Desirée, adolescente vittima della società (oltre che di se stessa)


La sedicenne drogata, violentata e assassinata in una zona centrale, ma degradata di Roma, mette in evidenza tanti drammi:
- quello di chi non solo vende la droga ad una ragazzina, ma non esita a violentarla ed ucciderla;
- quello dei genitori incapaci di gestire una figlia "fragile e ribelle"; 
- quello di una Capitale che convive con zone di illegalità, oltretutto a due passi dal centro;
- quello di una adolescente che non si rende conto di giocare con il fuoco e di mettere a rischio la propria vita.

Ecco alcune riflessioni che ho trovato interessanti. La prima è di Eraldo Affinati che scrive su Avvenire
In una tragedia come quella di Desirée Mariottini, stuprata e uccisa da un gruppo di uomini simili a belve in uno stabile abbandonato di San Lorenzo, nella capitale italiana, sono almeno tre le sconfitte da registrare, ognuna delle quali apre una sanguinosa ferita sociale: la crisi familiare che sta all’origine dell’inquietudine di questa ragazza con un padre di cui non portava il cognome e una madre di soli quindici anni più grande di lei; il fallimento delle agenzie educative che avrebbero dovuto proteggere l’adolescente evitando che da Cisterna di Latina prendesse l’autobus e se ne andasse a Roma di sera a cercare la droga; la disgregazione del tessuto istituzionale del nostro Paese, incapace di governare certi spazi urbani lasciandoli al degrado e al disordine, ricettacolo di violenze, brutalità e malaffare.
Ma dietro queste cause immediate, legate a disfunzioni anche amministrative, ce n’è un’altra più profonda che chiama in causa noi stessi: la progressiva scomparsa di adulti credibili coi quali i ragazzi dovrebbero misurarsi; la mancanza di gerarchie di valori in grado di orientare il cammino dei più giovani; la deflagrazione del desiderio che sembra non avere nessun ostacolo; una malintesa concezione della libertà quale superamento di ogni limite; l’idea errata che la conoscenza del mondo non debba passare attraverso l’elaborazione di un’esperienza autentica della realtà; la fungibilità delle relazioni sociali, troppo spesso legate a criteri di mera convenienza economica; la fine della vera sapienza e il trionfo della semplice (e spesso parziale) informazione; lo sfacelo del linguaggio politico che passa senza soluzione di continuità dalla bieca speculazione elettorale al vaniloquio gergale privo di riscontri effettivi.
Via dei Lucani, nel palazzo risultato fatale a Desirée, è a pochi passi dall’istituto Pio X dove, durante la Prima guerra mondiale, si trovava Ignazio Silone, rimasto orfano dopo il terribile terremoto del 1915. A quel tempo il grande scrittore abruzzese aveva sedici anni, l’età della povera vittima. Durante l’ora di ricreazione scappò dal collegio religioso, nei cui pressi è adesso attivo un centro di spaccio a cielo aperto, vagando nelle strade attorno alla Stazione Termini senza sapere cosa fare.
In quel momento Silone era soltanto un fanciullo abbandonato, senza arte né parte. Dopo tre giorni venne ripreso dai carabinieri e trasferito in un altro collegio a Sanremo. Durante il viaggio in treno verso la Liguria, come in seguito rievocò in uno dei brani narrativi più intensi di Uscita di sicurezza(1965), conobbe don Luigi Orione, che aveva visto fra le macerie del terremoto chiedere al Re una macchina per mettere al sicuro i bambini rimasti senza famiglia. Fu un incontro folgorante che gli cambiò la vita.
Già diverso tempo fa, perlustrando i luoghi di Ignazio Silone, restai colpito dalla simmetria fra la sua drammatica giovinezza e quella di tanti ragazzi che oggi, sotto gli occhi di tutti, comprano la loro dose di artificiale felicità chimica nei pressi dell’edificio da cui lui fuggì. Sbaglieremmo se li considerassimo tarati e lontani da noi. Sarebbe un errore grave, simile a quello di chi volesse oscurare o alleggerire le colpe dei carnefici di Desirée, i quali andranno assicurati alla giustizia.
Fra i giovani sbandati e i bravi ragazzi, così come fra i mostri e le persone ordinarie, qualsiasi sia il colore della loro pelle, la differenza è sempre piuttosto sottile: basterebbe un niente per passare da una schiera all’altra e sprofondare nell’abisso. Anche coloro che sembrano stare al sicuro, con i genitori a posto e le frequentazioni giuste, rischiano tantissimo.
Non dobbiamo perdere la fiducia. Per fortuna esistono ancora famiglie che tengono duro. E anche i don Orione continuano a operare e spesso ottengono grandi vittorie senza titoli sui giornali. Fare l’educatore oggi è più difficile che in passato. Ti sembra di essere da solo a remare controcorrente. Ma è questa la ragione per cui non devi mollare.
La seconda è di Maurizio Blondet che scrive su Ciociaria oggi:
“…Ieri mattina davanti a quel sito dismesso che doveva essere riqualificato da anni c’erano il padre e la madre della giovane Desiree. Il padre ha ottenuto il permesso di lasciare gli arresti domiciliari per recarsi a Roma a vedere il corpo della 16enne trovata morta a San Lorenzo. Arresti domiciliari disposti dopo una denuncia di stalking da parte della donna – da cui è separato da anni – e dalla stessa figlia che ad agosto aveva sporto una denuncia per aver ricevuto qualche sberla.
Desiree ad agosto si era nuovamente allontanata da casa e la madre aveva chiesto aiuto al padre che però aveva un ordine di non avvicinarla. Lui, incurante del rischio di una nuova denuncia, l’ha cercata, l’ha trovata, l’ha riportata a casa.
Lei lo ha denunciato e l’autorità giudiziaria ha imposto i domiciliari. Qualche ora prima della tragedia quello stesso padre era di fronte ad un giudice per chiedere la revoca della misura – con il parere concorde anche della madre di Desiree – che però il giudice non si è sentito di annullare”.
Desirée a 16 anni uccisa da stupratori   e spacciatori senegalesi in una maceria abbandonata al degrado dal padrone,  nel cuore della capitale.  Adesso, a credere ai media, la mamma dice: lei non si è  mai drogata, certo negli ultimi tempi era cambiata. Aveva deciso di iscriversi al liceo artistico… L’ultima telefonata alla nonna: “Ho perso l’autobus, resto a Roma a dormire da una amica”. Ma tanti l’avevano vista   in quella zona piena di piscio e di  ciarpame dove s’è fatta ammazzare  dai negri.
Povera Desirée a cui in famiglia nessuno ha detto dei “No” . anzi, il solo che glieli ha detti, il padre, non ha alcuna autorità, è condannato per stalking,  è stato denunciato dalla moglie;  e quando   l’ha riportata a casa, s’è beccato una denuncia anche  da lei: la figlia sedicenne. Perché nessuno deve limitare la sua “libertà”, le sue “libere scelte”.
Tremendo scoprire come si descriveva lei, la povera sciocchina divorata  dal nulla, su Facebook, sotto le immancabili foto in cui tutte le ragazzine come lei si propongono come seduttrici da pornovideo:
“Nata principessa, cresciuta guerriera, un angelo bianco con l’anima nera”.
Nelle fantasie narcisiste, puberali, “l’anima nera”.  Ovviamente in giro non un prete, non una maestra o professoressa, una  parente cui si potesse confidare di questa “anima nera”. Non dico che è colpa della famiglia, al contrario: la famiglia stessa è  una maceria e un degrado –  ma è stata resa così. Dall’ideologia  dominante e totale, un miscuglio di permissivismo e di “libertà”, ormai terza o quarta generazione di uomo-massa (per il quale vivere è essere quello che già si è), a cui né uno Stato né una religione, né una società, un vicinato con la sua santa pressione sociale, imprimono  un qualunque obbligo, una  direzione a migliorarsi, a studiare,  a formarsi un carattere, a esercitare disciplinatamente l’intelligenza e la volontà – cose che si devono imparare –  a riempire il vuoto spaventoso di scopi e di traguardi  che è invincibile nell’adolescenza. Perché “una vita senza impegni è più negativa della morte”,  ma questo  non è qualcosa che – salvo eccezioni di personalità straordinarie – un singolo possa darsi da sé:  è  qualcosa che viene dal “comando”, dal comando politico: “comandare infatti vuol dire assegnare un compito alle persone, metterle sul loro cardine, impedire  la loro dissipazione”.
E’ ormai passato un secolo da quando si è scritto: “In questi assistiamo al gigantesco spettacolo d’innumerevoli vite umane che camminano smarrite nel labirinto di se stesse, per non avere nulla a cui  rivolgersi. Tutti gli imperativi, tutti gli ordini sono rimasti sospesi. Sembrerebbe la situazione ideale: una volta che  ciascuna vita rimane nell’assoluta libertà di fare ciò che le aggrada, di attendere a se stessa. Ma il risultato è stato l’inverso: abbandonata a se stessa, ciascuna  vita rimane priva di se stessa, vuota, inattiva. E dato che deve pur riempirsi di qualcosa, s’inventa frivolamente una propria esperienza, si dedica a false occupazioni”  – o s’immagina “nata principessa, cresciuta guerriera”, forte e seduttrice  “angelo bianco con l’anima nera”.
I neri, quelli veri,  che guai a non “accoglierli”,  l’hanno ben misurata ed abbrancata, una sciocchina che si mette in pericolo senza saperlo, bambina già guasta ma ingenua.
Parabola del nostro degrado collettivo, il quartiere di San Lorenzo: una  maceria abbandonata, appartenente al fratello dell’ex sindaco Veltroni, ma non costruita perché – ammettiamolo – è ormai conveniente costruire un condominio  lì? Dopo che Mario Monti ha stroncato il settore edilizio e i consumi interni, non ci sono lì più lavoratori,  le botteghe artigiane  sono state sostituite da spacciatori, occupanti,  zoologia da centri sociali : e la chiamiamo “la movida studentesca”,   – ma quali  studenti  incanagliti la animano?
Su Tripadvisor, i giudizi sul quartiere San Lorenzo:
Attraverso questo quartiere quasi tutti i giorni per andare all’Università. Negli anni ho cercato di esplorarlo il più possibile per trovare qualcosa di carino che mi portasse ad apprezzarlo un po’di più rispetto alla prima negativa impressione che mi ha fatto. Purtroppo, ho trovato ben poco. Il quartiere è piuttosto malfamato e purtroppo la realtà delle cose conferma i racconti e le dicerie. Oltre ad essere pericoloso, soprattutto di notte, è anche terribilmente sporco. La puzza di urina e di spazzatura a volte è davvero insopportabile, soprattutto durante l’estate. Qui e lì ci sono degli angoli carini, negozietti interessanti e belle opere di urban art. Ma si tratta di minuscole oasi in un deserto di degrado. Sono sicura che ci sono persone che apprezzano questo tipo di atmosfera e che considerano questo un luogo da mantenere esattamente così com’é. Ben venga, sicuramente avranno le loro ottime ragioni. Tuttavia, sinceramente non vedo l’ora di terminare gli studi, così non dovrò più mettere piede in questo orribile quartiere. 
A San Lorenzo trovate bar e ristoranti aperti fino a tardi, ma attenzione che come spesso accade nelle zone universitarie si riempie di ubriachi ben e mal intenzionati.
Un intero quartiere (di lunga storia) trasformato in un centro della movida notturna romana. Ristoranti, bar, piano-bar, teatrini, ecc. ecc. Non manca nulla e la scelta è notevole. Poveri residenti. Primo esempio di quartiere sotto ZTL
Una decina di anni fa era il ritrovo preferito di noi giovani studenti o lavoratori per passare una bella serata all’aperto, sia d’estate che d’inverno. Adesso…che amarezza, che degrado, che scempio. Spacciatori ad ogni angolo, gente ubriaca, nessun controllo, sporcizia ovunque. Infrequentabile, invivibile. Un vero peccato! 
 Ci sono delle cose interessanti nel quartiere, locali particolari ma…a distanza di anni ho trovato un degrado tale che mi meraviglio che si possa vivere in una realtà del genere. Tra caos di auto parcheggiate alla rinfusa, strade sporchissime, lezzo di urina sui marciapiedi, be…ripartire è stata una liberazione. Peccato”
Naturalmente  ci sono numerosi, quelli che invece lo trovano “un ottimo quartiere”,  un “quartiere giovane”, antifascista  e di sinistra. E  sono i commenti più allarmanti,  sapere che c’è gente che trova ottimo il  puzzo di orina e “gli zombi” drogati, il rumore insopportabile a tarda notte, la gente pericolosa. Che si trova a suo agio nel degrado e decadenza.  E’ l’incanaglimento di una parte della società italiana, “liberata”, che quando muore lì violentata una bambina, se la prendono con ministro degli Interni  venuto  “per fare propaganda”.
Sono gli stessi che  accoglono i negri. E li “integrano”, eccome, nel  puzzo della rumenta mai raccolta, e nel ciarpame e nel piscio. Un livello di civiltà superiore, non c’è che dire.
Tutta una serie di macerie, di rottami, di avanzi. I detriti di una magistratura che non vede e non opera davvero contro i negri più pericolosi, è anch’essa il detrito di una “giustizia” degradata  che assolve i criminali purché immigrati, e “esita”  ad annullare i domiciliari a questo padre che ha perso ogni autorità, ma che forse sapeva dove andare a cercare la sua piccola guerriera nata principessa e, con l’anima nera.  Come minimo, i negri clandestini senza permesso di soggiorno,  pluri – pregiudicati, regolarmente rilasciati,  dovrebbero essere sottratti a questa magistratura, e affidato a  corti marziali – giustizia militare, processo sommario e pena di morte.  Sarebbe la presa d’atto che la loro “immigrazione” è un atto di guerra – ibrida, naturalmente. Ma  per questo, bisogna che esista un “comando”, e che sia almeno vagamente accettato come legittimo da tutta una popolazione. Siamo ormai al disotto di questa possibilità,  siamo scesi troppo in basso in incanaglimento  collettivo?
La terza è di Maura Manca, psicologa che ha un blog per L'Espresso (AdoleScienza):
Lei è un’adolescente come tante altre, ha quindici anni e mi si è buttata al collo spaventata guardandomi con i suoi occhioni verdi. Mi ripeteva ininterrottamente: “me lo avevi detto”, “me lo avevi detto!”. Avevo capito a cosa si riferisse, ma aspettavo che mi dicesse cosa la scuotesse così nel profondo.
È una delle tante adolescenti che si sentono grandi e che davanti ad un problema in grado di far tremare le loro pseudo certezze si sentono sole e indifese. Un cervello adolescente, e purtroppo anche quello di tanti adulti rimasti adolescenti, non ha ancora acquisito la capacità di discernimento tale da poter aver chiaro il concetto di rischio, di conseguenze, di un dopo che può lasciare anche cicatrici molto profonde.
Si fumano le canne, si drogano in vari modi, bevono alcolici, si sentono grandi, evadono le regole e gli schemi sempre più latitanti e meno presenti nella loro vita. Si sentono vivi facendosi del male, senza rendersi conto che troppe volte giocano a carte con la loro vita, la mettono in gioco come un giocatore d’azzardo mette al centro del tavolo la sua posta, dandogli un valore decisamente troppo basso, sempre che la vita abbia un prezzo. Quando vincono, la maggior parte delle volte direi, si sentono ancora più forti ed onnipotenti, invincibili, come se si mettessero una tuta da super adolescente in grado di proteggerli e di contenere nel contempo le loro fragilità.
Vanno a comprarsi la droga anche da sole, si infilano in tuguri, in appartamenti o luoghi dimenticati da tutti, in mezzo a chi non conoscono e a chi gioca con la loro vita senza pietà, monetizzando tutto, potenzialmente capaci di tutto.
La piccola-grande adolescente al mio collo aveva letto la notizia della povera Desirée di solo un anno più grande di lei, massacrata probabilmente da un branco di freddi assassini con sembianze di esseri umani privi di umanità che hanno approfittato di lei drogandola, violentandola e lasciandola buttata lì, come se quel corpo non avesse un’anima, come se quella non fosse una persona, come se quella adolescente fosse un oggetto da sopraffare come un branco di lupi affamati intorno alla loro preda.
Me lo avevi detto di stare attenta quando mi vado a comprare il fumo da sola in questi posti. Me lo hai detto tante volte che è pericoloso e io so che tu mi dici la verità, però non pensavo potesse capitare una cosa del genere e forse neanche lei lo pensava, forse anche lei faceva come me, forse a lei nessuno le ha mai detto di stare attenta, perché io alla fine ti ho ascoltato e se non lo avessi fatto forse sarebbe capitato anche a me”.
Tocco quotidianamente con mano l’ingenuità in cui si incastrano senza neanche rendersene conto, le condizioni di grave rischio che corrono inconsapevolmente, la ricerca di questa euforia, di questo sentirsi grandi e potenti in un sistema che tende a schiacciarli con un dito puntato senza dargli una mano concreta. Purtroppo tante volte le parole non bastano, per comprendere nel profondo le cose hanno bisogno di sbatterci il muso e in alcuni casi farsi anche del male. La vita quando insegna è una madre crudele, non te la manda a dire, arriva dritta come un treno in corsa. Siamo noi che dobbiamo comprendere i suoi insegnamenti, siamo noi adulti che dobbiamo essere credibili se vogliamo essere efficaci con gli adolescenti.
Non è vero che non ascoltato, hanno solo bisogno di qualcuno che li prenda per mano e li guidi, hanno bisogno di qualcuno che li comprenda e gli dia concretezza, non solo parole. Per essere credibili ed efficaci si deve essere prima di tutto coerenti. Questi ragazzi sono vittime di un disallineamento generale del sistema, sono figli del conflitto e della disarmonia valoriale che li spinge ad una deriva educativa che loro tentano di gestire attraverso questi comportamenti devianti e a rischio.
Vedi anche:

1/ Non gli stranieri, bensì prima gli spacciatori italiani. Non un caso isolato, bensì il dramma della droga che opprime l’intero San Lorenzo. Peppone e don Camillo debbono accorrere insieme in aiuto di un quartiere degradato e bellissimo, di Andrea Lonardo 

2/ La morte di Desirée. Parsi: cresciuta senza punti di riferimento, li ha cercati nel branco e nella droga. La psicologa: «Modelli sbagliati e nessuna difesa», di Lucia Bellaspiga

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto20 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti46 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante5 Ammaniti1 Amore73 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima3 animazione6 Anniversari28 Anno liturgico1 anziani6 apologetica3 app3 apparizioni4 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli20 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo4 Atenagora1 Attanasio1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang2 baciamano1 Baggio1 bambini18 Bannon1 Banzato1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo4 Battesimo di Gesù3 Battiato1 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI21 benedizione3 Benigni9 Bianchi52 Bibbia41 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia3 blog23 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi31 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi83 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo2 CEI5 Celentano1 celibato7 Ceneri5 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich11 Chiara Luce Badano2 chierichetti1 Chiesa23 Chiesa e società26 Chittister1 chosen1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema78 Cirinnà1 citazioni77 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus35 Corpus Domini5 Corviale1 Corvo1 Cosentino5 covid196 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi8 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 ddlzan2 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni3 dialogo2 dibattiti40 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso28 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi3 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare17 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco11 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia38 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini4 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco212 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia6 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender12 genitori6 Gerusalemme1 Gesù24 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani66 Giovanni Battista2 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG8 gnosticismo1 Gramellini2 gregoriano1 grest10 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata6 immagini52 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet10 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura5 letto14 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri142 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia47 Livatino1 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio4 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia5 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 Mainetti1 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Manara1 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco1 Marco Gallo1 Maria44 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri5 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.7 Mazzolari7 media2 meditazioni2 Medjugorje10 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa15 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli4 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 movimenti1 Muller2 Musica34 Nadia Toffa1 Natale46 Natuzza1 Negri1 Nembrini5 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena4 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie157 omosessualità30 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace6 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme4 Palumbo2 pandemia7 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita36 parrocchia5 Pasqua28 passione6 pastorale29 paternità4 Pati Trigo1 patria1 Patriciello14 paura1 peccato originale2 pedofilia17 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche79 Poli1 politica53 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere96 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni43 Quaresima42 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani3 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report2 Riace1 Riccardi7 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma19 Romero2 Ronaldo1 rosario9 Rosini27 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti28 sacramenti5 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe9 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo7 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi26 santità12 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano3 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma2 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri2 serie TV22 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa4 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo13 Siti cattolici27 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social3 società44 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Soul1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità73 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming7 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore2 sussidi38 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze18 Theobald1 Tolentino4 Tolkien1 Tolomeo1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale15 Trinità9 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV24 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze2 Valli4 Vallini1 Vangeli1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video117 Viganò3 vignette10 virtù1 visto9 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

MARIA, Donna dei nostri giorni (don Tonino Bello, testo completo)