Maria e Medjugorje: il suo compleanno e la politica


Ho scoperto, "grazie" a Salvini, che il 5 agosto è, per i pellegrini di  Medjugorje, il compleanno alla Madonna. La Chiesa ne festeggia ufficialmente la venuta al mondo l'8 settembre. Chi ha ragione? Ecco alcuni recenti articoli che parlano di questi argomenti: uno, più didascalico, è di Avvenire, un'altro, più politico, è preso da facebook, l'ultimo, più apologetico nei confronti del santuario serbo, è de La Nuova Bussola Quotidiana.

Avvenire: "Quando e perché si festeggia la nascita di Maria"

A riavviare il dibattito, a rilanciare il quesito non è stato un biblista né un teologo , bensì il vice premier. Nell’ansia di trovare giustificazioni “celesti” alle sue discutibili scelte politiche, lunedì scorso il ministro Salvini ha festeggiato l’approvazione del “decreto sicurezza bis” ringraziando la Madonna «nel giorno del suo compleanno».

Il 5 agosto di Medjugorje

La chiesa di San Giacomo a Medjugorje
La chiesa di San Giacomo a Medjugorje
Ma davvero la Vergine è nata il 5 agosto? Ovviamente mancando dati anagrafici del tempo e documenti ufficiali, nessuno lo sa con certezza, ma di sicuro con le sue parole il leader leghista ha voluto strizzare l’occhio a quella parte del mondo cattolico che guarda con particolare attenzione a Medjugorje (vicenda su cui la Chiesa non ha ancora preso una decisione definitiva). Sarebbe stata infatti proprio Maria, nel 1984, durante un’apparizione nella città dell'Erzegovina, a rivelare ai presunti veggenti che quella era la data del suo compleanno. E che in più si festeggiava il bimillenario della sua nascita terrena. Un richiamo perentorio ma non del tutto nuovo visto che si ricollega a testimonianze di esperienze analoghe fatte da mistici come don Stefano Gobbi, il sacerdote lombardo scomparso nel 2011, fondatore del Movimento sacerdotale mariano a seguito di un’ispirazione interiore avuta durante un pellegrinaggio a Fatima.

La Madonna della Neve

La Basilica di Santa Maria Maggiore
La Basilica di Santa Maria Maggiore
Quanto alla data, il 5 agosto è comunque un giorno mariano visto che la Chiesa festeggia la Madonna della Neve, nel ricordo del manto bianco che avvolse il colle Esquilino in piena estate romana portando papa Liberio alla costruzione di Santa Maria Maggiore, nel quarto secolo. Basilica pontificia che è il segno più tangibile e noto di un culto molto diffuso nel nostro Paese dove si contano oltre 150 edifici sacri intitolati a Nostra Signora della Neve.
Nella vita della Chiesa infatti le festività affondano le loro radici oltreché nelle esistenze dei protagonisti, nelle caratteristiche degli eventi stagionali, spesso intrecciandoli l’una con l’altra. Vale anche per l’8 settembre, data che celebra ufficialmente la nascita della Vergine. Una ricorrenza che come spesso accade per gli anniversari mariani affonda le sue radici in Oriente e che va ricollegata al Menologium Basilianum calendario che poneva in quei giorni l’inizio dell’anno ecclesiastico. Così la nascita di Maria va interpretata come una sorta di stella del mattino, titolo che spesso qualifica la Vergine, come annuncio della venuta del Salvatore, come aurora del sole di giustizia.

Il Protovangelo di Giacomo

Giotto: L'incontro tra Gioacchino e Anna alla Porta D'oro
Giotto: L'incontro tra Gioacchino e Anna alla Porta D'oro
A introdurre la celebrazione in Occidente fu invece, nel VII secolo, papa Sergio I che prese le mosse, come già detto, dalla tradizione orientale, a partire dal Protovangelo di Giacomo. Si tratta di un testo datato intorno all’anno 150, “apocrifo”, cioè escluso dal canone delle Sacre Scritture perché ritenuto privo di ispirazione divina, che tratta abbondantemente della vita della Vergine e della nascita di Gesù, attingendo anche dai Vangeli di Luca e Matteo. In particolare vi si narra la sofferenza di Anna e Gioacchino, i genitori della Madonna, in quanto sterili e poi visitati dalla grazia del Signore con la nascita di Maria. Particolarmente delicata la scena del ritorno a casa di Gioacchino dopo l’autoesilio, immortalata dal dipinto di Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova. «Anna se ne stava sulla porta, e vedendo venire Gioacchino, gli corse incontro e gli si appese al collo, esclamando: "Ora so che il Signore Iddio mi ha benedetta molto. Ecco, infatti, la vedova non più vedova, e la sterile concepirà nel ventre"». E proprio a Gerusalemme, presso la casa dei genitori di Maria, nel IV secolo venne edificata la basilica di sant’Anna, nel giorno della cui dedicazione veniva celebrata la natività della Madre di Dio. L’8 settembre dunque si riferirebbe innanzitutto a quell’evento.

Santa Maria Nascente

Il Duomo di Milano è dedicato a Santa Maria Nascente
Il Duomo di Milano è dedicato a Santa Maria Nascente
Naturalmente anche la nascita di Maria ha ispirato artisti e architetti. L’esempio più evidente e famoso è il Duomo di Milano dedicato appunto a Santa Maria Nascente ma la devozione in tal senso è molto diffusa pressoché in tutta la Lombardia dove si affianca al culto di Santa Maria Bambina, sviluppatosi anche grazie alle riproduzioni in cera che ritraggono la Vergine neonata realizzate nelle prima metà del 1700 da suor Chiara Isabella Fornari.

Sempre e solo Gesù

Dunque, alla fine quand’è nata Maria? Certezze sulla data non ce ne sono ed in fondo saperlo non è poi così decisivo. L’importante semmai è ricordare che, nella tradizione cattolica, Maria ci riporta sempre a Gesù, che la Vergine è nata e vissuta per essere Sua Madre. Non a caso di lei sola, insieme a san Giovanni Battista, si celebre oltre alla “nascita in cielo” anche la venuta in questo mondo. Inutile allora discutere o peggio litigare per difendere l’una o l’altra data. Cio che conta invece è guardare al modello di Maria, è pregarla, è imparare a gustarne la tenerezza di Madre, che ascolta e sta accanto a tutti i suoi figli, specie i più poveri e dimenticati. Disse san Pier Damiani: «Dio onnipotente, prima che l’uomo cadesse, previde la sua caduta e decise, prima dei secoli, l’umana redenzione. Decise dunque di incarnarsi in Maria». E san Luigi Maria Grignion de Montfort : «Dio Padre ha radunato una massa di acque che ha chiamato mare; Egli ha pure riunito un insieme di tutte le grazie che ha chiamato Maria».
***
Da facebook:
*La Madonna: madre accogliente o diabolica matrigna?*
Cara Madonna, Maria di Nazaret!
Mi perdoni se non ti chiamo Madonnina come qualche diffusore d'odio e di paure va facendo?
E se non t'ho augurato buon compleanno il 5 agosto, dal momento che non sappiamo in quale giorno sei nata e comunque siamo soliti augurartelo l'8 settembre?
Dimmi però: hai mai ricevuto uno schiaffo simile a quello che tè arrivato in questi giorni?
Madre qual sei, hai dovuto assumere l'aspetto di diabolica matrigna, che rifiuta accoglienza e salvataggio ai più disperati dei suoi figli. Una legge disumana che decreta sanzioni a chi soccorre fuggiaschi da guerre e da violenze, avrebbe avuto nientemeno che il tuo patrocinio!
Maria! Ma che religione è questa?
Hai per caso cambiato metri di valutazione da quando sei in Paradiso?
Hai forse mutato opinione guardando le cose dall'alto? Non posso crederlo.
L'unica immagine affidabile di te è quella che mi consegna il vangelo, là dove canti a squarciagola a quel Dio che disperde i superbi nei pensieri del loro cuore; rovescia i potenti dai troni e innalza gli umili; ricolma di beni gli affamati e manda via i ricchi a mani vuote (cfr. Luca 1, 51-53). Non sei tu madre di quel Cristo che ha riservato le sue attenzioni agli esclusi, ai derelitti, ai perduti, senza mai fare parzialità religiose o razziali? Non sei invocata madre di misericordia proprio perché alla fine è su questa che saremo giudicati? Ora, tra le opere di misericordia, c'è anche questa: l'accoglienza dello straniero, specie se in pericolo di vita Come puoi dare il tuo benestare a una legge che obbliga ad essere disumani? No, non posso crederlo.
Sei stata tirata in campo con l'appellativo di Beata Vergine di Medjugorie.
Lo sai, pur nel rispetto di quanti vi si recano con le migliori intenzioni, ho sempre nutrito alcune perplessità su quel fenomeno. Per diverse ragioni.
Anzitutto per quella strana combinazione tra fiumi di pellegrini e fiumi di Euro o dollari che ne han fatto (per ammissione dello stesso Inviato papale) appetibile mèta di profitti per mafia e camorra; poi, altro motivo di perplessità, quell'ininterrotta catena di messaggi, lunghi e ripetitivi: ma davvero sono tuoi? Suonano strani, al semplice confronto con i vangeli che ti presentano donna di poche parole, stringate ed essenziali, mai ripetute due volte...
Maria, anche ammesso che quei messaggi siano tuoi, perché mai ciò che stava più a cuore a tuo Figlio - vale a dire il primato indiscusso di carità e misericordia operose - vi ricorre così poco, a tutto vantaggio di esortazioni a digiuni e preghiere? Importanti anche nel Vangelo, certo, ma non prioritari. Non sarà che - il Vangelo, appunto - ormai lo si sventola nelle piazze, anziché leggerlo da capo a fine e metterlo in pratica?
A parte le mie perplessità, Madonna cara, non ti nascondo che al solo sentirti attribuire il merito di una legge pacchianamente disumana (e perciò diabolica, per chi guarda con occhio cristiano), mi sarei aspettato dai veggenti (veri o presunti) di Medjugorie almeno una parola di protesta, e dai responsabili religiosi di quel luogo un'esplicita richiesta di scuse a chi ti ha oltraggiata a tal punto!
O devo concludere che proprio tale oltraggio (al Vangelo, in ultima analisi) è l'ultima riprova dell'infondatezza del fenomeno "Medjugorie"?
Me ne spiacerebbe, oh non per te, Maria (tu sei superiore a certe offese), ma per i molti che rischiano di prender per buono un Vangelo che non è più quello del tuo Gesù.
Puoi fare qualcosa?
Per esempio diradare quelle nubi oscure, che accumulano egoismi, paure e menzogne…
E poi riaprirci dinnanzi la via dell'umanità che abbiamo smarrito, se è vero che tu hai reso umano perfino il Figlio dell'Altissimo.
Ne sei capace. Perciò, ascoltaci.
*Tuo don Piero Rattin*
__Rettore del modesto Santuario di Montagnaga di Pinè, dove a quanto si riferisce hai detto poche parole, ma vere. E hai prestato ascolto a tante voci angosciate, senza mai sottoscrivere nulla d'iniquo e disumano…__
***
Da La nuova bussola quotidiana: Il paradosso di Medjugorje
Il 30° festival dei giovani a Medjugorje, che si è svolto nei giorni scorsi, ha presentato una importante novità: ovvero una nutrita presenza di cardinali, arcivescovi e vescovi, effetto delle disposizioni emanate in maggio da Papa Francesco, che ha consentito i pellegrinaggi, e anzi ne raccomanda la guida pastorale.
Frutto dell’«attenzione pastorale» del Papa - diceva allora il comunicato ufficiale vaticano -, che riconosce «gli abbondanti frutti di grazia» scaturiti in questi anni «dal notevole flusso di persone che si recano a Medjugorje», il via libera ai pellegrinaggi non deve comunque essere inteso come «una autenticazione dei noti avvenimenti», ovvero le presunte apparizioni mariane che si susseguono dal giugno 1981.
La Chiesa istituzionale è dunque arrivata in forze a Medjugorje per incontrare i giovani che, nella prima settimana di agosto, convergono qui a decine di migliaia da tutto il mondo. Tra i prelati eccellenti che si sono alternati nella celebrazione delle messe e nelle catechesi, ricordiamo il cardinale Angelo De Donatis, vicario della diocesi di Roma, monsignor Rino Fisichella, presidente del Dicastero per la Nuova evangelizzazione, monsignor José Rodriguez Carballo, segretario del Dicastero per gli istituti di vita religiosa. E questo solo per citarne alcuni. Una presenza dunque di tutto rilievo che ha fatto dire che, al di là della doverosa prudenza ufficiale sulla autenticità delle apparizioni, a Roma c’è ormai un clima favorevole al loro riconoscimento.
Si tratterebbe in questo caso di una svolta sorprendente se si considera che in diverse conferenze stampa il Papa si era un po’ lasciato andare in commenti sarcastici a proposito della “Madonna postina”. Addirittura, nel volo di ritorno da Fatima, il 13 maggio 2017, papa Francesco – riferendosi proprio a Medjugorje - aveva detto testualmente: «Io preferisco la Madonna madre, nostra madre, e non la Madonna capo-ufficio telegrafico che tutti i giorni invia un messaggio a tale ora… questa non è la mamma di Gesù».
Mentre dunque molti si chiedono che cosa, e in che modo, abbia fatto cambiare idea e approccio a papa Francesco, è interessante notare un paradosso che si sta verificando: più da Roma arrivano segnali di apertura nei confronti di Medjugorje, più rischia di essere oscurata la presenza della Madonna.
Il primo segnale è proprio nella disposizione che ha liberalizzato i pellegrinaggi a Medjugorje. Gesù, come criterio di discernimento, diceva che dai frutti si riconosce l’albero: «Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi? Così ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi» (Mt 7, 16-17). Ora, la Santa Sede dice che i frutti sono certamente buoni, ma evitiamo di parlare dell’albero. È evidente che c’è una contraddizione. Certo, essa è giustificata dalla prudenza che la Chiesa sempre ha avuto nei confronti delle apparizioni, a maggior ragione quando sarebbero ancora in corso. Ma questo vale fino a un certo punto, perché diventa sempre più insostenibile cercare di trarre godimento dai frutti buoni negando l’albero.
Le grandi grazie che tantissimi fedeli hanno sperimentato e continuano a sperimentare andando a Medjugorje, non nascono dall’aria buona che si respira in Erzegovina, né dai particolari carismi che potrebbero avere i frati francescani in loco. Non solo i veggenti dicono di vedere la Madonna, ma i tanti convertiti, i tanti che hanno avuto la grazia della guarigione fisica, parlano tutti di “grazie della Madonna”. La questione dell’albero da cui derivano i frutti è perciò ineludibile.
Allo stato attuale invece, preti e vescovi che guidano i pellegrinaggi dovrebbero parlare in generale della fede e, al massimo, della Madonna ma senza fare riferimento a quanto i veggenti riferiscono.
Qui c’è bisogno di un ulteriore chiarimento: nessun fedele è tenuto a credere alle apparizioni della Madonna, anche quelle riconosciute ufficialmente; e le apparizioni mariane vanno sotto la voce “rivelazioni private”. Come afferma il Catechismo, queste «non appartengono al deposito della fede. Il loro ruolo non è quello di “migliorare” o di “completare” la rivelazione definitiva di Cristo, ma di aiutare a viverla più pienamente in una determinata epoca storica» (CCC 67).
La Madonna quindi appare per guidare e confortare gli uomini nella lotta contro il Male, aiutandoli a individuarlo nelle precise circostanze storiche in cui vivono, preparando la seconda venuta di Cristo (cfr. Diego Manetti, Perché appare la Madonna, I libri della Bussola). Con le apparizioni mariane, dunque, il divino irrompe nella storia e si fa compagnia agli uomini: perciò i messaggi non sono un optional trascurabile, sono parte fondamentale delle apparizioni, perché spiegano il motivo per cui la Madonna appare in un certo luogo, in un certo momento e secondo certe modalità. Che senso avrebbe la devozione alla Madonna di Fatima ignorando ad esempio i messaggi dati ai tre pastorelli (comunismo, guerre mondiali, ecc.) e le esperienze a loro concesse (la visione dell’inferno)? Una pastorale mariana che ignora la storicità della presenza di Maria, si trasforma facilmente in una parola degli uomini, non di Dio.
Questo rischio è apparso ancora più evidente con la presenza di così tanti prelati al festival dei giovani a Medjugorje, e qui arriviamo al secondo segnale. Scorrendo qua e là omelie e catechesi della settimana, si nota che - proprio per evitare una possibile «autenticazione dei noti avvenimenti» - si è parlato molto poco della Madonna e nulla di quanto avvenuto a Medjugorje. Abbiamo letto anche parole belle e piene di spiritualità, ma che potevano essere pronunciate allo stesso modo, in qualsiasi momento, a Roma, Sidney, Timbuctù e in qualsiasi altra parte del mondo.
I fedeli che vanno a Medjugorje, però, non vogliono sentirsi semplicemente confortati per la loro scelta sul luogo dove fare i ritiri spirituali, hanno il diritto di sapere se l’albero è buono. Perché se è buono vuol dire che la Madonna si è resa presente a Medjugorje per un motivo, per comunicarci qualcosa di preciso, per farci capire meglio a che punto siamo della storia della salvezza e cosa ci è richiesto concretamente. E i fedeli vogliono seguire ciò che la Madonna dice loro.
Portare anche tutto il Vaticano a Medjugorje, ma per parlare di altro, non è un contributo al riconoscimento delle apparizioni, bensì il loro oscuramento: la gerarchia ecclesiastica si mette in mezzo tra la Madonna e il popolo, rendendo più difficile fare arrivare i messaggi e aderire a ciò che la Madonna indica.
Questo è il grande paradosso che stiamo vivendo. E se guardiamo al grande travaglio che la Chiesa sta attraversando e alla necessità di solidi punti di riferimento per restare saldi nella fede, abbiamo la sensazione che non sia un caso.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia39 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi74 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid191 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti33 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco195 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto12 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri128 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità27 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica51 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere88 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma15 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile