La paternità (di san Giuseppe, e la nostra) secondo don Fabio Rosini


 Ho appena finito di leggere l'ultimo libro di don Fabio Rosini: "San Giuseppe. Accogliere, custodire e nutrire" (San Paolo, 2021) e l'ho trovato molto interessante. Più che un saggio sul padre putativo di Gesù è una riflessione spirituale sulla paternità. Ecco qualche sottolineatura:

Maschile e femminile

"Il mondo di Giuseppe parte dall'interiore (i suoi dubbi, i suoi sogni e le sue intuizioni) e tende all'esteriore, all'oggettività, all'azione". In Maria, al contrario, "i racconti tendono a concludersi nella vita interiore...nei suoi pensieri, nel suo cuore, sicché la dinamica è dall'esteriore all'interiore, dall'oggettivo al soggettivo. (...) Ecco il maschile e il femminile che si vanno manifestando nella loro dinamiche" (p.14).

Custodire la vita

"Questa è l'essenza della paternità...collaborare con Dio perché Lui operi in qualcun altro" (che ti è affidato), "aiutare costui o costei a mostrare la sua bellezza, le sua capacità, la sua grazia. E' un'arte sublime. Nel ruolo materno c'è un naturale legame relazionale ed una inalienabile supremazia affettiva, frutto della visceralità biologica originale, che è una grave responsabilità ed ha la sua nobile preziosità. L'equilibrio di questa relazione non è facile per niente: il tema del distacco è la strada amara ma urgente del compimento della maternità". (p.17)

Padri verginali

"...abbiamo disperata urgenza di padri verginali - come Dio Padre - gente che non si appropri degli altri, ma sappia coltivarne la bellezza, che sappia consegnare la vita senza rivendicarne la proprietà, che tenga le proprie manacce lontane dalla delicata anima dei giovani, eppure regalando tutto quel che hanno da dare, da insegnare, e che, prima ancora, si preparino ad avere qualcosa da offrire. Figure che correggano con amore e con sapienza, incoraggiando, valorizzando, mai disprezzando. Qualcuno che abbia trovato l'equilibrio fra due estremi psicologici: stare addosso, in modo asfissiante, oppure distanziarsi tanto da diventare irrilevanti. Invece bisogna stare un passo indietro pur restando al fiaco, presenti, affidabili, disponibili". Come Giuseppe. (p.18)

Giuseppe, uomo "giusto"

Il v.19 di Matteo ci dice che Giuseppe era un uomo giusto e non vuole  accusarla pubblicamente, pensa di ripudiarla in segreto. Ma essere giusto, nella Bibbia, significa fare la volontà di Dio espressa dalla legge. Inoltre quel "e" messo in grassetto, può essere tradotta anche come "ma": Giuseppe è giusto, ma è anche legato affettivamente a Maria. Come fare? Lui pensa ad una soluzione, ma in sogno trova - dall'Angelo - altre indicazioni. 

Esita a seguire la legge: probabilmente perché crede a Maria. Il sogno parla di una vita interiore visitata dallo Spirito: "Dio parla al loro cuore, in dimensione intima, personale, privata. Perché sono uomini di Dio" (p.30). E Giuseppe non è solo un uomo di Dio, ma - come gli ricorda l'Angelo - è "figlio di Davide" e, come ricorda Matteo con la lunga genealogia che apre il suo Vangelo, essere figlio di Davide significa avere una missione: quella di essere nella linea del Messia promesso.

"Non temere" gli dice l'Angelo. Di cosa? Di prendere con te Maria? No. Secondo l'autore, cambiando la punteggiatura (non presente nel testo originale) si cambia il senso: teme di prendere con se Maria proprio perché quel che è generato in lei è opera dello Spirito Santo. Ha paura del progetto che Dio ha su di lui. Di essere coinvolto in qualcosa di talmente grande, da non esserne all'altezza, di cui non ha controllo, che è fuori dall'ordinario. 

L'insicurezza di oggi

"Quella di oggi è una generazione di padri che hanno paura di essere tali, che scappano dalla loro dignità. E' una generazione di maschi timidi e vergognosi, con un'ansia da insufficienza che li tiranneggia, per poi risolversi in una aggressività di reazione goffa e malata.

Questa è una generazione di giovani che si intontiscono, che si intorpidiscono, che fuggono. E io devo gridare che sono belli. Che sono importanti. Che non devono aver paura del loro cuore. Che non devono temere di vivere la propria vita, perchè chi li ha chiamati alla vita è Dio che vuole loro un oceano di bene" (p.37).

L'Angelo lo invita a riconoscere la sua grandezza: "Figlio di Davide, entra nella tua grandezza! Sei molto più importante di quanto pensi!" (p.37).

"Chi non accoglie il regno di Dio come (si accoglie) un bambino, non entrerà in esso". Altro caso di virgole mal poste? Non potrebbe significare accogliere il regno così come si accoglie un bambino? Senza paura? 

Senza esitazioni

Giuseppe fa subito, appena alzato, quanto indicatogli dall'Angelo. "Molte volte la tentazione entra in quello spazio lasciato prima di entrare in azione: se hai capito quel che Dio ti sta dicendo, muoviti; non è questione di fretta ma di luce: se è arrivata la luce, cammina nella luce, perchè lasciare la porta aperta alla confusione? (...) Quanta bellezza della nostra esistenza abbiamo sprecato per aver tergiversato?" (p.40). Giuseppe appena capisce quel che deve fare, lo fa.

Il contrario di risoluto è dissoluto: "ci si muove verso il bene, altrimenti si ristagna nel non-bene" (p.43).

Accogliere

Giuseppe è chiamato a fare due cose: una globale (prendere con sè Maria) e una specifica (dare il nome al figlio). Maria è chiamata a dare alla luce un figlio. Ciò che Giuseppe non deve fare è avere un rapporto intimo con Maria ("senza che lui la conoscesse").

"Prendere con sè" (para/lambano) in maniera intima, personale è "il" verbo di Giuseppe, quello più usato per la sua persona. Andrebbe tradotto con "accogliere": "Un padre che ti accoglie, che ti prende, ti difende. Uno che si occupa di te. Uno che ci tiene a te. Ne ha avuto bisogno anche Gesù Cristo" (p.46). Una madre sola non basta. C'è bisogno anche di un padre. E se non c'è, manca. Basta chiederlo ad un orfano.

"Certo, se non hai mai mangiato il pesce fresco, quello surgelato ti sembra buono, ma non sai che ti perdi" (p.47).

"Accogliere è la logica essenziale della fede, e non solo: l'opera di Dio si accoglie, la salvezza si accoglie, la vita stessa si accoglie, e così i fatti, le persone, la storia, le singole situazioni. Si accolgono. Oppure si rifiutano. E' uno dei fulcri fondamentali dell'esistenza: accoglienza o rifiuto" (p. 48).

"Noi non siamo stati educati ad accogliere, ma a pianificare. E a nostra volta, siamo stati inconsapevolmente pianificati, lanciati verso obbiettivi obbligati; diventare questo o quello, e concepire la vita come una serie di target da raggiungere, sotto tutti i punti di vista" (p.49).

Formare o educare?

Una cosa è formare ed altro è educare: formare vuole dire "operazione atta a dare forma". 

"Se io devo "formare" qualcuno vuol dire che lo devo cambiare, visto che la forma che gli voglio imporre esiste prima di lui o di lei" secondo un modello" tipo "devi fare il bravo bambino", "comportati come una persona normale".

"La pubblicità non presenta gli oggetti desiderabili, ma usa il testimonial, quindi presenta gli oggetti desiderati dalle persone desiderabili" (cfr. R. Girard). "Il desiderio, forza grandiosa della vita, viene infettato dalla logica del modello. Allora tutte le ragazze si sentono imperfette, e tutti gli uomini e le donne si piacciono poco, e ci si sente sempre un pò malfatti, deludenti".

"Educare non è imporre una forma, ma "tirar fuori ciò che sta dentro". Mentre la formazione tende a cambiare colui che è formato, l'educazione fa l'esatto opposto: valorizza colui che è educato, per far emergere quel che è latente". Così l'Angelo dice a Giuseppe la sua nobiltà, la sua preziosità. Così fa con Maria: "Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te".

L'arte di dare un nome ( o di riconoscere)

C'è necessità del riconoscimento paterno: la madre è sempre certa, il padre no. La vita nasce (o nasceva?) dall'incontro fra una donna e un uomo (riscontrabile anche nel DNA del bambino). 

"Per la sopravvivenza basta che tua madre ti metta la mondo, ma per l'identità comunque dovrai anche capire se tuo padre ti ha riconosciuto o no".

"Vivere per essere riconosciuti. Diventare sguatteri dell'opinione altrui, cercando così di riempire un vuoto di identità che spesso non sappiamo di avere".

Abbiamo bisogno di conferme, di riscontro sociale.  Uscire dalla confusione, dall'anonimato. Avere qualcuno che ci dice chi siamo.

"Chiamare le cose per nome" in italiano significa avere il senso della verità delle cose stesse. "Pensiamo ai nomignoli infantili o agli appellativi canzonatori o alle definizioni infamanti per focalizzare quanto il nome condizioni l'esistenza. Il bullismo passa spesso per questo".

"Questa generazione ha bisogno del padre che dica: "Tu sei importante, la tua vita è preziosa". Ossia che dicano la pura e semplice verità. 

Così Giuseppe lo chiamerà Gesù, che vuol dire che salverà gli uomini.

"Si cresce dalla fiducia paterna. Se mio padre mi dice: "non ce la farai mai", io passerò tutta la vita con quella condanna; ma se mio padre mi dà fiducia e mi dice: "Ce la puoi fare", io ce la farò... Servono padri che diano fiducia.

Giuseppe non farà altro che custodire quel nome, proclamandolo silenziosamente" (p.79).

L'arte di custodire

I Magi ed Erode (in parallelo alla nascita di Mosè) indicano il bisogno di difendere la vita, di custodire, di essere come le mura di una casa.

La donna non perdona l'inaffidabilità dell'uomo, il non poter contare su di lui.

Custodire significa sorvegliare, difendere...Ed è il contrario della sciatteria e della distrazione. Significa intuire la preziosità (di chi si custodisce) e percepire il pericolo. Se ci tieni ad una cosa, la sorvegli (e te ne ricordi = lo hai a cuore).

Molti giovani hanno perso il senso della preziosità e quello del pericolo. E le conseguenze tragiche sono note. "Il senso di impotenza e di inutilità, tipico dei giovani che si chiudono dentro paradisi virtuali perchè non si sentono adeguati alla vita".

La parabola della vedova importuna parla della necessità di pregare sempre, senza stancarsi, ovvero senza "perdere le motivazioni, smarrire il desiderio di bene. perdere l'entusiasmo, scoraggiarsi". O meglio: "senza incattivirsi, senza entrare nel male". Cosa che accade se hai smarrito la fede.

L'arte di nutrire

Da Lc 12,42: "Il fidato economo saggio sa dare la misura opportuna di pane "a tempo debito", al momento opportuno. Costui dà a coloro che gli sono affidati la quantità e la qualità di cibo nel momento opportuno in cui deve essere ricevuto da loro. Questa è la vera saggezza".

"E' un pessimo padre chi dà a tutti lo stesso: nella dedizione alla vita delle persone la democrazia e il giustizialismo diventano ingiustizia, perché ognuno ha bisogno di cibo diverso in situazioni diverse e tempi diversi".

Lc 2,42: "I suoi genitori si recavano ogni anno a Gerusalemme per la festa di Pasqua". 

Il testo parla di regolarità, di abitudini. I bambini le ricercano, ne traggono sicurezza. "Ripetere è necessario, per apprendere, per approfondire. E per guarire. Il bene va ripetuto per diventarne possessori, perché ti entri dentro".

"Se non c'è l'ordinario non c'è neanche lo straordinario".

"Si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti". Ma Gesù non sta lì , non sta in ciò che è conosciuto. Gesù lo ritrovano a Gerusalemme, nel luogo di partenza, nel luogo sacro, nel "battesimo" ricevuto. Lo trovano che sta dialogando, perché la crescita si fa nel porre domande e nel cercare le risposte. Nello scambio.

Ruoli genitoriali

"La madre ha indiscussa giurisdizione sugli affetti. Il padre è sempre difficile da raggiungere su questo punto, perchè la sua competenza è oggettiva, pratica. E' la madre che deve sapere aiutare i figli a conoscere il cuore del padre. E Maria fa proprio questo, mettendo lo sposo prima di sè: "Tuo padre ed io..." e cosa di loro due in questo ordine? Descrive prima i sentimenti e poi gli atti: "Angosciati, ti cercavamo". Padre-Madre e sentimenti-azioni. 

Compito della madre è insegnare ai figli a stimare il padre, e far loro conoscere il cuore del padre; compito del padre è mostrare il suo amore per la madre, fare gesti affettuosi con i figli verso la madre. La madre parla bene del padre, e il padre la corteggia, coccola e serve la madre, davanti e insieme ai figli. Il papà organizza sorprese per la mamma e la mamma racconta cose belle del padre e mostra di stimarlo.

"Non sapevate che è necessario per me essere nelle cose del Padre mio?"

L'uomo naturale è il presupposto per l'uomo spirituale.

L'arte di sparire

Qual'è la missione di un padre? Diventare inutile. Qual'è la meta dell'educazione? L'autonomia. Il più grande successo di un padre? Che il figlio stia in piedi da solo e sappia vivere senza bisogno di lui.

Perchè Gesù sparisce? Perchè non c'è più bisogni di incontrare Lui, basta incontrare loro. Basta imbattersi in una Chiesa, una fraternità che abbia vissuto un vero incontro con Cristo risorto per incontrare Lui stesso. Così all'Ascensione. Cristo ascende al cielo benedicendo, atto paterno spesso associato alla consegna dei beni dei padri ai figli. Gesù affida la sua opera ai suoi discepoli. E questi non si sono mostrati perfetti, anzi. Ma la fede che è arrivata a noi è partita da questi poveri uomini, cui il Signore ha dato fiducia.

Costoro impareranno ad entrare in sinergia con lo Spirito Santo e ad assecondarlo, a restare fedeli alla parola ricevuta facendola propria, capendo momento per momento come compiere le opere di Colui che li ha mandati. Inizierà così una sterminata serie di santi e sante, tutti straordinari, tutti diversi, tutti irripetibili e creativi, come è creativo l'amore.

La castità e la verginità di Maria

Essere padri significa introdurre il figlio all’esperienza della vita, alla realtà. Non trattenerlo, non imprigionarlo, non possederlo, ma renderlo capace di scelte, di libertà, di partenze. Forse per questo, accanto all’appellativo di padre, a Giuseppe la tradizione ha messo anche quello di “castissimo”. Non è un’indicazione meramente affettiva, ma la sintesi di un atteggiamento che esprime il contrario del possesso. La castità è la libertà dal possesso in tutti gli ambiti della vita. Solo quando un amore è casto, è veramente amore. L’amore che vuole possedere, alla fine diventa sempre pericoloso, imprigiona, soffoca, rende infelici. Dio stesso ha amato l’uomo con amore casto, lasciandolo libero anche di sbagliare e di mettersi contro di Lui. La logica dell’amore è sempre una logica di libertà, e Giuseppe ha saputo amare in maniera straordinariamente libera. Non ha mai messo sé stesso al centro. Ha saputo decentrarsi, mettere al centro della sua vita Maria e Gesù. (Papa Francesco)

Prima del parto: è fecondata non per opera umana, ma per iniziativa di Dio. Le cose di Dio cominciano da Dio e non da noi. Le cose spirituali non possono essere forzature, debbono assecondare la Grazia. Devi essere certo che è Dio che ti chiama, altrimenti è roba tua, finisce con le tue forze, è piccola quanto te.

Nel parto: le cose di Dio nascono da Dio e si compiono secondo Dio.

Dopo il parto: perchè non si può aggiugere niente al massimo. Le cose di Dio restano di Dio.

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto20 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti45 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante5 Ammaniti1 Amore73 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima3 animazione6 Anniversari28 Anno liturgico1 anziani6 apologetica3 app3 apparizioni4 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli20 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo4 Atenagora1 Attanasio1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang2 baciamano1 Baggio1 bambini18 Bannon1 Banzato1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo4 Battesimo di Gesù3 Battiato1 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI21 benedizione3 Benigni9 Bianchi52 Bibbia41 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia3 blog23 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi31 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi83 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo2 CEI5 Celentano1 celibato7 Ceneri5 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich11 Chiara Luce Badano2 chierichetti1 Chiesa22 Chiesa e società26 Chittister1 chosen1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema78 Cirinnà1 citazioni77 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus35 Corpus Domini5 Corviale1 Corvo1 Cosentino5 covid196 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi8 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 ddlzan2 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni3 dialogo2 dibattiti39 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso28 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi3 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare17 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco11 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia38 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini4 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco209 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia6 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender12 genitori6 Gerusalemme1 Gesù24 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani65 Giovanni Battista2 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 gregoriano1 grest10 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata6 immagini52 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet10 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura5 letto14 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri142 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia47 Livatino1 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio4 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia5 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 Mainetti1 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Manara1 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco1 Marco Gallo1 Maria44 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri5 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.7 Mazzolari7 media2 meditazioni2 Medjugorje10 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa15 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli4 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica34 Nadia Toffa1 Natale46 Natuzza1 Negri1 Nembrini5 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena4 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie157 omosessualità30 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace6 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme4 Palumbo2 pandemia7 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita36 parrocchia4 Pasqua28 passione6 pastorale27 paternità4 Pati Trigo1 patria1 Patriciello14 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche79 Poli1 politica53 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere96 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni43 Quaresima42 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani3 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report2 Riace1 Riccardi7 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma18 Romero2 Ronaldo1 rosario9 Rosini27 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti28 sacramenti5 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe9 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo7 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi25 santità12 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano3 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma2 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV22 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa4 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici27 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social3 società44 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Soul1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità73 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming7 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore2 sussidi37 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze18 Theobald1 Tolentino4 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale15 Trinità9 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV24 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze2 Valli4 Vallini1 Vangeli1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video117 Viganò3 vignette10 virtù1 visto9 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Post popolari in questo blog

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Don Tonino Bello, vescovo. Citazioni, preghiere e scritti vari

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile