Sul prete di Barbiana. Don Milani, Concilio, Bibbia e comunità


Tratto da: Adista Segni Nuovi n° 23 del 24/06/2017

Pubblichiamo l’intervento, tenuto il 19 maggio al Salone del Libro di Torino, dal teologo ed ex priore di Bose Enzo Bianchi in occasione della presentazione dell’Opera omnia di Lorenzo Milani (Tutte le opere, Mondadori, 2017), intitolata “Le strade di don Milani”. Sul contenuto di questo intervento (visibile a questo link) è in disaccordo uno dei curatori dell’Opera omnia, lo storico della Chiesa Sergio Tanzarella, docente presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, del quale riportiamo a seguire una replica a Enzo Bianchi.
«Forse non dovrei parlare non avendo ascoltato gli altri. Però, brevemente, vorrei dire due cose che mi stanno a cuore. La prima è che don Lorenzo - di cui abbiamo finalmente i Meridiani, che ci testimoniano, al di là dei testi già pubblicati, anche la sua vita più personale attraverso le lettere e tutto ciò che lui esprimeva con le persone con cui era in relazione - appare certamente un grande cristiano, un cristiano per il quale davvero Gesù Cristo ha un valore decisivo, fondamentale; la sua vita è legata a Gesù Cristo, e i riferimenti sono essenzialmente a Gesù Cristo, quel Gesù Cristo che ha ricevuto dalla Chiesa dei suoi tempi. Questa è la sua forza e dirò perché è anche il suo limite.
Seconda cosa: è un prete, e certamente leggere tutte le sue lettere ci dà la testimonianza di che cosa era la maggior parte dei preti nei tempi del preconcilio e come, quando ci si trovava di fronte a un prete intelligente, l’atteggiamento della gerarchia fosse quello che si è mostrato con don Milani; ma vorrei far capire che in tutte le diocesi, anche le più piccole, in quegli anni ci son stati preti come don Milani, confinati in piccoli paesi di 70 abitanti a fare il parroco, anche nella mia piccola diocesi di Acqui, ma per quelli che erano un po’ attenti, più vivaci e intellettualmente più espressivi, il luogo era davvero una messa in disparte e una forma di persecuzione senza che ci fossero delle censure manifeste. Ecco, don Milani si dimostra un prete con una fedeltà al ministero, alla figura del prete come l’aveva ricevuta e come l’aveva assunta quando aveva deciso di entrare in seminario, certamente straordinaria. Detto questo, vorrei dire perché anche don Milani non è stato molto accolto in questi decenni passati dopo la sua morte, e non da chi, come la gerarchia, sentiva una voce che era stata profetica e difficilmente, oserei dire, rieditabile. Ho sentito più volte anche cardinali di Firenze dire “Cautela, cautela”, senza per altro muovere più delle censure. Perché un uomo come Milani appariva molto lontano a Dossetti, appariva molto lontano al cardinal Martini, per dire di persone estremamente attente, e anche a me, che salii da lui nel ‘66 a trovarlo, dico la verità, non fece questa grande impressione. Mi fece molta più impressione un Balducci e lo stesso Rosadoni che in quel momento conobbi dell’ambiente fiorentino. Perché? Perché la grandezza di don Milani, come è stata, non era, come posso dire, accoglibile in quel mondo spirituale cattolico che veniva fuori dal Concilio in poi. Per don Milani, leggete, il Concilio è una cosa estranea, è una dimensione che non lo tocca. E se penso che ero più giovane di lui di un po’ di anni, e a come invece mi aveva toccato e aveva mutato completamente la mia vita, lui certamente non è uno che è toccato dal Concilio. Non è toccato nemmeno dalla parola di Dio; per lui la parola è soprattutto lo strumento umano con cui uno trova la libertà, la soggettività, attua quella che nel ’68 sarà chiamata la prise de parole e lui voleva dare questa parola ai poveri e ai semplici. Ma certo non c’è in lui una teologia della Parola di Dio: anche quando qualche volta la scrive con la maiuscola, non c’è dentro una concezione della Parola di Dio. E nelle mie conversazioni, ad esempio, con Dossetti, erano questi i limiti che sentivamo. 
Un’altra cosa che totalmente mancava era la comunità cristiana. Per lui c’erano questi poveri ragazzi, neanche la povertà sociologica che negli anni ‘60 significava il mondo operaio. C’era la povertà più esistenziale verso la quale lui con grande carità cristiana si piegava, se ne prendeva cura e attraverso la sua forma didattica cercava di dare davvero libertà, di dare speranza e così mostrava il suo amore. Ecco, queste cose fecero sì che anche uomini del postconcilio, aperti, abbiano sentito in don Milani soprattutto - chi lo leggeva, attenzione, questo lo dico per me - il grande cristiano e il grande prete; certamente il significato che lui ha avuto per me con la lettera ai cappellani militari in un momento in cui alcuni nella Chiesa cattolica la pagammo gravemente per aver alzato la voce a favore di un’obiezione di coscienza, ma ben prima che ci si avventurasse in quello che poi è stato il cammino. Certamente don Milani è questo testimone cristiano e di prete, e credo che questa opera sia essenziale per capirlo. Con ciò credo che sia bene vedere anche i suoi limiti rispetto al Concilio, alla Parola di Dio, alla comunità cristiana, realtà che non sono presenti nella sua opera, neanche in Esperienze pastorali dove il problema è quello della comunicazione ma non di una comunità che diventa soggetto. 
Questi sono limiti che non tolgono nulla, oserei dire, alla sua grandezza sia umana, sia di prete, sia di cristiano. Della sua santità non mi importa molto, è stato un grande prete e un grande cristiano. La sua santità la giudicherà Dio e non sta certo alle nostre alchimie».
Enzo Bianchi
Le strade di don Milani non sono quelle di Enzo Bianchi
Egregio Enzo Bianchi, 
sono uno dei quattro curatori dell’opera omnia di don Milani. Se lei il giorno della presentazione a Torino avesse potuto ascoltare gli altri relatori forse ci avrebbe risparmiato di sentire tante sue affermazioni sbagliate e scorrette in pochi minuti. Se poi avesse anche letto qualcuna delle pagine del libro che era invitato a presentare avrebbe fatto un discorso meno assertivo e le sarebbe riuscito di cominciare ad intendere un prete al quale lei fece visita 50 anni fa senza riceverne, come dice, «una grande impressione». Infatti, mi chiedo cosa era andato a fare a Barbiana e cosa pensava di vedere di tanto impressionante e utile per lei? Ma ciò che è più grave è che a distanza di mezzo secolo lei non ha capito ancora nulla di Milani. Lo dimostrano tre affermazioni del suo discorso torinese nel quale chiama in causa due morti che non possono smentirla: Dossetti e Martini. Del primo non possediamo alcun riferimento dedicato a Milani e il secondo scrisse su Milani un articolo che non è certo tra i suoi migliori. Martini fu un grande studioso e un grande pastore, ma certo gli mancavano alcune categorie per intendere Milani. In ogni caso le riflessioni di Martini, presentate da lui con «timore e tremore» nel 1983, sono oggi datate e non giustificano le affermazioni fatte da lei a Torino oltre trent’anni dopo, travisando lo stesso Martini. Dietro una cornice di belli e generici complimenti che lei fa a Milani gli muove poi delle accuse, senza prove, che nemmeno i peggiori detrattori gli hanno mai fatto. Accuse che semmai fossero vere distruggerebbero alla radice la testimonianza della vita di Milani. Ma esse sono false e se lei avesse frequentato appena i suoi scritti, quelli che avrebbe dovuto presentare a Torino, lo saprebbe da sé. Lei dice che Milani non è toccato dalla parola di Dio? Questa è una prima grave falsità che lei sostiene, ma poggiata su cosa? Forse sulle poche citazioni che lui fa della Sacra Scrittura? Certo lei le valuta a peso! Esse invece ci sono (e in filigrana attraversano tutta la vita di Milani) e sono decisive e nella loro esiguità rispondono ad una scelta precisa. Legga per esempio quanto scrive nel 1959: 
«Quelli che si danno pensiero di immettere nei loro discorsi a ogni piè sospinto le verità della fede sono anime che reggono la Fede disperatamente attaccata alla mente con la volontà e la reggono con le unghie e coi denti per paura di perderla perché sono interiormente rosi dal terrore che non sia poi proprio tutto vero ciò che insegnano.[…]. Gente sempre col puntello in mano accanto al palazzo che sono incaricati di custodire e della cui solidità dubitano» (10 novembre 1959). Al contrario di ciò che lei afferma, l’epistolario milaniano mostra il suo interesse per l’esegesi biblica fin dagli anni del seminario e la richiesta di commentari e di sinossi che cercava di procurarsi. E poi c’è l’impostazione storico biblica data al suo Catechismo e le sue omelie fondate su uno studio profondo delle parole delle letture bibliche del giorno.
La seconda falsità è che per Milani il Concilio era una cosa estranea che non lo toccava. Infatti Milani ha anticipato il Concilio. Tuttavia anche qui le citazioni non mancano, pur nell’isolamento di Barbiana, a smentire questa sua affermazione. Veda la citazione dello schema XIII che egli fa nella Lettera ai giudici, veda la lettera a Florit dell’1 ottobre del 1964: «Il Papa ha chiamato i Vescovi a dialogo, perché il Vescovo chiamasse a dialogo i parroci, il parroco i parrocchiani lontani e vicini. Se manca un solo anello di questa catena il messaggio di Giovanni XXIII e il Concilio non raggiungono il loro scopo. A Firenze un anello manca certamente: il dialogo tra il Vescovo e i parroci e questo proprio nel momento in cui maturava l’esigenza del dialogo coi lontani: comunisti, ebrei, protestanti. Abbiamo da parlare con tutti e non parliamo al Vescovo e il Vescovo non parla a noi! Il 90% dei Vescovi e due Papi hanno scelto la via dell’apertura e del dialogo». 
Infine la terza falsità è sostenere che in Milani mancasse la comunità ecclesiale. E le parrocchie di san Donato a Calenzano e di Sant’Andrea di Barbiana cosa erano? Quella che lei chiama - con termine generico, anonimo e asettico - la comunità ecclesiale, per Milani erano la Chiesa nella sua concretezza di volti, di vite, di nomi. Poche decine di persone da amare realmente contro quell’amore universale bello e innocuo che fonda ancora tante spiritualità comode e appagate, perché volendo amare tutti si finisce per non amare nessuno se non se stessi e la propria immagine.  
E che dire poi di quel suo riduzionismo sul confino di Milani a Barbiana comune ad altri preti di altre diocesi che conobbero la medesima sorte? Per il vero non furono tanti, ma certo ancora meno realizzarono esperienze come quelle di Barbiana. Lei è un personaggio pubblico, scrive e parla in centinaia di luoghi, ascoltato e venerato in diocesi, comunità religiose, associazioni, centri culturali e lei ha una grave responsabilità nei confronti di tanti che si fidano del suo giudizio. La sua esperienza è diametralmente opposta a quella del povero prete di Barbiana e al suo piccolo mondo di montanari. Lei Milani non lo intende ed è certo legittimo dissentire da lui, ma potrebbe almeno parlarne ponderando le parole e accompagnando le sue affermazioni con prove e con fonti?
Egregio Bianchi, cerco di comprenderla: il pomeriggio del suo insinuante discorso su Milani lei aveva ben altri due interventi da fare al Salone nel giro di tre ore sui più disparati argomenti. Una moderazione alla sua fitta agenda eviterebbe scivoloni. Studi di più e parli solo su ciò che conosce e faccia una cosa alla volta. E forse le riuscirà di capire davvero Milani e la sua strada che lei invano percorse andando a Barbiana. Una strada sempre in salita che non porta né al successo, né al denaro, né al potere mediatico, editoriale o gerarchico che sia. 
Sergio Tanzarella
VEDI ANCHE:

Capire Don Milani 
a 50 anni dalla morte:
non un prete di sinistra
ma un prete dei poveri

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione4 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani4 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte21 Articoli19 Ascensione4 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento15 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini16 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia38 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis11 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi71 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich9 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa15 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni73 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus33 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia14 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti7 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti31 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia5 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia35 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco191 fraternità5 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia4 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini49 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto11 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri127 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia40 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi19 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa13 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano12 Mirilli1 misericordia7 Missione6 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità26 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga2 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita29 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche74 Poli1 politica50 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera25 preghiere86 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani1 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma14 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco6 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi20 santità9 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali6 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola4 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV16 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social1 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità66 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia6 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino1 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV20 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video108 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna3 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Personaggi cattolici emergenti: don Fabio Rosini (pronto a ricominciare?)

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo