La dimensione carismatica della Chiesa: Maria Voce su: «Profilo petrino e profilo mariano: insieme per una nuova Pentecoste».


Da L'Osservatore Romano del 16 luglio
È stato dedicato al rapporto fra la dimensione gerarchica e carismatica nella Chiesa l’incontro annuale dei segretari generali delle Conferenze episcopali d’Europa, svoltosi nei giorni scorsi a Birmingham, in Inghilterra, più precisamente al St. Mary’s College Oscott, dove John Henry Newman ricevette la cresima dopo la conversione al cattolicesimo e pronunciò uno dei suoi più celebri sermoni. Don Martin Michalíček, segretario generale del Consiglio delle conferenze episcopali d’Europa (Ccee), ha introdotto il tema della riunione che prende spunto dal documento della Congregazione per la dottrina della fede Iuvenescit Ecclesia, del 2016. Una delle relazioni («Carisma e istituzione: questioni e orizzonti») è stata tenuta dall’arcivescovo emerito di Southwark, Kevin John Patrick McDonald, già segretario del Pontificio consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani, approfondendo quanto Papa Francesco ha detto sul rinnovamento carismatico cattolico. A parlare della dimensione carismatica della Chiesa è stata invitata la presidente del Movimento dei Focolari. Pubblichiamo ampi stralci del suo intervento intitolato «Profilo petrino e profilo mariano: insieme per una nuova Pentecoste».
Dopo settant’anni di pace e di collaborazione, vediamo oggi minacciata l’unità politica dell’Europa e avanzano i particolarismi e populismi. Viviamo in un continente che, come una fortezza, cerca di proteggersi dai migranti. Crescono nelle nostre società l’individualismo, la solitudine e le conflittualità. Sperimentiamo inedite sfide etiche e la difficoltà di trasmettere la fede da una generazione all’altra. Siamo poveri di vocazioni. Intere Chiese locali sono scosse dalla crisi degli abusi. Questi e altri fenomeni hanno indotto Papa Francesco ad affermare nel suo discorso al Parlamento europeo: «Da più parti si ricava un’impressione generale di stanchezza e di invecchiamento, di un’Europa nonna e non più fertile e vivace». Eppure, quello che può sembrare il declino del cristianesimo nelle nostre terre, può trasformarsi in un nuovo avvento. Quello che è irrimediabilmente in crisi non è, infatti, la Chiesa come tale, ma piuttosto una sua determinata configurazione storica. Non serve guardare con nostalgia il tempo della christianitas. Piuttosto occorre aprirci a nuovi orizzonti, come costantemente ci ricorda Papa Francesco. Attingendo al magma incandescente delle origini, siamo chiamati a una rinnovata inculturazione del Vangelo, che faccia tesoro dell’esperienza del passato ma lo sappia riesprimere, con profezia, in questo nostro tempo.
È l’esperienza che ho potuto fare in prima persona quando, all’inizio degli anni ’60, come giovane studente di giurisprudenza all’università «La Sapienza» di Roma, partecipando alla messa nella cappella universitaria, ho incontrato un gruppo di giovani il cui rapporto mi ha attirato per un qualcosa che non mi sapevo spiegare. Ero cresciuta in una famiglia cristiana e mi impegnavo in parrocchia. Ma tra quei giovani c’era una presenza impalpabile che non conoscevo ancora. Dopo la mia insistenza perché mi dicessero cosa facevano e chi erano, ho avuto modo di sapere come era nato il Movimento dei Focolari e di imparare a mettere in pratica, come loro cercavano di fare, le parole del Vangelo, soprattutto l’amore a tutti, l’amore scambievole; quell’amore che attira Gesù tra coloro che sono pronti a dare la vita reciprocamente. Quanto è avvenuto per me, può avvenire e sta avvenendo per tanti. Se oggi in molte persone sembra essere svanita la capacità di scoprire il Dio trascendente, se non riescono a intuirlo dietro le meraviglie della creazione e se fanno fatica a cogliere il significato della vita sacramentale, esse sono però sensibili alla presenza di Dio in mezzo a noi e, quando lo incontrano in noi e attraverso di noi, riscoprono la verità del Vangelo, il dono della grazia, la vita della Chiesa e anche i sacramenti. Penso che questo sia veramente il tempo dei testimoni e delle comunità vive, il tempo — per dirlo nelle parole di Papa Francesco — della santità della porta accanto (Gaudete et exsultate, 6-9).
Parlando di dimensione carismatica della Chiesa non possiamo limitarci agli odierni movimenti e comunità. Come, infatti, non ricordare il ruolo fondamentale che, durante due millenni di storia, i più svariati carismi hanno svolto per l’Europa? Nel nostro tempo, del resto, assistiamo a nuovi fermenti nel mondo di questi carismi storici. Nati spesso come movimenti, ma poi concretizzatisi in ordini religiosi e congregazioni, oggi non pochi si stanno riconfigurando come famiglie carismatiche che coinvolgono le varie vocazioni del popolo di Dio. Sempre più, poi, si rendono conto di non poter esistere ciascuno in modo a sé stante, ma che è fondamentale la comunione tra i carismi. Ne abbiamo avuto un esempio vivo, quasi come un’icona, nel grande incontro «Svegliate il mondo» che ha portato a Roma nel settembre 2015 migliaia di giovani consacrate e consacrati. Ma, con tutto ciò, è stato già compreso il ruolo costitutivo dei carismi e hanno essi trovato, nei manuali di ecclesiologia, il posto che loro spetta? Oppure sono rimasti nella riflessione dottrinale realtà piuttosto marginali? Comprendiamo allora l’importanza non solo della Iuvenescit Ecclesia ma anche di un documento come Mutuae relationes sui rapporti fra i vescovi e i religiosi nella Chiesa-comunione. Ma il nostro sguardo si deve spingere ancora oltre. Pensando alla dimensione carismatica della Chiesa, non va dimenticato quel fiorire dei doni più vari nel popolo di Dio di cui parla il concilio (cfr. Lumen gentium, 12), così come va ricordato pure quel sensus fidei che il Vaticano II ha riconosciuto a tutti i battezzati (cfr. Lumen gentium, 10), tanto caro a Papa Francesco che ama parlare del «santo popolo fedele di Dio che è unto con la grazia dello Spirito santo». Ne dovrà seguire sempre più una visione della pastorale che considera tutti i battezzati — uomini e donne, giovani e famiglie — non tanto come oggetto dell’azione ecclesiale, ma come soggetti corresponsabili, e che va alla ricerca dei doni di ogni persona e comunità.
Tutto ciò rappresenta per l’Europa e per la Chiesa in Europa un’enorme risorsa che in gran parte attende ancora di essere scoperta e valorizzata. Come dopo il concilio di Trento è venuto dai carismi un apporto decisivo per la riforma della Chiesa e per una nuova spinta missionaria e incidenza nella società, così c’è da attendersi un contributo determinante dai carismi anche in quest’epoca che ci chiama ad attuare sempre più pienamente il concilio Vaticano II. Se allora hanno svolto un ruolo provvidenziale sia figure individuali, come un san Carlo Borromeo, che ordini religiosi come i gesuiti, anche in questo nostro tempo si stagliano carismi la cui portata, a mio avviso, va ben al di là delle comunità o dei movimenti che ne sono nati. Per ripartire, ad esempio, dalle periferie esistenziali e dall’opzione così urgente per i poveri in tutti i sensi, non abbiamo forse tutti da imparare qualcosa dalle suore della Carità di madre Teresa di Calcutta, ma anche da un movimento come «Nuovi orizzonti», fondato da Chiara Amirante, che si dedica a chi, per la droga o altro, vive agli “inferi”; o ancora dalla Comunità Papa Giovanni XXIII di don Oreste Benzi? E il Rinnovamento carismatico non richiama in qualche modo tutto il popolo di Dio a porre tutta la sua fiducia in Dio e nei doni dello Spirito? Così come il movimento di Comunione e liberazione ci ricorda che il cristianesimo non è un insieme di norme etiche, ma ha il suo fulcro nell’incontro personale e comunitario con Cristo. Colta in questa prospettiva, l’esperienza del Cammino neocatecumenale non potrebbe attestare a tutti noi l’importanza dell’annuncio del kerygma e i frutti di una profonda iniziazione alla fede? E il carisma del Movimento dei Focolari offrirci un esempio di quella «spiritualità di comunione» che Giovanni Paolo II ha postulato per il terzo millennio, e aiutarci a progredire in quella «mistica di vivere insieme» che Papa Francesco ha sollecitato in più occasioni? Similmente, credo, un’esperienza come quella del Movimento di Schoenstatt potrebbe darci elementi importanti per una formazione integrale nonché esempi di un’evangelizzazione popolare. Mentre la Comunità di Sant’Egidio può dirci molto sull’impegno per i poveri, per la pace e per il dialogo. E potremmo continuare a parlare di altri carismi del nostro tempo.
Penso che concretizzare la co-essenzialità di dimensione gerarchica e carismatica della Chiesa debba essere in cima alle nostre agende. Ha scritto Chiara Lubich nel 1984: «Con un paragone molto approssimativo possiamo dire che concepire la Chiesa senza il carisma degli apostoli sarebbe come concepire un albero quasi esclusivamente con sole foglie, fiori e frutti, senza tronco e rami. Concepire la Chiesa con i soli apostoli sarebbe come pensare un albero quasi esclusivamente con tronco e rami». I movimenti e in genere le comunità che nascono da un carisma hanno bisogno di vivere ben innestati nell’insieme della compagine ecclesiale di cui fanno parte e di coltivare un fecondo interscambio con tutte le altre realtà. Ma anche la Chiesa locale, le diocesi e le parrocchie hanno bisogno di aprirsi alla ricchezza e varietà dei carismi che portano nel loro seno. Gli ostacoli possono essere molteplici ma vale la pena non lasciarsene fermare.
Un secondo spunto: per diventare concreta, la co-essenzialità deve tradursi in un’effettiva prassi sinodale. Ciò è presto detto, ma in realtà non è affatto semplice. Perché si tratta di passare sempre più da una visione che concepisce la Chiesa inconsciamente ancora a mo’ di “piramide” a una visione sul modello del Cenacolo dove, nel pieno rispetto della specifica grazia dell’autorità, vigono la reciprocità e la circolarità dei doni; e quindi occorre abbandonare una logica mono-polare, in cui è tutto sotto controllo, a favore di una concezione multi-polare, che ammette la libera interazione sotto la guida dello Spirito e ha quindi sempre dell’imprevedibile. Ma della co-essenzialità fa necessariamente parte anche l’uscire e il proiettarsi fuori. L’Europa, la Chiesa, i movimenti, tutti dobbiamo rinunciare alla tentazione dell’autoconservazione. L’ecclesialità dei carismi non dovrebbe significare relegarli all’interno della Chiesa ma piuttosto spingerli verso l’esterno, ciascuno secondo la propria specificità. Non si tratta di fare tutti insieme la stessa cosa, stando fermi “a casa”, ma di metterci in cammino nelle direzioni più diverse, animati dalla comune ansia di arrivare fino ai confini della terra. Un secondo aspetto che sta tanto a cuore a Papa Francesco. Nella misura in cui si scopriranno e si valorizzeranno i carismi nella loro genuina laicità e socialità, la Chiesa potrà vivere sempre più profondamente calata nelle diverse dimensioni della vita umana e civile, come anima mundi, come lievito evangelico nella quotidianità della vita e dei rapporti micro e macro. Se siamo chiamati a camminare insieme come dimensione istituzionale e dimensione carismatica della Chiesa, siamo anche chiamati a farci compagni di strada con tutti: con le altre Chiese, le altre religioni, tutte le persone di buona volontà e ancora oltre.
Ovunque si tratta di scoprire l’orma del Risorto. Sono non di rado proprio i carismi che ci aprono gli occhi per questa sua presenza e ci donano quel nuovo sguardo che il vescovo e teologo Klaus Hemmerle ha descritto in queste parole: «Auguro a noi occhi di Pasqua, che riescano a vedere nella morte fino alla vita, nella colpa fino al perdono, nella divisione fino all’unità, nelle piaghe fino alla gloria, nell’uomo fino a Dio, in Dio fino all’uomo, nell’io fino al tu».
Profilo petrino e profilo mariano della Chiesa: ambedue svolgono un ruolo decisivo per la comunione. Ponendo l’accento sulla santità personale e comunitaria e sulla dimensione carismatica, il profilo mariano favorisce una riforma della Chiesa non solo strutturale ma spirituale, vitale, esistenziale. «Maria — scrive Francesco nell’Evangelii gaudium — è colei che sa trasformare una grotta per animali nella casa di Gesù, con alcune povere fasce e una montagna di tenerezza» (n. 286). Promuovendo la reciproca accoglienza alla luce del comandamento nuovo di Gesù, il profilo mariano aiuta la Chiesa a presentarsi al mondo non tanto come un’istituzione ma come famiglia di fratelli e sorelle e ciò può diventare anche una risposta allo scandalo degli abusi. Portandoci a rivivere in noi la maternità di Maria, ci insegna come dar vita a una pastorale autenticamente generativa.
Sono convinta che oggi ci troviamo in un grande cantiere in cui lo Spirito santo sta riplasmando il volto della Chiesa in Europa e nel mondo. Si tratta di una vera gestazione di qualcosa di nuovo. Come duemila anni fa, in questo cantiere sia Pietro che Maria hanno il loro indispensabile ruolo. Quando essi sono al loro posto e fanno, ciascuno a suo modo, da perno attorno al quale si edifica il grande Cenacolo della Chiesa, mi sembra che possiamo sperare davvero in una nuova Pentecoste. Sarà allora una realtà visibile quanto ha preconizzato Chiara Lubich nel 2004 proprio qui in Inghilterra: «La Chiesa apparirà agli occhi di tutti più bella, più santa, più dinamica, più familiare. Sarà una Chiesa amante, accogliente, meglio orientata alle sue nuove frontiere: quelle dell’ecumenismo, del dialogo interreligioso e con chi non crede; con continue novità, con nuove vocazioni; una Chiesa carismatica, una Chiesa mariana, più missionaria, più evangelizzatrice».
di Maria Voce

Etichette

7 segni1 Abbè Pierre1 abitudine1 aborto20 Abramo1 Accattoli2 accidia1 accoglienza8 adolescenti48 adozioni gay1 adulazione1 Aforismi17 agire1 aiutare1 Al centro l'amore35 Albini1 alfabeto1 Alfie2 allegria1 altruismo1 Amazzonia3 amicizia11 Amirante5 Ammaniti1 Amore74 Amoris laetitia6 Andreoli2 angelo custode3 anima3 animazione6 Anniversari29 Anno liturgico1 anziani6 apologetica3 app3 apparizioni4 Arcabas1 arcangeli2 archeologia1 Argentina1 arte22 Articoli20 Ascensione4 Assisi1 Assunta2 ateismo4 Atenagora1 Attanasio1 attesa1 audio2 Augias1 autorità1 avarizia1 Avvento23 azioni1 baby gang2 baciamano1 Baggio1 bambini19 Bannon1 Banzato1 Baricco1 Bassetti5 Battesimo4 Battesimo di Gesù3 Battiato1 Bauman3 beatitudini10 Becciu2 Beltrame1 Benedetto XVI21 benedizione3 Benigni9 Bianchi55 Bibbia43 Bibbiano2 Biffi1 Bignardi1 Bignoli1 Blade Runner1 blasfemia3 blog23 Bloom1 Bocelli2 Bonhoeffer1 Bose1 Botta9 Bova1 Brown1 Brunelli1 bullismo3 buon ladrone1 Busca1 Buttiglione1 caccia1 Cacciari2 Caffarra1 Calcio sociale1 Camilleri3 Camisasca1 cammini1 campi estivi5 Cana1 Candelora1 Cannes1 Canopi3 Cantalamessa9 Canti religiosi31 Cardenal1 carismi1 Caritas2 Carlo Acutis14 Carrere1 Carròn1 cartine1 Castellucci1 castità7 catacombe1 Catechesi88 Caterina1 cattonerd7 Caviezel1 Cazzullo2 CEI6 Celentano1 celibato7 Ceneri5 censura1 Cevoli1 Chapman1 Che Guevara1 Cheaib9 Chiara Corbella3 Chiara Lubich12 Chiara Luce Badano2 chierichetti1 Chiesa24 Chiesa e società28 Chittister1 chosen1 Christus vivit1 Ciardi2 Cinema81 Cirinnà1 citazioni80 CL1 clausura1 Coccopalmerio1 Coco1 collaboratori1 Comastri3 comunicazione2 comunità1 Comunità Giovanni XXIII1 Concilio1 conferenze3 Confessione10 consacrati1 consacrazione1 conversione1 convivenza2 cooperazione1 coronavirus35 Corpus Domini5 Corviale1 Corvo1 Cosentino5 covid197 creazione1 Credo3 cremazione3 Crepaldi1 Cresima4 CRIC2 crisi10 cristianofobia6 Cristicchi3 Cristo Re2 croce3 Crocefisso3 crociate2 Cultura11 cuore1 curia3 Curtaz2 D'Avenia19 Dalla1 David Buggi3 ddlzan3 De Donatis9 de Foucauld5 De Whol1 Debora Vezzani1 Debrel1 decalogo7 defunti8 degrado1 Delpini10 demografia2 denaro1 denatalità2 depressione1 desideri1 devianze4 devozioni3 dialogo2 dibattiti43 dicembre 20181 digiuno2 Dio4 Diocesi1 diritti umani1 disagio2 discernimento5 dissenso28 divorziati5 dj Fabo2 Doglio1 Dom Gréa2 domande1 domenica3 don Benzi1 don Bosco2 Don Camillo1 don Ciotti1 don Gatta1 don Leonardi13 don Luigi Verdi3 don Marco Pozza3 don Milani5 don Peppe Diana1 don Probo1 don Zeno1 donne e Chiesa6 Dossetti1 Dostoevskij1 down1 Draghi1 Dreher3 droga4 dvd1 e-book1 ecclesiologia di comunione1 ecologia4 economia6 ecumenismo6 edicola1 editoria1 educare18 Einstein1 Eli1 Emmaus2 emozioni1 Epicoco14 Epifania6 Ermes Ronchi6 esame di coscienza2 escatologia4 esegesi1 esercizi2 esorcismo1 estate3 Etty Hillesum2 Eucarestia5 Europa3 eutanasia17 evangelizzare3 Fabrizio Moro1 facebook2 fake11 famiglia39 Fano1 Farina1 Fatima6 Fazi2 Fazio1 fede15 felicità12 Fellini1 femminicidio2 femminismo1 Ferrero2 Fini1 Fittipaldi1 Fo1 Focolarini5 Follereau1 Fontana1 Fontanelle1 formazione1 foto1 Francesco224 Fratelli tutti1 fraternità6 Frisina1 Fromm1 Fumagalli1 fumetti3 Galantino1 Galileo1 Galimberti1 Galli della Loggia6 Gandhi2 Garelli2 Gargiulo1 Gasparino2 Gaudete2 Gen Rosso1 gender13 genitori6 Gerusalemme1 Gesù25 Gesù Re1 Giaccardi1 Gianluca Firetti3 Gibran1 Gibson2 Giotto1 giovani69 Giovanni Battista2 Giovanni Paolo I1 Giovanni Paolo II10 Giovanni XXIII3 Gironda1 giubileo1 Giuda2 giudizio1 GMG10 gnosticismo1 Gramellini2 gregoriano1 grest11 Greta1 Grillo1 Grossman1 Grun1 Guareschi1 guerra Ucraina4 Gutierrez1 Guzzo1 Hadjadi3 Halloween5 Hargot3 Harry Potter1 Hexameron1 hikikomori2 Hill1 Hong kong1 Humanae vitae1 icone1 Il Regno1 Immacolata6 immagini53 immigrazione21 individualismo2 infedeltà1 inferno3 ingiustizia3 inquisizione1 interiorità2 internet10 Introvigne1 Isacco1 Islam1 Jean Venier1 Kasper1 Kilgour1 Kirill2 Koder2 Koll2 Konrad1 Kuby1 Ladaria1 laicismo4 Lambert1 Lambiasi1 lamentele1 Lasconi1 Laterano1 Law1 Le pen1 Leopardi1 letteratura5 letto15 Lewis2 liberazione2 libertà4 Libri150 Ligabue1 Lind1 Link2 liturgia49 Livatino1 Lonardo16 Loppiano1 Loreto1 Lorizio6 Lumini1 Lutero1 Luxuria1 M.L.King1 Madonna5 Madre Teresa7 mafia5 Maggi20 MaggiLidia1 Magi1 Magister2 Magnificat1 Magris2 Mainetti1 malattia7 malattie spirituali3 male1 male innocente4 Manara1 Mancuso6 Manicardi2 Mannoia1 Manns1 Manzoni1 Maraini1 Marazziti1 Marco1 Marco Gallo1 Maria46 Mariani1 MariaVoce1 Marta e Maria1 Martin1 Martinelli1 Martini7 martiri5 Marzano3 mass media6 Mastracola1 maternità3 maternità surrogata2 Matino1 matrimonio27 Matteo A.8 Mazzolari7 media2 meditazioni2 Medjugorje10 Melloni1 Meloni2 Mencarelli1 Mentana1 Mercier1 Merini1 Messa15 Messale1 Messiah1 Messori3 miracoli4 Miriano13 Mirilli1 misericordia7 Missione7 MMSOTT20191 Molari1 Monda6 Monica Mondo1 morale6 morte1 movimenti1 Muller2 Murgia1 Musica38 Nadia Toffa1 Natale50 Natuzza2 Negri1 Nembrini5 Neocatecumenali1 Newman2 no vax1 Noa1 non ti arrendere1 Normadelfia1 Notre Dame1 Novena4 Nuzzi3 Oceania1 Odifreddi1 odio2 Olmi2 olocausto1 omelia1 omelie162 omosessualità31 opzione Benedetto3 oratorio6 Ordine di Malta1 Oriente1 oroscopo1 Oscar5 Oxfam1 p.Livio Falzaga3 pace8 Padre Livio2 padre Michal1 Padre nostro5 Padre Pino Puglisi1 Padre Pio1 Pagano1 Pagazzi1 Paglia3 Palme4 Palumbo2 pandemia8 Pannella1 Paolo VI2 papà2 paradiso1 Parigi1 Parola di vita38 parrocchia6 Pasqua31 passione6 pastorale31 paternità6 Pati Trigo1 patria1 Patriciello15 paura1 peccato originale2 pedofilia17 pelagianesimo1 Pelati1 Pell1 Pellai1 pellegrinaggi3 Pelligra1 pena di morte2 Pentecoste5 perdono4 Personaggi44 pettegolezzo1 Piccolo1 Pietro e Paolo1 Pinocchio1 Pio XII1 podcast2 poesia3 polemiche86 Poli1 politica56 Polonia1 Poretti7 pornografia2 povertà3 prediche1 preghiera27 preghiere98 pregiudizi1 presepe7 Pro Vita4 profeti1 profezie2 Proietti1 Pronzato1 psicologia8 pubblicazioni51 Quaresima46 racconti5 radio2 Raggi1 Ravagnani5 Ravasi19 razzismo2 reali1 Recalcati8 relativismo2 religione9 religioni4 Repole1 report2 Riace1 Riccardi7 ricchezza10 Ricci1 Rivi1 RnS1 Rom2 Roma19 Romero2 Ronaldo1 rosario9 Rosini27 Ruini1 Rumiz1 Rupnik7 Sabattini2 sacerdoti31 sacramenti5 Sacro Cuore1 Saint-Exupery1 Salmi1 salvezza1 Salvini16 samaritana1 San Filippo Neri1 San Francesco9 San Francesco di Sales1 San Giovanni Crisostomo1 San Giovanni Evangelista1 San Giuseppe11 San Leone Magno1 San Martino1 San Paolo2 san Tommaso dìAquino1 Sanremo10 Sant'Agostino9 Sant'Egidio1 Santa Bernardette1 Santi31 santità15 Santo Sepolcro1 Santoro1 santuari3 Sarah2 sardine1 Sassoli1 Satana3 Savagnone1 Saviano3 sballo1 Scalfari4 scandali7 Scaraffia4 Schmitt2 scienza e fede9 Scifoni6 scisma2 Scola1 Scorsese3 scuola5 Scurati2 secolarizzazione2 Secondin1 segreti1 Semeraro1 sentenze1 Sequeri2 serie TV28 Serra2 sessualità64 Sesta3 sette1 Settimana santa4 sexting1 Silence2 Silone1 Silvia Romano3 simonia1 Sindone2 single1 Sinodo13 Siti cattolici28 smartphone2 Snoopy1 Socci4 social3 società44 sociologia3 sondaggi1 Sorrentino1 Sosa1 Soul1 Spadaro5 speranza5 Spidlik1 spiritismo1 Spirito Santo17 Spiritualità78 Spoleto2 sport2 Springsteen1 Squid game1 Staglianò5 Staino2 Star wars1 Stark1 statistiche9 storia7 storicità2 streaming8 strumenti1 studente1 suicidio3 suor Faustina1 suore3 sussidi42 Tagle1 Tamaro3 Taylor1 teatro1 tentazioni7 teologia12 terremoto3 terrorismo3 Testimoni di Geova1 testimonianze18 The chosen1 Theobald1 Tolentino4 Tolkien1 Tolomeo1 Tonino Bello16 Tornatore1 Tornielli1 Tosatti2 Totti1 tradizione1 transessuali4 trasfigurazione4 trash1 trekking1 Triduo pasquale15 Trinità9 Trisulti1 Trump1 Turoldo3 TV29 Twenge1 twitter1 UCCR2 udienze1 unioni civili1 utero in affitto3 vacanze2 Valli5 Vallini1 Vangeli1 Vanier1 Vanni1 Vaticano6 veggenti3 Veltroni2 verità2 Veronesi1 Via Crucis10 Vialli1 Video117 Viganò3 vignette10 virtù1 visto10 vita7 vita eterna5 vita religiosa9 vizi1 vocazioni8 volontariato2 voti1 Zanardi2 Zichichi1 Zingaretti1 Zuppi7
Mostra di più

Archivia

Mostra di più

Post popolari in questo blog

AVVENTO 2022: sussidi. proposte e materiale per il catechismo

Catechismo: il nuovo anno liturgico (immagini e materiale utile)

Canti religiosi di Avvento e Natale

Per parlare a catechismo della CREAZIONE: immagini, video e altro materiale utile

Preghiere per i sacerdoti (di don Tonino Bello e di un anonimo)