Anche il Papa è umano, ma non ditelo a Socci e ai suoi compagni


Ogni occasione, per Socci e i suoi compagni, è buona per parlare male del Papa. Anche la "rivelazione" che sia andato per alcuni mesi in psicoanalisi. "A papa Francesco non bastava Dio" titola "La Verità". Socci ne approfitta per riproporrere un articolo di Magister (anche lui, da qualche anno, diventato suo amico) sul perchè i suoi confratelli gesuiti "vollero liberarsi di lui".

Questa è invece la "difesa" apparsa su Il sismografo:

(Damiano Serpi - ©copyright) 
Ci siamo ricaduti tutti nuovamente. Troppo ghiotta l'immagine di un Papa che ricorre alle sedute di psicanalisi per non imbastirci sopra una marea di illazioni, ricostruzioni, ipotesi e facili caricature.  Ieri, appena le testate giornalistiche mondiali battevano titoloni tipo "Papa Francesco è andato in cura dall'analista" oppure "anche il Papa va dallo psicologo", il tam tam dei social si dilettava a proporci l'immagine del Papa, con la sua veste bianca, sdraiato su un lettino da psicoanalista. Ancora peggio alcuni hanno iniziato a intravedere nella notizia un possibile attentato alla inviolabilità della dottrina della Chiesa o, addirittura, una preoccupante deriva di un cattolicesimo che abdica al ruolo predominante della fede. Qualche ben pensante è arrivato persino a domandarsi come si possa avere in sella un Papa che, da uomo di Dio,  fece ricorso alla psicoanalisi invece che alla forza interiore della propria fede in Gesù Cristo.

Sembrava uno scoop davvero favoloso a cui nessuno dei più noti commentatori ha voluto, ben potendolo si intende, far mancare il proprio punto di vista ricco di dietrologie e giudizi senza appello che hanno scomodato secoli di storia del rapporto tra fede e psicologia. Il Papa che va da un psicologo, per giunta donna e per di più di fede ebraica, avrebbe affascinato tutti e tenuto il lettore attaccato agli schermi degli iPhone e iPad per il tempo necessario a rendere la notizia una vera bomba mediatica. Poco importa che la storia risalga a quasi 4 decenni fa o che le esatte parole pronunciate dal Papa fossero altre, l'importante era presentare la notizia con ogni enfasi possibile, poi tanto meglio se si creava l'equivoco. Ancora meno importava che già in passato lo stesso Pontefice aveva in qualche modo parlato dell'importanza che questa donna medico aveva avuto nella sua vita personale. 

Tuttavia, come accade sempre più spesso con le faccende che riguardano la vita precedente di chi siede sul soglio di Pietro e le sue dichiarazioni pubbliche, le cose stanno in modo molto diverso da come più di qualcuno, per solo piacere di vendere uno scoop o per malizia ben programmata, le ha volute propinare ad una opinione pubblica credulona e attenta solo ai titoloni di facciata piuttosto che alla sostanza delle cose. Ancora una volta ha prevalso il vizio di fare di tutta l'erba un grosso fascio non solo estrapolando soltanto ciò che può legittimare in apparenza gli "strilli" di stampa più coinvolgenti e sensazionali, ma decontestualizzando completamente una parte della dichiarazione resa dal Papa durante l'incontro con il suo interlocutore.  In questo perverso gioco al rilancio di notizie dai titoli fascinosi (vi ricordate quella che voleva il Santo Padre colpito da un tumore al cervello e in cura presso un famoso medico giapponese di cui si erano addirittura diffuse delle foto poi risultare taroccate ?), per l'ennesima volta ci si è basati solo su qualche grossolana sintesi artatamente ritagliata, per non dire confezionata, per il grande pubblico  e, così, si è completamente tralasciato il contenuto della vera affermazione fatta dal  Papa in quel dialogo con il sociologo francese su quella sua personale esperienza. Ma andiamo con ordine per cercare di capirne di più.

Il tutto è nato da una affermazione dello stesso Papa Francesco contenuta in un libro di prossima uscita redatto dal sociologo francese Dominique Walton dal titolo "Papa Francesco: incontri con Dominique Wolton: politica e società” e divulgata in anteprima da un famoso quotidiano parigino. Nel raccontare quale importante ruolo avessero avuto nella sua vita alcune figure femminili, coma la madre e le nonne, Papa Francesco ha ricordato anche quella di una dottoressa in psicologia di fede ebraica che ebbe modo di frequentare. Papa Francesco è un uomo che ama la verità e non nasconde mai ciò che pensa o ciò che reputa utile raccontare a chi ha il piacere e la fortuna di poter dialogare apertamente con lui. Forse questo può essere ritenuto da qualcuno un errore da evitare quando si è Pontefici. In effetti, data la presenza in giro di tanti mistificatori della realtà, questo modo di essere franchi potrebbe essere pericoloso e andrebbe evitato, tuttavia non è così per Papa Francesco che non ne fa mistero. Ecco perché, del tutto liberamente e con precisione, quella affermazione ci dice soltanto che, quasi 40 anni, fa l'allora sacerdote gesuita Jorge Mario Bergoglio "consultò  una dottoressa medico psicanalista ebrea per chiarire alcune cose". Un rapporto corretto, professionale che andò avanti per qualche mese e si concluse definitivamente  più tardi quando la stessa donna, sul punto di morte, sentii, dopo anni di distanza e di silenzio, il bisogno di un dialogo  spirituale con quel prete gesuita che ebbe modo di conoscere. Fu un incontro importante che, come detto dallo stesso Santo Padre, gli fu di aiuto. "Era una persona molto buona", così la definisce il Papa ricordandola nel suo racconto con sincero affetto. Questa è la notizia nel suo semplice complesso, tutto il resto è pura invenzione.  Il testo esatto della dichiarazione parla di "consulto" e non di sedute di psicoanalisi, di lettini, di taccuini su cui scrivere le cose importanti o di sottomissione della fede al potere della scienza medica che si occupa della psiche umana.  Le affermazioni fatte dal Papa ci raccontano di un incontro proficuo che fece bene all'allora sacerdote Bergoglio e non di cure o di chissà cos'altro la nostra morbosa curiosità ci spinge a costruire. 

Nulla sappiamo di cosa ci fu all'origine di quel consulto così come nulla sappiamo del bisogno che ebbe quella donna di parlare con quel sacerdote nel momento del suo addio a questa vita terrena. Nulla sappiamo perché nulla di ciò che è successo deve interessarci.  Il Papa ci ha raccontato un episodio della sua vita che, più di arrendevolezza verso la psicoanalisi o di abdicazione alla scienza da parte della fede, ci racconta l'esigenza degli uomini di aprirsi al dialogo, al confronto e alla condivisione del bisogno di "parlare" di ciò che si incontra nella vita e di cui, forse, si ha paura. D'altronde basta leggere tra le righe per capire che se una donna medico di fede ebrea sente il bisogno di chiamare al suo capezzale un sacerdote cattolico conosciuto tanto tempo prima, allora dietro a quell'episodio c'è molto di più di quanto noi possiamo troppo facilmente dipingere con titoli ad effetto per ottenere il massimo dei click.

Ancora una volta Papa Francesco, più che di dogmi o di strenue difese di posizioni ufficiali (che peraltro non sembrano essere comunque minimamente scalfite da ciò che ci è stato raccontato in quella dichiarazione), ci ha voluto raccontare, con il suo stile personale, la storia di un incontro, di un dialogo tra due persone molto diverse tra loro. Un medico psicologo donna ed ebrea da una parte, e un sacerdote, per di più gesuita,  della Chiesa cattolica  dall'altra. Ciò che ha evidenziato il Papa in quel racconto è l'importanza del potersi parlare e di quanto bene faccia farlo con lealtà e spirito costruttivo.

A quei tempi, parliamo del periodo a cavallo tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 80, l'attuale Papa non era neanche Vescovo ma "solo" un ex provinciale dei gesuiti d'Argentina che iniziava una nuova esperienza come rettore del Collegio Màximo per la formazione degli studenti che desideravano entrare nella compagnia dei Gesuiti. Forse il nuovo incarico di formatore aveva posto nuove sfide importanti all'ex provinciale tanto da provocare in lui la necessità di un confronto con se stesso e con le sue capacità , chissà. Tuttavia non è importante conoscere questi dettagli, ma raccontare in modo chiaro ciò che sono state le esatte parole del Papa. Non si tratta, infatti, di raccontare ciò che ha fatto oggi chi è Papa, ma di riportare esattamente ciò che un sacerdote di nome Bergoglio fece tanti decenni fa quando nessuno poteva neanche immaginare la sua ascesa al soglio pontificio. Occorre sfatare un falso mito che aleggia ancora tra di noi e che oggi usano soprattutto i detrattori della Chiesa per seminare zizzania e, soprattutto, per alimentare la cultura del sospetto.

I Papi, tutti quanti senza alcuna distinzione, prima di essere guida della Chiesa cattolica sono stati bambini come noi, adolescenti come noi, uomini come noi. Sono state persone con dei sentimenti, con dei dubbi, con dei problemi quotidiani, con gioie e dolori, con soddisfazioni e cocenti delusioni. I Papi, così come i sacerdoti tutti, non possono essere visti come dei supereroi che hanno la risposta per ogni domanda e sono immuni dai dubbi e incertezze che attagliano ognuno di noi, oppure come automi che, una volta impostati, non hanno più bisogno di aiuto o di confronto.  Sono uomini che portano avanti, non senza sacrificio, difficoltà e dedizione, la parola di Dio e l'insegnamento di Gesù Cristo perpetuatosi nella dottrina ultra millenaria della Chiesa  tra i cambiamenti delle società che si avvicendano con sempre più frequenza. I Papi, come noi, hanno avuto bisogno dei medici, degli amici con cui confidarsi, dei confessori con i quali stendere i loro dubbi e chiedere consiglio, dei professionisti, siano essi medici o scienziati, con cui aprire importanti dialoghi seppur nella differenza di credo e di pensiero. Non esiste un vero cristiano se non sorgono in lui dubbi e incertezze. 

Proprio noi che ascoltiamo quotidianamente gli oracoli di chi si definisce astrologo per sentirci rincuorare nelle decisioni che dobbiamo prendere non abbiamo alcun titolo per ricamare su questi innocenti racconti del Papa riferiti alla sua vita precedente per alimentare insinuazioni o sospetti. Ancora una volta impariamo a leggere bene ciò che invece vogliamo commentare conoscendo solo i titoli che altri sintetizzano per noi. Il dialogo, quello che più sta a cuore a Papa Francesco, non si può basare su pillole di sintesi somministrate da altri ma necessita di sforzo e di impegno personale.

Post popolari in questo blog

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Etichette

abitudine1 aborto16 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti41 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore33 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore66 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima1 animazione4 Anniversari25 Anno liturgico1 anziani2 apologetica3 app3 apparizioni2 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte20 Articoli11 Ascensione4 Assunta1 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini15 Bannon1 Baricco1 Bassetti3 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini8 Beltrame1 Benedetto XVI19 benedizione2 Benigni7 Bianchi46 Bibbia35 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo1 buon ladrone1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa6 Canti religiosi29 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis10 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi59 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI1 Celentano1 celibato6 Ceneri2 censura1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich8 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa14 Chiesa e società21 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema70 Cirinnà1 citazioni66 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri1 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino2 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce2 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld3 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini8 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 dialogo2 dibattiti29 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento4 dissenso25 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Leonardi11 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Dreher3 droga4 dvd1 ecclesiologia di comunione1 ecologia3 economia4 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus1 emozioni1 Epicoco7 Epifania6 Ermes Ronchi4 esame di coscienza1 escatologia4 esegesi1 esercizi1 esorcismo1 estate2 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake10 famiglia35 Fano1 Fatima5 Fazi2 fede14 felicità9 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco177 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia3 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù21 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani55 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II9 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG6 gnosticismo1 Gramellini1 grest6 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet8 Introvigne1 Islam1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto10 Lewis2 liberazione1 libertà4 Libri120 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia22 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia3 Maggi17 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente3 Mancuso3 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria34 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media5 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.5 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje7 Melloni1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano11 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale5 Muller2 Musica27 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena1 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie142 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio4 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga1 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme2 Palumbo1 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita24 parrocchia2 Pasqua21 passione4 pastorale23 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello7 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste3 perdono4 Personaggi40 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche68 Poli1 politica45 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera23 preghiere78 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 Pronzato1 psicologia7 pubblicazioni34 Quaresima30 racconti5 radio2 Raggi1 Ravasi16 razzismo2 reali1 Recalcati7 relativismo2 religione8 religioni4 Riace1 Riccardi3 ricchezza9 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario5 Rosini17 Ruini1 Rumiz1 Rupnik4 Sabattini1 sacerdoti24 sacramenti3 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini12 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe4 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi17 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari2 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede7 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati1 secolarizzazione2 Secondin1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV10 Serra2 sessualità60 Sesta3 sette1 Settimana santa2 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano1 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società38 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro4 speranza3 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo13 Spiritualità56 Spoleto2 sport1 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia4 storicità2 streaming3 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi30 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze14 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello15 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale7 Trinità6 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV16 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni1 verità2 Via Crucis8 Video90 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni7 volontariato2 voti1 Zanardi1 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi1
Mostra di più

Archivia

Mostra di più