Cosa vedere al cinema

In attesa dell'ultima sfornata di film vacanzieri (escono martedì l'attesissimo blockbuster Aquaman, il cartone "tecnologico" Ralph spacca internet e l'horror d'autore Suspiria) i film di Natale più visti sono stati:
1. Il ritorno di Mary Poppins: Euro 733.749
2. La befana vien di notte: Euro 536.169
3. Bohemian Rhapsody: Euro 409.029
4. Amici come Prima: Euro 362.022
5. Moschettieri del Re - La penultima missione: Euro 317.334
6. Spider-Man - Un Nuovo Universo: Euro 227.078
7. Bumblebee: Euro 180.196
8. Ben Is Back: Euro 102.772
9. Un piccolo favore: Euro 62.119
10. Il Grinch: Euro 54.786
Ma cosa vale la pena vedere? Io sono riuscito a vedere due film che consiglio (pur con qualche riserva): il biopic su Freddy Mercury, Bohemian Rhapsody (si esce contagiati dalla potenza della musica del protagonista, ma il film è abbastanza didascalico e superficiale) e il drammone con Julia Roberts, sempre in ottima forma, Ben is back (consigliato, ma angosciante e con un formato troppo televisivo). Per il resto lascio la parola ad un sito che seguo spesso: Sentieri del cinema, i cui giudizi riassumo in questo elenco:
FILM DI NATALE

Consigliati:
BEN IS BACK
OLD MAN & THE GUN
IL RITORNO DI MARY POPPINS

Interessanti:
COLD WAR
AMICI COME PRIMA
LA BEFANA VIEN DI NOTTE

Mediocri:
CAPRI REVOLUTION
COLETTE
MOSCHETTIERI DEL RE

Da recuperare:
LONTANO DA QUI (imperdibile)
NON CI RESTA CHE VINCERE (consigliato)
UPGRADE (consigliato)
LA PRIMA PIETRA (consigliato)
Pur se meno travolgente negli ultimi anni, la frequenza al cinema degli spettatori è sempre alta a Natale e negli altri giorni successivi, fino all’Epifania: anche molte persone che vanno poco in sala, almeno una volta all’anno ci tornano. O almeno così è sempre stato. Qui passiamo velocemente in rassegna quanto propongono i cinema in questo periodo, rimandandovi poi alle nostre recensioni. Consigliando i film che abbiamo apprezzato di più (ma qualcuno dobbiamo ancora recensirlo o recuperarlo), e segnalando quelli che ci hanno convinto solo in parte. Solo qualche indicazione, su cui confrontarsi: anzi, nel caso fateci sapere i vostri differenti pareri.
I film consigliati
Diciamo subito che quest’anno durante le feste, a nostro modesto avviso, non c’è un film in grado di mettere d’accordo tutti o che – pur dividendo – per qualche motivo è quasi obbligatorio vedere. Come per esempio da un lato Wonder, bellissimo film di un anno fa che ha conquistato gli spettatori di ogni fascia d’età (anche quelli esigenti), o uno degli ultimi episodi di Star Wars dall’altra che, per motivi di importanza oggettiva e di marketing, erano attesissimi e quindi veri e propri must (magari per criticarli). Poteva esserlo Bohemian Rhapsody, uscito però in anticipo di alcune settimane ovvero a fine novembre: ma il suo enorme successo (è il film più visto degli ultimi mesi, il secondo del 2018) farà sicuramente rimanere ancora in molte sale la storia di Freddie Mercury e dei Queen.
Quest’anno il film principale sembra essere Il ritorno di Mary Poppins, ma per le sue caratteristiche – anche se noi lo consigliamo – non si rivolge a tutti: è un film per famiglie, ma già da una certa età i ragazzi (nel senso di maschietti) difficilmente potranno essere interessati; stessa cosa per una parte del pubblico adulto (fans nostalgici esclusi: ma alcuni sono diffidenti su questo sequel) che potrebbe storcere il naso di fronte a una proposta così retrò e sentimentale, o con troppa musica. Gli stessi motivi per cui tanti altri lo ameranno. Insomma: è un grande spettacolo che ci sentiamo di consigliare, ma non a tutti.
Come lo sono, per motivi opposti, anche alcuni titoli autoriali molto belli, usciti da pochi giorni o già in giro da settimane. Come i due imperdibili del mese secondo le nostre valutazioni, che si trovano solo in poche città: se di Roma di Alfonso Cuaròn – film autobiografico ambientato in Messico, in un bianco e nero che non si dimentica – si è parlato molto, per la quasi contemporanea con Netflix (ma su grande schermo dispiega tutte le sue potenzialità visive e sonore: cercatelo dove ancora lo propongono), dLontano da qui dell’italoamericana Sara Colangelo si è parlato pochissimo. Due storie dolorose, due grandi film. Non per tutti, ma per chi ha voglia di osare.
Appena usciti e più accessibili altri due film che ci sentiamo di consigliare. Anche Ben is Back è un film molto drammatico, in cui una madre (con la sua famiglia) è messa alla prova dal ritorno per Natale del figlio tossicodipendente: succede poco, a parte all’inizio e alla fine, ci sono colpi allo stomaco e momenti in cui la storia sembra perdersi, ma la rappresentazione del coraggio e della forza di questa madre (resa al meglio da Julia Roberts) è commovente. Più disteso, a tratti anche divertente anche se venato da malinconia per il tempo che passa, è Old Man & the Guncon un grande Robert Redford all’ultimo film da attore (se manterrà questa intenzione): storia di un anziano rapinatore di banche gentile e affascinante, è anche una delicata storia d’amore; ma c’è molto di più (molto bello il confronto con il poliziotto che gli dà la caccia, e che ha più di qualcosa in comune con lui), in un film che è anche un omaggio al grande cinema di una volta. Tra i film recenti che ci sono piaciuti e ancora in sala, consigliamo anche Non ci resta che vincere, commedia spagnola su un allenatore di basket costretto ad allenare una squadra di disabili, con intuibili ma non banali effetti positivi da ambo i lati, e il documentario Santiago, Italia di Nanni Moretti, sull’opera dell’ambasciata italiana (ma anche della Chiesa cattolica) in Cile dopo il golpe del 1973, a favore dei dissidenti salvati dal regime criminale di Pinochet.
Interessanti, però…
Se quelli sopra sono i film che sono piaciuti di più a noi, ce ne sono altri che magari non ci convincono del tutto ma sono comunque apprezzabili (e magari troveranno tra i lettori consensi maggiori che tra noi: ci sta…). A cominciare da Cold War di Pawel Pawlikowski: per molti critici un vero capolavoro, questa storia d’amore in bianco e nero tra un uomo e una donna nella Polonia del dopoguerra e negli anni a venire, sempre divisi per motivi diversi e sempre pronti a riprendersi. Come il precedente film del regista, Ida (vincitore dell’Oscar per il miglior film straniero), anche Cold War sta vincendo molti premi, anzi anche di più. E anche stavolta l’autore dimostra sicuro talento, e il suo film più di un motivo di interesse. Eppure, ci sembra un esempio di un “cinema d’essai” a tratti asfittico e punitivo, nei temi e nei toni. Sicuramente il film ha un’eccellente regia e fotografia  e due ottimi interpreti, molti spunti validi, e potrà piacere a più d’uno. Noi rimaniamo su un piano di ammirazione senza entusiasmo, di fronte a un melò freddo che non ci ha appassionato.
C’è poi la commedia francese 7 uomini a mollo, diretta dall’attore Gilles Lellouche stavolta dietro la macchina da presa a dirigere alcuni bravi colleghi. È la storia di un gruppo di uomini in crisi con se stessi per diversi motivi (lavorativi, sentimentali, familiari), che trovano una valvola di sfogo nella balzana idea di fare nuoto sincronizzato maschile. Fino all’ancora più folle idea di gareggiare ai mondiali di specialità… La storia ricorda tante altre simili, Full Monty su tutte: non tutti i personaggi (e attori) fanno simpatia, e quindi il coinvolgimento scatta poco; ma a tratti il divertimento ci può essere, soprattutto se non si pretende troppo. Nel genere preferiamo Non ci resta che vincere, ma si può vedere anche questo.
Altri titoli appena usciti o ancora in giro: Il Grinch, film di animazione anche e ambientazione natalizia, con un tasso di retorica controbilanciato dalla positività del messaggio e da qualche spunto interessante; Bumblebee, film per ragazzi dal sapore antico (se piacciono i film con le macchine animate); la fantascienza distopica di Macchine mortali; i gialli in parte convincenti Un piccolo favore e Il testimone invisibile.
E i film italiani?
Oltre a Il testimone invisibile, il cinema italiano ha puntato forte su quattro titoli, due usciti nel weekend prenatalizio e due che arriveranno tra poco, il 27 dicembre. E onestamente sono proposte mai del tutto convincenti.
Con Amici come prima c’è il ritorno in coppia di Massimo Boldi e Christian De Sica, di cui non siamo mai stati fans limitandoci ad apprezzare la verve comica quando era giusto farlo (e quando le volgarità non prendevano il sopravvento, cioè raramente). La reunion dopo 13 anni è ambivalente: a tratti la coppia funziona ancora, De Sica è in gran forma in tutto il film, mentre Boldi solo quando c’è il collega in coppia. La confezione e gli attori sono meno scadenti di altre volte, ma la storia non è un granché; e sono un peccato le poche ma inutili volgarità. Sul fronte d’autore, Capri – Revolution di Mario Martone ci sembra onestamente uno dei film più brutti del regista napoletano, a tratti ridicolo nel mostrare una comune ante litteram (anche se esistita veramente) nella Capri di inizio ’900 a contatto con la folcloristica popolazione locale e con le tensioni sociali e politiche di progressisti di diverse “correnti”.
Ora arrivano invece due commedie di grandi ambizioni e che a loro modo percorrono strade poco battute: con La Befana vien di notte di Michele Soavi abbiamo un fantasy anche per bambini, con Paola Cortellesi nel ruolo della protagonista dalla doppia vita (di giorno maestra elementare, di notte anziana con il nasone che si prepara a portare i doni il 6 gennaio…), film abbastanza divertente e movimentato ma che lascia la sensazione che – per quanto impegno ci si metta – a noi italiani certi film non siano congeniali (i cattivi sono da cartone animato, per quanto Stefano Fresi sia bravo); con Moschettieri del Re di Giovanni Veronesi abbiamo invece il quartetto Favino-Mastandrea-Papaleo-Rubini nei panni di D’Artagnan e soci, ormai in disarmo ma chiamati dalla regina (Margherita Buy) a una nuova, delicata impresa. Questo film ci ha convinto ancora meno, tra comicità non proprio raffinata e anche qualche scena un po’ troppo violenta per un film che vorrebbe divertire.
Ci sarebbe anche, ma è ormai difficile da trovare (è stato, ahinoi, una meteora), La prima pietra: commedia grottesca di Rolando Ravello, su una scuola multietnica che proprio alla vigilia di Natale diventa teatro di scontri dopo che un ragazzino musulmano, lanciando un sasso, ha mandato in frantumi una finestra e colpito due bidelli… Divertente e acuto, pur se sopra le righe: con un grande Corrado Guzzanti nei panni del povero preside… Per i milanesi: lo presenteremo il 7 gennaio alla ripresa della nostra rassegna La Febbre del lunedì sera (Skyline Multipex).
E nei prossimi giorni…
Oltre ai due ultimi film, altri ne escono nei prossimi giorni a feste già iniziate: alcuni li abbiamo già visti e a breve li recensiremo, altri li dobbiamo ancora vedere.
Tre i film indirizzati ai più giovani. Il giorno di Natale esce il film di animazione Spider-Man: un nuovo universo, per esempio, che piacerà ai bambini ma anche agli appassionati dell’universo Marvel e cinecomic in genere; e stavolta pure agli eventuali amici non fanatici o ferrati in materia, essendo questa storia – realizzata con grande creatività e tecnicamente molto bene – totalmente sganciata dall’”universo Marvel” dei film di supereroi alla Avengers: quindi, nessuno è tagliato fuori per manifesta incomprensione dei riferimenti… Della storia non diciamo nulla, se non che qui di Spider-Man non ce n’è uno solo, ma ben cinque…
A Capodanno poi uscirà un altro film di animazione, il sequel Ralph spacca Internet (anche questo ben fatto e pieno di creatività: il primo non fu un enorme successo, ma piacque molto a chi lo vedeva), sempre con la strana coppia Ralph-Vanellope; e il fantasy Aquaman, su un personaggio non molto famoso della Dc Comics che promette più divertimento rispetto agli ultimi, cupi film della casa rivale della Marvel.
Tra le altre proposte da Capodanno in poi, tre film passati in concorso alla Mostra di Venezia: il remake horror Suspiria di Luca Guadagnino che non ci aveva convinto; Il gioco delle coppie di Olivier Assayas, a tratti molto arguto e interessante anche se con troppe parole e intrecci; Van Gogh di Julian Schnabel che ha pregi (la prova di Willem Dafoe, gli aspetti visivi) e difetti (una narrazione un po’ piatta), ma che è interessante per il giusto spazio che dà alla spiritualità del pittore. Ma tra i film in uscita a inizio anno è molto atteso anche Vice – L’uomo nell’ombra, candidato a 6 Golden Globes, sulla figura del controverso Dick Cheney, vicepresidente Usa durante la presidenza di George Bush jr
Antonio Autieri

Etichette

abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti42 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore70 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari26 Anno liturgico1 anziani3 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte20 Articoli17 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini15 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini8 Beltrame1 Benedetto XVI19 benedizione2 Benigni8 Bianchi48 Bibbia35 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa7 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi65 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI1 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società24 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema72 Cirinnà1 citazioni70 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri2 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus20 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino2 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld3 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 dialogo2 dibattiti29 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso25 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus1 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate2 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco184 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia3 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù21 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani56 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II9 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest6 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione1 libertà4 Libri121 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia29 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi18 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente3 Mancuso3 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria34 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media5 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje8 Melloni1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena2 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie144 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio4 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita26 parrocchia2 Pasqua22 passione4 pastorale25 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste3 perdono4 Personaggi40 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche70 Poli1 politica46 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera24 preghiere82 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 Pronzato1 psicologia7 pubblicazioni36 Quaresima37 racconti5 radio2 Raggi1 Ravasi16 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 Riace1 Riccardi4 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario5 Rosini21 Ruini1 Rumiz1 Rupnik6 Sabattini1 sacerdoti25 sacramenti4 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini14 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi18 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV12 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano1 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società40 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza4 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo14 Spiritualità62 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia4 storicità2 streaming4 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze14 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello15 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale10 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV17 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni1 verità2 Via Crucis9 Video101 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni7 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi1
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

La settimana santa

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

TRIDUO PASQUALE: il giovedì santo

VIA CRUCIS con meditazioni di don Tonino Bello (e quelle, ancora da scoprire, degli studenti del liceo romano)