Cristiani emergenti: Monica Mondo (contro Lucetta Scaraffia, dimissionaria)


Non hanno pace i media vaticani: l'ultima bordata è arrivata pochi giorni fa con la dimissione in blocco della storica Lucetta Scaraffia, direttrice dell'inserto mensile de L'Osservatore Romano "Donne Chiesa Mondo" e delle sue collaboratrici in conflitto con la linea editoriale del nuovo direttore Andrea Monda che lo scorso dicembre aveva preso il posto di Giovanni Maria Vian.
Il passo indietro della storica e di altre 11 redattrici è stato annunciato con un editoriale pubblicato sul numero di aprile e rilanciato anche dal blog Settimo Cielo. Nell'articolo - dai toni tutt'altro che concilianti - Scaraffia ha spiegato che "non ci sono più le condizioni per continuare la (...) collaborazione con L’Osservatore Romano" perchè la linea autonoma del mensile non avrebbe "trovato l'appoggio della nuova direzione (...), indirizzata piuttosto a depotenziare Donne Chiesa Mondo, avviando collaborazioni e iniziative che appaiono concorrenziali, con l'effetto di mettere le donne l'una contro l'altra invece di sollecitare confronti aperti, e dimostra così di non considerare i membri della redazione interlocutori sufficientemente 'affidabili"'. (da La Nuova Bussola Quotidiana)
 maschilismo donne chiesa
Lo scontro è con Monica Mondo che così viene presentata su Tv2000:
Torinese, laureata in Lettere classiche, Monica Mondovive a Roma, dove lavora come autore e conduttore a TV2000.
Ha scritto per diverse testate giornalistiche, di cultura e politica; ha lavorato nell’editoria e per la radio. Per l’editore Marietti ha pubblicato due romanzi: “Sarà bella la vita” e “Il mio nome è Khalid”. Per l’editore Cantagalli un saggio con il cardinal Georges Cottier “Selfie. Dialogo sulla Chiesa con il teologo di tre papi”, e per la San Paolo una biografia di Giovanni Falcone con la sorella Maria “Le idee restano”.
Ha tre figli fantastici, ama la chiesa cattolica e, si parva licet…Tolkien, la Juventus e Springsteen.
La diatriba all'interno del quotidiano vaticano è ben raccontata da UCCR:
Maschilismo, cultura misogina, delegittimazione femminile. Si è sentito di tutto nelle ultime ore a proposito della redazione de l’Osservatore Romano, il quotidiano del Vaticano. Il caso sono le dimissioni volontarie di Lucetta Scaraffia, e del suo staff, responsabile dell’inserto “Donne, Chiesa, Mondo” (fonti interne rivelano che almeno due donne che lavoravano alla rivista sono furiose verso la Scaraffia perché non volevano dimettersi, ma ha deciso da sola e lo ha comunicato solo in seguito alle collaboratrici). Ma la discriminazione delle voci femminili, così come si legge sui giornali, non c’entra assolutamente nulla.La prof.ssa Scaraffia è un’apprezzata storica de La Sapienza ed intellettuale di rilievo nel mondo cattolico italiano, convertitasi da adulta dopo una carriera come femminista, sessantottina e marxista. Negli ultimi anni, tuttavia, si è lasciata liberamente corteggiare dal potere mediatico occidentale concedendo interviste dai toni molto pesanti nei confronti della Chiesa e del Vaticano, denunciando una situazione riguardo alla condizione femminile che rispecchia la più classica retorica del protofemminismo (con l’uso ormai anacronistico di quel “noi” e “loro”, per identificare donne e uomini in una fantomatica guerra reciproca). Le sue dichiarazioni -basta una semplice ricerca- hanno prodotto titoli come questi: «Lucetta Scaraffia attacca la Chiesa: “Odia le donne ed è piena di pedofili”». E’ anche autrice di un libro di denuncia: Dall’ultimo banco (Marsilio), per il quale ha chiesto la prefazione nientemeno che all’anticlericale Corrado Augias, contento come non mai di prestarsi a questa operazione.Le denunce della Scaraffia sulla poca considerazione delle voci femminili all’interno delle strutture di governo della Chiesa sono senz’altro opportune e corrispondono probabilmente ad una dolorosa verità, tuttavia non è condivisibile la sua consapevole scelta di sfruttare il clamore mediatico per tentare di indurre un cambiamento con il ricatto dello scandalismo dei media, i quali si tuffano su queste accuse alla Chiesa come un boccone prelibato. Ma, ovviamente, per motivi ben diversi da quelli della Scaraffia. Le femministe (cattoliche) hanno il monopolio degli argomenti femminili?Il vero motivi del suo abbandono dell’Osservatore Romano, tuttavia, sembra ricondursi ad altro rispetto a quanto ha denunciato nelle numerose interviste che ha rilasciato in queste ore. E’ un altro difetto del femminismo classico, cioè quello di voler monopolizzare gli argomenti “femminili”non accettando che vengano trattati da persone al di fuori della “cerchia femminista”, donne o uomini che siano. E’ quanto sembra essere accaduto proprio in questo caso.La stessa Scaraffia infatti ha giustificato il suo abbandono parlando di “difficoltà” sorte in seguito all’entrata del nuovo direttore, Andrea Monda, e per la presenza di «articoli totalmente opposti rispetto alla linea del nostro mensile». L’esempio concreto che ha portato è quello di «un articolo firmato da Monica Mondo, una recensione molto critica su un filmato che mostrava abusi su religiose, che portava avanti posizioni opposte alle nostre». Ecco, quindi, il punto. L’esistenza di donne che scrivono sull’Osservatore Romano e che la pensano diversamente dalla linea dell’inserto femminile diretto dalla stessa Scaraffia.La risposta di Monica Mondo: “Il mio punto di vista non gradito dalla Scaraffia”E Monica Mondo, autrice di TV2000 (bellissime le sue interviste nel programma Soul) ha risposto. La Scaraffia l’ha accusata di aver pubblicato un articolo su L’Osservatore riguardo un docufilm su suore abusate, manifestando una posizione critica diversa da quella celebrativa apparsa sull’inserto “Donne, Chiesa, Mondo”. «Mi è sembrato che ci fosse, da parte degli autori del film, una durezza eccessiva, come se la volontà di colpire la Chiesa stesse prevalendo sul desiderio di dire la verità. Dopo di che, ho scritto di getto, nella convinzione che la mia testimonianza non sarebbe stata pubblicata». Ed invece l’articolo è apparso, indipendentemente che un parere fosse già stato dato sull’inserto femminile. «Ma questo non impediva a L’Osservatore di tornare sul tema. Magari da un altro punto di vista, che però (ci tengo a ribadirlo) era pur sempre un punto di vista femminile», ha spiegato la Mondo. «Un fatto che avrebbe potuto essere apprezzato, anche avviando una discussione. Mi piace pensare che questo sia ancora possibile, purché si riesca a ristabilire un clima di serenità. La mia personale convinzione è che, specie su argomenti di questa importanza, non esistano competenze esclusive e che, di conseguenza, non abbia senso lamentare l’invasione di campo».L’autrice di TV2000 ha anche inviato una lettera a Il Mattino, respingendo le accuse di essere una «pennivendola al servizio di un potere maschilista». «Vorrei ricordare alla professoressa Scaraffia che sono una donna anch’io e poiché difende tanto la necessità di una presenza femminile nella Chiesa, penso di avere diritto di parola. Non credo che su certi temi solo lei e le sue amiche abbiano diritto di argomentare. E’ persino possibile che qualcuno abbia sfumature di pensiero diverse dalle sue».Monica Mondo centra il punto: «E’ fuorviante che l’apertura a voci diverse sia considerata perdita di potere, e utilizzata per una campagna vittimistica, che solletica chi considera la Chiesa da sempre su una sentina di vizi. E’ triste constatare che continui ad essere certo post femminismo ideologico, cambiate casacche e bandiere, ad attaccare le donne».Ci auguriamo che l’inserto Donne, Chiesa, Mondo continui ad essere pubblicato e che Lucetta Scaraffia torni a collaborare in futuro, come voce originale, indipendente ed in controtendenza rispetto al suo stesso passato di militanza femminista.La redazioneAGGIORNAMENTO 29 marzo 2019Oltre alla riflessione di Maurizio Crippa su Il Foglio, segnaliamo l’interessante intervento di Rita Ferrone, teologa e catechista che vive a New York. Ha innanzitutto confessato di non essere «mai stata molto innamorata dell’idea di un “supplemento femminile” a L’Osservatore Romano. Cosa dice della pubblicazione principale? Che è un giornale per soli uomini e intende restare così?». Anche Ferrone ha sottolineato, come (solo) da noi esposto, che il vero motivo delle dimissioni è il fatto che «Scaraffia e le sue collaboratrici sono state sfidate con successo da donne che stavano producendo un giornalismo eccellente, ma non erano della loro squadra, non erano più l’unica presenza femminile ne L’Osservatore Romano. La notizia è stata raccontata da tutte le principali agenzie di stampa, con l’oscura interpretazione che il sessismo della Chiesa cattolica era ancora una volta al lavoro. L’istituzione patriarcale caccia l’unica coraggiosa femminista che ha violato le barricate!».
Ed invece, la nuda verità è che «Scaraffia si è imbattuta in un nuovo editore generale che non la considerava l’unico arbitro e punto di riferimento per tutto ciò che riguarda le donne. Ha preferito rassegnare le dimissioni piuttosto che collaborare con lui all’interno di un quadro più ampio di collegialità. Questo è suo diritto. Affrontare la questione come una lotta titanica contro il “controllo maschile” e per l’indipendenza “femminile”, tuttavia, mi sembra sbagliato. Ci sono donne di mentalità indipendente in entrambi i lati di questa storia. Ironia della sorte, la denuncia sul “controllo maschile” sembra concentrarsi sulla protezione di un feudo separato per le donne, piuttosto che promuovere le donne come uguali a tutti i livelli». 
Ancora sulla diatriba vedi l'articolo di Avvenire («Il mio scritto sull'Osservatore? Spunto per aprire un dibattito»), mentre sulla figura di Monica Mondo vedi l'articolo deticatogli da Credere

LA MIA FEDE CON IL CUORE E CON LA RAGIONE


La conduttrice di Soul su Tv2000, racconta l’adolescenza difficile in lotta contro l’anoressia, l’incontro con comunione e liberazione, l’avvio alla professione e la sfida di essere madre e lavoratrice: tutto con lo stile dei cristiani
Monica Mondo
 «Era il periodo di Vatileaks, la Chiesa si trovava sotto attacco. Per un anno e mezzo, quasi tutte le settimane, ho avuto la fortuna di frequentare l’anziano cardinale George Cottier: ci siamo incontrati, abbiamo chiacchierato di tutto e ne è nato un libricino, Selfie. Dialogo sulla Chiesa con il teologo di tre Papi (Cantagalli). Di lì a non molto Cottier ci ha lasciato. Ma prima di morire, in ospedale, mi ricordò che gli avevo promesso di scrivere un libro sulla Chiesa, accogliendo la sua proposta. Cottier, infatti, si raccomandava che finalmente toccasse ai laici, e specialmente alle donne, parlare della Chiesa».
Monica Mondo, autrice e conduttrice di Tv 2000, spiega con queste parole, accompagnate da un sorriso che gli spettatori conoscono bene, la genesi dell’ultima sua fatica, Io, cristiana per amore e per ragione, da pochi giorni in libreria per i tipi di San Paolo. «L’ho scritto per onorare la promessa fatta a Cottier», si schermisce Monica: «Non è un trattato, ma un insieme di domande e riflessioni che si intrecciano a esperienze vissute e storie vere».
Il punto di partenza è presto detto: «Nel “Ti adoro”, ogni mattina», spiega, «ringraziamo Dio per essere stati “fatti cristiani”. Ma che vuol dire, davvero? La fede e l’appartenenza alla Chiesa sono una mannaia o qualcosa di bello da riconquistare ogni giorno? E come posso aderire alla Chiesa con la ragione e con i dubbi? Ecco, il mio libro prende le mosse da qui».
Quale esperienza di Chiesa hai fatto nella tua famiglia di origine?
«Sono cresciuta a Torino negli anni Settanta in un contesto nel quale si tollerava il fatto religioso quando dà frutti visibili (pensiamo ai “santi sociali”), ma culturalmente ne era lontano, quasi sprezzante. Ho avuto la fortuna di avere papà e mamma che mi hanno sempre portato a Messa la domenica. Mio padre (Lorenzo Mondo, giornalista e critico letterario della Stampa) cresciuto alla scuola dell’Azione cattolica, era rimasto deluso dall’uso strumentale della fede in ambito politico».
E a scuola?
«Ho frequentato il liceo classico più severo di Torino, dove si formava la borghesia della città: lì non si poteva parlare di fede, era quasi disdicevole. Finché ho incontrato alcuni rompiscatole di Cl che mi invitarono alle loro vacanze. Ed è al santuario di Oropa, in quell’occasione, che ho conosciuto un prete con un grande carisma: don Bernardino Rainero, “Berna” per gli amici e, tramite lui, don Giussani. Di lui mi colpì la sua irrefrenabile volontà di mettere insieme fede e ragione».
Da giovane, però, hai vissuto anche una stagione di grande sofferenza…
«Mi sono ammalata di anoressia, senza riuscire a darmi un perché, in una stagione in cui quella malattia era ancora poco conosciuta e faceva paura. Improvvisamente mi sono ritrovata sola. Se non sono diventata completamente atea in quel momento è per grazia: star male e sentirsi abbandonati dagli amici è una prova dolorosa. In un momento così difficile sono andata a vivere da mia nonna: una donna semplice, ma che mi ha accolto con amore e tenerezza».
Come hai iniziato a lavorare nel mondo dei media?
«Nel momento peggiore della mia vita, don Francesco Meotto, un santo sacerdote, l’allora direttore della Sei (Società editrice internazionale), che conoscevo, mi ha chiesto di lavorare per l’ufficio stampa. Nessuno avrebbe puntato su di me in quella situazione, lui sì. In quegli anni, finite le superiori, lavoravo anche per Radio Proposta, un’emittente diocesana grazie alla quale ho avuto la possibilità di scoprire un volto più ampio della Chiesa, accostando focolarini, boy scout, giovani di Azione cattolica, missionari...».
Poi ti sei sposata: cos’è cambiato da allora?
«Siamo andati a vivere a Milano e, in quel periodo, ho partecipato a una stagione molto intensa, nella quale ho avuto modo di lavorare con colleghi come Riccardo Bonacina, Giuseppe Frangi e altri, che all’epoca erano giovani di 25-30 anni animati di grande entusiasmo e passione. Ci sentivamo certi dell’esperienza di fede che avevamo, ma con addosso una enorme voglia di imparare da maestri di umanità, da Testori a Luzi…».
Oggi hai tre figli: come riassumeresti la tua esperienza di madre?
«I figli sono il più evidente segno che quello che hai non dipende da te. Ne ho tre: Francesco, che studia Scienze politiche; Luca, che fa Economia, e Chiara, di 25 anni, che si è appena sposata. Si chiama così per un voto a santa Chiara d’Assisi: dopo l’esperienza dell’anoressia, mi avevano detto che non avrei potuto avere figli. E invece… Sono infinitamente grata a Dio che tutti e tre, ciascuno a modo suo, siano cristiani».
Come li hai cresciuti nella fede? Oggi, per una mamma credente non è una passeggiata…
«Li abbiamo educati alla Messa e alla preghiera fin da piccoli. E poi abbiamo cercato di far loro conoscere persone preziose, a noi care, tant’è (ride) che i miei figli mi prendono in giro dicendomi che ho amici solo preti. Quando hai dei ragazzi che stanno crescendo, diventa naturale cercare qualcuno che gli stia vicino, qualcuno di cui ti fidi. La cosa che ci interessava di più era far capire ai nostri ragazzi che la fede riguarda l’intelligenza e il cuore. Ebbene, i miei figli non si vergognano di credere. Non è facile, Gesù non ci ha detto “Guardate che sarà facile”. È scomodissimo essere credente, devi rendere ragione a te stesso e agli altri. Però ne vale la pena».
Ti è capitato di essere discriminata, come credente, sul lavoro?
«Ho lavorato in Mondadori, in Rai, in Mediaset e – devo dire – mai è accaduto. Ho sempre percepito grande rispetto, a volte qualche presa in giro, ma nulla più».
Sei figlia di un giornalista, hai un marito giornalista, Franco Bechis, vicedirettore di Libero...
«Ma non sono giornalista. Curioso, no? Non ho voluto dare l’esame da professionista, perché, alla vigilia, un’ex collega insinuò il sospetto che sarei stata favorita e io, per ripicca, non mi presentai. Ciò detto, sono un po’ all’antica: penso che i figli debbano stare soprattutto con la mamma, quindi ho sempre fatto la free-lance, rifiutando di essere assunta. Usiamo una parola che la gente non usa più: essere madre è una vocazione. Le rinunce sono tante, ma per un valore più grande».
La donna nella Chiesa: a che punto siamo?
«Non sopporto il clericalismo dei laici, ridurre la questione-donna a un problema di ruoli. È evidente che dovrebbe essere normale che nei consigli pontifici ci siano donne, ma non è così. Tant’è che fa notizia la nomina di questa o quella donna. La verità è che la Chiesa riflette quello che c’è nella società, ma, nei fatti, rispetta le donne più di quanto non avviene altrove: basta vedere come vengono usate le ragazze nei media o nel mondo del lavoro. Come cattolici, trovo che siamo andati dietro (sbagliando) a un certo femminismo quando la Chiesa è piena di sante, note per la loro grande intelligenza».
Il programma che conduci, Soul (che in inglese significa anima), ha un titolo ambizioso.
«L’idea di partenza è che noi non siamo quello che facciamo o il successo che abbiamo, ma le domande che portiamo in cuore. Purtroppo viviamo in un mondo che cerca di occultare le domande. Cosa ci unisce, credenti e no? Il fatto che ognuno si chieda come essere felice o che senso abbia tutto».
Chi più ti ha colpito dei tanti intervistati?
«Penso a missionari come suor Rosemary Nyirumbe, ugandese, o a padre Flor Maria Rigoni, scalabriniano bergamasco che vive al confine tra Messico e Usa. Ma mi hanno colpito molto anche personalità laiche come Umberto Galimberti o Erri De Luca».
In video, a Soul, lo spettatore vede solo te e l’interlocutore, senza immagini o filmati...
«È un programma… quasi radiofonico. In televisione, però, si vedono gli sguardi. E quando c’è il coraggio di guardarsi negli occhi, si vede che la persona che ho davanti mi interessa. Dobbiamo stupirci di chi abbiamo davanti. Passiamo la vita a sfiorarci, ma, in fondo, abbiamo tutti lo stesso destino».
Testo di Gerolamo Fazzini
Foto di Stefano Dal Pozzolo / Contrasto

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa15 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni73 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus33 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia5 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco191 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita29 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere86 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità66 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video108 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry