
  • per dire qualcosa dove non può dire tutto.
Ma, prima di tutto, perché nel Vangelo Gesù usa questa modalità di annuncio. E se lui è il Maestro…
Dunque, per esplorare il nuovo. È chiaro che papa Francesco vuole una Chiesa in movimento, una Chiesa che si schiodi dal “si è sempre fatto così”. Ma il nuovo non sempre viene accettato benevolmente, anzi… La parabola, la similitudine, il paragone – che è immagine – lo esonera dal pronunciamento magisteriale e, nello stesso tempo, costringe l’interlocutore a fare i conti con la forza (e l’evidenza) della realtà.
Poi, per scuotere gli ascoltatori. Lo diceva anche il card. Martini nel libro Perché Gesù parlava in parabole: «per scuotere la gente». Papa Francesco lo fa raccontando e affrontando situazioni limite, difficoltà nel credere, gravi ferite interiori. La sincerità e l’immediatezza del racconto non può lasciare indifferente chi ascolta o legge. E lo costringe a pensare.
Da ultimo, l’uso della parabola consente di dire qualcosa dove non si può dire tutto. Il card. Martini, nel libro sopra citato, lamenta che oggi in Europa «non sappiamo creare nuove parabole». Questo papa non europeo, ma venuto «dalla fine del mondo», è capace di una narrazione nuova e inedita. Anzi, a ben leggere questi sei anni di pontificato, si può dire che lui stesso è una parabola, se ripensiamo ai tanti gesti inusuali di cui è stato capace. Il libro ne ripropone una gustosa antologia.
C’è un’accusa ricorrente nei confronti di papa Francesco: di rendere incerto il messaggio del Vangelo, di non fornire dei punti fermi e sicuri. A parte la superficialità di una simile accusa, rimane vero che a tutto non c’è una risposta immediata. Per cui, per papa Francesco dire: «“Signore non capisco” è una bella preghiera». Non tutto si può spiegare, non tutto deve essere giustificato. Ecco che la parabola (narrazione o gesto) lascia aperti spazi di interpretazione, suscita sensazioni, pone interrogativi.
Non abbiamo raccontato in questa recensione nessuna delle 110 parabole contenute nel testo per lasciare al lettore il gusto della sorpresa. I due giornalisti hanno goduto nello scoprirle e nel raccontarle, il lettore ne vivrà il fascino e la freschezza scorrendo queste pagine.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema73 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino3 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri125 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria38 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje8 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie144 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia2 Pasqua27 passione6 pastorale25 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica49 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti25 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini14 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV14 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società40 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia5 storicità2 streaming4 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV19 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi2
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Canti sullo Spirito Santo e "Video Canti Religiosi" del mese (aprile 2018)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

Epicoco: come prepararci a vivere la Pentecoste