Silvia Romano, la giovane rapita in Kenia, e il cinismo dei cattivisti


Il "buonismo" non è più di moda e il rapimento di una giovane missionaria in Kenia, Silvia Romano, ha scatenato il "cattivismo" di coloro che non sopportano la solidarietà e l'idealismo e hanno definito la Romano una «frustrata», una«oca giuliva» e  una «disturbata mentale» (alcuni ci sono andati ancora più pesanti).

Questo è un articolo su Famiglia Cristiana:
Non si ferma la rabbia sul web, nemmeno di fronte a una giovane 23enne, Silvia Romano, la volontaria sequestrata in Kenya in seguito a un attacco armato a 80 chilometri da Malindi. Da «Ennesima oca giuliva, poteva stare a casa e aiutare gli italiani» a «Speriamo che tutti i buonisti pro clandestini facciano la stessa fine», «Ma che brava. Una in meno in Italia», «Nessuno vuole pagare un riscatto per una come te». Attacchi feroci e spietati, senza senso di cui chiediamo il perché a Gianfranco Cattai, presidente Focsiv.
«La domanda è giusta, ma è fatta alla persona sbagliata perché il 29 novembre prossimo consegniamo il premio del volontariato come da 25 anni a questa parte perché siamo convinti di dover dare più opportunità ai giovani di fare queste esperienze affinché costruiscano relazioni di reciprocità. I ragazzi non devono stare a casa nostra, ma partire con tutta la preparazione, prudenza e l’accompagnamento del caso. Se c’è una cosa a  cui stiamo attenti come organismi Focsiv (84 in 80 Paesi nel mondo) è a non lasciare sole le persone soprattutto se sono giovani e non solo per questioni di sicurezza. A maggior ragione nelle aree calde».
Lei che guida una Federazione di 4500 persone impegnate per gli altri come fa a non scaldarsi di fronte a tanto imbarbarimento?
«Più che non arrabbiarmi non mi stupisco perché questi insulti sono il risultato di ciò che è stato seminato per sfiduciare il lavoro degli organismi di volontariato in Africa e nel Mediterraneo. Questa è la conseguenza di un investimento denigratorioEd è tragico. Ecco perché capisco che qualcuno superficialmente dica “poteva stare a casa”. Non è loro la responsabilità, ma della mancanza di cultura. Quello che non capisco è da dove dobbiamo ricominciare se anche la viceministro della Cooperazione, Emanuela del Re dice: “guai a noi smettere di investire sul volontariato”. Questi giovani sono i nostri ambasciatori, il meglio della nostra società che dice “non mi arrendo di fronte al fatto che si investe sul ricco perché sia più ricco e il povero sia più povero”. Ecco perché come Focsiv stiamo pensando a una campagna per rilanciare il volontariato in Africa. Con lo stesso impegno che l’Europa ha profuso per sostenere e portare avanti l’esperienza Erasmus: in quel caso uno scambio tra studenti perché si conoscano meglio. Così faremo noi tra volontari e Africa».
Gramellini ha dedicato a questa vicenda la sua rubrica ("il caffè" del Corriere della Sera) di giovedì scorso scrivendo:
Ha ragione chi pensa, dice o scrive che la giovane cooperante milanese rapita in Kenya da una banda di somali avrebbe potuto soddisfare le sue smanie d’altruismo in qualche mensa nostrana della Caritas, invece di andare a rischiare la pelle in un villaggio sperduto nel cuore della foresta. Ed è vero che la sua scelta avventata rischia di costare ai contribuenti italiani un corposo riscatto.Ci sono però una cosa che non riesco ad accettare e un’altra che non riesco a comprendere. Non riesco ad accettare gli attacchi feroci a qualcuno che si trova nelle grinfie dei banditi: se tuo figlio è in pericolo di vita, il primo pensiero è di riportarlo a casa, ci sarà tempo dopo per fargli la ramanzina. E non riesco a comprendere che tanta gente possa essersi così indurita da avere dimenticato i propri vent’anni. L’energia pura, ingenua e un po’ folle che a quell’età ti spinge ad abbracciare il mondo intero, a volerlo conoscere e, soprattutto, a illuderti ancora di poterlo cambiare. Le delusioni arrivano poi, quando si diventa adulti e si comincia a sbagliare da professionisti, come canta Paolo Conte. Silvia Romano non ruba, non picchia, non spaccia. Non appartiene alla tribù dei lamentosi e tantomeno a quella degli sdraiati. La sua unica colpa è di essere entusiasta e sognatrice. A suo modo, voleva aiutarli a casa loro. Chi in queste ore sul web la chiama «frustrata», «oca giuliva» e «disturbata mentale» non sta insultando lei, ma il fantasma della propria giovinezza.
Gli risponde, piccato, Bonacina con un editoriale su Vita:
(...) “Smania di altruismo”, Silvia Romano? “Entusiasta e sognatrice”, “l’ingenuità un po’ folle dei vent’anni” e via con tante corbellerie e banalità di questo tipo. Significativo il titolo della rubrica di ieri “Cappuccetto Rosso”.Praticamente un benservito ai quasi 16mila italiani impegnati in ogni parte del mondo in progetti di cooperazione e di partnership per la promozione di sviluppo e di lavoro nelle regioni più povere. Tanti giovani, ma anche medici, ingegneri, religiosi, persino pensionati. Un avamposto di umanità espressione di altri centinaia di migliaia di italiani che li sostengono don l’amicizia e le donazioni. Un’Italia che dice “Prima la dignità dell’uomo”, “Prima la giustizia”, “Prima la relazione con gli altri” e non il gretto e stupido, questo sì “Prima gli italiani”, “Prima pensa a te e poi agli altri”.I cooperanti sono l’avamposto di tutti coloro che hanno capito che è proprio nella relazione con gli altri sta l’originalità dell’essere umano, sta l’inizio dell’autocoscienza personale che non appare, non sboccia se non nella relazione. Che migliaia e migliaia di italiani abbiano questa coscienza è un bene per tutti, anche per Gramellini.Come dice la poesia di Pär Lagerqvist: “Uno sconosciuto è mio amico/ uno che io non conosco, uno sconosciuto lontano lontano. / Per lui il mio cuore è pieno di nostalgia…”.Non riconoscere e addirittura sbeffeggiare questa dimensione col cinismo degli adulti e dei benpensanti è non solo l’anticamera del nichilismo ma anche la fine di ogni ipotesi di umanità. La certificazione di una cattiva vita, l'invito a vivere piegati su se stessi e sul proprio ombelico. Che tristezza. Scriveva don Giussani: “È la nostra natura che ci spiinge a interessarci degli altri. Quando c’è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando si vedono altri che stanno peggio di noi, ci sentiamo spinti ad aiutarli in qualcosa di nostro. Tale esigenza è talmente originale, talmente naturale, che è in noi prima ancora che ne siamo coscienti”Ciò che dice la vicenda di Silvia Romano (splendidi alcuni suoi pensieri sulla pagina Facebook) è che se non sei un ameba sai che ogni decisione è un rischio (ovunque, in Italia come in Africa) e che ogni ipotesi di vita piena ha questo assunto: «Mai senza l’Altro, mai senza gli altri». Come scriveva Michel De Certaud. 
Vedi la replica di Gramellini. Famiglia Cristiana ci offre un ritratto di questa ragazza:
 Sul suo profilo Facebook aveva scritto: «Si sopravvive di ciò che si riceve ma si vive di ciò che si dona». Questa è Silvia Costanza Romano, la volontaria milanese di 23 anni, rapita nella serata di martedì 20 novembre in un villaggio in Kenya da un gruppo di uomini armati. Il sito dell'associazione di Fano per cui lavorava, Africa Milele, che sostiene progetti legati all'infanzia, riporta solo queste frasi: "Non ci sono parole per commentare quello che sta accadendo. Silvia, siamo tutti con te». Nessun riferimento a possibili contatti ed è comprensibile: in queste ore così delicate, il riserbo è d'obbligo. Anche perché ancora non si sa nulla su chi ha rapito la ragazza e sul perché: potrebbero essere delinquenti comuni a caccia di un riscatto, o terroristi islamici legati al gruppo al-Shabab. 
Di certo, almeno in base alle prime testimonianze, i rapitori cercavano proprio lei e sono andati a colpo sicuro. L'hanno schiaffeggiata e legata, prima di portarla via. È quanto afferma un ragazzo che sostiene di essere testimone oculare del rapimento, Ronald Kazungu Ngala, 19 anni. Il giovane è uno dei giovani la cui istruzione è sostenuta dalla onlus per cui lavora la ragazza italiana ed era nell'ufficio dell'organizzazione, quando ha sentito gli spari provenienti dall'esterno, che hanno fatto fuggire o nascondere tutti quelli che si trovavano nell'area commerciale. La banda ha quindi fatto irruzione nell'ufficio con fucili e machete, intimando che fosse loro detto dov'era la donna bianca. «Ho detto loro che se ne era andata - racconta - ma non mi hanno creduto e si sono precipitati nella stanza, dove l'hanno trovata». Ngala dice di averli seguiti e aver sentito uno di loro chiedere a un altro «se fosse lei». Quando gli è stata data una risposta affermativa, l'ha «schiaffeggiata duramente finchè Silvia è caduta». «Ronald, per favore, per favore! Ronald, per favore aiutami», avrebbe detto la giovane, secondo Ngala. «Ho provato a respingere un uomo che la teneva giù per legarle le mani dietro la schiena - dice ancora il ragazzo - ma qualcuno mi ha colpito in testa con un bastone e ho quasi perso i sensi. Lei mi ha detto di mettermi in salvo e sono fuggito». Due degli uomini armati che erano fuori dalla stanza avrebbero quindi sparato a delle persone presenti, tra cui due bambini
Silvia, che si è laureata con una tesi sulla tratta degli esseri umani, era rientrata in Kenya all'inizio di novembre. In precedenza, sempre con Africa Milele onlus, aveva trascorso in precedenza alcuni mesi. Prima di partire, la ragazza ha lavorato in una palestra: «Silvia ha collaborato con noi nell'ultimo anno - raccontano da Zero Gravity, un centro sportivo in via Vavassori Peroni dove si insegna freestyle, parkour e acrobatica - faceva l'istruttrice di acrobatica. Era andata via a luglio e sapevamo che inizialmente sarebbe dovuta rimanere fino a settembre, per poi tornare a tenere i corsi da noi a ottobre. Poi però ci ha chiamato dicendoci che sarebbe ripartita a ottobre e quindi avrebbe lasciato i corsi da noi. Ma era quello che desiderava».
La posta abitualmente sui social foto e iniziative benefiche per i bambini africani. Il suo ultimo post è del 17 novembre e la ritrae sorridente, alle spalle di una capanna di legno in un villaggio, mentre veste degli abiti tipici africani, mentre in altre foto appare mentre sale su un albero di cocco o durante un selfie con i bambini di cui si prendeva cura. «Amo piangere commuovendomi per emozioni forti, sia belle sia brutte - scrive - ma soprattutto amo reagire alle avversità. Amo stringere i denti ed essere una testa più dura della durezza della vita. Amo con profonda gratitudine l'aver avuto l'opportunità di vivere».
Questo è invece un articolo apparso su Avvenire:  Silvia, i cattivisti e i Soloni da salotto. Almeno tacete:
Siamo molti, nell’Italia che va invecchiando, ad avere l’età per essere potenzialmente madre (o padre) e nonno (o nonna) di Silvia Costanza Romano, la giovane volontaria rapita in Kenya. Ma abbiamo anche l’età (e condividiamo la responsabilità) per essere parenti o educatori dei due ragazzi che a Varese hanno sequestrato e torturato un loro coetaneo per un debito di droga contratto da un amico di quest’ultimo. Domande facili: quale sceglieremmo come figlio o nipote? Di chi saremmo giustamente orgogliosi? Eppure, nel Paese al contrario che sempre più spesso sembriamo diventati, in poche ore sono spuntate, come piante carnivore dal fiorire improvviso sull’humus di rancore diffuso, velenose critiche e ingenerose, persino violente accuse alla nostra cooperante, rea di "essersela cercata" e di crearci nuovi grattacapi, facilmente evitabili restando a Milano.
Silvia – ci si permetta di chiamarla per nome (bisognerebbe ricominciare anche dalle buone maniere) – è finita nelle mani di miliziani senza scrupoli che, c’è da sperarlo, potrebbero chiedere un riscatto per la sua liberazione. Domanda sbagliata: ha delle colpe per questo? Chi ha una figlia o nipote che rischia la vita in modo simile non si chiederà perché è andata a sostenere gli orfani africani, ma supplicherà chiunque possa fare qualcosa di aiutarlo a liberarla. E i suoi connazionali, in genere, invece che farsi forsennati spettatori dalle tribune social e di chiederle già conto di un’ipotetica somma versata ai banditi, avrebbero trepidato e magari pregato per la sua salvezza.
Siamo abbastanza sicuri che se Silvia fosse caduta in una buca davanti a casa dei suoi denigratori da salotto, la stragrande maggioranza di essi si sarebbero mobilitati per darle una mano, in senso letterale. Restano però preoccupanti la mancanza di solidarietà, il cinismo e – diciamolo: persino la ferocia – che in Rete viaggiano veloci ormai senza neppure bisogno dell’anonimato, ma solo grazie all’assenza di remore personali e di sanzioni morali. E ancora di più colpiscono, come un schiaffo a freddo, i commenti agrodolci di acclamati opinionisti, desiderosi di non scostarsi troppo dal clima che si vorrebbe prevalente. Quello che mette alla gogna le Ong che salvano i migranti, che invoca sgomberi di senza tetto facendo finta che il problema dei più bisognosi così scompaia, che pretende inflessibile severità per tutti tranne che per se stessi.
Un Paese che coltiva il rispetto e l’altruismo, che apprezza e promuove il volontariato, non può che generare un tessuto sociale generoso e vivibile, persone capaci di slanci coraggiosi, proiettate verso il bene comune.
E qualcuna di esse andrà anche all’estero, ambasciatore di solidarietà, si diceva una volta, con una retorica buonista che sta tornando rapidamente fresca e croccante al confronto della montante muffa cattivista, mascherata da sincerità finalmente senza finzioni. Non ve la sentite di mandare un messaggio in favore di Silvia? Almeno tacete. Non tentate impietosamente di infangarne la figura. Lasciate spazio a chi ancora crede che spendere una piccola parte della propria vita per gli altri sia una scelta da lodare e incoraggiare (evitando, certo, improvvisazioni dettate solo dal cuore e con interventi il più possibile mirati ed efficaci da parte delle organizzazioni che li promuovono).
Non è il fatto peggiore dell’Italia di oggi. Non vogliamo farne una caso più grande di quello che è. Ma quelli emersi in queste ore sono segnali da non sottovalutare, spie di qualcosa che sta avvenendo nel profondo. E che può dare frutti malati nel futuro, se non verrà invertita la tendenza. Quanti penseranno di partire per terre di 'missione', quando ti danno addosso perfino nel momento in cui vieni rapito e sei in pericolo di vita? E, grattando sotto la superficie dei messaggi e dei commenti, sembrano emergere nel dibattito pubblico pure vecchi-nuovi vizi, uno tristemente sdoganato e l’altro ancora troppo superficialmente combattuto. Il primo è legato all’operato di Silvia. Non vorremmo essere maliziosi nel sospettare che dare un’istruzione e una speranza a un pugno di bambini neri di un villaggio sperduto non sia considerato da molti una priorità meritevole di impegno e rischio connesso. Il secondo è legato alla persona stessa di Silvia, un sessismo strisciante e inconfessabile, secondo il quale siamo davanti a una giovinetta incosciente che si mette nei guai per seguire sogni irrealistici. Un riflesso già comparso in passato, quando altre volontarie italiane erano state vittime di bande armate.
Non salva il mondo Silvia. Non è un’eroina. Ma noi ci sentiamo di esserle accanto con gratitudine, e non solo perché è nostra connazionale. Ha 23 anni, si spende per i meno fortunati, non ha chiesto nulla per sé e, a quanto sappiamo, non è stata nemmeno imprudente (ammesso che in questi frangenti conti qualcosa). La aspettiamo con ansia, senza il benché minimo dubbio che il nostro governo farà tutto il possibile per riportarla presto a casa. Come è sempre stato e come sempre dovrà essere.
Vedi anche:

-  Perché dobbiamo pagare il riscatto per Silvia Romano. E smetterla di prendercela coi giovani sognatori (Linkiesta)
-  Silvia Romano, a Natale non siamo tutti più buoni. L’odio contro la cooperante è solo un esempio (Il Fatto Quotidiano)

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia39 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi74 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid191 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti33 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco195 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto12 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri128 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità27 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica51 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere88 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma15 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile