"Non c’è più uomo né donna". Cos’è la “teoria del Gender”?


ll Prof. Luciano Sesta condivide con il blog Come Gesù il testo di un suo intervento tenuto a Bagheria nel novembre dello scorso anno, in cui erano presenti anche l’avv. Gianfranco Amato e la dottoressa Silvana De Mari. L’intervento è pubblicato in tre episodi, ecco il primo:

Cos’è la “teoria del Gender”?

Oggi, sulla teoria del Gender, c’è un allarmismo solo in parte giustificato, che lo sta trasformando in unafissazione per i suoi sostenitori, in un’ossessione per i suoi critici.
Un approccio più sereno, che non sia troppo preoccupato di vincere o di perdere battaglie culturali e politiche, ci consente di ammettere che fenomeni elementari come la differenza fra uomo e donna, come già insegnava Freud, si comprendono meglio quando entrano in crisi che non in regime di normalità. L’eccezione, infatti, non soltanto conferma la regola, ma aiuta anche a meglio comprenderne il significato. Il dibattito sul Gender, in tal senso, lungi dall’autorizzare una lotta senza quartiere contro il “nemico”, dovrebbe essere salutato come una preziosa opportunità per pensare più a fondo ciò che tendiamo a dare per scontato.
Cosa si intende per “teoria del gender”? In realtà la teoria del gender non è “una” teoria, ma un insieme di studi, i cosiddetti Gender Studies, che dagli anni Sessanta dello scorso secolo hanno concentrato l’attenzione sul modo in cui, nella nostra società, vengono assegnati determinati ruoli sulla base delle differenze biologiche fra uomo e donna. L’idea di fondo che emerge da questi studi è che nascere maschi e femmine crea, nella società di appartenenza, delle aspettative su come dovranno comportarsi gli uni e le altre, e che queste aspettative condizionano a tal punto gli individui, da comprimere la loro libertà di agire diversamente dagli stereotipi culturali basati sulla loro identità sessuale. Se, per esempio, nasce un individuo maschio, la società si aspetterà da lui che si comporti da “uomo”, e dunque che si senta attratto dalle donne, che vesta in un certo modo, che svolga certe professioni piuttosto che altre, che esprima un atteggiamento “virile” piuttosto che “tenero”, o che mostri inclinazione verso attività competitive piuttosto che collaborative. Qualora un “maschio” si comporti diversamente da queste aspettative, o mostri attitudini devianti rispetto a ciò che la società considera “maschile”, allora si cercherà o di correggerlo, imponendogli un comportamento conforme a quello che ci si aspetta da un “uomo”, o si finirà per discriminarlo, considerandolo appunto “deviato”, “effeminato” o “malato”.  
Gender studies sono stati spesso utilizzati per rivendicare la parità fra uomo e donna: se nascere donne non significa essere destinate per natura a certi ruoli, infatti, è possibile costruire una società che dà a uomini e donne le stesse opportunità di affermazione sociale, smettendo di favorire i primi a discapito delle seconde, con la scusa che certe cose, per natura, possono farle solo gli uomini e non le donne. I Gender studies, in altri termini, vogliono dimostrare che alle differenze somatiche fra maschi e femmine non corrispondono, necessariamente, determinate attitudini sociali e comportamentali.  
Oltre a queste implicazioni sociali, i Gender Studies ne hanno anche di antropologiche, avendo contribuito a distinguere aspetti dell’identità sessuale che, un tempo, erano riuniti in un’unica dimensione, quella “naturale”. Nella visione tradizionale, tutto ciò che si fosse discostato dalla natura, maschile o femminile, degli esseri umani, veniva perciò stesso considerato “innaturale”. Proprio i Gender Studies ci hanno aiutato a capire che in realtà l’identità sessuale di una persona è una dimensione ben più complessa, in cui entrano in gioco, oltre al fattore naturale, diversi altri fattori. Negli esseri umani, infatti, distinguiamo:
1) il sesso biologico, che fa riferimento all’anatomia dei corpi e alla loro identità genetica, che possono essere maschio (XY con pene e testicoli) o femmina (XX con seni, vagina, utero e ovaie);
2) l’identità di genere, che si riferisce al vissuto psicologico, ossia al modo in cui ogni essere umano percepisce la propria identità sessuale, per esempio come uomo, se maschio, o come donna, se femmina. In caso di mancata coincidenza fra sesso biologico e identità di genere, parliamo di transessuale, ossia di persona la cui identità di genere va al di là (trans) del proprio sesso anatomico, oppure di transgender, quando la persona, biologicamente maschio o femmina che sia, non si accetta né come uomo né come donna;
3) il ruolo di genere: come “marito-moglie”, “casalinga-lavoratore”;
4) l’orientamento sessuale: eterosessuale, omosessuale, bisessuale.
A eccezione dei militanti più estremisti – e cioè i sostenitori del cosiddetto “queer”, per i quali l’identità di genere e lo stesso orientamento sessuale possono variare “from day to day” in base alle preferenze del momento – molti esponenti delle teorie Gender non affermano che a determinare il sesso di una persona siano i suoi gusti personali e le sue libere scelte. L’idea del corpo “attaccapanni”, al quale ciascuno appende a capriccio il proprio orientamento sessuale, è più un espediente retorico escogitato ad hoc dai critici del Gender che una pratica reale e diffusa. È vero che il corpo non è né trascurabile, né insignificante né trasformabile a piacimento. Ma qui non si dice che il sesso deve essere deciso liberamente, ma che ci sono casi in cui il proprio sentirsi uomo o donna, e dunque la propria identità di genere, non coincide con il proprio sesso biologico. Non si dice dunque che il desiderio devedeterminare il proprio sesso, ma che ci sono casi in cui il proprio sesso non determina il proprio desiderio, o casi, come quello dell’omosessualità, in cui il proprio orientamento sessuale non coincidecon quello biologicamente suggerito dal proprio corpo. Molte delle campagne pro-gender, in tal senso, non vogliono necessariamente promuovere o diffondere certi orientamenti sessuali, ma solo far sì che, quelli che già ci sono, siano accettati e non discriminati.

Fra natura e cultura

Oggi esiste un nutrito schieramento, soprattutto in area cattolica, che cerca di arginare i rischi delle teorie del Gender rifugiandosi, per così dire, nella “natura biologica” dell’uomo, che ci imporrebbe, inequivocabilmente, una sola secca alternativa: o maschio o femmina, tertium non datur.
A questo proposito, bisognerebbe osservare che se davvero la differenza maschio-femmina avesse una così solida base naturale non suscettibile di modificazioni culturali, allora non si temerebbe, come invece si teme, che una cultura come quella del Gender possa “convincere” chi è maschio a diventare femmina e chi è femmina a diventare maschio. Se l’identità sessuale è insomma assicurata dalla natura sin dall’inizio esclusivamente maschile o femminile del corpo biologico, nessuna cultura, nemmeno quella Gender, potrà mai modificarla. Perché dunque allarmarsi sul rischio che certi programmi educativi possano influenzare i nostri figli? Per un motivo semplice: perché l’identità sessuale è frutto non solo della natura, ma anche della cultura, che può dunque influenzarla. Proprio come ci dice quella stessa teoria del Gender di cui molti, sbagliando, non vogliono cogliere gli aspetti anche positivi.
La storia ci insegna che se oggi si tende a dire che la differenza fra maschio e femmina dipende solo dalla società, ciò accade per reazione a una lunga tradizione che ha preteso di ricavare tale differenza direttamente dalla natura, se non addirittura dall’anatomia. Lo psicologo E.H. Erikson, per esempio, ha scritto: «Nel maschio troviamo organi esterni di natura erettile, intrusiva, portatori di spermatozoi mobili; nella femmina organi interni, con un accesso cavo che conduce a ovuli in statica attesa». Da qui il destino domestico della donna, e quello professionale dell’uomo. Una volta che vengono derivate direttamente dall’anatomia dei loro corpi, però, la “vocazione” domestica della donna e quella professionale dell’uomo diventano uno stereotipo di genere, ossia una convenzione sociale spacciata per dato naturale.
Proprio per questo motivo, l’assunto base della teoria del Gender è che la differenza sessuale non è basata su dettagli anatomici, e dunque sulla natura, ma è costruita socialmente mediante la cultura. A essere socialmente e culturalmente costruiti, per alcuni, sono non solo i ruoli di genere (casalinga, avvocato, padre, madre), ma anche l’identità di genere (uomo, donna) e l’orientamento sessuale (eterosessuale, bisessuale o omosessuale). Per i più radicali, come Judith Butler, anche il sesso biologico è frutto di un pregiudizio culturale. La differenza anatomica fra genitali femminili e maschili, infatti, sarebbe incomprensibile a prescindere dal significato culturale che le attribuiamo. I genitali maschili non sono naturalmente destinati a unirsi a quelli femminili, come dimostra non solo l’omosessualità, che c’è da sempre, ma anche secoli di celibato religioso. Non si vuole con ciò dire che le due fattispecie siano equivalenti, ma che in entrambi i casi la persona può non assecondare la finalità iscritta per natura nel proprio corpo sessuato.
Per dare una base oggettiva alla differenza fra uomo e donna, si citano spesso anche le neuroscienze, facendo notare, per esempio, che le aree cerebrali del linguaggio e dell’ascolto sono più sviluppate nelle donne, mentre quelle dell’impulso sessuale sono più sviluppate negli uomini. Se le differenze biologiche fossero davvero criteri comportamentali, però, in base all’informazione precedente dovremmo dire che mentre le donne sono nate per parlare al telefono, gli uomini per fare sesso. Le hot-line sarebbero la modalità di rapporto uomo-donna più naturale che ci sia. In realtà la biologia del cervello non è sufficiente a indicare un criterio di comportamento. Quali, fra le strutture biologiche che caratterizzano i maschi e le femmine, dobbiamo assecondare e quali dobbiamo invece contrastare? L’impulso sessuale, per esempio, deve essere contrastato sempre, solo qualche volta o mai? Come deve essere disciplinato? Quando? In che forme? Rispondere a tali domande, e il fatto stesso di porsele, ci fa uscire dall’ambito della biologia, facendoci entrare nell’ambito della cultura.
A ben vedere, basare l’identità sessuale sul solo corpo è un errore uguale e contrario a quello di basarla sulla sola cultura o sulle sole aspettative sociali. Gli esseri umani, nel dibattito fra i pro-gender e gli anti-gender, sono stati divisi in due fra natura e cultura: la prima sarebbe una dimensione oggettiva, che è così com’è a prescindere dalla cultura e dai nostri desideri soggettivi; la seconda, invece, esprimerebbe la capacità di plasmare la nostra natura, e di modificarla secondo i nostri gusti e i nostri interessi. Abbiamo così il partito della natura (composto tendenzialmente da alcuni cattolici) e quello della cultura (i sostenitori delle teorie Gender). La contrapposizione polemica tra questi due schieramenti induce a porsi una domanda fuorviante, ossia se le differenze fra uomini e donne siano scritte nei loro geni o siano prodotte dalla società. In realtà bisognerebbe rispondere: ne’ l’una né l’altra cosa. Entrambi gli schieramenti, infatti, dicono qualcosa di vero, che però diventa falso una volta che viene contrapposto polemicamente a quanto sostiene lo schieramento opposto. Più dico che uomini si nasce per natura, più mi sentirò rispondere che lo si diventa per cultura. E viceversa, in un gioco senza fine.
Bisogna uscire, una volta per tutte, da questo meccanismo di azione e reazione, basato sulla contrapposizione di aspetti che, nell’uomo, si trovano inseparabilmente connessi. L’uomo, infatti, a differenza degli altri animali, è un essere culturale per natura. Non c’è niente, in lui, che sia soltanto natura o soltanto cultura. L’identità sessuale di una persona, insomma, non è né un rigido destino biologico né una pura convenzione sociale.
Se le identità di genere uomo-donna abbinate al sesso biologico maschio-femmina fossero realmente solo degli schemi sociali che non corrispondono alle nostre inclinazioni naturali, non avrebbero potuto attecchire così universalmente come hanno fatto. La nostra natura, da questo punto di vista, non è ciò che si manifesta al di fuori di ogni mediazione culturale, ma ciò che rimane uguale nella varietà delle culture. La natura umana non si manifesta cioè come dimensione biologica sottratta a ogni influenza culturale, ma come costante culturale. Proprio per questo possiamo dire che la natura umana si esprime essenzialmente come maschile/uomo e femminile/donna. Che la maggioranza dei maschi “divenga” uomo e la maggioranza delle femmine “divenga” donna non è il frutto né di un destino biologico, né di una mera convenzione sociale. Il divenire uomo del maschio e donna della femmina non avviene cioè né per natura né contro natura.
Si pensi al linguaggio. Ogni uomo, per natura, è capace di acquisirlo, ma non esiste una lingua “naturale”. Tutte le lingue parlate dagli esseri umani sono storiche, culturali. Inoltre, mentre in tutti gli altri animali le caratteristiche di specie fanno la loro comparsa spontaneamente a un certo grado del loro sviluppo, nessun essere umano comincia a parlare per natura, da sé. La sua natura di essere parlante, piuttosto, si sviluppa soltanto mediante il condizionamento sociale di chi, sin dall’inizio, gli rivolge la parola trasmettendogli una determinata lingua. Ma sarebbe assurdo dire che ciò, per il solo fatto di non essere avvenuto “per natura”, e cioè spontaneamente, sia “contro natura”. Nell’uomo, infatti, le aspettative sociali e il condizionamento culturale non sono una manipolazione artificiale della sua “vera” natura, ma le forme del suo sviluppo e della sua piena manifestazione.
2° PARTE: L'ASPETTO MEDICO-SCIENTIFICO 

3° PARTE: LE PERSONE PRIMA DI TUTTO

Luciano Sesta, sposato e padre di quattro bambini, è docente di Storia e Filosofia nei Licei Statali Insegna Antropologia filosofica e bioetica all’Università di Palermo, ed è stato membro dell’Ufficio della Pastorale della Cultura dell’Arcidiocesi di Palermo. Ha pubblicato numerosi saggi nell’ambito della teologia morale, della bioetica e dell’etica

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis12 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi72 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa15 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni73 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus33 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia5 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco192 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita29 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere86 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma15 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco7 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità66 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video109 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)