Letto (e consigliato): "Isacco. Il figlio imperfetto"


Gianni Marmorini, ISACCO. IL FIGLIO IMPERFETTO

Claudiana 2018, 19.50 euro, p. 217

Abramo è veramente il fedele perfetto? E suo figlio, Isacco, perché rimane nell’ombra del testo biblico?

Isacco “non riesce ad avere una personalità propria: persino nei racconti che lo riguardano non domina mai la scena, non riveste mai il ruolo di protagonista, ma fa sempre da comprimario a tutti i personaggi con cui interagisce. Il suo stesso nome – che può essere tradotto con “riderà” – richiama più che la gioia, una certa allegria che non ha riscontro negli episodi che lo riguardano” (p.9).

Dio si compiace della creazione compiuta: “era cosa molto buona”. Tuttavia i racconti successivi sembrano contraddire questa sua affermazione: il serpente, il peccato di Adamo ed Eva, l’omicidio di Abele da parte del fratello Caino…fanno dire a Dio che il cuore dell’uomo è malvagio (“E il Signore si pentì di aver fatto l’uomo”). Riconosce di aver fallito e cerca una soluzione nel diluvio universale. Vuole ripartire da Noè con una nuova creazione, un mondo perfetto. Ma ciò che cambia è invece l’atteggiamento di Dio nei confronti dell’uomo: riconosce che il male è inestirpabile dall’uomo e si allea con quest’uomo imperfetto: “Dio si rivela come il Signore Dio che decide di abbracciare l’essere umano nella sua imperfezione: e lo fa in maniera totale, senza condizioni né ripensamenti o riserve”. (…) “La prima conversione che la Bibbia ci mostra è quella di Dio, che non cercherà più di cambiare la natura dell’essere umano, ma stringe con lui, in modo convinto e appassionato, una relazione che le successive pagine della Bibbia riveleranno essere una relazione d’amore” (p.15).

ABRAMO

I patriarchi biblici non sono eroi: vengono descritti con le loro contraddizioni, le loro fragilità.  Così è per Abramo, il padre della fede, chiamato a lasciare il suo passato per un futuro incerto. Dio lo invita: “Va PER TE dalla tua terra”: per il tuo vantaggio, per il tuo bene: “Dio non impone il sacrificio ma, al contrario, l’amore per la vita come prova della fede. (…) Dio chiede ad Abramo di abbandonare uno stato di morte e di intraprendere un cammino di vita” (p.29). Quando Dio da un ordine, lo dà per il bene dell’uomo: “il comando divino non mira primariamente all’obbedienza, ma alla piena realizzazione umana. Dio ordina ad un uomo (Abramo), rimasto nell’ombra del padre e senza figli, di abbandonare una vita forse più sicura ma senza più alcuna aspettativa, una vita in qualche modo terminata ancora prima di morire. (…) Più che un Dio che chiede ad Abramo di sacrificare il suo passato e la sua vita, siamo di fronte a un Dio che chiede di credere in un futuro non solo impossibile ma anche inimmaginabile, in qualcosa di totalmente nuovo, inaspettato e sorprendente” (p.30).

La piena disponibilità di Abramo ha qualche ombra: si porta con sé il nipote Lot (non doveva abbandonare i suoi parenti?) insieme a tutti i suoi beni e a tutte le persone che si era procurate! E inizia una vita nomadica! “Il continuo migrare di Abramo nella terra di Canaan indica che il vecchio patriarca non è ancora pronto per affondare radici profonde e durature nella terra promessa. Le peregrinazioni di Abramo, infatti, sono simbolo di incertezza e indecisione”. (p.33). Sopraggiunta una carestia si trova così a scendere in Egitto e qui a “sacrificare” la moglie per salvaguardare la sua vita. Appare “debole, avido, meschino. (…) Dio ha promesso al patriarca terra e discendenza e Abramo, per contro, abbandona la terra e lascia che il faraone porti sua moglie nell’harem” (p.35) in cambio di una ingente dote. Sembra che l’intenzione di Abramo sia quella di liberarsi di una moglie bella, ma sterile. Sarà Dio ad intervenire per riportare la moglie ad Abramo e farli tornare nella terra promessa che lascerà di nuovo per risolvere il conflitto scoppiato con il nipote Lot a causa delle loro reciproche ricchezze. Sembra non interessargli quella terra donata da Dio. In cambio Dio rinnova le sue promesse: “La fedeltà divina risulta così assolutamente incondizionata, una fedeltà che quasi non si accorge della meschinità dell’altro” (p.38).

Improvvisamente ci troviamo di fronte a un nuovo Abramo: condottiero vittorioso in una guerra con i re locali. Ma Dio tace per intervenire nel successivo capitolo rinnovando la sua alleanza (unilaterale, senza condizioni). Abramo esprime i suoi dubbio e contesta Dio: non ho figli ed erede sarà il mio domestico. Appare ora come un uomo sconfitto e sfiduciato a cui Dio risponde con tenerezza rinnovando la sua fedeltà. Abramo tuttavia chiede un segno e Dio lo accontenta (preparando un sacrificio che Dio accenderà, mentre Abramo dorme: Dio sigilla il suo patto unilaterale).

A questo patto segue la narrazione di una “scappatoia umana: la nascita di Ismaele (che significa “Dio ascolta”” attraverso la serva Agar. Questa donna straniera viene costretta a giacere con il suo padrone e rimane incinta. Con la gravidanza Sara diventa gelosa e costringe Abramo a cacciarla. Abramo accetta e, con indifferenza, mette a rischio la vita della schiava, ma anche del figlio che è suo e che potrebbe essere la realizzazione delle promesse di Dio. Agar viene salvata dall’intervento di Dio che si mostra come protettore dei più deboli (“custode e protettore della vita”).

“Il cap.15 attesta la fedeltà eterna e incondizionata di Dio al patriarca; il cap.16 mostra che questa fedeltà custodisce ogni persona, senza alcuna distinzione di merito, di sesso o di condizione sociale” (p.62).

13 anni dopo Dio ribadisce il suo patto chiamando Abram Abramo e Sarai Sara. Chiede di circoncidere tutti i maschi, mostrando così di trovare l’integrità nell’imperfezione. Abramo rimane in silenzio, mostrando così la sua perplessità. Ride interiormente delle parole di Dio a motivo della sua anzianità. “Abramo mostra di non credere affatto alla promessa, ne ride in cuor suo e invoca semmai Dio per il figlio che già ha. Abramo, il padre della fede, è qui nuovamente presentato come un uomo senza fede, incapace di fidarsi e deciso a fare affidamento su un’alternativa alla promessa” (Ismaele) (p.71). Tuttavia Abramo, a modo suo, anche questa volta obbedisce alle richieste di Dio.

Anche Sara ride dell’annuncio della nascita di un figlio. Non crede di esserne in grado e non ha da tempo rapporti intimi con Abramo. Sono rassegnati. Sembra che i tre visitatori vogliano invitarli ad avere rapporti tra loro e fiducia nella potenza di Dio.

Prima della nascita di Isacco si descrive la distruzione di Sodoma: “Un bambino di fronte a tutto il male del mondo: (è questa) la strategia di Dio per diffondere la sua benedizione su tutte le famiglie della terra. (…) Dio non oppone il male al male, ma si affida alla forza della fragilità, dell’impotenza e della tenerezza di un bambino”. (p.86)

Abramo si sposta nuovamente verso sud, presenta ancora una volta sua moglie come se fosse sua sorella e lascia che il re di Gerar la porti nel suo harem. E’ sempre Dio a risolvere la situazione e a condurre Abramo verso il suo progetto. Abramo rivela che realmente Sara è sua sorella (figlia di suo padre). “Abramo e Sara  non sono migliori degli altri esseri umani, ma sono gli esseri umani che Dio ha scelto” (p.89).

ISACCO

La nascita di Isacco non ha alcuna enfasi, anzi è “raccontato, come un semplice intervallo, sullo sfondo di un’altra storia” (quella con il re di Gerar). (p.93) Non c’è sorpresa ne gioia o ringraziamento. Tutto è raccontato in pochi versetti. Il Signore è l’assoluto protagonista della nascita di Isacco. Interloquisce solo con Sara, mentre Abramo appare come silenzioso e freddo esecutore del volere di Dio (riguardo al nome e alla circoncisione di Isacco). E’ il figlio promesso da Dio. “Dare il nome significa assumere la paternità, la responsabilità. E qui il nome al bambino è dato non da Abramo, ma da Dio stesso” (p.96).

Disse Sara (alla lettera): “Una risata mi ha fatto Dio, chiunque lo saprà riderà di me”. E’ un ridere lieto? Un rallegrarsi? O è ironico? Ha paura di risultare ridicola?

Perché il nome “Isacco”? “Nella Bibbia  i nomi rivestono un ruolo speciale, in quanto indicano il destino della persona, il suo compito” (p.99). Riderà o verrà deriso? “Nei racconti della Genesi, Isacco è legato a episodi che non fanno sorridere nessuno. (…) Nulla della sua vita ha a che vedere con un sorriso gioioso” (p.101).

Isacco continua a rimanere sullo sfondo del racconto che si occupa della cacciata di Ismaele (accusato di prendere in giro Isacco!) e Agar. Abramo è dispiaciuto “a motivo di suo figlio”. Mostra di essersi legato a Ismaele, ma mai a Isacco (a cui invece Sara mostra di legarsi morbosamente).

Sara morirà in seguito alla notizia del sacrificio di Isacco (cosa che sembra lasciare indifferente Abramo, il quale vivrà ancora a lungo e avrà una nuova moglie e diversi figli da questa). Abramo viveva a Bersabea, mentre Sara muore ad Ebron: non abitavano più nella stessa casa? Di Isacco si dice che abitava in un altro luogo ancora (e che la morte della madre lo aveva lasciato nello sconforto, mentre Abramo si limita a fare il lamento di rito e a trattare per l’acquisto del sepolcro, inizio del possesso della terra promessa).

Lungo è il racconto del matrimonio di Isacco con Rebecca, fatto per “procura”, su iniziativa di Abramo che chiede al suo servo di procurargli una moglie andando a prenderla dai propri familiari. Rebecca appare subito come la vera protagonista, mentre Isacco compare, per pochi versetti, solo alla fine del racconto. Perché gli si cerca moglie solo dopo la morte di Sara e quando Isacco ha almeno 37 anni? Perché trovare una moglie per Isacco sembra al servo un’impresa così difficile? “Perché la futura moglie doveva dimostrare di essere una donna così forte, paziente, generosa?” (p.121)

“La scena tipo al pozzo” (luogo dell’incontro amoroso) “rivela da una parte l’inconsistenza di Isacco” (assente e passivo) “e dall’altra la figura di Rebecca quale perno su cui la futura coppia dovrà fare affidamento” (p.122).

Isacco appare ignaro di tutto. “Uscito per svagarsi”, vede arrivare i cammelli, ma non si accorge di Rebecca. Tuttavia quando la vede la accoglie nella tenda della madre dove si sposano e trova finalmente consolazione al lutto (“Si prese in moglie Rebecca e l’amò”: “Isacco non sembra capace di nulla se non d’amare”).

Abramo muore avendo lasciato tutta la sua eredità a Isacco e così fidandosi finalmente delle promesse di Dio. Decide l’allontanamento degli altri suoi figli da Isacco: “Sembrerebbe che la benedizione divina sia arrivata dopo il riconoscimento di Isacco da parte di Abramo, come se Dio non avesse voluto procedere nella storia senza l’avvallo e la compagnia dell’amico, a cui si era promesso incondizionatamente per sempre” (p.133).

Ismaele sembra il figlio perfetto e ha già 12 figli (“principi delle rispettive tribù”), mentre Isacco ha una moglie sterile e deve supplicare il Signore perché gli dia una discendenza: gli nascono due figli gemelli, Esaù e Giacobbe, che sembrano due uomini qualunque.

Solo nel cap.26 Isacco appare come protagonista, altrimenti posto come semplice anello di congiunzione tra il suo grande padre e il suo celebre figlio. In questo capitolo Isacco sembra ripercorrere le orme del padre, ma in una versione passiva, in cui non ha alcun compito specifico da compiere. E’ inoltre vittima del raggiro (“circonvenzione”) da parte di Rebecca e Giacobbe per ottenere la benedizione che spetterebbe a Esaù, primogenito. Isacco appare come fedele e ignaro esecutore passivo dei piani di sua moglie.

Inconsistente su un piano di potere umano, Isacco è tuttavia un personaggio capace di relazionarsi con gli altri e di tirare fuori il meglio da loro. Tale inconsistenza stride con il fatto che “In lui come in nessun altro Dio ja messo in gioco la sua stessa autorità e credibilità: è stato promesso, prima ancora di essere desiderato; riconfermato, nonostante le risate scettiche del padre e della madre; e ancora riconfermato, nonostante Abramo si fosse già compiaciuto di Ismaele. Dio si è pienamente coinvolto in questa nascita, scegliendo il suo nome e decidendo la sua circoncisione; nondimeno resta una figura dalla personalità molto, molto esile” (p.151).

Non potrebbe essere che Isacco avesse una qualche forma di disabilità mentale? Magari fosse nato down? Possibile che tutti abbiano un posto nella Bibbia tranne che i diversamente abili dell’umanità? Tanti disabili fisici sono presenti nella Scrittura, ma sono assenti i disabili mentali (nonostante siano nel mondo almeno il 3% della popolazione complessiva).

Isacco è nato da genitori molto anziani, fratelli da parte di padre. Il suo nome, “colui che ride”, la mancanza di parole e di sentimenti di Abramo alla sua nascita, le parole di Sara (“Dio ha riso di me”) e il “ridere” di Ismaele che provoca la rabbia feroce di Sara così come la sua preoccupazione per la successione ereditaria, sembrano segnali forti a favore di questa ipotesi.

GEN.22: UN’ALTRA STORIA

“Nell’arco narrativo che si distende da Gen.11 a Gen.28, l’obbedienza di Abramo è sempre apparsa per lo meno incerta e fragile, tanto che ciò che sembra emergere non è la fede del patriarca quanto la fedeltà di Dio alle proprie promesse” (p.167-168).

Il racconto è una dichiarazione esplicita del rifiuto di Dio dei sacrifici umani? Ma perché allora a richiederlo è Dio stesso?

Vuole mostrare “l’infinita alterità di Dio rispetto all’essere umano e l’impossibilità dell’uomo di comprendere i progetti di Dio”? (p.181) Ma ancora una volta: perché richiedere il sacrificio?

Si è voluto raccontare simbolicamente il taglio del cordone ombelicale tra padre e figlio? La realizzazione dell’indipendenza e dell’identità autonoma del figlio? Allora perché questo legame risulta assente nel loro rapporto?

Abramo ha frainteso il comando? Si è trattato solo di uno spaventoso equivoco?

Esegesi

-        Dopo queste cose”: quali? Non potrebbe riferirsi al fatto di aver avuto un figlio disabile e alla fatica di accoglierlo?

-        Dio mise alla prova Abramo”: si tratta di una “finta”? Di un esperimento divino teso a verificare l’obbedienza di Abramo, messo davanti alla scelta tra la vita del figlio Isacco e la sottomissione a Dio? Il testo originale fa anche pensare a un possibile riferimento a ciò che è avvenuto prima, più che a ciò che avverrà (“Dio aveva messo alla prova”): “Il drammatico conflitto interiore che Abrama sta vivendo davanti alla disabilità del figlio promesso, richiamato dall’inizio del racconto, potrebbe essere la prova, la situazione difficile che si ritrova a vivere” (p.189).

-        E gli disse: Abramo. Rispose: Eccomi!”: è la prima volta che Dio chiama Abramo per nome, quasi a ricordargli il compito affidato nel nome stesso che significa “padre grande”, a ricordargli che è padre.

-        Riprese: Prendi”. Quel “prendi” può avere il significato di “ricevi/accogli”.

-        tuo figlio, il tuo unigenito che ami, Isacco”: Dio sembra voler focalizzare lo sguardo di Abramo su suo figlio, ricordargli che è suo figlio e che va amato. “Isacco non è né l’unigenito, né l’unico figlio di Abramo; e nei testi della Genesi non si parla mai di amore tra i due” (p.194).

-        Va’ nel territorio di Moria”: “dopo la richiesta di abbandonare il passato, quella di sacrificare il futuro (…) (per abbandonare) una condizione di morte e iniziare un percorso di vita e di benedizione” (p.195).

-        e offrilo in olocausto su un monte che io ti indicherò”. Offrire può essere tradotto con salire (in pellegrinaggio) per fare un olocausto. “In questo senso, dopo aver chiesto ad Abramo di accettare Isacco come figlio e di amarlo, Dio lo inviterebbe a introdurlo nel rapporto con Lui” (p.197).

Troviamo nella Bibbia condanne esplicite dei sacrifici umani (“cosa che io non avevo mai comandato né pensato” Ger 7,31) così come del fatto che Dio non tenta nessuno (Giac. 1,13).

Anche “Non mi hai rifiutato tuo figlio” può essere lecitamente tradotto con “Non hai rifiutato il tuo figlio (quello avuto) da me”.

Sul monte “il Signore vede”, ma anche Abramo vede un ariete; come Agar, vista dal Signore, vede un pozzo d’acqua. Quando il Signore vede, il destino di morte si trasforma in una possibilità di vita” (p.205).

Abramo tornò dai suoi servi (…) e abitò a Bersabea”: è la conclusione del racconto. Senza enfasi, senza gioia, in solitudine. “Non sembra il vincitore di un terribile duello con Dio, né colui che ha riportato a casa vivo un figlio destinato alla morte” (p.207).

Dio chiede ad Abramo di accettare Isacco come figlio, “di amarlo e di credere in lui. Ma Abramo, solo alla fine della sua vita, scegliendo proprio Isacco come suo erede, accoglierà questo figlio” (p.213).

Etichette

Abbè Pierre1 abitudine1 aborto17 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti44 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante4 Ammaniti1 Amore71 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima2 animazione5 Anniversari27 Anno liturgico1 anziani5 apologetica3 app3 apparizioni3 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli19 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo3 Atenagora1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento18 azioni1 baby gang1 baciamano1 Baggio1 bambini17 Bannon1 Baricco1 Bassetti4 Battesimo3 Battesimo di Gesù3 Bauman3 beatitudini9 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI20 benedizione2 Benigni8 Bianchi50 Bibbia39 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia2 blog22 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Brown1 Brunelli1 bullismo2 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa8 Canti religiosi29 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 cartine1 Castellucci1 castità6 catacombe1 Catechesi78 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo1 CEI4 Celentano1 celibato6 Ceneri3 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib7 Chiara Corbella3 Chiara Lubich10 Chiara Luce Badano1 chierichetti1 Chiesa16 Chiesa e società25 Chittister1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema74 Cirinnà1 citazioni74 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus34 Corpus Domini4 Corviale1 Corvo1 Cosentino4 covid193 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi5 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re1 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura10 cuore1 curia2 Curtaz2 D'Avenia15 Dalla1 David Buggi3 De Donatis9 de Foucauld4 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia1 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze3 devozioni1 dialogo2 dibattiti33 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso26 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Leonardi13 don Luigi Verdi1 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo5 edicola1 editoria1 educare16 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco9 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa2 eutanasia16 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia36 Fano1 Farina1 Fatima5 Fazi2 Fazio1 fede14 felicità10 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini3 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco195 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia5 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender10 genitori6 Gerusalemme1 Gesù22 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani61 Giovanni Battista1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG7 gnosticismo1 Gramellini2 grest9 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween4 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata5 immagini50 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità1 internet9 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura4 letto12 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri130 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia41 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio3 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia4 Maggi20 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Mancuso4 Manicardi2 Mannoia1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco Gallo1 Maria40 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri3 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio24 Matteo A.6 Mazzolari7 media2 meditazioni1 Medjugorje9 Melloni1 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa14 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli3 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Monda5 Monica Mondo1 morale6 Muller2 Musica31 Nadia Toffa1 Natale43 Natuzza1 Negri1 Nembrini4 Neocatecumenali1 Newman2 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena3 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelie148 omosessualità28 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace3 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme3 Palumbo2 pandemia3 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita30 parrocchia3 Pasqua27 passione6 pastorale26 paternità3 Pati Trigo1 patria1 Patriciello10 paura1 peccato originale2 pedofilia16 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi41 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche75 Poli1 politica52 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera26 preghiere89 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie1 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni37 Quaresima38 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani2 Ravasi17 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione8 religioni4 report1 Riace1 Riccardi6 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma16 Romero2 Ronaldo1 rosario7 Rosini24 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini1 sacerdoti26 sacramenti4 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini15 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco8 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe5 San Leone Magno1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo6 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi21 santità10 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Satana3 Saviano2 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede8 Scifoni6 scisma1 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri1 serie TV17 Serra2 sessualità63 Sesta3 sette1 Settimana santa3 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo11 Siti cattolici25 smartphone2 Snoopy1 Socci3 social2 società41 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità67 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Staglianò4 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche8 storia7 storicità2 streaming5 strumenti1 studente1 suicidio2 suor Faustina1 suore1 sussidi33 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni6 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze15 Theobald1 Tolentino2 Tolkien1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale12 Trinità7 Trisulti1 Trump1 Turoldo2 TV21 Twenge1 twitter1 UCCR1 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze1 Valli4 Vallini1 Vanier1 Vanni1 Vaticano5 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis9 Video111 Viganò3 vignette10 virtù1 visto8 vita6 vita eterna4 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi4
Mostra di più

Post popolari in questo blog

Schede, video e altro materiale per presentare la Bibbia ai bambini del catechismo

Catechismo: il nuovo anno liturgico (immagini e materiale utile)

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

I racconti di Bruno Ferrero (e non solo)

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)