Nadia Toffa: la sua testimonianza e la bufala postuma


Non volevo parlare di Nadia Toffa: troppo clamore per una storia personale, struggente e insieme piena di umanità e di vita. Gli articoli che riporto di Avvenire, Aleteia e Famiglia Cristiana ne tratteggiano bene la sua figura e la sua umanissima e coraggiosissima testimonianza. Ciò che mi ha spinto a parlarne è l'ennesima bufala virale: "l'ultimo messaggio di Nadia". Parole che potrebbero ben adattarsi alla sua storia, ma che non sono sue. Parole pubblicate da siti cattolici (Il blog della preghiera, la pagina facebook "Io sono la vite e voi i tralci" e poi, via via, tutti coloro che, in breve tempo, lo hanno condiviso), siti che dovrebbero fare più attenzione a quello che pubblicano per non perdere di credibilità. Ma chi ha dato inizio a questo odioso falso?
L’ULTIMO MESSAGGIO DI NADIA TOFFA
Se si potesse vedere il mio corpo oltre le apparenze so’ che non riuscireste a riconoscere il mio volto, fa’ male in ogni secondo che respiro, ho dolore ovunque, il mio corpo fa’ male ed io non posso farci nulla, lui ha deciso di fare il suo corso senza di me!!!!!
Che mi stà succedendo??? voglio vivere, essere libera di vivere come è libera la mia anima, la mia mente e il mio corpo voglio vivere… respirare… gioire…. voglio abbracciare questa vita e goderne di ogni singolo secondo come dono, …… ma sono stanca, non ci riesco, devo riposare…. se riesco , il riposo è diventato un traguardo da raggiungere … ogni singolo cm del mio corpo fa male, voglio reagire cerco di farlo ma poi ritorno sul mio letto!!!
Vedo la vita in modo diverso, tutto mi è diventato banale…. potere soldi liti invidie desideri stupidi …. ahhhhh se questa umanità capisse la vita che è un dono e quanto darei per viverla senza questi dolori,senza la malattia !!!!!
Perché si passa una vita intera a rovinarla rincorrendo obiettivi terreni ??? quando il vero obiettivo è la vita in sé?!?!?
Inizio a dialogare con Dio, Signore mio, che sarà di me? della mia vita? della mia famiglia? …
In quei momenti mi rendo conto che nulla è mio … mi era solo in prestito.. .. mi aggrappo a Dio, inizio a vedere la vita dall’alto al basso …. mi affido completamente nelle braccia di Dio … mi rendo conto che era li …il mio posto dal mio primo respiro!!!!!
Alla fine ciò che conta è come l’hai affrontata questa vita.Contano gli esempi dati, i ricordi che lasci,gli affetti curati,i legami creati…conta
l’ impronta che lasci su questa terra.
RINGRAZI CHI TI HA DONATO UN SORRISO E PERDONI CHI TI HA DATO ALTRO …

Famiglia Cristiana:
In una recente intervista al Corriere della sera, Nadia Toffa, l'inviata e conduttrice delle Iene morta a 40 anni, aveva confessato: «Quando mi sono sentita male per la prima volta, mi sono tornate in mente le preghierine che recitavo da piccola. Se mi hanno fatto bene? Sono state come un abbraccio. E ne avevo tanto bisogno».
La sua battaglia contro il cancro è iniziata nel gennaio 2017 a Trieste: Nadia fu trasferita in elisoccorso al San Raffaele di Milano per iniziare gli accertamenti. Due mesi dopo tornò dietro il bancone delle Iene e raccontò ai colleghi e al pubblico la sua malattia: «Non lo sapeva nessuno. Ho pensato tanto a questo momento... Fra di noi c'e' sempre stata sincerità». Lo scorso ottobre aveva pubblicato "Fiorire d'inverno, nel periodo più difficile dell'anno", un libro in cui aveva raccontato quanto stava vivendo, provando a lanciare un messaggio di rinascita e di speranza, Aveva scritto di aver tentato di trasformare il cancro «in un dono, un' occasione, una opportunità», parole che le erano costate attacchi dagli hater del web e critiche (molti hanno pure insinuato che si era inventata tutto solo per farsi pubblicità),ma conquistando il plauso del mondo della scienza per l'invito ai malati a seguire le uniche cure certe, la chemio e la radioterapia.
E aveva instaurato un filo diretto con i suoi fan, tra sorrisi e immagini postate anche dal letto d'ospedale. Un dialogo che si era interrotto da alcune settimane, mettendo in allarme il suo pubblico, preoccupato per il possibile aggravarsi delle sue condizioni. Del resto, a maggio non aveva partecipato all'ultima puntata delle Iene: «La conduttrice - aveva spiegato il programma - ha intrapreso una cura un pò stancante e ha deciso di conservare le energie riposandosi a casa». 
Sono stati proprio i suoi colleghi delle Iene a dare la notizia della sua morte con un messaggio sulla pagina Facebook del programma. «Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all'ultimo, fino a oggi», si legge «Sei riuscita a perdonare tutti, anche il fato, e forse anche il mostro contro cui hai combattuto senza sosta: il cancro. E dato che sei stata in grado di perdonare l'imperdonabile, cara Nadia, non ci resta che sperare con tutto il cuore che tu sia riuscita a perdonare anche noi, che non siamo stati in grado di aiutarti quanto avremmo voluto. Ed ecco le Iene che piangono la loro dolce guerriera, inermi davanti a tutto il dolore e alla consapevolezza che solo il tuo sorriso, Nadia, potrebbe consolarci, solo la tua energia e la tua forza potrebbero farci tornare ad essere quelli di sempre. Niente per noi sarà più come prima».
Nadia Toffa era diventata inviata delle Iene nel 2009, segnalandosi per importanti inchieste sulle truffe ai danni del servizio sanitario nazionale, sulle slot machine, sullo smaltimento del traffico di rifiuti illegali in Campania, sull'Ilva di Taranto (che le ha conferito la cittadinanza onoraria), sull'infanzia violata. Nel 2016 era stata promossa alla conduzione del programma. Ha raccontato il suo impegno sociale e di denuncia in libri come Quando il gioco si fa duro, uscito nel 2014, dedicato al problema dell'azzardopatia, e ha ricevuto tra l'altro il Premio internazionale Ischia di giornalismo nel 2015 e il premio Luchetta nel 2018. 
Sempre nell'intervista al Corriere, Nadia aveva aggiunto di aver paura «che mia madre resti sola. Penso che le madri non dovrebbero mai restare da sole, senza i figli. È troppo». L'ultimo suo messaggio su Facebook è datato 1° luglio e la mostra su un letto d'ospedale con il suo bassotto: «Io e Totò unite contro l'afa.. e dalle vostre parti come va? Vi bacio tutti, tutti, tutti». 
 Avvenire:
Dopo una lunga battaglia contro il cancro è morta a 40 anni Nadia Toffa, storica conduttrice e inviata de "Le Iene".
Lo ha annunciato stamattina lo staff della trasmissione tv.
"Hai combattuto a testa alta, col sorriso, con dignità e sfoderando tutta la tua forza, fino all'ultimo, fino a oggi", si legge sulla pagina Facebook de Le Iene.
Sarà don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano, a celebrare i funerali di Nadia Toffa, il 16 agosto alle 10,30 nel Duomo di Brescia. Lo ha annunciato lo stesso Patriciello sulla sua pagina Facebook. "Nadia ha voluto che fossi io a celebrare il suo funerale. Mi costa molto, ma vado a Brescia volentieri e con grande riconoscenza. Partirò nel pomeriggio di Ferragosto per trovarmi in chiesa alle 10,30 del 16. Ho il dovere di portarle tutto l'affetto e la gratitudine degli abitanti della "Terra dei fuochi"".
Toffa per anni si è battuta per le popolazioni della Terra dei Fuochi. "Era il 2013", ricorda su Facebook Patriciello, "e il resto dell'Italia non conosceva ancora il dramma di Terra dei Fuochi, il genocidio che ormai da oltre un decennio colpisce le province di Napoli e Caserta nell'indifferenza delle istituzioni, dei tanti politici e di tutte quelle 'figure' che rispetto al problema si sono avvicendate in questi anni. Tante chiacchiere, molte promesse! Tutto in fumo. Nadia Toffa, inviata delle Iene, arrivò con la sua troupe sul nostro territorio, incontrò gli attivisti storici e con i suoi servizi, anche contestati da molti negazionisti che le hanno augurato la morte, accese i riflettori sul nostro dramma".
Don Maurizio Patriciello e Nadia Toffa
Don Maurizio Patriciello e Nadia Toffa
"In questi anni - conclude il sacerdote - Nadia Toffa non ha mai abbandonato il popolo campano, e durante le sue interviste il suo sorriso solare e rassicurante si spegneva solo di fronte al dolore degli intervistati. Sapeva sostenere, essere vicina a chi soffriva, a chi aveva subito il torto più grande per un essere umano. Quel che è veramente cambiato, è che oggi Nadia non c'è più lasciandoci sgomenti, mentre la Terra dei Fuochi brucia ancora, brucia sempre, brucia di più. Continua a toglierci il respiro e la vita".
La camera ardente è stata allestita al teatro Santa Chiara - Mina Mezzadri di Brescia, in contrada Santa Chiara 50. 
Nata a Brescia nel 1979 e laureata in lettere a Firenze, le prime apparizioni sul piccolo schermo sono arrivate all'età di 23 anni in due reti locali: prima ha debuttato su Telesanterno, in Emilia-Romagna, poi il passaggio a Retebrescia, dove ha lavorato per quattro anni. Il grande salto a "Le Iene" è arrivato nel 2009, con numerosi servizi e inchieste su truffe farmaceutiche, smaltimento illegale di rifiuti e gioco d'azzardo. Proprio sul fenomeno dell'azzardopatia, nel 2014 ha fatto uscire il suo primo libro dal titolo "Quando il gioco si fa duro". Un altro importante traguardo per Nadia Toffa è costituito dalla vittoria del "Premio Luchetta", che si è che si è aggiudicato insieme a Marco Fubini, a giugno 2018: a valerle il premio è stato un servizio incentrato sulla prostituzione minorile nella periferia barese. 
A stravolgere la vita dell'inviata è un malore nel dicembre del 2017 che l'ha costretta a una pausa dal lavoro. Al suo ritorno in tv, due mesi più tardi, ha rivelato la natura della sua malattia: "Ho avuto un cancro". Poche settimane dopo, Nadia Toffa ha pubblicato un libro dal titolo "Fiorire d'inverno" in cui ha raccontato la propria esperienza alle prese con la malattia "Vi spiego come sono riuscita a trasformare quello che tutti considerano una sfiga, il cancro, in un dono, un'occasione, una opportunità" così si presentava il racconto. In particolare la parola "dono" associata alla malattia ha scatenato una serie di polemiche e prese di distanza. La giornalista è stata accusata di aver semplificato un argomento troppo delicato.
Dopo l'uscita del libro, Nadia Toffa aveva continuato a pubblicare sui canali social gli aggiornamenti sulla sua salute, sui cicli di chemioterapia e sugli impegni in tv con "Le Iene", stavolta nel ruolo di conduttrice. "Sono come mi vedete, sono me stessa" si descriveva nella sua bio di Instagram.
Innumerevoli i messaggi di cordoglio per la morte di Nadia. Tra tutti, ricordiamo quello del presidente Sergio Mattarella, che si dichara "colpito dalla prematura scomparsa" e "ricorda la vivacità e simpatia del suo impegno di giornalista e il coraggio con cui ha affrontato la malattia".
Aleteia:
Il suo dolore, il suo fardello, quello che le era toccato e del quale diceva “è mio, devo portarlo” e al quale aveva osato riconoscere lo status di “dono” , l’aveva sorpresa nel 2017. Durante una trasferta a Trieste per un servizio aveva accusato un malore e la diagnosi non aveva tardato a raggiungerla: cancro.
Bene, anzi male, nessuno vuole il cancro, il cancro è una brutta notizia, racconterà nel pieno della battaglia, il viso gonfio e i tratti alterati dall’aggressività delle cure, in una commovente intervista a Verissimo, di fronte a Silvia Toffanin. Eppure ha mostrato una dignità e una forza che meritano, anzi esigono il nostro rispetto e tutto il conforto spirituale che possiamo assicurarle con le nostre preghiere. E meritano anche la nostra gratitudine: chiunque si metta alla testa di una cordata per una parete così ripida e insidiosa e nel frattempo sostenga i compagni di salita con parole di incoraggiamento è un vero benefattore.
Dipenderà dal fatto che, forse, è il primo ad intravvedere la cima?

La carriera come conduttrice

Prima di diventare un volto noto al grande pubblico aveva fatto gavetta in emittenti locali; dal debutto in Telesanterno, passando in seguito a Retebrescia, dove lavora per quattro anni, ci ricorda la pagina di Wikipedia. Del 2009 è l’inizio della sua collaborazione per Le Iene, prima come inviata in seguito anche come conduttrice.
Tra i servizi più caldi per tematiche affrontate e nervi scoperti toccati, ci sono quello sulla diffusione delle slot machine (cui era seguito anche un libro) e quello sul crescente numero di tumori nella zona inequivocabilmente detta “triangolo della morte”, tra Napoli e Caserta.
Alla conduzione, prima della puntata infrasettimanale poi di quella domenicale, Nadia giungerà solo del 2016. Con i colleghi Giulio Golia, Marco Viviani, Nicola Savino (tra gli altri) ha stretto un legame intenso, che dalla condivisione professionale è tracimato in una vera amicizia.
Ecco come la ricorda via Instagram Giulio Golia
A Nadia piacevano i contrasti, sembra, le cose difficili e insieme buone, come può esserlo il carattere irsuto e dolce di un orso buono. Come è stata di fatto la sua battaglia con la malattia. La stessa che, a tratti, mostrava il suo volto paradossale di alleata.

Le battaglie e la battaglia

Tra le tante battaglie nelle quali si era arruolata non possiamo dimenticarne più di una tutt’altro che condivisibili, ma non è giusto ricordarle adesso, certi del fatto che non conosciamo a fondo il cuore di nessuno né i progressi che possa avere fatto in ordine alla verità, proprio grazie alla durezza del tratto finale del suo cammino. Io ne sarei capace? C’è da pregare per questo, ognuno preparandosi alla prova decisiva della propria vita, quando sarà in prossimità della fine. Quando l’ora coinciderà con quell’ora.
Nadia ha reagito subito all’urto della malattia cercando, forse inizialmente con una certa fretta, di mostrare i lati positivi della sorte che le era toccata e poi via via approfondendo insieme alla sofferenza e alla consapevolezza della propria fragilità, anche la certezza di un destino buono per sé, per tutti.
Colpiscono davvero le sue parole (a me viene da piangere, ma non faccio testo), autorevoli per forza data la sua condizione, quando già nel 2018, mentre il cancro si era da poco ripresentato, era tornata negli studi Mediaset ospite di Silvia Toffanin e aveva parlato del dolore, delle prove, delle sofferenze con una serietà così disarmata e uno spicchio di gioia così irriducibile per le quali dobbiamo solo esserle riconoscenti.
La chiamavano la guerriera perché sapeva bene di avere a che fare con un nemico. E perché aveva intenzione di vincere: la vita è una faccenda interessante, da non lasciarsi sfuggire per distrazione o pusillanimità, diceva con il suo resistere a suon di sorrisi, incoraggiamenti e dimostrazioni di affetto che andava a prendersi a piene mani. Ma proprio nel cuore della battaglia sembrava avere imparato il segreto, quello per cui siamo di fatto tutti uguali o addirittura si può essere privilegiati a trovarsi in prima linea, ai ferri corti con il nemico più forte.
La vita è ora, la vita è un dono, per questo il miglior assetto “in battaglia” è proprio la gratitudine.
Il Signore non è cattivo, ci mette di fronte secondo me a sfide che possiamo affrontare. Questa è la mia sfida. Io all’inizio mi chiedevo: “Perché proprio a me?” Perchè, Silvia, chi è che vuole il cancro Silvia, parliamone, nessuno! E’ una brutta notizia, no? però poi mi sono detta, “ma perché non a me? Perché non a me! E’ pieno di bambini che muoiono il primo giorno di vita. Pensa a quei genitori. Questo è il mio dolore e me lo devo portare, è il mio fardello.(…)
Sentendola parlare dei bimbi colpiti all’inizio della propria vita, subito strappati all’amore dei genitori, ho pensato a questa e storia (e tante altre simili), guardatela.
Sa bene che potrà non vincere la sfida terrena con la malattia ma sa che è chiamata a restare presente a sè stessa, nelle circostanze che le sono date. “Non bisogna mollare”, dice. E prosegue aumentando l’enfasi:
Il Signore non è crudele, non ci vuol vedere soffrire. Io in Dio ci credo e penso che non sia cattivo.
Il pubblico scoppia in un “brava!” e in un caldo applauso. Come ha potuto parlare così del Signore proprio mentre la vita sembrava così ingiusta?

La fede: il finale è solo quello ultraterreno

Servono gli occhi acuti della fede, serve l’esperienza di un pugnace abbandono per riconoscere, nella prova, proprio mentre picchia più duro, gli indizi amorosi del più tenero dei Padri. Che regalo, ci ha fatto Nadia, condividendo con tutti questa sorprendente scoperta.
In una recente intervista al Corriere aveva raccontato
Quando mi sono sentita male per la prima volta, mi sono tornate in mente le preghierine che recitavo da piccola. Se mi hanno fatto bene? Sono state come un abbraccio. E ne avevo tanto bisogno.
Anche questo prova come i piccoli semi, ben piantati, fioriscano o rifioriscano a tempo debito.
E ora penso all’Altro per eccellenza, l’unico decisivo interlocutore, taciuto, cercato, ritrovato. Penso al Signore, al mio, che è il suo, l’unico per tutti a prescindere dal momento in cui ci è dato di intravvederne il volto. E provo ad immaginare la gioia che avrà provato nel vedere il cuore di una figlia aprirsi via via sempre di più a Lui. Non fa come noi Dio, che non appena mostriamo la nostra debolezza dopo anni di arrogante disinteresse nei suoi confronti, si affretta a rinfacciarcelo, a dirci “vedi che da solo non ce la fai? Ora arrangiati”. Va subito al sodo e ci offre quello che solo Lui può darci e che ogni cuore, pur negandolo a sé stesso, cerca: il suo perdono e con esso la vita piena, intera e che non finisce.
Ecco perché di Nadia non posso che dire che ha davvero, definitivamente,tutta la vita (vera) davanti.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus32 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani60 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria39 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie147 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi3
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)