La "provocazione" di "amare il prossimo tuo" e le incoerenze leghiste

Preso dalle attività estive mi ero perso un fattaccio che vedo riportato da tanti organi di informazione: al comizio di Cremona, Salvini sbeffeggia un "provocatore" che sventola una sciarpa con la scritta "Ama il prossimo tuo" e viene malmenato dai sostenitori leghisti. Dal blog Pietre vive riprendo alcuni commenti:
Il ragazzo picchiato dai leghisti per la sciarpa
“ama il prossimo tuo”

«Sono terrorizzato, mi hanno picchiato senza un motivo, non pensavo potessero farmi questo ». Malmenato dai leghisti, e anche preso in giro dal ministro leghista,che in quel momento stava facendo un comizio nei giardini pubblici di piazza Roma, a Cremona. È successo la sera dello scorso 3 giugno, Matteo Salvini era in città per sostenere il candidato del centrodestra al ballottaggio, che peraltro ha perso. Un giovane di 25 anni ha alzato una sciarpa su cui aveva scritto “Ama il prossimo tuo”, frase evangelica che ha però irritato parecchio i fan leghisti, che hanno cominciato a strattonarlo cercando di strappargli la sciarpa e coprendolo di insulti. Poi calci e ceffoni, lui si è rannicchiato su se stesso per difendersi, e a quel punto sono intervenuti tre agenti della polizia municipale — fuori servizio e in borghese — che hanno gridato «Alt, fermi tutti!», e hanno interrotto l’aggressione. Quindi l’hanno accompagnato al presidio della polizia locale e l’hanno identificato. Non hanno però rintracciato gli aggressori, che nella confusione del momento si sono mescolati tra la gente. Il ministro non ha interrotto il comizio, anzi ha commentato in diretta: «Lasciatelo da solo, poverino, fate un applauso a un comunista che c’è, se non c’è un comunista ai giardinetti noi non ci divertiamo. E mi fanno simpatia quelli che nel 2019 vanno in giro con la bandiera rossa con la falce e il martello», che secondo lui dovrebbero finire «al museo della Scienza e della tecnica di Milano, come i dinosauri», frase che gli è particolarmente cara, visto che l’ha ripetuta più volte in campagna elettorale, ogni volta che qualcuno lo contestava. Ieri Pippo Civati di Possibile ha denunciato il fatto e rilanciato un piccolo video in cui si vedono alcuni momenti dell’aggressione, e si sente in sottofondo la voce del ministro: «Salvini infanga le istituzioni e la Costituzione. Si dimetta». La Tavola della Pace Cremona (che comprende Acli, Anpi, Arci Libera, Pax Christi e moltissime altre associazioni) ha condannato l’aggressione: «Il tempestivo intervento delle forze dell’ordine ha evitato il peggio e fermato il pestaggio. Solo a incidente avvenuto, il leader della Lega Salvini ha sminuito e distorto il senso invitando i suoi sostenitori a lasciar perdere il comunista di turno che gli farebbe tanta compassione. Con i fari del palco puntati sugli occhi, Salvini ha preferito scambiare la scritta evangelica “Ama il prossimo tuo” con la protesta di un comunista immaginario, più funzionale alla sua linea di propaganda». Gianluca Galimberti, sindaco del centrosinistra, riconfermato: «Bisogna smettere di usare parole che dividono, perché le parole d’odio generano violenza e insicurezza. Il clima è sbagliato, non si può continuare a soffiare sul fuoco, individuando nemici, e alla fine il nemico diventa un ragazzo che al massimo manifestava un pensiero divergente, e comunque pacifico». L’aggredito era stato subito visitato dal personale di un’ambulanza del 118 presente nei giardini di piazza Roma, e gli erano state riscontrate alcune contusioni. La questura di Cremona ha aperto un’indagine sui fatti, lui ha 90 giorni di tempo per denunciare le lesioni subite. Per quel che se ne sa, non è un appartenente ai centri sociali, che peraltro quella sera erano tenuti molto alla larga dalla piazza Roma, e ogni volta che si presentavano agli ingressi sorvegliati dalle forze dell’ordine venivano prontamente respinti.
(Articolo di Brunella Giovara in “la Repubblica” del 11 giugno 2019)

Guarda il video


Se anche il Vangelo oggi fa paura
perdiamo centimetri di libertà

Verrebbe da dire: quali tempi sono questi quando citare il Vangelo — e il concetto fondativo del messaggio cristiano: ama il prossimo tuo come te stesso — può determinare la reazione furiosa di un gruppo di ultrà del ministro dell’Interno. E, tuttavia, si devono mantenere i nervi saldi, dal momento che in Italia la libertà di culto non è in pericolo (per la confessione di maggioranza, mentre per quelle minoritarie alcuni rischi si manifestano); e la libertà di pensiero e di espressione è mediamente garantita. 
Detto questo, si deve pur notare che sono sempre più numerose le insidie portate alla piena agibilità politica e alla regolarità della discussione pubblica. Ma, prima ancora, va considerata la catastrofe culturale in corso, della quale già oggi si colgono i primi segnali. Fino a che limite si è gonfiato il sentimento di rivalsa sociale, oscillante tra il registro della stizza quotidiana e quello dell’odio politico, se si arriva a interpretare il messaggio più “innocente” come un’aggressione alla propria identità di partito? Una prima risposta è che quelle parole sono, in realtà, tutt’altro che innocue, proprio perché ribaltano un senso comune che si alimenta di forme di relazione basate sulla nemicità: ovvero una pulsione ostile indirizzata verso il vicino di casa, così come verso l’avversario politico. 
Della frase evangelica la parola più sovversiva e scandalosa è forse quel “prossimo”. Ciò perché, in questa fase della storia nazionale, una spietata battaglia culturale e politica viene combattuta esattamente sulle categorie di vicino e lontano. In estrema sintesi, il sovranismo riassume l’identità del qui ed ora, del locale, del simile. È l’autogoverno del proprio territorio e della propria gente, tutto ripiegato e concentrato sul presente: non a caso questa ideologia diffida dell’ambientalismo, in quanto proiettato sul futuro (del pianeta e delle generazioni). Il nemico è il lontano: una volta era “Roma ladrona”, oggi lo sono l’Europa, gli organismi sovranazionali e le convenzioni e le organizzazioni internazionali. Nemiche sono tutte le teorie, le dottrine, le religioni che intendono avvicinare l’altro e il distante, fino a farli diventare “prossimo tuo” da amare come te stesso. Sotto questo profilo, per quanto sembri incredibile, i commissari europei possono essere detestati e disprezzati quanto i richiedenti asilo provenienti dall’Afghanistan e i migranti in fuga dalla Libia.
Ecco perché quel richiamo al Vangelo può essere interpretato da alcuni (molti?) come un’accusa politica, e per certi versi lo è sul serio: tant’è vero che, dal palco del comizio, Matteo Salvini ha dileggiato come comunista il giovane cattolico. Non dico che questo sia stato il ragionamento lucido di quanti a Cremona e in molte altre città hanno aggredito i contestatori di Salvini e gli espositori di striscioni, ma in tutti probabilmente è scattata l’associazione mentale tra dissenziente (pacifico e isolato) e nemicoÈ così che si può perdere, giorno dopo giorno, “un lembo di libertà” (come ha scritto questo giornale presentando venerdì scorso la Festa di “Repubblica”). Per difenderli e riconquistarli, quei centimetri di libertà, si può ricorrere al titolo di un libro, pubblicato qualche anno fa da Marino Sinibaldi: “Un millimetro più in là”. È un’indicazione di metodo e di lavoro: procedere con passi pazienti, sul tempo lungo, in particolare nei luoghi della formazione e della cultura di massa, per una resistenza (con la “r” rigorosamente minuscola, mi raccomando) adeguata a questa fase certamente fosca, ma non disperata. 
L’episodio di Cremona, infatti, può essere letto in modo rovesciato: un giovane ritiene necessario manifestare in qualche modo il suo dissenso. Come già fece quella signora che, in un vagone della circumvesuviana, apostrofò un teppista che vessava uno straniero: “tu non sei razzista, sei stronzo”; e come l’adolescente di Casal Bruciato, Simone, che tenne testa al militante di CasaPound. E come migliaia di altre persone che fanno altrettanto, senza che le loro azioni diventino pubbliche. 
Insomma, l’Italia non è un Paese razzista e la sua democrazia è solida: c’è, ed è potente, un’offensiva degli intolleranti e degli illiberali. Ma c’è anche un’Italia smarrita e inquieta e, tuttavia, vitale, attiva e accogliente. Credo che sia, nonostante tutto, maggioranza. Il problema, il grande problema, è come tradurre tutto ciò in politica.
(Articolo di Luigi Manconi in “la Repubblica” del 11 giugno 2019) 

Dalla posta di Avvenire - Risponde il Direttore Marco Tarquinio (12 giugno 2019):

Se l'«ama il prossimo tuo» di Gesù è liquidato come frase da «comunista»

Caro direttore, 
lunedì 3 giugno, al comizio di Matteo Salvini ai giardini di piazza Roma a Cremona, non è vero che tutto è filato liscio. Un incidente di percorso c’è stato. Alcuni giovani cattolici, presenti in piazza, hanno esposto uno striscione formato sciarpa con la scritta evangelica «Ama il prossimo tuo» proprio mentre il comizio del ministro dell’Interno entrava nel vivo. Il piccolo striscione non è stata tollerato a lungo dai numerosi sostenitori di Matteo Salvini che hanno circondato il nostro amico che, a braccia alzate, reggeva in alto la scritta e a forza gliel’hanno strappata di mano. Ci sono dei video che testimoniano l’accaduto. Solo a incidente avvenuto, il leader della Lega Salvini ne ha sminuito e distorto il senso invitando i suoi sostenitori a lasciar perdere il comunista di turno che gli farebbe tanta compassione. Con i fari puntati sugli occhi, Salvini ha preferito scambiare la scritta evangelica «Ama il prossimo tuo» con la protesta di un comunista immaginario, più funzionale alla sua linea di propaganda. In realtà, sotto i suoi occhi, i sostenitori della Lega hanno strappato un piccolo striscione con una scritta che dovrebbe essere cara a tutti i cristiani: «Ama il prossimo tuo»!

Un gruppo di cattolici cremonesi

Caro direttore,
sta circolando su Facebook un video girato durante un comizio di Salvini per il ballottaggio del sindaco di Cremona che è di una gravità inaccettabile e, a mio parere, merita di essere fatto conoscere per smascherare la personalità di Salvini. È accaduto che durante il comizio del ministro e segretario leghista un ragazzo, senza clamori particolari, ha alzato una sciarpa con su scritto «Ama il prossimo tuo». Dopo di che in quel contesto già surriscaldato a dovere, fra spintoni e pedate il ragazzo è stato buttato a terra dai soliti “bravi” dei quali si contornano gli “uomini forti” di tutti i tempi per non sporcarsi direttamente le mani. A quel punto, interrompendo il suo comizio e additando il ragazzo, Salvini ha detto, forte e chiaro, perché si capisse bene: «Lasciatelo solo, poverino, è un comunista!». Ma questo episodio non dice solo chi è Salvini e che cosa vuole, ma anche che i veri nemici della Lega non sono i comunisti, che semmai sono degli avversari sullo stesso piano ideologico da combattere e battere, ma i cristiani che non temono di mettersi in gioco per contrastare la menzogna e la prepotenza con spirito di verità e amore al servizio di Cristo. È sempre stato così, e lo sarà sempre, ma oggi il nostro compito è anche quello di sensibilizzare i nostri fratelli perché la verità dei fatti e un discernimento sereno possano aiutarli a non farsi strumentalizzare da false preghiere e ipocrite difese dei valori a noi cari.

Gianni Marieschi Cortemaggiore (Pc)

Gli amici cremonesi che mi hanno fatto avere testimonianza di piazza e di foto sul comizio cremonese di Matteo Salvini mi chiedono gentilmente di non firmare la lettera coi loro nomi. Gianni Marieschi, che questa parabola capovolta frutto della campagna elettorale appena conclusa l’ha invece scoperta sui social, firma senza problemi. Diciamo che la sua firma e la mia bastano. E che basta il racconto vero e a più voci di quel che è accaduto per spiegare perché a nessuno di noi, neppure all’uomo più potente e al comunicatore più abile del mondo, basterà mai giurare ostentatamente sul Vangelo, se non lo conosciamo, se cioè non lo abbiamo almeno un po’ letto e ascoltato. Quella Parola, e ognuna di quelle parole ci peseranno addosso, e giudicheranno i nostri atti e le nostre intenzioni anche se faremo di tutto per evitarlo. E se un leader politico che si dichiara «cattolico» liquida l’insegnamento di Gesù Cristo forse più conosciuto – «Ama il prossimo tuo…» – come una frase da comunisti... l’unica spiegazione accettabile è quella abbozzata dagli amici cremonesi: Matteo Salvini, quella sera, aveva i fari negli occhi. Questo solo giustificherebbe le sue parole, non certo le manesche maniere dei suoi supporter che dopo aver malmenato il malcapitato di turno si sono “coraggiosamente” dileguati. Una giustificazione, però, a doppio taglio. Se infatti è così, se cioè un capo politico carico di responsabilità e di voti avesse davvero lanciato parole in un microfono senza sapere di che cosa si stesse parlando, come si farebbe a definirlo un politico responsabile? Come si potrebbe considerarlo, sebbene continui a sbandierarlo facendo incetta di consensi, un seminatore di sicurezza? In questi casi, copione vorrebbe che si concludesse con un lapidario “ai posteri l’ardua sentenza”. Ma qui non c’è copione. E dunque no: non ai posteri, ma ai contemporanei la risposta, che non è poi così ardua. 
P.S. Pensiero finale. E se provassimo un po’ tutti, comunque la pensiamo sulle cose opinabili, a rispettare i segni della fede e a vivere il Vangelo invece di usarlo? Non mi si dica che la faccio troppo facile. A quel che si vede e si sente, non lo è affatto. Meno male che c’è il Papa a rincuorarci e a darci l’esempio...

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti43 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni71 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus31 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco188 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani59 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia39 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria39 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie146 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita28 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere85 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni36 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini23 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV15 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo16 Spiritualità64 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video107 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi3
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

'Insegnami l'arte dei piccoli passi'. La preghiera di Antoine de Saint-Exupéry

Canti di adorazione e canti religiosi (dicembre 2017)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)