Ai sacerdoti, ai religiosi e a coloro che vogliono vivere una vita più religiosa


Due contributi per vivere più in profondità la vita religiosa (o per vivere una vita più religiosa). Il primo viene da Maurizio Patriciello che, su Avvenire, propone i "4 pilastri della vita di noi sacerdoti e consacrati" (il secondo, in basso, da un documento sulla formazione dei sacerdoti, "Lievito di fraternità"): 
Le indicazioni di papa Francesco sono chiare: preghiera, vita comunitaria, studio e apostolato per costruire la "casa sulla roccia".
Quattro pilastri. Il Papa indica a noi sacerdoti e consacrati quattro pilastri su cui edificare la nostra vita. Non inventa niente, Francesco, ma attinge dall’antico tesoro della Chiesa la sapienza per non smarrire la strada intrapresa.
Preghiera, innanzitutto. Chi ama sente il bisogno di rimanere cuore a cuore con la persona amata. Il linguaggio degli innamorati è unico, irripetibile, personale. Vale per quella coppia non per le altre. Quando si è soli, si comunica con la parola e col silenzio; con gli occhi, i gesti, le coccole. Chi consacra la sua vita a Dio lo fa perché di Dio si è perdutamente innamorato e sente il bisogno di rimanere solo con lui. Hanno da dirsi cose che gli altri potranno solo immaginare. Pregare per un consacrato non è facoltativo, ma più necessario del respiro. La preghiera dilata il cuore, purifica le intenzioni, allarga gli orizzonti. Dona forza, alimenta la speranza. La preghiera ti fa sentire piccolo e grande allo stesso tempo, un figlio debole che si rispecchia in un Padre misericordioso e giusto.
Vita comunitaria. Dopo il tempo del silenzio e della solitudine viene quello dello stare insieme ai fratelli ai quali doni quello che hai ricevuto. Dai quali attingi il frutto della loro fede e delle loro fatiche. Non provare imbarazzo a dire a chi ti sta accanto:« Ho bisogno di te, fratello, dei tuoi consigli, della tua sapienza, del tuo conforto». Non siamo lavoratori autonomi, non prestiamo servizio per una multinazionale, siamo missionari che, liberamente, hanno accolto l’invito di portare al mondo un Dio che non si vede. Prima di accogliere un messaggio, giustamente, la gente chiede: che garanzie mi date? «Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri» ci raccomandò Gesù. Nessuna fuga in avanti, dunque, nessuna nostalgia di un passato ormai passato, nessuna tentazione di dividere ciò che Dio ha unito, ma un continuo vigilare per rimanere attaccati a Lui e alla Chiesa come i tralci alla vite. Abbiamo bisogno di rimanere insieme, per condividere le gioie e i dolori, le sconfitte e i successi; per prendere sulle nostre spalle il peso del fratello anziano, malato o troppo giovane per camminare da solo e non smarrirsi. “Ti prego, fratello, stammi accanto quando la mia vita arranca. Quando il cielo si chiude e Dio si mette a giocare a nascondino. Ricordami che proprio in quei giorni mi è più vicino di quando, felice, correvo a perdifiato. Ripetimi ancora che “se il chicco non muore il grano non cresce”». Vita comunitaria. Per spezzare insieme il pane che nutre il corpo e il Pane che fa volare l’animo.
Alla preghiera e alla vita comunitaria, il Papa aggiunge lo studio. Non sempre è facile ma tanto necessario trovare il tempo per fermarsi, riprendere i libri e mettersi a studiare. Non per uno sterile e vanitoso amore del sapere, ma per meglio servire i fratelli che Gesù mette sul nostro cammino. Sono tanti, ognuno porta i suoi problemi, i suoi dolori, la sua fede. Occorre essere capaci di comprendere chi ci sta davanti per meglio aiutarlo, perché faccia ritorno a casa più leggero, perché si senta perdonato e amato dal Signore. Studiare per rispondere alle sfide del tempo presente. Lo studio ci fa crescere, ci rende umili. Studiare vuol dire ammettere che abbiamo ancora tanto da imparare per poter arrivare a dire: so di non sapere. Studiare, quindi, per meglio servire. Studio perché amo.
Infine, l’apostolato. Raccontare agli altri le grandi cose che Dio ha fatto e va facendo in te ti riempie di gioia. Puoi farlo con la voce, con gli scritti, con il canto, con la musica, con le opere. Lo fai con la preghiera, la Messa, lo studio, correndo da chi ha bisogno. Apostolo, cioè mandato. Non vai a nome tuo, ma a nome della Chiesa che a sua volta è stata inviata da Gesù. Non sei una monade, ma una goccia nel fiume vivo che da duemila anni scorre verso il Mare. La tua santità fa più bella la sposa di Cristo, il mio peccato la sporca, la insozza. La tua fedeltà attira gli uomini a Cristo, il mio egoismo li allontana. Con mia grande responsabilità. Chissà se nella tua vita di prete, di frate, di monaco, passerai inosservato o sarai conosciuto. Ma che importa? «Non a noi, Signore, non a noi, ma al tuo nome da gloria». Io non so suonare né so cantare ma ringrazio Dio per i fratelli che lodano il Signore con la musica e il canto. Tanti di noi non siamo mai andati, di notte, a portare il Vangelo a quelle sorelle così povere da svendere il proprio corpo, ringraziamo Dio per chi porta loro un raggio di luce. Siamo un corpo solo, quello che è mio è tuo; quello che è nostro è di tutti.
Il secondo contributo, più datato, ma sempre molto attuale, viene invece da un sussidio a cura della Segreteria generale della Conferenza episcopale italiana, intitolato Lievito di fraternità. Sussidio sul rinnovamento del clero a partire dalla formazione permanente. Ne propongo il 4° capitolo che stiamo meditando nella nostra comunità religiosa, ma che ha valore per ogni cristiano: 
"L'amicizia con il Signore"
 Il segreto del presbitero sta in quel roveto ardente che ne marchia a fuoco l’esistenza (papa Francesco)
     «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?» (Gv 21,16). Il dialogo tra il Risorto e Pietro, in cui culmina il Vangelo, riporta là dove tutto era iniziato, lungo le rive del lago, tra barche e reti di pescatori. Attorno al fuoco si intuisce come lo spessore della sequela, più che all’entusiasmo iniziale, sia affidato a una relazione che avvolge di misericordia i giorni dell’uomo, vincendone lontananze, povertà e tradimenti.
     «Mi ami tu?». Il presupposto e il fondamento, la stessa missione del pastore nella Chiesa, sono in continuo riferimento a questa domanda: solo nel vivere in maniera indivisa il legame con Gesù Cristo, la vita sacerdotale trova la propria terra; solo il rapporto d’amicizia e intimità con lui – volto autentico dell’uomo – abilita a servire i fratelli con la disponibilità della propria vita.
     «Mi ami tu?». La domanda non indaga, prima di tutto, competenze e abilità; e la risposta è in un umile rimettersi – «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene» – che dà alla vita fondamento certo.
     Camminando su questa strada si evita di restare sedotti da promesse e proposte effimere; si smette di ruotare attorno a se stessi e ai propri interessi, fino a diventare sempre più suoi: se ne assumono i sentimenti e lo sguardo, così da vedere persone, cose ed eventi con i suoi occhi e il suo cuore, e riconoscerne l’azione nel mondo; ci si lascia plasmare dalla sua volontà, arrivando a condividerne i criteri, a partire dalla scelta preferenziale con i poveri.
     Non esiste un pascere il gregge che non sia sostanziato dall’incontro con Gesù e dal rimanere in lui, misteriosa e inestimabile ricchezza che relativizza ogni altra sicurezza, sostiene nelle responsabilità, moltiplica il fervore e le energie. Dalla qualità di questa relazione personale, coltivata nel tempo, dipende tutto il resto.
     Ne sgorga una passione grata e generosa per il popolo di Dio e una matura capacità di stare tra la gente, dove – con l’annuncio e i sacramenti – il presbitero è strumento che dischiude la possibilità di sperimentare la presenza salvifica del Risorto.
     Per evitare che l’avvicendarsi delle stagioni renda il ministero alla stregua di un mestiere, al presbitero è richiesto un serio cammino spirituale di amore a Cristo e alla sua Chiesa; un cammino che lo aiuti a far costante memoria del giorno della sua ordinazione, quando l’effusione dello Spirito e l’azione della Chiesa lo hanno raggiunto con un dono immeritato. Il presbitero-discepolo diventa così consapevole che la crescita interiore non è primariamente frutto del proprio sforzo, ma della disponibilità ad attingere continuamente alla fonte dalla quale è scaturito il suo ministero e che ha trasformato il suo desiderio di amore, rendendolo specchio dell’amore di Cristo, secondo l’azione dello Spirito del Signore (cf. 2Cor 3,18).
     Non per nulla papa Francesco osserva che, senza la conversione personale, restano inutili tutti i cambiamenti nelle strutture: la vera anima di ogni riforma sono gli uomini che ne fanno parte e la rendono possibile, rafforzando con la propria la conversione comunitaria.
     L’esperienza insegna anche come non sia il contatto con la gente a indebolire la vita spirituale, ma l’emarginazione della dimensione contemplativa. Di qui l’importanza di una frequentazione puntuale della parola di Dio, in maniera orante e «gratuita»: il dialogo con il Signore rimane condizione per comprenderlo e amarlo, fino a vivere di lui. Ne è fonte e culmine la celebrazione eucaristica, nella quale l’intera esistenza presbiterale è nascosta: il sacerdote vi trova il momento di massima comunione con Cristo e si ritrova ogni giorno restituito dai gesti che compie, dalle parole che dice e che ascolta, dall’assemblea che presiede. In altre parole, fa esperienza piena del suo essere di fronte a Dio per servirlo (cf. Preghiera eucaristica II) e, proprio per questo, si riscopre servitore dei fratelli per i quali spezza il pane della vita e offre il calice della salvezza.
     Ponendo la messa al centro del suo ministero, il presbitero colloca la sua preghiera all’interno di quella di Gesù, ne assume il pensiero e gli atteggiamenti: l’amore ricevuto diventa amore donato.
     Per questa sua centralità, dal presbitero la celebrazione dell’eucaristia è preparata quale momento cardine della formazione spirituale della comunità a lui affidata. Egli cerca di coinvolgere il maggior numero possibile di persone; crea un clima di fraternità che non trascuri il carattere sacro, e un clima di preghiera che non perda il calore umano del ritrovo comunitario; cura la predicazione, perché sia «realmente un’intensa e felice esperienza dello Spirito, un confortante incontro con la Parola, una fonte costante di rinnovamento e di crescita» (Evangelii gaudium, 135; EV 29/2241). Ancora, educa a non venire alla messa a mani vuote, ma portando la propria richiesta di perdono, le proprie intercessioni, le proprie offerte spirituali e materiali, in modo che la partecipazione a Cristo divenga effettiva; ricorda che dall’eucaristia scaturisce la missione, che impegna ogni battezzato a rendere testimonianza non solo negli ambienti parrocchiali, ma sul lavoro e nella società, e ad andare con spirito accogliente verso i lontani e gli ultimi.
     Dilatata nell’adorazione e nella liturgia delle ore, l’eucaristia diventa così la sorgente primaria della gioia del prete e della sua comunità. Più di ogni altro strumento di collaborazione o partecipazione, essa edifica la Chiesa e il presbiterio nella comunione. Quest’ultima si alimenta mediante:
la concelebrazione nelle occasioni più significative, l’armonizzazione degli orari delle liturgie, la pratica della lectio divina con i confratelli e i fedeli, la disponibilità a narrare la propria esperienza di fede; gli esercizi spirituali, quale tempo di ritiro e di distacco dalle normali occupazioni per ritrovarsi in un clima di silenzio e, quindi, di libertà.
     Il presbitero, attento a curare la propria formazione permanente, verifica il posto che queste forme ordinarie hanno nella sua vita di discepolo e pastore: ne custodisce i frutti, rivitalizzando le radici del ministero e della dedizione alla Chiesa. In questa tensione alla santità si giocano la sua identità e la stessa efficacia della sua pastorale. La vita interiore non può prescindere dal confronto costante con una guida spirituale: un ministero, quest’ultimo, di cui si avverte ancor più l’importanza, a fronte della difficoltà a individuare figure esperte che vi si dedichino pienamente.
     Tale penuria lascia un vuoto di riferimenti, espone all’indifferenza rispetto ai propri errori, crea l’alibi di sentirsi dispensati dal sacramento della riconciliazione. In realtà, solo chi evita la tentazione farisaica di ritenersi spiritualmente a posto, può sperimentare il perdono di Dio e divenirne strumento: per essere buoni confessori occorre riconoscersi umili penitenti. Il presbitero che si lascia aiutare, sa guardare ogni giorno con stupore e riconoscenza al dono ricevuto; matura la coscienza di essere un peccatore al quale è stata usata misericordia. Non fatica, quindi, a riconoscersi nel paralitico che Gesù ha liberato dalla sua infermità, nel lebbroso che egli ha mondato, nel cieco al quale ha restituito la vista, nel pubblicano che al tempio non osa alzare lo sguardo, nell’uomo incappato nei briganti e rialzato, nell’operaio accolto nella vigna all’ultima ora.
     Davanti alla frammentazione a cui il ministero oggi è particolarmente esposto, diventa ancora più preziosa l’assunzione di una «regola di vita»: essa educa il presbitero a essere con Cristo e a vivere per Cristo, secondo una gestione del tempo che consente di mettere ordine alla propria giornata, a partire dalla consapevolezza che la cura della vita interiore rimane la prima attività pastorale. Senza un sano equilibrio di preghiera e ministero, come di riposo e lavoro, si rimane esposti all’urgenza del momento e ci si riduce a reagire alle richieste che strattonano maggiormente, trascurando altre attività pastorali e lo stesso rapporto con i confratelli. Si rischia, allora, di cadere facilmente nella sfiducia e nella lamentela, prigionieri di uno sfinimento cronico che impedisce al pastore la disponibilità all’ascolto della propria gente e lo priva di quella gioia contagiosa di cui, in forza del suo incontro con il Signore Gesù, dovrebbe essere l’autentico portatore.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia39 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi74 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid191 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti33 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco195 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto12 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri128 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità27 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica51 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere88 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma15 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile