I figli dei figli del '68 a 50 anni di distanza


Il 50° anniversario della "rivoluzione" sessantottina è riletto attraverso due articoli interessanti: il primo, di Gianfranco Morra, mette in evidenza come i frutti del '68 siano i giovani attuali, meno arrabbiati, ma più disperati. Il secondo articolo, pubblicato su Settimana news, è 
la prima parte della relazione di Franco Garelli, docente di sociologia presso l’università di Torino, presentata il 19 maggio al Sisri (Scuola internazionale superiore per la ricerca interdisciplinare) di Roma. La scuola è legata alla Pontificia università della Santa Croce (Roma). Dopo un sommario bilancio di cosa è stato il ’68 e che cosa è rimasto di quel periodo, l’autore si sofferma in particolare sui riflessi che esso ha avuto nell’ambito della religione e della pratica religiosa.
Così Morra per Italia Oggi:
 L’inquietante crescita della criminalità giovanile, da Napoli a Torino, è un fenomeno complesso, dovuto a molte cause e condizioni. Essa tuttavia può essere capita meglio se riferita ad un evento, del quale quest’anno ricorre il cinquantenari: la contestazione giovanile del 1968.
In quell’anno, l’Italia viveva in un clima di ricostruzione e di benessere, raggiunti non senza duri sacrifici dall’intera popolazione. La sua morale era ancora quella tradizionale, liberale per le classi colte e cattolica per le masse popolari. Nel corso della sua storia, l’Italia non aveva mai avuto una rivoluzione culturale o sociale. Nel ’68 accolse il grido di rivolta di Parigi e Berkeley. Per la prima volta, esplose una rivoluzione, di tipo antropologico, che mirava a rifiutare il «perbenismo» della società cristiana e borghese per realizzare una convivenza fondata sul «niente proibito e tutto subito».
I partiti e i sindacati cercarono di gestirla e di servirsene, in realtà ne furono travolti. La parola d’ordine del movimento non era «creare una società più attiva ed efficiente», era di mandare «la fantasia al potere». Non fu una rivoluzione politica, ma antropologica. Freud ha battuto Marx, Prometeo è stato sconfitto da Orfeo e Narciso. E la rivoluzione fece fuori i tre vecchi e fastidiosi «padri».
Il padre fisico venne eliminato, visto che era un «padrone» o almeno un «padrino», che spadroneggiava in una famiglia repressiva e maschilista. Occorreva una «società senza padre», oramai era avvenuta la «morte della famiglia» (titoli di best-sellers dell’epoca). La politica e la legislazione si adattarono subito a questo antifamilismo, con leggi che hanno finito per distruggere, in nome del dialogo, ogni autorità familiare. Oggi nella maggioranza delle famiglie il colloquio è spento, anche perché gli strumenti social lo rendono difficile. Quella educazione che un tempo la famiglia dava, anche dove oggi non manca, si è fatta tenue e difficile. Non più comunità, la casa è diventata piuttosto un rifugio notturno.
Anche il padre culturale venne ghigliottinato: il maestro. Declassato a «compagnon» al quale si dà del tu, in una scuola ludica e fantasiosa, dove si poteva fare tutto, anche studiare. Purché non vi fossero né merito né selezione («voto di gruppo»). Era nata la scuola del pensiero «unico e vuoto»: che non trasmetteva più princìpi, valori e imperativi, ma indicava perentoriamente le cose alle quali occorreva opporsi (fascismo, razzismo, xenofobia, maschilismo, discriminazione, omofobia). Una scuola che insegnava ai giovani non ciò che dovevano, ma ciò che non dovevano essere: tu sei qualcuno fin che ti opponi possibilmente a tutto.
Il terzo padre si è estinto: «Dio è morto». La religione, la parrocchia, il catechismo facevano parte della educazione dei giovani. Dal ’68 essi scoprono come il Dio Padre fosse autoritario, maschilista e sessuofobo, aiutati in ciò da un clero in crisi di numero e di prestigio, che cerca di stare a galla assumendo e battezzando tutto l’armamentario della secolarizzazione anticristiana. Qualcuno lo attende ancora, ma Godot è scomparso senza lasciare traccia. Anche Gesù non è più Cristo, ma un Superstar che aiuta a superare le nevrosi o un Che Guevara della Palestina che lotta contro i poteri forti.
Nelle chiese non mancano i vecchi, anche se non sono più tanti, ma pochissimi sono i giovani. Il loro triangolo educativo (famiglia, scuola, religione) si è dunque dissolto nella nebulosa del tutto è possibile e niente è vietato. Senza che essi abbiano assunto i miti logorroici del politicamente corretto, che ignorano e anche deridono: l’antifascismo e la resistenza, la tolleranza e la società multietnica. Il ’68 ha veramente rivoluzionato la morale individuale e sociale. Si dirà che è accaduto dovunque. Ma altri paesi lo hanno frenato e anche cancellato. Mentre da noi è giunto, sino al culmine del 1977, alla P38. Tuttavia il terrorismo, per fortuna quasi scomparso, fu in fondo l’esito meno preoccupante della contestazione. Ben più negative le conseguenze antropologiche, ancora vive e diffusissime oggi, mezzo secolo dopo.
Di cui la delinquenza giovanile (accompagnata dalla tossicodipendenza) è una delle più gravi. La contestazione non è più «movimento», ma «istituzione», meno rabbia e più disperazione. Un riflusso, filantropico e pacifista, spompato e nichilista, non un superamento. I suoi «valori» sono immutati: individualismo, spoliticizzazione, rifiuto della famiglia e dei figli, disinteresse per il lavoro e la carriera, vita alla giornata.
Quelle che, con un termine eufemistico e giocoso, vengono chiamate «baby gang» non sono fatti casuali. Non le spiegano certo le superficiali e ciarlatanesche prediche di Saviano («tutta colpa della società»), né potranno essere combattute dalle utopie buoniste dei magistrati («non è colpa loro, non vanno puniti ma rieducati»). Magari fosse così. Nella realtà la baby gang diventa per molti l’unica socializzazione possibile dopo la distruzionedella agenzie di formazione compiuta dalla contestazione. E spesso è solo un apprendistato per arrivare al diploma della grossa criminalità.
Questi giovani che feriscono e uccidono per uno smart o per un giaccone, come gli altri che, per noia, tirano i sassi sulle autostrade o bruciano i barboni, sono i figli dei figli del ’68. Minniti manderà cento uomini per controllarli. Ce ne vorrebbero centomila. Li abbiamo creati noi, dovremo tenerceli a lungo. 
Garelli:"A cinquant'anni dal '68"
Che ne è del ’68 cinquant’anni anni dopo? Quale bilancio “culturale” si può avanzare di un evento che – nel bene o nel male – ha segnato nel profondo le nostre società occidentali?
Non tutti gli studiosi e gli osservatori, ovviamente, guardano con le stesse lenti agli avvenimenti di quel periodo, che ha rappresentato comunque uno spartiacque tra due epoche diverse. Anche i suoi detrattori, anche quanti sono convinti che la pretesa di rivoluzione abbia avuto gambe corte, ammettono che il ’68 è stato un fenomeno di grande portata, perlomeno per le macerie che ha lasciato in eredità.
Tra le accuse più spinte c’è chi parla di una stagione che ha fatto degenerare il valore della libertà in licenza, anarchia, assenza di regole; di un movimento nato per combattere un conformismo ripugnante e finito per crearne subito uno più soffocante.
Per contro, altri osservatori riconoscono le molte discontinuità emerse in quegli anni ruggenti, la domanda di cambiamento, la rottura dei rapporti di potere consolidati (nell’università, nelle fabbriche, in famiglia, tra le generazioni), la voglia di rivalsa e di protagonismo delle classi sociali più deboli. Per altri ancora è stata una fase fondamentale per la crescita civile, che ha dato il via alla stagione dei diritti.
Insomma, il dibattito è ancor oggi assai vivace intorno al ’68, al suo significato, ai fattori che l’hanno innescato, al suo lascito, se abbia avuto più meriti o più colpe. Tuttavia – al di là delle valutazioni contrastanti – non si può negare il fatto che sia stato un periodo intriso di schieramenti e di contrapposizione ideologiche, di conflitto generazionale, di utopie, di mescolamento di classi sociali, di intensa partecipazione collettiva: tutti aspetti che ne celebrano la distanza rispetto al tempo attuale, che non manca certo di tensioni ma che appare al confronto assai più grigio e feriale.
Del resto, per illustrare il clima di allora, è sufficiente richiamare alcuni slogan tipici del periodo, che fanno ormai parte della nostra memoria/archeologia storica, e illustrano gli imperativi culturali di quegli anni impetuosi. Erano i warning di allora, oggi diremmo i tweet o gli hastag di un’epoca che non conosceva ancora gli smartphone; messaggi che – a seconda dei casi – hanno colorito o reso minacciosi i muri delle fabbriche o delle università, che costituivano la “sacra volta” dei lunghi cortei, gridati in ogni dove da giovani che lottavano per un mondo “sottosopra”.
# Ce n’est qu’un début (è solo l’inizio)
# vietato vietare
# contro la repressione l’insurrezione
# studenti-operai stesso padrone
# io sono mia
# non liberatemi, faccio da solo
# siamo senza limiti
# prendete i vostri desideri per delle realtà
# la barricata chiude la strada per aprire la via
# la fantasia al potere
# l’immaginazione al potere
# non prendete l’ascensore, pendete il potere
# riprendiamoci il futuro
# il personale è politico
# io decreto lo stato di felicità permanente
# diffidate di chi ha più di 30 anni
E poi i numerosi slogan a sfondo sessuale, a indicare che l’impeto politico aveva profondamente investito la sfera privata.
# Amatevi gli uni sugli altri
# chi dorme due volte con la stessa donna è parte del sistema
# faites l’amour pas les magasin (des gosses).
Il lascito culturale del ’68
Che cosa intendo affermare con questa breve ricostruzione di un passato che ha prodotto molto rumore e scalpore? Che ha segnato la nostra storia?
Anzitutto che nel ’68 era forte la tensione a mettere in crisi una società ritenuta ingiusta, autoritaria, disuguale, ricca di oppressioni e di tabù; ma, nello stesso tempo, era anche assai sentita l’esigenza di operare un raccordo (una saldatura) tra la vita personale e quella politica, perché il cambio delle strutture era considerato propedeutico ad attuare un diverso modo di vivere.
In secondo luogo, che alcuni di questi slogan ci sembrano oggi del tutto velleitari e anacronistici, ad esempio per il modo ingenuo in cui i giovani d’allora pensavano di poter ribaltare i poteri forti della società e di instaurare un nuovo ordine sociale; mentre altri messaggi (la domanda di felicità, la centralità dei desideri, l’affermazione “io sono mia” – che richiama lo slogan femminista di alcuni anni dopo: “il corpo è mio e lo gestisco io” o “l’utero è mio e lo gestisco io”) sembrano aver fatto scuola nel corso degli anni, in quanto ormai parte di una cultura diffusa, che rivendica l’importanza dell’autodeterminazione personale e della libertà di espressione.
In terzo luogo, che quello era davvero il tempo dell’utopia, del primato dell’ideologia, delle “passioni forti”, della voglia di schierarsi; mentre quella attuale sembra una stagione post-ideologica, del malessere, delle passioni tristi, dell’eterno scontento, della rivendicazione impotente, dell’assenza di prospettive.
Il primo messaggio dunque che vorrei proporre riguarda proprio il lascito culturale che deriva alla nostra società (e in particolare alle nuove generazioni) dal movimento o dalla stagione del ’68.
È pur vero (come accennavo in precedenza) che, dopo la sbornia o gli eccessi della politica, molti protagonisti di quella calda stagione sono rientrati nei ranghi di un sistema sociale che è risultato più forte delle loro velleità rivoluzionarie. Dopo tante speranze tradite, dopo il caos sociale connesso ad una partecipazione disordinata, dopo gli anni cupi del terrorismo, è tornata la calma nel paese, i giovani sono scesi dalle barricate, si è innescato un lungo periodo definito da alcuni di normalità e da altri di riflusso.
Tuttavia si è trattato di una normalità più apparente che reale, in quanto il ’68 ha comunque lasciato il suo segno. L’alternativa politica è certamente fallita, ma essa è stata sostituita (come hanno rilevato Glock e Bellah) dall’alternativa degli stili di vita, da una cultura (o controcultura) che ha ereditato alcune istanze tipiche della stagione politica. Tra queste, la messa in discussione non soltanto di questa o quella autorità ma del principio stesso di autorità; la distanza e la disaffezione dalle istituzioni e dalla tradizione; la ricerca della felicità qui e ora; il prevalere di motivi autonomi e immanenti di realizzazione; l’importanza attribuita al lato soggettivo (individuale) dell’esperienza umana. Questa centralità del “sé” si manifesta a vari livelli, nel desiderio di controllare e determinare il proprio percorso di vita, nell’enfasi attribuita alla sperimentazione, nella tendenza a vivere con maggior consapevolezza.
Ecco alcune delle istanze culturali emerse a seguito della stagione politica e che hanno permeato la vita quotidiana delle nuove generazioni. Molti giovani sono stati coinvolti in modi di pensare, di vivere e di agire che erano in netto contrasto con quelli dei loro genitori e con i coetanei entrati nell’età adulta nei primi anni sessanta; le cui tracce erano individuabili anche nel loro modo di vestirsi, nei gusti musicali, nelle dinamiche del tempo libero, nelle relazioni affettive e sessuali, nel modo di stare nella società.
Per vari aspetti, questo cambiamento sotto traccia rientra nella «rivoluzione silenziosa» che – a detta di Inglehart – sarebbe avvenuta in molti paesi occidentali in quegli anni, che segnalerebbe il passaggio dai valori “materialistici” della sicurezza economica, del benessere, della carriera, del prestigio sociale, della disciplina, del successo professionale… a quelli “post-materialistici”, rappresentati dall’autorealizzazione, dalla libertà di opinione, dal senso di appartenenza “limitato”, da un modo diverso di intendere la cultura e di vivere il rapporto con la natura.
Negli ultimi 50 anni, dunque, è avvenuto qualcosa che ha modificato profondamente lo scenario culturale delle nostra società, di cui il ’68 sembra essere stato il detonatore e il simbolo iniziale.
Individualismo e autenticità
Nel sintetizzare questo cambiamento, c’è stato chi – come Taylor – ha parlato di una rivoluzione individualizzante, del diffondersi tra ampi strati di popolazione di un individualismo morale, strumentale ed espressivo che nel passato era sentito soprattutto dalle élites, mentre ora diventa un fenomeno di massa.
A molti di noi (della nostra cultura) il termine individualismo crea sconcerto, perché lo associamo in genere a una concezione egoistica della vita, al venire meno del senso della comunità, alla negazione dell’idea della solidarietà, al venir meno della fiducia negli altri.
Ma il termine – come si sa – ha un’accezione più ampia.
L’individualismo indica certamente la tendenza a ragionare perlopiù nei termini di che cosa è meglio o ottimo per me; o a misurare la bontà di un’azione più in base alla sua capacità di essere un mezzo per ottimizzare le ricompense che per il suo valore intrinseco (individualismo strumentale). Ma può contenere anche un’istanza “espressiva”, che può essere descritta come la ricerca di uno stile di vita autentico, personalizzato, a propria misura; mosso dalla convinzione che ciascun individuo ha un modo specifico di realizzare la propria umanità, e che è importante esprimere e attuare tale originalità, anziché conformarsi a un modello imposto dall’esterno (cioè dalla società, dalle generazioni precedenti, dall’autorità politica o religiosa ecc.).
Ci si distanzia, dunque, dalle società del passato ritenute omologanti e conformiste, nemiche dell’individualità e della creatività, repressive dei sentimenti e della spontaneità.
Inoltre, si è sempre meno disposti a vivere la propria vita in termini di ruoli oggettivi, di obblighi e principi che provengono dall’esterno, coltivando l’idea di decidere autonomamente i fini e le modalità della propria esistenza, orientando le proprie scelte in sintonia con il “sé intimo”.
In altre parole, il modello della “vita come”, vincolata dalla tradizione dei ruoli sociali (espressa dai modelli della moglie devota, del marito fedele, dell’impiegato diligente, del giovane sottomesso) viene surclassata dal modello della “vita soggettiva”, vissuta in accordo con la propria interiorità, dove contano i sentimenti personali, l’armonia, l’autonoma espressione. La prima sacralizza la conformità dell’individuo a un’autorità e alla tradizione, che media la sua volontà; la seconda sacralizza l’esperienza personale dell’incontro col proprio sé profondo.
Siamo qui nel cuore di quella che Charles Taylor definisce l’epoca dell’autenticità, che ha modificato per ampie quote di popolazione le condizioni di vita (e anche di credenza e di rapporto con la religione, come vedremo) nelle nostra società.
Come si vede, non tutto è negativo nel cambiamento culturale descritto. La realizzazione individuale può indebolire i tradizionali legami con la comunità, con lo Stato, i partiti politici, le classi sociali, le Chiese; ma può anche innescare nuove appartenenze collettive, connesse a particolari sensibilità, stili di vita e di consumo.
L’uscita dalla “vita come” altera i rapporti sociali, ma apre alle persone nuovi orizzonti di realizzazione. La centralità del “sé” può innescare atteggiamenti egoistici, ma indica l’importanza di essere se stessi nel mondo d’oggi, di scoprire le proprie potenzialità, di superare vincoli e schemi datati e prefissati. Insomma, non tutto viene per nuocere nell’epoca dell’autenticità.
Il bilancio di questa svolta culturale non può che essere ambivalente, si compone di aspetti problematici ma anche di istanze positive. Alcuni valori e modelli tradizionali vengono messi in discussione (la famiglia, il lavoro, la moderazione, la fedeltà alle istituzioni ecc.), ma altri ideali si affermano, come quelli del rispetto della libertà individuale, dell’equità, delle pari opportunità, della tolleranza, dei diritti.
Va da sé che questa profonda trasformazione della coscienza morale ha avuto rilevanti ripercussioni nel campo religioso, che si sono manifestate sia nel rapporto con le istituzioni del sacro (con le Chiese, in particolare), sia nel modo stesso in cui oggi si interpreta l’istanza religiosa e spirituale.
Quanti hanno riflettuto su questi temi, evidenziano in particolare:
  1. La messa in discussione di una religione o di una religiosità che non sia oggetto di una specifica scelta personale, tipica di un riferimento culturale che un individuo ha ereditato quasi a sua insaputa dall’ambiente in cui vive, frutto di un’eredità o di una memoria di cui si partecipa senza sufficiente consapevolezza; molti giovani, oggi, esprimono disagio nei confronti di una fede imposta o fondata soltanto sul legame con la tradizione o con la cultura prevalente, anche se di fatto poi maturano a questi livelli vari compromessi; in tutti i casi, l’aspirazione di fondo è (a livello di fede religiosa, come in molti altri campi della vita) a non vivere più in un “mondo di destino”, ma in un “mondo di scelte”; dunque, non una fede ascritta o imposta o ereditata passivamente, ma sempre più oggetto di opzione.
  1. Il distacco o la diffidenza verso ogni forma di autorità religiosa o verso ogni fonte di significato che proviene dall’esterno della propria coscienza, e, in parallelo, la tendenza a legittimare come credibile solo ciò che viene validato in termini soggettivi e personali; l’autorità del soggetto prende dunque il sopravvento rispetto a quella delle istituzioni e delle tradizioni religiose, per la centralità attribuita appunto al sentire individuale.
  1. La refrattarietà a identificarsi con le istituzioni religiose non è solo una questione di principio, ma ha anche una ragione storico-culturale, rappresentata dal rifiuto del modo prevalente in cui le Chiese e le istituzioni religiose hanno sin qui gestito il sacro; l’insofferenza verso una proposta religiosa e morale che sembra negare la libertà e lo sviluppo personale; il disaccordo con l’etica sessuale predicata dalle Chiese; il rigetto della funzione disciplinante della religione (che prefigura autocontrollo, abnegazione ecc.); la non accettazione dell’approccio autoritario delle Chiese, la cui legge e le cui norme sembrano fisse nel tempo e non ammettere obiezioni ed eccezioni.
  1. Il distacco dai modelli religiosi tradizionali non conduce necessariamente ad un aumento dell’incredulità o all’insignificanza dei valori religiosi e spirituali; cresce nel tempo il fenomeno dell’ateismo o dell’indifferenza religiosa, ma, a fianco di esso, si delinea un forte flusso di ricerca spirituale alternativa, che in gran parte si manifesta al di fuori delle Chiese ma che per vari aspetti coinvolge anche le comunità religiose più consolidate; si diffonde dunque l’idea: che ciascuno debba seguire le proprie inclinazioni spirituali; che sia legittimo scegliere l’ambiente (comunità, gruppo, chiesa) ritenuto più significativo; che ciò che conta non sono le appartenenze formali, ma le esperienze, i percorsi, le proposte che rispondono alle mie esigenze e alimentano il vissuto; sovente queste risposte si ritrovano in itinerari spirituali “affini”, non strutturati, o in agenzie di servizio… più che nelle grandi istituzioni
Emerge qui “un nuovo modo di rapportarsi al sacro che esalta la ricerca di significato a partire dalla propria esperienza quotidiana, dai propri sentimenti/dubbi; quel fenomeno che – a seconda dei casi – è stato definito come religione fai-da-te”, religione “scegli e mischia”, “supermercato spirituale”, religione “à la carte”; o ancora, come “una via per la comprensione di sé e per la consapevolezza interiore”; “un percorso per la crescita personale”; “un veicolo per il risveglio della parte intuitiva, non-razionale, del sé”.
Questo aspetto è ulteriormente esaltato dalle espressioni più recenti di “spiritualità del sé”, “spiritualità interiore” o “spiritualità soggettiva”; espressione di un sé profondo che valorizza i propri sentimenti, il proprio corpo, le relazioni con gli altri, con la natura e il cosmo.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria39 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie144 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia2 Pasqua27 passione6 pastorale25 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti25 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV15 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi3
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

LA PARABOLA DEL SEMINATORE E GLI OSTACOLI ALL’AMORE

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)